HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca

 

Godfather: Decimato il clan dei Muto. 21 arresti. Sequestrate attività commerciali.

27/05 E' terminata con 21 arresti l'operazione condotta questa mattina dai Carabinieri sul Tirreno, iniziata alle prime luci dell'alba. Nella rete tesa dagli inquirenti sono caduti anche i quattro figli del boss della 'ndrangheta Francesco Muto, di Cetraro, soprannominato il ''re del pesce", tra le 21 persone arrestate dai carabinieri nell'ambito dell'operazione denominata "Godfather" coordinata dalla Procura distrettuale di Catanzaro. Junior e Luigi Antonio Muto, di 26 e 42 anni, sono stati portati in carcere, mentre per Giuseppina e Mary Muto, di 40 e 31 anni, sono stati disposti gli arresti domiciliari. Analogo provvedimento è stato adottato anche per la moglie di Muto, Angelina Corsanto, di 61 anni. Arrestati e condotti in carcere inoltre due generi di Muto, Scipio Giuseppe Marchetti, di 40 anni, ed Andrea Orsino, di 34, mariti, rispettivamente, di Giuseppina e Mary Muto. I provvedimenti restrittivi emessi dal Gip distrettuale Massimo Forciniti, su richiesta del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Mariano Lombardi, e del sostituto procuratore distrettuale Eugenio Facciolla sono stati 22, ma uno non è stato eseguito poiché il destinatario è risultato irreperibile. Si tratta dell'imprenditore Domenico Andreoli, di 50 anni, il quale, secondo l'accusa, avrebbe svolto lavori pubblici in subappalto per conto della cosca Muto. Il gip ha anche emesso cinque provvedimenti di divieto di dimora nei confronti di altrettante persone che, secondo l'accusa, avrebbero svolto un'attività di supporto agli interessi della cosca Muto. Si tratta, in particolare, di due impiegati di banca, di un maresciallo dei vigili urbani di Cetraro, di un commercialista, E e di un impiegato dell'ospedale di Cetraro. Il procuratore Lombardi ed il sostituto procuratore Facciolla, incontrando i giornalisti a Paola insieme agli uffici del Comando provinciale di Cosenza dei carabinieri che hanno eseguito l'operazione (nella foto) , hanno sottolineato il livello di penetrazione che la cosca Muto avrebbe posto in atto negli ultimi anni in molte attività economiche e commerciali di Cetraro e di altri centri dell' alto Tirreno cosentino. Settore privilegiato, in questo senso, era la vendita e la distribuzione del pesce, ma il gruppo controllava anche molte attività commerciali al dettaglio ed all'ingrosso. Da qui il sequestro, disposto dallo stesso gip Forciniti, di alcune pescherie, negozi di abbigliamento, di una yogurteria, di un bar e di una pasticceria. Francesco Muto non è rimasto coinvolto nell'operazione poiché nel periodo preso in considerazione dalle indagini, compreso tra il 2001 ed il 2003, era detenuto. Periodo nel corso del quale la gestione delle attività della cosca sarebbe stata assunta dai figli, dalla moglie e dai generi del boss. Alla cosca Muto vengono attribuite anche una serie di truffe messe in atto non pagando le forniture delle attività commerciali gestite dallo stesso gruppo criminale. Nelle carte dell'inchiesta condotta dalla Dda c'è anche un caso di lupara bianca riguardante un imprenditore, Romano Pepere, ucciso nel 2000 ed il cui cadavere venne fatto sparire. Un tempo affiliato alla cosca Muto, Pepere, secondo gli investigatori, avrebbe tentato successivamente di gestire in proprio una serie di attività criminali esponendosi così alla vendetta del gruppo criminale dominante. La responsabilità della cosca Muto nell'assassinio di Pepere viene comunque soltanto ipotizzata dall'accusa nei confronti degli arrestati, ai quali non viene contestata l'accusa di omicidio. Le altre persone arrestate dai carabinieri nell'ambito dell'operazione Godfather e portate in carcere sono Federico Serafino Bianco, di 30 anni; Nicola Celi (36); Rubens De Ponzio (43); Gianluigi Di Cunto (23); Pier Matteo Forestiero (31); Emilio Iacovo (41); Michele Iannelli (29); Antonio Mandaliti (47); Ignazio Francesco Russo (35); Michele Siciliano (32); Maurizio Tommaselli (47); Carmelo Valente (40) e Franco Valente (42). Gli arresti domiciliari sono stati disposti anche per Antonietta Loredana Galliano (41).

Quattro ore di sciopero per la vertenza Polti

27/05 Cgil, Cisl ed Uil hanno proclamato per domani lo sciopero generale di 4 ore a fine turno dei lavoratori dell'area del Savuto. La decisione è stata assunta, si fa rilevare, "in difesa dei diritti costituzionali e dello statuto dei lavoratori" dopo che l'azienda Polti, "con arroganza e prepotenza - è scritto in un comunicato -, non ha inteso presentarsi al confronto promosso dalla Prefettura e dall'Assessorato Provinciale al Lavoro. Cgil, Cisl, Uil, Fiom, Fim e Uilm, insieme all'assemblea dei lavoratori riunita davanti ai cancelli della Polti hanno proclamato lo sciopero generale "per l'immediato ritiro dei licenziamenti". I lavoratori ed i sindacati invitano i cittadini, le associazioni, le istituzioni locali, le forze politiche e sociali del Savuto, gli studenti, a sostenere i lavoratori in lotta. "Il Governo tramite il ministero delle attività produttive; la Giunta regionale tramite l'assessorato all'industria - scrivono i sindacati - si attivino immediatamente per imporre a Polti il ritiro dei licenziamenti e la composizione di un tavolo negoziale". Il programma dello sciopero prevede il concentramento dei lavoratori alle ore 9,30 nella piazza antistante alla stazione ferroviaria di Piano Lago. La manifestazione finale si terrà davanti ai cancelli della Polti. Sul caso del licenziamento di tre operai alla Polti di Piano Lago, "le istituzioni hanno scelto la linea del disinteresse mentre la proprietà ha scelto la linea dello scontro frontale". A sostenerlo è stato il segretario regionale di Rifondazione comunista, Rocco Tassone, che ha anche reso noto che la Fiom e la Cgil hanno proclamato uno sciopero generale comprensoriale della Valle del Savuto per sabato mattina. "A Cosenza - ha sostenuto Tassone - si è tenuto il tavolo di trattativa convocato dall'Assessore provinciale al lavoro e patrocinato dalla Prefettura per affrontare il caso dei tre licenziamenti effettuati dalla Polti Sud di Piano Lago. Era assente il Prefetto. Era assente la proprietà. La famiglia Polti ha annunciato che non ritirerà assolutamente i licenziamenti e non si siederà ad alcun tavolo di trattativa fino a quando permarrà lo stato di agitazione dei lavoratori. Insomma, le Istituzioni hanno scelto la linea del disinteresse mentre la proprietà ha scelto la linea dello scontro frontale. I lavoratori non intendono mollare e la tensione è ovviamente alle stelle". Tassone ha quindi lanciato un appello a tutti i segretari regionali dei partiti del centrosinistra ed agli eletti al Parlamento ed al Consiglio regionale invitandoli "a concordare una riunione congiunta per valutare le iniziative da attivare presso il Ministero del Lavoro e quello degli Interni per obbligare la proprietà a rinunciare alla linea dello scontro frontale coi lavoratori e col sindacato e a sedersi al tavolo delle trattative". "Piena solidarietà e sostegno alla lotta dei lavoratori socialmente utili, a quelli di pubblica utilità, a tutti i precari della nostra regione ed ai lavoratori della Polti" esprime Pino Commodari, della direzione regionale del Prc. "Siamo stati facili profeti - dice Commodari - quando abbiamo sostenuto che anche l'ultima legge regionale sulla cosiddetta "stabilizzazione", non avrebbe stabilizzato alcun lavoratore. Purtroppo, anche questa volta i lavoratori non hanno trovato alcun interlocutore della Giunta regionale di centro destra. Nè Chiaravalloti, nè l'Assessore regionale al lavoro, nè alcun componente della Giunta. L'unico ad essere presente, per ricevere i lavoratori, il capo di gabinetto. Non ci aspettavamo altro da una Giunta regionale che nel corso della sua esistenza non si è mai posta la necessità di una seria politica per il lavoro nella nostra regione. Non se la è posta - conclude - nè per i disoccupati, nè per i precari, nè per tutti coloro che perdono il posto di lavoro a seguito della chiusura di aziende, che oramai si contano quotidianamente".

Inaugurato nel centro Storico il Largo dei Cavalieri del Santo Sepolcro

27/05 Con lo scoprimento di una apposita targa è stato inaugurato ufficialmente, nell’area del Duomo di Cosenza, il Largo Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. “L’iniziativa – ha detto il Sindaco Eva Catizone ai cavalieri e alle dame dell’Ordine equestre - nasce dalla nostra azione congiunta. L’Amministrazione ha raccolto la vostra istanza – ha proseguito il Sindaco – così come deve fare ogni buon governo, soprattutto nei confronti di chi esprime il desiderio di stabilirsi nel Centro Storico, tanto amato dai cosentini. Personalmente – ha concluso Eva Catizone – sono lieta del fatto che questo spazio sarà segnato fisicamente da ora in poi dalla vostra presenza”. L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, costituito nel 1099 da Goffredo di Buglione durante le crociate, è un'associazione laica aperta anche agli ecclesiastici, regolata dal Diritto canonico ed alla quale il Pontefice affidò la missione speciale di assistere la Chiesa in Terra Santa e di rafforzare nei suoi membri la pratica della vita cristiana. “Il senso moderno della esistenza dei Cavalieri – ha detto Mons. Giuseppe Agostino – è quello di contestualizzare l’attenzione della Chiesa per la terra di Gesù Cristo, oltre che preservare la memoria storica del loro compito. E’ significativo – ha concluso Mons. Agostino – che oltre ad essere nel Centro Storico, la sede dell’Ordine Equestre sia collegata alla Cattedrale. In questo senso ha un valore non solo culturale ma anche spirituale”. Il Preside della Sezione di Cosenza dell’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro, dott. Aldo Scarpelli, ha poi annunciato la prossima investitura di nuovi Cavalieri in una cerimonia che si svolgerà in Cattedrale sabato 19 giugno alle ore 18,00.

Disservizio idrico per lavori al Merone. La parte sud senz'acqua.

27/05 A causa dei lavori di riparazione sulla condotta adduttrice Merone, l’Amministrazione Comunale provvederà alla interruzione della erogazione idrica in alcuni quartieri cittadini. L’acqua mancherà domani, venerdì 28 maggio 2004, dalle ore 9,00 alle 16,00 nelle seguenti zone: Via Portapiana; Archi di Ciaccio; Via del Liceo; Via Gaetano Argento; Via Giostra vecchia; C/so Vittorio Emanuele; Via Tommaso Arnone; Via G. Sambiase; Via Oberdan; C/da Macchia della Tavola; Donnici Inferiore; C/da Ciomma; Fiego; Lucida; S.Elia; Timpone degli Ulivi; C/da Guarassano; C/da Tenimento; Ospedale Civile dell’Annunziata e le utenze collegate sull’acquedotto del Merone nella località di Piano Lago. Una riduzione della portata interesserà anche le restanti parti del Centro Storico e la zona centrale della città.

Giunta Catizone: Il Prof. Roma riconferma la sua rinunzia

27/05 (Uscc) Il prof. Giuseppe Roma, fino a pochi giorni fa assessore al Turismo Culturale del Comune di Cosenza, ha scritto una lettera al Sindaco Eva Catizone. Questo il contenuto: “Come noto, nel corso della seduta pubblica del Consiglio Comunale del 25 maggio 2004, alcuni consiglieri, pur non avendo titolo ad esercitare un’ingerenza rispetto al suo recente provvedimento di nomina e di conferma degli assessori, che riguarda unicamente le persone interessate, salvo restando il controllo politico-amministrativo sull’operato della Giunta, hanno ipotizzato che io sarei cessato dalla carica di assessore perché lei mi avrebbe revocato. Con la presente, pertanto, anche al fine di evitare il ripetersi di una non consentita ingerenza nelle determinazioni riservate alla sua esclusiva competenza accompagnata con pretestuose affermazioni non conformi a verità, reputo doveroso “riconfermare” la mia rinunzia alla predetta carica di assessore, a lei già comunicata alcuni giorni fa, senza che alcun rilievo possa assumere la modalità di presentazione del suddetto atto di dimissioni in applicazione del principio generale della libertà delle forme per la comunicazione degli atti giuridici”.

La carta dei Valori di Emily in Italia a Cosenza

27/05 “Le donne con dividono, uniscono. Le donne non rallentano, corrono. Le donne non promettono, fanno”. Con questi slogan, coniati da Emily in Italia associazione delle donne di centro sinistra impegnate in politica e nella società, è iniziato oggi pomeriggio un incontro con le donne candidate in provincia di Cosenza. Con la Presidente di EmilyCosenza, Elena Hoo, erano il Sindaco di Cosenza Eva Catizone, il Vice Sindaco Maria Francesca Corigliano, la Presidente di EmilyNapoli Anna Maria Carloni. Nel corso dell’incontro stata proposta l’adesione alla Carta dei Valori di Emily in Italia. Il Sindaco Eva Catizone, nel sottoscrivere la Carta dei Valori, ha detto di condividerne pienamente il contenuto. “Una dichiarazione basata sui fatti, e non su semplici dichiarazioni – ha aggiunto – basta guardare alla composizione della Giunta comunale, dove anche il vice Sindaco è donna. Proprio questa mattina – ha detto ancora Eva Catizone – ho provveduto alla nomina di nuovi dirigenti al Comune di Cosenza. Una miniriorganizzazione, basata principalmente sulle donne le cui energie e il cui entusiasmo viene valorizzato appieno”. “Come donne siamo abituate a far parlare i fatti – ha detto, da parte sua, il Vice Sindaco Maria Francesca Corigliano – per noi è importante agire, anche se dominare i conflitti, del resto, fa parte del nostro ruolo nella società in cui viviamo. Una cosa è certa – ha concluso Maria Francesca Corigliano – sappiamo fare scelte di campo. Per noi non ci può essere confusione tra centro sinistra e centro destra. La nostra scelta è chiara, precisa, senza alcun tentennamento”. All’incontro ha partecipato anche il candidato alla Presidenza dell’Amministrazione Provinciale, Mario Oliverio. Nel suo breve intervento, Oliverio ha sottolineato la volontà di affermare una pari opportunità reale per le donne in politica. “Orienteremo le nostre scelte in questa direzione – ha affermato – augurandomi di poter seguire le scelte fatte da Eva Catizone, che a Cosenza ha contribuito alla rottura di certi schemi culturali, e dello stesso Antonio Acri, che ha sempre riservato nella Provincia di Cosenza ampia rappresentanza al mondo femminile”. Al tavolo si sono poi alternate le candidate alle varie competizioni elettorali in corso che chiameranno i cittadini alle urne, il 12 e 13 giugno per il rinnovo del Parlamento Europeo, del Consiglio Provinciale e dei consigli comunali di molti comuni della provincia di Cosenza.

Iniziati i Festeggiamenti in onore di San Francesco di Paola, Patrono di Cosenza

27/05 Con l'esposizione della secentesca statua lignea di S. Francesco, al suono festoso delle campane e con lo sparo di nove colpi di salve, sono iniziati ieri i solenni festeggiamenti del Santo Patrono della Città e dell’Arcidiocesi di Cosenza, che quest’anno si svolgono nel contesto delle celebrazioni per il 75° anniversario del ritorno dei Minimi nel Capoluogo dei Bruzi. In considerazione dell’eccezionale circostanza, è stato predisposto un programma che non ha precedenti nelle passate edizioni. Durante il novenario, infatti, si alterneranno P. Gregorio Colatorti, che è il Superiore Provinciale di Paola, P. Franco Lenti, Vicario Generale dell’Ordine, P. Leonardo Messinese, Delegato Generale del Terz’Ordine dei Minimi, P. Nicola Caracciolo, P. Ottavio Laino e P. Ernesto Pucciani, che nello scorso secolo sono stati alla guida del convento cosentino, e P. Giuseppe Fiorini Morosini, attuale Superiore Generale dei Minimi. Come da tradizione, domenica 30 maggio arriverà la reliquia del Santo. A differenza degli anni passati, però, per uno speciale privilegio concesso alla Città di Cosenza, sarà portata la reliquia dell’osso parietale del Santo, già appartenuta a Ferdinando II di Borbone. È la prima volta nella storia che questa reliquia, che si trova incastonata nell’altare della nuova liturgica, lascia il Santuario di Paola. La reliquia, dopo aver attraversato l’abitato di S. Fili, giungerà a Cosenza alle 18.30 presso la Parrocchia di S. Francesco Nuovo, da dove si snoderà l’imponente corteo motorizzato che attraverserà la Città. Domenica 6 giugno alle 10.30 è prevista la solenne concelebrazione presieduta da mons. Giuseppe Agostino, Arcivescovo Metropolita di Cosenza-Bisignano. Secondo il consolidato cerimoniale, prima dell’inizio del sacro rito, il Sindaco offrirà le chiavi della Città al Santo Patrono. Poiché ormai mancano meno di tre anni al V centenario della morte di S. Francesco, che ricorre nel 2007, oltre alla sua Giunta e alle massime autorità regionali e locali, la Catizzone avrà al suo fianco i Sindaci di Paola, Paterno Calabro, Spezzano della Sila e Corigliano Calabro, che sono i quattro comuni ove sono ubicati i conventi fondati personalmente da S. Francesco. Nel pomeriggio, con inizio alle ore 18, si snoderà per le principali vie cittadine la processione con la Statua del Santo.

Il Cipe ha finanziato un maxilotto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria

27/05 “Grande soddisfazione” per gli importanti finanziamenti varati dal Cipe è stata espressa dal Presidente dell’Anas Spa Vincenzo Pozzi, che ha sottolineato che con la seduta di oggi “sono stati resi disponibili 2,2 miliardi di euro per la realizzazione dei 2 maxilotti dell’asse viario Marche-Umbria (1.067 milioni di euro) e di un maxilotto della Salerno-Reggio Calabria, dallo svincolo di Scilla allo svincolo di Gioia Tauro (1.193 milioni di euro)”. “E’ un’ulteriore dimostrazione della validità della Legge Obiettivo voluta dal Governo senza la quale questi progetti, in particolare quello della Quadrilatero Marche-Umbria, sarebbero rimasti a livello di brillante esercitazione universitaria”, ha continuato Pozzi. Per l'Autostrada Salerno-Reggio Calabria, il Cipe ha approvato anche il finanziamento di un altro megalotto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, lungo circa 30 km, per un importo di 1.193,7 milioni di euro. Si tratta del tratto compreso tra il km 393,500 (svincolo di Gioia Tauro escluso) e il km 423,300 (svincolo di Scilla escluso), che comprende le seguenti opere d’arte maggiori: 2 svincoli (Palmi; Bagnara); 13 gallerie; 21 viadotti, di cui i più significativi sono l’allargamento del viadotto Sfalassà (grande luce da 376 m) e nuovo viadotto Favazzina. Il tempo di realizzazione dei lavori dell’intera opera è di 1460 giorni dalla consegna. “Con la delibera di oggi, in soli due anni il Governo e l’Anas hanno già assegnato definitivamente per la realizzazione della Salerno-Reggio Calabria nuovi fondi per un importo di 2,6 miliardi di euro. Con questo ritmo di finanziamenti, siamo sicuri che potremo rispettare la data del 2008 per il completamento dell’opera“, ha dichiarato il Presidente dell’Anas Vincenzo Pozzi.

Scuola: Il 3 giugno si premieranno i vincitori del concorso "c'era una volta"

27/05 A conclusione della quinta edizione del concorso scolastico “c’era una volta……….” La più bella fiaba del nuovo millennio,sul tema nazionale “Diritti umani senza frontiere” organizzata dal XV Distretto Scolastico e dal Soroptimist di Cosenza si può dire che è stato confermato il grande successo di partecipazione e di qualità nei lavori registrato negli anni precedenti. La cerimonia di premiazione dei vincitori si terrà giovedi 3 giugno alle ore 17,30 presso il Cine Teatro della Città dei Ragazzi via Panebianco – traversa Madre Elena Aiello a Cosenza, alla presenza del vice sindaco di Cosenza M.Francesca Corigliano. Dato il tema per questa quinta edizione del concorso scolastico è stata ammessa la partecipazione anche dei ragazzi delle scuole medie e delle scuole superiori. I lavori presentati sono stati numerosi e tutti di grande qualità. Per la cerimonia di premiazione non mancheranno premi ed attestati per tutti i partecipanti, giusto riconoscimento per un impegno proficuo.. Piena soddisfazione è stata espressa dal Presidente del XV° Distretto Scolastico di Cosenza Alessandro Nucci e dalla Presidente del Soroptimist di Cosenza Maria Luisa Ammerata Feraco che hanno sottolineato come l’iniziativa abbia colto nel segno e rilanciata l’idea di una partecipazione attiva alla vita della scuola Cosentina contribuendo a ricreare interesse per forme di espressione spontanee e assolutamente originali, in piena sintonia con i nuovi programmi della scuola e con gli orientamenti di una società sempre più alla ricerca di spontaneismo e partecipazione disinteressata. Prevista per la serata di premiazione anche un intermezzo musicale a cura della Polifonica della Scuola Media F.Gullo diretta dai Proff. Marilena Salerno, Franco Aiello, Rosangela Equino mentre la lettura dei lavori sarà accompagnata da brani musicali eseguiti dai Proff. Angela Intrieri e Antonio Sganga.

Zavettieri, sostegno alle bande musicali

27/05 Incentivare una realtà sociale diffusa su tutto il territorio nazionale che favorisca la diffusione e l'insegnamento della musica ai giovani in uno straordinario rapporto di coesione tra generazioni. E' questo lo scopo del progetto "Energia in banda" dell'Assessorato regionale alla Cultura in collaborazione con l'Enel e l'Anbima, l'associazione che raccoglie il 70 per cento delle bande musicali autonome italiane. Complessivamente saranno coinvolte nel progetto oltre 1.500 bande associate all'Anbima (764 al Nord, 441 al Centro, 300 al Sud e Isole) con 65.000 musicisti, provenienti da circa 1.300 Comuni. "Dare valore alle bande musicali - secondo l'assessore regionale Zavettieri - significa anche salvaguardare le diverse tradizioni popolari che sono un momento di grande socializzazione tra le popolazioni. Quelle tradizioni che segnano il legame alla propria terra e alle tradizioni religiose".

Emigrazione: Consulta annuale in Calabria

27/05 Il presidente della Giunta calabrese, Giuseppe Chiaravalloti, ha convocato a Crotone il prossimo 1° Giugno la riunione annuale della Consulta regionale dell'emigrazione ed immigrazione. I Consultori provenienti da tutti i Paesi dove vive una rappresentanza della Comunità calabrese proseguiranno anche il 2 giugno nel confrontarsi sugli argomenti d'intreesse. Per la prima volta ai lavori della Consulta parteciperanno anche alcuni rappresentanti dei giovani di origine calabrese.

E' in corso sul Tirreno la maxi-operazione "GodFather"

27/05 Dalle prime ore del mattino e’ in atto una massiccia operazione dei carabinieri. Oltre 300 militari del comando provinciale di Cosenza, supportati dai Carabinieri dello squadrone eliportato cacciatori di Vibo valentia, da unita’ cinofile e da un velivolo dell’8° nucleo elicotteri, sono impegnati nell’area dell’alto tirreno cosentino, tra Paola e Scalea (cs), per dare esecuzione a 22 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del tribunale di Catanzaro su richiesta della procura distrettuale antimafia a carico di esponenti della cosca “Muto”, responsabili a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata alla commissione di estorsioni, usura, traffico di sostanze stupefacenti, truffa nonche’ controllo delle forniture del materiale impiegato per appalti pubblici. sono in corso inoltre circa 100 perquisizioni.

Turn over di dirigenti in Comune

27/05 Il Sindaco Eva Catizone ha ufficialmente presentato stamane la nuova Giunta alla dirigenza comunale e contestualmente ha comunicato alcune modifiche negli incarichi dirigenziali. “Questo incontro -ha detto il sindaco- è particolarmente importante perché si svolge all’indomani del rinnovo della Giunta, che oggi è ancora più coniugata al femminile. Siamo probabilmente l'unico Comune italiano in cui sindaco e vicesindaco sono donne. Desidero in questa occasione ribadire la volontà dell’Amministrazione comunale a lavorare in stretta collaborazione con la dirigenza, nel rispetto dei reciproci ruoli.” Il sindaco ha quindi comunicato di aver proceduto ad una rotazione di incarichi “pratica assai diffusa con l’Amministrazione precedente e che ritengo salutare per stimolare le intelligenze, ma, nell’attuale circostanza, anche per liberare da pesi molti onerosi alcuni di voi che hanno duramente lavorato negli ultimi mesi.” Anche negli incarichi dirigenziali, la parte del leone la fanno le donne. A Rosalia Marasco, capo del Personale, viene dato anche l’interim per il Servizio di programmazione finanziaria, mentre a Menina Redavide, al servizio di democrazia informatica si aggiunge l’interim del Servizio di contabilità finanziaria. Entrambi i servizi facevano prima capo a Marcello Gallucci, che resta dirigente del Settore Programmazione e Risorse finanziarie. Ritorna alla funzione di Vice segretario generale Mariella Colosimo, che conserva la dirigenza del Settore traffico e sviluppo economico. Un altro ritorno è quello di Ada Basta al Servizio Manutenzioni e coordinamento cooperative, che si aggiunge al Settore Lavoro. Arturo Bartucci aggiunge alla dirigenza del Settore Ambiente l’interim di responsabile del ciclo idrico integrato. Livio Pucci resta Dirigente del Servizio Gestione tecnica reti. Maria Rosaria Mossuto, dirigente della Cultura, si assume anche l’onere del servizio di attività sociali, prima in capo ad Annarita Pellicori, che assume la dirigenza del Servizio Anagrafe.
“Insieme –ha concluso il sindaco- porteremo avanti un progetto di crescita per la nostra città.”

Premiate dal Comune le idee innovative di cinque giovani cosentini

27/05 (Uscc) Sono stati ricevuti stamane dal sindaco e dall’assessore Giancarlo Morrone, insieme alla dirigente Mariella Colosimo, i cinque vincitori del concorso per un’idea innovativa nelle attività commerciali ed artigiane, indetto lo scorso mese di marzo dall’Assessorato alle Risorse strategiche e produttive.
“Il concorso –ha detto l’assessore Morrone- attraverso un piccolo incentivo economico voleva fare emergere le idee più nuove che possono ringiovanire il commercio cittadino. E non a caso sono tutti giovani i cinque vincitori.”
Non altissimo il premio in danaro, 500 euro a testa, ma tanta la soddisfazione. Il sindaco Eva Catizone si è congratulato con ciascuno dei vincitori, dei quali ha voluto conoscere il percorso lavorativo.
-Deborah Filippo, laureata in Dams e regista, nel 2000 con la legge per l’imprenditoria giovanile ha messo su un sito per la vendita di libri di cinema e riviste specializzate. La sua attività di commercio elettronico si trova su www.shoppingcinema.it
-Cinzia Papalino, appena 21 anni, ha trasformato in lavoro la sua passione per la creazione di accessori di moda e bigiotteria. Il suo negozio “Bluebelles” si trova in via Montesanto 139.
-Giuseppina Buonofiglio, insieme al marito ha creato uno studio di produzione video, in via de Donato 13,cominciando con un finanziamento da prestito d’onore. Fra le cose prodotte il cortometraggio “Intimamente”.
-Giuseppina Bevilacqua ha invece utilizzato i contributi del Comune per aprire la sua attività di oggettistica su corso Telesio 113. Grande successo riscuotono i lavori in vetro realizzati dalla stessa titolare.
-Giuseppe De Luca ha rilevato l’attività di laboratorio orafo che era della madre, in via Marini Serra, sotto la Chiesa di San Gaetano. Crea e vende monili artistici dal 1998.

Inaugurazione di un’ opera di Zaffina alla Casa delle Culture di Cosenza

27/05 Verrà inaugurata sabato 29 maggio alle ore 12, nell’atrio d’ingresso della Casa delle Culture a Cosenza, l’opera di Fiorenzo Zaffina “Inondazioni”, che l’artista calabrese-romano ha donato al Comune di Cosenza. Si tratta di un’opera realizzata nel 1999 per la mostra “Lavori in corso” alla Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e consiste in uno scavo nel muro di grandi dimensioni dal quale affiorano le immagini di un piccolo televisore. La cerimonia inaugurale avverrà alla presenza del sindaco Eva Catizone, del nuovo assessore comunale al Patrimonio Culturale Giovanna Tartoni, con interventi dell’architetto Sandro Adriano, del critico d’arte Tonino Sicoli e dello stesso autore dell’opera.
Zaffina che è uno dei più eccentrici artisti del nostro tempo, non è nuovo ad operazioni del genere, in quanto è da anni che esegue interventi di scavo nei muri di palazzi e di gallerie d’arte, sia al chiuso che all’esterno.
Fiorenzo Zaffina è nato a Lamezia Terme e dopo aver studiato in Calabria si trasferisce a Roma, dove si iscrive alla facoltà di Architettura, ma allo stesso tempo intraprende l’attività giornalistica e di grafico, lavorando all’"Unità". Per circa due anni è cronista e va a scavare nel sottosuolo della capitale. S’iscrive all’Accademia di Belle Arti e frequenta la Scuola Libera del nudo. Infine approda all’Espresso. Disegna le copertine del settimanale per molti anni prima di passare all’edizione on line. Il suo lavoro creativo ha perciò un’appendice nello studio situato nel cuore di San Lorenzo. Qui assembla dapprima oggetti, lattine, tubi, residui meccanici. Incomincia a metà degli anni Novanta a scavare nei muri, a fare opere-installazioni con queste “ferite” nell’intonaco. Nel 1995 realizza “I nuovi mostri” in un muro dei giardini di Bomarzo, nel 1996 scava “Fiore di muro” nella galleria “L’Attico” di Fabio Sargentini a Roma, presentato da Simonetta Lux. Vengono poi “Skreek” a Officina Italia a Cesena, presentato da Renato Barilli, e nel 1999 “Inondazioni” alla Galleria Comunale d’arte Moderna e Contemporanea di Roma. Infine nel 2000 a Catanzaro l’intervento “Eclisse” in una piazza e la grande mostra al Complesso monumentale del San Giovanni.«Per questo – scrive Tonino Sicoli nel presentargli la mostra a Catanzaro - sconvolge ogni aspettativa trovarsi di fronte ai “muri” di Fiorenzo Zaffina, singolari opere d’arte che capovolgono il rapporto interno-esterno. Le pareti si aprono in una sorta di scavo oltre la superficie, scorticando intonaci, svelando materiali edilizi. Fra i sassi e i laterizi affiorano i simulacri di una condizione cripto-tecnologica, che attinge al repertorio iconografico dell’elettronica. I pezzi di computer, i circuiti integrati, i microchip sono icone del nostro tempo e di quello futuro, segni esibiti, che rappresentano se stessi e la civiltà che li ha prodotti. E’ come se si producesse una sorte di esplorazione nel tempo a venire, un’archeologia del futuro, che ritrova ciò che non è stato ancora sepolto».

Don Kevin respinge tutte le accuse

26/05 E' stato interrogato quest'oggi, Don Kevini, il sacerdote nigeriano parroco della chiesa di San Giacomo D'Acri agli arresti domiciliari per il reato di violenza sessuale ai danni di una bambina di nove anni. Il sacerdote, agli arresti domiciliari, è stato interrogato dal giudice per l eindagini preliminari del Tribunale di Cosenza, Giusy Ferrucci che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti. L'accusa sostiene che il sacerdote, al termine di una lezione di catechismo, che si è svolta in un locale adiacente la parrocchia di San Giacomo, si sarebbe parzialmente denudato dinanzi a una bambina di nove anni alla quale avrebbe proposto atti sessuali. Pare che il sacerdote abbia respinto completamente tutte le accuse. Al termine dell'interrogatorio il difensore di Padre Kevin non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione. Nella frazione di San Giacomo, sono in molti a non credere alla accuse che gli sono state rivolte. Il sacerdote viene descritto dagli abitanti della frazione di Acri come ima persona impegnata in favore della sua comunità.

Sequestrati due impianti di rifiuti a Paola

26/05 Continuano le attività di indagini nell'ambito dell'operazione "Nettuno" diretta e coordinata dal pubblico ministero Francesco Greco, della Procura della Repubblica di Paola al fine di reprimere reati contro l'ambiente e la salute pubblica e in particolare contro l'ecosistema marino. L'imponente attività investigativa dell'operazione "Nettuno" che va avanti senza soste dal mese di settembre 2003, ha determinato questa volta l' emissione da parte dei Gip Carpino e Cosenza, con due distinti provvedimenti, su richiesta del pubblico ministero Greco, di due sequestri preventivi, per violazioni delle normative ambientali in tema di smaltimento dei rifiuti e di violazione del codice penale. La Sezione Ambiente della Procura della Repubblica di Paola su disposizione di Greco ha provveduto ad eseguire i provvedimenti apponendo i sequestri ad un impianto di depurazione delle acque reflue urbane, non collaudato e non funzionante, ma utilizzato per scaricarci senza autorizzazione alcuna rifiuti liguidi - probabilmente derivanti dagli autospurgo - in località Santa Rita - alveo fiume Vardano - in agro di Fiumefreddo Bruzio e su una discarica abusiva sempre nell'alveo del fiume Vardano in Fiumefreddo Bruzio ove sono stati abbandonati rifiuti derivanti dall'edilizia e decine di cassonetti per Rsu dismessi. L'attività di indagine alla quale ha collaborato la Polizia municipale di Fiumefreddo Bruzio ha permesso di rilevare che insediamenti civili del centro storico di Fiumefreddo Bruzio scaricano i reflui fognari, senza depurazione alcuna, lungo il pendio della collina. In merito a quest'ultima situazione il pubblico ministero ha disposto immediatamente dei controlli.

L'Accademia del Peperoncino sbarca in Russia

26/05 Dopo l'America la Russia. Archiviato il successo di "Tre giorni piccanti a New York", l'Accademia del peperoncino partecipa da domani a San Pietroburgo alla manifestazione "L'Italia sulla via italiana", un'iniziativa organizzata dal Comune di Roma a dal "Centro per la collaborazione internazionale" di San Pietroburgo. Il peperoncino calabrese, presentato dall'avv. Maurizio Oliva come "il migliore del mondo" sarà' protagonista nella "pizza del diavolo" in gara per la sezione "pizza piccante" nel Festival della pizza che avrà luogo nel pomeriggio nella piazza Manezhenaja. Il programma della giornata si aprirà con un saluto di Oliva e da un concerto di musiche italiane eseguite dalla Banda giovanile di San Pietroburgo. Nel pomeriggio il Festival della pizza con la premiazione della migliore pizza piccante. In serata sfilata di moda italiana al Grand Hotel Palace e per finire "Serata italiana" al Club Rossi's. Le manifestazioni proseguiranno per altri tre giorni e si concluderanno lunedì 31 maggio con un'altra giornata ricca di iniziative. La mattina conferenza sul tema 'I rapporti d'affari fra Russia e Italia: commercio, investimenti, tecnologie'. Nel pomeriggio III Concorso annuale per il migliore pizzaiolo di San Pietroburgo e inaugurazione di una pizzeria italiana i via Malaja Sadovaja.

Intensificati i controlli sullo Ionio in vista dell'estate

26/05 L'intensificazione dei servizi di prevenzione generale e di controllo del territorio costiero dello Ionio cosentino in occasione della stagione estiva è stato deciso stamani al termine della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal prefetto di Cosenza, Diego D'Amico e svoltosi a Trebisacce. All'incontro, oltre ai vertici delle forze di polizia, hanno partecipato anche i sindaci dei comuni costieri dello Ionio cosentino per esaminare la situazione relativa alla sicurezza nei rispettivi territori comunali in prospettiva della stagione estiva. La riunione si inquadra nell'ambito di analoghe iniziative assunte nel 2003. Il Prefetto, nell'occasione, ha sottolineato l'importanza della collaborazione inter istituzionale, con particolare riferimento al ruolo della polizia municipale, cui e' stato chiesto, per il tramite dei Sindaci, un rinnovato impegno nell'espletamento dei compiti istituzionali, con particolare riguardo ai servizi di viabilità nell'ambito dei centri urbani, nell'ottica di favorire al massimo la diffusione della cultura della legalità. I sindaci, dal canto loro, secondo quanto riferito in una nota della Prefettura, hanno rimarcato come la presenza in loco del Prefetto e dei vertici delle forze dell'ordine rappresenti un segnale di grande attenzione dello Stato nei confronti delle realtà locali. Nel corso della riunione e' stato quindi deciso, in vista della stagione estiva ed in previsione del massiccio afflusso turistico, la "massima intensificazione dei servizi di prevenzione generale e di controllo coordinato del territorio, al fine di assicurare controlli in prossimità degli snodi stradali e sulle arterie interessate da un maggiore traffico veicolare, come, ad esempio, la statale 106, che e' spesso teatro di incidenti, anche mortali". In particolare saranno potenziati, seppure temporaneamente, le dotazioni organiche dei presidi di Polizia operanti sulla fascia costiera, ricorrendo anche all'impiego straordinario di reparti speciali delle forze dell'ordine per l'effettuazione di servizi di controllo a largo raggio.

In fiamme laboratorio didattico di una scuola di Cassano

26/05 Sembra un incidente dovuto ad autocombustione o a qualcosa che molto probabilmente non è di natura dolosa, l'incendio che ha coinvolto il laboratorio didattico della scuola elementare di Lattughelle, piccolo centro rurale del Comune di Cassano. L'incendio, accompagnato anche da una piccola deflagrazione, ha provocato dei danni limitati al laboratorio dove è avvenuto. I carabinieri di Sibari che si sono recati sul posto per svolgere le indagini, non hanno rinvenuto tracce di materiale infiammabili o segni di scasso utili a puntare sulla pista dolosa. Non si esclude che si sia potuto trattare soltanto di un semplice incidente. La scuola ha già ripreso a funzionare regolarmente con le lezioni.

Il Sindaco Catizone, scrive una lettera aperta ai cittadini

26/05 Il Sindaco di Cosenza, dopo le recenti ed eclatanti polemiche ha deciso di comunicare con i cittadini inviando loro una lettera aperta, che verrà recapitata nei prossimi giorni, nella quale presenta la nuova Giunta. Un modo del tutto nuovo, quello usato dal Sindaco che, di fatto, scavalca il dibattito e si affida ad un documento per presentare il suo operato. In molti avrebbero preferito il dibattito pubblico, chiesto, tra l'altro, in Consiglio Comunale dal PSE. Intanto questa mattina il comune s'è affrettato a coprire i manifesti ironici affissi dal PSE in città. Ma basterà questa missiva a placare gli animi o è l'ennesima sfida controcorrente tesa ad innescare nuove polemiche? Questo il testo: (di fianco l'immagine della lettera spedita ai cosentini) "A Cosenza da qualche giorno c'è una nuova Giunta municipale. Una Giunta che ho nominato in piena autonomia, grazie ai poteri che la legge conferisce al Sindaco. Due anni fa ho ricevuto un'investitura popolare ed in virtù delle prerogative attribuitemi da questa investitura, ho scelto oggi una nuova squadra che continuerà in meglio quanto di buono sinora abbiamo già realizzato in questi primi anni di governo. E' una nuova Giunta assai motivata, capace di assicurare alla città una guida collegiale, plurale, senza personalismi e soprattutto in grado di lavorare nell'interesse esclusivo della collettività amministrata. Una nuova Giunta composta da donne e uomini che si impegneranno per la crescita della nostra città facendo leva sulle loro capacita' e competenze, meritevoli del più assoluto rispetto. Ho scelto tra le energie migliori della città. In questo nuovo percorso amministrativo mi accompagnano quattro donne tenaci e determinate: Maria Francesca Corigliano, che è anche il mio vicesindaco, circostanza quest'ultima che fa di Cosenza uno dei rarissimi esempi nel Paese, se non l'unico, in cui le prime cariche del governo cittadino sono ricoperte da donne, un motivo in più che deve rendere orgogliose tutte voi cosentine, e poi Maria Lucente, Felicita Cinnante e Giovanna Tartoni. Sette, invece, sono gli uomini che in buona parte già conoscete e che meritano la fiducia non solo mia, ma quella di tutti i cosentini: Franco Ambrogio, Vittorio Cavalcanti, Roberto D'Alessandro, Vincenzo Gallo, Giancarlo Morrone, Franco Piperno e Giovanni Serra. E' una nuova Giunta nata per assicurare alla città maggiore stabilità e per dare voce alle diverse anime del centrosinistra, praticando un gioco di squadra che garantisca una forma di buon governo, un governo corale che vada al di là dei singoli protagonismi. E' una nuova Giunta nata per far sì che la Casa comunale diventi la Casa di Tutti e non la casa di pochi, ma e' soprattutto, una Giunta nata per governare e per durare, al fine di portare avanti con impegno, serieta', dedizione e trasparenza le molte cose ancora da fare per lo sviluppo culturale, urbanistico e sociale della nostra città".

Un arresto a Cosenza per spaccio di cocaina

26/05 E' stato arrestato questa sera a Cosenza, ad opera del reparto operativo dei Carabinieri, un giovane di 30 anni, L.C., già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, arrestato con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, è stato sorpreso dai militari mentre cedeva una dose di cocaina ad un tossicodipendente. Sottoposto a perquisizione personale L.C. è stato trovato in possesso di altri sei grammi di cocaina. L'uomo è stato quindi immediatamente arrestato.

Il Sindaco incontra il Presidente di Delfino Lavoro, Anna Maria Odoardi

26/05 Incrementare e rafforzare ancora di più la collaborazione tra l’Amministrazione comunale e la Cooperativa “Delfino Lavoro”. Si è concluso con questo obiettivo l’incontro a Palazzo dei Bruzi tra il Sindaco Eva Catizone ed il Presidente di “Delfino Lavoro” Anna Maria Odoardi. La signora Odoardi, confermata di recente alla Presidenza della Cooperativa che ha anche rinnovato il suo Consiglio, ha voluto incontrare il primo cittadino per comunicare al Sindaco il nuovo assetto assunto da “Delfino Lavoro” di cui fanno parte oltre al vicepresidente, avvocato Manfredo Piazza, anche due soci lavoratori, Giorgio Porro, che si occupa del coordinamento del laboratorio grafico, e Flavio Filice che è il responsabile della sezione ambiente. All’incontro hanno preso parte anche il vicesindaco Maria Francesca Corigliano, l’assessore alle politiche del welfare Giovanni Serra che con la Cooperativa “Delfino Lavoro” ha lungamente collaborato, e l’assessore Maria Lucente. La signora Odoardi era accompagnata dal vicepresidente Piazza e dal consigliere Filice. “Vorremmo dare alla nostra Cooperativa- ha detto la Presidente Odoardi – una spinta ancora più forte, ben consapevoli delle notevoli difficoltà entro le quali siamo costretti a muoverci e che, comunque, non ci faranno desistere dal perseguire quegli obiettivi per i quali siamo nati e ci siamo finora impegnati. E’ per questo che intendiamo – ha aggiunto la Odoardi – collaborare ancora di più con l’Amministrazione comunale ed anche la nomina dell’assessore Serra ci conforta e rappresenta un riconoscimento alla storia della nostra associazione.” L’auspicio di una sempre maggiore collaborazione tra Comune e “Delfino Lavoro” è stato confermato dal Sindaco Catizone che ha sottolineato come “l’esperienza accumulata da “Delfino Lavoro” non vada dispersa, ma incrementata. La presenza di Giovanni Serra nella nostra giunta – ha aggiunto il Sindaco – è per noi motivo di grande tranquillità. Ci sono tutte le premesse , insomma, non solo per far riprendere vigore a quei progetti già sedimentati e sperimentati con successo come “Cosenza ama i fiumi”, ma anche per progettare insieme nuove iniziative che ci vedano protagonisti in un settore, come quello del sociale, che ha bisogno di sempre maggiore attenzione.” L’assessore Serra ha dal canto suo assicurato l’impegno dell’Amministrazione comunale per assicurare sostegno ad alcuni di quei progetti di imprenditorialità sociale che hanno ricevuto impulso dall’attività di “Delfino Lavoro”. Il prossimo 4 giugno Comune e “Delfino Lavoro” saranno impegnati insieme nella giornata di animazione alla cultura ambientale prevista alla confluenza dei fiumi. Sarà l’occasione per riavviare il progetto “Cosenza ama i fiumi” con il coinvolgimento di scolaresche, associazioni giovanili, anziani ed associazioni ambientaliste.

Il Presidente dell'ARSSA Pizzini incontra la Carime: "pagate gli stipendi ai lavoratori"

26/05 S’è svolto, questa mattina, presso la Sede centrale dell’ARSSA di Viale Trieste il previsto incontro, promosso dal Presidente dell’Agenzia per i Servizi in Agricoltura della Regione Calabria, Antonio Pizzini, con alcuni dirigenti della Banca Carime di Cosenza ( l’Istituto di Credito svolge la funzione di Servizio Tesoreria dell’Agenzia):Salvatore Cappuccio ( Servizi di Sviluppo), Giuseppe Pedroli (Tesorerie), Salvatore Pititto ( Direttore Ag. 1 – Cosenza ) e Fernando Pupo ( Servizi di Supporto). Argomento dell’incontro: “ problematica legata ai mancati pagamenti delle competenze di Aprile u.s. al personale impegnato nei diversi Centri Sperimentali e Dimostrativi dell’ARSSA”. Il responsabile ARSSA, Antonio Pizzini, presente all’incontro il capo di Gabinetto dell’Ufficio di Presidenza dell’ARSSA, Giovanni Marzullo, ha segnalato alla delegazione Carime il vivo disagio delle maestranze delle predette strutture dell’Agenzia per il mancato accredito delle competenze maturate e riferite, appunto, alla mensilità del decorso mese di Aprile. Disagio evidente – ha proseguito Pizzini – che poteva sfociare in azioni di vibrata protesta, con astensione dal lavoro, da parte degli stessi lavoratori. I dirigenti dell’Istituto di Credito, con l’occasione, hanno assicurato al Presidente dell’ARSSA che si provvederà, con la necessaria urgenza, all’immediata esigibilità di tutti i titoli di pagamento presentati dal Settore Finanziario dell’Agenzia al competente Servizio di Tesoreria di Banca Carime. Da parte dell’ ARSSA è stato preso atto, con soddisfazione, della concreta conclusione dell’incontro con la richiesta, avanzata dallo stesso Presidente Pizzini e rivolta ai Dirigenti di Banca Carime, di voler predisporre ogni adempimento tecnico-burocratico, in tempo utile, affinché tali problematiche, come quella oggetto dell’incontro, non si ripresentassero ancora a turbare le legittime aspettative dei lavoratori dei CSD dell’ARSSA, presenti su tutto il territorio calabrese.

Nuovo toponimo per la piazzetta dietro il duomo

26/05 Sarà intitolato ai Cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme il largo, che era privo di toponimo, adiacente il Duomo di Cosenza, nei pressi del torrione posto dietro la Cattedrale.La cerimonia di intitolazione si svolgerà domani, 27 maggio, alle ore 19,30. Saranno presenti il Sindaco Eva Catizone, l’Arcivescovo di Cosenza-Bisignano, Mons.Giuseppe Agostino ed il preside della sezione di Cosenza dell’Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro, Dottor Aldo Scarpelli.Con l’intitolazione del largo l’Amministrazione comunale dà seguito ad una richiesta che era pervenuta sul finire dello scorso anno da parte del dottor Scarpelli e che riguardava l’eventualità di dare un nome alla piccola piazza adiacente il Duomo in considerazione del fatto che nei pressi del largo si trova la sede dei Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme. L’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, costituito inizialmente con il sostegno di Goffredo di Buglione durante le crociate, è un’associazione laica aperta anche agli ecclesiastici, regolata dal Diritto canonico ed alla quale il Santo Padre affidò la missione speciale di assistere la Chiesa in Terra Santa e di rafforzare nei suoi membri la pratica della vita cristiana. Attualmente le attività dell’Ordine sono finalizzate prettamente alla carità ed all’assistenza con riferimento particolare alla Terra Santa ed alle genti palestinesi, israeliane e musulmane. L’intitolazione del largo ai cavalieri dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro vuole essere, nelle intenzioni dell’Amministrazione comunale, la conferma di un impegno in favore della riscoperta dei valori storici della pace, della fratellanza, della solidarietà e della giustizia.

Abatemarco fuori uso per lavori

26/05 Per consentire la riparazione di una perdita sulla condotta adduttrice dell’acquedotto Abatemarco, in condizioni di sicurezza per gli operatori, nella zona Policastrello di San Donato di Ninea, il Settore Idropotabile della Regione Calabria ha comunicato che il servizio idrico viene temporaneamente interrotto. L’erogazione dell’acqua riprenderà appena saranno conclusi i lavori e si sarà stabilizzato il regime idraulico nelle condotte.

Il Comune il primo giugno farà vedere le stelle

26/05 Martedì 1 giugno, a Palazzo dei Bruzi alle ore 12.00, Franco Piperno, assessore alla scienza e alla conoscenza, presenterà in una conferenza stampa quello che si preannuncia come un vero e proprio evento: il transito di Venere, previsto alle prime ore dell’8 giugno 2004. Piperno, alla presenza del Sindaco Eva Catizone, spiegherà le caratteristiche di un evento piuttosto raro. Venere è l’oggetto più brillante visibile nel cielo, dopo il sole. La sua orbita, la più circolare di tutti i pianeti, la porta periodicamente tra il nostro pianeta e il sole. La possibilità di osservare questo transito è un vero e proprio fenomeno che avviene con varia periodicità ed è caratterizzato da un ciclo stabile di 243 anni. Un evento che in passato ha svolto un ruolo fondamentale nella misura delle distanze planetarie. Keplero, usando la sua teoria sul moto dei pianeti, fu il primo a predire i transiti di Mercurio e di Venere. Il passaggio del 1874 fu seguito con un grande sforzo internazionale, che vide l’impiego anche della fotografia. La distanza del Sola dalla Terra risultò essere compresa tra i 23000 e i 236000 raggi terrestri. Il prossimo passaggio di Venere sul disco solare avverrà l’8 giugno 2004 a distanza di 121,5 anni. L’evento sarà interamente visibile in Europa, Medio oriente e buona parte dell’Africa e dell’Asia. Nella zona di Cosenza il passaggio avverrà dalle ore 7,20’15” alle ore 13,23’47”. Nella notte tra il 7 e l’8 giugno, aspettando che Venere entri nel Sole, l'Amministrazione Comunale ha organizzato una veglia con concerto al castello Svevo. Sarà possibile osservare il cielo stellato, tra gli spettacoli, assaporando ghiottonerie e ascoltando oroscopi personalizzati. Dalle ore 9,00 alle 14,00 ci si trasferirà su ponte Bucci dell’Unical per continuare a guardare il transito di venere.

Per San Vito un contratto di quartiere “partecipato”

26/05 (Uscc) Si è tenuto ieri sera nei locali del Centro Sociale di Serra Spiga, l’incontro tra l’assemblea del quartiere di San Vito, amministratori e dirigenti del Comune di Cosenza per discutere le linee generali del contratto di quartiere progettato per San Vito Alto. Alla discussione, introdotta e moderata dal consulente al decentramento Carlo Cuccomarino, hanno partecipato la presidente del Centro Sociale Anna Massaro, il dirigente dell’Ufficio del Piano arch. Sandro Adriano, il commissario della VI circoscrizione Carmelo Guido, il neo assessore ai lavori pubblici Franco Ambrogio, l’assessore al decentramento Franco Piperno. “Questo incontro – ha spiegato Cuccomarino – vuole avvicinare l’amministrazione comunale ai cittadini, che in questa circoscrizione sperimentano oramai da mesi una forma di partecipazione diretta alla vita pubblica”. L’assemblea di quartiere, prevista infatti nello Statuto comunale, ha preso corpo nella VI in quanto circoscrizione commissariata, dunque bisognosa di un organo collegiale nel quale discutere e prendere le decisioni che riguardano la gestione del quartiere. “Ma è un esperimento – ha sottolineato l’assessore Piperno nel suo intervento – che verrà esteso a tutte le altre circoscrizioni, perché l’obiettivo finale è l’autogoverno dei quartieri”. E’ stato l’architetto Adriano ad illustrare ai cittadini le linee guida del contratto di quartiere previsto per San Vito. “Il contratto di quartiere – ha dichiarato l’architetto – è un modo per dare a San Vito quello che gli è stato promesso per anni”. In progetto soprattutto la costruzione di abitazioni dignitose per 340 famiglie (circa mille persone) che attualmente vivono in case troppo piccole, e dalle condizioni igieniche non ottimali. Un intervento che viene sollecitato da tempo da parte dei residenti di via Ruben Santoro, via Orsi, via De Marco, via Salfi. Queste case, anche nell’opinione dei cittadini che ieri si sono espressi durante l’assemblea, non possono essere ristrutturate, vanno solo abbattute. “Prima saranno costruite le nuove case nel quartiere – ha assicurato Adriano – poi verranno trasferiti i residenti, e solo allora saranno abbattuti gli edifici fatiscenti”. L’intervento riguarda tutta la zona di San Vito Alto, ma non si ferma alle case: è previsto il miglioramento dei servizi e soprattutto la creazione di aree verdi, piazze e spazi sociali per l’incontro dei cittadini, giovani e anziani. Attraverso la visione di apposite diapositive, i cittadini hanno avuto la possibilità di localizzare le aree individuate dai funzionari comunali per la collocazione delle nuove abitazioni. Aree ideali secondo l’Ufficio del Piano, ma potenzialmente rivedibili in base all’opinione dell’assemblea popolare. Il dibattito dunque è aperto: i tempi della consultazione sono comunque ristretti perché il progetto deve essere presentato entro il mese di luglio. In questo periodo il Comune di Cosenza, che punta ad ottenere il massimo del finanziamento pari a 10 milioni di euro, cercherà la collaborazione dell’Aterp, delle cooperative di costruttori ed anche degli imprenditori privati. Tanti gli interventi dei cittadini dal pubblico durante la discussione. Una signora lamenta lo spreco dei fondi pubblici impiegati nel passato per ristrutturare case che adesso verranno giustamente abbattute. Suor Lucia, dell’associazione La Spiga, ricorda il lavoro già avviato sulla scuola media “Rita Pisano”, occupata simbolicamente dai cittadini nei giorni scorsi con l’obiettivo di renderla luogo della cooperazione sociale e del volontariato che da anni operano nel quartiere. “Non si tratterà solo di un intervento edilizio – ha concluso l’assessore Ambrogio – oggi assistiamo a una felice coincidenza tra partecipazione dei cittadini e intervento pubblico. Vogliamo eliminare le brutture delle case di San Vito e sostituirle con abitazioni dignitose circondate da verde, servizi, piazze, spazi liberi. E non ci scandalizza affatto l’idea di arrivare a questo obiettivo attraverso un esperimento di democrazia diretta”.

Gruppi rock in erba alla città dei ragazzi

26/05 La Città dei Ragazzi di Cosenza si sta preparando ad accogliere la prima edizione della manifestazione musicale “In nome del Rock” che avrà luogo venerdì 28 Maggio 2004 alle ore 18.30. Sono i giovanissimi della Consulta degli studenti ad aver organizzato la manifestazione musicale insieme a Radio Ciroma e che vede più di 10 gruppi che si alterneranno sul palco della grande piazza. L’iniziativa, promossa dalla Consulta con il beneplacito del MIUR, è volta a riservare momenti di socialità e di produzione musicale ad opera di gruppi di ragazzi delle scuole consentine e della provincia e rappresenta, nel nostro panorama musicale, una novità proprio perché vuole dare risalto alle realtà emergenti del mondo della scuola. Questi i giovanissimi gruppi: Dust Side , The Rues, Amnesia, Nofetz, Mono-Type, Cati – Zone, Metem Psicosi ,Orderless, South Punk, The Spraw Project, Gruppo ITIS, Melodrama, Killer Machine, e altri ancora

Conflitti di relazioni: se ne parla venerdì 28 alla casa delle Culture

26/05 “Dalle relazioni ai conflitti” è il tema dell’incontro, organizzato dall’Assessorato alle politiche femminili per venerdì 28 maggio alle ore 17, alla Casa delle culture. Partecipano il sindaco Eva Catizone, il giornalista Arcangelo Badolati, la psicoterapeuta Anna Salvo, la sociologa Renate Siebert, l’assessore Felicita Cinnante.

Carlo Bilotti dona due preziose statue a Cosenza, una verrà posta su via Arabia.

26/05 (Uscc) Cosenza si appresta a vivere un evento culturale di altissimo livello, grazie ad un “mecenate dei tempi moderni”, come il sindaco Eva Catizone ha definito Carlo Bilotti, nostro facoltoso concittadino che vive in Florida da molti anni. Questa mattina, al Comune, vi è stata la firma dell’atto formale che arricchirà la città, in pianta stabile, di due statue di Emilio Greco e permetterà di inaugurare il Museo di S.Agostino, in settembre, con una straordinaria Mostra di autori del ‘900, che rimarrà a disposizione del pubblico fino a dopo le feste natalizie. Carlo Bilotti dona due “Bagnanti” in bronzo di Greco. Una sarà sistemata a Palazzo Arnone già il prossimo 4 giugno. L’altra, invece, andrà al Comune che ha deciso di posizionarla nel cuore dell’isola pedonale, sotto via Arabia, dove si creerà uno slargo che –secondo convenzione- andrà intitolato a Lisa Bilotti, unica figlia di Carlo e della moglie Tina, morta nel 1989 per leucemia. Era bellissima e amava l’arte come i genitori. Emilio Greco non ebbe il tempo di realizzare una sua scultura perchè la giovane scomparve prima, ma ha lasciato un mosaico a sua memoria che si trova nella Chiesa di S.Nicola a Cosenza. E poi c’è la Mostra, che definire unica ed eccezionale non è esagerato.
Picasso, Miro, Chagall, De Chirico, Warhol: sono solo alcuni dei nomi che troveranno spazio nelle sale del Museo, per un totale di 42 opere collezionate negli anni e finora viste quasi esclusivamente su catalogo. Il sindaco Catizone, stamane in conferenza stampa, ha innanzitutto rivolto un ringraziamento ala famiglia Bilotti, esprimendo la riconoscenza dell’intera città “ad un concittadino illuminato che mette a disposizione della fruizione di tutti il proprio patrimonio. Siamo grati a questo mecenate dei tempi moderni che ci consente di dare vita ad una nuova forma di politica culturale, che vede la stretta sinergia tra pubblico e privato.” La statua di Greco si aggiungerà a quella di Rotella di piazza 11 settembre, per continuare in quel progetto di musealizzazione all’aperto della città che l’Amministrazione di propone. Per quanto riguarda la Mostra “ Mai avevamo avuto modo di ospitare non solo in città ma in Calabria –ha detto Eva Catizone- una Mostra di maestri del ‘900. L’iniziativa attrarrà sicuramente turismo culturale, ma penso che sarà preziosa soprattutto per i nostri giovani, che infatti mobiliteremo perché possano visitarla. Non poteva esserci modo migliore per inaugurare il Museo dei Bruzi.”. Ringraziamenti alla famiglia Bilotti anche dalla Sovrintendente Vodret. “E’ un fatto eccezionale. Sarebbe tale anche in una città come Roma, lo è ancor più nel nostro Meridione dove credo che niente del genere sia mai avvenuto prima. In questo gesto c’è il grande amore di Carlo per la sua terra. La Mostra offrirà una panoramica completa dei movimenti artistici del secolo scorso, di cui in Calabria non abbiamo neppure un esemplare.” La Vodret ha poi spiegato che l’operazione risponde appieno al nuovo codice dei beni culturali, varato appena il 1° maggio scorso, che prevede la valorizzazione del patrimonio artistico attraverso la collaborazione tra Stato, enti locali e privati. “Probabilmente a Cosenza si sta verificando il primo caso di applicazione concreta del codice”. Infine, ha parlato Enzo Bilotti per ringraziare a sua volta Comune e Sovrintendenza della fattiva collaborazione in un impegno non facile dal punto di vista organizzativo poiché le opere si trovano sparse tra Europa e Stati Uniti e non pochi sono i problemi per spostarle in piena sicurezza. Bilotti ha compiuto una carrellata dei principali autori, soffermandosi su Emilio Greco ed Andy Warhol, che furono particolarmente amici del fratello Carlo. A Wharol si deve, fra l’altro, uno splendido ritratto di Tina e Lisa Bilotti “Mather and Daughter” del 1981, anch’esso fra le opere che saranno esposte a S. Agostino. L’appuntamento è per settembre: il 17 sarà posizionata la statua su Largo Lisa Bilotti; il 18 presentazione della Mostra alla stampa; il 19 apertura della Mostra e inaugurazione del Museo di S.Agostino.

Domani l’inaugurazione della Biblioteca della Terza Circoscrizione

26/05 Si svolgerà domani, giovedì 27 maggio 2004, nella Sala Conferenze dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Sociali, la manifestazione conclusiva dei progetti 2003-2004 con un incontro sul tema: “Scuola, Integrazione, Europa”. Saranno presentati alcuni dei progetti realizzati, tra cui: “Patentino ciclomotori”; “Leonardo e-marketing e-accounting; “a scuola con l’arte”; “Teatro Integrato”; “lingue 2000”; “PON: la lingua italiana per integrarsi”. Per l’Amministrazione comunale di Cosenza, che ha patrocinato l’evento, interverranno il Vice Sindaco Maria Francesca Corigliano e l’Assessore ai diritti del Cittadino Vincenzo Gallo. Alla manifestazione parteciperà l’Assessore provinciale ai Lavori Pubblici Clelia Badolato e il Maresciallo dei Carabinieri Agostino Falcone.

I coniugi Green, in occasione del decimo anniversario della scomparsa del figlio, tornano in Calabria per una manifestazione sulle donazioni

26/05 Tornano i Green in Calabria, contenti, spiega Reg, “che i calabresi conservino ancora il ricordo di Nicholas e che sia sempre vivo il suo messaggio d’amore e di speranza”. Venerdì e sabato prossimi saranno a Reggio - invitati dal Presidente del Consiglio regionale Luigi Fedele - Reg Green e la figlia Eleanor, che oggi ha 14 anni “e che ne aveva 4 - ricorda il padre - quando il fratellino Nicholas è stato ucciso, mentre lei gli dormiva accanto, sul sedile posteriore della nostra auto sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria”. Sabato, 29, mattina, alle 9.30 nel palazzo del Consiglio regionale, Reg ed Eleanor Green parteciperanno al convegno pubblico “Trapianti e donazioni: l’Effetto Nicholas” insieme ad esponenti nazionali e locali delle associazioni che si occupano di trapianti e all’assessore regionale alla sanità, Gianfranco Luzzo. Nell’occasione, i Green, che verranno apposta dalla California, scopriranno la targa che intitola a Nicholas il salone della sede del Consiglio che ospita il convegno. Quest’anno ricorre il decimo anniversario della morte del piccolo Nicholas Green che aveva sette anni quando venne in Italia a trascorre una vacanza con i suoi genitori e rimase vittima di un assalto di banditi sull’autostrada A3, nel tratto Vibo-Mileto. “Dieci anni - sottolinea il presidente del Consiglio regionale, Luigi Fedele - dalla scelta dei suoi genitori di trasformare una vicenda di violenza e di disperazione in un atto di solidarietà e altruismo”. “A nome del Consiglio regionale ho voluto avere qui i Green per ribadire - afferma il Presidente - che oggi è ancora più intenso il legame dei calabresi con questa straordinaria famiglia americana. Decidendo, al termine della straziante agonia del loro amatissimo Nicholas, di donare i suoi organi per i trapianti, non solo hanno consentito la salvezza di sette vite in pericolo, ma hanno raggiunto col loro gesto il mondo intero, diffondendo una contaminazione benefica. Ecco perché si parla di ‘effetto Nicholas’: le donazioni d’organi si sono moltiplicate, le statistiche dei trapianti sono schizzate verso l’alto. E sono cambiate, com’è avvenuto in Italia dove è stata approvata una legge fortemente innovativa, persino le legislazioni in materia. L’Assemblea regionale calabrese anche su questo terreno intende fare la sua parte e contribuire a far crescere l’’effetto Nicholas’ e a moltiplicare il suo eccezionale messaggio trainante delle donazioni d’organi, di solidarietà e di impegno civile”.

Convocato per il 28 il Consiglio Provinciale

26/05 E’ convocato, sotto la presidenza dell’On. Francesco Principe, il Consiglio Provinciale in sessione straordinaria urgente, nella sala delle adunanze consiliari del Comune di Cosenza, per venerdì 28 maggio prossimo, alle ore 17,30, in prima convocazione, e lunedì 31 maggio, alla stessa ora, in seconda convocazione, per discutere i seguenti argomenti: a) Approvazione verbali delle sedute consiliari del 6 e 21 aprile, 5 e 7 maggio 2004; b) Stato di attuazione delle linee programmatiche del Presidente della Provincia (art.16, comma 11, Statuto dell’Ente).

Conferenza di presentazione della fiera dei cento comuni sabato 29 alle 11

26/05 Sabato 29 maggio ore 11.00 nel Salone della presidenza della Provincia, sito in Corso Telesio, n° 17.Confrenza stampa di presentazione della IV^ Edizione della “Fiera dei Cento Comuni”, che si terrà a San Fili il 4, 5 e 6 giugno ed a cui aderiscono i Cento Comuni dell’entroterra cosentino. Assieme al Presidente della Provincia ANTONIO ACRI e dell’Assessore allo Sport e Turismo Franz Caruso partecipano: Il Sindaco di San Fili Luigi Bruno, Gli Assessori ed i Consiglieri Provinciali, la Dirig. del Settore Sport e Turismo M. Francesca Gatto

Seminario della Fondazione Bellisario sulle donne impegnate in politiche ambientali dal 27 a Reggio

26/05 (Uscr) Sensibilizzare ed orientare donne lavoratrici sulle tematiche delle politiche ambientali e sulla certificazione ISO 14001. Questi obiettivi sono alla base di un progetto “I sistemi di gestione ambientale: nuove opportunità per le donne”, ideato e promosso dalla Fondazione Bellisario, finanziato dal Ministero del Lavoro e patrocinato dal Consiglio regionale, partner attivo nella realizzazione dell’iniziativa. Proprio nella sede dell'assemblea legislativa regionale si terrà un seminario che avrà inizio giovedì 27 maggio per concludersi l’11 giugno con la consegna, da parte del Presidente Luigi Fedele, a trenta donne, degli attestati di partecipazione: “Abbiamo accolto - spiega Fedele - con grande convinzione la proposta che ci è stata fatta dalla Fondazione Bellisario, impegnata attivamente a favorire la presenza incisiva delle donne lavoratrici all’interno delle organizzazioni pubbliche e private, perché crediamo che sia importante coinvolgerle in un processo innovativo e di sviluppo per le imprese calabresi e nella Pubblica Amministrazione. Quindi, il Consiglio regionale è quanto mai attento e sensibile a fornire ulteriori strumenti e possibilità perché queste professioniste possano sviluppare meglio quel potenziale individuale e di carriera, ancora ad oggi poco supportato, che è la condizione primaria per ricoprire ruoli di responsabilità”.La coordinatrice provinciale di Reggio Calabria della Fondazione Bellisario, Roberta Caldovino sottolinea: “La Fondazione Marisa Bellisario promuove da anni una serie di attività mirate a far crescere la presenza femminile nel mondo del lavoro, a favorire e sviluppare, non tanto un generico accrescimento numerico dell’occupazione quanto, piuttosto, una maggiore qualificazione professionale delle donne. In questo quadro, si colloca anche questo progetto, realizzato attraverso la legge n.125/91 “Azioni positive per la parità uomo/donna nel mercato del lavoro”, che risponde all’esigenza di valorizzare la presenza femminile nelle imprese pubbliche e private, individuando in donne occupate, le protagoniste dello sviluppo e della gestione della politica ambientale. Il progetto, di carattere nazionale, si svolgerà in nove regioni e si propone di sensibilizzare ed orientare 30 donne lavoratrici in imprese e nella Pubblica Amministrazione, sulle tematiche delle politiche ambientali e sui sistemi di gestione di cui le imprese, con particolare attenzione sull’ambiente e sul settore turistico-ricettivo e sullo sviluppo sostenibile, dovranno dotarsi in futuro per migliorare la propria produzione e controllare il rischio ambientale. Nascono, così - continua la Caldovino - una serie di figure in grado di redigere la documentazione all’interno delle organizzazioni per poter arrivare, assistite, alla certificazione ambientale”.

Rinviato l’incontro tra il Presidente della Provincia e i baby sindaci

26/05 Rinviato per improrogabili e sopravvenuti impegni del Presidente della Provincia di Cosenza Antonio Acri, l’incontro dello stesso Presidente e dell’Assessore Provinciale alle Politiche Sociali, Adelaide Maradei, con i Sindaci Baby della Provincia di Cosenza, fissato per il 27 maggio, alle ore 12.00, presso il Ridotto del Teatro Rendano, Lo stesso si terrà, eventualmente, in data da destinarsi

Un arresto a Castrovillari per violazione degli arresti domiciliari

26/05 A Castrovillari i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile in esecuzione all’ ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Castrovillari, hanno arrestato Giuliano Anzillotta, di 31 anni, per violazione degli obblighi derivanti dalla misura degli arresti domiciliari

Un arresto Scalea per spaccio di eroina

26/05 A Scalea i carabinieri del locale nucleo operativo radiomobile, hanno arrestato, Giuseppe Contursi di 30 anni, disoccupato, pregiudicato, sottoposto alla misura cautelare con obbligo dimora, perché colto in flagranza nello spaccio di eroina (un grammo) suddiviso in due dosi contenute all’interno cilindretti in plastica. Nel contesto venivano identificati due acquirenti, entrambi tossicodipendenti, che sono stati segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo di Cosenza

Totonno Chiappetta sugli scudi anche “fuori casa”

26/05 A Caerano San Marco (TV) ,al Teatro “Maffioli”di villa Benzi-Zecchini , in occasione della rassegna teatrale musicale.”COLPI DI SCENA”, abbiamo assistito ad uno spettacolo,a dir poco nuovo e suggestivo. Totonno Chiappetta ha presentato :”E ni scialamu” di e con Totonno Chiappetta accompagnato con la piccola fisarmonica acustica dell’inseparabile Maestro Fausto Guido.Totonno Chiappetta,attore meridionale ed universale , ha spaziato tra la poesia pura e la comicità come pochi attori oggi sanno fare,coinvolgendo e tirando fuori le debolezze di un pubblico difficile come quello del Nord Est,dimostrando che le debolezze appartengono a tutti.
Dopo una sottile satira sulla lega d’esilarante comicità,Totonno Chiappetta ha spiegato come la poesia puo essere interpretata per arrivare a tutti , recitando ,a modo suo,”l’aquilone di Pascoli e “A Madonna di mandarini” di Russo. Il pubblico coinvolto in piu’ di una occasione ,alla fine della serata intonava le note della sigla dello spettacolo:”E ni scialamu” quasi come un comune sfogo terapeutico.Totonno Chiappetta con la sua tuba ed il suo vecchio frac,per un poco ha unito non solo l’Italia ,ma, attraverso le sue emozioni universali, ha unito il mondo.

Domani l'interrogatorio di Don Kevin

25/05 Sara' interrogato domani don Kevin, parroco della frazione di San Giacomo di Acri, arrestato la settimana scorsa pecche accusato di violenza sessuale ai danni di una bambina di 9 anni. Il sacerdote, che e' detenuto agli arresti domiciliari, sarà sentito dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cosenza, Giusy Ferrucci, che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare. L'accusa sostiene che il sacerdote, al termine di una lezione di catechismo, si sarebbe parzialmente denudato dinanzi ad una bambina di nove anni. Nella frazione di San Giacomo di Acri nessuno crede alle accuse contro il parroco, il quale viene descritto come un sacerdote impegnato in favore della sua comunità. L'avv. Amedeo Strano, difensore di don Kevin, non esclude la possibilità di ricorrere, indipendentemente dall'esito dell'interrogatorio con il Gip, al tribunale della libertà.

Convegno sulla legalità al Rendano lunedì 31 maggio

25/05 Organizzato dall'Associazione "La Piazza", in collaborazione con l'assessorato alla Pubblica Istruzione Beni Culturali-Ricerca e Università della Regione Calabria , si svolgerà lunedì 31 maggio alle 16 al Rendano il convegno " LEGALITA' E CULTURA DELLE ISTITUZIONI. LA CRESCITA DEMOCRATICA". Alla manifestazione, moderata dal giornalista Enzo Arcuri, dopo i saluti del Sindaco Eva Catizone e l'introduzione del Presidente dell'Associazione "La Piazza", Walter Peòòegrini, interverranno il Dr. Ugo Panetta, Dirigente Generale Ministero Pubblica Istruzione; l'On.le Jole Santelli - Sottosegretario alla Giustizia; il Dott. Giuseppe Procaccini, Vice Capo Polizia (Ministero dell’Interno); On.le Saverio Zavettieri - Assessore Regionale Pubblica Istruzione e BB.CC.; il Prof. Giuseppe De Bartolo - Preside Facoltà di Economia,Componente Comitato Permanente Regionale per l'Educazione alla legalità; il Dott. Emilio Ledonne - Procuratore Nazionale Aggiunto D.N.A.; Senatore Roberto Centaro - Presidente Commissione Parlmentare Antimafia; Prof. Pasquino Crupi - Presidente della Consulta - Regione Calabria; Dott. Giuseppe Romeo - Saggista pubblicista, Esperto in Diritto dell’Unione Europea.

Tre operai licenziati alla Polti di Piano Lago. Laratta convoca tavolo negoziale

25/05 I 190 dipendenti della Polti di Piano Lago hanno protestato stamane, bloccando l'attività produttiva dello stabilimento, contro il licenziamento di tre lavoratori. I tre lavoratori sono Alessandro e Paolo Altomare e Raffaele Parise che ieri pomeriggio hanno ricevuto le lettere di licenziamento. Il provvedimento, secondo quanto si e' appreso dai lavoratori, e' stato adottato perché il servizio di manutenzione, a cui i tre erano addetti, sarebbe stato esternalizzato. I tre lavoratori che non hanno firmato le lettere e che sono rappresentanti della Cgil si dicono invece vittime di una ritorsione a causa della loro militanza sindacale. E' stato intanto convocato dall'assessore provinciale al mercato del lavoro Franco Laratta un tavolo negoziale previsto
per giovedì prossimo presso il centro dell'impiego di Cosenza. “Chiederemo - ha detto il segretario provinciale della Cgil la revoca dei licenziamenti e il piano industriale previsto dall'azienda”

Continuano le ricerche del giovane scomparso a Paola. Probabile caso di lupara bianca.

25/05 Continuano, senza esiti, le ricerche dell’uomo scomparso da Paola giovedì scorso. Le ricerche hanno impegnato le unità cinofile dei Carbinieri del gruppo di Vibo Valentia, lungo la dorsale dell’appennino paolano ma di Rolandao Siciliano, questo il suo nome, nessuna traccia. L’uomo scomparso ha trenta anni, è alto un metro e 75, ha i capelli biondi, gli occhi azzurri e la corporatura robusta. Manca da casa, dove viveva con la madre ed i suoi due fratelli, da giovedì mattina dalle 8.30 allorquando è uscito senza fare più ritorno. Quella mattina era vestito con una camicia azzurra ed un pantalone beige e portava un cappello di lana nero. Gli inquirenti ritengono che possa trattarsi di un caso di lupara bianca perché il giovane era all’attenzione della Dia già dal novembre 2003 perché gli fu bruciata l’auto forse da esponenti di qualche cosca della zona.

Truffe su internet scoperte dalla Polizia postale. Uno è di Cosenza

25/05 Un acquirente che compra via internet prodotti multimediali per 10.000 euro e non paga il conto, un venditore che cede attrezzature informatiche in un'asta on-line, senza poi spedirle all'acquirente che invece paga regolarmente. Sono le due truffe informatiche scoperte dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Bologna che, al termine di una serie di indagini, ha denunciato entrambi gli autori: F.I., pregiudicato di 42 anni, di Cosenza, e M.T., 37 anni, di Biella, entrambi con precedenti specifici. La prima vicenda e' emersa in seguito alla segnalazione di un'azienda bolognese, che attraverso il proprio sito web aveva venduto vari prodotti multimediali (cd, dvd, software) e attrezzature informatiche (scanner e telecamere digitali) ad un acquirente, che dimostrava il pagamento della merce trasmettendo via fax le copie delle ricevute postali dei vari versamenti. Solo dopo alcuni mesi l'azienda, accorgendosi che le Poste non le avevano accreditato nulla, ha scoperto che i bollettini di versamento erano stati falsificati, riproducendo quasi alla perfezione anche la stampigliatura del timbro postale. Attraverso complesse indagini informatiche, gli agenti sono risaliti ad alcuni internet point di Cosenza, da dove erano partite le connessioni dell'acquirente, e a due indirizzi e-mail con nomi apparentemente di fantasia, ma in realta' riconducibili al truffatore e alla moglie. Per non lasciare tracce, l'uomo si era fatto recapitare la merce presso indirizzi diversi. Nell'abitazione di F.I., che e' stato denunciato per truffa e falso, i poliziotti bolognesi, con il supporto dei colleghi di Cosenza, hanno recuperato materiale per circa 10.000 euro, in parte proveniente dall'azienda di Bologna, e il resto probabile provento di altre truffe analoghe. L'altra vicenda, dal meccanismo opposto, e' partita dalla denuncia di disegnatore meccanico bolognese, che ha raccontato di avere acquistato materiale informatico per alcune centinaia di euro aggiudicandosi un'asta on-line. Dopo avere pagato l'importo con un vaglia, forse per aggirare le commissioni previste dalla casa d'aste, l'uomo non ha però più ricevuto la merce. I poliziotti informatici, anche in questo caso, hanno seguito le tracce della transazione e sono risaliti al piemontese, che e' stato denunciato per truffa. Gli investigatori della Postale raccomandano, in particolare per quanto riguarda le aste on-line, di fare molta attenzione e di seguire sempre le procedure sicure suggerite dagli organizzatori dell'asta, evitando le trattative private e di trasmettere dati personali 'sensibili' via e-mail.

Magistrati cosentini in protesta, Quasi totale l’adesione allo sciopero

25/05 Aule quasi vuote oggi al Tribunale di Cosenza. Su 29 udienze ben 27 sono andate deserte. Nove su dieci le adesioni in procura. Due su due i magistrati di sorveglianza. La protesta dei magistrati è contro la riforma che viene considerata altamente punitiva perché punisce l’autonomia e l’indipendenza della categoria che con queste caratteristiche ha sempre potuto esercitare le sue funzioni in conformità con i principi costituzionali. Secondo l’Associazione dei magistrati di Cosenza, c’è una volontà di riformare i giudici e non la giustizia. La legge, sempre secondo l’associazione, incentiva alla progressione di carriera e quella economica in realtà attacca l’autonomia della magistratura e non ne migliora l’efficienza perché separa le carriere. Un esempio è quello del pubblico ministero che in questo caso deve avere la cultura della giurisdizione e crescere professionalmente assieme ai giudici.

E’ tornata a casa la quindicenne scomparsa.

25/05 Come nei migliori racconti “rosa” la giovane quindicenne di origini equadoregne, scomparsa da giovedì scorso da casa e segnalata a tutte le questure d’Italia, ha fatto ritorno a casa, pentita ma sana e salva. Ha dichiarato ai suoi che si è trattato di una fuga d’amore e così sembra che sia stato. I genitori, però, non si sono spiegati le motivazioni del gesto, visto che entrambe le famiglie dei due ragazzi si conoscono e si frequentano. Insomma una fuga d’amore durata quattro giorni e trascorsa, pare, in città, lontani da tutti , amici e parenti. Una storia con lieto fine, insomma, e un po’ di spavento per i genitori.

Giovedì 27 a Palazzo Arnone presentazione della mostra “Quando l’abito fa il monaco”

25/05 Giovedì 27 maggio p.v.,alle ore 10,30, nel prestigioso Palazzo Arnone in Cosenza, sarà presentato, nell’ambito delle manifestazioni indette in occasione della VI Settimana della Cultura (24-30 maggio 2004), il progetto didattico “Quando l’abito fa il monaco”. L’iniziativa, promossa dalla Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico per la Calabria, guidata da Rossella Vodret, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “L. Milani” di Maturano (Cz), è una sperimentazione didattica che avvicina in maniera originale il pubblico più giovane al mondo dell’arte, 11 progetto partendo dalla esplorazione del territorio attraverso percorsi storici, etnologici e delle tradizioni locali, arriva ad indagare il tema dei costumi popolari, della moda maschile e femminile e dei tessuti utilizzati. In effetti, è lo spaccato di un mondo che ha lascia , una traccia indelebile e assai significativa. La manifestazione, infatti, ha la finalità di recuperare la memoria, a storia dei luoghi, delle tradizioni, dei mestieri, del patrimonio e della civiltà, nel contesto sociale di appartenenza Il progetto didattico “Quando l’abito fa il monaco- Storia dell’abbigliamento dei secoli XVII e XVIII” è stato realizzato dal Centro per i Servizi Educativi per la Galleria Nazionale di Cosenza e per il Territorio, la cui Responsabile è la Dottoressa Rita Iannace e dall’istituto Comprensivo “L. Milani” di Martirano. Il Centro, recentemente istituito dal Soprintendente Vodret, si rivolge alle scuole ed è collegato soprattutto all’attività della Galleria Nazionale di Cosenza. Un modo diverso e vivace permettere in contatto i ragazzi con i capolavori cha la Storia ci ha lasciato

Concerto dei Folkabbestia il 27 maggio a Rende

25/05 I Folkabbestia saranno a Rende il prossimo giovedì 27 maggio. Il concerto, organizzato dallo spazio sociale autogestito Filo Rosso si terrà presso gli impianti sportivi Cus dell'Università della Calabria, a partire dalle ore 22. Nati come sestetto i FOLKABBESTIA in dieci anni di attività hanno attraversato diversi cambi di formazione ed importantissime esperienze: dal festival interceltico di Lorient, in Francia alla registrazione del record nel Guinness dei Primati per l'esecuzione musicale più lunga di uno stesso brano (30 ore ininterrotte di Stayla Lollomanna) passando per la scelta operata dalla BBC che li ha voluti come rappresentanti italiani e per la partecipazione al primo festival della musica di Mantova. E non solo! Arezzo Wave, Santarcangelo dei Teatri, Raduno di Caterpillar, concerti e passaggi alla Rai (radio e tv), tour in Germania sono solo altri esempi. La recente scelta di Pino Porsia alias Pinelle (flauti) e di Michele Sansone altresì noto come Gighi (fisarmonica) di staccare (per un po'?) la spina ha comportato una nuova mutazione all'interno della formazione. Attualmente non ci sono fiati nella banda mentre alla fisarmonica prende posto Pie(t)ro Santoro. I FOLKABBESTIA oggi sono: Nicola Negus de Liso (batteria), Francesco Checco Fiore (basso), Fabio Lavalas/arrepetiscion losito (violino), Lorenzo Lollomanna Manarini (chitarra e voce), Pietro Santoro (fisarmonica).

Il 26 l’inaugurazione della Biblioteca della Terza Circoscrizione

25/05 (Uscc) Mercoledì 26 maggio, alle ore 17.00 presso la sede della III Circoscrizione, sarà inaugurata ufficialmente la Biblioteca Circoscrizionale. Per l’occasione saranno presenti il Sindaco Eva Catizone; il Vice Sindaco, con delega alla diffusione del libro, Maria Francesca Corigliano; Il Presidente della Circoscrizione Umile Trausi; I consiglieri circoscrizionali; le associazioni Volontariato Vincenziano, Coop. Minerva, Assistenti Sociali del Servizio Civile. L’incontro sarà introdotto da musiche da camera, eseguite da un gruppo di giovani violoncellisti, diretti dal Maestro Fausto Castiglione. Durante la manifestazione sarà presentata l’ultima opera dello scrittore Coriolano Martirano.

Prima riunione e prime decisoni della Giunta Catizone Bis

25/05 (Uscc) Sono state diverse ed importanti le decisioni della Giunta, riunitasi ieri sotto la presidenza del sindaco Eva Catizone.
Più sicurezza per i giovani e le donne
Gli episodi di violenza che sempre più spesso vedono protagonisti i giovani anche nella nostra città hanno indotto il sindaco Catizone a varare un provvedimento che dovrebbe rendere più sicure le strade maggiormente frequentate dai ragazzi.
Contro micro criminalità ed atti vandalici scenderanno in piazza gli addetti della Cooperativa “Polemos New”, che già ha svolto nei mesi passati un servizio di supporto alla polizia municipale con risultati ritenuti soddisfacenti dall’Amministrazione comunale.
La Polemos assicurerà per i prossimi quattro mesi il servizio di sorveglianza davanti agli istituti scolastici (fino al termine dell’anno scolastico) e nelle zone cittadine ritenute maggiormente a rischio.
L’Associazione di volontariato Centro contro la violenza “Roberta Lanzino” opererà in stretta sinergia con l’Amministrazione comunale. Una convenzione in tal senso prevede che il Centro continui e potenzi la sua attività di assistenza specifica alle donne vittime di abusi. In particolare, sono previsti: ascolto telefonico, incontri e colloqui, ospitalità, consulenza sociale, consulenza giuridico-legale, consulenza psicologica, formazione di base, formazione permanente, costruzione di reti.
Il Comune darà in cambio un contributo annuale di 6.000 euro per coprire parte delle spese. La convenzione ha validità di tre anni e si intenderà risolta una volta realizzata la Casa delle Donne, opera programmata dal Comune nell’ambito del Contratto di quartiere, dove troverà sede definitiva il Centro.
Cosenza nella Rete del Nuovo Municipio
Il capoluogo bruzio aderisce all’Associazione “Rete del Nuovo Municipio”.
Si tratta di un organismo a carattere internazionale che si propone una diversa e più avanzata forma di democrazia, un diverso sistema di relazioni tra governo locale, territorio e società attraverso la partecipazione dei cittadini. In particolare l’Associazione promuove il coordinamento dell’azione delle Amministrazioni locali con associazioni e movimenti; definisce, anche su scala sovracomunale, strategie unitarie d’intervento; promuove laboratori sperimentali e istituti di democrazia partecipativa sullo sviluppo locale autosostenibile.
Regolamento per commercio ambulante e nuove edicole
Per il settore del commercio, due novità.
Sono stati varati il Regolamento per la disciplina del commercio in forma itinerante sulle aree pubbliche ed il Piano di localizzazione delle edicole.
Il primo consentirà una razionalizzazione dell’attuale sistema, con benefici sia per gli operatori interessati che per il consumatore.
Il secondo si propone di incrementare la diffusione della stampa aumentando il numero di edicole esclusive, quelle cioè non abbinate ad altri generi di commercio. Dalle attuali 43 si passerà a 72, con attenzione alle zone che ne sono meno provviste.
Difesa a oltranza delle querce secolari
Il sindaco resisterà al ricorso al Tar dei signori Giuseppe Spada e Marco Solima per l’annullamento, previa sospensione cautelare, di un provvedimento del Dirigente Ambiente mirante alla conservazione di alcune querce secolari.
Si tratta dell’ormai annosa vicenda delle querce che si trovano ai bordi della strada che congiunge Mendicino con Serra Spiga. I proprietari del terreno intendono abbatterle mentre il Comune ritiene che possa bastare un intervento di messa in sicurezza e che gli alberi vadano salvati. Il Comune sarà rappresentanto dall’avv. Nicola Carolillo, dell’Ufficio legale.

Entro il 28 maggio i ricorsi per il sostegno alle case in fitto

25/05 (Uscc) Il Servizio Attività sociali comunica ai cittadini che hanno inoltrato domanda di contributo annuale per il sostegno alle case in affitto nel Comune di Cosenza (Legge 431/98-delibera di Giunta regionale n.3517 del 22.11.99) che l’Ufficio disagio abitativo ha effettuato l’istruttoria delle domande pervenute e formulato la relativa graduatoria provvisoria (contributo anno 2003), sulla base di un ordine decrescente dell’incidenza del canone di locazione sul reddito imponibile percepito dal nucleo familiare anagrafico.
La graduatoria provvisoria è affissa dal 18 maggio scorso presso le sedi circoscrizionali, l’Urp e presso la sede delle Attività sociali in via Piave 84.
Gli interessati possono ricorrere alla graduatoria provvisoria entro e non oltre 10 giorni dalla data di pubblicazione.

Dieci arresti a Cosenza e provincia ad opera dei Carabinieri

25/05 - I Carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Scalea nel corso di un servizio perlustrativi, hanno tratto in arresto 6 persone: Angelo Ambrosino, 25 anni, con precedenti penali di Praia a Mare; Cantino Servidio, di 37 anni di Scalea, Vittorio Orlando, di 40 anni di Tortora e le cittadine ucraine Oksana Sorochak, di 24 anni e Ivanna Melnyk, di 23 anni, trovati in possesso di circa 100 grammi di eroina
- I Carabinieri della stazione di Trebisacce hanno notificato a Salvatore Vitale, di 36 anni un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, dovendo scontare la pena di un anno,un mese e14 giorni di reclusione, per favoreggiamento della prostituzione.
- I Carabinieri di Cosenza, in esecuzione di un’ordinanza di sospensione della misura alternativa dell’affidamento al servizio sociale, emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Cosenza, ha tratto in arresto Eugenio Apolito, di 60 anni, per il mancato rispetto delle prescrizioni contenute nella citata misura.
- I Carabinieri di San Lucido hanno notificato a Lorenzo Giachetti, di 37 anni, un provvedimento di sospensione della detenzione domiciliare, emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Cosenza, dovendo scontare una pena residua di86 giorni, per i reati p. e p. dagli artt. 624 – 81 e 572 del C.P..
I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Rossano hanno arrestato Sergiy Chernyak nato di 29 anni e Svitlana Chernyak di 32 anni, entrambi ucraini, gravati da un decreto di espulsione emesso data 17.10.2003 dal Questore di Cosenza, per violazione della legge sulla immigrazione (privi del permesso di soggiorno).

Comune di Cosenza: Entrano in “surroga” due nuovi consiglieri

25/05 Il Consiglio comunale ha proceduto oggi alla surroga dei consiglieri Roberto D’Alessandro e Maria Lucente con, rispettivamente, Salvatore Dionesalvi e Alessandra La Valle, primi dei non eletti per la Margherita e per i Ds. Il voto ha registrato 16 sì dei consiglieri Ds, Sdi, Udeur, Europei per Cosenza, di Francesco Savastano (Movimento Unitario Riformista Socialista) e del consigliere del Gruppo misto Enrico Carnevale. Sono invece usciti fuori dall’aula i consiglieri del PSE, quelli della Casa delle Libertà, Sergio del Giudice del Gruppo misto, Amedeo Pingitore dei Verdi

La rivista dell'Arcidiocesi "Le due città" dedicata alla comunicazione

25/05 Il numero attualmente in distribuzione della rivista dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano Le due città dedica la copertina e l’apertura al tema della 38.ma Giornata mondiale delle comunicazioni sociali «I media in famiglia: un rischio e una ricchezza». Insieme al messaggio di Giovanni Paolo II dedicato all’argomento, all’interno è inserito un articolo di Francesca Stumpo su «La famiglia alle prese con i media: spettatrice o attrice?». La rivista contiene, inoltre, l’intervento del Padre Arcivescovo, Mons. Giuseppe Agostino, sui risvolti per la vita diocesana della recente istruzione sull’Eucaristia pubblicata dalla Congregazione vaticana per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. Si segnalano ancora - con le notizie sulla vita della diocesi e altri interventi - gli articoli di Ercolino Cannizzaro («Le pensioni, lo Stato sociale e gli adoratori del dio denaro») che si sofferma sul libro del prof. Giovanni Mazzetti Il pensionato furioso; di Maria Niccoli («Il sogno e il segno») sulla recente conferenza cosentina di Mons. Giancarlo Brigantini, Presidente della commissione per i problemi sociali della Conferenza Episcopale Italiana, sui cattolici e la politica; di Sabina Licursi - dottore di ricerca in Sociologia e docente a contratto di Sociologia dei fenomeni politici nell’Università di Catanzaro e di Politica, comunità e società nell’Università della Calabria - su «La difficoltà di riconoscersi adulti nella società della giovinezza dilatata».

 

Processo NoGlobal: Secondo gli imputati il Giudice avrebbe manifestato pregiudizio sull'esito

24/05 Nel documento presentato dai 13 imputati dell'inchiesta no global si evince anche che, secondo gli imputati, i comportamenti, le ordinanze e le decisioni prese oggi, avrebbero espresso un pregiudizio sull'esito dell'udienza preliminare. La decisione non nasce solamente dal rigetto delle richieste dei difensori, ha spiegato l'avv. Simonetta Crisci, ma di alcune in particolare, come quella relativa alle trascrizioni delle telefonate. "Il giudice - ha sostenuto il legale - ha fissato un'udienza per discutere solo delle telefonate al 14 giugno e poi pretendeva di definire l'udienza preliminare entro fine maggio". La richiesta di astensione dal giudizio o, in subordine, la richiesta di ricusazione presentata al GUP è, a giudizio degli imputati, necessaria.

Sequestrato il canale d'accesso ai laghi di Sibari

24/05 Si tratterebbe di una struttura costruita su proprietà demaniale, l'unica via d'ingresso ai laghi di Sibari, sequestrata quest'oggi su disposizione della procura della Repubblica di Castrovillari. Il canale posto sotto sequestro è l'unica via d'accesso ai laghi di Sibari, una sorta di porto turistico che ospita 2.500 posti barca e 1.500 villette. Ad ordinare il sequestro è stato il sostituto procuratore Baldo Pisani che sta conducendo un inchiesta sui presunti abusi sulla via d'accesso ai Laghi di Sibari. Il provvedimento è stato eseguito dall'Ufficio circondariale marittimo di Corigliano Calabro diretto dal tenente di vascello Antonio Prencipe. L'intera area posta sotto sequestro occupa circa 28.000 metri quadrati ed è lunga oltre cinquecento metri. L'inchiesta, condotta dalla Procura di Castrovillari, mira ad identificare le persone che per oltre dieci anni avrebbero utilizzato abusivamente il tratto di canale, denominato degli stombi, che conduce ai laghi di Sibari. Le ipotesi di reato emerse dall'inchiesta, al momento comunque a carico di persone ancora da identificare, sono l'occupazione abusiva di demanio marittimo, l'omessa collocazione dei segnali di navigazione e l'inosservanza, in materia di navigazione, degli obblighi imposti dall'autorità giudiziaria. Quest'ultimo reato deriva dal fatto che il canale era stato già interdetto alla navigazione con un apposito provvedimento dell'autorità giudiziaria.

I noglobal ricusano i giudici. Udienza rinviata al 14 giugno

24/05 Finisce con la sorpresa, la giornata di udienza preliminare del processo no global che si sta svolgendo a Cosenza. Con le stesse armi studuate per levare le castagne dal fuoco dei padroni del vapore, quasi a sovvertire l'incredibile richiesta di risarcimento danni (sono stati chiesti dieci miliardi solo per i anni all'immagine), gli indagati presenti, all'unanimità, hanno firmato un documento in cui ricusano i giudici di Cosenza sorpresi, a loro dire, nello stendere una regia preventiva con gli interventi programmati prima ancora che sarebbero state sollevate le eccezioni e con la programmazione dell'intervento del PM fissata a priori per il primo pomeriggio. Così è stato e mentre il PM si accingeva a leggere l'arringa d'accusa, avvocati e indagati in blocco hanno abbandonato l'aula facendo poi pervenire l'istanza di ricusazione. Il malcontento lo si leggeva gìà prima quando il Gup aveva rigettato tutte le istanze presentate dai difensori e accettando la costituzione di parte civile avanzata da parte del Governo. Anche qui un giallo. Pare infatti che non ci sia alcun documento ufficiale, o atto burocratico, del Governo, nè del Consiglio dei Ministri, che esterni questa richiesta di costituzione di parte civile. Insomma none esiste ufficialmente alcun atto formale su cui poggia la cosa. Continuando sul malumore suscitato dal Gup, Giusy Ferrucci, per il suo operato e sulla conduzione del'istanza stessa un avvocato ha dichiarato: "Vogliamo una decisione secondo le regole". La denuncia è poi stata rafforzata dalla dichiarazione di uno degli indagati, Michele Santagata, che ha affermato di aver trovato stamani all'arrivo in aula, il pm Fiordalisi ed il Gup Ferruscci seduti a fianco a 'studiare le carte'. "Sono state presentate eccezioni di competenza territoriale e di utilizzabilità di alcuni atti - ha aggiunto - ma prima ancora di valutarle il Gup aveva già stabilito il programma degli interventi. Ci sono agli atti alcune informative della Questura antecedenti alla data di inizio del procedimento, che e' stata indicata nel 16, 17 maggio 2002 in occasione dei fatti di Napoli. Atti che non possono essere utilizzati. Abbiamo anche chiesto l'audizione delle intercettazioni da cui sono state estrapolate alcune frasi riportate negli atti, ma e' stata respinta. Non c'è imparzialità" il suo laconico commento. Intanto l'udienza riprenderà il 14 giugno e discuterà se accettare o meno la ricusazione. Insomma il movimento ha imparato ad usare le stesse armi che sono state messe a punto per risolvere casi più delicati. Quella ricusazione tanto cara al capo del Governo oggi viene utilizzata dal movimento "no global" quasi a sostenere un antico detto che dice chi la fa l'aspetti. Ma la strada per la verità è ancora abbastanza lunga e ingarbugliata. Per adesso i difensori devono trovare una risposta all'imprevista richiesta di danni di cinque milioni di euro poi bisogna vedere come e quando le accuse verranno sostenute dal PM. Un processo che si prevede lungo e difficile. Ma che sicuramente non disdegnerà altre sorprese.

Buoncristiano: "L'assistenza domiciliare verrà rafforzata su tutto il territorio"

24/05 L'assistenza domiciliare integrata sarà profondamente irrobustita su tutto il territorio dell'azienda sanitaria territoriale di Cosenza ed a breve illustreremo alla stampa ed all'opinione pubblica i dettagli di quest'azione che rappresenta uno dei punti qualificanti del mio programma . E' quanto dichiarato dal direttore generale dell'azienda cosentina, Francesco Buoncristiano. Per Buoncristiano " è doveroso concertare con le istituzioni che hanno potestà nell'attuazione dei servizi sociali , misure di sostengo concreot a chi vive disagi fisici pesanti che non consentono di poter espletare una vita normale " La prevenzione e la riabilitazione - ha aggiunto il dott. Buoncristiano-sono i due settori di intervento di eccellenza del territorio, che vanno attuate non a parole ma con fatti. Il principio dell'assistenza domiciliare è innanzitutto dignitoso per chi soffre- ha concluso Buoncristiano- e preferisce vivere a casa sua, ma è anche prezioso per evitare ricoveri inutili, spese ingiustificate e dare spazio , proprio nel regime ospedaliero pubblico e privato, alle acuzie

Il bilancio di due intensi anni di attività dell’Assessorato ai Diritti del cittadino

25/04 L’assessore Vincenzo Gallo offre ai cittadini il resoconto, di quasi due anni, di un ricco bilancio di attività: “E’ un diritto dei cittadini essere informati sull’attività degli amministratori pubblici, in modo da fornire loro la possibilità di partecipare in modo attivo al processo decisionale, di svolgere una funzione di controllo e di far pervenire eventuali indicazioni e suggerimenti. Nel luglio 2003, pertanto, dopo il primo anno di attività della Giunta, si è ritenuto doveroso rendere pubblico un dossier contenente le principali iniziative e i progetti avviati dall’Assessorato ai Diritti del Cittadino. In vista della scadenza del secondo anno di attività e dopo l’insediamento della nuova Giunta è stata aggiornata la precedente versione. Le attività elencate attuano il programma del Sindaco e, inoltre, il programma dell’Assessorato presentato alla competente Commissione Consiliare nel settembre 2002, approvato all’unanimità. Si è cercato di integrare il documento programmatico, tenendo conto delle segnalazioni provenienti dal Consiglio Comunale, dalle Circoscrizioni e dai tanti cittadini e rappresentanti di istituzioni e associazioni che ho avuto il piacere di incontrare in questi mesi. I risultati raggiunti, nonostante i vincoli di bilancio, sono stati conseguiti per il sostegno e la collaborazione ottenuta dal Sindaco e dall’intera Amministrazione, che sento il dovere di ringraziare. Nel dossier le attività elencate sono state suddivise in base alla deleghe assegnate nel 2002: diritti del cittadino, disabilità, sicurezza, protezione civile, verde, amianto e sport.
Nel dossier sono elencate oltre 90 azioni e progetti avviati o realizzati, 37 progetti elaborati, di cui circa il 50% sono stati già approvati o finanziati (vedere tab. 1)
Tra gli interventi avviati o finanziati, gestiti direttamente o promossi dall’assessorato, quelli di maggiore rilievo finanziario sono stati i seguenti:
Diritti - Mostra multimediale sui diritti umani, visitata da oltre 8500 persone;
Disabilità - Realizzazione del progetto “In giro per la città”, con l’attivazione di un servizio
taxi comunale e l’ acquisto di due autoveicoli accessibili a tutti.
Sono utilizzati 27 operatori della cooperativa Demetra e 8 autisti, che offrono servizi a 100 utenti con difficoltà di movimento;
- Interventi per l’abbattimento di barriere architettoniche in edifici pubblici e spazi esterni;
- Approvazione del Progetto “Mobilità per tutti”, presentato al servizio civile nazionale, che prevede l’utilizzo di 10 giovani volontari per potenziare il servizio taxi e favorire l’integrazione sociale delle persone con difficoltà di movimento. Il progetto dovrebbe essere attivato entro luglio 2004;
- Finanziamento di una piscina per la riabilitazione e lo sport terapia, che costituisce il I lotto del Progetto del centro di ricerche biomediche e di servizi integrati sanitari e sociali, per persone con varie disabilità, il cui studio di fattibilità è stato già cofinanziato dal Cipe ed è stato elaborato e presentato alla Regione nel 2001;
- Progetto di ricerca industriale su “Mobilità difficile”, presentato dal Centro Ricerche Fiat al MIUR, che prevede il Comune di Cosenza come partner;
- Sostegno a iniziative (convegni e seminari) organizzate da alcune associazioni, soprattutto in occasione dell’anno europeo dei disabili;
- Apertura di uno sportello per la promozione imprenditoriale delle persone con disabilità.
Amianto: Finanziamento di 5 progetti di rimozione dell’amianto in 5 scuole cittadine, presentati alla Regione dopo l’effettuazione di un censimento nel centro cittadino.
Sicurezza: Finanziamento di un “Progetto sicurezza”, che prevede interventi per la videosorveglianza in città e l’istituzione del vigile sociale;
Protezione civile: Finanziamento di un progetto per la realizzazione di sedi e per l’elaborazione di un piano comunale per la protezione civile;
Verde Pubblico: Approvazione del progetto “Itinerari verdi – alla riscoperta di antichi sentieri a sud della città”, che prevede l’utilizzo di 15 volontari del servizio civile. L’obiettivo è la valorizzazione dell’ area a sud del centro storico, sottoposta a vincolo paesaggistico, che costituisce di fatto un parco naturale e culturale, di estensione pari a circa il 50% del territorio cittadino;
- Realizzazione del progetto “Città in fiore”;
Sport: Patrocinio di varie manifestazioni sportive. Promozione del progetto sport per tutti ed integrato.
Copia integrale del rendiconto, con l’allegato che contiene l’elenco dettagliato di tutti gli interventi, è a disposizione presso la sede dell’Assessorato e sul sito internet del Comune: www.comune.cosenza.it/home - link diritti.
TAB. 1

Azioni- Progetti avviati/realizzati Progetti elaborati Progetti finanziati da altri enti

Diritti (*)

11

1

-

Disabilità(*)

Comunicazione

7

2

-

Mobilità

4

7

4

Attività ricreative/Sport

8

2

1

Lavoro

2

3

-

Assistenza

4

3

1

Totali Disabilità

26

17

6

Sicurezza

3

3

2

Protezione Civile

3

3

2

Verde Pubblico

24

4

2

Amianto

3

6

5

Sport

22

3

-

Totale

92

37

17

(*) Deleghe assegnate all’assessorato ai diritti del cittadino anche nella seconda Giunta Catizone

Chiusa per lavori la sede sud della A3 tra Rosarno e Gioia Tauro dal 24 maggio al 15 luglio

24/05 Continuano i lavori di ampliamento e di messa in sicurezza dell’A3 Autostrada Salerno-Reggio Calabria nell’area calabrese. Un nuovo cantiere è stato aperto questa mattina sulla sede Sud, tra Rosarno e Gioia Tauro, in provincia di Reggio Calabria. Si tratta in particolare dei lavori di posa in opera di pali di fondazione per la costruzione di un nuovo viadotto sul fiume “Budello”, che avrà caratteristiche adeguate al nuovo tracciato autostradale Per consentire l’esecuzione dei lavori, dalle ore 7.00 di lunedì 24 maggio alle ore 18.00 di giovedì 15 luglio, resterà chiusa al traffico la carreggiata Sud dell’A3 Salerno-Reggio Calabria, dal chilometro 390,950 al 392,500, nel tratto compreso tra gli svincoli di Rosarno e Gioia Tauro. Durante il periodo di chiusura, il traffico diretto verso Reggio Calabria sarà deviato sulla carreggiata opposta predisposta per il doppio senso di circolazione. L’Anas ha disposto che gli operatori dell’impresa esecutrice dei lavori dovranno assicurare 24 ore su 24 le attività di vigilanza del cantiere e la gestione di eventuali code, nonché garantire la completezza e la massima efficienza della segnaletica.
Gli operatori dell’Anas addetti alla sorveglianza ed alla manutenzione dell’autostrada forniranno agli utenti la necessaria assistenza ed ogni utile informazione per ridurre al minimo i disagi, durante tutto il periodo in cui rimarrà in vigore il provvedimento di limitazione del traffico. L’Anas Spa invita gli utenti a seguire le informazioni sulla viabilità diffuse dal CCISS e dai notiziari radiotelevisivi nazionali e locali. E’ inoltre attivo il Numero Verde Anas 800- 290 –092.

Nuova iniziativa culturale del Comune di Cosenza verrà presentata il 26

24/05 Mercoledì 26 maggio alle ore 11 il sindaco Eva Catizone, Rossella Vodret in rappresentanza della Sovrintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico della Calabria e il dr. Enzo Bilotti, in qualità di legale rappresentante del fratello Carlo Bilotti, collezionista d’arte che vive in Florida, firmeranno un protocollo che prelude ad un’altra importante operazione culturale per la città.I particolari saranno spiegati nel corso di una conferenza stampa che si terrà subito dopo la firma, nella stanza del sindaco.

Lettera di Saverio Greco al Presidente Chiaravalloti sul commercio

24/05 Il Presidente del Consiglio Comunale, Saverio Greco, ha scritto una lettera al Presidente della Giunta Regionale Giuseppe Chiaravalloti in merito alla riqualificazione e al potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza nelle piccole e medie imprese. Questo il testo: “Il Governo Nazionale ha assegnato 329.000,00 Euro alla Regione Calabria per il cofinanziamento di progetti regionali di investimento per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza nelle piccole e medie imprese commerciali. Il commercio rappresenta il settore trainante dell’economia della città di Cosenza e quello della sicurezza delle attività commerciali è uno dei problemi più sentiti dai piccoli e medi operatori del settore.L’efficace prevenzione dei reati contro gli operatori commerciali contribuisce al diffondersi di un clima di fiducia e sicurezza che rappresenta la risorsa principale per gli imprenditori e, sebbene con un certo ritardo rispetto alla legge n.289/2002, il Governo ha finalmente provveduto ad assegnare i fondi alle regioni nello scorso mese di Gennaio. Nonostante, però gli sforzi finora profusi dai nostri uffici, in contatto con la Direzione Generale della Regione, non riusciamo ad acquisire informazione alcuna sulle modalità di impiego di questi fondi. Mi rivolgo a Lei per conoscere quali siano i programmi di spesa che tali fondi finanziano, quali i requisiti richiesti alle aziende per accedervi, quali la ripartizione per aree territoriali della regione, quali i tempi di erogazione, quali le procedure di selezione fra i richiedenti”.

Domani 25 maggio alle 8.30 Consiglio Comunale

24/05 Domani, martedì 25 maggio 2004, alle ore 8.30 si svolgerà una seduta straordinaria del Consiglio Comunale. Lo ha comunicato il Presidente Saverio Greco in una lettera inviata a tutti i Consiglieri.All’ordine del giorno figurano due argomenti, oltre all’approvazione del verbale della precedente seduta. Si tratta, in realtà, di un unico punto che prevede la surroga dei Consiglieri Roberto D’Alessandro e Maria Lucente, recentemente entrati a far parte della Giunta comunale con la delega, rispettivamente, alla salute dei cittadini e al personale. A D’Alessandro, tra le file della Margherita, subentrerà il Consigliere Salvatore Dionesalvi, mentre Maria Lucente sarà sostituita, nei banchi dei Ds, da Alessandra La Valle.

Spettacolo teatrale al centro anziani di Serra Spiga il 27 alle 18 "Il Sorriso di Serra Spiga"

24/05 Giovedì 27 maggio, alle ore 18.00, gli anziani del Centro comunale di Serra Spiga daranno vita ad uno spettacolo teatrale in collaborazione con Faustino Guido e il suo gruppo folkloristico. Una manifestazione tira l’altra, a Serra Spiga. Domani, infatti, inizieranno i corsi di ballo organizzati dal Centro Anziani comunale di Serra Spiga in collaborazione con la VI Circoscrizione. I corsi, prevedono lezioni di ballo liscio e ballo di gruppo. Da domani 35 coppie si ritroveranno nei locali del Centro Anziani di Serra Spiga ogni martedì e venerdì dalle ore 17,00 alle 18,00.

Dibattito alla Casa delle Culture il 28 alle 17, "Dalle relazioni ai conflitti"

24/05 “Dalle relazioni ai conflitti”. E’ questo il tema del dibattito che si svolgerà nella Sala Gullo della Casa delle Culture, venerdì 28 maggio 2004 alle ore 17,00. Interverranno il Sindaco, Eva Catizone; il giornalista Arcangelo Badolati, autore del libro “L’omicidio relazionale”; la psicoterapeuta Anna Salvo; la sociologa Renate Siebert; l’Assessore alle politiche femminili Felicita Cinnante.

Pietro Mancini scrive al Sindaco "una cosa bella intitolare una via di Cosenza a Quattrocchi, eroe antieroe"

24/05 L'ex Sindaco di Cosenza, Pietro Mancini, ha chiesto al Sindaco Catizone, in una lettera inviatele quest'oggi, di intitolare una piazza di Cosenza a Fabrizio Quattrocchi. "In occasione del rimpatrio dall'Irak della salma di Fabrizio Quattrocchi, trucidato dagli spietati terroristi islamici - scrive Mancini nella lettera - ritengo che il Comune di Cosenza, da te guidato, farebbe una cosa bella e giusta annunciando l'intenzione d'intitolare una strada o una piazza della nostra città al coraggioso lavoratore catanese. La dignità e la forza con le quali Quattrocchi ha affrontato i suoi assassini sono stati apprezzati e sottolineati, in Italia e all'estero. E l'adesione del Comune di Cosenza alla richiesta, rivolta a tutti i sindaci italiani da singoli cittadini, come chi scrive, e da libere associazioni, rappresenterebbe una scelta civile, al di la' delle legittime, diverse opinioni sul conflitto iracheno, e un modo positivo per onorare un eroe antieroe, 'senza se e senza ma'".

Udienza preliminare dei 13 No Global: Il governo vuole costituirsi parte civile

24/05 Il Governo intende costituirsi parte civile nel procedimento contro 13 appartenenti all'area dei "no global", tra i quali il leader delle tute bianche, Luca Casarini, e quello dei disobbedienti napoletani, Francesco Caruso, di cui la Procura di Cosenza ha chiesto il rinvio a giudizio per cospirazione politica mediante associazione finalizzata alla turbativa delle funzioni di governo, associazione a delinquere semplice finalizzata ai reati di resistenza a pubblico ufficiale e associazione sovversiva semplice. La richiesta, secondo quanto si e' appreso, e' stata decisa dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per il danno morale provocato dai fatti avvenuti in occasione del G8, ed e' stata annunciata stamani dall'Avvocatura distrettuale dello Stato al Gup di Cosenza che deve valutare sul rinvio a giudizio chiesto dal sostituto procuratore Domenico Fiordalisi al termine dell'inchiesta sugli appartenenti al movimento del Sud ribelle e sugli scontri in occasione del G8 di Genova. In particolare, la costituzione di parte civile e' stata chiesta dal Governo, nella persona del Presidente del Consiglio, e dai Ministeri dell'Interno e della Difesa. La Presidenza del Consiglio ha avanzato richiesta di risarcimento danni per cinque milioni di euro, mentre sono da quantificare quelle dei due Ministeri. L'udienza non è ancora entrata nel vivo della discussione. Al momento, infatti, le parti stanno presentando una serie di eccezioni sulle quali il Gup deve decidere. In aula sono presenti dieci dei 13 indagati, tra i quali Caruso. Non c'è, invece, Casarini. Oltre ai reati associativi, alcuni indagati sono accusati poi di fatti specifici relativi agli incidenti o ad episodi connessi. Fuori dal Tribunale e' in corso un presidio promosso dai "no global" cui stanno partecipando, secondo dati della questura, una cinquantina di persone. L'inchiesta prese le mosse dalla costituzione, avvenuta a Cosenza nel maggio 2001, della "Rete meridionale del sud ribelle", un'organizzazione all'interno della quale, secondo l'accusa, vi sarebbe stato un gruppo di persone che avrebbero organizzato incidenti in occasione del G8 di Genova, del luglio 2001, e del vertice svoltosi a Napoli. A conclusione della prima fase di indagine, il 15 novembre 2002, 20 persone furono arrestate ed altre 22 furono indagate in stato di libertà.

A Campora sei operai salgono sul tetto della fabbrica per protesta

24/05 Sono in sei e da questa mattina si sono piazzati sul tetto del capannone dove lavorano, a Campora San Giovanni frazione di Amantea, minacciando di buttarsi nel vuoto se non verranno accolte le loro rivendicazioni. I sei sono in rappresentanza di altri 30 operai che chiedono rivendicazioni sindacali. Insieme con altri 30colleghi, i manifestanti chiedono l'inquadramento come metalmeccanici nei ranghi della ditta dalla quale dipendono e che avrebbe proposto loro l'applicazione di un altro tipo di contratto. Sul posto, per adesso, vigilano i Carabinieri.

Il 26 all'ITIS presentazione del "progetto prevenzione" sulla tossicodipendenza

24/05 Sara' presentato mercoledì 26, nell' auditorium dell'ITIS "Monaco", il ''Progetto prevenzione'', la campagna di comunicazione sociale di prevenzione sulla tossicodipenza, l' emarginazione, la deresponsabilizzazione promossa dal Consiglio regionale e dalla Comunita' Incontro di don Pierino Gelmini. Il progetto sviluppato in collaborazione con don Gelmini e che vede come partner l'Ufficio scolastico regionale - è detto in un comunicato dell'Ufficio stampa del Consiglio regionale - ha coinvolto nelle cinque province calabresi gli studenti delle scuole superiori, ai quali sono stati offerti spunti di riflessione su temi che investono il loro futuro e la loro esistenzialità. Alla tappa di Cosenza che precede quella conclusiva di Zervò parteciperanno tra gli altri il presidente del Consiglio regionale, Luigi Fedele; il prof. Mario Caligiuri, docente di Comunicazione all' Universita' della Calabria e il magistrato Ferdinando Imposimato. Nel corso dell'iniziativa, verrà distribuito un opuscolo prodotto dal Consiglio regionale dal titolo "Fatti d' amore e non farti di droga". "A Cosenza - ha sottolineato il presidente Fedele presentando l'iniziativa - si completa un percorso di comunicazione e di iniziativa istituzionale che pone al centro i giovani calabresi di fronte al dramma della tossicodipendenza. Sappiamo che tantissimi di loro riescono a sfuggire alla tentazione di inseguire paradisi artificiali ma sappiamo anche, di contro, che una parte non trova la forza per respingere la via della illusorietà". Per Fedele "Il Consiglio regionale ha avvertito il dovere, insieme alla Comunità Incontro e al mondo della scuola, di costruire una rete di solidarietà intorno alle questioni più calde ed attuali che coinvolgono la società. In questo contesto, il punto di riferimento principale sono i giovani: promuovere una campagna di sensibilizzazione che li aiuti ad essere protagonisti consapevoli delle loro scelte, è la via più concreta per alzare le difese contro la deviazione sociale"

A Lamezia, domani, presentazione del documentario "Calabria, il baco e la seta"

24/05 Presso l’Auditorium dell’Istituto Magistrale “T. Campanella” di Lamezia Terme (CZ) è stata promossa ed organizzata, congiuntamente, dall’ USRC ( Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria) e l’ARSSA ( Agenzia Regionale per lo Sviluppo e per i Servizi in Agricoltura), la presentazione del Documentario scientifico “ Calabria, il Baco e la Seta “ , a cura del Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Studi sulle Società del Mediterraneo – Reparto Video Produzioni. La videoproiezione, con commento e discussione, è prevista per domani, 25 Maggio, con inizio alle ore 10,30. Per l’organizzazione della manifestazione hanno cooperato le Strutture per la comunicazione e l’informazione istituzionale di USRC ed ARSSA. L’importante incontro rientra nelle finalità del Protocollo d’Intesa firmato, recentemente, tra l’ Ufficio Scolastico Regionale e l’Agenzia per i Servizi in Agricoltura della Regione Calabria. L’importante documento di collaborazione, tra mondo della Scuola ed Ente strumentale pubblico, impegnato per favorire l’ammodernamento dell’agro-zootecnia calabrese, è stato sottoscritto dai responsabili dei rispettivi Organismi, Ugo Panetta e Antonio Pizzini. Il Protocollo d’Intesa, infatti, tra gli altri obiettivi intende realizzare : “ la promozione del territorio a supporto della didattica divulgativa e informativa, in materia di agricoltura, nell’ambito della Scuola calabrese ”. All’iniziativa, come da programma, prenderanno parte: Ugo Panetta, Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria; Antonio Pizzini, Presidente dell’ARSSA; Vincenzo Romano, Ricercatore presso l’Istituto Studi sulle Società Mediterraneo – CNR ( responsabile Videoproduzione); Benito Scazziota, Direttore tecnico CSD ARSSA di Mirto Crosia (CS); Luigina Guarasci, Dirigente Scolastico Liceo Artistico –Cosenza – direttore scientifico Progetto “ ARACNE”. Al termine dell’incontro, è prevista l’esibizione del Coro Polifonico dell’Istituto Magistrale “ T.Campanella”.

Prodotti calabresi al "Bruxelles Wine Expo"

24/05 Giunta alla seconda edizione,” Brusselles Wine Expo” si è confermata un’eccezionale vetrina promozionale per i vini e i distillati. La manifestazione è stata organizzata dall’Ente fieristico “Exposium”, apprezzato per la collaudata esperienza in eventi business e per la conoscenza dei mercati a livello internazionale. Il Brusselles Wine Expo, infatti, è l’unico salone professionale che si concentra esclusivamente sul mercato Belga, Lussemburghese e Olandese. Mercati, in sintesi, che assorbono più del 10% delle esportazioni mondiali del vino. L’importante iniziativa fieristica ha riunito, nella capitale europea, oltre 450 espositori provenienti da tutto il mondo. La manifestazione, che si è svolta presso il Padiglione 11 del quartiere espositivo Belga, ha fatto registrare la presenza di circa 14.000 visitatori (Importatori, Grossisti, Albergatori-Ristoratori, Sommelier, Enologi, etc). Tre le regioni italiane accreditate presso l’area “Italia”: Calabria, Lazio e Abruzzo. Erano presenti, inoltre, una ventina di aziende italiane che hanno esposto le loro più recenti produzioni agroalimentari. L’ARSSA, per conto della Regione Calabria-Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca, ha curato un proprio spazio espositivo, all’interno del quale sono stati esposti e fatti degustare i vini Calabresi. Molto interesse, inoltre, è stato mostrato per il materiale divulgativo Regione Calabria e ARSSA. Lo spazio istituzionale dell’Agenzia per i Servizi in Agricoltura ha svolto una insostituibile funzione di vetrina dei vini regionali. Infatti, grazie alle degustazioni guidate dei vini, abbinati ai prodotti tipici, s’è avuto anche modo di far apprezzare una serie di “ gioielli agroalimentari” calabresi poco conosciuti fuori dell’ambito nazionale, ma che gli operatori commerciali del nord Europa hanno molto apprezzato e ritenuto di buona qualità. Nel corso della manifestazione sono stati registrati vari contatti commerciali con gli operatori di settore (responsabili acquisti gran distribuzione, ristoratori, titolari di negozi alimentari ecc.), interessati al prodotto “Made in Calabria”. L' elenco completo delle richieste verrà inviato, com’è già stato fatto per le manifestazioni precedenti, alle aziende espositrici. Hanno visitato lo stand della Regione Calabria, tra le altre autorità, l’Ambasciatore italiano a Bruxelles, Massimo Macchia, e i rappresentati dell’ICE ( Istituto Commercio Estero).

L’ARSSA alla Borsa del Turismo di Riva del Garda

24/05 Successo di pubblico ed apprezzamenti per l’ARSSA e la Regione Calabria sono stati registrati anche alla 7^ Edizione della Borsa Internazionale del turismo eno-gastronomico, svoltasi recentemente nel quartiere fieristico di Riva del Garda. L’ARSSA ha partecipato alla manifestazione con il GAL Valle Crati e con la Regione Calabria, facendo conoscere gli obiettivi del Progetto “CIMPA” (Cibi Meridiani Monumenti Paralleli), realizzando dei momenti tecnici di informazione e di degustazione guidata dei principali prodotti agroalimentari, provenienti dall’area della Valle del Crati. Il delizioso “paniere” calabrese è stato presentato a tutti gli operatori intervenuti. La particolare opportunità ha consentito agli organizzatori di presentare il progetto CIMPA, un’ iniziativa che rientra nel Programma INTERREG ( capofila la Regione Calabria ed il GAL Valle Crati) e che impegna altri partner, quali: il Portogallo, con la regione dell’Algarve; il Marocco; la Sicilia e la Sardegna. L’ARSSA della Regione Calabria, invece, rappresenta sul territorio interessato, il Soggetto pubblico strumentale attuatore dell’iniziativa. Il Progetto ha come prioritario obiettivo la valorizzazione della gastronomia locale, proponendo, inoltre, l’elaborazione e l’applicazione di una metodologia che riguarda la filiera agro-alimentare, intesa nella sua accezione più ampia: dalle cultivar alle tecniche di coltivazione e di trasformazione, al confezionamento, alla vendita ed alla degustazione dei prodotti. Nei tre giorni di manifestazione BITEG, sono state organizzate degustazioni guidate, rivolte agli operatori specializzati, con i prodotti tipici del territorio: Vini DOC e IGT, salumi di Calabria DOP, Caciocavallo Silano DOP, Pecorino e in ultimo, delizia del palato, i gustosi fichi di Cosenza. In altri tavoli è stata eseguita una seduta - panel sulle caratteristiche degli oli dell’area calabrese interessata. “ Sulla riuscita delle due importanti manifestazioni promozionali, il Presidente dell’ARSSA, Antonio Pizzini, ha espresso vivo apprezzamento all’intera delegazione calabrese, agli Organismi rappresentati ed ai tecnici dell’Agenzia, per il successo conseguito. Ancora una volta - ha dichiarato Pizzini- il gioco di squadra si è rilevato fattore vincente, corroborato dal sinergismo operativo con il competente Assessorato regionale all’Agricoltura, diretto dall’On.le Giovanni Dima, e con gli altri Enti territoriali, impegnati nel comparto specifico della valorizzazione delle produzioni tipiche calabresi”.

Domenica riunione dei fondatori dell'Associazione dei giornalisti cosentini "Maria Rosaria Sessa"

24/05 Domenica 30 maggio, alle ore 10,00, nella sala Coni presso lo stadio "San Vito" di Cosenza, si riunirà l'assemblea dei Soci Fondatori della costituenda associazione di giornalisti cosentini "Maria Rosaria Sessa". Nel corso della riunione si procederà all'elezione del Consiglio Direttivo che rimarrà in carica fino a dicembre 2005. È necessario che ciascun socio fondatore sia presente all'assemblea. Qualora non si possa essere presenti è possibile delegare per iscritto. Ciascun socio potrà essere titolare di una sola delega. L'assenza o la mancata delega, non supportata da gravi motivi, comporterà l'esclusione dal ruolo di socio fondatore.

Domani in Assindustria alle 16.30 si discute del "pacchetto integrato di agevolazioni" per le piccole e medie imprese

24/05 Il pacchetto integrato di agevolazioni, con una dotazione finanziaria di 335 milioni di euro, è uno dei principali strumenti riservato alle piccole e medie imprese del Sud per realizzare diversi interventi, dalla ricerca fino all’industrializzazione dei risultati, compresa la formazione e qualificazione del personale dedicato. Se ne discuterà il 25 Maggio alle ore 16,30 presso la sede dell’Associazione degli Industriali della Provincia di Cosenza. Dopo l’introduzione del Presidente degli Industriali cosentini Umberto De Rose, interverranno Paolo Annunziato Direttore del Nucleo Ricerca, Innovazione e Net Economy di Confindustria, Giuseppe Corrente dell’Istituto per la Promozione Industriale e Roberto Loria, dirigente della Banca Carime che si occuperà delle forme di sostegno al finanziamento per le imprese che intendono concorrere al bando. Il Direttore del Nucleo Ricerca e Innovazione di Confindustria Paolo Annunziato tratterà gli argomenti connessi allo scenario della ricerca in Italia, con particolare attenzione verso le principali problematiche e le prospettive, sia in termini di organizzazione delle imprese, che di politica della ricerca e di innovazione e di rapporti di collaborazione tra università e imprese. E’ previsto inoltre l’intervento del Prof. Michele Costabile, docente della Facoltà di economia dell’Università della Calabria che presenterà il Master in Imprenditorialità HI-Tech promosso dall’Unical e dalla Scuola di direzione aziendale dell’Università Bocconi. Coordinerà i lavori il Direttore dell’Associazione degli Industriali Sarino Branda e le conclusioni del seminario saranno tratte dal Magnifico Rettore dell’Università della Calabria Giovanni Latorre. In un momento difficile per l’economia locale e del Paese, la capacità delle imprese di fare innovazione e ricerca è indispensabile per riuscire ad essere competitive. Partecipare al bando del PIA significa avere concrete probabilità di vedere finanziato il proprio progetto di investimento; con il primo bando, infatti, sono state agevolate 247 iniziative su 571 presentate.

Venerdì 28 presentazione del libro “Donne bibliche nell’arte”

24/05 “Donne bibliche nell’arte” - Un’interpretazione poetica - è il titolo del libro di Adriana De Gaudio che sarà presentato venerdì 28 maggio prossimo, alle ore 18.00, presso il Circolo Cittadino, in Via Garibaldi, a Castrovillari, edito dalla Casa Editrice “Il Coscile”, col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e alle Pari Opportunità della Provincia di Cosenza. Il libro traccia il percorso nella storia dell’arte di 32 icone bibliche, da Eva alle donne che corrono al sepolcro del Risorto, inquadrate nel contesto storico letterario prima che artistico, dentro la trama narrativa della Bibbia. Ne emerge un’ideale selezione di figure femminili, ritratte da artisti del passato e da alcuni contemporanei, accompagnate da un commento in versi, raggiungendo lo scopo di dimostrare come la Bibbia continui ad essere fonte di ispirazione artistica e poetica. Ed è così che la parola biblica acquista una nuova risonanza e le liriche intense di Adriana De Gaudio hanno il potere di portare entro un mondo lontano e vicino al contempo che è il femminile della Bibbia, ora ironico e compiacente, pungente o trasgressivo, ma mai scontato. “Una libera interpretazione lirica di mitiche figure, una trasfigurazione poetica delle emozioni che esse hanno suscitato nel cuore dell’autrice, -ha detto a proposito dei contenuti dell’opera l’Assessore Provinciale alla Cultura Donatella Laudadio - bozzetti lirici che hanno la fuggevolezza penetrante dell’impressionismo pittorico e risentono peraltro della qualità immaginifica ed evocativa del linguaggio dei salmi e della Bibbia”. “Uno dei maggiori pregi di questa mirabile opera -ha detto ancora l’Assessore- consiste nell’analisi, condotta con singolare sensibilità, di una galleria di personalità femminili che ribaltano la visione codificata della donna rassegnata e remissiva della tradizione maschilista, facendo emergere indimenticabili e inimitabili figure femminili “diverse”, non riportate dal libretto rosso di Mao o dai trattati classici della sociologia femminista, ma, nientemeno, ritagliate dal Vecchio e Nuovo Testamento”. Ai lavori di presentazione del libro di Adriana DeGaudio, che saranno introdotti dall’Assessore Donatella Laudadio, porterà il saluto l’editore de “Il Coscile” Mimmo Sancineto, interverranno Giovanna Capitelli, docente Unical di Storia dell’Arte fiamminga e olandese e Rossella Morrone ricercatrice Unical di Lingua e Letteratura Greca, concluderà l’autrice. Interverrà il Presidente della Provincia Antonio Acri.

Il Rotary consegnerà il premio Telesio a Beniamino Quintieri

23/05 In una cerimonia pubblica che avverrà martedì pomeriggio nel salone di rappresentanza del Comune di Cosenza, il premio Bernardino Telesio del Rotary Club di Cosenza, che ha una cadenza biennale, verrà consegnato a Beniamino Quintieri, presidente dell'ICE. La cerimonia presieduta dal Presidente del Rotary, Gustavo Coscarelli, vedrà anche un dibattito dal tema "Il modello italiano nel nuovo scenario economico internazionale". Il premio Bernardino Telesio, consistente in una statuetta di bronzo raffigurante il filosofo cosentino, ha una cadenza biennale e viene assegnato dal Rotary Club di Cosenza ad una personalità che si sia distinta ed affermata nel campo della ricerca scientifica, delta tecnica, dell'arte, della cultura umanistica e delle professioni in genere. "In sostanza questo premio, che è giunto alla sua dodicesima edizione - dice una nota diramata dall'associazione - è l'omaggio che il Rotary vuole fare alla cultura ed al sapere in genere premiano i figli della nostra terra che hanno saputo, con il loro impegno e la loro professionalità, affermarsi nel mondo".

Il 24 a Cosenza l'udienza preliminare contro i 13 indagati per i fatti dei no-global di Napoli e Genova

23/05 E' prevista per domani, 24 maggio, nel Tribunale di Cosenza, l'udienza preliminare nei confronti dei tredici indagati, tra i quali Luca Casarini e Francesco Caruso, leader del movimento noglobal, accusati di associazione sovversiva, cospirazione politica e attacco agli organi costituzionali dello Stato per i fatti del Global Forum del marzo 2001 a Napoli e del G8 del luglio 2001 a Genova. Dopo un anno e mezzo di indagini che il 15 novembre 2002 portarono all'arresto di venti persone, di cui sette ai domiciliari, nell'ambito dell'inchiesta della procura di Cosenza sulla rete dei No Global. Alle persone arrestate furono notificate ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del tribunale di Cosenza. L'indagine fu avviata dopo il ritrovamento di un volantino avvenuto il 27 aprile del 2001 a Rende, con il quale si rivendicava l'attentato fatto 15 giorni prima a Roma contro la sede dell'Istituto per gli affari internazionali. Il sostituto procuratore di Cosenza, Domenico Fiordalisi, dopo il ritrovamento del volantino, apri' un fascicolo che si arricchì subito di due informative con molti spunti investigativi presentate al magistrato dalla Digos di Cosenza e dai carabinieri del Ros. Gli investigatori hanno compiuto intercettazioni telefoniche, pedinamenti, riprese filmate ed intercettate anche 60 mila e-mail. "Ormai da 7 mesi - è scritto in una nota dei No Global - alcuni degli indagati come Francesco Caruso, Francesco Cirillo e Michele Santagata, sono costretti all'obbligo di firma, costringendoli a un vero e proprio confino che serve esclusivamente a ostacolare e impedire il loro impegno politico. Prima dell'inizio dell'udienza preliminare i difensori presenteranno una istanza al gup per la revoca di questa misura repressiva".

Da tre giorni una ragazza di 15 anni è scomparsa da casa a Cosenza

23/05 Ha quindici anni ed è originaria dell'Ecuador, ma residente a Cosenza, la ragazzina di cui i genitori, solo oggi, hanno deciso di denunciarne la scomparsa. La quindicenne ha lasciato la sua abitazione lo scorso 20 maggio assieme ad i suoi amici , dicendo ai genitori che sarebbe rientrata in serata. Ma la ragazza non ha fatto più ritorno. I genitori, preoccupati, hanno iniziato le ricerche la sera stessa tra parenti e amici senza avere alcuna notizia. Hanno anche provato a cercare con gli amici, provando a chiamarla sul telefonino, ma le ricerche non hanno avuto alcune esito. Solo oggi, però, i genitori, che vivono da diversi anni a Cosenza, si sono decisi a denunciarne la scomparsa presso la Questura di Cosenza. Gli investigatori, che hanno allertato tutte le questure italiane, hanno avviato le ricerche, non escludendo che possa trattarsi di una fuga sentimentale.

Incidente mortale tra due moto a Scalea

23/05 Ancora una giovane vita perita sull'asfalto. Si tratta di Saverio Aversa di 24 anni che, in un incidente stradale avvenuto durante un motoraduno, è andato a schiantarsi frontalmente contro un altra moto alla cui guida vi era Francesco Cannataro di 21 anni, rimasto ferito. L'incidente è avvenuto nei pressi di Scalea sulla statale 18. I due viaggiavano a bordo di due moto di grossa cilindrata e per cause ancora da accertare si scontrate frontalmente. Aversa è morto sul colpo. Per Cannatao, ricoverato nell'Ospedale di Cetraro, i medici si sono riservati la prognosi. Entrambi i centauri stavano partecipando ad un motoraduno che si stava svolgendo a Scalea. Sul posto è intervenuta la Polizia Stradale di Scalea che ha avviato le indagini.

Catizone: "Viaggio Telecom, un successo"

23/05 Consuntivo del sindaco Eva Catizone sulle tre giornate di cultura portate da Telecom a Cosenza, mentre il programma sta per concludersi.“Non posso che cominciare rinnovando il mio grazie a chi ha voluto Cosenza quale prima tappa di questo viaggio meraviglioso e a quanti hanno lavorato perché l’appuntamento fosse indimenticabile. Così è avvenuto. Ed il grazie più sentito viene a questo punto dai moltissimi cittadini che hanno affollato tutti i luoghi delle iniziative. La città c’è stata ad ogni appuntamento e il dato più confortante è aver visto tanti giovani seguire interessati le dotte lezioni che si tenevano al Rendano. C’è stata, ancora, la nostra Università: mai come in questi tre giorni abbiamo visto (finalmente!) la città invasa da docenti e studenti. Nel nostro antico teatro, che ci è sembrato ancora più bello di sempre, con le luci soffuse e l’attenzione concentrata sul palco a seguire i vari Augé o Todorov, o i tantissimi altri grandi studiosi, si è avuto a tratti l’impressione di trovarsi in un altro luogo, forse alla Sorbona, o all’Università di Chicago o dovunque i più fortunati di noi hanno avuto modo di fare esperienze di così alto livello. Abbiamo respirato una sana aria di cultura internazionale di cui tutti hanno potuto fruire, solo volendolo. La cultura dalle porte aperte a tutti ha registrato moltissimi ingressi e forse avrebbe avvantaggiato anche qualche politico locale, ostinato nell’abbarbicarsi su questioni spicciole e polemiche strumentali. Meglio avrebbero fatto, costoro, a concedersi una qualificata vacanza della mente, dove vacanza non va inteso come vuoto ma come riempire con cose diverse dall’ordinario, con cose straordinarie. Che ci siano problemi nel centro storico lo scoprono oggi solo coloro che vogliono strumentalizzare queste giornate. L’Amministrazione comunale lo sa da tempo e da tempo è impegnata a provvedere, non solo su corso Telesio, ma anche nei vicoli. Se gli zelanti esponenti della Casa delle Libertà non avessero aspettato a fare il loro sopralluogo in concomitanza con il Viaggio Telecom, avrebbero potuto scoprire che la situazione era certamente peggiore già un anno fa, per non parlare di dieci anni fa quando qualcuno di loro lasciava il governo della città dopo anni di assoluta inerzia. Ma questi signori prendono a pretesto anche le cose positive, come le ristrutturazioni di alcuni palazzi da parte dell’Aterp, per paventare gravi conseguenze che verrebbero –a loro dire- dalla concessione di questi alloggi ad immigrati. I signori della legge Bossi-Fini sappiano che questa Amministrazione è per un governo plurale e per un’azione amministrativa che privilegi le diversità o, come in questo caso, le differenze etniche. le case che ristruttureremo con l’Aterp le assegneremo certamente ad immigrati e cioè ai docenti e agli studenti dell’Unical che vengono da fuori Cosenza. In conclusione, spiace che alcuni personaggi che hanno l’ambizione di rappresentare politicamente Cosenza ed i cosentini, non abbiano poi capito che in occasioni come queste chi vuole bene alla città non la denigra. In occasioni simili chi vuole bene alla città cerca di tesaurizzare per il futuro l’investimento culturale che Telecom ha fatto e che ci ha anche portato all’attenzione della pagina culturale di un quotidiano come Repubblica. E cerca di far capire alla platea nazionale che Cosenza non è la solita città meridionale, ma che è città del Mezzogiorno più nuovo e positivo, che affonda le radici nella sua memoria storica, ma guarda con modernità al presente ed al futuro. Dunque, almeno questo tentativo di bieca strumentalizzazione che ha tentato di danneggiare la città, ci poteva venire risparmiato. Per quanto ci riguarda, l’Amministrazione coglie questo grande successo come un ulteriore importante stimolo per proseguire sulla strada dell’investimento culturale, quello che dovrà sempre fare da traino ad ogni realizzazione utile ai cittadini”.


Per le notizie dal 18 al 22 maggio premi qui, 13 al 17 maggio premi qui, dal 8 al 13 maggio premi qui, dal 3 al 7 maggio premi qui, dal 28 aprile al 2 maggio premi qui, dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2005 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti