HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca
dal 3 al 7 maggio


Rinviato al 18 maggio il Consiglio provinciale

07/05 Il Consiglio Provinciale di Cosenza, riunitosi questo pomeriggio in seconda convocazione, sotto la presidenza dell’On. Francesco Principe, per proseguire i lavori, avviati mercoledì scorso e proseguiti fin dopo la mezzanotte, relativi al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale. Con una mozione d’ordine, il Presidente del gruppo della Margherita, Mario Melfi, ha chiesto, a nome della maggioranza, il rinvio del Consiglio Provinciale, in considerazione del particolare momento politico in cui molti consiglieri sono impegnati per la definizione e la presentazione delle liste elettorali. Contrario al rinvio il Consigliere di Fi, Roberto Senise, che avrebbe voluto continuare la discussione “anche per avere una chiave di lettura degli ultimi avvenimenti che evidenziano una spaccatura nella maggioranza”. Appoggiata, invece, da Cosimo Damiano Libonati, Presidente del gruppo Ds., la proposta di rinvio ad una data successiva agli adempimenti elettorali di prossima scadenza. La proposta, messa ai voti, è stata approvata, a questo punto, con 23 voti a favore, quelli del centro-sinistra, e 9 contrari, quelli dell’opposizione e di Rc. Il Consiglio Provinciale, pertanto, tornerà a riunirsi martedì 18 maggio prossimo, alle ore 17.00, per occuparsi dell’adozione del PTCP. L’ultimo appuntamento di questa legislatura è rimandato, invece, a mercoledì 19 maggio, data in cui il Presidente della Provincia Antonio Acri, traccerà un consuntivo di fine mandato.

Un arresto per usura a Cosenza

07/05 I carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno arrestato, per usura, Luca Bonfiglio, di 31 anni pregiudicato, fratello del collaboratore di giustizia Giuseppe. Luca Bonfiglio era stato ferito gravemente il 14 giugno 2001 in pieno centro, a Cosenza, in un agguato di stampo mafioso. Il Bonfiglio teneva sotto strozzo un artigiano che si è rivolto ai militari. Il tasso praticato, sui prestiti di denaro, arrivava anche fino al 120% annuo. Il Bonfiglio è stato arrestato in flagranza di reato con l'accusa di estorsione, usura e abusiva attività finanziaria.

Topo d'auto viene arrestato e aggredice i poliziotti

07/05 Un uomo di 39 anni, Armando Soda, è stato arrestato durante la notte dgli agenti della Volante. L'uomo è stato trovato in via Salvemini che armeggiava all'interno di una Fiat Idea. Alla vista degli agenti il Soda è fuggito. Dopo un breve inseguimento l'uomo è stato arrestato non prima di aver colpito i polizziotti. Per lui l'accusa è furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. per gli agenti sette e dieci giorni di guarigione.

Un libro per ricostruire la storia de "I Pagliacci"

07/05 L'omicidio del maggiordomo di casa Leoncavallo, compiuto il 1865 a Montalto Uffugo, è alla base della ricostruzione storica dell'opera musicale 'I Pagliacci' del compositore napoletano, Leoncavallo, nel libro di Amedeo Furfaro, dal titolo: "Pagliacci un delitto in musica: le verità nascoste dell'opera". Lo scrittore cosentino ricostruisce il quadro delle circostanze che precedettero l'opera Pagliacci, di cui l'omicidio fu il motivo ispiratore e svolge un lavoro di introspezione dell'autore e di analisi dell'opera musicale. La prima edizione del libro, diffusa dalle Edizioni Periferia di Cosenza, è stata un successo ed è andata esaurita in un anno. Si sta già pensando alla ristampa. Amedeo Furfaro ha scritto altri due libri sulla musica: 'Storia della musica e dei musicisti in Calabria' e 'Storia del Rendano'; di quest'ultimo sono state giÉ vendute 3000 copie.

Dalle tecnologie più avanzate nuovi ausilii per persone con disabilità

07/05 Un’azienda italiana, specializzata nei sistemi informativi e di orientamento per persone con disabilità visiva, ha presentato oggi i suoi prodotti all’Amministrazione comunale, particolarmente sensibile al problema della mobilità e dell’inclusione sociale dei soggetti con disabilità. Secondo gli esperti dell’azienda, i prodotti, coperti da brevetto internazionale, nell’ultimo decennio sono stati oggetto di applicazioni soprattutto in alcune grandi città in Italia e all’estero. In particolare, in uffici postali, stazioni ferroviarie, musei, percorsi pedonali esterni, spiagge, itinerari verdi e su mezzi di trasporto pubblico. Permettono ai disabili visivi di essere guidati e informati nei loro spostamenti in autonomia, senza alcun impatto ambientale ed acustico. Il sistema prevede l’installazione di unità irradianti, con dimensioni estremamente ridotte, lungo i percorsi attrezzati. Esse contengono messaggi predefiniti, che vengono trasformati in voce umana, attraverso raggi infrarossi, captati da un piccolo ricevitore in possesso della persona disabile. L’azienda sta sperimentando anche un navigatore satellitare palmare, con integra la suddetta tecnologia a raggi infrarossi, per garantire una mobilità in luoghi aperti e chiusi ai videolesi. Questi sistemi si integrano con le guide naturali, i percorsi protetti e i segnali tattili a terra. L’amministrazione comunale ha chiesto ulteriori approfondimenti e sarà lieta di ricevere altre segnalazioni su prodotti e servizi innovativi da parte di imprese specializzate ed altri soggetti. L’amministrazione ritiene, infatti, importante promuovere la diffusione di informazioni sugli ausili tecnologicamente più avanzati, in grado di aumentare l’autonomia delle persone con varie disabilità. E’ interessata, inoltre, ad analizzare i risultati di alcune esperienze nazionali o internazionali, prima di avviare la sperimentazione di soluzioni innovative in alcune aree della città, prevista anche nell’ambito del Piano di Sviluppo Urbano, di recente approvato.

Dedicato a Francesca Serra Le Pera uno scrigno della Città dei Ragazzi

07/05 (Uscc) “Dedicheremo un cubo della Città dei Ragazzi a Francesca Serra Le Pera”, lo ha dichiarato ieri il sindaco Eva Catizone durante la presentazione del volume di poesie dell’autrice edito dalla Pellegrini, tenutasi alla Casa delle Culture.“I ricordi non devono rimanere tali” -ha proseguito Eva Catizone. “Esiste un luogo fortemente voluto dal sindaco Mancini pensato come centro d’incontro per le nuove generazioni, la Città dei Ragazzi suddivisa dai diversi “Scrigni”, uno dei quali, quello dei Laboratori, sarà intitolato a Francesca Le Pera.” Il sindaco ha ricordato la figura della signora Le Pera, da lei conosciuta ed apprezzata ed oggi indicata come uno stimolo per i giovani cervelli locali che si rivolgono al passato per costruire il presente ed il futuro. Francesca Le Pera è stata anche una educatrice particolarmente attenta a tutte le arti, un personaggio dall’effervescenza intellettuale, camaleontico.“Sarà un modo per ricordarla nel tempo - ha aggiunto l’Assessore Corigliano che ha pure tracciato, attraverso i suoi ricordi, la figura della Le Pera, scomparsa nel 1998, “donna attenta a scandagliare l’esistenza a chiedersi continuamente i perché della vita con uno sguardo che riusciva a penetrare nell’animo”. La manifestazione, condotta da Antonietta Cozza, responsabile delle Pubbliche Relazioni della Pellegrini, ha registrato gli interventi dell’Editore Walter Pellegrini, del giovane critico letterario curatore del volume di poesie, Antonio D’Elia, di Annabella D’Atri docente di Storia della filosofia Contemporanea all’Università della Calabria ed Ermanna Carci Greco, care amiche della poetessa. La serata è stata inoltre intervallata dalla lettura delle liriche della poetessa, dalla voce di Assunta Cosentino Testa.

"Scuola in Mostra" martedì alla Città dei ragazzi

07/05 (Uscc) Organizzata dall’Assessorato alle Politiche scolastiche, riprende l’iniziativa “La Scuola in Mostra”, esposizione di elaborati, manufatti ed esibizioni artistiche, che quest’anno si terrà alla Città dei Ragazzi l’11 Maggio. L’evento, che si svolgerà dalle ore 9.00 alle ore 19.00, è finalizzato a dare visibilità ai percorsi didattici compiuti dagli allievi durante l’anno scolastico. La festa invaderà tutta la Città dei Ragazzi, gli Scrigni, gli spazi all’aperto allestiti con tanti gazebo, la grande piazza. Il programma prevede attività di intrattenimento attraverso esibizioni, performance e installazioni video, e attività di scoperta con l’esposizione di oggetti, foto, materiali vari illustrati dai ragazzi al pubblico di ragazzi, genitori e cittadini. Una vetrina a disposizione delle scuole e che può rappresentare una prima idea di incontro con la possibilità di avviare , in futuro, collaborazioni e gemellaggi con scuole di altre città italiane e mediterranee. Inoltre, sempre l’11 Maggio e a seguire il 12 e il 13 sarà presente l’Odin Teatret, compagnia teatrale di fama internazionale che con l’Amministrazione Comunale ha già avviato un progetto. Dalla mattina, la compagnia e gli alunni di diversi istituti saranno impegnati nella costruzione di pupi e sculture di paglia, oltre che in canti e danze popolari danesi e calabresi. Le scuole che aderiscono :5° Circolo Didattico,6° Circolo Didattico,7° Circolo Didattico,Istituto Comprensivo Via S. Santo,Convitto Nazionale B. Telesio,Scuola Media B. Zumbini,Scuola Media F. Gullo,Scuola Media Don Milani,Istituto Tecnico Commerciale Pezzullo,Istituto Commerciale A. Serra,Istituto Professionale per i Servizi Sociali,Istituto Professionale di Stato per il Commercio P. Mancini,Istituto Tecnico Industriale A. Monaco,Istituto Tecnico Statale per Geometri,Liceo Scientifico G. B. Scorza,Liceo Scientifico Fermi,Liceo Classico B. Telesio,Liceo Statale Lucrezia Della Valle .

Sessualità & amore. Incontro di studio al Liceo Artistico

07/05 (Uscc) “Sessualità & amore” è il titolo degli incontri di studio che il Centro di Informazione Sessuale del Comune di Cosenza ha organizzato al Liceo Artistico dal 10 al 14 maggio prossimi. “Marcello Bernardi – si legge in una breve nota del Centro di Informazione Sessuale - insigne pediatra, ha scritto un breve saggio dal titolo emblematico “la maleducazione sessuale”, dove sessuale non riguarda solo l’atto ma tutto ciò che implica nel rapporto di relazione tra i sessi. In un mondo profondamente diverso dal passato è cambiata la donna, e dunque il suo ruolo nella famiglia. L’angelo non vive tutto il giorno accanto al focolare. E’ in atto una trasformazione epocale nei rapporti tra i sessi. La maleducazione sessuale è nient’altro che questo: da parte del maschio non accettare profondamente questa nuova parità e da parte delle donne un confondere la parità con una progressiva mascolinizzazione. Il sesso che verrà era il titolo della prima conferenza del Centro di Informazione Sessuale, in essa si diceva che dovrà nascere una nuova specie di maschio e una nuova specie di femmina umana. Come dovranno essere lo dovrà suggerire loro l’amore, anche perché – conclude la nota del C.I.S. - l’amore assume tanti aspetti, si evolve, cambia. L’Amore si impara”. Gli incontri di studio inizieranno lunedì 10 maggio, alle ore 15.30, con la partecipazione del prof. Salvatore Danilo D’Alessandro docente di antropologia filosofica ed etica. E’ prevista anche la proiezione del film “Legami” di Pedro Almodovar.Martedì 11 maggio, alle 15.30, incontro sul tema L’emersione del vissuto emotivo”. Circle Time “la vedevo sorgere dal deserto.Giovedì 13 maggio, alle 15.30, proseguirà il circle time.Gli incontri si chiuderanno venerdì 13 maggio, sempre alle ore 15.30, con l’intervento della prof.ssa Laura Corradi, docente di sociologia delle differenze di genere, che relazionerà sul tema “Sesso sicuro. Le trasformazioni dell’intimità”.

Mostra di antiquariato a Piazza Matteotti

07/05 L’Associazione Antiquari Calabresi, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Cosenza, organizza la prima edizione della Mostra Antiquaria di Cosenza, in programma da domani, sabato 8 maggio, in Piazza Matteotti. La mostra, che si protrarrà fino al 23 maggio, sarà allestita nei locali dell’ex deposito ferroviario e potrà essere visitata ogni giorno dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle 17,00 alle 21,30.

Il Sindaco Catizone saluta il Presidente Acri “Grazie per aver rotto l'isolamento dei sindaci”

07/05 (Uscc) Non un addio, ma un arrivederci ad altri prestigiosi traguardi, per un Presidente che tanto ha dato al territorio e alla popolazione amministrata e che certo può fare un bilancio più che positivo della sua attività. A porgere il saluto dei sindaci ad Antonio Acri, che, stamane al Rendano, si è accomiatato con una cerimonia pubblica dalla carica di Presidente della Provincia, è stata per tutti Eva Catizone, sindaco del capoluogo. “Ho sentito nelle parole del Presidente un senso di tristezza –ha esordito Eva Catizone- ma desidero dirgli che questo non è un addio, ma un arrivederci. Il nostro augurio è: “Ad maiora semper” e lo rivolgiamo al Presidente della Giunta ed a quello del Consiglio, simbolo di come le antiche generazioni possono concorrere con le nuove allo sviluppo del nostro territorio. Questa Giunta è stato un esempio di ottimo lavoro collettivo, di buon governo, di volontà di dialogo a più livelli istituzionali, di confronto con il variegato mondo delle autonomie. Ha marcato una differenza sostanziale per il peso che ha dato al governo delle donne attraverso le quali si è distinta in settori importanti come la cultura, l’edilizia scolastica, lo sviluppo del territorio, le politiche sociali, l’attenzione ai giovani. E, soprattutto, ha condotto importanti battaglie per l’affermazione del decentramento reale, per la sicurezza degli amministratori locali e contro una Finanziaria nemica dei sindaci del Sud”. “Un altro valore aggiunto della Giunta Acri –ha proseguito il sindaco di Cosenza - consiste nell’aver inaugurato un rapporto di solidarietà istituzionale convinto, poiché, al di là delle dissonanze che pure ci sono state, non è mai venuto meno il rispetto tra istituzioni. In un Mezzogiorno ancora troppo spesso arroccato su posizioni localistiche, la Provincia di Cosenza si è distinta per aver portato avanti un nuovo corso fatto di cooperazione e concertazione, coralità e polifonia, così rompendo l’isolamento atavico dei sindaci meridionali. In merito alle polemiche di questi giorni, sento il bisogno di appellarmi ad una maggiore serenità. Avverto troppa tensione, che non fa bene ai nostri territori. E’ necessario ritrovare il giusto senso delle cose per il benessere degli amministrati. I sindaci vogliono essere portatori e messaggeri di pace. Sbaglieremmo se, alla fine di un percorso amministrativo che è stato esaltante, fornissimo un’immagine distorta di ciò che invece siamo, amministratori uniti che hanno lavorato per un modello di governo che ha dato ottimi frutti. Grazie da tutti noi a tutti voi –ha concluso il sindaco Catizone rivolta al Presidente Acri e a tutti gli amministratori della Provincia- per aver rotto l’isolamento dei sindaci. Grazie dalle donne e dagli uomini di questo territorio per averli ben rappresentati.”

Pacchi bomba a Galliani e Carraro. L’inchiesta indaga anche nel settore del tifo di Reggina e Cosenza. Si indaga sulle motivazioni. Troppo pochi gli indizi e ancora tanti dubbi.

07/05 Le indagini su i pacchi bomba spediti a Galliani e Carraio e ritrovati nel centro di smistamento postale di Lamezia Terme, condotte da carabinieri e polizia per risalire agli autori del gesto, sono orientate anche verso i settori delle tifoserie delle squadre calabresi. Nessuna delle ipotesi viene scartata, ma visti i ruoli che ricoprono i due presidenti il movente è,secondo gli inquirenti, da ricercare in ambito calcistico. L’attenzione è stata quindi focalizzata su due casi fondamentali. La gara Reggina-Milan, vera e propria sfida salvezza per gli amaranto, ed il caso Cosenza. Queste, comunque, sono solo ipotesi di lavoro, tantìè che gli investigatori stanno ricevendo una collaborazione a livello nazionale. Per quanto riguarda la Reggina, gli investigatori, vogliono valutare se tra le frange del tifo vi possa essere stato qualcuno che abbia voluto intimorire il vicepresidente del Milan, Galliani, per indurre la squadra rossonera ad un atteggiamento più morbido in campo. Invece per quanto riguarda la squadra rossoblu, la cosa potrebbe essere legata all’esclusione, lo scorso anno, dal calcio professionistico per presunte irregolarità nella documentazione presentata al momento dell’iscrizione. Da allora è in atto una controversia giudiziaria tra i legali delle società e la Federcalcio. Ricordiamo che il primo aprile scorso il Tar del Lazio, accogliendo un ricorso del Cosenza Calcio 1914 spa in tal senso, ha annullato il provvedimento del Presidente della Figc con il quale era stata dichiarata al decadenza della società dall’affiliazione alla Federazione. Il Tar invece ha dichiarato non ammissibili i ricorsi per l’annullamento delle delibere della Figc con le quali il Cosenza 1914 non era stato ammesso ai campionati di B e di C. Sul piano delle indagini, invece ancora non si è arrivati a nulla di concreto. Gli indirizzi dei mittenti sono risultati inesistenti e i due pacchi sono stati spediti da un ufficio postale di Nicastro (quartiere di Lamezia Terme). Gli impiegati dell’ufficio postale non ricordano chi sia stato a spedirli perché l’ufficio, dicono, è molto frequentato e per la spedizione di pacchi di quella natura non è necessario presentare documenti di riconoscimento. Un particolare davvero incredibile per un ufficio postale di un centro di provincia. E se il pacco non fosse passato per l’ufficio postale? Se fosse stato messo in scena per screditare ulteriormente la Calabria? Non è pensabile, che, guarda caso, in un centro di smistamento grosso come quello di Lamezia che raccoglie tutta la posta della Calabria sia andato a cadere per terra e si sia aperto proprio un pacco bomba. Ma che caso fortuito. E se qualcuno avesse cercato di aprire il pacco per scoprire cosa conteneva per altre intenzioni? Sarebbe più plausibile visti gli ultimi casi accaduti nei centri di smistamento. E poi in Calabria sarebbe la prima volta che un pacco bomba di questo tipo sarebbe stato scoperto. Una vera escalation nel campo degli ordigni rudimentali, un salto di qualità a cui noi cronisti non siamo ancora stati abituati a vedere. E se qualcuno fosse venuto di bella posta a mettercelo? Tante le ipotesi che ci girano per la mente. Sta di fatto che i Ris di Messina indagano e hanno focalizzato la loro attenzione sull’innesco. Si tratta di un congegno artigianale che potenzialmente avrebbe potuto far deflagrare gli ordigni al momento dell’apertura. All’interno, oltre alla polvere nera, sono stati trovati dei frammenti metallici. I tecnici del RIS stanno anche cercando di rilevare le impronte digitali sulla confezione, nella speranza che l’autore sia stato un pregiudicato e quindi identificabile. Sicuramente una cosa del genere ha dei rivolti che suscitano seri dubbi per il modo con cui è stata scoperta e per il fatto che segna una primizia assoluta per il campo delle ipotesi terroristico-malavitose sulla presenza di un ordigno del genere in Calabria. Accaduta, poi, proprio ora alla vigilia della partita della vita della Reggina e proprio ora che al Cosenza, pare che, gli venga riconosciuta l’ingiustizia subita. Perché mai in questa settimana? Le indagini ce lo sveleranno presto.

Il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato una discarica abusiva a Rose ed un terreno, sconvolto ambientalmente, a Saracena

07/05 Prosegue intensa l’opera di controllo per la tutela del territorio ad opera della polizia ambientale del Corpo Forestale dello Stato (Nipaf) di Cosenza. Due grosse operazioni sono state portate a termine nei giorni scorsi, due sequestri e alcune persone denunciate. La prima operazione, mirata alla prevenzione dei reati ambientali, ha portato al sequestro di una grossa area di 28.000 metri quadri nel territorio del Comune di Rose. L’area era stata utilizzata abusivamente da una ditta di produzione di manufatti di cemento. L’amministratore della ditta è stato denunciato alle autorità giudiziarie. Sull’area, di proprietà del demanio, si era sviluppata la ditta che aveva installato delle strutture. Inoltre, nella stessa area è stato rinvenuto del materiale, analizzato dall’Arpacal, che è risultato provenire da una centrale termoelettrica pugliese. Tutta la zona è stata posta sotto sequestro. La seconda operazione riguarda un ampia area di 30.000 metri quadri posta in località “Peraino” nel comune di Saracena e posta sotto sequestro. Gli uomini del Nipaf di Lungo assieme al coordinamento distrettuale di Castrovillari hanno denunciato due persone del luogo, e posto sotto sequestro un mezzo cingolato, per aver, senza autorizzazione alcuna, sradicato diverse piante di quercine e macchia mediterranea presenti sul terreno. Il grave danno ambientale è stato creato con l’uso del mezzo cingolato con il quale hanno sradicato le piante, interrandole, per spianare e livellare la vasta area per poi poterla utilizzare in coltivazioni. Questa area ricade nel vincolo idrogeologico del Comune di Saracena ed è sottoposta a precise prescrizioni forestali. Grave l’impatto di questo reato sul territorio che ha provocato la trasformazione definitiva del territorio, danneggiando il soprassuolo boschivo presente prima del dissodamento.

Approvate dalla Regione le norme per gli operatori del turismo subacqueo

07/05 Praterie di posidonia e resti dell’antica grecia tra relitti guerrieri e vecchi velieri. C’è un tesoro sommerso sui fondali del mare calabrese. Lo sanno bene le guide subacquee che conducono gli appassionati alla scoperta del mondo sott’acqua. Da oggi la Calabria sommersa, il turismo subacqueo e le attività degli operatori del settore possono contare su uno strumento legislativo ad hoc: “Norme per la disciplina dell’attività degli operatori del turismo subacqueo”. Un ampio articolato, di iniziativa del Gruppo Verdi, in collaborazione con il consorzio Calabria Sub, approvato ieri nel corso della seduta del Consiglio regionale, che mette ordine all’esercizio delle attività di guida e istruzione sub e fissa condizioni e requisiti per i centri di immersione e di addestramento. “Abbiamo inteso – ha dichiarato il promotore della legge, capogruppo dei Verdi, Diego Tommasi – fornire uno strumento adeguato, in grado di contemperare le esigenze degli operatori del settore, relative al riconoscimento delle varie figure professionali e delle associazioni, con quelle della sicurezza e della salvaguardia degli ambienti marini”. La legge, infatti istituisce l’Albo regionale dei professionisti delle immersioni (guide e istruttori subacquei) e delle associazioni di categoria (centri di immersione e addestramento e associazioni no profit). Ma è l’offerta turistica nel suo complesso che per i Verdi rappresenta lo strumento principale per il rilancio e lo sviluppo della Regione. “La Calabria – ha spiegato Tommasi - può diventare meta turistica privilegiata proprio attraverso la diversificazione dell’offerta e la predisposizione di strumenti di sviluppo che sappiano intercettare e cogliere anche le domande di nicchia, quali quelle legate al turismo subacqueo”. E al rilancio del turismo da immersione la legge guarda con particolare interesse, attraverso l’istituzione dell’Osservatorio regionale per il turismo subacqueo. Obiettivo, oltre a quello di monitorare costantemente la corretta applicazione e osservazione della legge con particolare riferimento alla tutela del patrimonio marino, è quello di incentivare forme di collaborazioni e sinergie tra gli operatori, al fine di coordinare le attività e individuare le strategie di sviluppo e rilancio dell’intero settore. “Sul turismo – ha detto Tommasi – la Calabria gioca la sua partita più importante. Riteniamo sia indispensabile costruire percorsi di sviluppo alternativi, in grado di integrare gli elementi naturalistici di questo territorio con quelli culturali e di tradizione”. “Siamo fermamente convinti – ha concluso il capogruppo dei Verdi – che il settore turistico, rappresenti un terreno importante e privilegiato, anche per attivare gli strumenti di cooperazione europea e mutuo scambio con i paesi della Comunità. La Calabria ha tutti gli elementi e le potenzialità per diventare una qualificata e competitiva meta turistica. E’ un terreno vergine sul quale noi Verdi intendiamo costruire le basi per un futuro di crescita economica, culturale e sociale sostenibili e possibili. ”

Strage sfiorata a Castrolibero. I Carabinieri salvano 5 persone.

06/05 Ancora una volta, grazie al pronto intervento dei Carabinieri, quelli della stazione di Castrolibero, si può raccontare di un fatto di cronaca a lieto fine. E' accaduto oggi pomeriggio a in via della Pace nel comune di Castrolibero. Una abitazione ha preso fuoco e solo grazie alla prestanza dei militi dell'arma, tre bambini e due anziani, che erano nell'abitazione, sono stati salvati dalle fiamme. I pompieri arrivati sul posto hanno poi spento l'incendio. Ai Carabinieri ancora una volta il plauso per la loro opera. (Nella foto di Krigil i pompieri intenti nell'opera di spegnimento dell'incendio)

Il vento solleva la copertura di una bancarella che danneggia auto in sosta a Piazza Fera

 

06/05 pesta di vento che si è abbattuta quest'oggi su Cosenza ha provocato alcuni danni in Piazza Fera. Infatti, il telone di copertura della bancarella dei libri situato nella piazza, a causa del forte vento è stato completamente divelto e sbattuto con gran forza sulle auto in sosta nel parcheggio. Notevoli i danni procurati ad alcune autovetture parcheggiate. (Nella foto di Krigil una della auto danneggiate)

I plichi esplosivi per Carraro e Galliani sarebbero esplosi alla loro apertura

06/05 E' terminata l'operazione dell'artificiere del reparto operativo di Cosenza che ha disinnescato i due pacchi bomba confezionati all'interno di due contenitori per videocassette. I due ordigni erano stati confezionati con circa 50 grammi di polvere nera confezionata in candelotti con del nastro adesivo e posta all'interno dei contenitori di videocassette tv e collegate ad un rudimentale congegno elettrico. Il contenitore, poi, era stato sistemato in un pacchetto più grande, così che al momento dell'apertura avrebbe potuto esplodere. Maggiori particolari sul rinvenimento sono poi stati fatti dai Carbinieri. La scoperta dei plichi è stata del tutto casuale. Intorno alle 15 uno dei due pacchetti è caduto per terra e si è rotto, mostrando così i due fili elettrici che fuoriuscivano. Gli impiegati accortisi che si trattava di un pacco sospetto hanno chiamato i Carabinieri della compagnia di Lamezia e il personale del Commissariato di Polizia. Solo dopo il controllo di tutto l'edificio è stato scoperto il secondo pacco bomba. Isolata la zona sono stati chiamati gli artificieri che hanno provveduto al disinnesco degli ordigni. I due pacchi sono stati presi in consegna dai carabinieri che li invieranno al Ris di Messina per ulteriori accertamenti. All'interno non c'era alcun messaggio. Sulla confezione c'erano i nomi dei destinatari, Carraro e Galliani, e quelli dei mittenti che però, per gli investigatori, sono fasulli. I militari hanno confermato che i pacchi bomba sono stati spediti da Lamezia. Nessuna ipotesi è stata ancora fatta sul possibile movente del gesto definito "dimostrativo". Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Lamezia Annalisa Marzano. Oltre ai carabinieri hanno avviato indagini anche gli agenti della Digos della Questura di Catanzaro. E' curioso capire come mai due pacchi simili destinati a due personalità così importanti siano passati inosservati alla poste di Lamezia.

False lettere di trasferimento all'ASL 1 di Paola. Lunedì gli interrogatori.

06/05 Da lunedì iniziano gli interrogatori delle persone interessate alle false lettere di trasferimento recapitate al personale dell'ASL 1 di Paola. In totale sarebbero 16 le missive con le quali venivano comunicati gli spostamenti migliorativi di personale medico e amministrativo, tutti afferenti al nosocomio di Cetraro. Secondo le indagini sulle lettere sono state apposte delle firme fasulle dell'ex commissario Logatto. La data degli atti è quella del 1 aprile (come risulta da protocollo) e cioè dieci gironi prima dell'insediamento del ufficiale del nuovo direttore generale Scuteri, avvenuto l'11 aprile. Appena insediato il nuovo direttore generale ha provveduto ad inviare tutta la documentazione al Procuratore capo della Repubblica di Paola, Luciano D'Emmanuele. Il Procuratore ha quindi affidato le indagini al sostituto Tullio Monteleone che ha incaricato la Guardia di Finanza a svolgere le indagini. Sul caso il Procuratore Monteleone ha dichiarato "Mi lascia perplesso il fatto che in un ufficio dove si presume esista un controllo dei documenti, si possano attuare raggiri cosi' facili da individuare, soprattutto, perche' queste lettere hanno un numero di protocollo che non corrisponde a quello reale del registro. Se cosi' fosse sarebbe preoccupante".

Incidente blocca la 106 per 4 ore

06/05 Dalle 9.45 alle 14 di questa mattina la statale 106 ionica è rimasta bloccata per colpa di un incidente provocato da un TIR. L'autista del pesante mezzo accortosi della presenza di un autovelox avrebbe frenato di colpo, per rallentare la velocità del mezzo, e provocando il conseguente imbarcamento dell'autotreno che mettendosi di traverso ha bloccato la carreggiata. L'incidente ja provocato oltre trenta chilometri di coda in tutti e due i sensi di marcia.

Provincia: Sul Piano territoriale il Presidente Acri minaccia le dimissioni, documento della maggioranza

06/05 Un documento sottoscritto da tutti gli assessori è stato approvato stamattina dalla giunta provinciale di Cosenza che si è riunita per esaminare la situazione politica alla luce di quanto emerso ieri nel corso della seduta del consiglio in merito al Piano territoriale di Coordinamento. "Considerato -si legge nella nota- che la non adozione dello strumento di pianificazione produrrebbe effetti amministrativi e politici di sicuro impatto negativo, con conseguenti ripercussioni sulle iniziative economiche ed infrastrutturali, essenziali all'ordinato sviluppo del territorio provinciale" e "che la proposta di Piano si inserisce nella ricchissima produzione di interventi sul territorio, disseminati lungo il corso di nove anni di legislatura, sempre improntati al rispetto delle regole, che hanno trasformato il volto della Provincia, dandole una configurazione moderna e positiva" la giunta provinciale ribadisce "al presidente Acri stima profonda e incondizionata solidarietà umana e politica e lo invita a rilanciare la grande battaglia condotta in questi anni a favore e in difesa degli interessi dei cittadini della provincia di Cosenza, con la piena convinzione di essere riusciti a produrre un positivo modello di sviluppo". Il documento unitario si È reso necessario all'indomani della non approvazione del piano di coordinamento territoriale in consiglio provinciale, dove, dopo più di cinque ore di discussione, 25 emendamenti presentati, mercoledì sera non si è arrivati ad alcuna votazione. Intorno alla mezzanotte era stato il consigliere dei Verdi, Gino Marrello, a chiedere un aggiornamento teso ad acquisire chiarimenti politici su un piano che a suo dire non rispettava più l'impostazione originale. Una richiesta non accolta che ha fatto decidere l'esponente del sole che ride ad abbandonare l'aula. Marrello è stato seguito dai diessini Magorno, Riccetti ed Ambrogio, da Federico dello Sdi e da Aiello di Rifondazione Comunista. Un piano che ha registrato il deciso no di Forza Italia per l'opposizione e la disponibilità al voto di Alleanza nazionale che invece ha visto accolti i propri rilievi su Rossano. Una maggioranza trasversale che poi però non ha avuto il numero legale per procedere all'approvazione del piano. Le fibrillazioni politiche avevano indotto il presidente Acri a minacciare le dimissioni. Stamattina il documento unitario della giunta che ha affermato Acri "riconferma ulteriormente la compattezza e lo spirito di coesione che ha caratterizzato, nel corso di questi anni, il lavoro e la qualità dell'intero esecutivo provinciale"

Dal 11 maggio al 25 luglio mostra di Gregorio Petri a Palazzo Arnone

06/05 Al Palazzo Arnone di Cosenza verrà allestita dall'11 maggio al 25 luglio la mostra "Gregorio Preti, calabrese (1603-1672): un problema aperto". L'esposizione, curata da Rossella Vodret e Giorgio Leone, e' stata realizzata per celebrare il quarto centenario della nascita dell'artista e per approfondire la personalità, ancora misteriosa del pittore, fratello maggiore del più famoso Mattia. La Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demo-etno-antropologico per la Calabria, diretta da Rossella Vodret, in linea con l'esposizione dell'estate 2003 a Taverna, ha progettato questa iniziativa per entrare nel merito del fitto e complesso problema attributivo che coinvolge tutta l'opera di Preti. Soprattutto per indagare il rapporto professionale che coinvolge Gregorio e Mattia e, in particolare, in che misura il pennello del celebre fratello sia intervenuto nelle molte opere (troppe) attribuite a Gregorio. Per cercare di fare chiarezza sull'argomento, l'esposizione e' stata sviluppata su due livelli: il primo coinvolge circa quindici dipinti, sicuramente opera di Gregorio, studiati sulla base di documenti, o fonti biografiche antiche e attendibili. In questo modo si avrà a disposizione un corpus di opere sicure che possono essere utilizzate come termine di paragone per tutte le altre tele a lui attribuite. Il secondo livello invece, e' composto da un gruppo di dipinti attribuiti a Gregorio,
che più si avvicinano al gruppo cosiddetto "sicuro". Un'occasione per il visitatore e per gli studiosi di mettere a confronto dal vivo le diverse opere dell'artista. La mostra e' accompagnata da un catalogo, edito da Silvana editoriale, che contiene nuovi rilevanti contributi dei massimi studiosi del pittore, e i risultati, a volte eclatanti, delle nuove ricerche intraprese in occasione della preparazione dell'esposizione.

Pacchi bomba per Carraro e Galliani scoperti nel centro smistamento di Lamezia

06/05 Due pacchi bomba indirizzati uno al Presidente della Lega Galliani e l'altro al Presidente della Federcalcio Carraro sono stati scoperti nel centro regionale di smistamento posta di Lamezia Terme. La scoperta l'hanno fatta due impiegati che, insospettiti dal pacchetti hanno dapprima messo i pacchetti in una zona isolata dell'ufficio e subito hanno informato i carabinieri che hanno allertato il nucleo degli artificieri. I pacchetti non sono ancora stati aperti. Dalle prime indiscrezioni trapelate, sui pacchi si notano dei fili elettrici ed una struttura definita da uno degli investigatori "molto sospetta" che richiama, tra l'altro, ad ordigni già esplosi in passato. Ancora non si conosce il contenuto dei plichi. I due contenitori sono di forma piatta, simile ad una video cassetta o di un libro e sono grandi circa 15x20 centimetri. Sul lato del pacchetto c'è anche il nome di un mittente che gli inquirenti definiscono fittizio. Entrambi i pacchetti sono stati spediti a Lamezia Terme.

Consiglio Provinciale: sul "Piano Territoriale" il consiglio si divide e rinvia le decisioni ad oggi

06/05 Il Consiglio Provinciale di Cosenza si è riunito ieri, 5 maggio 2004, sotto la presidenza dell’On. Francesco Principe, presenti il Direttore di Ragioneria dott. Antonio Molinari, il Presidente del Collegio dei Revisori dott. Giorgio Sganga e il Revisore, dott. Sergio Tempo.
Ad inizio di seduta, il Consigliere Gaetano Russo – Gruppo Misto – ha chiesto l’inversione dell’Ordine del Giorno al fine di lasciare ampio spazio alla successiva discussione sugli emendamenti al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale; richiesta che è stata accolta ed approvata dal Consiglio Provinciale a maggioranza dei consiglieri presenti.
Ha quindi preso la parola l’Assessore al Bilancio Adolfo Benevento, il quale ha relazionato sulla proposta di variazione al Bilancio 2004. “La proposta di variazione – ha dichiarato al Consiglio l’Assessore provinciale – nasce dalla necessità di adempiere a quanto previsto dal Decreto emanato dal Ministero dell’Economia , che prevede il monitoraggio dei flussi finanziari degli enti attraverso l’istituzione di quattro capitoli; riguarda, quindi, le risorse proprie della Provincia”. La variazione è stata approvata a maggioranza, con quattro voti contrari.
Si è quindi passati all’approvazione del Regolamento per l’acquisto di beni e servizi e l’esecuzione dei lavori in economia. La proposta è stata presentata dall’Assessore al Bilancio, Adolfo Benevento, il quale ha informato il Consiglio che il regolamento è stato approvato all’unanimità dalla Commissione consiliare competente. L’approvazione del regolamento – ha aggiunto l’Assessore Benevento, è necessaria per rendere più snella e burocratizzare gli acquisti in economia da parte dell’Ente. Il Consiglio Provinciale ha approvato a maggioranza, con quattro voti contrari. L’Assessore ai Trasporti, Rosetta Console, ha quindi illustrato la proposta di Regolamento relativo ai procedimenti amministrativi in materia di tenuta Albo Autotrasportatori di cose per conto terzi ed al funzionamento della relativa commissione consultiva provinciale. “La Provincia di Cosenza” – ha dichiarato l’Assessore Console – è l’unica in Italia che ha avuto l’autorizzazione ministeriale per la tenuta del Corso professionale per l’esercizio dell’attività di autotrasportatore”. Abbiamo risposto ai problemi della categoria – ha continuato l’Assessore Console – in termini di celerità e di innovazione e siamo fieri e soddisfatti di questo. Il Regolamento è relativo al funzionamento della Commissione, la quale è solo consultiva e la Provincia vi partecipa solo con il funzionario del settore e con il segretario (per i quali non è previsto neppure gettone di presenza – nonostante la normativa lo preveda possibile – perché così ha voluto la Commissione Consiliare). Tutti gli altri membri sono di nomina esterna e sono stati segnalati dalla Regione Calabria, dalla Prefettura, dalla Camera di Commercio, dall’Agenzia delle Entrate, dall’Associazione Industriali e dalla Confederazione Cooperative. Il regolamento è stato approvato a maggioranza, con otto consiglieri astenuti. La discussione sul Piano di Coordinamento Territoriale è stata aperta dal Vice Presidente Maiolo, il quale ha informato il Consiglio che la Commissione del Piano ha provveduto a stilare – preliminarmente all’esame degli emendamenti presentati – una lista di criteri oggettivi ai quali attenersi. I criteri stabiliscono che:
? L’eventuale accoglimento di emendamenti deve produrre modifiche comprensibili;
? Gli emendamenti non devono alterare lo specifico senso della norma emendata, in relazione alle altre norme:
? Gli emendamenti devono rispecchiare, dal punto di vista normativo, il percorso giuridico alla base del piano;
? Gli emendamenti sulle zonizzazioni devono essere fatti sulla base di ulteriori elementi rispetto a quelli previsti nel piano.
Sulla base di questi criteri – ha continuato il Vice Presidente – una parte degli emendamenti sono risultati accoglibili, altri parzialmente accoglibili e quattro non accoglibili.
Si è quindi proceduto con l’esame degli emendamenti e il Consiglio Provinciale ha approvato la proposta della Commissione Tecnica e della Giunta con un’ampia maggioranza dei consiglieri presenti: n. 3 emendamenti con 29 voti favorevoli (emendamenti Pirillo, Cucci e Gallo); n 3 con 28 voti favorevoli (emendamenti Libonati, Melfi e Tonnara) ; n. 2 con 26 voti a favore (emendamenti Genova e Molino); n. 1 con 25 voti a favore (emendamento Caputo); n. 2 con 24 voti favorevoli (emendamenti Bruno e Magorno); n 1 con 23 voti favorevoli (emendamento Libonati-Cataldi); n. 2 con 20 voti a favore ( emendamenti Russo Mario e Pirillo); n. 2 con 19 voti favorevoli (emendamenti Senise ed Acciardi).
E’ stata quindi chiesta, ed approvata, una sospensione dei lavori per dieci minuti, alle ore 00,25 del 6 maggio, dopo la quale il Consiglio è stato aggiornato alle ore 17,00 di venerdì 7 maggio 2004. Il Presidente del Consiglio, On.le Francesco Principe, ha già notificato ai consiglieri assenti – a mezzo telegramma – che la seduta del Consiglio Provinciale del 5 maggio è risultata deserta per mancanza del numero legale, relativamente al punto “Adozione Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale”. Rimane, quindi, fissata la riunione di seconda convocazione, già stabilita per il 7 maggio p.v., alle ore 17,00, limitatamente al predetto argomento.

Premiato il progetto della Casa delle Culture dal Forum della Pubblica Amministrazione

06/05 E' stato premiato dal Forum della Pubblica Amministrazione, assieme ad altri, il progetto "Casa delle Culture" presentato dal Comune di Cosenza. Il premio viene assegnato ogni anno dal Dipartimento Funzione Pubblica in collaborazione con il Formez alle cento attività più meritevoli sotto il profilo della buona pratica amministrativa a servizio della collettività, in base ai progetti presentati da tutte le pubbliche amministrazioni italiane. Riconosciuta la grande validità dell'idea di Giacomo Mancini che per la Casa delle Culture varò una nuova forma di gestione che implica l'utilizzo di lavoratori delle cooperative sociali assieme ai dipendenti dell'amministrazione comunale e che in una struttura offriva gratuitamente a tutti i cittadini, di ogni ceto e senza distinzione, alle associazioni e a chiunque ne facesse richiesta, la fruizione gratuita di una struttura all'avanguardia, l'uso di sale arredate e la godibilità di corsi di lingue e d'informatica oltre all'uso gratuito di internet, di un salone per le videoconferenze, oggi non più presente, e di due sale attrezzata con i computer, col tempo depauperate. Oggi però la situazione è cambiata rispetto ad allora e alcuni servizi della casa delle culture sono stati subappaltati a ditte esterne e l'uso delle sale e di attrezzature è sottoposto al pagamento dei ticket. Il Sindaco Catizone si è detta contenta del premio ringraziando "tutti coloro che quotidianamente contribuiscono al successo della struttura. Casa delle Culture è un esempio ottimale di un lavoro di squadra che vede fiancheggiarsi in perfetta armonia personale pubblico e collaboratori esterni". I progetti vincitori saranno inseriti nelle attività di diffusione delle buone pratiche che il Formez realizza nell’ambito della Banca Dati dei Buoni Esempi, presente sul sito www.buoniesempi.it. Il premio sarà consegnato il 14 maggio prossimo a Roma, nell’ambito della sessione conclusiva dei lavori del Forum P.A.2004.

Il Comune replica a Longo: regolari le attività di monitoraggio ambientale

06/05 (Uscc) Vengono regolarmente effettuate in città le attività di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico ed acustico.La precisazione arriva dal Dirigente del Settore Ambiente ing. Arturo Bartucci, in risposta ad una nota del consigliere Ortensio Longo. “Le attività di monitoraggio acustico ed atmosferico non si sono mai interrotte e vengono periodicamente svolte in città sia con il laboratorio mobile, attualmente fermo perchè in fase di manutenzione, sia grazie ad una collaborazione da tempo instaurata con l’Unical, che mette a disposizione anche proprie attrezzature. Gli ultimi rilevamenti di dati sperimentali sono stati effettuati uno fra il 13 e il 20 febbraio scorso, in corso d’Italia e l’altro fra il 7 e il 14 aprile scorso, in via delle Medaglie d’oro-piazza Autolinee. Anche la manutenzione del laboratorio mobile comunale - dotato di strumentazioni complesse e tecnologicamente evolute che necessitano di complessi interventi manutentivi e di periodici aggiornamenti del software- è stata programmata di concerto con l’Unical, Dipartimento di Meccanica- Laboratorio di tecnica del Controllo ambientale. Interesserà, inoltre, sapere che i dati di aprile saranno discussi nel corso di una Conferenza internazionale sull’inquinamento che si terrà tra giugno e luglio a Rodhes.”. “Mi auguro – ha dichiarato il sindaco Eva Catizone- che questa informazione tranquillizzi il consigliere Longo, al quale ribadisco che i problemi della salute dei cittadini stanno a cuore a questa Amministrazione non meno che a lui. Comprendo l’ansia di chi ha in passato guidato un delicato settore e teme che il proprio lavoro non venga lodevolmente continuato, ma sarebbe utile che prima di avanzare critiche ci si documentasse e, soprattutto, non guasterebbe un po’ più di fiducia in chi attualmente amministra la città.”

Un libro per imparare in allegria

06/05 (Uscc) “Imparare in allegria”, secondo volume, è il libro di Lilli Donato che verrà presentato lunedì 10 maggio alle ore 17,30 alla Casa delle Culture. L’iniziativa è dell’Assessorato alle Politiche scolastiche in collaborazione con l’VIII Circolo didattico. Partecipano il sindaco Eva Catizone, l’Assessore Maria Francesca Corigliano, l’ispettore tecnico e dirigente del Miur Francesco Fusca, la dirigente scolastica Loredana Ciglio, l’editore Michele Falco. Sarà presente l’autrice.

Notevole interesse per la tre giorni di Telecom Italia a Cosenza

06/05 (Uscc) Sta suscitando comprensibile interesse in città il programma della preannunciata tre giorni che Telecom Italia ha organizzato a Cosenza dal 21 al 23 maggio prossimi con una serie davvero eccezionale di eventi in campo filosofico, cinematografico, artistico. Nei prossimi giorni la tv comunale “Cosenza TV” tornerà sull’argomento con una serie di trasmissioni di presentazione dei vari avvenimenti. Nelle foto della conferenza stampa, organizzata lo scorso 4 maggio da Telecom insieme al Teatro “Franco Parenti”, a Milano, presso la sede di “Telecom Italia” a Piazza Affari, con il Presidente della società, Marco Tronchetti Provera, l’Accademico dei Lincei Emanuele Severino ed Andrèe Ruth Shammah, Direttore del Teatro Franco Parenti. Nella seconda, un momento dell’intervento del sindaco Eva Catizone, che ha al fianco Lina Sotis e Tonino Magnelli.

 

Sei trattori distrutti in un incendio a Doria di Cassano

06/05 Un incendio nell'azienda agricola Doria, situata in località Doria di Cassano, ha distrutto sei trattori. I carabinieri intervenuti sul posto e che stanno effettuando gli accertamenti del caso, non escludono che si possa trattare di incendio doloso. I danni ammonterebbero a circa 150 mila euro. L'incendio è stato domato dai vigili del fuoco di Corigliano. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri delle compagnie di Corigliano e di Cassano allo Ionio.

Arrestato un uomo a Cetraro

06/05 I carabinieri della Stazione di Cetraro hanno tratto in arresto Franco Scorza di 26 anni perchè deve scontare una condanna una pena residua di 5 mesi e 6 giorni di reclusione emessa dal tribunale di Cosenza. Lo Scorza è stato fermato nel corso di alcuni controlli.

Arrestata cittadina camerunense

06/05 Durante alcuni controlli sul territorio, i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile hanno tratto in arresto Jessica Monday di 27 anni, cittadina camerunense, perchè ha continuato a permanere nel territorio nazionale nonostante fosse già stata espulsa precedentemente.

Un anziano muore ad Acri

06/05 Era andato nel suo orticello a tagliare le erbacce quando, per l'erba resa viscida alla pioggia, è scivolato, dal suo terreno posto su di un alto muro di cinta, gìù sulla strada ed è morto sul colpo. L'uomo, che si chiamava Angelo Pancaro ed aveva 71 anni, è stato ritrovato riverso sull'asfalto da alcuni passanti che si accingevano a raggiungere una chiesa situata lì vicino. Chiamato il 118, ai medici giunti sul posto non è rimasto altro che constatare la morte dell'uomo.

Processo Tamburo: sei condanne

06/05 Il Giudice per le Udienze Preliminari distrettuale di Catanzaro, Flavia Costantini, ha emesso ieri sera la sentenza nei confronti dei nove imputati coinvolti nell'inchiesta "Tamburo" che hanno chiesto il rito abbreviato. Sei le condanne inflitte ai seguenti indagati: Sergio Carbone (tre anni e quattro mesi) imprenditore di San Lucido, Vincenzo Iannazzo (quattro anni e sei mesi) imprenditore di lamezia Terme, Francesco Amodio (due anni e quattro mesi), Franco Bevilacqua (un anno e dieci mesi) ex capo della criminalità nomade cosentina, Antonio Di Dieco (un anno e dieci mesi) ex boss di Castrovilalri, Felice Dellapietra (otto mesi), Domenico Cambareri (quattro mesi). In prescrizione e quindi prosciolto Bruno Lupia Palmieri. Sono stati assolti invece Vincenzo Sciammarella e Mauro Mancuso. Il colleggio di difesa, che ha duramente contestato l'accusa del PM Eugenio Facciolla, è composto dagli avvocati Franco Sammarco, Giuseppe Bruno, Francesco Gambardella, Sandro Furfaro, Paola Garofalo, Giovanni Mancuso, Stefania rania e Fracesco Luponio. Questo è il primo processo dell'inchiesta, svoltosi grazie al rito abbreviato. Altri 48 imputati devono ancora essere giudicati con il rito ordinario. Le accuse variano da associazione mafiosa a estorsione a violazione della normativa sui subappalti a truffa. L'inchiesta sui lavori di ammodernamento dell'A3 vide, nel novembre del 2002, l'arresto di 38 persone tra cui "malavitosi", dirigenti di aziende nazionali, imprenditori e tecnici dell'Anas.

De Rose, querelato assieme a Rosito da Massimo Mauro, "un diritto di critica viene trascinato in tribunale"

05/05 "Massimo Mauro, ex ottimo calciatore, bravo cronista e anonimo deputato per cinque anni, mi ha querelato perché avrei infangato la sua onorabilità affermando che egli si era impegnato alacremente per riportare la Fiorentina in serie B e che, da questo impegno, il Cosenza fosse stato danneggiato. Un diritto di critica viene ancora una volta trascinato in tribunale, ma penso che questa ennesima azione sia stata telecomandata da qualche diessino locale". E' quanto afferma in una nota il leader della CDL, Umberto De Rose. Mi spiace che l'ex on. Mauro- dice De Rose- abbia voluto anche querelare il giornalista Franco Rosito ed il direttore della Gazzetta del Sud, Calarco, per responsabilità inesistenti: i giornalisti hanno fatto il loro dovere riportando solo notizie di cronaca. Mi chiedo dove sia la diffamazione - dice De Rose- perché non ho mai accusato il sig. Mauro di malefatte in senso penale : piuttosto, l'ho ritenuto, insieme a personalità nazionali ben più importanti della sinistra, protagonista di quello che il Sindaco di Cosenza non fece nello scorso agosto e, cioè, di un'azione politica di sostegno alla Fiorentina che, indirettamente, danneggiò il Cosenza Calcio . Sono certo che questa denuncia sarà archiviata -prosegue De Rose- perchè è solo il tentativo di intimidire gli avversari, tentativo effettuato da qualche struzzo locale che non ha il coraggio di esporsi. Il rapporto fra Mauro e Cosenza -dice De Rose- era piuttosto insolito e si è concretizzato solo in due mesi di guida della squadra dilettantistica all'inesperto fratello, che fu scelto non so in base a quali requisiti curriculari e portò a casa un ottimo contratto da allenatore. De Rose dice che "questo ricorso alla querela inizia ad essere preoccupante, ma non mi innervosisce: avrei potuto andarci io in Procura e per ben altri motivi, eppure ho sempre preferito fare una polemica dura, ma politica e nei confini della correttezza". Spero che si porti a compimento la battaglia per restituire ai cosentini una squadra professionistica- aggiunge De Rose- non sulla base di pressioni, ma in ragione del diritto e per questo sarò a Roma nei prossimi giorni per una serie di importanti incontri". La sinistra cosentina che si nasconde dietro questi mezzi poco onorevoli - conclude De Rose- lo fa perché ha fallito su tutti i fronti e si sta sbriciolando ogni giorno di più.

Siglato l'accordo tra Protekos e Ente Fiera per l'Expo del 20 maggio

05/05 E' stata siglata stamani, nella sede d’Assindustria a Cosenza, la convenzione fra il Presidente di Protekos Export, Umberto De Rose, ed il commissario straordinario dell'Ente Fiera di Cosenza, Domenico Pecoraro, per la concessione degli spazi del quartiere fieristico di Cosenza in vista della manifestazione sull'expo che si terr, nel capoluogo bruzio, dal 20 al 23 maggio. Presente alla firma, l'assessore alle attivit produttive della Regione, Giuseppe Gentile, che ha sottolineato "l'importanza dell'evento che s’inserisce in un programma ambizioso della Regione in favore dell'esternazionalizzazione delle PMI Il 10 maggio apriremo a Lamezia Terme, nella sede dell'aeroporto- ha detto Gentile - lo sportello regionale per le imprese che esportano all'estero, seguito da cinque centri provinciali ubicati nelle sedi delle Camere di Commercio Abbiamo una grande attenzione verso l'estero - ha aggiunto Gentile - perchè è urgente che la Calabria recuperi terreno ed arrivi, in breve tempo, sui mercati più importanti del Continente". Pecoraro ha elogiato "la grande iniziativa portata avanti dal presidente De Rose che contribuirà a rendere incisiva l'azione di internazionalizzazione" ed ha voluto mettere in evidenza come "questo sia il primo atto , speriamo di una lunga serie, che vede l'Ente Fiera aprirsi all'esterno"

Leggera scossa di terremoto localizzata nel Tirreno

05/05 Intorno alle 15.30 vi è stata una scorsa di terremoto, avvertita molto leggermente, in città, solo nei piani alti delle abitazioni, del quarto grado della scala Mercalli. L'epicentro è stato localizzato nel bel mezzo del mar Tirreno vicino le isole Eolie. Nessun danno è stato segnalato.

Delegazione Russa in visita in Calabria

05/05 “Si è trattato di un proficuo scambio di esperienze su più argomenti: dall’economia ai servizi, dal turismo all’enogastronomia tipica della nostra Regione”. Così il Presidente del Consiglio regionale, Luigi Fedele, ha commentato la “tre giorni” che ha portato nella città dello Stretto una nutrita delegazione della Scuola di Studi Politici di Mosca, composta da quattro deputati delle Dume nazionali e locali, da presidenti di Regione, consiglieri e funzionari. La visita istituzionale rientrava nell’ambito di un accordo di collaborazione siglato tra la stessa scuola moscovita e la Conferenza dei Presidenti dell’Assemblea dei Consigli regionali e delle Province autonome, che ha come obiettivo quello di intensificare le relazioni tra i politici regionali russi e le Assemblee legislative italiane. La visita si è articolata in due direzioni: una istituzionale, con un seminario nel quale gli ospiti russi, insieme a politici e studiosi calabresi hanno aperto un confronto sui temi attuali, quali democrazia, politica regionale e istituzionale, decentramento di poteri e funzioni e dell’economia di mercato, e uno turistico-promozionale del territorio reggino: “E’ stata l’occasione per gli amici russi di ammirare le bellezze delle nostra terra, di apprezzare l’ospitalità della nostra gente e i prodotti tipici che hanno nella produzione enogastronomica un punto di eccellenza. Fa molto piacere - ha detto Fedele - constatare con quanta curiosità abbiano gustato i vini Librandi e quante numerose siano state le domande poste al produttore, Nicodemo Librandi, imprenditore coraggioso che è riuscito, pur in un contesto di secolari difficoltà e diffidenze, ad elevare a rango internazionale una delle proposte più importanti che è il vino della nostra regione”. “Tappa obbligata, che ha affascinato gli ospiti russi- ha aggiunto Fedele-, è stato il Museo della Magna Grecia dove i mitici Guerrieri di Riace, e non solo, hanno letteralmente catturato la loro ammirazione. Il ‘bagno’ di civiltà Magnogreca, in cui abbiamo immerso i nostri ospiti russi, non poteva non registrare un momento intenso nella suggestiva Scilla, prima porta d’Occidente all’arrivo dei profughi greci le cui gesta sono narrate da Omero nell’Odissea”. Il tour degli ospiti russi ha toccato anche il Porto di Gioia Tauro. Qui, accolti dai dirigenti e dalle maestranze della società che gestisce il terminal container, gli ospiti stranieri hanno potuto verificare i livelli di efficienza e di organizzazione delle procedure di smistamento dei container. In particolare, è stato sottolineato l’alto livello di produttività raggiunto dal porto della Piana, la cui ampiezza - hanno detto gli ospiti russi - ricorda quella di San Pietroburgo, che, nella loro speranza, da porto essenzialmente militare dovrebbe assurgere a infrastruttura commerciale capace di intercettare traffici provenienti dall’Europa allargata da e per l’Oriente. (Nella foto il Presidente del Consiglio Regionale Fedele con gli ospiti russi in visita al porto di Gioia tauro)

Nuova varietà di agrume nel centro sperimentale ARSSA di Mirto Crosia. Il Mandalate

05/05 Il Presidente dell’ARSSA ha espresso apprezzamento per l’intervento dell’Assessore regionale all’Agricoltura, che ha giudicato estremamente importante il ruolo che il Centro Sperimentale Dimostrativo di Mirto, struttura gestita dall’ARSSA, avrà per il comparto agrumicolo della Piana di Sibari. Con la tecnologia avanzata della catena del freddo, sarà rivolta particolare attenzione agli aspetti complessi della commercializzazione dell’agrume clementine, grazie alla realizzazione di una modernissima struttura (cella frigorifero) per la conservazione dei prodotti agro-alimentari. Alcune delle principali problematiche del comparto agrumicolo della Piana di Sibari – dichiara Pizzini – si identificano proprio con i processi produttivi dell’agrume clementine e le successive fasi legate alla commercializzazione del prodotto, concentrata, com’è noto, in un periodo molto limitato (fine ottobre – dicembre ) e alla raccolta della stessa. L’ARSSA, presso il proprio Centro Sperimentale Dimostrativo di Mirto Crosia – informa con l’occasione il Presidente Pizzini - ha in itinere, gia da alcuni anni, in collaborazione con l’Istituto Sperimentale per l’Agrumicoltura di Acireale (organismo del MiPAF), prove di sperimentazione finalizzate allo studio delle interazioni varietà - ambiente di alcune cultivar di clementine apirene, sia precoci che tardive e di ibridi triploidi ( mandarino-simili). L’attività di che trattasi ha prodotto i primi frutti, consentendo d’individuare una nuova varietà, da poco brevettata, il “Mandalate” che per il periodo di maturazione (marzo) e le caratteristiche del frutto risultano essere interessante. Ecco perché – afferma infine il Presidente Pizzini - proprio con l’obiettivo di estendere il più possibile il periodo di commercializzazione delle clementine, presso il Centro di Mirto, grazie alla costante collaborazione sinergica tra Assessorato regionale all’Agricoltura e ARSSA, Consorzio di tutela della “IGP Clementine di Calabria”, Consorzio “Melinda Val di Non” e l’Istituto Sperimentale San Michele dell’Adige, è stato realizzato un prototipo di cella frigorifero d’altissima tecnologia. Tale struttura di servizio è finalizzata allo studio dell’allungamento della vita delle clementine, mediante processo di frigo-conservazione, nel rispetto delle caratteristiche qualitative del prodotto, che consentirà di allargare il periodo di commercializzazione del prezioso agrume e di calmierare il mercato nei periodi di maggiore offerta della produzione.

Avviati i lavori per il piano energetico provinciale

05/05 Il settore dell’energia rientra fra le competenze delle Province, cui spettano la redazione e l’adozione di programmi di intervento per la promozione e l'incentivazione delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico, le funzioni relative ai servizi a rete di distribuzione energetica, il controllo sul rendimento energetico degli impianti termici. L’Assessorato alla tutela e valorizzazione delle risorse energetiche della Provincia di Cosenza, guidato dal Prof. Ing. Mario Maiolo, proseguendo nell’impegno in materia di risorse energetiche e sviluppo sostenibile ha avviato, con il forte contributo dell’Università della Calabria, i lavori per la redazione del Piano Energetico Provinciale. Passaggio intermedio è stato l’elaborazione, ora ultimata, del PIANO DI AZIONE LOCALE, primo documento programmatico della Provincia di Cosenza nel settore energetico, che definisce obiettivi, azioni, risultati attesi, tempi e risorse per l’attuazione delle iniziative miranti principalmente all’individuazione e incentivazione delle fonti rinnovabili di energia, oltre i diversi impianti fotovoltaici già installati nel territorio provinciale. Il Piano di Azione Locale, dopo un’attenta analisi sull’aggiornamento della normativa di settore e delle rilevanti ripercussioni in ambito locale, individua l’insieme ottimale di risorse e di interventi (sia per la produzione di energia da fonti convenzionali o rinnovabili, sia per la gestione della domanda) in grado di corrispondere efficacemente alle necessità determinate dall’evoluzione del territorio provinciale, indirizzandone i flussi energetici verso il contenimento delle emissioni, così come stabilito nella conferenza di Kyoto. Il Piano di Azione Locale prende in considerazione i possibili strumenti di risposta alla domanda di energia, partendo dal risparmio come risorsa energetica. Particolare enfasi è stata data alle potenzialità offerte - in sintonia con il rispetto dei vincoli ambientali - dallo sfruttamento delle risorse rinnovabili interessanti per la Provincia di Cosenza: l’energia solare termica e quella fotovoltaica, l'energia eolica, la mini-idraulica e l’energia derivata dall’utilizzo della biomassa agricola e forestale con le enormi potenzialità insite nelle risorse boschive nell’ambito del territorio provinciale, la cui valorizzazione può produrre anche positivi risvolti sul piano occupazionale. L’indagine sulle risorse idrauliche residue ha consentito l’individuazione di sedici siti idonei all’istallazione di impianti idroelettrici di piccola potenza. L’elevata potenzialità della risorsa solare disponibile sul territorio e la tecnologia del solare termico ormai sufficientemente competitiva, spingono per una diffusione su larga scala dei collettori solari per la produzione di acqua calda negli edifici privati e negli edifici ad uso pubblico. Una buona produzione di energia può derivare anche dallo sfruttamento energetico del biogas prodotto spontaneamente dalle discariche di rifiuti solidi urbani presenti nel territorio.Con il Piano di Azione Locale appare chiara la scelta dell’Amministrazione provinciale di Cosenza di puntare verso un modello di sviluppo razionale, innovativo e ecosostenibile.

Educazione stradale da domani alla Città dei ragazzi

05/05 Avrà luogo giovedì 6 maggio alle ore 9,00, presso la Città dei Ragazzi del Comune di Cosenza, la manifestazione “Io e la strada”, promossa dall’Istituto Comprensivo Statale Scuola dell’Infanzia di S. Fili e S. Sisto dei Valdesi, comune di S. Vincenzo La Costa. L’iniziativa, ospitata dall’A.TI. “cidierre” e dall’Amministrazione Comunale di Cosenza, rappresenta la fase conclusiva di un progetto di educazione stradale previsto dai Piani di Ampliamento dell’Offerta Formativa dell’Istituto Scolastico Comprensivo. Apriranno la manifestazione gli interventi del Dirigente Scolastico, Dott.ssa Maria Rosaria Lauro, del Sindaco di S. Fili, dott. Luigi Bruno, del Sindaco di S. Vincenzo La Costa, dott.ssa Marisa Fallico, della responsabile per il Comune di Cosenza della Città dei Ragazzi, Dott.ssa Angela Iazzolino e del rappresentante dell’Automobil Club di Cosenza, prof. Aquino. Presenterà il progetto la coordinatrice dello stesso, sig.ra Giovanna Mondera. Parteciperanno alla iniziativa le insegnanti Anna Maria Gentile, Rosalba Crispino, Palmira Iuele, Rosanna Vecchio, Bianca Bruno e Anna Maria Musacchio che hanno seguito i bambini e le bambine per tutto il corso del progetto. Il programma prevede, inoltre, varie esibizioni del coro scolastico su testi relativi all’educazione stradale, un colloquio dibattito tra i bambini partecipanti al progetto e i rappresentanti del Corpo dei Vigili Urbani della Città di Cosenza e un’esercitazione pratica sulle buone e civili regole della strada. Durante la mattinata sarà fruibile anche una mostra dei lavori realizzati dai bambini sul tema dell’educazione stradale ed una esposizione relativa ad un libro che raccoglie i risultati dell’intera esperienza.

L'Odin Teatret alla Città dei ragazzi

05/05 C’è grande attesa per la manifestazione che ospiterà, nei giorni 11, 12 e 13 maggio presso la Città dei Ragazzi di Cosenza, l’Odin Teatret, compagnia teatrale di fama internazionale. Il progetto, avviato dall’Amministrazione Comunale di Cosenza e dal Centro RAT Teatro dell’Acquario, è stato accolto con grande entusiasmo dall’A.T.I. “cidierre” che promuoverà, per questa occasione, momenti di incontro tra i bambini della nostra città e la Compagnia danese. Martedì 11 e mercoledì 12 maggio, a partire dalle ore 9,00, gli alunni di diversi istituti scolastici saranno impegnati, assieme all’Odin, nella costruzione di pupi e sculture di paglia, oltre che in canti e danze popolari danesi e calabresi. Alle 12,30 di martedì, inoltre, avrà luogo, all’interno e in concomitanza con il progetto Mostra Spettacolo promosso dall’Assessorato alla Scuola e al Tempo Libero, la parata finale “Ballo di Primavera”. Giovedì 13 maggio, altresì, apriranno l’iniziativa la Flautorchestra della Scuola Media Statale di Via Negroni, e il Centro Anziani di Serra Spiga che si esibirà in danze e balli vari. A seguire si potrà assistere allo spettacolo “Van Gakk e amici” a cura dell’Odin Teatret che si concluderà con uno scambio, “baratto culturale”, tra le diverse esperienze danesi e calabresi. Il “baratto culturale”, infine, avrà il suo seguito sabato 15 maggio alle ore 17 in Piazza Prefettura, dove i bambini e le bambine potranno presentare i lavori realizzati nei tre giorni di iniziativa promossi dalla Città dei Ragazzi.

Progetto Italia: il viaggio Telecom alla scoperta dell'Italia in tre anni, parte da Cosenza il 21 maggio

04/05 Il Filosofo Emanuele Severino, il Direttore del Teatro Franco Parenti Andrée Ruth Shammah e il Presidente di Telecom Italia Marco Tronchetti Provera hanno presentato a Milano il Viaggio Telecom: un suggestivo itinerario dedicato alla scoperta della cultura, dell’arte, della bellezza, della storia e della tradizione del nostro Paese. Il Viaggio Telecom rappresenta l’elemento di novità di Progetto Italia 2004 ed è articolato in tre anni. Nel 2004 quattro città italiane, Cosenza, Perugia, Trieste e Ferrara diventeranno il palcoscenico di una serie di eventi ispirati a un unico tema: a Cosenza, “Utopia ed Eresia”; a Perugia, “Spiritualità e Poesia”; a Trieste, “Inconscio e Psicanalisi”; a Ferrara, “Metafisica e Mistero”. Il tema scelto per ogni città scaturisce quasi naturalmente dalla storia che l’ha attraversata, dalla cultura che esprime, dal patrimonio artistico e naturale che possiede, ampliato con lo sviluppo simultaneo delle più diverse forme artistiche: il teatro, la danza, il mimo, le arti visive, il cinema, la lettura, la musica colta e la musica pop dei giovani gruppi emergenti, sempre più legati con la loro opera al mondo delle tecnologie e del web. Un intreccio di percorsi del pensiero storico e filosofico, mentre alla magia degli spettacoli si aggiunge la testimonianza intellettuale e artistica di personaggi di primissimo piano della cultura italiana e internazionale. L’iniziativa è stata elaborata da Andrée Ruth Shammah, direttore del Teatro Franco Parenti di Milano. Alla presentazione, tenuta a Milano presso sede di Piazza Affari, ha partecipato anche il Sindaco di Cosenza Eva Catizone. Tema della tappa cosentina dell’itinerario Telecom sarà “Utopia ed eresia”. Per tre giorni, dal 21 al 23 maggio, il centro storico di Cosenza diventerà scenario privilegiato di una serie di veri e propri eventi culturali che spazieranno dalla filosofia al teatro, dal cinema alla letteratura, dalla musica alla scienza. Il Sindaco di Cosenza ha rivolto un sentito ringraziamento al Presidente di Telecom Italia, Marco Tronchetti Provera, ma anche alla giornalista e scrittrice Lina Sotis che ha reso possibile la realizzazione di questo evento nella nostra città. Il tema prescelto per Cosenza “Utopia ed Eresia”, è il tema associato alle figure di Tommaso Campanella e Gioacchino da Fiore, al pensiero di Parmenide, Pitagora e Bernardino Telesio, al fermento filosofico dell’Accademia Cosentina del ‘500. Tutte le arti concorreranno all’interpretazione e all’approfondimento del tema: gli incontri di filosofia (che vedranno la partecipazione di oltre 30 pensatori tra cui Marc Augé, Zygmunt Bauman, Marcello Cini, George Coyne, Giulio Giorello, Bernard Mc Ginn, Armand Mattelart, Giacomo Marramao, Salvatore Natoli, Piergiorgio Odifreddi, Nuccio Ordine, Emanuele Severino, Tzvetan Todorov) i momenti di letteratura, gli eventi teatrali, le rassegne cinematografiche, le installazioni a tema, le letture di testi, le testimonianze della città. Tra i molteplici eventi del nutrito programma, si segnala in modo particolare un vero e proprio Festival della Filosofia che prenderà l’avvio nel pomeriggio del 21 maggio al Teatro “Rendano” con la presentazione del tema “utopia ed eresia” attraverso Gioacchino da Fiore, Tommaso Campanella e Bernardino Telesio, a cura del Prof. Franco Crispini, preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Nell’ambito dello stesso Festival saranno svolte, anche nelle giornate successive, alcune lezioni magistrali affidate ad altrettanti studiosi di fama internazionale. Altri incontri di filosofia vedranno la partecipazione di oltre trenta pensatori. Il clou della giornata di venerdì 21 maggio sarà rappresentato dallo spettacolo, in quattro apparati ed una parata, “Stupor Mundi”, di Valerio Festi per la regia di Monica Maimone. Si tratta della teatralizzazione in strada dell’Imperiale Ingresso in Cosenza di Federico II. Il Corteo Storico si snoderà, dalle 20,20 alle 22,45 da Piazza dei Valdesi agli Archi di Ciaccio con conclusione in Piazza XV Marzo. Tra le presenze più significative del mondo del teatro, molto attese quelle di Maurizio Scaparro che domenica 23 maggio racconterà i suoi spettacoli al Teatro “Rendano” (ore 18,00), di Moni Ovadia che, sempre domenica 23 maggio e al “Rendano”, ma alle 19,30, racconterà l’Utopia di Majakovskij e Babel e di Giorgio Albertazzi. Per la musica ritorna a Cosenza la cantante Alice, protagonista del Concerto di Pasqua 2003 in Cattedrale, con il concerto “Viaggio in Italia” dedicato a Pasolini (venerdì 21 maggio – Teatro “Rendano” – ore 22,00).Non mancheranno le sorprese. Un fuori programma potrebbe essere annunciato nelle prossime ore. Intanto, da oggi in tutta Italia campeggia il suggestivo manifesto del “Viaggio Telecom” che ritrae un panino con all’interno un libro. Questo il programma (che potete anche scaricare in formato pdf e conservare premendo questo link)

Viaggio Telecom Italia
COSENZA
"Viaggio nell’utopia e nell’eresia"
a cura del Teatro Franco Parenti
21 - 23 maggio 2004 al Teatro Rendano

VENERDI' 21 maggio
ore 15,00
Introduzione al Festival di Filosofia:
Franco Crispini, preside della facoltà di Lettere dell’Università della Calabria presenta il tema
della città attraverso Gioacchino da Fiore, Tommaso Campanella e Bernardino Telesio
Emanuele Severino introduce alle categorie di Utopia ed Eresia
ore 17,00
Giordano Bruno lectio magistralis di Giulio Giorello e Nuccio Ordine
letture di pagine da “Degli eroici furori”, “De l'infinito, universi e mondi”, “La cena delle ceneri”da
parte di Anna Nogara e Bebo Storti

SABATO 22 maggio
ore 10,00
La spiritualità dell'eretico: tavola rotonda con Paolo Ricca e Vladimir Zelinskij – coordina don
Ermis Segatti
ore 11,00
Lectio magistralis di Marc Augé
ore 12,00
Dalla characteristica al web, o il sogno della comunicazione perfetta: tavola rotonda con Roberto
Esposito, Carlo Formenti, Armand Mattelart – coordina Ugo Volli
ore 15,00
L'utopia della felicità pubblica. Comunità: tavola rotonda con Pierangelo Dacrema, Predrag
Matvejevic, Caterina Resta – coordina Giancarlo Bosetti
ore 16,30
Lectio magistralis di Tzvetan Todorov: Puissances de l’amour
ore 17,30
Galileo Galilei ricostruzione del processo per eresia con recita dell'abiura: Piergiorgio Odifreddi
con Giulio Giorello e Padre George Coyne

DOMENICA 23 maggio
ore 10,00
Gioacchino da Fiore lectio magistralis di Bernard McGinn
ore 11,00
Prometeo, la Nuova Atlantide e la scienza perfetta: tavola rotonda con Marcello Cini, Maurizio
Ferraris, Armando Massarenti, Piergiorgio Odifreddi - coordina Roberto Bartolino
ore 15,00
La città del sole, o l'utopia della società perfetta: tavola rotonda con Giorgio Galli, Salvatore
Natoli, Marco Revelli, Marco Tarchi – coordina Giacomo Marramao
ore 17,00
lectio magistralis di Zygmunt Bauman “Utopia postmodern adventure”
Letteratura, teatro, musica, cinema, percorsi, mostre, libri


LETTERATURA

VENERDI' 21 maggio
Piazzetta Toscano
Ore 18,30
“I Canti del Caos” recital di Iaia Forte e Federica Fracassi su testi di Antonio Moresco

SABATO 22 maggio
Piazzetta Toscano
Ore 17,00
“Tracce di utopia e di eresia nella letteratura contemporanea” letture e dibattito con Marosia
Castaldi, Helena Janeczek, Antonio Moresco, Tommaso Pincio, Tiziano Scarpa e Dario
Voltolini – coordina Carla Benedetti


TEATRO

GIOVEDÌ 20 maggio
Teatro Rendano
ore 18,30
U-tòpos uno spettacolo di Maximilian Mazzotta, liberamente tratto da “Antonello, capobrigante
calabrese” di Vincenzo Padula - produzione Libero Teatro di Cosenza – prima rappresentazione
assoluta
ore 20,30 replica

VENERDI' 21 maggio
Teatro Rendano
ore 18,30
U-tòpos, replica
sul percorso da Valdesi agli Archi di Ciaccio, con finale in piazza XV Marzo:
dalle ore 20.20 alle ore 22,45
“Stupor Mundi”, dedicato a Federico II, spettacolo in quattro apparati e una parata di Valerio
Festi, regìa di Monica Maimone

SABATO 22 maggio
Teatro Rendano
Ore 16,00
Anatoly Zalewsky

DOMENICA 23 maggio
Teatro Rendano
ore 18,00
Maurizio Scaparro racconta i suoi spettacoli
Teatro Rendano
ore 19,30
Moni Ovadia racconta l’Utopia di Majakovskij e Babel
Piazzetta Toscano (ai Ruderi)
ore 19,30
Carlo Rivolta in “L’ultima predica di Gerolamo Savonarola”


MUSICA

VENERDI’ 21 maggio
Teatro Rendano
Ore 15,00
Coro di voci bianche “Città di Cosenza”

SABATO 22 maggio
Teatro Rendano
Ore 22,00
“Viaggio in Italia”, concerto di Alice (dedicato a Pasolini)

DOMENICA 23 maggio
Castello
“Trovare fiori dove non esistono”, melologo per nastro e voce di Francesco Galante su testi di
Luigi Pestalozza - voce recitante Anna Nogara. Prima esecuzione assoluta


CINEMA

VENERDI' 21 maggio
Cinema Italia
Ore 15,00 Apocalypse Now
Ore 18,30 C’era una volta il West
Ore 22,00 I cannibali
Biblioteca Nazionale
Ore 15,00 Il Principe di Homburg
Ore 17,00 Galileo
Ore 19,30 Lost in La Mancha
Intervallati da Letture su Utopia ed Eresia

SABATO 22 maggio
Cinema Italia
Ore 15,00 2001 Odissea nello spazio
Ore 17,30 Luther
Ore 20,00 Ultimo tango a Parigi
Ore 22,00 Lo sguardo di Ulisse
Biblioteca Nazionale
Ore 15,00 La grande Illusione
Ore 17,30 Underground
Ore 20,30 Incontri ravvicinati del terzo tipo
Intervallati da Letture su Utopia ed Eresia

DOMENICA 23 maggio
Cinema Italia
ore 15,00 Malcom X
ore 20,00 Amerika
ore 22,00 Intelligenza Artificiale
Biblioteca Nazionale
proiezione di film sull'utopia e l'eresia:
Ore 15,00 Zabriskie Point
Ore 17,30 Fitzcarraldo
Ore 20,00 Guerre Stellari
Intervallati da Letture sul tema


PERCORSI

SABATO 22 maggio
Gazebo della Villa Comunale
Ore 17,00
Raccontare Cosenza:
Vito Teti parla di Cosenza in relazione all’acqua e Marco Romano illustra i temi urbanistici della
città.
A seguire, percorsi lungo il tracciato di Marco Romano, sotto la guida degli allievi del master di
estetica dell’Università di Reggio Calabria
Percorso figurativo dentro le Chiese, guidato dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti, a cura di
Giorgio Leone
Piazzetta Toscano
Ore 19,00
Philippe Daverio racconta la Stauroteca di Federico II

DOMENICA 23 maggio
Percorsi lungo il tracciato di Marco Romano, sotto la guida degli allievi del master di estetica
dell’Università di Reggio Calabria
Percorso figurativo dentro le Chiese, guidato dagli allievi dell'Accademia di Belle Arti, a cura di
Giorgio Leone


MOSTRE

Biblioteca Civica, sala gotica
Mostra dei manoscritti originali di Campanella e Telesio (in collaborazione con l'Accademia
cosentina e con la Sovrintendenza alle Belle Arti)
Atrio del Teatro Rendano
Mostra di immagini di teologia figurale dal Liber Figurarum di Gioacchino da Fiore, a cura del
centro Studi Gioachimiti
Casa delle Culture
Utopia ed Eresia: installazione multimediale e interattiva di Flavio Ambrosini, Jean Blanchaert e
Gherardo Frassa con la partecipazione di Luigi Pestalozza e la proiezione non stop di filmati sul
tema.
In collaborazione con l’Università della Calabria – Arcavacata


PRESENTAZIONI DI LIBRI

SABATO 22 maggio
Alla Casa delle Culture
ore 12,00
Presentazione del libro di Vito Teti “Il senso dei luoghi”, con Predrag Matvejevic, Nicola
Merola, Raffaele Perrelli e Paride Leporace, Donzelli Editore

Alla Casa delle Culture
ore 19,00
Presentazione del libro “Il serpente di Melqart” di Folco Quilici, Casa Editrice Mondadori

DOMENICA 23 maggio
Ridotto del Teatro Rendano
Ore 11,30
Presentazione dell’Opera Omnia di Gioacchino edita da Laterza e dibattito sull’editoria meridionale
con Donzelli, Laterza, Rubettino e Sellerio
Piazzetta Toscano
ore 17,30
Presentazione del libro “Piera e gli assassini“ di Piera degli Esposti, a cura della Casa Editrice
Rizzoli

Cavallo di ritorno con un computer. Arrestato l'autore

04/05 Cambiano i tempi e cambiano i mezzi, ma le tecniche rimangono sempre le stesse. Aveva trafugato un computer ed una stampante dalle cupole geodetiche dove erano custoditi. Poi ha chiamato il proprietario ed gli ha chiesto il "riscatto" di mille euro. La vittima del furto ha accettato l'invito del "cavallo di ritorno" ed invece di andare di persona a portargli i soldi ha mandato i Carabinieri a cui si era rivolto. I militi si sono presentati in abiti civili con soldi e ... manette che sono subito scattate ai polsi di Ivan Senatore di 34 anni autore del cavallo di ritorno informatico.

Rinviato il Consiglio Comunale di Cosenza

04/05 I lavori del Consiglio Comunale, convocato questa mattina a Palazzo dei Bruzi, sono stati rinviati a data da destinarsi. Lo ha deciso il Presidente Saverio Greco dopo una mozione presentata da tutti i capigruppo della maggioranza, con la quale si chiedeva di rinviare la discussione in modo da consentire ai Gruppi consiliari di predisporre la proposta di delibera necessaria alla più utile articolazione del confronto politico sulla materia all’Ordine del Giorno, che prevedeva la definizione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende e istituzioni. Alla mozione hanno replicato il Consigliere Umberto De Rose del Gruppo Misto, che è intervenuto contro, e il consigliere Amedeo Pingitore dei Verdi, che è intervenuto a favore. Il Consigliere De Rose ha anche presentato una proposta di deliberazione che il Presidente Greco sottoporrà alla Commissione competente. Il Consiglio ha quindi votato a favore della mozione rinviando i proprio lavori.

A Corigliano dieci clandestini espulsi, tre dei quali arrestati.

04/05 I carabinieri di Corigliano, nell'ambito di una operazione indirizzata alla repressione dell'immigrazione clandestina, hanno identificato dieci extracomunitari di varia nazionalità nella zona della Piana di Corigliano, adiacente alla statale 106 ionica. Tre le persone arrestate una nigeriana, un senegalese e una liberiana; i primi due in quanto già espulsi, non avevano ottemperato al decreto di espulsione del prefetto di Cosenza, e la terza per resistenza a pubblico ufficiale. Per gli altri sette è scattata la procedura di espulsione

Per il Comune, tutto in regola a via Simonetta

04/05 Arrivano, quasi immediati i chiarimenti richiesti dalla CDL al Sindaco sulla licenza di un nuovo fabbricato in via Simonetta. L'Amministrazione fa rispondere l'Ufficio del Piano che in una nota dell'Amministrazione, a cui è stata accodata una dichiarazione del Sindaco replica: “Nessun permesso di costruire relativo ad un fabbricato su via Simonetta è stato accordato dall’Amministrazione comunale di Cosenza. L’Ufficio del Piano, prima del rilascio di un titolo abilitativo all’edificazione, verifica con istruttoria approfondita ed adeguata che tutte le norme vigenti, sia statali che regionali e comunali, siano rispettate. La prima di queste verifiche riguarda la conformità al Prg che –ricordiamo- è stato approvato all’unanimità dalle forze politiche presenti in Consiglio comunale. Il Prg prevede nella zona in questione indici, destinazioni e modalità di intervento che rappresentano diritti che nessuno, riteniamo, può disconoscere. E’ da smentire, pertanto, la nota della Cdl, apparsa oggi sulla stampa, che basandosi, peraltro singolarmente, su un “giunge voce”, pretenderebbe poi di riscontrare una supposta e specifica violazione di norme di varia natura. Comunque, anche questa volta come altre in passato, sarebbe bastata una rapida verifica presso l’Ufficio del Piano per fugare ogni dubbio sulla situazione reale. In questo come in altri casi, i competenti uffici prima di qualsivoglia provvedimento definitivo, positivo o negativo che sia, valuteranno attentamente diritti dei privati e rispetto delle norme, rispetto cui si ispira e si ispirerà sempre l’azione amministrativa del Comune di Cosenza.”. Il sindaco Eva Catizone ha infine voluto aggiungere una propria considerazione sul caso: “Il centro destra continua a non brillare per originalità ed, anzi, ora diventa decisamente ripetitivo. In particolare, ripropone sempre gli stessi argomenti in prossimità di ogni elezione. I lettori ricorderanno come già durante le elezioni comunali che portarono alla mia affermazione, il centrodestra parlò di via Simonetta. Non è difficile immaginare che la cosa accadrà ancora in occasione delle elezioni regionali.”

I tifosi protestano contro la Questura

04/05 Polemico documento dei tifosi del Cosenza che in una nota inviata alla stampa sottolinea il diverso trattamento subito da giovani cosentini perla trasferta al concerto di Roma del primo maggio e della trasferta di protesta sempre a Roma del 24 Marzo scorso. Il documento a firma dei gruppi CURVA NORD COSENZA, REBEL FANS, ALKOOL GROUP, TORRE ALTA, inizia con un ironico "Ringraziamo la Questura di Cosenza" e poi, raccontando le due trasferte, evidenzia la differenza di "trattamento" subito dalle stesse persone che si sono mosse per due obiettivi diversi. Di seguito pubblichiamo inbtegralmente il comunicato pervenuto in Redazione: "30 aprile 2004, ore 22:30, stazione di Cosenza. Una folla di ragazzi festanti si riunisce alla stazione per raggiungere Roma per assistere al concerto del primo maggio. E’ la vigilia di una festa, si respira un’ aria densa di allegria. Arriva il treno e i ragazzi salgono tranquilli…Nessuno chiede loro di esibire il biglietto. A Paola la storia si ripete…( nonostante il tragico episodio della morte di Andrea )… Tutti salgono sul treno diretto a Roma e a nessuno interessa se posseggano o no il titolo di viaggio. Una sorte diversa è toccata ai tifosi del Cosenza alla vigilia del 25 marzo. Tutti ricorderanno gli incresciosi fatti della notte di Paola…! Anche lì si trattava di una folla di ragazzi che voleva raggiungere Roma per partecipare ad una festa: la festa del COSENZA! Ma durante quella notte il possesso del biglietto del treno era una condizione vincolante per riuscire a partire.Non accettando questa condizione i ragazzi hanno subito cariche ed arresti. Tutto questo ci fa riflettere… Ci chiediamo perchè due situazioni molto simili siano state affrontate in due modi così diversi dai medesimi funzionari di polizia presenti alla stazione. Ci chiediamo perchè le ferrovie dello stato non abbiano deciso di bloccare i treni finchè tutti i ragazzi non avessero fatto il biglietto, come successo a Paola la notte tra il 24 e il 25 marzo. Ci chiediamo perchè in ogni luogo gli ultrà e i tifosi in generale subiscano soprusi ingiusti. Stanchi di questa assurda criminalizzazione chiediamo giustizia ed imparzialità e invitiamo tutte le persone ad aprire gli occhi e a guardare in faccia le numerose ingiustizie che vengono quotidianamente perpetrate ai danni degli ULTRA’ !"

A S.Giovanni in Fiore, i disoccupati bloccano la ss.107

04/05 Ennesima protesta dei disoccupati di San Giovanni in Fiore che dopo le manifestazioni eclatanti davanti al Comune dell'importante centro silano e i tentativi di protesta anche sulla 107, sono scesi di nuovo in lotta con una nuova protesta. In 150 hanno bloccato il traffico, secondo quanto comunica la Polstrada, tra Cosenza e Crotone, impedendo di fatto la circolazione dei mezzi da questa mattina. Con il blocco dalla 107 l'unica strada per arrivare sullo Ionio rimane la A3 fino a Lamezia o fino a Sibari e poi la 106 Ionica.

Il 10 maggio serrata delle Farmacie calabresi

04/05 Prevista per il 10 maggio la serrata delle farmacie. A darne comunicazione, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa i vertici di Federfarma calabrese che hanno anche reso noto che quello di lunedì sarà un primo momento di lotta che potrebbe preludere alla cosiddetta assistenza indiretta: gli utenti saranno costretti a pagare di tasca loro anche i farmaci prescrivibili per poi richiederne il rimborso alla Asl di competenza. Questo perché le farmacie non avrebbero più credito dai loro fornitori. A spiegare le ragioni di questa protesta Giuseppe Petronio, presidente Federfarma regionale, ed i responsabili provinciali della stessa unione sindacale Consolato Arcudi (Reggio Calabria), Alfonso Misasi (Cosenza), Vincenzo Defilippo (Catanzaro), Adriana Angellieri (Crotone). Una situazione, quella del comparto farmaceutico, che rischia il collasso a causa dei pagamenti arretrati che ammontano a circa 250milioni. Per Petronio, ciò ha provocato una "situazione a dir poco difficile anche per le prospettive future perché da quest'anno la Regione deve provvedere senza interventi dello Stato. Le farmacie non sono più in condizioni di programmare la loro esistenza anche in riferimento ai fornitori". Con l'arrivo dell'estate, poi, la situazione potrebbe aggravarsi perché "nelle Asl si esauriscono le finanze per i pagamenti". Preoccupazioni, queste, che i farmacisti stanno mettendo sul tappeto da tempo con la richiesta di incontri anche all'assessore regionale alla Sanitò, Gianfranco Luzzo. E, per venerdì prossimo è stato convocato un incontro al quale parteciperanno gli undici direttori generali delle Aziende sanitarie territoriali ed i rappresentanti Federfarma delle cinque province calabresi. Ed i farmacisti questa mattina hanno portato i loro numeri. In particolare, Misasi ha fatto riferimento ad un dato: ''La spesa regionale, pari al 42,11% è quasi uguale a quella nazionale (40,47%) ed in alcune Asl è anche inferiore". Queste, comunque, secondo i dati forniti da Federfarma le mensilità non rimborsate nelle varie aziende al 26 aprile: Asl 1 (Paola) novembre-dicembre 2003 e febbraio-marzo 2004; Asl 2 (Castrovillari) ottobre-novembre 2002, aprile-maggio-giugno-novembre 2003 (nella misura del 24%), dicembre 2003 (nella misura del 30% circa), gennaio-febbraio 2004 (nella misura del 30%), marzo 2004; Asl 3 (Rossano) ottobre-novembre-dicembre 2003, febbraio-marzo 2004; Asl 4 (Cosenza) ottobre-novembre-dicembre 2003, gennaio-febbraio-marzo 2004; Asl 5 (Crotone) novembre-dicembre 2003, gennaio-febbraio-marzo 2004; Asl 6 (Lamezia Terme) novembre-dicembre 2003, gennaio-febbraio-marzo 2004; Asl 7 (Catanzaro) gennaio-febbraio-marzo 2004; Asl 8 (Vibo Valentia) febbraio-marzo 2004; Asl 9 (Locri) saldi delle mensilità da gennaio 2003 a gennaio 2004 (nella misura del 20% circa), febbraio e marzo 2004; Asl 10 (Palmi) saldi delle mensilità da gennaio a novembre 2002 (nella misura del 55% circa), dicembre 2002, da aprile a dicembre 2003, gennaio-febbraio-marzo 2004; Asl 11 (Reggio Calabria) ottobre-novembre-dicembre 2002, ottobre-novembre-dicembre 2003, marzo 2004

Mostra personale della Pittrice Olga Minardo alla Galleria Le Muse

04/05 Giorno 8 maggio 2004 alle ore 19:00, presso la galleria d’Arte Le Muse di Myriam Peluso, P.zza S. Teresa n°8 Cosenza, inaugurazione della Vernice di Olga Minardo. Figlia d’arte, ha profonde radici nell’Arte, importante la frequentazione artistica in Germania che é stata determinante per la sua cultura mittel’europea. Venti le opere in esposizione, oli su tela e su tavola. Saranno presenti all’inaugurazione: il Sig. Prefetto Dott. Diego D’Amico, il Past-President del Rotary Club Cosenza Nord Dott. Pietro Niccoli, l’Artista orafo G.B. Spadafora. La mostra è patrocinata dal Rotary e dall’Azienda orafa Spadafora. La mostra si chiuderà giorno 31 maggio 2004.

Dima: "Bisogna valorizzare le clementine"

04/05 Le iniziative per la valorizzazione e la promozione delle clementine calabresi, in vista anche della prossima capagna agrumaria, sono stati i temi di un incontro tra l'Assessore regionale all'Agricoltura, Giovanni Dima, ed i rappresentanti del Consorzio "Clementine di Calabria". "La Calabria, infatti, con circa il 60% della produzione nazionale di clementine, rappresenta la regione 'leader' in Italia in questo settore e quindi l'incontro voluto dall'assessore regionale all'Agricoltura Giovanni Dima con l'organismo di tutela e di valorizzazione ha assunto una valenza determinante per la commercializzazione del prodotto. Durante la riunione, che si è svolta in un clima di collaborazione reciproca, l'assessore Dima ha espresso apprezzamento per l'unificazione, in un solo soggetto giuridico, dei consorzi di tutela delle clementine ed ha presentato la bozza del progetto finalizzato alla promozione del marchio "Cle'" attraverso i media nazionali. La volontà, manifestata dall'Assessore Dima, di istituire un marchio delle clementine di Calabria rientra nell'obiettivo più generale di permettere al consumatore, italiano ed estero, di riconoscere immediatamente un prodotto unico per le sue qualità organolettiche e quindi di qualità ed eccellenza". I produttori, nell'apprezzare l'iniziativa dell'assessore Dima, hanno chiesto "interventi promozionali nei punti vendita ed hanno ribadito l'esigenza di un sostegno economico per la realizzazione di un imballaggio innovativo ed eco - compatibile che valorizzi ancora di piu' il clementine". A conclusione dell'incontro, Dima, ha ribadito "il massimo impegno dell'assessorato per la valorizzazione dei prodotti di qualità ed eccellenza e tra questi, sicuramente, le clementine di Calabria".

Iniziative dell'Azienda Sanitaria per ridurre i tempi d'attesa

04/05 Il direttore Generale,, Antonio Belcastro, ed il direttore sanitario, Gianfranco Scarpelli, hanno approntato una politica a Cosenza di Clinical Governance che implica l'adozione ad ogni livello terapeutico di una serie di linee guida che faciliteranno le prestazioni e contribuiranno alla riduzione die tempi. "Già per Radioterapia- afferma Scarpelli- abbiamo praticamente dimezzato i tempi di attesa portandoli al di sotto del mese. Attraverso un sistema di appropriatezza e di priorità-ha detto ancora Scarpelli- riusciremo a stabilire dei protocolli che, appunto, saranno definiti in base alle patologie . Ecocolodoppler e RMn sono arrivati al di sotto del mese-prosegue Scarpelli- e si tratta di risultati eccezionali, considerando che la media nazionale della Risonanza Magnetica è di parecchi mesi di attesa". Intanto, l'azienda ospedaliera da domani effettuerà visite specialistiche gratuite nell'ambito della chirurgia vascolare. L'iniziativa proseguirà fino al prossimo 19 giugno e riguarderà la prevenzione delle patologie venose.

Centro storico: Il Comune chiede collaborazione

04/05 Centro storico degradato e fatiscente? Due articoli di stampa, di eguale tenore seppure comparsi su quotidiani diversi, questa mattina ritornano sull’annosa questione, che da circa dieci anni a questa parte sta particolarmente a cuore alle Amministrazioni comunali di Palazzo dei Bruzi. Il vicesindaco Giuseppe Leporace, che è anche assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici, replica con la seguente riflessione: “La stampa odierna riporta casi di ordinario degrado nel centro storico. E’ il bicchiere mezzo vuoto che viene offerto all’attenzione dell’opinione pubblica. I dati riportati non sono contestabili, però sono parziali. Sarà utile, invece, per una visione complessiva, guardare anche la parte colma del bicchiere, non per fatua vanità di chi si è impegnato a cambiare le cose, ma perché un approccio positivo è forse più produttivo che non le consuete lamentazioni, anche giuste ma non concludenti. Dopo un cinquantennio di trascuratezza che aveva portato ad aggravarne il degrado strutturale, al noto coprifuoco serale e all’abbandono delle attività giornaliere, con conseguente progressiva desertificazione, il centro storico ha conosciuto dieci anni di straordinari cambiamenti, che non ci sarebbero stati se ci si fosse fermati a considerare quanto e quale lavoro c’era da affrontare. Si è cominciato e si è fatto tanto, pur nella consapevolezza che tutto– specialmente da soli - non si può. Con il programma Urban sono stati spesi circa 10 milioni di euro tra corso Telesio, albergo Bologna, ex municipio, contributi per far rivivere botteghe artigiane e per ristrutturare case e negozi. Tutto sommato, non una grandissima somma, ma sufficiente a dare un impulso nuovo alla città antica, a trasformarla nei luoghi e soprattutto nell’immaginario collettivo, che ha ricominciato a vederla come la parte più bella e preziosa di Cosenza, da vivere e frequentare con orgoglio e piacevolmente, nei suoi monumenti come nei suoi pub. A questi primi finanziamenti, sono seguiti altri 4 milioni di euro per il contratto di quartiere di Santa Lucia. Qui si sta andando nel cuore della parte più abbandonata e lo si sta facendo, ancora una volta, pensando ai muri ma anche alla gente. L’ultimo, recente risultato è la convenzione per insediarvi una sede della Scuola edile ed una della Confederazione dell’Artigianato, che porteranno movimento, formazione, vitalità e anche qualche nuovo posto di lavoro, nell’immediato e in prospettiva. Altri 4 milioni di euro verranno da un secondo contratto di quartiere firmato con la Regione. E’ vero che ci sono problemi di fognature e canalizzazione delle acque, ma anche in questo settore moltissimo si è fatto, su corso Telesio, su piazza XV marzo, su piazza Valdesi, luoghi in cui non si è pensato solo alla ripavimentazione, ma anche alla ricostruzione dei sottoservizi. Interi palazzi hanno conosciuto un risanamento statico (ex Bologna, vico San Tommaso, ex municipio, pal. Caselli Vaccaro). E poi ci sono i continui interventi d’urgenza cui il Comune fa fronte immediatamente, sostituendosi a tanti proprietari introvabili o incuranti. Accanto a tutto ciò c’è l’opera di coinvolgimento continuo che l’Amministrazione non si stanca di portare avanti per coinvolgere altre istituzioni in questa immane impresa. Con l’Aterp sono stati concordati risanamenti di fabbricati da destinare a residenze, con la Provincia si è definita la ristrutturazione di due importanti luoghi come l’edificio dell’ex orfanotrofio Vittorio Emanuele e quello delle Canossiane, con l’Unical si sono stretti rapporti di collaborazione cedendo locali per attività scientifiche sia all’ex albergo Bologna che a palazzo Caselli Vaccaro. In conclusione, crediamo che i risultati raggiunti in un decennio vadano considerati come molto più eclatanti del degrado prodotto dal cinquantennio precedente e che su questi risultati bisogna concentrarsi per proporsene di nuovi con la fiducia di riuscire a sconfiggere il degrado che pure ancora esiste. Potremo ancora ottenere molto, pur procedendo a piccoli passi, secondo quelle che sono le forze disponibili, ma con l’auspicio di avere sempre più istituzioni e - perché no?- anche privati a percorrere lo stesso cammino.”

Chiusa dal 6 maggio, per lavori all'isola pedonale, via Biscardi

04/05 Proseguono i lavori per la realizzazione dell’isola pedonale di corso Mazzini. Da giovedì 6 maggio alle ore 7 e fino a completamento dell’opera sarà chiusa al traffico e alla sosta l’intera via Biscardi (tra corso Mazzini e via Mario Mari) dove inizierà un intervento di sistemazione di sottoservizi. Dalla stessa data, non sarà più consentita la sosta delle auto su buona parte di via Arabia, per permettere lo scarico dei materiali di pavimentazione occorrenti ai lavori.

I migranti si organizzano. Domenica c'è stata un assemblea in Comune

04/05 Una vera e propria assemblea delle comunità migranti cittadine si è tenuta domenica pomeriggio nel Salone di Rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, per discutere il tema della piena cittadinanza agli immigrati residenti nel comune cosentino, compreso il diritto di voto e di rappresentanza politica. All’invito dell’assessore all’identità e al decentramento del Comune di Cosenza Franco Piperno, hanno risposto tutte le comunità straniere presenti in città: arabi, cinesi, filippini, romeni, albanesi, ebrei. Sono 650 i migranti residenti a Cosenza, una cifra in aumento di mese in mese. In base ai dati forniti dal Punto Ascolto Immigrati di via Piave e riportati ieri dal consulente Giovanni Cuconato, presente all’incontro, la maggior parte dei residenti è di nazionalità filippina, ma forte è anche la presenza di persone provenienti dall’est europeo, dalla Cina, e dai paesi arabi. Il Comune di Cosenza ha deciso di impegnarsi per garantire al maggior numero di essi una prima accoglienza, l’accesso ai servizi pubblici, percorsi di pieno inserimento sociale, abitativo e lavorativo, affinché nessuno si senta o venga considerato un “lavoratore – ospite”, ma un cittadino a pieno titolo, portatore di diritti e doveri nei confronti della comunità in cui vive. Già altre città, come Roma, Genova, Venezia, Napoli, stanno discutendo nei propri consigli comunali, la possibilità di dare rappresentanza alle comunità migranti. All’inizio, attraverso la figura di un consigliere “aggiunto”, eletto dall’assemblea dei migranti, che rappresenti le istanze degli stranieri in consiglio. E successivamente attraverso l’attivazione della facoltà di elettorato attivo e passivo per gli stranieri residenti. L’iter politico – amministrativo, già avviato in consiglio comunale, è stato illustrato dal consigliere Elena Hoo, che ha auspicato un dialogo costante tra amministratori e comunità straniere, nell’intento di rendere Cosenza una città veramente multietnica. “Faremo in modo – ha incalzato l’assessore Piperno – che queste assemblee si tengano mensilmente, in modo da garantire il diritto di partecipazione dei migranti alla vita pubblica cittadina. Ma badate bene – ha ribadito l’assessore rivolto alla platea – che l’apertura verso gli stranieri conviene alla città, perché la città si arricchisce in un rapporto di scambio tra culture e popoli diversi. Un’attenzione particolare la rivolgiamo alle comunità arabe, nostre vicine nel bacino del Mediterraneo, che in questo momento si trovano in forte difficoltà”. La discussione è stata occasione per raccogliere bisogni e desideri dei cittadini stranieri. Tanti gli interventi dal pubblico e altrettante le problematiche sollevate: la casa, il lavoro, i luoghi d’incontro, il rinnovo dei documenti, l’accesso all’informazione. Fra tutte, il Comune ha disposto da subito l’apertura degli uffici comunali dell’anagrafe e dello stato civile anche il giovedì pomeriggio, dalle 16:00 alle 18:00, accogliendo la richiesta degli immigrati. Un’altra delle proposte avanzate, che vedrà un’immediata applicazione, è l’attivazione di un settimanale d’informazione dedicato alla vita e alle attività delle comunità migranti, all’interno dello spazio autogestito dal Comune di Cosenza sull’emittente televisiva Cam Tele 3 e sul giornale multimediale Monitore Brutio, redatto in collaborazione con gli immigrati stessi, nella loro lingua. L’impegno verso gli immigrati sarà inoltre finalizzato alla loro partecipazione alle manifestazioni culturali organizzate dal Comune, all’apprendimento reciproco delle lingue, e al reperimento di spazi interculturali dove i migranti di tutte le provenienze possano socializzare. Dal pubblico è intervenuto anche il presidente della quarta circoscrizione Massimo Colla, che ha recentemente concesso ospitalità allo Sportello Informaimmigrati, servizio gestito da un’associazione di immigrati, che entrerà in funzione dal prossimo 16 maggio.

La Regione potenzia il sistema delle biblioteche su tutto il territorio

04/05 Nuova ed importante iniziativa culturale dell’assessorato regionale alla Cultura. E’ stato potenziato il servizio bibliotecario nazionale in Calabria con la creazione di dodici distretti culturali. L’iniziativa si è resa possibile grazie alla fusione tra il Por ed il Pis Calabria. All’interno di ognoi distretto è stata creata una mediateca. Per l’assessore alla cultura, Zavettieri, “E’ un sistema che consente di rompere l’isolamento in cui si trovano ad operare le biblioteche della nostra Regione, consentendo la condivisione dei dati biblioteconomici, la disponibilità on line di documenti ottenendo benefici per gli utenti delle biblioteche ed in generale per tutti i cittadini. Un sistema bibliotecario regionale suddiviso in diversi settori e fasi di attuazione che in sintesi vede coinvolte le istituzioni scolastiche e gli enti locali della Regione in un ottica di distribuzione territoriale di potenziamento della dotazione libraria, strumentale ed informatica, rilevando per ciascuna biblioteca il relativo fabbisogno”. I dodici distretti culturali individuati dalla Regione sono quelli dell’Alto cosentino, area cosentino, area silvana, area del pollino, area sibaritide, area catanzarese, area del lamentino, area del crotonese, area del vibonese, area della piana di Gioia, area reggina, fascia ionica reggina. Per la realizzazione del sistema bibliotecario sono state ultimate le procedure conseguenti al bando di gara. Consegnato al raggruppamento d’imprese l’appalto dei lavori. I fondi investiti per la realizzazione del sistema bibliotecario regionale sono di oltre due milioni e mezzo di euro. Due milioni e trecento mila euro sono della misura 2.2. del Por e la restante somma della misura 6.3 sempre del Por. Il raggruppamento d’imprese che si è aggiudicata l’appalto avrà due anni a disposizione per realizzare l’intero progetto.

Tre arresti dei Carabinieri in Provincia di Cosenza

04/05 A San Giovanni in Fiore, iCarabinieri della locale stazione,hanno tratto in arresto Michele Raso, di 69 anni, dovendo espiare la pena di quattro anni e due mesi di reclusione per riciclaggio e ricettazione in concorso. A Cassano allo Ionio, i militari dell’arma, hanno tratto in arresto Massimo Atene di 33 anni, dovendo lo stesso espiare una pena di quattro mesi per estorsione. I Carabinieri hanno poi arrestato Salvatore Milone, di 54 anni, per insolvenza fraudolenta perché lo stesso doveva espiare una pena di sei mesi di reclusione

Operazione Tamburo, rinviata a mercoledì la sentenza prevista per oggi

03/05 Era prevista per oggi la sentenza del processo Tamburo nei confronti di nove persone imputate di presunte infiltrazioni mafiose negli appalti per i lavori di ammodernamento dell'autostrada A3, Salerno-Reggio Calabria. Il giudice dell'udienza preliminare, Flavia Costantini, probabilmente emetterà la sentenza mercoledì prossimo 5 maggio. Nei giorni scorsi il pm Facciolla, della Direzione distrettuale antimafia, aveva chiesto la condanna per Sergio Carbone, Vincenzo Iannazzo e Vincenzo Sciammarella, imprenditori, di Francesco Amodio, Franco Bevilacqua ed Antonio Di Dieco, esponenti della criminalita', e di Felice Dellapietra, Bruno Lupia Palmieri e Domenico Cambareri.

Entra in pizzeria e minaccia il proprietario con un ascia: arrestato

03/05 E' successo a Torano castello, un uomo di 42 anni, Claudio Siciliano, è entrato, armato di un ascia, all'interno di una pizzeria minacciando Antonio Maurizio Murano, proprietario dell'esercizio. Fortunatamente per il gestore della pizzeria, qualcuno dei suoi clienti ha allertato i carabinieri che, giunti all'istante, sono intervenuti in forze per poter bloccare l'energumeno. L'uomo, bloccato con difficoltà dai militi, è stato arrestato con l'accusa di minaccia aggravata nei confronti di Murano e per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Il Siciliano è stato accompagnato direttamente nel carcere di via Popilia.

Covello: Un comitato Regionale per la ricorrenza deì 500 anni della morte di San Francesco di Paola nel 2007

03/05 Una sottoscrizione di tutti i gruppi politici presenti in Consiglio regionale per la costituzione di un protocollo d'intesa finalizzato alla costituzione di un Comitato comune Regione-Ordine dei Minimi per gestire le manifestazioni celebrative del quinto centenario della morte di San Francesco di Paola, che ricorrerà nel 2007. E' quanto chiede in una lettera indirizzata al presidente della Regione Calabria, Giuseppe Chiaravalloti, al presidente del Consiglio, Luigi Fedele, e a tutti i capigruppo dell'astronave reggina, l'amministratore delegato delle Ferrovie della Calabria, Franco Covello. Nella missiva Covello sottolinea come "il programma da stilare dovrà prevedere iniziative di carattere religioso e culturale" e che "la celebrazione sarà di sprone per un ulteriore sviluppo turistico della Calabria, considerato che la figura di San Francesco, Santo protettore della gente di mare e di tutti i calabresi residenti ed emigrati, e' venerata in tutto il mondo". Una iniziativa che segue la richiesta firmata da Padre Giuseppe Fiorini Morosini, superiore generale dei Minimi, inviata alla Giunta regionale nel giugno scorso nella quale si chiedeva ''se la Regione Calabria intendeva associarsi all'Ordine dei Minimi per celebrare questo suo illustre figlio che ha esercitato un ruolo importante nella storia sociale politica del suo tempo". "Un dovere - conclude Covello - promuovere la sinergia attorno al progetto come calabrese e figlio spirituale di San Francesco, come ex amministratore regionale del turismo calabrese e attuale responsabile dei trasporti delle Ferrovie della Calabria, nonché' come responsabile nazionale del Settore trasporti di Forza Italia"

Frasca: "A Cassano bisogna garantire l'esercizio di voto"

03/05 Dichiarazione dell'ex sindaco di Cassano ed ex parlamentare socialista, Salvatore Frasca, dopo la sentenza del Tar del Lazio sul caso Monasterace: "Quello che pretendiamo è che non si offra di Cassano l'immagine distorta di un paese di mafia e che i cittadini possano esercitare il loro diritto elettorale ed eleggersi gli amministratori che vogliono. L'accoglimento del ricorso presentato dall'amministrazione comunale di Monasterace da parte del Tar del Lazio avverso al decreto con cui il Consiglio dei ministri sciolse, il 27 ottobre scorso, il consiglio comunale di quel paese - afferma Frasca - e' un forte ammonimento sia per il Ministro dell'Interno sia per il Prefetto di Cosenza, nell'eventualità che essi dovessero accingersi a promuovere, dopo l'insediamento della commissione per l'accesso agli atti, un provvedimento a carico del Comune di Cassano ostativo delle prossime elezioni comunali. Se ciò dovesse accadere, dal momento che a Cassano, per altro, non e' in carica il consiglio comunale, ricorreremo alla competente autorità giudiziaria. Non siamo affatto contrari a che i competenti organi dello Stato facciano tutte le indagini che vogliono al fine di garantire che la vita istituzionale, politica, sociale ed economica nel Comune sibarita si svolga nella più assoluta legalità, anche se finora lo Stato ha fatto poco o nulla per contribuire a garantirla".

Gallo: “Grande incertezza per la situazione economica italiana. Il Comune ha fatto in pieno la sua parte"

03/05 L'Arch. Vincenzo Gallo, assessore ai diritti del cittadino del Comune di Cosenza ha rilasciato la seguente dichiarazione: "In base a dati Eurostat, il tasso di crescita del prodotto interno lordo in Italia è passato dal 3,1% del 2000, allo 0,3% del 2003, raggiungendo il valore più basso degli ultimi dieci anni. Nel 2002 i consumi privati in Italia sono cresciuti solo dello 0,4%, gli investimenti sono aumentati dello 0,5%, le esportazioni sono diminuite dell’1%, contro una crescita media del 6,3% nel periodo 1994/2000. Addirittura secondo la Fondazione Nord/Est per il terzo anno consecutivo il Triveneto ha un tasso di crescita più basso rispetto a quello dell’Italia. Non a caso l’indice di fiducia dei consumatori nel 2003 secondo l’ISAE ha raggiunto il valore più basso degli ultimi 5 anni e si sta rafforzando una diffusa convinzione di un progressivo impoverimento del Paese. In questo situazione esistente a livello nazionale e ancor più in una regione come la Calabria, dove l’indice di povertà è dell’ordine del 30%, tutta la classe dirigente è chiamata a tenere comportamenti coerenti e a svolgere un ruolo maggiormente attivo per promuovere sviluppo e occupazione. Da questo punto di vista l’amministrazione comunale di Cosenza negli ultimi anni ha fatto in pieno la sua parte, dimostrando capacità di spesa, cercando di cogliere ogni opportunità di finanziamento e attivando processi di sviluppo, con benefici anche per l’intero sistema delle imprese.”

Ad Altomonte si sono tenute le "lezioni di gusto"

03/05 La delegazione della provincia di Cosenza della Federazione italiana sommeliers-albergatori e ristoratori e la "Barilla Food Service" hanno chiuso le "lezioni di gusto" che si sono tenute in questi giorni ad Altomonte. Decine le partecipazioni all'iniziativa che ha messo in evidenza come la "pasta", regina della tavola italiana, si abbina con i vini del nostro territorio. Il delegato della Fisar, Franco Pingitore, ha spiegato il binomio indissolubile che da sempre caratterizza il rapporto pasta/vino, evidenziando il ruolo importante che hanno oggi nella ristorazione il sommelier e lo chef, artefici di abbinamenti invidiabili e sempre piu' ricercati. Lo chef di Casa Barilla, Giuseppe Piscitelli, durante il corso ha presentato alcune ricette particolari. Le lasagnette con code di gamberi e carciofi al profumo di Liguria; i riccioli di sfoglia con filetti di sogliola e con casse' di peperoni. Nel presentare i piatti lo chef Piscitelli ha illustrato i tempi di cottura della pasta, fondamentali per qualsiasi abbinamento, ed i tipi di grano utilizzati nonché le lavorazioni in trafila che sempre più legano i palati degli italiani e di chi viene nel nostro Paese alla tradizione enogastronomina della Penisola. Alla manifestazione è intervenuto anche il responsabile dei corsi "Fisar per sommeliers" del Sud Italia, Antonio Zafina, che ha presentato i tre vini che hanno accompagnato le ricette della Barilla: il Greco bianco delle Cantine Lento di Lamezia Terme, il Donna Aurelia bianco dell'Azienda vitivinicola Vivacqua di Luzzi ed il rosso rubino del Pollino della Cantina Vignaioli del Pollino.

L'Infobus è in piazza 11 Settembre

03/05 (Uscc) Dopo aver fatto tappa negli istituti scolastici cittadini l’Infobus, l’iniziativa promossa dall’Info Point Europa diretto da Leonardo Acri, è approdato in Piazza 11 Settembre dove è stato allestito un gazebo per la distribuzione di materiale informativo sulle attività della Comunità Europea e sulle opportunità che l’Unione fornisce ai Paesi membri. Un appuntamento che precede di pochi giorni la Festa dell’Europa, in programma il prossimo 9 maggio, e che nella circostanza assume un significato particolare poiché coincide con l’adesione di dieci nuovi Stati che dal primo maggio sono entrati ufficialmente all’interno della Comunità. Un allargamento ad est e verso il Mediterraneo che all’Italia, ed alla Calabria in particolare, offre nuovi sbocchi di carattere economico e sociale. “E’ importante comunicare ai cittadini questo evento straordinario – ha commentato il dirigente dell’Ufficio Europa Leonardo Acri – e bisogna sottolineare che i cosentini hanno recepito con favore la novità relativa all’allargamento ad est. Si è aperto un nuovo spazio di libertà e democrazia ad una popolazione di oltre 450 milioni di persone. L’ingresso di dieci nuovi Paesi membri – ha concluso Acri – consentirà alle città calabresi e dunque anche a Cosenza, di assumere un nuovo ruolo di interscambio anche e soprattutto culturale con le comunità che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo”.

Il sindaco Catizone rassicura i lavoratori della Multiservizi: “Pronto il piano di rilancio dell’azienda”

03/05 “Volontà politica precisa dell’Amministrazione comunale è quella di rilanciare la Società Multiservizi, così come tutto il comparto delle società legate al Comune.” La dichiarazione è' arrivata quest'oggi per voce del sindaco di Cosenza Eva Catizone, che ha parlato davanti agli operai ed ai vertici amministrativi della Multiservizi, nei locali di via degli Stadi. Il sindaco, che era accompagnata dal vicesindaco Giuseppe Leporace, è stata accolta dal Presidente ing. Franco Mauro e dall’amministratore delegato, rappresentante del partner di minoranza Italia Lavoro, ing. Francesco Chiocca. L’ing. Mauro ha dato il benvenuto agli amministratori sottolineando questa ennesima attestazione di disponibilità ed attenzione del Comune. Si è detto quindi convinto della strategicità dell’Azienda, pur nell’attuale stato di precarietà, ed ha sottolineato il buon lavoro che viene quotidianamente svolto dagli operai. Egualmente convinto della validità dell’Azienda si è detto l’ing. Chiocca che ha identificato nel piano di sviluppo predisposto dal CdA un elemento basilare anche ai fini del buon esito della privatizzazione. “La nostra presenza qui –ha esordito il sindaco - è per testimoniare una vicinanza non formale, ma sostanziale. Vogliamo innanzitutto tranquillizzare i lavoratori, disorientati da una serie di voci improprie che intendono solo avvelenare il clima. Conosciamo i problemi e intendiamo rilanciare l’Azienda.” Il sindaco ha quindi informato di avere in mattinata firmato una lettera che pone le basi della ristrutturazione prevedendo l’acquisizione delle quote azionarie di Italia Lavoro, da cedere, in un secondo momento, ad altri partner privati, possibilmente locali, in grado di assicurare nuove fette di mercato. “Ci vorranno dei tempi tecnici, ma con la lettera che ho firmato prima di venire qui siamo già partiti ”. Il vicesindaco Leporace è entrato nei dettagli dell’azione concreta, che il Comune si appresta a portare avanti su due direttrici. La prima riguarda la dismissione del pacchetto azionario di Italia lavoro, con cui si è già concordato che l’operazione andrà completata entro giugno. Per quanto riguarda, invece, la crisi di liquidità che Multiservizi vive, il vicesindaco ha detto che il Comune è pronto a far fronte agli arretrati con la somma di un miliardo di vecchie lire già entro maggio e, per il resto, con un piano di rientro per i prossimi mesi. Naturalmente, la priorità verrà data al pagamento degli stipendi, in arretrato di un mese e mezzo. Con gli operai si è dunque serenamente discusso di possibili aggiornamenti organizzativi e delle esigenze di riqualificazione del personale. Il sindaco ha concluso l’incontro invitando tutti ad avere fiducia nell’operato dell’Amministrazione comunale, senza lasciarsi tentare da facili strumentalizzazioni, tanto più interessate in quanto si verificano in periodo elettorale.

Biblioteca in Circoscrizione, appuntamento rinviato

03/05 (Uscc) E’ stata rinviata al 12 maggio alle ore 17 la presentazione del progetto “Biblioteca in Circoscrizione” a Donnici, originariamente fissata per domani. Il rinvio è dovuto ad improrogabili ed imprevisti impegni fuori regione del Sindaco, la quale invece tiene molto ad essere presente alla riunione. La Seconda e la Terza Circoscrizione hanno già deliberato l’adesione al progetto con il quale il Comune intende incrementare la fornitura di libri già presenti nelle sedi circoscrizionali fino a farne delle vere e proprie biblioteche dove trovare narrativa e saggistica, volumi per ragazzi, giovani e adulti. La Seconda Circoscrizione di Donnici ha già provveduto alla organizzazione delle scaffalature e al servizio di prestito e lettura in sala che è uno degli aspetti fondamentali del progetto. “Siamo contenti che l’iniziativa si concretizzi – ha detto l’Assessore Maria Francesca Corigliano – e siamo pronti a continuare nel Centro Storico. Ora attendiamo che all’adesione già espressa da tutte le Circoscrizioni cittadine faccia seguito la deliberazione dei rispettivi consigli”.

Una piazzetta del centro storico dedicata a Florindo Antoniozzi

03/05 Presentata oggi pomeriggio con una cerimonia la intitolazione alla memoria di Florindo Antoniozzi, che fu direttore della Cassa di Risparmio negli anni ’50, della piazzetta del centro storico finora ricordata come Largo Von Platen. E’ stata Donna Vittoria Vocaturo Mancini a rimuovere il drappo che copriva la targa con l’indicazione “Largo Florindo Antoniozzi – economista”. Il sindaco Eva Catizone ha spiegato che è stato ritenuto atto doveroso dall’Amministrazione comunale l’omaggio alla memoria di un illustre concittadino attraverso la intitolazione di un luogo del centro storico, lo stesso che egli vedeva ogni giorno dalle finestre dell’istituto. Il sindaco ha poi detto di avere, con l’iniziativa odierna, anche onorato un preciso impegno assunto con la figlia di Antoniozzi, Marisa, recentemente scomparsa. Quindi, il Presidente della Fondazione Carical Mario Bozzo ha ricordato il lavoro e la lungimiranza di Florindo Antoniozzi che portò la Cassa di Risparmio fino in Basilicata e avrebbe voluto proseguire anche oltre. “Dopo il processo di privatizzazione –ha detto Bozzo- le Fondazioni di origine bancaria sono quanto resta delle Casse di Risparmio, delle quali non c’è più neanche quella di Cosenza. Come Fondazione ci sentiamo eredi di quella esperienza e del cospicuo patrimonio che è frutto del lavoro operoso di uomini come Antoniozzi”. Lo studioso Tarditi ha tratteggiato la figura di Florindo Antoniozzi. Infine, si è svolta la commemorazione del figlio Dario, già ministro nonché parlamentare europeo, che ha ricordato la totale dedizione del padre verso il lavoro ed ha infine rinnovato il grazie della sua famiglia a tutti gli intervenuti e in particolare all’Amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata.

Senegalese arrestato per vendita di CD contraffatti

03/05 Si chiama Aleoume Miale ed ha 26 anni, il cittadino senegalese arrestato quest'oggi dai Carabinieri di Castrovillari per violazione della legge sui diritti d'autore e per non aver ottemperato ad un decreto di espulsione. Il giovane Aleoume è stato arerstato mentre stava vendendo i cd musicali contraffatti. Dagli accertamenti successivi, i Carabinieri, hannos coperto che nei mesi scorsi gli era stato anche notificato un provvedimento di espulsione.

Incendiata l'auto ad un vigile di Paola

03/05 L'episodio è accaduto durante la notte. Ignoti hanno cosparso l'auto di un vigile urbano di Paola, parcheggiata nei pressi della sua abitazione, di liquido infiammabile e poi gli hanno dato fuoco. Sono dovuti intervenire i pompieri per spegnere l'incendio. Sull'episodio, denunciato ai Carabinieri, sono state avviate delle indagini.


Per le ultime notizie premi qui
Per le notizie dal 28 aprile al 2 maggio premi qui, dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2005-2011 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti