HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo

Notizie di Cronaca
Dicembre 2008

 

NuovaCosenza.com augura ai suoi lettori

uno strepitoso 2009

Omicidio ad Isola, s’indaga sulla vita privata

31 dic 08 Sono indirizzate verso la vita privata della vittima le indagini per fare luce sull'omicidio di Antonio Laporta, di 54 anni, ucciso ieri sera a Isola Capo Rizzuto, nel crotonese. I carabinieri che conducono le indagini, comunque, non escludono alcuna ipotesi. Laporta era titolare di due piccoli supermercati e della discoteca Kalhua, un locale aperto solo d'estate e molto frequentato. L'uomo era già noto alle forze dell'ordine per piccoli reati, come abuso edilizio e minacce, risalenti al passato. Allo stato non risulta invece avesse rapporti con ambienti della criminalità organizzata della zona. Tant'é che l'inchiesta è coordinata dalla Procura di Crotone dal momento che non sono stati ravvisati elementi per trasmettere gli atti alla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Laporta è stato ucciso nella serata di ieri subito dopo che aveva chiuso uno dei suoi esercizi commerciali. L'uomo si stava avviando verso la sua auto, una Bmw, quando qualcuno, forse un solo uomo, gli ha sparato contro numerosi colpi di pistola. Sul posto i carabinieri hanno trovato sette bossoli calibro 7.65. Da un primo esame esterno del cadavere, Laporta è stato raggiunto da almeno quattro proiettili, due alla schiena e due alla testa. Al delitto, secondo quanto si è appreso, non avrebbero assistito testimoni.

Incendio doloso distrugge deposito vestiti a Reggio

31 dic 08 Persone non identificate hanno dato alle fiamme a Reggio Calabria ad un deposito di abbigliamento. L'incendio, di matrice dolosa, ha distrutto l'esercizio provocando ingenti danni. Il deposito è di proprietà di F.C.di 31 anni. I poliziotti della Questura di Reggio Calabria hanno trovato a Villa San Giovannni quattro grossi petardi artigianali completi di miccia. Gli ordigni sono stati messi in sicurezza dall'artificiere della Polizia di Stato.

Saccomanno: Serve un intervento deciso sul porto di Gioia

31 dic 08 Un intervento "indispensabile" e "deciso" del presidente della Regione Agazio Loiero sulla gestione del porto di Gioia Tauro, é stato chiesto dall'avvocato Giacomo Saccomanno, legale di due società, la Zen Marine e la Zen Yacht, che hanno sede a Gioia Tauro. Saccomanno, in una lettera aperta a Loiero, ricorda di avere inviato comunicazioni a varie istituzioni per "evidenziare e sollecitare la assunzione dei provvedimenti conseguenti alla richiesta amministrativa di scioglimento del Comitato Portuale di Gioia Tauro per evidente e pesante conflitto di interessi". Comunicazioni alle quali, afferma Saccomanno, la Regione ha risposto comunicando che sarebbe stato interessato il presidente dell'Autorità portuale di Gioia Tauro. "Dopo tale nota - afferma il legale - molte altre cose sono successe, ma nessun intervento, dovuto, vi è stato da parte della massima Autorità regionale. Il porto doveva rappresentare la zona di massimo sviluppo dell'intera regione e la panacea che avrebbe dovuto risolvere i gravissimi problemi occupazionali della Calabria. Dopo tanti anni di promesse, nulla è avvenuto. Anzi. Oggi si registra il fallimento delle politiche a favore dell'area portuale e l'abbandono di tale zona dagli interventi che avrebbero dovuto far sognare i calabresi". "Le ultime vicende, sulle quali è calato un omertoso silenzio da parte delle autorità interessate - prosegue Saccomanno - dimostrano, invece, che la crescita e lo sviluppo dell'area sono totalmente bloccati e che vi è una volontà espressa da parte dei terminalisti di impedire la polifunzionalità del porto. Un fatto gravissimo ed inquietante, che non solo contrasta con la programmazione annunciata dalla classe politica, ma che si scontra con un minimo di razionalità imprenditoriale. I terminalisti potrebbero, nello spazio di poche ore, lasciare il porto per altri più confortevoli approdi e, quindi, far crollare tutte le speranze di crescita dell'area. Ma, una tale scellerata politica si sottomette, certamente, al potere di 'ricatto' dei terminalisti, che oggi sono in condizione di dettare le regole per la gestione dell'area". "Certo è - afferma Saccomanno - che non può il Presidente della Regione ignorare tale situazione e non intervenire personalmente nella vicenda per riportare e ripristinare le regole del corretto governo del Porto. Né tale situazione può essere delegata al solo Presidente dell'Autorità Portuale, persona degnissima e preparatissima, ma prigioniero dello stesso Comitato portuale che è, di fatto, gestito dai terminalisti a difesa dei propri ed esclusivi interessi. La situazione non è più sostenibile e non può essere ignorata e, quindi, appare indispensabile un suo deciso intervento per porre fine ad una gestione disastrosa per il territorio e foriera solo per i bilanci dei terminalisti". "Un mancato e deciso intervento - conclude Saccomanno nella lettera a Loiero - vorrebbe dire, nella migliore delle ipotesi, incapacità della classe politica a difendere il proprio territorio ed i propri cittadini. Certo che la sua sensibilità ed attenzione farà valere il peso della vera politica calabrese, scevra da condizionamenti e collusioni, resto in attesa di un cenno concreto di riscontro"

carabinieriCapodanno di sangue in Calabria: agguato a Isola, ucciso il proprietario di un supermercato 30 dic 08 Il proprietario di un supermercato e' stato ucciso stasera in un agguato a Isola Capo Rizzuto, nel crotonese. L'agguato e' avvenuto poco prima delle 21. L'uomo, dopo aver chiuso l'esercizio, stava entrando nella propria autovettura quando, secondo le prime indiscrezioni, e' stato affrontato da una o due persone che ... (continua)

No a bavagliColpi di pistola contro l’auto di una giornalista nel reggino 30 dic 08 Cinque colpi di pistola sono stati sparati contro l'automobile di una giornalista di un quotidiano locale. La vettura era parcheggiata nei pressi dell'abitazione della giornalista Angela Corica, nel centro abitato di Cinquefrondi in provincia di Reggio Calabria... (continua)

SaladinoInchiesta Why Not: Loiero interrogato per 4 ore, Saladino chiede di essere sentito 30 dic 08 E' stato un interrogatorio circostanziato quello al quale si e' sottoposto oggi il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero. Il governatore ha risposto a tutte le domande postegli dai magistrati di Catanzaro titolari dell'inchiesta Why Not. Loiero, fra i 106 indagati dell'inchiesta "Why not", e' stato interrogato per otre quattro ore... (continua)

agguatoDuplice omicidio di Cutro: due fermi. Il PM “Nessun aiuto dalla gente” 30 dic 08 La Procura della Repubblica di Crotone ha emesso due provvedimenti di fermo, eseguiti dai carabinieri, nei confronti dei fratelli Domenico e Rocco Grande, di 41 e 28 anni, accusati del duplice omicidio di Carmine ed Antonio Arcuri, di 57 e 28 anni, padre e figlio, accaduto ieri mattina a Cutro. L'accusa nei confronti dei fratelli Grande ... (continua)

fuochi d'artificioArriva il 2009, commenti, riflessioni e festeggiamenti 30 dic 08 "Purtroppo, e sottolineo purtroppo, la corruzione attecchisce di più nei sistemi democratici perché sono garantisti". A dirlo è il presidente della Regione, Agazio Loiero, parlando del rapporto tra etica e politica in un momento in cui sembra essere riesplosa la questione morale ... (continua)

Morto uno dei due feriti nell’agguato di Bovalino

30 dic 08 E' morto nell'ospedale di Locri Giuseppe Gioffré, di 51 anni, ferito insieme al figlio Arcangelo, di 17 anni, in un agguato accaduto nella notte tra sabato e domenica scorsi a Bovalino (Reggio Calabria). Giuseppe Gioffré, le cui condizioni erano apparse subito molto gravi, originario di San Luca, risiedeva a Settimo Torinese (Torino), dove faceva l'imprenditore. L'uomo aveva precedenti per mafia, droga e riciclaggio, reati che avrebbe commesso in Piemonte. Gioffré ed il figlio si trovavano in questi giorni a Bovalino per trascorrere con i familiari le festività natalizie. Vero obiettivo dell'agguato sarebbe stato Giuseppe Gioffré. L'agguato, secondo quanto è emerso dalle indagini dei carabinieri, non è da collegare alla faida di San Luca che da tempo vede contrapposte le cosche Nirta-Strangio e Pelle-Vottari.

Strozzino denunciato da un commerciante nel reggino

30 dic 08 Ha tentato di estorcere somme di denaro a imprenditori e commercianti di Reggio Calabria nell'ambito di un'azione finalizzata alla riacquisizione del controllo del territorio da parte della cosca Barreca, ma è stato sottoposto a fermo dalla guardia di finanza. Giuseppe Filici, di 43 anni, condannato a quattro anni per associazione mafiosa, è considerato dagli investigatori un elemento di spicco della cosca. A mettere la Guardia di finanza sulle sue tracce è stata la denuncia del commerciante. Secondo quanto accertato dalla Finanza, che ha agito sotto il coordinamento della Dda reggina, Filici aveva messo in atto una complessa attività estorsiva per far riacquistare il controllo del territorio alla cosca, ultimamente in difficoltà, dopo il "pentimento" di Filippo Barreca. I finanzieri hanno effettuato una serie di servizi di pedinamento e appostamento e utilizzato, all'insaputa dell'ultima vittima, apparecchiature audio e video ripresa occultate all'interno ed all'esterno del locale. Le immagini, riprese con i micro apparati, hanno consentito di vedere Filici mentre si faceva consegnare una somma di 300 euro cui sarebbe dovuta seguire, secondo le intenzioni dell'estortore, registrate dagli investigatori, la corresponsione di altro denaro. Le indagini proseguono per accertare eventuali complicità e se effettivamente l'intento era quello di ricostituire l'egemonia della famiglia Barreca.

Il luogo dell'agguatoDuplice omicidio di Cutro scaturito da una lite, libero il fratello dell’omicida, grave in ospedale 29 dic 08 Non è stato adottato alcun provvedimento restrittivo nei confronti di Rocco Grande, di 28 anni, fratello di Domenico, accusato dell'omicidio di Carmine ed Antonio Arcuri, accaduto nella tarda mattinata di oggi a Cutro. Dalle indagini dei carabinieri non è emersa una corresponsabilità da parte di Rocco Grande ... (continua)

Crotone Paizza PitagoraSequestrata la ex Pertusola di Crotone, il PM “Disastro ambientale”. Le scorie nei piazzali delle scuole 29 dic 08 "Siamo in presenza di un disastro ambientale". Lo ha detto il procuratore della Repubblica di Crotone, Raffaele Mazzotta, incontrando i giornalisti in merito al sequestro dello stabilimento della Pertusola sud e di una discarica limitrofa. Il provvedimento di sequestro preventivo è stato emesso dal gip ... (continua)

GiustiziaGuerra Procure: La Cassazione chiede l’allontanamento del PG di Salerno, Apicella 29 dic 08 La Procura Generale preso la Corte di Cassazione ha chiesto al Csm di trasferire ad altra sede e al altre funzioni il procuratore della Repubblica di Salerno, Luigi Apicella, uno dei protagonisti dello scontro con la procura di Catanzaro legato alle inchieste ... (continua)

CosenzaQualità della vita, migliora la Calabria. Crotone e Cosenza sulle altre 29 dic 08 Non ci sono province calabresi nelle ultime dieci posizioni della classifica del 2008 sulla "Qualità della vita nelle province italiane" stilata dal Sole 24 ore. Tutte le cinque province calabresi hanno migliorato la loro classifica rispetto allo scorso anno ... (continua)

Intervenuti i CarabinieriAgguato in pieno centro a Cutro: due morti. Si costituisce l'assassino 29 dic 08 Due persone sono state uccise questa stamattina in un agguato avvenuto nel pieno centro di Cutro. Le vittime, padre e figlio, Carmine e Antonio Arcuri di 57 e 29 anni, che gestivano un distributore di carburante, si trovavano insieme lungo corso Umberto, la via principale del paese ... (continua)

Intervenuti i Carabinieri Pensionato ucciso a San Calogero, nel vibonese 29 dic 08 Il cadavere di un pensionato, Davide Caprino, di 78 anni, ucciso con un colpo di arma da fuoco, è stato trovato nella tarda serata di ieri in una zona di campagna a San Calogero, nel vibonese. L'uomo era ... (continua)

Bomba distrugge un negozio di ottica di Vibo

29 dic 08 Un negozio di ottica e' andato completamente distrutto stasera nel centro di Vibo Valentia a causa di un attentato dinamitardo di probabile matrice estorsiva. La bomba utilizzata, ad alto potenziale, solo per un caso non ha provocato feriti, visto che la zona dove è ubicato il negozio e' frequentata da molte persone. Sull'attentato hanno avviato indagini i carabinieri. Secondo le prime indagini, l'intimidazione sarebbe opera di estorsori.

Gravi le condizioni di padre e figlio feriti nell’agguato di Bovalino

29 dic 08 Sono sempre molto gravi, anche se stabili, le condizioni di Giuseppe Gioffré, di 51 anni, e del figlio Arcangelo, di 17, feriti la notte tra sabato e domenica a Bovalino, nella Locride. Giuseppe Gioffré, piccolo imprenditore, con precedenti per reati commessi in Piemonte per mafia, droga, riciclaggio e reati contro il patrimonio, e il figlio sono ricoverati nell'ospedale di Locri in prognosi riservata e hanno subito due interventi chirurgici ciascuno. Giuseppe ed Arcangelo Gioffré risiedono da anni a Settimo Torinese e si trovavano in questi giorni in Calabria per le festività natalizie. I carabinieri, che stanno tentando di accertare il movente del duplice tentato omicidio, mantengono uno stretto riserbo. Dalle indagini non sarebbero emersi, al momento, collegamenti tra Giuseppe Gioffré, nato a San Luca, e le cosche locali. Sarebbe escluso anche un collegamento con la faida che contrappone da anni alcune cosche nel centro reggino.
Era con tutta probabilità Giuseppe Gioffré il bersaglio dei sicari che hanno fatto fuoco a Bovalino la notte scorsa contro l'uomo e il figlio, ferendoli entrambi gravemente. Il ragazzo, che è incensurato, potrebbe essere intervenuto in difesa del genitore. E' questa l'ipotesi più probabile per il grave fatto di sangue avvenuto la notte scorsa in una zona centrale della cittadina ionica del reggino. Giuseppe Gioffré, che è nato a San Luca ma risiede stabilmente con la famiglia nel torinese, è noto alle forze dell'ordine in Piemonte ma non si sa nulla su particolari vicende che lo riguardano in Calabria. Padre e figlio stavano tornando a casa quando sono stati avvicinati dai sicari che hanno sparato diversi colpi di arma da fuoco. Sul luogo dell'agguato, in via Aldo Moro, sono stati trovati dieci bossoli alcuni dei quali calibro 7,65 e altri forse calibro 9 ma la certezza si avrà solo dopo gli accertamenti balistici.

Spari contro l’auto di un funzionario della dogana di Gioia Tauro

29 dic 08 Alcuni colpi di arma da fuoco sono stati esplosi a scopo intimidatorio contro l'auto del capo del servizio antifrode della Dogana del Porto di Gioia Tauro. L'episodio è accaduto la sera del 23 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi. Il funzionario, nel momento dell'intimidazione, aveva appena terminato il suo turno. "Non è il primo episodio di intimidazione - è scritto in un comunicato dell'Agenzia delle Dogane - nei confronti di funzionari di quella Dogana. Si tratta dell'ennesimo tentativo di impedire alla struttura di Gioia Tauro di svolgere la sua funzione di tutela del corretto svolgimento dei traffici internazionali e di salvaguardia della sicurezza dei cittadini". "Già in passato - riferisce la nota - l'Agenzia ha risposto a tali intimidazioni rafforzando l'attività di controllo con l'invio di funzionari da altre regioni. Probabilmente, questa aggressione rappresenta la risposta di chi non riesce ad esercitare un controllo criminale sulle attività di import - export svolte e si trova ogni volta di fronte coraggiosi funzionari che, nonostante il pesante clima di intimidazione e le tante difficoltà incontrate, continuano a svolgere la loro attività di controllo al servizio dello Stato".

La conferenza dei servizi di Vibo approva il progetto del nuovo ospedale

29 dic 08 La Conferenza dei servizi degli Enti locali e delle amministrazioni statali interessate alla realizzazione del nuovo ospedale di Vibo Valentia ha espresso parere favorevole sul progetto preliminare per la costruzione del nuovo presidio. Alla riunione hanno partecipato il prefetto Silvana Riccio, soggetto attuatore e Rubens Curia commissario straordinario dell'Azienda sanitaria provinciale di Vibo. Presenti, tra gli altri, il sindaco della città Franco Sammarco, il presidente della Provincia Francesco De Nisi, il presidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Pietro Giamborino e il consigliere regionale, Bruno Censore. Il nuovo presidio ospedaliero, che sorgerà in località "Cocari", sarà dotato di 350 posti letto, oltre a 14 posti letto tecnici di dialisi e 16 culle per neonati. I lavori avranno inizio nel giugno - luglio 2009 e verranno consegnati all'Asp nel 2011. "Le funzioni di base del nuovo ospedale - ha sostenuto, tra l'altro, Rubens Curia - sono state individuate sulla base dei dati epidemiologici tenendo conto della tabella A del nuovo Piano sanitario regionale con lo scopo di ottimizzare l'offerta sanitaria sul territorio provinciale e di ridurre il fenomeno della mobilità passiva e delle liste d'attesa incrementando sensibilmente lo standard tecnologico ed il comfort alberghiero". "La realizzazione del progetto preliminare - è scritto in un comunicato dell'Azienda - è stata possibile grazie alla relazione sanitaria sul nuovo ospedale prodotta dallo stesso Rubens Curia che l'ha presentata ai lavori della Conferenza dei servizi e che è stata propedeutica alla illustrazione dello stesso progetto elaborato dal nuovo responsabile unico per il procedimento, Paolo D'Aprile, collaborato da Luigi Matarese". "Assente per impegni improvvisi il commissario delegato per l'emergenza socio-economica e sanitaria della Calabria, Vincenzo Spaziante, rappresentato da Aldo Varano, responsabile per la comunicazione - è scritto nella nota - il prefetto Silvana Riccio ha avviato il tavolo operativo invitando tutti i partecipanti ad offrire il massimo della disponibilità e della celerità per favorire una riduzione di distanze verso la costruzione dell'opera". "Conteremo - ha affermato Riccio - sulla autorevolezza e tempestività degli enti e sulla più piena funzionalità delle professionalità coinvolte per assicurare un impegno pari all'attesa. Il territorio vibonese ha bisogno di bruciare le tappe e di contare su una nuova e avanzata struttura sanitaria capace di dare risposte concrete ai bisogni della popolazione." "Nel corso della discussione è intervenuto anche Giamborino - conclude la nota - che ha confermato il suo personale impegno e quello della commissione regionale che presiede sulla urgenza di assicurare ulteriori interventi finanziari per integrare i finanziamenti assicurati dal decreto Prodi nel corso dei provvedimenti adottati per costruire quattro nuovi ospedali in Calabria"

Una tonnellata di botti sequestrati dalla Gdf a Delianuova

29 dic 08 Botti illegali per oltre una tonnellata sono stati sequestrati a Delianuova dalla Guardia di finanza che ha denunciato una persona. Il materiale esplodente, in tutto 1.190 chilogrammi di diversi tipi di artifizi pirici, era stato nascosto in un deposito di prodotti per la casa. Il titolare del magazzino all'interno del quale i fuochi pirotecnici erano stati nascosti è accusato di detenzione illegale di fuochi artificiali e di omessa denuncia.

Intervenuti i CarabinieriAgguato a Bovalino, sparano al padre ma prendono anche il figlio diciassettenne e incensurato: sono gravissimi 28 dic 08 Due uomini, padre e figlio, sono stati gravemente feriti in un agguato avvenuto questa notte nel corso a Bovalino nella Locride. Secondo i carabinieri di Locri, che sono intervenuti, intorno alle 1.20, ignoti hanno esploso numerosi colpi di arma da fuoco contro Giuseppe Gioffrè, 51enne nato a San Luca ... (continua)

l'arresto di CriacoCatturato dagli uomini di Cortese il presunto boss Criaco latitante da 11 anni 28 dic 08 E’ stato arrestato ad Africo dagli uomini della Squadra Mobile di Reggio Calabria guidata da Renato Cortese, il presunto boss Pietro Criaco di 37 anni. Da 11 anni latitante ed inserito nell’elenco dei 30 più pericolosi d’Italia. Criaco è stato catturato in casa di alcuni parenti, due dei quali sono stati arrestati. Criaco, ricercato per omicidio ... (continua)

Neve in SilaAncora neve in Sila, sulla A3 catene a bordo 28 dic 08 Sta nevicando da alcune ore in Calabria sulla Sila cosentina dove la colonnina di mercurio si e' fermata intorno a zero gradi. Deboli precipitazioni nevose, sempre nel cosentino, nella zona di Rogliano. Nebbia, invece, a Campotenese nei pressi del Pollino. La Polstrada non segnala disagi per la circolazione ... (continua)

 

Bertolaso a Reggio per il centenario del terremoto: “Un momento di unità nazionale”

28 dic 08 ''L'occasione del centenario del terremoto del 1908 e' molto significativa e importante anche se, a livello nazionale, non c'e' stata quell'attenzione che si sarebbe dovuta avere per questa ricorrenza''. Lo ha detto il capo della Protezione civile nazionale, Guido Bertolaso, a Reggio Calabria per visitare la mostra ''Cent'anni dal terremoto'' promossa dal Comune. Bertolaso, riprendendo le parole dell'omelia pronunciata dall'arcivescovo di Reggio Calabria, mons. Mondello nella messa commemorativa delle vittime, ha ricordato ''come il terremoto sia stato uno dei momenti in cui l'Italia fu davvero unita. Fu la solidarieta' nazionale il motore di quell'unita', quando la generosita' degli italiani si mosse, immediatamente, forse anche prima della macchina dei soccorsi''. ''Dalla memoria di quella catastrofe - ha aggiunto Bertolaso - e dalla lezione negativa che ne e' seguita si e' potuta costruire la Protezione civile cosi' come la conosciamo. Anche se gli effetti di quell'evento sono stati drammatici e per circa 70 o 80 anni si e' dormito su quelle macerie''. ''Solo dopo l'Irpinia qualcosa si e' mosso - ha detto ancora Bertolaso - e si e' dovuto attendere la tragedia di San Giuliano di Puglia per rifare la classificazione sismica e le norme per costruire in modo sicuro''.

Sulla Gazzetta Ufficiale tre bandi dell’Anas su manutenzione strade

28 dic 08 L’Anas domani 28 dicembre 2008 pubblicherà sulla Gazzetta Ufficiale 3 bandi di gara per un totale di oltre 6 milioni di euro per lavori sulle strade statali nelle province di Cosenza e Catanzaro.
Il primo bando riguarda la strada statale 18 “Tirrena Inferiore”, in provincia di Cosenza, sono interventi di messa in sicurezza del tratto che va dal km 285,000 al km 286,000 per eliminare gli innesti a raso, realizzare le strade di servizio per il collegamento alla viabilità comunale e un sottopasso in prossimità di viale A. De Gasperi alla settima traversa.
L’importo dei lavori è di oltre 1,8 milioni di euro.
Il tempo d’esecuzione dell’intervento non dovrà superare i 540 giorni consecutivi e continuativi, le offerte dovranno pervenire a pena di esclusione entro e non oltre le ore 10 del giorno 24 febbraio 2009.
Il secondo bando concerne i lavori di messa in sicurezza della strada statale 18 “Tirrena Inferiore” nel tratto compreso tra il km 267,800 e il km 269,200 e prevede l’eliminazione di innesti a raso e la realizzazione di strade di servizio, in provincia di Cosenza.
L’importo dei lavori è di oltre 3 milioni di euro.
Il tempo d’esecuzione dell’intervento non dovrà superare i 730 giorni consecutivi e continuativi, le offerte dovranno pervenire a pena di esclusione entro e non oltre le ore 10 del giorno 17 febbraio 2009.
Il terzo bando si riferisce agli interventi per la sistemazione dell’innesto a raso sulla strada statale 106 “Jonica” tra il km 204,900 e 205,300 in provincia di Catanzaro.
L’importo dei lavori è di oltre 1 milione di euro.
Il tempo d’esecuzione dell’intervento non dovrà superare i 180 giorni consecutivi e continuativi, le offerte dovranno pervenire a pena di esclusione entro e non oltre le ore 10 del giorno 19 febbraio 2009. L’Anas procederà all’aggiudicazione delle gare con il criterio del prezzo più basso.
La documentazione dovrà essere indirizzata ad: Anas S.p.A.– Compartimento della viabilità per la Calabria, via E. De Riso, 2 – 88100, Catanzaro, Tel. 0961531011 e Fax 0961725106.
Per informazioni dettagliate sul bando di gara: www.stradeanas.it.

IncidenteLSU muore carbonizzato in un incidente a Serrastretta 27 dic 08 Dovrebbe essere di Mauro Scalise, di 41 anni, il cadavere carbonizzato ritrovato stamani nell'abitacolo di una Fiat Uno completamente distrutta dalle fiamme nelle campagne di Serrastretta, in provincia di Catanzaro. Gli accertamenti per risalire all'identità esatta delal vittima sono ancora in corso ... (continua)

Neve in SilaNeve in Sila e sulla A3. Catene a bordo sulla 107 27 dic 08 Nevica in Calabria sulla Sila cosentina dove la temperatura è di due gradi sotto lo zero. Tutte le strade sono comunque percorribili e non si segnalano situazioni di particolare difficoltà nell'altopiano. Nevica anche nella zona di Campotenese, nel tratto calabrese dell'A3 ... (continua)

Martedì “Rosso Cosenza” nel salone degli specchi della Provincia

28 dic 08 Martedì 30 alle ore 16 nel Salone degli Stemmi del Palazzo della Provincia di Cosenza, si terrà la seconda edizione dell’evento “Rosso Cosenza”. Si tratta di una giornata di studio organizzata presso i Saloni della Provincia promossa e organizzata dall’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommeliers della Calabria.
Quest’anno l’attenzione sarà focalizzata sulle “Vigne d’Eccellenza” del nostro territorio.
Il Convegno prevede interventi tecnici finalizzati a focalizzare gli elementi di competitività che le nostre produzioni vitivinicole esprimono, in un contesto di integrazione con la gastronomia provinciale. Introdurrà il convegno il presidente dell’AIS Calabria, Gennaro Convertini, porteranno i saluti l’Assessore alle Attività Produttive della Provincia, Domenico Bevacqua, il responsabile del Club Papillon calabrese, Francesco Saliceti, la rappresentante di Slow Food, Marisa Gigliotti. Interverrà Marco Sabellico, vice curatore della guida “Vini d’Italia” di Gambero Rosso. Concluderà i lavori il Presidente dell’Amministrazione Provinciale, on. Gerardo Mario Oliverio. Modererà i lavori, Gianfranco Manfredi, giornalista fra i maggiori esperti di enogastronomia in Calabria.
Alle 18,00 l’attenzione dei convenuti si sposterà su quanto avverrà nell’attigua, elegante e suggestiva cornice del Salone degli Specchi del Palazzo della Provincia, con l’apertura del Banco di Assaggio dei vini prodotti dalle 20 aziende vitivinicole consentine presenti, che consentirà ai nostri “sensi” di conoscere l’intero panorama produttivo provinciale capace, ormai, di confrontarsi su livelli qualitativi di eccellenza.
Tutti gli operatori della ristorazione e gli appassionati di vino potranno assaggiare e scoprire vitigni, tecniche di produzione e territori attraverso la testimonianza diretta dei produttori.
Inoltre, nella Sala delle Commissioni, sarà allestita una postazione gestita dagli Esperti Degustatori dell’AIS nella quale saranno presentati, con il metodo della Degustazione Guidata, i sei vini cosentini più apprezzati dalle Guide.
Tanti i vini di grande tradizione e dalle caratteristiche organolettiche diversificate e discriminanti, fra di loro che si potranno ammirare ma anche assaggiare.
Vista, olfatto, gusto dei cosentini schierati per questa unica e accattivante degustazione del 30 dicembre dalle 16,00 nel suggestivo Palazzo della Provincia.

Presepe vivente nel borgo abbandonato di Laino Castello

27 dic 08 Si è rinnovata anche quest'anno, il giorno di Santo Stefano, la tradizione del presepe vivente a Laino Castello, nell'antico borgo abbandonato dagli anni Ottanta. La Pro Loco - insieme con il Comune, la Comunità montana italo-albanese del Pollino, la Provincia di Cosenza e l'Ente Parco Nazionale del Pollino - ha allestito nei luoghi del "paese fantasma" le scene più tradizionali della Natività: dalla grotta con il Bambino Gesù, un neonato del paese, alle botteghe dei più esperti artigiani, gli anziani del centro del Pollino. Sono stati un centinaio, in totale, le persone coinvolte per la rappresentazione che si ripeterà il giorno dell'Epifania. Soddisfatto per la partecipazione di pubblico il sindaco di Laino Castello, Gianni Cosenza. Il comune ha attivato dei bus navetta che hanno fatto la spola accompagnando i tanti visitatori. Alla rappresentazione ha partecipato anche il presidente del Parco, Domenico Pappaterra. "La Regione - ha detto il sindaco Cosenza - dovrebbe rimuovere nelle prossime settimane il vincolo idrogeologico che grava sull'antico abitato da più di un ventennio. Ciò permetterebbe di riportare alla fruizione permanente Laino Castello vecchia con una destinazione d'uso che in sintonia con la vocazione dell'area del Parco consenta che l'antico e suggestivo borgo riviva sempre e non solo nel periodo di Natale".

Aveva un arma modificata in auto, uomo in manette a Briatico

27 dic 08 I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia hanno arrestato, a Briatico, Vincenzo Riggio, di 22 anni, per detenzione illegale di arma da fuoco modificata. Nel corso di un servizio di controllo, i militari hanno fermato Riggio ed a bordo della sua auto, nascosta sotto un sedile, hanno trovato una pistola che originariamente serviva a sparare cartucce a salve, ma che era stata modificata per poter sparare normali proiettile cal. 7,65. L'arma, trovata con il caricatore inserito ed un colpo in canna, è stata sequestrata in attesa delle perizie balistiche.

CarabinieriSmantellata dai CC organizzazione che spacciava droga tra Calabria e Puglia, un libanese il capo 26 dic 08 Operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro contro una banda di spacciatori di droga che sarebbe stata collegata, secondo l'accusa, alla cosca della 'ndrangheta dei Costa di Siderno (Reggio Calabria). L'operazione antidroga eseguita dai carabinieri della Compagnia di Soverato e del Comando ... (continua)

Donna romena muore investita da un treno che la trascina per 10 chilometri

26 dic 08 Una donna di 40-50 anni, che ancora non è stata identificata, è morta stasera investita da un treno sulla linea ionica, nel catanzarese. La donna è stata investita dal convoglio Catanzaro Lido-Roma delle 18.15 nelle vicinanze di un passaggio a livello in disuso nella zona di Simeri Mare. Il corpo è rimasto agganciato alla motrice del convoglio per dici chilometri ed il macchinista solo dopo essere giunto nella stazione di Cropani si è reso conto di quanto era accaduto. In precedenza, infatti, aveva sentito solo un urto, ma non aveva capito di avere investito una persona. Le indagini sono condotte dalla polizia ferroviaria, che sta cercando, lungo la linea ferrata, gli oggetti personali della donna per poterla identificare. Alle ricerche partecipano anche i carabinieri. Al momento non è stato possibile accertare se si sia trattato di un incidente o se la donna si sia suicidata. La vittima è una donna di 52 anni di nazionalità romena di cui non sono state ancora fornite le generalità in attesa che vengano avvertiti i familiari. Secondo i primi rilievi fatti dalla Polfer e dai carabinieri della Compagnia di Sellia Marina, la donna sarebbe finita sotto il treno accidentalmente. Altri accertamenti sono comunque in corso, anche per stabilire dove la donna viveva e da quanto tempo era in Italia. Il traffico ferroviario sulla linea ionica è ancora bloccato. Trenitalia ha organizzato un servizio di pullman per trasferire i passeggeri del treno alla stazione successiva e farli ripartire.

Marocchino con 12 identità arrestato a Gizzeria

26 dic 08 Dodici identità diverse fornite, di volta in volta, in occasione di altrettanti controlli. E' la vicenda che vede protagonista un immigrato marocchino di 20 anni, Yassine Sininate, arrestato stamattina dai carabinieri a Gizzeria. Dalle verifiche effettuate dai militari è emerso che il giovane immigrato, nelle occasioni in cui in precedenza era stato sottoposto a controlli, aveva sempre fornito generalità diverse. Sisinate è stato così arrestato con l'accusa di false attestazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità.

Ripristinata la linea FS tra Lamezia e Reggio danneggiata

26 dic 08 E' stata riattivata stamattina la circolazione ferroviaria lungo la tratta Lamezia Terme-Reggio Calabria, chiusa sabato scorso a causa di alcuni smottamenti provocati dal maltempo. I tecnici di Rfi hanno effettuato interventi di consolidamento e manutenzione straordinaria della linea ferroviaria, che da stamattina è tornata percorribile. A causa dell'interruzione, i treni erano stati deviati lungo la linea via Tropea, con conseguente allungamento dei tempi di percorrenza.

LoieroInchiesta Why Not: Loiero chiede di essere interrogato, Saladino, un confronto con la Merante 23 dic 08 "Neanche De Magistris che pure, come afferma una decisione del Csm che assume valore di sentenza, appariva un magistrato disinvolto nell'interpretazione dell'accusa, aveva osato tanto nei miei confronti". A dirlo, nel corso di una conferenza stampa, è stato il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero in merito al suo coinvolgimento nell'inchiesta Why not ... (continua)

Francesco FortugnoProcesso Fortugno, fissata per il 26 gennaio la Camera di Consiglio. I difensori “Presunti mandanti, eresie giuridiche” 23 dic 08 E' stata fissata per il 26 gennaio la data d'inizio della camera di consiglio della Corte d'assise di Locri per l'emissione della sentenza per l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno. Lo ha stabilito il presidente della Corte, Olga Tarzia, fissando il calendario delle prossime udienze... (continua)

Abitazione in fiamme a Tropea, 83enne gravemente ustionato

23 dic 08 - Un pensionato di 83 anni e' rimasto gravemente ustionato a causa di un incendio sviluppatosi nella sua abitazione a Tropea. L'uomo ha riportato ustioni di secondo e terzo grado ed e' stato portato nell'ospedale di Tropea da dove e' stato poi trasferito al centro grandi ustionati di Catania. L'incendio si sarebbe sviluppato, per cause in corso di accertamento, da un braciere, provocando anche provocato il crollo del tetto dell'immobile che e' stato dichiarato inagibile.

Incidente mortale sulla 106 nella locride

23 dic 08 Un uomo di 31 anni, P.S. è morto a seguito di un grave incidente stradale avvenuto lungo la ss106 nei pressi del bivio per Bovalino e Ardore. L’impatto, avvenuto in maniera violenta e sulle cui cause stanno indagando i carabinieri, ha visto coinvolte due auto. Una seconda persona è stata ricoverata in gravi condizioni presso l’ospedale di Locri. Sul posto si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco e dell’elisoccorso del 118.

Ripepe “La Regione riattivi i bus navetta tra aeroporto e ferrovia”

23 dic 08 "Il servizio bus-navetta tra aeroporto e stazione ferroviaria va assolutamente ripristinato". E' quanto afferma, in una nota, il presidente della Sacal, Eugenio Ripepe. "E' una questione indispensabile, irrimandabile, irrinunciabile - sostiene Ripepe - e Sacal chiede con forza che si trovi presto una soluzione per il suo riavvio. Il servizio non solo deve essere concepito come stabile lungo l'intero anno, ma va debitamente migliorato e potenziato, facendolo diventare oltre che un collegamento ad orario qual è stato di fatto, una vera 'navetta' che deve appunto andare e venire continuamente tra le due destinazioni, senza soluzione di continuità e con percorso diretto". "Ripepe - è scritto nel comunicato - riporta l'attenzione sul problema tenendo però a ricordare, e senza assolutamente voler rimarcare una primogenitura, come questa iniziativa sia nata proprio su 'spinta' di Sacal nella scorsa primavera, quando Sacal è riuscita ad avviare, per la prima volta, l'atteso collegamento, sia pure in via sperimentale fino a settembre, assieme a Ferrovie della Calabria e Lamezia Multiservizi, garantendo così un collegamento economico e comodo tra scalo e ferrovia, sulla cui utilità e funzionalità nessuno ha avuto dubbi. E per di più con una navetta con l'anima verde, ecologica, perché effettuata con bus elettrici non inquinanti". "Nei mesi scorsi - aggiunge Ripepe - ho più volte sollevato la questione, intervenendo ripetutamente e direttamente sul Dipartimento Trasporti della Regione. Ma, devo dire, con risultati fin qui nulli. La risposta di rito, è stata l'insufficienza dei finanziamenti. Che però, stranamente, si continuano a trovare per assicurare il collegamento tra l'aeroporto, Catanzaro e Cosenza e alcuni voli Alitalia provenienti da Roma, con un autobus che viaggia vuoto. Come d'altronde, viaggiano vuoti questi autobus da circa 30 anni con spreco di danaro pubblico...". "Considerato l'atteggiamento del Dipartimento, ed essendo inoltre passato quasi un anno da quando si è riproposta la questione - sostiene ancora Ripepe - sollecito con forza l'assessore regionale al ramo, Demetrio Naccari Carlizzi, per ovviare a ciò che non esito a definire una 'vergogna'"

Bandi dell’Anas per la 106 e la A3

23 dic 08 Sarà pubblicato domani sulla Gazzetta ufficiale il bando di gara per l'affidamento al Contraente Generale dei lavori di costruzione del terzo megalotto della statale 106 Jonica. Lo rende noto l'Anas. I lavori riguardano il tratto di circa 38 chilometri compreso tra l'innesto con la statale 534, in prossimità di Sibari e Roseto Capo Spulico, in provincia di Cosenza. L'importo complessivo è pari a circa 962 milioni di euro, di cui oltre 853 milioni di euro per lavori da eseguire, comprensivi di 49 milioni di euro per oneri relativi alla sicurezza, non assoggettabili a ribasso. Il valore complessivo dell' investimento è pari a 1,2 miliardi di euro. "Con questo nuovo intervento - ha affermato il presidente dell'Anas, Pietro Ciucci - rispettiamo le priorità programmate per la Calabria e proseguiamo nei lavori di ammodernamento della statale 106 Jonica, che costituisce l'itinerario europeo E90 e collega Reggio Calabria con Taranto e la dorsale autostradale Adriatica. L'appalto vale quasi un miliardo di euro e potrà dare un contributo notevole alla crescita del Pil nazionale e, in particolare, del Mezzogiorno". Sempre domani sarà pubblicato il bando per 86 milioni di euro per lavori di ammodernamento della autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria per 86 milioni.

Concorso per 25 agenti di polizia provinciale

23 dic 08 La Provincia di Cosenza ha indetto un bando di concorso per la copertura di 25 posti di agenti di Polizia provinciale che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì 19 dicembre. Dal 20 dicembre decorrono quindi i 30 giorni per la presentazione delle domande. "E' nostro intendimento - ha sostenuto il presidente Mario Oliverio - potenziare il Corpo di polizia provinciale. Per questo, pur in presenza di forti condizionamenti della legislazione nazionale che limita gli organici degli enti locali, abbiamo deciso di indire un concorso per 25 agenti con l'obiettivo di realizzare la piena copertura dell'organico, ovvero 98 unità. Un obiettivo, questo, che è necessario raggiungere per una organizzazione della polizia provinciale aderente alle necessità del vasto territorio della nostra provincia". "Al bando di concorso - ha aggiunto - sarà data una capillare diffusione perché tutti coloro i quali, in possesso dei titoli richiesti, decidono di partecipare, lo possano fare. Il bando di concorso è stato impostato in modo tale da garantire il massimo di oggettività nelle selezione, per mettere tutti nelle condizioni di pari opportunità".

ospedaleBimba di due anni morta per sospetta meningite a Lamezia 22 dic 08 Una bambina di due anni è morta stamattina nell'ospedale di Lamezia Terme per cause che sono in corso d'accertamento. Il dubbio è che la bambina possa essere morta di meningite. Per accertare le cause del decesso i sanitari del pronto soccorso dell'ospedale ... (continua)

Luigi De MagistrisGuerra tra procure, entro gennaio le decisioni del CSM 22 dic 08 E' stata chiusa l'istruttoria del Csm sullo scontro tra le Procure di Salerno e Catanzaro. Il 7 gennaio la I Commissione di Palazzo dei Marescialli procederà al deposito degli atti. Scatteranno da allora dieci giorni di tempo entro i quali i sette magistrati nei cui confronti sono state aperte le procedure di trasferimento d'ufficio potranno presentare memorie difensive. ... (continua)

plazzo NiedduProcesso Fortugno, la difesa chiede l’assoluzione dei presunti mandanti “Nessuna prova concreta” 22 dic 08 E' cominciata con l'arringa dell'avvocato Menotti Ferrari, difensore dei presunti mandanti, Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, l'udienza del processo per l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno. Ferrari ha esordito sostenendo che ... (continua)

La Corte dei ContiLa Corte dei Conti fa le pulci ad enti locali e Regione: fondi spesi male e criticità per i debiti fuori bilancio 22 dic 08 L'utilizzo da parte della Regione dei fondi pubblici, ed in particolare di quelli comunitari, per il settore del turismo continua ad essere "caratterizzato da superficialità in sede di programmazione e di definizione dei bandi". E' quanto emerge da una indagine della Corte dei Conti sui ... (continua)

Regione CalabriaPiano regionale contro la povertà in Calabria 22 dic 08 Quaranta milioni di euro l'anno per fronteggiare la povertà in Calabria. E' quanto prevede il piano varato dalla Giunta regionale che va ad inserirsi in una serie di provvedimenti adottati per fronteggiare il bisogno nella regione. Ad illustrare i contenuti del piano sono stati il presidente della Regione, Agazio Loiero, e gli assessori Mario Maiolo ... (continua)

Inchiesta sulla gestione del Porto di Gioia

22 dic 08 La Procura della Repubblica di Palmi ha aperto un'inchiesta sulla gestione del porto di Gioia Tauro. L'inchiesta è stata avviata sulla base della denuncia presentata dal gruppo Zen (Zito evoluzioni nautiche) che nei giorni scorsi, nel corso di un incontro col procuratore della Repubblica di Palmi, Francesco Neri, aveva sostenuto di essere stata discriminata nel rilascio dell'aree portuali per le attività di cantieristica navale. Nell'ambito dell'inchiesta i carabinieri, su delega della Procura, si sono recati nella sede dell'Autorità portuale ed hanno sequestrato la documentazione relativa al rilascio delle concessioni. "Abbiamo segnalato alla Procura della Repubblica - ha detto l'avv. Giacomo Saccomanno, legale del Gruppo Zen - l'esistenza di un palese conflitto di interessi all'interno del Comitato portuale, informandone tutte le altre Autorità competenti e chiedendo, da una parte, lo scioglimento del Comitato, e, dall'altra, la verifica di tale situazione sotto l'aspetto penale"

12 condanne e 24 assoluzioni ai componenti cosca Gaglianesi

22 dic 08 Dodici persone sono state condannate a pene che vanno dagli otto anni e quattro mesi ai tre anni di reclusione e 24 sono state assolte al termine del processo ai componenti della cosca dei Gaglianesi di Catanzaro. La sentenza e' stata emessa dai giudici della prima sezione del tribunale di Catanzaro che hanno condannato gli imputati anche al pagamento di 100 mila euro per ogni ente che si è costituito parte civile. Gli imputati erano accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni, usura e traffico di sostanze stupefacenti. Il 25 novembre scorso il pubblico ministero, Gerardo Dominijanni, aveva chiesto la condanna dei 36 imputati a pene dai 4 ai 30 anni di reclusione. Il presunto capo della cosca, Anselmo Di Bona, è stato condannato ad otto anni e quattro mesi (il pm aveva chiesto 30 anni). Di Bona, che è ritenuto dall'accusa il reggente della cosca catanzarese, avrebbe riorganizzato il gruppo dopo l'arresto del presunto capo storico, Gino Costanzo. L'organizzazione, tra i quali ci sono anche esponenti della comunità rom, sarebbe stata attiva in tutti i quartieri del capoluogo calabrese. I 36 imputati furono arrestati nell'ambito d'operazione 'Revenge' compiuta nel febbraio del 2006 dalla polizia.

72 tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti da Israele bloccati al Porto di Gioia

22 dic 08 Settantadue tonnellate di rifiuti pericolosi per l'ambiente sono state sequestrate dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico nel porto di Gioia Tauro. I rifiuti erano contenuti in due container provenienti da Israele. Quattro persone, accusate dell'importazione illegale dei rifiuti, sono state denunciate in stato di libertà. Il materiale sequestrato consiste in scarti e rottami di batterie al piombo esauste ed apparecchiature elettroniche ed elettriche contaminate da oli e grassi.

Il Prefetto di Catanzaro commissaria il Comune di Marcellinara

22 dic 08 Il prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa, dopo aver preso atto delle dimissioni di sette consiglieri del comune di Marcellinara, ha sospeso il Consiglio. Il Prefetto ha nominato il viceprefetto Costanza Pino come commissario per la provvisoria gestione dell'ente.

Continuano i ritardi dei treni in Calabria

22 dic 08 Ancora ritardi in Calabria, a causa dei danni del maltempo, per i treni che percorrono la direttrice nord-sud. E' quanto riferisce un comunicato di Trenitalia. Si protrarrà, in particolare, fino al 24 dicembre l'interruzione della circolazione ferroviaria, iniziata sabato pomeriggio, lungo la linea Lamezia-Reggio Calabria. "Il provvedimento - è detto nella nota - si è reso necessario per consentire ai tecnici di Rfi gli indispensabili interventi di consolidamento e manutenzione straordinaria dell'infrastruttura ferroviaria nel tratto compreso tra Vibo-Pizzo e Mileto, dopo i forti smottamenti a ridosso della linea registrati nei giorni scorsi". Tutti i convogli in transito vengono deviati lungo la linea via Tropea, con allungamenti di percorrenza di circa 100-120 minuti. In particolare, gli Eurostar Fast Frecciargento 9377 e 9372, in servizio tra Roma e Reggio e viceversa, sono limitati nella stazione di Lamezia Terme. I viaggiatori di questo treno con destinazione Reggio Calabria potranno proseguire il viaggio a bordo dell'Intercity Plus 507.

Intesa Consorzio di Bonifica Ionio catanzarese e WWF

22 dic 08 Il commissario del Consorzio di bonifica Ionio catanzarese, Grazioso Manno, e il presidente del Wwf di Catanzaro, Nicola Gambardella, hanno firmato un protocollo d'intesa che prevede la riqualificazione di aree urbane e suburbane e la creazione di aree protette da valorizzare come centri di educazione ambientale e percorsi didattico educativi. "Lo scopo principale della convenzione- ha sottolineato Grazioso Manno - oltre alla valorizzazione a alla tutela del territorio, sarà quello di comunicare in modo intelligente e costruttivo le iniziative e le attività di bonifica concretamente svolte sul territorio dal Consorzio. Nell'accordo ci sono alcuni progetti che verranno sviluppati in simbiosi fra le due associazioni con il supporto di altri enti istituzionali". "La collaborazione - ha affermato Nicola Gambardella - riguarderà la riqualificazione ambientale di un'area urbana ad alto grado di cementificazione e la creazione di un'oasi in prossimità della città dove sviluppare percorsi di conoscenza dell'attività istituzionale del Consorzio, nonché di educazione al rispetto dell'ambiente tramite l'utilizzo razionale delle risorse ed il risparmio energetico".

Beni sequestrati a cosca Forastefano a Cassano

22 dic 08 La polizia ha sequestrato a Cassano allo Jonio beni mobili ed immobili riconducibili ad un presunto affiliato alla cosca Forastefano della 'ndrangheta, Gianfranco Senise, di 38 anni, attualmente detenuto. Il sequestro è stato fatto dalla Questura di Cosenza in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale. I beni sequestrati consistono in un somma in denaro ed in immobili. Il valore reale di questi ultimi, secondo quanto riferito dagli investigatori, rispetto a quello ufficiale, quantificato in alcune centinaia di miglia di euro, è in fase d'accertamento. Gianfranco Senise, secondo quanto è emerso dalle indagini, avrebbe avuto il compito, nell'ambito della cosca Forastefano, di reimpiegare i proventi illeciti del gruppo criminale erogando presiti a tasso usurario.

Tragico incidente nel crotonese: un morto e due feriti

21 dic 08 Un uomo è morto ed altre due persone sono rimaste ferite, di cui una in modo grave, in un incidente stradale avvenuto nei pressi di Crotone. La persona deceduta era alla guida di un'Alfa romeo 147 che, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrata con una Citroen C3 guidata da una ragazza. Nell'incidente è rimasta coinvolta anche una Fiat Punto. La ragazza che era alla guida della Citroen C3 è stata soccorsa ed accompagnata nell'ospedale di Crotone dove i medici si sono riservati la prognosi. L'uomo a bordo della Fiat Punto ha riportato invece lievi ferite. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti gli agenti della polizia stradale di Crotone che stanno ricostruendo la dinamica dell'accaduto. Sono in corso anche le fasi di identificazione delle persone coinvolte nell'incidente.

Ancora ritardi per i treni verso sud a causa del maltempo

21 dic 08 Ancora ritardi per i treni diretti verso sud e nord si stanno verificando in Calabria a causa dei danni provocati dal maltempo dei giorni scorsi. Continua infatti l'interruzione della circolazione ferroviaria sulla linea Lamezia - Reggio Calabria, iniziata ieri pomeriggio alle 18. Il provvedimento si è reso necessario per consentire ai tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) gli indispensabili interventi di consolidamento e manutenzione straordinaria dell'infrastruttura ferroviaria, dopo i forti smottamenti a ridosso della linea registrati nei giorni scorsi. Resterà chiuso, in particolare, fino alle 6 di lunedì mattina il tratto di linea compreso tra Vibo-Pizzo e Mileto. Fino ad allora tutti i treni in transito saranno deviati lungo la linea via Tropea, con allungamenti di percorrenza di circa 100- 120 minuti. Durante l'interruzione Trenitalia (Gruppo FS) potenzierà i presidi di assistenza ai viaggiatori nelle stazioni di Lamezia Terme, Paola, Villa San Giovanni e Reggio Calabria.

incidenteeTragedia vicino La Spezia, morto in un incidente stradale studente universitario di Lamezia 20 dic 08 Un giovane di 23 anni, Cristian Villella, studente universitario di Lamezia Terme ma residente ad Albiano Magra (Massa Carrara), è morto all'alba nello scontro frontale fra la sua auto ... (continua)

Chiuso tratto ferrovia tra Reggio e Lamezia per lavori, ritardi di due ore

20 dic 08 Ritardi e disagi si registreranno nella circolazione ferroviaria Nord Sud, in Calabria, da oggi e per due giorni a causa dei danni provocati nei giorni scorsi dal maltempo lungo la linea tirrenica Lamezia Terme - Reggio Calabria. Lo rende noto in un comunicato Trenitalia (Gruppo Ferrovie dello Stato). "I forti smottamenti a ridosso della linea tra le stazioni di Vibo-Pizzo e Mileto - è scritto nel comunicato - continuano infatti ad imporre rallentamenti e deviazioni di percorrenza a tutti i convogli nord - sud, provenienti o diretti a Reggio Calabria e in Sicilia". "Dal tardo pomeriggio di oggi - prosegue la nota - è prevista l'interruzione completa della circolazione per consentire ai tecnici di Reti ferroviarie italiane gli indispensabili interventi di consolidamento e manutenzione straordinaria dell'infrastruttura ferroviaria. L'interruzione si protrarrà per circa 36 - 48 ore durante le quali tutti i treni in transito saranno deviati lungo la linea via Tropea, con allungamenti di percorrenza di circa 100 - 120 minuti". Trenitalia ha annunciato che durante l'interruzione potenzierà i presidi di assistenza ai viaggiatori nelle stazioni di Lamezia Terme, Paola, Villa San Giovanni e Reggio Calabria.

Chiusa Why Not, fase di calma nella procura di Catanzaro

20 dic 08 C'é un clima di tranquillità al palazzo di giustizia di Catanzaro dopo il lavoro intenso delle ultime settimane che ha portato alla chiusura delle indagini dell'inchiesta Why Not. Negli uffici della procura generale del capoluogo stamani si continua a lavorare per predisporre la copia degli atti dell'inchiesta che saranno inviati al giudice per le indagini preliminari per le richieste di archiviazione, tra cui dovrebbe esserci anche quella dell'ex presidente del consiglio dei ministri, Romano Prodi. I sostituti procuratori generali che hanno lavorato a Why Not sono in fase di partenza per Roma dove lunedì saranno sentiti dalla prima commissione del consiglio superiore della magistratura che hanno avviato per loro ed i magistrati della Procura di Salerno la procedura per il trasferimento d'ufficio. Già a partire dalla prossima settimana potrebbero iniziare ad essere depositate le prime richieste di interrogatorio e le memorie dei 106 indagati di Why Not ai quali è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini.

Operazione tra Reggio e la Sicilia, 8 arresti

20 dic 08 I carabinieri hanno eseguito 13 ordinanze di custodia cautelare, nell'ambito di un'inchiesta della procura di Agrigento, nei confronti di altrettante persone accusate di spaccio di droga tra la città dei Templi e Reggio Calabria. L'operazione, denominata 'Mini one' si è conclusa con otto arresti, tre divieti di dimora e due persone ricercate. L’operazione coordinata dalla procura di Agrigento concerne un vasto traffico di sostanze stupefacenti in Sicilia e a Reggio Calabria. In carcere sono finiti Salvatore Gazzitano, 21 anni, Antonio De Juri, di 29, Gerlando Pagano, 23 anni, Filis Cuffaro, 26 anni, Luigi Galvano, 21 anni, tutti di Raffadali, nell'Agrigentino; Nicola Domenico Colletto, 20 anni, Francesco Modica Amore, 23 anni, entrambi di Siculiana, e Emanuele Gurrera, 20 anni di Sciacca. A Dino Pace, 29 anni, Carmelo Mangione, 25 anni, e Giuseppe Cuffaro, 25 anni è stata imposta la misura cautelare del divieto di dimora a Raffadali

Franco La RupaProcesso contro cosca Forastefano: 30 condanne. Per La Rupa riformulare capo imputazione 19 dic 08 Trenta condanne a pene da un anno a 18 anni di reclusione, quattordici assoluzioni e trasmissione degli atti relativi al consigliere regionale calabrese Franco Larupa alla Procura della Repubblica, che dovra' riformulare il capo d'imputazione. E' quanto disposto dal gup del tribunale di Catanzaro, Abigail Mellace, nella sentenza del processo con rito abbreviato nei confronti degli esponenti della cosca Forastefano di Cassano ... (continua)

Enzo JannelloGuerra tra procure, il PG Jannelli rientra a Catanzaro e sbotta “De Magistris butta fango. Why Not evento che coinvolge politica e Napolitano. Spesi milioni in consulenze” 19 dic 08 Dopo l'audizione dinanzi al Consiglio superiore della magistratura il procuratore generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, è rientrato nel capoluogo calabrese ed ha ripreso a pieno ritmo la sua attività. Jannelli era stato sentito ieri dalla prima commissione del Csm nell'ambito della procedura di ufficio per incompatibilità ambientale in relazione allo scontro tra le Procure di Catanzaro e Salerno legate alle inchieste Why Not e Poseidone ... (continua)

Carabinieri ViboSi costituisce dal parroco l’autore del duplice omicidio di Briatico 19 dic 08 E' stato arrestato dai Carabinieri Francesco Grasso, l'uomo che martedì scorso aveva ucciso due suoi cugini, Vincenzo Grasso e Vincenzo Rizzo. L'uomo aveva anche sparato contro uno scuolabus, ferendo l'autista. I sette bambini che viaggiavano a bordo del mezzo erano rimasti illesi. Nei confronti di Vincenzo Grasso erano in atto le ricerche ... (continua)

RosarnoSi erano rifiutati di pagare il pizzo gl immigrati feriti nell’agguato a Rosarno. Arrestato uno dei presunti autori 19 dic 08 I carabinieri hanno arrestato, a Rosarno, Andrea Fortugno, di 24 anni, ritenuto uno degli autori del ferimento di due immigrati avvenuto lo scorso 12 dicembre nella cittadina calabrese. Gli immigrati vennero raggiunti da diversi colpi di arma da fuoco mentre ... (continua)

Gianfranco PitteelliPittelli annuncia le sue dimissioni “Basta con i falsi elaborati ai miei danni” 19 dic 08 "Ho deciso di dimettermi dal Parlamento. Ritengo doveroso farlo in ragione della violenta e inaudita campagna diffamatoria, altamente lesiva del mio onore, orchestrata da un soggetto appartenente alle istituzioni di questo Paese e dai suoi degni sodali". Lo afferma in una dichiarazione l'avvocato Giancarlo Pittelli. Il deputato del Pdl... (continua)

 

Uomo di Gioiosa trovato morto, ucciso in casa, nel torinese

19 dic 08 Un uomo di 47 anni, Giuseppe Femia, operaio, è stato trovato morto con il cranio fracassato all'altezza della nuca, nella sua abitazione di Gassino Torinese. L'uomo, che è originario e risiede a Gioiosa Jonica (Reggio Calabria) ma è domiciliato a Gassino, risulta essere incensurato. La scoperta del cadavere è stata fatta in seguito alle segnalazioni dei vicini di casa che non lo vedevano da alcuni giorni. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Chivasso e del comando provinciale di Torino. Dalle prime informazioni raccolte dai militari dell'Arma, che stanno operando sul posto, risulta che l'uomo vivesse da solo nella sua abitazione, in località Val Pallera 49. I carabinieri hanno sequestrato la casa e l'auto della vittima per effettuare i rilievi del caso.

Processo Fortugno, il legale di Ritorto definisce Novella un bugiardo

19 dic 08 Il pentito Domenico Novella "é un pinocchio o, se volete, un grandissimo bugiardo":lo ha sostenuto nella sua arringa difensiva l'avv. Rosario Scarfo, difensore di Salvatore Ritorto, presunto esecutore dell'omicidio di Francesco Fortugno. "Salvatore Ritorto - ha detto Scarfò - è da considerarsi innocente". Il legale ha elencato una serie di circostanze a sostegno della sua tesi. "La Fiat Uno bianca, di cui parla Novella - ha detto tra l'altro - non è stata rubata per l'omicidio, ma per le rapine alle Poste come dimostrano i contenuti delle intercettazioni". Scarfò ha detto che su Bruno Piccolo, l'altro pentito poi suicidatosi, "non c'é niente da dire" perché "parlava di cose apprese da altri". "Il mio assistito - ha detto ancora il legale - non è mai stato irreperibile e non è scappato a Brescia dopo l'omicidio. In quella città è andato per incontrare la fidanzata e tutti sapevano dove fosse". Il processo è stato aggiornata a lunedi 22 dicembre. A parlare saranno gli avvocati Eugenio Minniti, difensore di Audino, e Menotti Ferrari, che assieme a Giovanni Managò assiste Alessandro e Giuseppe Marcianò. Le arringhe dei difensori si concluderanno il 23 dicembre, con l'avv. Managò.

Il 10 gennaio a Catanzaro giornata nazionale dei testimoni di giustizia

19 dic 08 Il 10 gennaio si terrà a Catanzaro la prima Giornata nazionale dei testimoni di giustizia, organizzata dalla fondazione "don Francesco Caporale Onlus" con il patrocinio del Consiglio regionale. "Abbiamo organizzato la manifestazione - ha detto il presidente della fondazione, Fulvio Scarpino - perché è necessario ripartire dal coraggio. I testimoni di giustizia sono uomini comuni che hanno scelto la stada della legalità. Rischiano la vita insieme alle loro famiglie, vanno via dalla loro terra e sono dimenticati da tutti. Nel corso dell'iniziativa del 10 gennaio presenteremo alcune proposte di emendamenti per migliorare la legge che li tutela". La manifestazione prevede una serie di iniziative cui parteciperanno, tra gli altri, l'arcivescovo di Catanzaro, mons. Antonio Ciliberti, il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova, e il sindaco di Catanzaro, Rosario Olivo. Nel corso dell'iniziativa verrà presentato il trailer e il backstage del film "Diario di una siciliana ribelle". Seguirà un incontro-dibattito, moderato dal responsabile della redazione della Calabria dell'Agenzia ANSA, Filippo Veltri, a cui interverranno il presidente della Commissione antimafia, Giuseppe Pisanu; il prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa; il caporedattore Esteri del Tg2, Enzo Romeo, e il regista Marco Amenta. Sono previsti, inoltre, la presentazione di un libro, una tavola rotonda a cui parteciperanno il parroco di Vazzano don Tonino Vattiata, la parlamentare Ida D'Ippolito, il presidente del "Centro studi Lazzati" Romano De Grazia e il segretario generale del Coisp, Franco Maccari. La giornata si concluderà con un concerto-gran galà di beneficenza.

Arrestato con 17 chili di hascic in auto a Catanzaro

19 dic 08 I carabinieri hanno arrestato a Catanzaro Salvatore Paciullo, di 28 anni, con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nell'ambuto condotta da Paciullo, fermata ad un posto di blocco, sono stati trovati 17 chilogrammi di hascisc. La droga era stata nascosta nelle fiancate dell'auto.

Padre e figlio arrestati per spaccio ad Acri

19 dic 08 Antonio e Pasquale Gaccione, di 51 e 19 anni, padre e figlio, sono stati arrestati ad Acri dai carabinieri con l'accusa di detenzione a fine di spaccio di sostanze stupefacenti. I due, nel corso di una perquisizione, sono stati trovati in possesso di 320 grammi di marijuana, due bilancini e bustine per il confezionamento delle dosi di droga. Antonio e Pasquale Gaccione sono stati portati nel carcere di Cosenza.

Tribunale CataznaroInchiesta Why Not: per i PM messo su un sistema di clientele 18 dic 08 I politici indagati nell'ambito dell'inchiesta Why not favorivano le società riconducibili ad Antonio Saladino, allo scopo di "procedere ad assunzioni strumentali alla creazione di un sistema clientelare ... (continua)

 

DepuratoreInchiesta Poseidone, chiesto il sequestro di 5 mln di beni 18 dic 08 La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il sequestro di beni per cinque milioni di euro nei confronti di tre indagati nell'inchiesta Poseidone sui presunti illeciti nella gestione della depurazione in Calabria. La richiesta di sequestro, che è stata avanzata nei mesi scorsi, è stata rivolta al gip di Catanzaro che a sua volta l'ha trasmessa al giudice di Roma per competenza territoriale... (continua)

CarabinieriDelitto boss Cordì, quattro arresti, coinvolto capo cosca Cataldo 18 dic 08 Quattro persone sono state arrestate a Locri dalla polizia con l'accusa di essere responsabili dell'omicidio, avvenuto il 31 maggio del 2005, del boss Salvatore Cordì, indicato come il capo dell'omonima cosca della 'ndrangheta. I quattro arresti sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dal commissariato di Siderno ... (continua)

AIOP “Una voragine la spesa sanitaria pubblica in Calabria ”

18 dic 08 Sono state 278.204 le prestazioni erogate dalle 39 strutture ospedaliere pubbliche in Calabria nel 2007, con un costo di un miliardo e 282 milioni di euro e un'incidenza sulla spesa sanitaria pari al 40% della spesa sanitaria. Il dato è contenuto nell'analisi dell'attività ospedaliera in Calabria elaborato dall'Associazione ospedalità privata (Aiop) e presentato oggi a Cosenza. Il rapporto mette a confronto il volume della spesa sostenuta nella regione per le strutture pubbliche con quanto invece è stato speso nelle 36 strutture ospedaliere private accreditate Aiop che sono state in tutto 74.522 per un costo pari a 74 milioni 522 mila euro e un'incidenza sulla spesa sanitaria complessiva del 7,03%. "Il rapporto - è scritto in una nota - fornisce i numeri che spiegano la voragine che si è aperta nella spesa sanitaria e che, molto probabilmente, porterà, da parte del governo nazionale, alla nomina di un commissario". "Un altro elemento che il Rapporto mette in evidenza - prosegue la nota - è la crescita di modalità collaborative 'dal basso' tra ospedali privati accreditati e ospedali pubblici, le quali permettono di giocare a sistema per il bene del cittadino a partire, ad esempio, dall'accorciamento delle liste di attesa esistenti". "Il Rapporto rileva inoltre - conclude la nota - una tendenza delle strutture accreditate ad elevare le proprie prestazioni in chiave di complessità ma in un quadro di costi sostanzialmente decrescenti mentre, al contrario, la spesa per l'ospedalità pubblica tende ad espandersi nel tempo"

Oltre un milione di telefonate controllate nella banca dati delle inchieste Why-Not Poseidone

18 dic 08 Potrebbero essere oltre un milione i contatti telefonici contenuti nella banca-dati correlata alle inchieste Why not e Poseidone. La stima è stata fatta dal procuratore generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, davanti alla prima commissione del Csm spiegando che proprio per tutelare la riservatezza dei dati contenuti nella banca-dati, nella quale ci sono oltre 578 mila "anagrafici", cioé utenze telefoniche e indirizzi, aveva chiesto ai magistrati di Salerno chiarimenti sull'effettiva pertinenza della richiesta di acquisizione degli atti delle inchieste che era stata avanzata. Jannelli ha anche evidenziato che dal carteggio con la Procura di Salerno, trasmesso anche alla Procura generale di Roma, al Csm ed al Ministero, senza ricevere rilievi, non emergeva la necessità da parte dei magistrati campani di chiedere un numero imponente di atti. Solo a posteriori, con la notifica del decreto di sequestro, ha detto il pg alla prima commissione, la Procura generale ha capito che le intenzioni dei magistrati salernitani erano quelle di indagare i magistrati catanzaresi impegnati nell'inchiesta Why not perché gli atti richiesti servivano per dimostrare l'ipotesi di complotto ai danni dell'ex pm Luigi De Magistris. Atti, ha rilevato Jannelli che nella maggior parte dei casi erano già in possesso dei magistrati salernitani per averli avuti per altra via.

Gratteri e Sferlazza nominati dal CSM procuratori aggiunti a Reggio

18 dic 08 Il plenum del Csm, a maggioranza nella seduta di oggi, ha nominato Nicola Gratteri e Ottavio Sferlazza nuovi procuratori aggiunti della Repubblica al tribunale di Reggio Calabria. Nicola Gratteri dal 1996 ha operato come Pm a Reggio Calabria; ha fatto parte anche nel 2006 del Dda mentre Ottavio Sferlazza è attualmente giudice a Caltanissetta. Al plenum del Csm, Nicola Gratteri ha ricevuto 18 voti contro i 5 espressi a favore di Ottavio Sferlazza, candidato quest' ultimo ad entrambi i posti di Procuratore aggiunto. Sempre Sferlazza ha poi ricevuto 15 voti contro gli 8 voti ottenuti dall'altro Fulvio Massimo Rizzo.
Nicola Gratteri, nominato procuratore aggiunto di Reggio Calabria, è il titolare di alcune tra le più importanti inchieste della Dda di Reggio Calabria sulla 'ndrangheta tra cui quella sulla strage di Duisburg, in Germania, nel giorno di Ferragosto del 2007. La strage, in cui furono uccise sei persone, e' avvenuta nell'ambito della faida di Locri tra le cosche Nirta-Strangio e Pelle-Vottari, gruppo quest'ultimo del quale avrebbero fatto parte le vittime. Le indagini della Squadra mobile di Reggio Calabria, coordinate da Gratteri, hanno portato all'identificazione del presunto responsabile della strage, Giovanni Strangio, che è latitante. Gratteri ha coordinato anche le indagini dei carabinieri del Ros che hanno portato all'arresto, dopo molti anni di latitanza, dei boss della 'ndrangheta Giuseppe Morabito, detto '"u tiradrittu" e Giuseppe Barbaro. Nello scorso mese di aprile Gratteri è stato al centro di una vicenda sulla quale sta ancora indagando la Procura della Repubblica di Catanzaro. In una stanza della Dda, utilizzata dal magistrato per gli incontri con la polizia giudiziaria, fu trovata una microspia. La vicenda è stata oggetto di specifici accertamenti da parte del Csm.

Ripepe “La CAI riservi attenzione agli scali del sud”

18 dic 08 Il presidente della Sacal, la società di gestione dell'aeroporto di Lamezia Terme, Eugenio Ripepe, ha scritto al presidente di Assaeroporti, Fulvio Cavalleri, facendo riferimento, afferma, "alla cancellazione di voli già preannunciati da Cai". Ripepe richiama "ancora una volta l'attenzione sul problema che, da qualche mese, si riversa non solo sulle società di gestione, ma anche e immancabilmente sui passeggeri. Finora - scrive Ripepe nella lettera a Cavalleri - nessun gestore aeroportuale è stato coinvolto quale principale attore della filiera di trasporto aereo". Secondo il presidente di Sacal, "é importante, per questo motivo, che Assaeroporti si adoperi per predisporre un tavolo di lavoro, in cui anche le società di gestione che rappresentano e conoscono il territorio possano confrontarsi in maniera seria con Cai. Lo scopo è quello di determinare una nuova e più giusta attenzione nei confronti di tutti gli scali, e in particolare a quelli del sud, fortemente penalizzati".

La Provincia di Cosenza approva i mutui per gli impianti sportivi

18 dic 08 E' stato approvato dalla Provincia di Cosenza il piano dei mutui per l'impiantistica sportiva programmato nel Piano degli investimenti del 2008. Lo riferisce un comunicato. "I Comuni beneficiari - è scritto nel comunicato - potranno nelle prossime settimane attivare le gare d'appalto per la realizzazione degli interventi che la Provincia ha affidato alla loro competenza, mentre gli uffici dell'ente procederanno per gli impianti che rimangono nelle sue competenze". "Anche quest'anno - afferma il presidente della Provincia, Mario Oliverio - il piano dell'impiantistica sportiva che abbiamo posto a totale carico del Bilancio della Provincia, viene portato a buon fine al 100%". " Ringrazio per questo - prosegue Oliverio - il personale tecnico della Provincia che si è prodigato con grande impegno per realizzare questo obiettivo in raccordo costante con tutti i Comuni interessati. Ringrazio ancora il presidente ed i tecnici provinciali del Coni, Pino Abate e gli architetti Reda e Cappa, che si sono messi a completa disposizione, dedicandosi a tempo pieno negli ultimi giorni per l'istruttoria delle nostre pratiche". "Un ringraziamento particolare - aggiunge il presidente della Provincia - rivolgo al senatore Covello, vicepresidente del Credito Sportivo, perché attraverso il suo fattivo contributo il consiglio di amministrazione del Credito sportivo stesso ha approvato l'intero pacchetto dei progetti da noi trasmessi"

Omicidio Mannarino, quattro arresti a Paola

18 dic 08 Sono stati fermati dai carabinieri i presunti autori dell'omicidio di Stefano Mannarino,di 39 anni, avvenuto a Paola il 24 novembre scorso. I fermati sono i fratelli Domenico e Vincenzo La Rosa, la madre Elena Serpa e Stefano Di Vanno, tutti accusati di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla brutalità nell'esecuzione. Ai quattro è stato notificato un provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Paola. I fratelli La Rosa ed il loro amico Di Vanno, che vivono a Roma, erano giunti a Paola il 24 novembre scorso perché, secondo gli investigatori, il giorno successivo avrebbero dovuto partecipare alla messa del trigesimo del fratello Antonello, ucciso il 25 ottobre scorso. I La Rosa avrebbero incontrato Mannarino nell'abitazione della madre dove si è verificato un violento litigio durante il quale la vittima è stata picchiata ed uccisa. Il cadavere è stato poi abbandonato nei pressi di un torrente. Nell'abitazione di Elena Serpa i carabinieri hanno trovato tracce di sangue della vittima e di uno dei due fratelli. Gli investigatori stanno accertando se il delitto è riconducibile ad un ipotetico coinvolgimento di Mannarino nell'omicidio di Antonello La Rosa.

Truffa all’Inps: conti correnti sequestrati ad 11 persone a Bonifati

18 dic 08 Undici conti correnti, per un valore complessivo di 218 mila euro, sono stati sequestrati dai carabinieri nella frazione di Cittadella del Capo a Bonifati. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal gip del tribunale di Paola, Salvatore Carpino, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Stefano Berni Canani. I titolari degli 11 conti correnti, indagati nell'ambito di una inchiesta su una presunta truffa ai danni dell'Inps, avrebbero incassato illegalmente l'assegno sociale. Le persone indagate, utilizzando false autocertificazioni, avrebbero attestato di essere residenti in Italia mentre vivevano stabilmente all'estero, in particolare in Argentina e Uruguay.

De MagistrisChiusa l’indagine Why Not, raffica di avvisi di garanzia. Contestate le intercessioni dei politici. Indagata anche la superteste Merante 17 dic 08 L'affidamento di un servizio di anagrafe bovina e ovi-caprina ad una società, la Sial Servizi Spa, ha portato ad "un ingiusto vantaggio patrimoniale" di 5,7 milioni di euro in favore della stessa società e ha consentito "l'assunzione di 63 lavoratori, strumentale alla creazione di un sistema clientelare (continua)

terremoto nel mare calabreseForte scossa di terremoto al largo della costa tra Paola e Amantea 17 dic 08 Un forte terremoto di magnitudo 5 è avvenuto alle ore 22:57:48 italiane al largo della costa tirrenica calabrese tra Paola e Amantea ad una profondità di 217 chilometri. La scossa e' stata registrata dagli strumenti dell'istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (continua)

RifiutiTraffico di rifiuti pericolosi tra Calabria e Puglia scoperto dalla guardia costiera 17 dic 08 Due imprese ed una cava dismessa di Gioiosa Marina (Taranto) sono state sequestrate dal personale della Guardia di Costiera che hanno denunciato cinque persone. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Gip del tribunale di Paola che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Franco Greco (continua)

Lavoratori VallecratiProtesta Vallecrati, il Sindaco Perugini indignato “Il Comune di Cosenza ha sempre fatto la sua parte” 17 dic 08 "Esprimo grande stupore e fortissima indignazione - dichiara il Sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini - per quanto è accaduto negli ultimi giorni in città in relazione al problema rifiuti, considerato tutto quello che l'Amministrazione Comunale di Cosenza ha fatto da due anni a questa parte per consentire che il sistema Valle Crati non si bloccasse" (continua)

TemporaleMaltempo, a Regione chiede lo stato i calamità naturale. Interrotta linea ferroviaria per mareggiata 17 dic 08 La Giunta regionale della Calabria, su proposta del presidente, Agazio Loiero, ha chiesto al Governo la dichiarazione dello stato di emergenza e il riconoscimento dello stato di calamità sull'intero territorio della Calabria a seguito degli eventi alluvionali degli ultimi giorni. "La richiesta è il frutto di un'approfondita analisi... (continua)

Tribunale di Catanzaro Inchiesta Why Not: Fondi distratti da 12 progetti pubblici. I PM “Un sistema di consenso clientelare”. Dagli illeciti alla guerra tra Procure 17 dic 08 Sono 12 gli interventi pubblici per i quali vi sarebbe stata una distrazione di fondi oggetto dell'inchiesta Why not. Si va dalla bonifica e la riqualificazione ambientale (progetto Red) alla sorveglianza idraulica e prevenzione del rischio di ... ( continua)

Luigi De Magistris Chiusa indagine Why Not, 102 avvisi di garanzia, tra loro tutto il gotha politico calabrese, da Loiero e Chiaravalloti, ad Adamo a Dima. Archiviazione per Prodi 17 dic 08 La Procura generale di Catanzaro ha chiuso l'inchiesta Why Not e, secondo quanto si è appreso, é orientata a chiedere l'archiviazione della posizione dell'ex premier Romano Prodi. La Procura generale ha anche depositato l'avviso di conclusione indagini per 106 persone coinvolte nell'inchiesta. L'avviso non è stato emesso nei confronti di Prodi. ( continua)

Cosenza La protesta della Vallecrati isola Cosenza. Code sulla A3, città paralizzata 17 dic 08 Nuova pesante protesta questa mattina all'alba dei dipendenti della Vallecrati a Cosenza. I lavoratori hanno bloccato per alcune ore lo svincolo di Cosenza Nord dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria e l'autostazione del capoluogo bruzio provocando forti disagi in tutto l'hinterland. Città paralizzata, code di oltre un chilometro sulla A3 allo svincolo di Cosenza centro ed allo svincolo di Montalto Uffugo. ( continua)

Scontro auto-furgone a Corigliano, un morto

17 dic 08 Una donna, Nunzia Varchetta, di 62 anni, è morta in un incidente stradale avvenuto nei pressi di Corigliano Calabro. La donna era alla guida di una Alfa Romeo 146 che, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrata frontalmente con un furgone. Varchetta è morta all'istante. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco.

Irreperibile il duplice omicida di Briatico

17 dic 08 E' ancora irreperibile Francesco Grasso, il pensionato di 69 anni che ieri a Mandaradoni di Briatico ha ucciso due cugini, Vincenzo Rizzo e Vincenzo Grasso, di 69 e 67 anni, dandosi poi alla fuga. Le ricerche di Grasso da parte dei carabinieri sono andate avanti, senza esito, per tutta la notte. Il pensionato ha ancora con sé il fucile col quale ha ucciso i due cugini e sparato contro uno scuola bus, con a bordo sette bambini, che sono rimasti tutti illesi, provocando il ferimento dell'autista, Giuseppe Mazzitelli, di 60 anni. Il movente dell'assassinio di Rizzo e Vincenzo Grasso sarebbe legato a questioni d'interesse, mentre non c'é nulla che spieghi il perché Francesco Grasso abbia sparato contro lo scuola bus. Il pensionato, in passato, aveva manifestato problemi psichici accentuati dal rancore nei confronti dei due cugini, che accusava di averlo danneggiato nella divisione della proprietà di alcuni terreni. Secondo quanto riferito dai carabinieri, Francesco Grasso, che vive da solo in campagna, si sarebbe rifugiato in qualche nascondiglio della zona, che è particolarmente impervia e ricca di anfratti. Una situazione che, al momento, gli ha consentito di sfuggire alla cattura malgrado le pressanti ricerche da parte dei militari. Gli investigatori prendono anche in considerazione l'ipotesi che Grasso possa essersi suicidato.

Sgominata dai CC nel cosentino banda dedita ad estorsioni ai cantieri edili, sei arresti

17 dic 08 I carabinieri hanno arrestato sei persone a Bisignano, Rende e Rota Greca, in provincia di Cosenza, accusate, a vario titolo, di avere messo in atto una serie di estorsioni, accompagnate da atti intimidatori, ai danni di alcuni imprenditori. Le persone arrestate e condotte in carcere sono Salvatore Mirabelli, di 55 anni; Francesco Caruso (48); Francesco Fiore (36), e Franco Arturi (32). Le altre due persone coinvolte nell'operazione, Fabio Falcone (34), e Luca Arturi (28), erano già detenute per altra causa. Gli arresti sono stati fatti dai militari della Compagnia di Rende in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Cosenza su richiesta della Procura della Repubblica. Le estorsioni, iniziate nel 2006, sono state messe in atto, secondo l'accusa, contro alcuni imprenditori edili che avrebbero anche subito minacce ed intimidazioni per costringerli a soddisfare le richieste di denaro.

Carabinieri ViboFollia omicida a Briatico, uccide due cugini e poi si da alla macchia, 69enne ricercato dai CC. Ha anche ferito l’autista di uno scuolabus 16 dic 08 Ha ucciso due cugini, per banali questioni di interesse legate alla divisione della proprietà di alcuni terreni, ed ha sparato senza alcun motivo contro uno scuola bus, sul quale viaggiavano sette bambini, rimasti tutti illesi, solo per ferire l'autista. Sono queste le conseguenze della follia omicida, a Mandaradoni di Briatico, un pugno di case alle porte di Vibo (continua)

Luigi De MagistrisGuerra tra Procure, il CSM “Un conflitto che si poteva evitare” 16 dic 08 Poteva essere evitato "sin dall'inizio" lo scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro, come hanno dimostrato le "doverose iniziative di coordinamento e collaborazione" messe in campo soltanto l'8 dicembre. E' una delle sottolineature che il Csm fa nell'atto di incolpazione a carico del pm di Catanzaro Alfredo Garbati, coordinatore dell'indagine Why not... (continua)

Regione CalabiaGli ex LSU assediano la Giunta regionale. L’esecutivo ribatte “Nessun ritiro provvedimenti” 16 dic 08 Continua anche dopo la conclusione dei lavori dell'esecutivo regionale, la protesta degli ex Lsu stabilizzati dalla Regione che stanno manifestando a Catanzaro nella strada antistante la sede dell'esecutivo. Il presidente Agazio Loiero e gli assessori, al termine dei lavori della giunta (continua)

 

Operaio in gravi condizioni dopo caduta in cantiere a Bisignano

16 dic 08 Un operaio, Cosimo Belsito, di 60 anni, è rimasto ferito in modo grave in un incidente sul lavoro accaduto a Bisignano. Belsito è caduto da una scala, mentre stava lavorando per il montaggio di un silos, battendo la testa. L'operaio, trasportato in elisoccorso nell'ospedale di Cosenza, è stato ricoverato nel reparto di nauchirurugia. La prognosi è riservata.

Incidente mortale sulla 106 crotonese

16 dic 08 Un caposquadra dei vigili del fuoco, Giulio Basile, di 54 anni, di Crotone, è morto in un incidente stradale accaduto lungo la statale 106 jonica, nel territorio di Strongoli. Basile era alla guida di una Peugeot 406 che, per cause in corso d'accertamento, è finita fuori strada. Nell'incidente è rimasta ferita anche la moglie di Basile, che è stata ricoverata nell'ospedale di Crotone con una prognosi di trenta giorni. I rilievi sul luogo dell'incidente sono stati fatti dai carabinieri.

Nuova perizia psichiatrica per il ragazzo che uccise i genitori a Simeri Crichi

16 dic 08 La Corte di assise di Catanzaro potrebbe decidere di disporre una nuova perizia psichiatrica nei confronti di Pasquale De Marco, di 34 anni, accusato dell'omicidio dei genitori, Luigi, di 71 anni, e Maria Campisano, di 59, scomparsi nel giugno del 2007 a Simeri Crichi ed i cui cadaveri vennero ritrovati nell'ottobre successivo nel crotonese. All'udienza di oggi del processo per il duplice omicidio è intervenuto il prof. Goffredo Sciaudone, dell'Università di Napoli, che ha già effettuato una perizia psichiatrica su De Marco. La deposizione del docente universitario non ha chiarito, però, in modo netto se De Marco possa essere definito incapace di intendere e di volere. Pasquale De Marco, che viveva in una villetta di un villaggio turistico, venne fermato quattro giorni dopo la scomparsa dei genitori.

Rapporto dell’AIOP sulla spedalità in Calabria

16 dic 08 Sarà presentato dopodomani l'annuale rapporto Aiop su "Ospedali e Salute" assieme ad un "dossier Calabria" sulla spesa ospedaliera, le passività accumulate e gli sprechi consumati. "Il rapporto, realizzato dalla Società Ermeneia di Roma e promosso dall'Associazione italiana ospedalità privata - è scritto in un comunicato - muove dal grande valore rappresentato dal settore ospedaliero italiano sul piano delle risorse impegnate, pari al 54,90% della spesa pubblica per la salute e dai 12 milioni di cittadini italiani che ogni anno usufruiscono di servizi ospedalieri, con un coinvolgimento del rispettivo ambito familiare. Il rapporto conferma una domanda di servizi continuamente in crescita e sempre più esigente circa i profili di qualità delle prestazioni". "Altro elemento rilevante del rapporto - prosegue la nota - é la necessità di tutelare e anzi promuovere la libertà di scelta del paziente nei confronti della struttura ospedaliera ritenuta migliore e, in parallelo, la libertà di esercizio dell'ospedalità privata, in un quadro di sistema integrato al servizio del cittadino. "Il rapporto, corredato di dati dettagliati - prosegue la nota - riporta la percezione che i cittadini hanno del servizio sanitario, le sue carenze, i disagi derivanti dalle liste di attesa, l'insufficienza dei servizi destinati agli anziani e l'anomalia delle attività 'intramoenia' cioé quel servizio in base al quale, nello stesso giorno, nello stesso luogo e con lo stesso personale si ha un tempo di attesa breve se la prestazione è 'a pagamento' mentre, nella stessa struttura, l'attesa è lunga ed estenuante se non è a pagamento". "Il dossier Calabria - è scritto ancora nella nota - sulla spesa ospedaliera riguarda direttamente il servizio sanitario regionale e fornisce i numeri che spiegano la voragine che si è aperta nella spesa sanitaria e che, molto probabilmente, porterà, da parte del governo nazionale, alla nomina di un commissario. Si tratta in buona parte di quei numeri che hanno portato alle dimissioni dell'assessore Spaziante e che il presidente Loiero, a tutt'oggi, non ha portato all'attenzione del consiglio regionale. Sono numeri che, a quanto pare non sono stati resi noti nemmeno nelle riunioni di giunta ed oggi non sono pochi coloro che non accettano di doverne rispondere". "I numeri - prosegue la nota - nella loro oggettività, aiutano ad individuare i costi impropri che gravano sulla spesa sanitaria e mettono a nudo il ruolo devastante della politica che, per calcoli elettoralistici, ha invaso Aziende sanitarie, corsie e sale operatorie"

Sequestrati a Cassano beni per un milione e mezzo di euro

16 dic 08 La Dia di Catanzaro ha sequestrato beni mobili e immobili per un valore di oltre un milione e mezzo di euro riconducibili ad un presunto affiliato alla 'ndrangheta, Leonardo Portoraro, di 53 anni, di Cassano allo Ionio (Cosenza). Il sequestro è stato fatto in esecuzione di un decreto emesso dalla seconda sezione penale della Corte d'assise d'appello di Catanzaro. I beni sequestrati consistono nel capitale e nel patrimonio aziendale della società Immobilgest Building Construction e nel patrimonio della ditta individuale Portoraro Salvatore, con sede a Francavilla Marittima (Cosenza), oltre ad immobili e depositi bancari. Portoraro, secondo quanto riferisce la Dia, considerato uno degli esponenti di spicco della criminalità organizzata della Piana di Sibari, ha subito condanne per associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione.

Sei arresti per spaccio a Cassano

16 dic 08 I carabinieri hanno arrestato a Cassano allo Jonio sei persone con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Castrovillari, Cataldo Collazzo, su richiesta del pm Clarissa Latella. Le persone arrestate sono Armando Caputo, di 49 anni; Aldo Caruso (45); Giuseppe Parrotta (35); Salvatore Parrotta (34); Aldo Giuseppe Sabino (37) e Salvatore Perciaccante (30). Caruso e Sabino erano già detenuti, il primo in carcere ed il secondo ai domiciliari. Gli arresti sono stati fatti dai carabinieri della Tenenza di Cassano in collaborazione con i militari della compagnia di Corigliano e dello Squadrone eliportato cacciatori di Vibo Valentia e l'ausilio di unità cinofile del Goc di Vibo Valentia. Gli arrestati sono accusati di avere svolto un'intensa attività di spaccio di cocaina ed eroina nell'area di Cassano allo Jonio. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati venti grammi di droga tra eroina e cocaina. Gli arrestati sono stati portati nel carcere di Castrovillari.

De MagistrisGuerra tra Procure, indagati i PM di Catanzaro per l’archiviazione di Mastella. Salerno dissequestra gli atti Why Not 15 dic 08 E stato arrestato dalla Squadra Mobile di Cosenza e dalla Polizia Stradale di Villa San Giovanni, in meno di sei ore, il presunto autore del tentato omicidio avvenuto questo pomeriggio a Cosenza, in Via Popilia nelle case popolari del terzo lotto, ai danni di Andrea Bruno, agente immobiliare. Si tratta di Bruno Giannotta, di 33 anni di Cosenza, incensurato, anche lui agente immobiliare. (continua)

palazzo NiedduProcesso Fortugno, la Regione chiede un risarcimento simbolo molto elevato 15 dic 08 Un risarcimento danni che deve essere "molto elevato", è stato chiesto dall'avvocato Fabio Cutrupi, legale di parte civile per la Regione Calabria nel processo a presunti mandanti ed esecutori dell'omicidio del vice presidente del Consiglio regionale, Francesco Fortugno, che si sta svolgendo a Locri. Una somma ... (continua)

 

Si vuole imbavagliare la stampaPerquisizioni a giornalista del Quotidiano e nella redazione. Corbelli “Così si vìola la libertà di stampa 13 dic 08 Perquisizioni sono state effettuate nell'abitazione del giornalista del 'Quotidiano della Calabria', Paolo Orofino, e nella sede della redazione del suo giornale a Cosenza. Le perquisizioni sono state eseguite dai carabinieri. Al giornalista, secondo quanto si è appreso .. (continua)

FraneMaltempo: Forti piogge, frane, mareggiatee, strade interrotte e Crati esondato. La Provincia di Cosenza mette in moto l’unità di crisi 13 dic 08 Il maltempo e le abbondanti piogge che in queste ore si stanno abbattendo sulla Calabria e sulla provincia di Cosenza hanno provocato nel corso della notte diverse interruzioni e smottamenti in molte zone (continua)

Gli immigrati in protesta a RosarnoGli immigrati, dopo l’agguato subito, protestano per tutta la notte a Rosarno. Coro di proteste 13 dic 08 E' proseguita per tutta la notte la protesta di un gruppo di immigrati che hanno tenuto un presidio alla Periferia di Rosarno dopo il ferimento, ieri, di due stranieri della Costa D'Avorio da parte di persone non identificate. Stamani, dopo aver rimosso il presidio, una delegazione di stranieri ha partecipato ad una riunione con i commissari prefettizi (continua)

Ubriaco alla guida provoca incidente dove muore una donna e viene arrestato

13 dic 08 Un giovane, Lorenzo Guarna, di 27 anni, coinvolto nella serata di ieri in un incidente stradale che è costato la vita ad una donna, Bruna Pintus, di 65 anni, è stato arrestato con l'accusa di omicidio colposo e guida in stato di ebbrezza, dai carabinieri dopo essere risultato positivo alla prova dell'etilometro. L'incidente stradale mortale è avvenuto nella serata di ieri sulla strada statale 106, nella zona dello ionio catanzarese. Guarna, che è stato posto ai domiciliari, era alla guida di un'auto Citroen C2 che si è scontrata con una Fiat 500 della donna, nata a Cagliari ma residente a S.Sostene. I militari intervenuti per ricostruire la dinamica dell'impatto hanno sottoposto il giovane alla prova del'etilonmetro rilevando un tasso di alcool nel sangue pari a 2,5 g/l pari a cinque volte il limite stabilito dalla legge. Sul luogo dell'incidente, oltre ai carabinieri, sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno estratto la vittima dalle lamiere dell'auto.

Intenso lavoro dei CC per le copie degli atti Why Not

13 dic 08 Prosegue con intensità il lavoro dei carabinieri di Salerno e Catanzaro per fotocopiare gli atti dell'inchiesta Why Not. I fascicoli dell'inchiesta sono stati prima sequestrati dalla Procura di Salerno e successivamente controsequestrati dalla Procura Generale di Catanzaro. L'attività di copia degli atti viene svolta negli uffici della Procura generale di Catanzaro dove sono state messe a disposizione quattro fotocopiatrici. I carabinieri di Salerno e del capoluogo calabrese stanno eseguendo duplice copia di tutti gli atti. Il lavoro proseguirà anche domani in modo da poter giungere in tempi rapidi all'ultimazione delle attività. Dopo lo scontro tra i magistrati di Salerno e Catanzaro la Procura Generale di Catanzaro ha dovuto provvedere prima al dissequestro dei fascicoli proprio per consentire ai magistrati di Salerno di poter fotocopiare gli atti. La decisione di provvedere al dissequestro è stata presa dopo un incontro che ha portato all'accordo tra le due procure sottoscritto sotto la supervisione della procura generale della Corte di Cassazione.

Si dimettono sette consiglieri, sospeso il comune di Mongrassano

13 dic 08 Il prefetto di Cosenza, Melchiorre Fallica ha sospeso il Consiglio comunale di Mongrassano. Il provvedimento si è reso necessario dopo che sette consiglieri su 12, Sindaco escluso, hanno rassegnato contemporaneamente le dimissioni dalla carica. Il prefetto di Cosenza, con lo stesso provvedimento ha incaricato della provvisoria gestione del Comune il dott. Carlo Ponte, viceprefetto, conferendogli, oltre ai poteri spettanti al Consiglio, anche quelli spettanti al Sindaco ed alla Giunta comunale.

Costituito il Consorzio Tutela Calabria del Vino

13 dic 08 E' stato costituito il Consorzio di Tutela dei vini Calabresi. Presidente dell'organismo è stato eletto Ippolito Spadafora, di Cosenza; vicepresidente Salvatore Pangallo di Reggio. Sono 23 in Calabria le aree a denominazione di qualità: 10 denominazioni di origine controllata (Doc) e 13 Indicazione geografica protetta (Igt). "Scopo essenziale ed oggetto principale del consorzio - è scritto in un comunicato della Coldiretti - consiste nel tutelare e promuovere l'applicazione dei disciplinari dei 'vini di qualita' prodotti in Calabrià Doc e Igt, alla salvaguardia delle denominazioni da abusi, atti di concorrenza sleale, contraffazioni, uso improprio delle denominazioni tutelate e comportamenti comunque vietati dalla leggi in materia, o comunque atti a trarre in inganno l'acquirente e il consumatore. Vigilare inoltre, sui prodotti similari che, con false indicazioni sull'origine, la specie, la natura e le qualità specifiche dei prodotti medesimi, possono ingenerare confusione nei consumatori e recare danno alle produzioni". "Dopo la sottoscrizione dello Statuto i il presidente Spadafora ed il vice Pangallo hanno voluto esprimere un ringraziamento - riporta la nota - a tutti per la fiducia accordata ed hanno voluto estendere il riconoscimento all'assessore regionale all'agricoltura, Mario Pirillo che lo scorso mese di Luglio ha voluto incontrare presso il Dipartimento i produttori vitivinicoli della Calabria per sollecitare la costituzione del Consorzio. Ringraziamenti anche a tutta la Coldiretti calabrese per il sostegno all'iniziativa".

MastellaGuerra Procure, Salerno indaga sull’archiviazione di Mastella 12 dic 08 E' il cuore dell'indagine, uno dei principali motivi per cui la procura di Salerno dispiegò, il 2 dicembre scorso un centinaio carabinieri che scortarono cinque pm inviati a Catanzaro ad eseguire circa 20 perquisizioni. Obiettivo della missione, che è costato un controsequestro, il conflitto con la procura generale di Catanzaro e l'intervento del Csm,... (continua)

CarabinieriGiallo a Borgia, giovane ucciso con due colpi di pistola sparati a bruciapelo 12 dic 08 Un giovane di 23 anni, Gaetano La Piana, è stato ucciso a Borgia, piccolo centro dell'entroterra catanzarese. Il cadavere è stato trovato all'interno della sua auto in una zona di campagna. Secondo le prime indicazioni, il giovane presenta un foro dietro l'orecchio... (continua)

RosarnoSparatoria ad extracomunitari a Rosarno, due feriti, uno è grave 12 dic 08 Due cittadini extracomunitari sono rimasti feriti piuttosto gravemente dopo una sparatoria avvenuta in contrada Focolì tra Rosarno e San Ferdinando nel reggino. A seguito delle ferie riportate i due sono stati ricoverati nell’ospedale di Polistena. Le due vittime sono state raggiunte da colpi di arma da fuoco sparatie da sconosciuti che... (continua)

Uno scioperoHanno aderito in 30mila alle manifestazioni per lo sciopero in Calabria 12 dic 08 Lo sciopero generale in Calabria ha registrato una grande adesione e partecipazione alle cinque manifestazioni provinciali nonostante la pioggia: lo afferma in una nota il segretario regionale della Cgil, Sergio Genco. "Circa trentamila lavoratori, pensionati, precari, studenti e migranti hanno sfilato per le vie delle Città e partecipato ai comizi conclusivi ... (continua)

Il PG Enzo IanneelliANM bacchetta i PM “Smarrite le regole e la ragione”. Il Csm notifica le accuse. A Salerno i primi riscontri 11 dic 08 Hanno "smarrito" "completamente" "ogni regola e ragione", che sono invece "i fari" da cui "un magistrato non deve allontanarsi mai", i pm di Catanzaro e Salerno protagonisti dello scontro sul fascicolo Why not. E con i loro comportamenti è stata "gravemente messa in discussione la credibilità dell'istituzione giudiziaria nel suo complesso"... (continua)

Una franaMaltempo di lutti in Calabria, tre morti e tanti danni 11 dic 08 Un uomo e' morto dopo esser dato per disperso dopo il crollo, dovuto al maltempo, di un ponte sulla strada provinciale 37 a Polistena, nel reggino. L'uomo, Vincenzo Valerioti, di 55 anni, secondo la ricostruzione fatta dai soccorritori si trovava sotto il ponte lungo una stradina che corre accanto al fiume Vacale.. (continua)

Una bancaNelle banche di Cosenza e in Calabria i tassi di interesse più alti d’Italia 11 dic 08 L'Italia resta divisa a metà per quanto riguarda le condizioni del credito. E tra Bolzano, la città dove le banche praticano i tassi di interesse più convenienti, e Cosenza - al vertice della graduatoria per il caro-denaro - ci sono oltre tre punti percentuali. Lo evidenzia una ricerca realizzata di Unioncamere e Istituto Tagliacarne.. (continua)

EuroRapporto Svimez: Nel 2009 il PIL scenderà di più nel sud 11 dic 08 E' destinato a contrarsi ancora nel 2009 il Pil italiano, con una frenata più brusca nelle regioni del Sud. E' quanto prevede lo Svimez nel Rapporto sulle "Previsioni per le regioni italiane nel 2008 e 2009". A fronte di un calo su base nazionale previsto nell'ordine dello 0,5%, per il prossimo anno lo Svimez si attende un calo generalizzato del pil.. (continua)

Loiero a ParigiIl Presidente Loiero a Parigi al Summit dei premi Nobel per la pace 11 dic 08 Il IX Summit dei Premi Nobel per la Pace, che si è aperto oggi a Parigi (dopo 8 edizioni a Roma), è dedicato al tema "Diritti umani per un mondo senza violenza", in occasione del 60°anniversario della dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Il presidente Loiero ha portato il suo saluto di benvenuto dopo la cerimonia di apertura del Summit da parte ... (continua)

 

Anziana muore investita dall’auto del nipote

11 dic 08 Ha fatto manovra con la sua auto, senza accorgersi della presenza della nonna e l'ha investita provocandone la morte. Il fatto è accaduto a Dinami, nel vibonese. La donna, Maria Teresa Silipo, di 68 anni, è stata investita accidentalmente dal nipote, di 23 anni, bracciante agricolo. Portata nell'ospedale di Vibo Valentia, l'anziana è morta alcune ore dopo il ricovero per schiacciamento toraco-addominale.

Processo Fortugno, il legale della famiglia “Netta su opposizione verso Crea. Movente in interessi sanità”

11 dic 08 "L'ingresso di Domenico Crea nelle liste della Margherita per le regionali non avrebbe rappresentato solo un problema per Francesco Fortugno ma per tutto il partito". Lo ha detto l'avv. Sergio Laganà difensore, assieme al collega Francesco Moio, del fratello e del cognato del vicepresidente del Consiglio regionale ucciso a Locri nell'ottobre del 2005. Laganà ha ripercorso in un lungo excursus le fasi del processo chiedendo alla Corte di accogliere le richieste della pubblica accusa nei confronti degli imputati. "Certo Fortugno - ha detto Laganà - si era più volte opposto all'ingresso di Crea ponendo la questione sul piano morale e la sua posizione era drastica". Gli avvocati Domenico Barresi, in rappresentanza della Provincia di Reggio Calabria, e Giovanni Tringale (Azienda sanitaria 9) hanno presentato alla corte una memoria. L'udienza é stata rinviata a lunedì 15 dicembre con il prosieguo delle parti civili e l'avvio delle arringhe dei difensori degli imputati.
Movente in interessi sanità. "L'omicidio di Francesco Fortugno è un delitto politico-mafioso-affaristico, il cui movente è ruotato sugli interessi della sanità pubblica e privata". E' quanto ha sostenuto l'avv. Antonio Mazzone, legale della vedova Maria Grazia Laganà e dei figli di Fortugno, nell'udienza riservata alle parti civili del processo, in corso a Locri, per l'uccisione del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria. Mazzone ha sostenuto che "sono credibili e attendibili i due collaboratori di giustizia Domenico Novella e Bruno Piccolo" mentre ha definito l'alibi di Giuseppe Marciano, imputato come mandante insieme al padre Alessandro, "falso e precostituito". La conferma, ha sostenuto il legale, viene dal fatto che Marcianò appena arrestato disse ai poliziotti che gli notificavano l'atto di avere un alibi. "La costituzione parte civile della vedova e dei figli di Fortugno - ha detto ancora Mazzone - è stato un obbligo civile e morale". Il legale della famiglia Laganà-Fortugno ha chiesto che vengano accolte le richieste della pubblica accusa.

Archiviata la posizione dei due medici bolognesi coinvolti nella morte della 13enne

11 dic 08 Il Gup di Bologna Michele Guernelli ha archiviato la posizione dei due medici, un chirurgo e un anestesista, che erano stati indagati per omicidio colposo per la morte della tredicenne Sofia C., deceduta per una embolia gassosa il 29 dicembre di un anno fa dopo essere entrata in coma al termine di un intervento di correzione della scoliosi avvenuto nell'istituto ortopedico Rizzoli del capoluogo emiliano. L'archiviazione era stata chiesta dallo stesso Pm Silvia Marzocchi, alla luce della consulenza autoptica collegiale. L'indagine, in pratica, non aveva rilevato un nesso di causalità tra la condotta dei medici - difesi dagli avvocati Giuseppe Giampaolo, Alessandro Monteleone e Pietro Giampaolo - e la morte. Infatti l'autopsia aveva rivelato che l'embolia era stata una complicazione, piuttosto rara, dell'operazione chirurgica (e non della patologia), la cui necessità era stata però confermata dai consulenti dato che la ragazza soffriva di una forma di scoliosi che si stava aggravando. Il 17 dicembre 2007 la ragazzina - originaria di San Martino di Finita (Cosenza) - fu sottoposta a un intervento di 'artrodesi posteriore strumentata', senza alcun problema fino alle fasi conclusive. Mentre però i medici ricucivano la cute, la paziente ebbe un arresto cardiocircolatorio per il quale furono eseguite manovre di rianimazione. Dopo un primo ricovero nella Rianimazione del Rizzoli, per via di una patologia neurologica conseguente all'arresto cardiaco, il giorno dopo fu trasferita al Bellaria, dove poi morì.

Sciopero CGIL, 5 manifestazioni in Calabria

11 dic 08 Sono cinque le manifestazioni previste per domani in occasione dello sciopero della Cgil in Calabria. Tutte con inizio alle 9.30. A Catanzaro parlerà Raffaele Mammoliti, segretario regionale; a Crotone l'altro segretario regionale Massimo Covello e Franco Garufi, del Dipartimento Mezzogiorno della Cgil; a Vibo Valentia Pasquale Aprigliano, anch'egli della segreteria regionale, e Roberto Montagner, segretario della Flai Cgil nazionale; a Cosenza Emilio Miceli, segretario generale della Slc, e a Reggio Calabria il segretario generale della Cgil calabrese, Sergio Genco.

Un ospedaleInfermieri col diploma comprato: 72 arresti tra Cosenza e Roma. Arrestato impiegato ateneo di Roma 10 dic 08 Falsi infermieri che acquistavano i diplomi pagando dagli otto ai diecimila euro. Test di ammissione alla facoltà di medicina e scienze infermieristiche venduti spesso anche in cambio di prestazioni sessuali ... (continua) precedenti Facevano gli infermieri con titoli falsi: 149 indgati, 72 in manette. 20 mln di beni sequestrati. Operazione dei CC tra Cosenza, Crotone e Roma

Luigi De MagistrisGuerra tra Procure, trasferiti altri 5 PM: due da Salerno e tre da Catanzaro. Nell’archivio Genchi controllate 392.000 persone 10 dic 08 Sono cinque i pubblici ministeri di Catanzaro e Salerno per i quali è stata avviata la procedura di trasferimento d'ufficio da parte del Csm. La decisione è stata presa, all'unanimità, dalla Prima commissione di Palazzo dei Marescialli, dove ha sede il CSM l'organo di autogoverno ... (continua)

De Stefano Colpo grosso della Questura di Reggio: Catturato il boss De Stefano. Latitante dal 2003 era con moglie e figli 10 dic 08 Latitante dal 2003, due condanne definitive per complessivi 28 anni di reclusione inflittegli dai tribunali di Messina e Reggio Calabria per traffico di sostanze stupefacenti ed associazione mafiosa; un'ulteriore condanna in primo grado a 30 anni di reclusione comminatagli dalla Corte d'assise di Reggio Calabria per omicidio, rappresentano il curriculum ... (continua)

SilaEcoturismo in crescita, anche in Calabria 10 dic 08 Se la crisi economica e finanziaria ha notevolmente indebolito i flussi turistici, è invece in continua crescita il turismo-natura: è quanto emerge dal VI Rapporto sul turismo-natura, realizzato da Ecotur. Le presenze complessive negli esercizi ricettivi ufficiali delle aree protette infatti sono aumentate nel 2007 a 95.917.153 con un aumento dell'1,79%, mentre il fatturato globale è risultato essere pari a 9,894 miliardi di euro ... (continua)

Maiale al macelloCarne suina irlandese sequestrata a Catanzaro, Cosenza e Crotone 10 dic 08 Quattro lotti di carne suina provenienti dall'Irlanda, per un totale di circa 18 mila chilogrammi, sono stati sequestrati in Calabria. I lotti (due a Catanzaro, uno a Crotone e uno a Cosenza), sono stati sequestrati dai servizi veterinari delle Aziende sanitarie provinciali ... (continua)

 

Latitante calabrese arrestato a Salerno dalle Fiamme Gialle

10 dic 08 Un latitante Giuseppe Barbaro, di 40 anni, e' stato arrestato a Salerno dagli agenti del Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro. Barbaro, ritenuto vicino alle cosche Trimboli e Marando di Platì (Reggio Calabria) era ricercato dal 2007 nell'ambito di un'operazione contro il traffico internazionale di cocaina condotta nella fascia ionica reggina. L'uomo era destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Reggio Calabria. Barbaro è stato sorpreso dai finanzieri calabresi che hanno agito con la collaborazione dei colleghi campani, mentre era intento a fare acquisti nel centro di Salerno in compagnia di un altro calabrese.

Chiesto l’ergastolo al giovane che uccise la fidanzata minorenne a Montepaone

10 dic 08 La condanna all'ergastolo è stata chiesta per Luigi Campise, di 25 anni, accusato dell'omicidio della fidanzata, Barbara Bellorofonte, 17 anni. La richiesta di condanna è stata fatta dal pubblico ministero, Alessia Miele, al termine della requisitoria dinanzi al Gup, Antonio Battaglia, dinanzi al quale è in corso il processo con rito abbreviato. Nel corso della requisitoria è stata ripercorsa la dinamica dell'omicidio ed il movente che, secondo l'accusa, sarebbe riconducibile a motivi di gelosia. Campise è attualmente detenuto perché coinvolto in un'inchiesta della Dda di Catanzaro per altri reati. Per l'omicidio della fidanzata il ragazzo era stato scarcerato, dopo un anno di detenzione, per decorrenza dei termini di custodia cautelare. L'uccisione di Barbara Bellorofonte avvenne dopo che Campise e la vittima si incontrarono a Montepaone. Durante una discussione il giovane sparò quattro colpi di pistola contro la fidanzata, morta venti giorni dopo in ospedale. Il processo proseguirà il 17 dicembre prossimo quando é prevista la sentenza.

Da dieci mesi attende licenza dalla Regione per il parco eolico e occupa gli uffici

10 dic 08 Ha occupato pacificamente la stanza di un dirigente del settore energia della Regione per ottenere l'autorizzazione all'avvio dei lavori di realizzazione di un impianto eolico. Da stamani, un cittadino Romolo Samà, sta protestando negli uffici dell'ente regionale per sollecitare il via libera alla costruzione di una struttura per la produzione di energia eolica progettato nella zona dello Ionio catanzarese, a San Sostene. "Dal 14 marzo - afferma Samà - con la conferenza di servizi é terminato l'iter autorizzativo previsto. Da allora, e sono passati nove mesi - prosegue l'uomo - con la scusa della moratoria attuata in attesa di una nuova legge hanno bloccato il progetto della società danese e l'investimento di milioni e milioni di euro che l'azienda ha preventivato in Calabria per creare ricchezza e posti di lavoro". "Voglio l'autorizzazione - prosegue Samà - e non me ne andrò di qua se non l'avrò ottenuta. Gli uffici della Regione sono anche casa mia e intendo fare valere fino in fondo i miei diritti di cittadino che paga le tasse e deve avere risposte dalle istituzioni"

Droga nelle scuole superiori di Soverato scoperta dai CC

10 dic 08 Cinque grammi di hascisc sono stati sequestrati nel corso di controlli fatti dai carabinieri in alcuni istituti scolastici a Soverato. Ai controlli, che hanno riguardato in modo particolare il liceo scientifico e l'istituto alberghiero, hanno partecipato numerosi carabinieri e unità cinofile. La droga sequestrata era stata già suddivisa in dosi e pronta per essere venduta.

Nuova scossa di terremoto nella zona di Crotone

10 di 08 Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata dagli strumenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia in mare, 12 chilometri a largo della costa calabrese, davanti a Crotone. Secondo quanto reso noto dal Dipartimento della Protezione Civile, le località prossime all'epicentro sono Crotone e Isola di Capo Rizzuto. Dalle verifiche effettuate dalla sala situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Traffico di denaro falso tra la Calabria e la Spagna: 20 arresti

10 dic 08 La Guardia Civil spagnola ha annunciato oggi in un comunicato l'arresto di 20 persone accusate di appartenere ad un'organizzazione internazionale responsabile della distribuzione di denaro falsificato dalla 'ndrangheta. L'operazione, realizzata in collaborazione con Europol, ha portato al sequestro di 150mila euro in biglietti falsi, da 20 o 50 euro ciascuno, che dovevano essere distribuiti in Spagna, Portogallo e in Nord Africa. Gli arresti sono stati effettuati ad Alicante, Valenzia, Murcia, Malaga, Almeria e Lugo, in Galizia. L'inchiesta avviata alla fine dello scorso anno, ha accertato che i membri dell'organizzazione si recavano in Italia per comprare dalla mafia calabrese il danaro falsificato ad un prezzo oscillante fra il 30 e il 40% del valore dei biglietti. Poi il denaro falso veniva trasportato in auto in Spagna.

Luigi De MagistrisScoppia la pace tra le Procure di Salerno e Catanzaro, trovato un accordo. Atti dissequestrati continuano le inchieste 09 dic 08 I procuratori generali di Catanzaro e Salerno hanno raggiunto una intesa 'per superare la paralisi della funzione processuale''. Lo afferma la Procura Generale della Cassazione in una nota in cui si dice che in un incontro svoltosi ieri a Salerno tra i magistrati dei due uffici inquirenti si è svolto un incontro "che ha consentito il ripristino, . ... (continua)

Carne di maialeSequestrati nel cosentino 20 mila chili di carne suina irlandese 09 dic 08 Oltre 20 mila chili di carne di suino proveniente dall'Irlanda sono stati sequestrati in Calabria dai veterinari della Regione dopo l'allerta del ministero della Salute su possibili contaminazioni di diossina. Il sequestro è avvenuto in uno stabilimento del Cosentino a pochi giorni dall'arrivo della carne non ancoa lavorata ... (continua)

Vigili del fuocoIncendio probabilmente doloso a Corigliano, distrutta azienda agrumicola, a rischio 400 posti di lavoro 09 dic 08 Non è stato ancora possibile accertare se sia doloso o accidentale l'incendio sviluppatosi nel capannone dell'azienda agricola Gallo di Corigliano Calabro che ha quasi completamente ... (continua)

Processo FortugnoProcesso Fortugno: il PM chiede quattro ergastoli 09 dic 08 Quattro ergastoli: é la richiesta di condanna fatta dal procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, per presunti mandanti ed esecutori dell'omicidio del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno. Pignatone, intervenuto davanti ai giudici della ... (continua)

DiscaricaLa Regione ha deciso: la discarica di Rossano per i rifiuti di Reggio. Sottile “Unica soluzione” 09 dic 08 La Giunta regionale, per superare la criticità determinatasi a Reggio Calabria in materia di rifiuti ha individuato "come unica soluzione possibile" l'utilizzo della discarica di servizio Tec in località Bucita nel Comune di Rossano. Lo rende ... (continua)

Arrestato in Francia ricercato a capo organizzazione ch sfruttava donne

09 dic 08 Due persone che si erano rese irreperibili dall'ottobre scorso dopo essere sfuggiti all'operazione "Ursaru" condotta dalla polizia contro un'organizzazione dedita allo sfruttamento ed al favoreggiamento della prostituzione, sono state arrestate in Portogallo e Francia. Adrian Nicolae Nica, di 29 anni, ritenuto dagli inquirenti il capo dell'organizzazione, è stato bloccato all'aeroporto di Lisbona mentre era in partenza per la Romania. L'altro arrestato, Lucian Barbu, di 37 anni, è stato fermato in un paesino, Modane, al confine tra l'Italia e la Francia. Gli arresti sono stati effettuati con l'Interpol grazie alla richiesta della Procura di Castrovillari del mandato di cattura europeo ed a seguito delle indicazioni fornite dal Commissariato di Castrovillari.

Scossa di terremoto nel crotonese

09 dic 08 Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata dagli strumenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia poco prima delle 14 in provincia di Crotone. Secondo quanto reso noto dalla Protezione Civile, i comuni più vicini all'epicentro sono Crotone, Cutro, e Isola di Capo Rizzuto. Dalle verifiche effettuate dalla sala situazione Italia del Dipartimento non risultano danni a persone o cose.

Borsa di studio della Regione al bimbo ferito nell’agguato di Melito

09 dic 08 Il piccolo Antonino Lagana', il bambino di quattro anni raggiunto da un proiettile, nel giugno scorso, a Melito Porto Salvo, sparato nel corso di un agguato ad un pregiudicato e recentemente tornato a casa dopo mesi di cure, ha ricevuto oggi la seconda borsa di studio intitolata a Luigi Rende, la guardia giurata assassinata a Reggio calabria da alcuni rapinatori nell'agosto del 2007. "Abbiamo voluto premiare Antonino - ha detto il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova - in ricordo di chi si è immolato per salvaguardare la sicurezza di tutti. Le vicende sono diverse, certamente, ma la memoria di Luigi Rende va conservata e onorata". "Antonino Laganà e la sua famiglia, in tutti questi mesi - ha proseguito - hanno condotto una strenua battaglia, che adesso sembra volgere positivamente. Vogliamo, con questa borsa di studio annuale, che accanto al male ci sia posto per il bene perché in Calabria non si faccia di tutta l'erba un fascio". "Pochi giorni fa - ha detto la madre di Antonino - abbiamo ricevuto qualche buona notizia sulle sue condizioni che ci fa sperare di più sul pieno recupero. Sappiamo che i carabinieri hanno individuato i presunti mandanti dell'agguato ai quali chiedo che si pentano. Colpire i bambini è un atto di crudeltà, per questo, io e la mia famiglia chiediamo una giusta giustizia. Ad Antonino, di questa vicenda, ricorderò soltanto la parte buona, e faremo in modo di garantirgli la massima serenità possibile". Il padre di Antonino, Carmelo, agente di polizia penitenziaria, conversando con i giornalisti presenti alla cerimonia, ha voluto ricordare ''Luigi Rende, mio collega, anche se non della stessa mia amministrazione, caduto per servizio. La Giustizia, finora ha fatto il suo giusto corso". Alla cerimonia della consegna della borsa di studio ad Antonino Laganà, hanno partecipato, visibilmente commossi, anche i familiari di Luigi Rende. Per il segretario questore del Consiglio regionale, Gesuele Vilasi, "la consegna della borsa di studio ad Antonino Laganà vuole rappresentare un simbolo identitario del Consiglio regionale, il parlamento della Calabria che tiene alta la memoria ed il ricordo del sacrificio dei suoi figli migliori in una situazione di particolare difficoltà non solo sul piano dell'ordine pubblico, ama anche su quello civile e sociale".

CSMScontro tra procure: proseguono le audizioni del CSM. PM Bruni "Ero favorevole agli atti a Salerno". De Magistris "Incheiste tolte per coprire verità" 08 dic 08 Il Csm torna domani a occuparsi dello scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro. Davanti alla Prima Commissione di Palazzo dei marescialli sfileranno i pm degli uffici in guerra ... (continua)

Arriva il maltempo, allerta meteo

08 dic 08 Dopo un ponte dell'Immacolata all'insegna del bel tempo, torna il maltempo sull'Italia: già a partire da domani mattina piogge e temporali interesseranno la Sardegna, per poi estendersi nella giornata di mercoledì e giovedì sul resto d'Italia. Previste anche nevicate in pianura. Il Dipartimento della Protezione Civile ha dunque emesso un allerta meteo valido dalle prime ore di domani e seguirà l'evolversi della situazione in stretto contatto con le prefetture e le strutture locali di protezione civile, pubblicando sul proprio sito i bollettini di vigilanza. La perturbazione proveniente dalla Scandinavia porterà, secondo gli esperti, precipitazioni anche molto intense, venti forti e mareggiate, che colpiranno prima la Sardegna e successivamente il resto della penisola. Dalla serata di domani piogge e temporali raggiungeranno prima il nord-ovest, dove sono previste nevicate anche a quote pianeggianti che proseguiranno anche nella mattinata di mercoledì, e poi le altre regioni settentrionali e quelle centrali e meridionali tirreniche. Sempre al centro-sud è inoltre previsto tra mercoledì e giovedì, un aumento sia dei venti sia delle precipitazioni.

Polacco fermato su auto rubata a Rossano finisce in manette

08 dic 08 La polizia ha arrestato Dariusz Wozniak, di 26 anni, di nazionalità polacca, residente a Rossano, con l'accusa di furto, danneggiamento, percosse e resistenza al pubblico ufficiale. Il giovane è stato bloccato a bordo di una Bmw risultata rubata nella vicina Paludi, nella zona di Colagnati di Rossano. Alla vista dei poliziotti ha tentato la fuga ma è stato bloccato. Nel tentativo di sfuggire all'arresto ha aggredito i poliziotti. Dopo una breve colluttazione è stato ammanettato e portato in carcere.

Sequestrati beni per sette milioni nel reggino

08 dic 08 Beni mobili ed immobili per un valore di quasi sette milioni di euro sono stati sequestrati dalla Dia ad un presunto affiliato alla 'ndrangheta, Carmelo Bruzzese, di 59 anni, di Grotteria (Reggio Calabria). Il sequestro è stato disposto dal Tribunale di Reggio Calabria. Bruzzese, secondo la Dia, è sospettato di appartenente alle cosche della 'ndrangheta che gravitano nella zona di Marina di Gioiosa Jonica, ed in particolare a quelle dei Mazzaferro, Ierino', Aquino e Scali, ed ai gruppi della mafia siciliana dei Cuntrera-Caruana, accusate di avere gestito attività illecite in Canada e negli Stati Uniti. Nei confronti di Bruzzese era stata emessa nel settembre del 2007 un'ordinanza di custodia cautelare, su richiesta della Dda di Roma, poi annullata dalla Corte di cassazione, nell'ambito dell'operazione Orso Bruno sull'attività di un'organizzazione criminale con base a Montreal che finalizzata all'acquisizione di appalti pubblici negli Stati Uniti, in Canada ed in Italia. L'organizzazione si sarebbe anche interessata agli appalti per la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina. I beni sequestrati consistono nelle quote e nel patrimonio aziendale di due società, due edifici ed un terreno a Grotteria ed in alcuni automezzi ed altre disponibilità finanziarie che si stanno quantificando.

Tribunale di CatanzaroGuerra tra procure, possibili altri trasferimenti. A Catanzaro paura nel firmare gli atti 07 dic 08 ''Era doverosa da parte del Csm l'apertura della procedura di trasferimento d'ufficio per il procuratore di Salerno Luigi Apicella e per il Pg di Catanzaro Enzo Jannelli, ma la pratica non e' affatto conclusa: dopo le audizioni di martedi' decideremo se c'e' ancora spazio per l'avvio di altre procedure''. A sostenerlo e' il consigliere del Csm . ... (continua)

Luigi De MagistrisIl CSM boccia i PG di Catanzaro e Salerno: trasferiti. PM denudati durante le perquisizioni. Alfano pronto ad attivarsi 06 dic 08 La prima commissione del Csm all'unanimità ha aperto la procedura di trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale e funzionale nei confronti del procuratore di Salerno Luigi Apicella e del procuratore generale di Catanzaro Enzo Iannelli. La decisione è stata presa a conclusione ... (continua)

RifiutiEmergenza rifiuti, Perugini licenzia la Vallecrati ed affida la raccolta ad altre tre società. Emergenza anche nel reggino 06 dic 08 Il sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini, ha emesso un'ordinanza urgente con la quale sospende con effetto immediato l'affidamento alla società Valle Crati del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, ... (continua)

carabinieriNotte di fuoco, per un posto auto, tra calabresi nell’aretino: un morto ed un ferito. Sei arresti 06 dic 08 Nessun legame con la 'ndrangheta o con altre forme di criminalità organizzata. Gli inquirenti sembrano certi che quanto accaduto a Meleto, frazione di Cavriglia in provincia di Arezzo, dove un uomo è stato ucciso la scorsa notte in un conflitto a fuoco, sia il frutto dell' eccessivo nervosismo dei protagonisti. Niente faide ma ... (continua)

PoliziaCosentino ucciso a coltellate in una sala giochi a Prato, si cerca l’assassino 06 dic 08 Un uomo di 55 anni, Pietro Costantino, originario della provincia di Cosenza e residente a Prato, è stato ucciso a coltellate nella tarda serata di ieri in una sala giochi di Prato, in via Pomeria. L'omicida è un altro avventore del locale, riuscito a fuggire. Le indagini sono seguite dalla squadra mobile ... (continua)

MantovanoRuello restituisce l’onorificenza a Napolitano “Intimidito dallo Stato”. Mantovano “Non è vero” 06 dic 08 Il testimone di giustizia Nello Ruello, che a Vibo Valentia ha denunciato i suoi estortori, ha annunciato che restituira' l'onorificenza di cavaliere del lavoro conferitagli, a suo tempo, dal presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro. "Sono stato intimidito dallo Stato - ha detto Ruello - lo stesso che prima partecipa ai convegni contro il racket, invitando i commercianti a denunciare, e poi intima a chi ha denunciato di stare zitto". ... (continua)

 

Arrestato a Locri presunto boss ricercato per droga

06 dic 08 La polizia ha arrestato a Locri un presunto boss della 'ndrangheta, Antonio Cataldo, 44 anni, a capo dell'omonima cosca, ricercato con l'accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso finalizzata al traffico internazionale di droga. L'arresto di Cataldo, la cui cosca è contrapposta da anni a quella dei Cordì, è stato eseguito dal commissariato di Siderno e dalla squadra mobile di Reggio Calabria. Cataldo, rintracciato in un'abitazione, ha tentato la fuga ma è stato subito bloccato dai poliziotti. Secondo quanto riferito dagli investigatori, a carico di Antonio Cataldo pende una condanna in primo grado a 30 anni di reclusione inflittagli di recente. Avrebbe avuto un ruolo importante nella faida contro i Cordì Antonio Cataldo, arrestato la scorsa notte a Locri e considerato uno dei capi dell'omonima cosca della 'ndrangheta. Cataldo aveva acquistato un ruolo di rilievo nella gestione della cosca dopo l'omicidio del fratello Giuseppe, di 36 anni, ucciso a Locri il 15 febbraio del 2005. Omicidio che segnò la ripresa della faida con i Cordì e cui fece seguito, il 31 maggio dello stesso anno, l'assassinio di Salvatore Cordì, capo dell'omonima cosca. Antonio Cataldo, in quanto sorvegliato speciale, era anche sottoposto all'obbligo della firma, prescrizione alla quale ormai da alcune settimane si era sottratto.

Intimidazione ad assessore del comune di Villa

06 dic 08 Un'intimidazione è stata compiuta ai danni dell'assessore alla polizia municipale del Comune di Villa San Giovanni, Pasquale Mamone, al quale ignoti hanno incendiato la barca. A renderlo noto sono stati il capogruppo di Rifondazione comunista alla Regione Nino De Gaetano e il segretario provinciale del Prc Antonio Larosa, esprimendo a Mamone, esponente del Prc, la solidarietà del partito. "Rifondazione comunista - hanno sostenuto De Gaetano e La Rosa - si stringe a Pasquale Mamone vittima di un inqualificabile gesto intimidatorio. Chiaramente le fiamme, nelle intenzioni dei piromani, servono a lanciare un messaggio a Mamone, impegnato in delicati compiti istituzionali e professionali. Siamo certi che altrettanto chiaramente Mamone dimostrerà di saper proseguire nel suo quotidiano impegno senza lasciarsi condizionare da queste indegne attenzioni criminali". "Rivolgiamo a lui e ai suoi cari - hanno proseguito De Gaetano e Larosa - non solo la nostra solidarietà ma anche la garanzia della nostra più affettuosa vicinanza, invitando tutte le forze politiche a stringersi a difesa dell'agibilità democratica del Comune di Villa i cui amministratori sono ciclicamente sottoposti ad inaccettabili pressioni. Auspichiamo che le forze dell'ordine possano fare luce sull'inquietante episodio individuandone movente e responsabili".

Rapinano un prostituta, tre fermi a Corigliano

06 dic 08 I carabinieri hanno fermato a Corigliano tre romeni, Stefan Antohoe, di 28 anni, Andone Enache, di 31, e Gheorghite Suvejanu, di 35, con l'accusa di rapina aggravata. I tre, secondo quanto è emerso dalle indagini dei militari della Compagnia di Corigliano Calabro, sarebbero i responsabili della rapina compiuta ieri sera ai danni di una prostituta. Alla donna, picchiata con calci e pugni, è stata sottratta la borsa contenente 450 euro ed un telefonino. I carabinieri hanno identificato i tre presunti responsabili della rapina grazie alle indicazioni fornite dalla prostituta. Nell'abitazione di Stefan Antohoe i militari, nel corso di una perquisizione, hanno trovato 380 euro in contanti che sarebbero parte, secondo gli investigatori, del provento della rapina. Sequestrata anche l'auto (una Renault Megane) con la quale sarebbe stata messa in atto la rapina. I tre romeni arrestati sono stati portati nel carcere di Rossano.

Rissa in centro accoglienza a Crotone

06 dic 08 Sedici immigrati sono rimasti feriti in una rissa scoppiata ieri sera nel Centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto. La rissa, alla quale hanno partecipato un centinaio di persone, è scoppiata dopo l'arrivo nel centro del pullman che aveva condotto gli immigrati nella struttura dopo averli prelevati da Crotone. I sedici feriti hanno riportato lesioni guaribili tra i tre ed i dieci giorni. Le indagini per identificare i responsabili della rissa e procedere alla loro denuncia sono state avviate dall'Ufficio immigrazione e dalla Squadra mobile della Questura di Crotone.

Antonio SaladinoIl CSM convoca i PM di Salerno e Catanzaro e programma una visita nelle Procure. Istruttoria in Cassazione. Saladino "Ho agito correttamente. Rapporti con Di Pietro non con Mancino" 05 dic 08 Il Consiglio superiore della magistratura ha convocato per domani i capi di Corte e i procuratori di Salerno e Catanzaro. La decisione di ascoltare i magistrati ... (continua)

Lamezia centroAgguato in pieno centro a Lamezia, uomo ferito a colpi di pistola 05 dic 08 Agguato in pieno centro a Lamezia terme. Un uomo di 32 anni, Antonio Villella è stato ferito a colpi di pistola nei pressi di una ricevitoria in via Aldo Moro. L’uomo raggiunto da alcuni proiettili è stato colpito ad una spalla. Successivamente... (continua)

RegioneSpoli System: Il Tar sospende il direttore generale dell’Arpacal 05 dic 08 Il Tar della Calabria ha sospeso la delibera con cui la Giunta regionale, nell'aprile scorso, aveva nominato Vincenzo Mollace direttore generale dell'Arpacal. La decisione è stata presa in accoglimento del ricorso che era stato presentato dall'avvocato Giovanni Spataro, del Foro di Cosenza, per conto dell'architetto Bruno Barbera, l'ex direttore generale dell'Arpacal... (continua)

Portto di GioiaChiusa la visita della Hubner in Calabria “Non solo problemi ma opportunità. Porto Gioia strategico” 05 dic 08 "La Calabria può decollare". Lo ha detto Danuta Hubner, commissario europeo alle politiche regionali, a Lamezia Terme, a conclusione della sua visita in Calabria. Al Centro agroalimentare di Lamezia Terme, incontrando responsabili di aziende e il mondo universitario calabrese, Hubner ha parlato dei vari progetti messi in campo nella regione.... (continua)

EsercitoMaggiori controlli antiterrorismo previsti per Natale. Sotto controllo i centri affollati 05 dic 08 Un rafforzamento dei controlli sul territorio, con le forze di polizia che devono essere "ben visibili" non solo nei luoghi di culto o nelle zone più turistiche delle grandi città, ma anche nei centri commerciali, particolarmente affollati a Natale. E un monitoraggio costante e continuo di internet e di tutti quei luoghi frequentati abitualmente dagli islamici.... (continua)

Processo Fortugno, PM “mandante motivato da movete politico”

05 dic 08 Alessandro Marcianò, accusato di essere stato il mandante dell'omicidio di Francesco Fortugno, fu motivato da un "movente politico". Lo ha detto il pm, Mario Andrigo, nella requisitoria del processo per l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, ucciso a Locri il 16 ottobre del 2005. L'interesse di Marcianò, in particolare, era quello di agevolare Domenico Crea, l'ex consigliere regionale che, come primo dei non eletti, subentrò a Fortugno dopo la morte di quest'ultimo. Crea, comunque, non è mai stato indagato per l'omicidio di Fortugno. Sarà il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, a concludere, con la formulazione delle richieste, nell'udienza fissata per martedì prossimo, 9 dicembre, la requisitoria nel processo per l'omicidio di Francesco Fortugno. La requisitoria non si concluderà dunque oggi, come era stato preventivato quando il presidente della Corte d'assise, Olga Tarzia, ha fissato il calendario delle udienze.

Corte dei Conti: I comuni senza depuratore devono restituire canone acqua

05 dic 08 I comuni che non hanno i depuratori in funzione devono restituire parte del canone percepito dai cittadini quale corrispettivo per l'erogazione dell'acqua. Lo ha sancito la sezione di controllo della Corte dei conti calabrese accogliendo le indicazioni di una recente sentenza della Corte costituzionale (la numero 335 del 10 ottobre 2008) che ha dichiarato l'illegittimità della legge Galli nella parte in cui prevede che la tariffa riferita al servizio di depurazione sia dovuta dagli utenti "anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o che questi siano inattivi". Il parere emesso dai magistrati contabili il 21 novembre scorso apre le porte a centinaia di richieste di rimborso. Basta infatti una semplice istanza per riavere indietro le somme versate negli anni passati. Solo in Sicilia, sono centinaia i comuni con i depuratori inattivi che ora dovranno apporre nei bilanci di previsione appositi capitoli di spesa volti a coprire le istanze che si apprestano a pervenire.

A Corigliano i CC arrestano 3 clandestini

05 dic 08 I carabinieri hanno arrestato a Corigliano Calabro Noradine Hidma, di 36 anni, Rachid Abdulim (19) e Mohamed Asdaoid (27), tutti clandestini di origine marocchina, con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di una perquisizione domiciliare fatta dai militari in collaborazione con i reparti dei Cacciatori di Calabria, sono stati trovati 24 grammi di hascisc suddivisi in nove dosi già pronte per lo spaccio, occultate nella vaschetta dello scarico del bagno. trovati anche un bilancino e altro materiale per il confezionamento delle dosi. Due coniugi sono stati denunciati, nell'ambito della stessa operazione, per favoreggiamento e sfruttamento dell'immigrazione clandestina. I due avevano affittato l'appartamento ai tre extracomunitari.

Sequestrata area demaniale a Corigliano

05 dic 08 La Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha sequestrato un terreno privato, di circa mille metri quadrati, in prossimità del mare, in località San Nicola, dove erano in corso lavori per la costruzione di una recinzione in muratura. Dalle indagini della Guardia Costiera è emerso che i lavori non avevano l'autorizzazione per le opere in prossimità del demanio marittimo poste a meno di trenta metri dal suo confine. Inoltre, per gli interventi non era stato rilasciato il nulla osta paesaggistico previsto dalle norme. All'interno del terreno, nelle operazioni di spianamento, erano stati anche interrati rifiuti speciali costituiti da materiali di risulta di demolizioni edili. Il proprietario del terreno e l'impresa che stava eseguendo i lavori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica.

 

Presidente NapolitanoGuerra tra Procure, si muove il Presidente Napolitano. Catanzaro perquisisce Salerno. Ministro Alfano “Implosione magistratura”. PG Jannelli "Provvedimento eversivo" 04 dic 08 Si è aperto un conflitto dagli esiti imprevedibili tra i magistrati di Salerno e quelli di Catanzaro: 48 ore dopo il sequestro e le perquisizioni ordinati dalla Procura di Salerno a danno dei loro colleghi della Procura Generale e della Procura di Catanzaro è, infatti, scattata un'analoga azione nel capoluogo calabrese. Ma la questione Salerno-Catanzaro è diventato un ... (continua)

IncidenteAuto contro camion, due morti a Tarsia 04 dic 08 Un uomo, Luciano Esposito, di 67 anni, e la moglie Maria Antonia di Giorgio, di 55, sono morti in un incidente stradale avvenuto a Tarsia. L'incidente è avvenuto sulla strada statale 283 "delle Terme". L'auto sulla quale viaggiavano i coniugi Esposito, che vivevano a Torano Castello ... (continua)

CarabinieriAgguato a Taurianova, ucciso bracciante 04 dic 08 Un bracciante agricolo, Vincenzo Vigliarolo, di 46 anni, incensurato, è stato ucciso in un agguato stasera nelle campagne di Taurianova. Vigliarolo è stato assassinato con due colpi di pistola alla testa mentre stava lavorando in un terreno di sua proprietà. ... (continua)

 

Palazzo NiedduProcesso Fortugno: attendibili i collaboratori Novella e Piccolo 04 dic 08 I collaboratori di giustizia Bruno Piccolo e Domenico Novella sono "pienamente attendibili". Lo ha sostenuto il pm Mario Andrigo nella requisitoria del processo a Locri per l'omicidio di Francesco Fortugno. Secondo il pm, Piccolo, quando ha deciso di collaborare, ha raccontato che ad accompagnare Salvatore Ritorto a Palazzo Nieddu... (continua)

MezzogiornoHubner in Calabria, in convegno sullo sviluppo del Mezzogiorno “Investire sui giovani e sui servizi pubblici”. Gli Lsu protestano 04 dic 08 Investire sui giovani e garantire la competitività nei servizi pubblici: sono due delle priorità indicate dal commissario europeo alle politiche regionali Danuta Hubner intervenendo a Reggio Calabria ... (continua)

 

Palazzo dei Marescialli a Roma, sede del CSMIl CSM chiede gli atti alla Procura di Salerno. Girato al Guardasigilli l’esposto di Mastella 03 dic 08 Il Csm ha chiesto alla procura di Salerno il decreto con cui ha disposto le perquisizioni alla procura generale e a quella presso il tribunale di Catanzaro, nell'ambito dell'inchiesta su un presunto tentativo di delegittimare l'ex pm Luigi De Magistris. La decisione di sollecitare l'invio degli atti è stata presa dalla Prima Commissione di Palazzo dei marescialli, che da oggi si sta occupando del caso ... (continua)

CarabinieriUccisa dal marito la donna di Rossano. L’uomo è stato arrestato 03 dic 08 E' stato arrestato dai carabinieri, con l'accusa di omicidio volontario, Antonio Solforino, di 40 anni, accusato dell'assassinio della moglie, Ada Solforino, di 30 anni, uccisa stamattina a Rossano. L'arresto dell'uomo è stato deciso dalla Procura della Repubblica di Rossano a conclusione degli accertamenti svolti per tutta la mattinata ... (continua)

Danuta HubnerLa Hubner in Calabria “Regione col più alto tasso di diplomati e laureati d’Italia” 03 dic 08 "La Calabria è una regione che dispone di un potenziale in larga parte non ancora sfruttato: il numero di giovani in possesso di diploma di scuola secondaria superiore o di livello universitario è tra i più alti in Italia. Essa produce livelli elevati di energia rinnovabile, ma deve anche affrontare le sue debolezze: basso livello di spesa ... (continua)

MarcianòProcesso Fortugno: I mandanti dell’omicidio legati alla cosca Cordì 03 dic 08 Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, presunti mandanti dell'omicidio di Francesco Fortugno, sono legati alla cosca Cordì di Locri. A sostenerlo è stato il pm Marco Colamonici nella requisitoria del processo per l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria ... (continua)

Luigi De MagistrisIl CSM apre una pratica sulla vicenda De Magistris. Bloccate le inchieste Why Not e Poseidone. Il Presidente Mancino “Nessun rapporto con Saladino”. Jannelli "Vilipeso nostro ufficio" 03 nov 08 Il Csm ha aperto una pratica sulla vicenda dei magistrati di Catanzaro indagati dalla Procura di Salerno per le avocazioni delle inchieste Why not e Poseidone al pm Luigi De Magistris. Lo ha reso noto il vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, spiegando che il fascicolo è stato affidato alla prima commissione di Palazzo dei Marescialli. La pratica riguarda sia ... (continua)

L'agguato a MelitoDue arresti per l’agguato a Melito in cui rimase ferito il piccolo Antonino 03 dic 08 Sono state arrestate dai carabinieri le due persone che erano ricercate nell'ambito dell'indagine sul ferimento per errore in un agguato di 'ndrangheta di Antonino Lagana', 4 anni, accaduto il 6 giugno scorso a Melito Porto Salvo. Si tratta di Leonardo e Antonino Foti, di 30 e 26 anni, zio e nipote... (continua)

RossanoDonna uccisa a coltellate a Rossano. Fermato il marito 03 dic 08 Una donna di 30 anni, Ida Solferino, è stata uccisa a coltellate stamani a Rossano, nel Cosentino. Il fatto è accaduto nel centro della cittadina jonica. I carabinieri, intervenuti sul posto, hanno proceduto ad un fermo. Sono stati i familiari della donna a chiamare i soccorsi, ma la trentenne è morta durante il trasporto in ospedale... (continua)

Danneggiati i mezzi per la raccolta dei rifiuti a Castrovillari

03 dic 08 Persone non identificate hanno tagliato le gomme dei semirimorchi della ditta che ha in appalto dal Comune il trasporto dei rifiuti di Castrovillari, di una vettura dell'Ufficio ambiente e di un'altra auto del Settore lavori pubblici. Gli episodi sono stati denunciati ai carabinieri. Nei mesi scorsi anche un dipendente comunale dell'Ufficio ambiente aveva ricevuto danneggiamenti, che sono stati denunciati, alla propria autovettura. "Questi episodi - hanno sostenuto il sindaco, Franco Blaiotta, e l'assessore all'Ambiente, Giuseppe Abbenante - ci preoccupano particolarmente perché, insieme all'incendio doloso di luglio che ha interessato l'area di Campolescia, dove insiste la discarica che l'Amministrazione in un suo progetto ha individuato per essere utilizzata come discarica di servizio con un impianto di valorizzazione per la raccolta differenziata, sembrerebbero muoversi in uno scenario proteso a frenare il nostro impegno per la soluzione del problema rifiuti in città".

Processo faida San Luca, chiesto un ergastolo e 452 anni

03 dic 08 Ergastolo per Santo Vottari, imputato dell'omicidio di Maria Strangio, e 452 anni complessivi di reclusione per gli altri 42 imputati. Sono le richieste del pm Nicola Gratteri nel processo per la faida di San Luca. Nel processo, che si svolge col rito abbreviato, sono imputati presunti affiliati ai clan Nirta-Strangio e Pelle-Vottari, contrapposti nella faida. Il processo è in corso davanti al Gup di Reggio Calabria, Francesco Petrone. Le richieste dell'accusa sono state formulate dal pm Gratteri al termine della requisitoria del processo, scaturito dall'operazione "Fehida". Gratteri è intervenuto per tre udienze insieme ad altri due magistrati della Dda di Reggio Calabria, Federico Perrone Capano e Adriana Fimiani. L'operazione "Fehida" era stata condotta il 30 agosto dello scorso anno, due settimane dopo la strage di Duisburg nel corso della quale vennero uccisi sei presunti appartenenti al clan Pelle-Vottari. La strage in Germania segnò il momento culminante della faida che contrappone le cosche Pelle-Vottari e Nirta-Strangio cominciata nel febbraio del 1991. L'omicidio di Maria Strangio, moglie di Giovanni Luca Nirta, capo della clan avversario, che sarebbe all'origine della strage in Germania, avvenne il 24 dicembre 2006. Nel mirino c'era Nirta, ma i killer uccisero la moglie.

CISL: Incertezza sul futuro dei forestali

03 dic 08 "Sarà ancora una volta una fine dell'anno piena di preoccupazione e di incertezze per i lavoratori della forestazione calabresé". A sostenerlo, in una nota, è il segretario generale della Fai Cisl calabrese, Giuseppe Gualtieri. "Il 2008 è ormai trascorso - prosegue Gualtieri - e i forestali calabresi vivono in un clima di grande incognita. Le province, infatti, per il momento, oltre ad elaborare il piano attuativo per il 2009, hanno più volte manifestato l'impossibilità di accettare il trasferimento delle funzioni per la forestazione essendo tuttora non chiarite alcune perplessità richieste dalle stesse e dalle organizzazioni sindacali. A giudizio della Fai Cisl Calabria, le Province devono già attrezzarsi per sostenere il settore, non solo dal punto di vista occupazionale, quanto sotto l'aspetto dell'organizzazione e della programmazione dell'utilizzo dell'immenso patrimonio forestale della regione, che deve essere sempre più tutelato e valorizzato, ma soprattutto reso produttivo". "Ad oggi - sostiene ancora Gualtieri - non sappiamo che fine farà il comparto forestale, con il numero di lavoratori ridotto al limite e il blocco del turn-over. Il trasferimento dovrebbe essere alle porte, e ciò senza che il sindacato abbia avuto l'opportunità di partecipare ai tavoli tecnici. Il sindacato non viene neppure informato riguardo l'iter del trasferimento, e certamente non accetterà di essere coinvolto soltanto a cose fatte. Se Regione e Afor continueranno a sottrarsi al confronto Fai-Flai e Uila concorderanno eventuali iniziative da intraprendere"

Sequestrata area demaniale marittima a Corigliano

03 dic 08 La Capitaneria di porto di Corigliano Calabro, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Gip di Rossano su richiesta della Procura, ha sequestrato un'area demaniale marittima, in località Schiavonea, di circa 260 metri quadri. Il sequestro è stato motivato dal fatto che la Guardia costiera ha accertato la realizzazione nell'area di opere di pavimentazione abusive utilizzate a fini commerciali senza la concessione demaniale marittima e in assenza della licenza amministrativa. Il responsabile dei presunti abusi è indagato per violazione delle norme del Codice della navigazione in materia di concessioni del demanio marittimo e per violazione della disciplina urbanistico-edilizia-paesaggistica.

Chiamavano senza motivo 115 e 118, due fratelli denunciati nel catanzarese

03 dic 08 Due fratelli, M.R., di 26 anni, e R.A., di 33 anni, di Cardinale, sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri con l'accusa di interruzione di pubblico servizio e procurato allarme. I carabinieri, nel corso delle indagini, hanno accertato che i due giovani, a partire dall'aprile scorso e per tutta l'estate, si erano resi responsabili di numerose telefonate ai numeri di emergenza 115 e 118 in cui formulavano false richieste di intervento per fantomatici incendi o emergenze sanitarie. Le telefonate costringevano gli operatori del 118 o i Vigili del Fuoco a precipitose corse sui luoghi segnalati per scoprire, una volta sul posto, di essere stati allertati inutilmente. Le circa 30 richieste di intervento che sarebbero state fatte dai due fratelli, soprattutto nei mesi estivi, hanno provocato particolare disagio agli operatori del 115 e del 118, costretti a distogliere inutilmente uomini e mezzi dalle reali emergenze. I motivi di tale comportamento sono ora al vaglio degli inquirenti e non si escludono ulteriori sviluppi nella vicenda.

Il Procuratore JannelliMagistrati sotto inchiesta, il PG Jannelli si rivolge al Presidente Napolitano. I CC portano via atti e computer. Si riparla di complotto 02 dic 08 ''Di quanto accaduto oggi ho informato il Capo dello Stato, il Csm ed il Ministro della Giustizia con i quali mi terro' in contatto''. Questa la perentoria dichiarazione rilasciata in serata dal procuratore generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, in merito alle perquisizioni disposte nel suo ufficio ed in quelli di altri magistrati dalla procura di Salerno. Jannelli ha detto di avere inviato una lettera al Capo dello Stato, al Csm ed al Ministro Alfano... (continua)

Una ricevitoriaLa fortuna bacia Rossano: vinti al superenalotto 47 milioni di euro 02 dic 08 Vincita record al Superenalotto realizzata a Rossano in provincia di Cosenza nella ricevitoria dei fratelli Converso dove un anonimo giocatore ha centrato il 6 portando a casa il montepremi da 45 milioni, piu' un superbonus da 2 milioni di euro come vincita per il Superstar centrato. E' la prima volta che il Superstar assegna la vincita per il 6, che da regolamento e' un premio fisso da 2 milioni... (continua)

Loieo e SpazianteL’ospedale di Vibo ricomincia dal nuovo pronto soccorso 02 dic 08 "Occorre attrezzarsi affinché la gente non muoia. Naturalmente tutta la nostra attenzione è puntata sul nuovo ospedale che dovrà essere un ospedale tecnologicamente avanzato". A dirlo è stato il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, intervenendo a Vibo all'inaugurazione del nuovo pronto soccorso dell'ospedale Jazzolino... (continua)

Luigi De MagistrisScontro fra Procure sulle inchieste avocate a De Magistris. Perquisizioni, avvisi, 100 pagine di pesanti accuse. Indagati anche imprenditori. Laboccetta "Una guerra tra magistrati". 02 dic 08 L'inchiesta che oggi ha portato in Calabria diversi magistrati della Procura della Repubblica di Salerno, carabinieri e poliziotti per l'esecuzione di perquisizioni e sequestri, nonche' notifiche di avvisi di garanzia a carico, fra gli altri, di diversi magistrati in servizio a Catanzaro, ha per oggetto anche le due vicende della revoca dell'assegnazione del procedimento cosiddetto "Poseidone" all'allora pm Luigi De Magistris, nonche' l'avocazione allo stesso del pm dell'altra inchiesta denominata "Why not"... (continua) precedenti Magistrati indagati a Catanzaro, in corso perquisizioni in Procura

UEMercoledì la commissaria UE, Danuta Hubner, in Calabria, Loiero “E’ un riconoscimento; abbiamo le carte in regola” 02 dic 08 "La Calabria torna ad essere una regione normale. Non è privo di significati il fatto che la Commissione europea venga qui". Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, presentando la visita dell'on. Danuta Hubner, commissario europeo per le politiche regionali che da domani... (continua)

Copertura in eternit scoperta dalla Polizia provinciale a Rende

02 dic 08 Un manufatto con il manto di copertura in cemento amianto completamente deteriorato è stato sequestrato, a Rende, dagli agenti del Nucleo Ambiente della Polizia Provinciale di Cosenza.. Dal sopralluogo effettuato dagli agenti è emerso che il manto di copertura, per circa 200 metri quadri in diversi punti era deteriorato con evidenti segni di corrosione ed eventuale pericolo di dispersione, a causa degli agenti atmosferici, delle polveri inquinanti nell'ambiente circostante. Una situazione di pericolo per le persone residenti nella zona dove sono presenti numerose abitazioni. L'area è stata transennata per l'avvio della bonifica.

Arrestato a Spezzano Sila uomo accusato di rapina

02 dic 08 Un uomo, Cesare La Valle, di 42 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Spezzano della Sila con l'accusa di rapina. L'arresto di La Valle è stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Cosenza. L'uomo deve rispondere della rapina compiuta nel comune del cosentino nel giugno del 2007. L'uomo, prima di compiere la rapina, aveva accusato un malore ed era stato soccorso dai presenti. Ripresosi, il rapinatore aveva impugnato un taglierino e si era fatto consegnare 14 mila euro in contanti, per poi dileguarsi. I carabinieri sono risaliti all'identità dell'uomo grazie alla descrizione fatta dalle persone presenti al momento della rapina e agli esiti delle indagini del Ris di Messina.

Aggredisce la moglie, uomo in manette a Lamezia

02 dic 08 I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato a Lamezia Terme, R.F., di 34 anni, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. L'uomo, sposato e con figli, dopo l'ennesimo episodio di violenza nei confronti della moglie, consumato tra le mura domestiche, è stato bloccato e riportato alla calma dai militari intervenuti su richiesta della donna che ha raccontato quanto accaduto mostrando ai militari anche le lesioni. In seguito ad accertamenti i carabinieri hanno scoperto che quello non era l'unico caso di violenza. In passato, infatti, ve ne erano stati altri, alcuni denunciati dalla stessa vittima.

La casa della tragediaFolle tragedia a Catanzaro, madre infanticida durante una lite col marito 01 dic 08 Ha prima tentato di uccidere il convivente colpendolo con un coltello da cucina e avventandosi su di lui a morsi e poi, quando la figlioletta di soli quattordici giorni si è ... (continua) Aggiornamenti precdenti: Madre scaraventa figlia di 14 giorni a terra, che muore, durante lite col marito, a Catanzaro. Ora è sotto choc - Accusata di omicidio volontario la madre infanticida di Catanzaro

Tano GrassoConvegno contro l’usura con il sottosegretario Mantovano a Lamezia. Tano Grasso “Cresce la voglia di reagire delle imprese” 01 dic 08 "C'é una fase assolutamente positiva in cui cresce la voglia di reagire da parte del mondo imprenditoriale, ma non facciamoci illusioni". Lo ha sostenuto .... (continua)

Aeroporto LameziaRipristinato un volo Alitalia a Lamezia 01 dic 08 Alitalia ha ripristinato un volo da Lamezia Terme per Roma. E' quanto riferisce la Sacal, la società di gestione dell'aeroporto di Lamezia Terme. "E' questo l'immediato ... (continua)

Francesco FortugnoProcesso Fortugno, requisitoria: vicepresidente ucciso da proiettile di rimbalzo. Sua morte messaggio a Loiero 01 dic 08 "Fortugno è morto per puro caso. Solo uno dei cinque proiettili sparati ha colpito un'arteria, per una questione di rimbalzi, causando la morte". A dirlo è stato il pm Marco Colamonaci ... (continua)

La Provincia di Cosenza presenta il bilancio sociale 2007

01 dic 08 Il Bilancio Sociale 2007 della Provincia di Cosenza è stato presentato stamani nella Sala degli Specchi dinanzi ad un numeroso pubblico di sindaci, amministratori e professionisti. Il secondo bilancio dopo la prima edizione riferita all'anno 2006 e predisposto secondo le "Linee guida per la rendicontazione sociale negli Enti Locali" dell'Osservatorio per la Finanza e la Contabilità degli enti Locali del Ministero dell'Interno. Una suddivisione puntuale in tre diverse parti conferisce al documento un'agevole lettura, semplice e immediata anche per i non addetti ai lavori: una prima parte da un profilo introduttivo dell'Ente e della sua strutturazione, assieme ad un'analisi del contesto economico, sociale, politico, ambientale e culturale, la seconda mette a fuoco l'attività portata avanti dall'Ente nel corso del 2007, la terza, infine, raggruppa, in maniera aggregata, le principali voci patrimoniali ed economico-finanziarie. "E' - ha detto il presidente della Provincia, Mario Oliverio - nostro primario intento, concretizzato nella redazione del Bilancio Sociale rendere trasparenti e leggibili le attività condotte dall'Ente, a fronte di un deficit di trasparenza che ha sfibrato il Paese e la stessa democrazia, ci teniamo a far sapere come vengono utilizzate le risorse e, soprattutto, ci preme far conoscere quali sono gli effetti prodotti sul territorio in termini di crescita ed opportunità di sviluppo. Pur agendo al di fuori di un quadro finanziario di riferimento certo e, quindi, operando uno sforzo economico di grande portata, abbiamo puntato sugli investimenti per dare scuole e, specialmente, sicurezza nelle stesse ed abbiamo cercato di dare una 'casa' alla Provincia eliminando fitti passivi per cifre come un milione e trecento euro annui. Costi ridotti anche per effetto dell'implementazione dell'edilizia scolastica. Un altro punto di orgoglio è quello di essere intervenuti in maniera sistematica sui 3.200 chilometri di strade provinciali per il loro ammodernamento e messa in sicurezza. Ed in materia sanitaria, pur in assenza di competenze stabilite per legge, ci siamo adoperati puntando sulla direttrice della prevenzione: la disponibilità di un camper attrezzato per l'esecuzione di mammografie e pap test che raggiunge tutti i Comuni della provincia, l'avvio di uno screening per le morti improvvise che ha come target gli alunni delle ultime classi degli istituti superiori, l'acquisto di 200 defibrillatori di cui dotare il territorio, soprattutto le aree non servite da presidi ospedalieri sono iniziative che vanno in questa direzione". "Siamo, pertanto, fieri - ha concluso - di quanto fatto e continueremo con impegno a prodigare, non tralasciando il sostegno messo in campo per le piccole e medie imprese, attraverso la destinazione di un milione e duecentomila euro a sostegno dei Confidi per le garanzie sul credito. Si è trattato, in molte occasioni, di precorrere i tempi anticipando situazioni che poi ci hanno dato ragione del nostro buon operare, della sana amministrazione condotta che ci ripaga di ogni fatica intrapresa". La presentazione del Bilancio Sociale è stata introdotta dall'Assessore Rachele Grosso Ciponte, che ha sottolineato "il valore del documento teso a dimostrare ai cittadini qualitativamente e quantitativamente l'operatività dell'Amministrazione, frutto di passione, impegno continuo e improntato alla più alta innovazione". I lavori, coordinati dal giornalista Roberto de Santo, si sono arricchiti del contributo dell'Assessore Regionale al Bilancio Demetrio Naccari Carlizzi, del professore ordinario di Ragioneria degli Enti Locali presso l'Università Parthenope di Napoli, Stefano Pozzoli, del Preside della facoltà di Economia dell'Università della Calabria Franco Rubino, del Professore Ordinario di Programmazione e Controllo della P.A. dell'Università "Bocconi " di Milano, Fabrizio Pezzani, del Dirigente del Settore Bilancio e Programmazione della Provincia Vincenzo Molinari, che ha illustrato i dati più significativi del documento.

Summit sulla sicurezza mercoledì a Paola

01 dic 08 Dopo i due delitti di Paola il prefetto, Melchiorre Fallica, ha convocato per il 3 dicembre una riunione di Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. L'incontro, presieduto dallo stesso rappresentante di governo e che vedrà la partecipazione dei vertici delle forze di polizia, si occuperà esclusivamente delle problematiche di pubblica sicurezza discendenti dagli episodi delittuosi verificatisi nel territorio comunale. Il Prefetto, per quel che attiene allo stato della sicurezza pubblica nel rimanente territorio del Tirreno cosentino, si è riservato di indire una nuova riunione, proprio in considerazione del carattere prioritario della situazione determinatasi nel paolano.

Mercoledì 3 dicembre i sordi protestano davanti le prefetture di tutta Italia

01 dic 08 Sit in di protesta dei sordi, davanti alla prefettura di ogni città, dopodomani 3 dicembre, in occasione della Giornata mondiale delle persone con disabilità: li ha promossi l'Ens (ente nazionale sordi), per ricordare che "milioni di cittadini invisibili chiedono da 60 anni di essere cittadini visibili e attivi della società e che i diritti ancora negati alle persone sorde sono una gravissima discriminazione che lede la dignità dell'uomo". In particolare, l'Ens chiede al Governo e al Parlamento italiani: la piena applicazione del contratto di servizio Rai "inspiegabilmente disatteso, che in questi ultimi 15 giorni ha drasticamente ridotto i programmi sottotitolati"; la ratifica della Convenzione dell'Onu sui diritti delle persone con disabilità firmata dal governo italiano il 30' marzo 2007; il riconoscimento della Lingua italiana dei segni. I sordi italiani si ritroveranno in contemporanea, il 3 dicembre, presso le sedi della Prefettura di ogni città, "per chiedere alla società piena solidarietà e al Parlamento azioni concrete e immediate alle nostre richieste"

Avevano danneggiato auto questa estate a Ricadi, 4 giovani campani denunciati dai CC

01 dic 08 Sono stati individuati e denunciati in stato di libertà dai carabinieri della Compagnia di Tropea i responsabili di alcuni danneggiamenti di auto avvenuti l'estate scorsa a Ricadi. Si tratta di quattro giovani campani residenti nella provincia di Bologna, A.A. di 21 anni, A.D. (20), F.F. (22) e S.L. (20), i quali, nella notte del 14 agosto, a seguito di un diverbio avuto con un avventore di una discoteca, a Capo Vaticano, hanno incendiato la sua auto, una Fiat 600, in località Frizza, dandosi poi alla fuga. Secondo quanto è emerso delle indagini, i militari di Spilinga li avrebbero individuati anche come i responsabili di ulteriori danneggiamenti di auto avvenuti nella successiva notte del 16 agosto. In particolare si tratta di una Jeep Cherokee e di una Citroen C3, il tutto avvenuto nei pressi di un'altra discoteca della zona. I quattro sono accusati di danneggiamento con l'aggravante dei futili motivi.

Discariche abusive sequestrate nel vibonese

01 dic 08 Una serie di discariche abusive sono state scoperte da personale del Corpo forestale dello Stato nel vibonese. A Gerocarne sono state trovate due discariche. In entrambi i casi gli agenti della forestale hanno trovato un cospicuo numero di pneumatici abbandonati in maniera incontrollata. Un'altra discarica è stata trovata nel comune di Sorianello dove erano stati gettati rifiuti speciali ed urbani quali pneumatici, materiale di risulta proveniente da demolizioni di fabbricati e da interventi edilizi, materiale plastico e ferroso, elettrodomestici vecchi. L'area è risultata essere di proprietà demaniale. A Dasà, gli uomini della forestale hanno scoperto un'area all'intero della quale erano state abbandonate oltre 50 lastre di eternit di varie misure. Infine, gli agenti della forestale hanno trovato, nella foresta regionale Prasto, a Gerocarne, dei lacci di acciaio posti per catturare i cinghiali. La pratica, benché illegale, é piuttosto frequente in provincia di Vibo Valentia.

Per le altre notizie consulta gli archvi

Archivio 2008

Per le notizie di Gennaio premi qui | Febbraio premi qui | Marzo premi qui | Aprile premi qui | Maggio premi qui | Giugno premi qui | Luglio premi qui | Agosto premi qui | Settembre premi qui | Ottobre premi qui | Novembre premi qui |

Archivio 2007

Per le notizie di Gennaio premi qui | Febbraio premi qui | Marzo premi qui | Aprile premi qui | Maggio premi qui | Giugno premi qui | Luglio premi qui | Agosto premi qui | Settembre premi qui | Ottobre premi qui | Novembre premi qui | Dicembre premi qui |

2006

Per le notizie di Dicembre premi qui | Novembre premi qui | Ottobre premi qui | Settembre premi qui | Agosto premi qui | Luglio premi qui | Giugno premi qui | Maggio premi qui | Aprile premi qui | Marzo premi qui | Febbraio premi qui | da 13 al 31 Gennaio premi qui

2005

Per le notizie dal 22 dicembre al 12 gennaio premi qui | dal 25 novembre al 21 dicembre premi qui | dal 7 al 24 novembre premi qui | dal 15 ottobre al 6 novembre premi qui | dal 23 settembre al 14 ottobre premi qui | dal 23 agosto al 22 settembre premi qui | dal 1 al 24 agosto premi qui | dal 11 al 31 luglio premi qui | dal 24 giugno al 10 luglio premi qui | dal 18 maggio al 5 giugno premi qui | dal 18 maggio al 5 giugno premi qui | dal 28 aprile al 17 maggio premi qui | dal 15 al 27 aprile premi qui | dal 1 al 15 aprile premi qui | dal 16 al 31 marzo premi qui | dal 22 febbraio al 15 marzo premi qui | dal 9 al 21 febbraio premi qui | dal 27/1 al 8 febbraio premi qui | dal 18 al 26 gennaio premi qui | dal 30/12 al 17 gennaio premi qui

2004

Notizie dal 18 al 29 dicembre premi qui | dal 30 movembre al 17 dicembre premi qui | dal 18 al 29 novembre premi qui | dal 10 al 17 novembre premi qui | dal 28 ottobre al 9 novembre premi qui | dal 19 al 27 ottobre premi qui | dal 10 al 18 ottobre premi qui | dal 2 al 9 ottobre premi qui | dal 29/9 al 1 ottobre premi qui | dal 14 al 28 settembre premi qui | dal 19 al 26 settembre premi qui | dal 5 al 13 settembre premi qui, dal 31 agosto al 4 settembre premi qui, dal 23 al 30 agosto premi qui, dal 12 al 22 agosto premi qui, dal 27 luglio al 11 agosto premi qui, dal 19 al 26 luglio premi qui, dal 10 al 18 luglio premi qui, dal 6 al 9 luglio premi qui, dal 2 al 5 luglio premi qui, dal 29 giugno al 1 luglio premi qui, dal 24 al 28 giugno premi qui, dal 20 al 23 giugno premi qui, dal 11 al 19 giugno premi qui, dal 6 al 10 giugno premi qui, dal 1 al 5 giugno premi qui, dal 28 al 31 maggio premi qui, dal 23 al 27 maggio premi qui, dal 18 al 22 maggio premi qui, dal 13 al 17 maggio premi qui, dal 8 al 13 maggio premi qui, dal 3 al 7 maggio premi qui, dal 28 aprile al 2 maggio premi qui, dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © dal 2004 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti