HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca
dal 1 al 5 giugno

 

Operazione della Finanza: sequestrati computer per le scommesse clandestine

05/06 Alcuni computer ed altro materiale utilizzato per le scommesse clandestine sono stati sequestrati nel corso di controlli compiuti a Rende e Castrolibero dai militari della guardia di finanza. I sequestri sono avvenuti nell'ambito di controlli finalizzati a reprimere il fenomeno delle scommesse clandestine. I finanzieri hanno effettuato controlli in 12 esercizi commerciali (bar, centri di navigazione internet, circoli) dove sono state riscontrate gravi irregolarità perché otto attività erano sprovviste delle autorizzazioni necessarie per l' esercizio della raccolta di scommesse. In alcuni casi è stata inoltre riscontrata la presenza di persone che stavano effettuando scommesse su eventi sportivi nazionali ed esteri del fine settimana. I controlli sono stati predisposti nell' imminenza dello svolgimento di competizione agonistiche come ad esempio i prossimi campionati europei di calcio e gli internazionali di Francia di tennis. Undici persone sono state denunciate a piede libero.

Sandro Principe è stato trasferito al centro spinale di Firenze

05/06 Giusto una settima fa, sabato scorso intorno alle 18, Sandro Principe veniva ferito gravemente da un attentato alla sua persona durante l'inaugurazione della basilica di San Carlo Borromeo. Un sabato concitato che ha messo nello sconforto la classe politica cosentina e nazionale. Un gesto estremo di una persona con seri problemi psichici. Un gesto che non lascia inalterati gli equilibri politici che hanno avvertito con estrema preoccupazione un gesto estremo di chi non è più riuscito a mantenere il proprio giusto equilibrio. Fatto sta che oggi il povero Sindaco di Rende combatte per la sua guarigione e, seppur non rischia per la sua vita, deve lottare per recuperare le sue piene potenzialità fisiche. Alla luce del pieno suo recupero i parenti hanno dunque messo in atto i loro propositi, come avevamo annunciato i giorni scorsi, di trasferire in un centro attrezzato e specializzato per i problemi cui sta andando incontro Sandro Principe. Per lui ora inizia quella unga fase di recupero e di uso del suo fisico. Per questo motivo è stato scelto il centro medicospinale dell'Ospedale di Careggi a Firenze. Uno dei primi, se non il primo, centro specializzato in questo tipo di patologie. Il trasferimento è avvenuto nel pomeriggio. Iniziato in tarda mattinata, con un elicottero che ha trasportato il Sindaco di Rende all'aeroporto di Lamezia, è poi proseguito a bordo di un volo militare che ha trasferito Principe a Firenze. A Sandro Principe il nostro augurio di un pieno recupero.

Domani ultimo giorno dei festeggiamenti a San Francesco di Paola

05/06 Si concludono domani a Cosenza i festeggiamenti patronali in onore di S. Francesco di Paola, patrono della Città e dell’Arcidiocesi. Le manifestazioni dell'ultima giornata inizieranno alle ore 10, da piazza dei Bruzi, dove si snoderà un corteo municipale diretto verso la Chiesa di San Francesco di Paola, guidato dal primo cittadino che, oltre alla Giunta e al Presidente Chiaravalloti, avrà al suo fianco i sindaci di Paola, Paterno Calabro, Spezzano della Sila e Corigliano Calabro, che sono i comuni dove il Patrono della Calabria ha costruito personalmente dei conventi. Alle 10.15 la Catizzone offrirà al Santo, come di consueto, la chiave d’oro della Città e, a nome dell’intera cittadinanza, formulerà gli auguri a mons. Giuseppe Agostino in occasione dell’anniversario della sua nomina ad Arcivescovo di Cosenza. Al termine della manifestazione civile seguirà una solenne concelebrazione presieduta dallo stesso Metropolita. Nel pomeriggio, alle ore 18, inizierà l’imponente processione cittadina che, quest’anno, avrà un percorso ridotto, essendo stata eliminato il tratto del Lungo Crati perché sono ancora in corso i lavori di riammodernamento. Al termine della processione, verso le ore 21.30 circa, ci sarà uno spettacolo pirotecnico che, data la ricorrenza del 75°anniversario del ritorno dei Minimi in Città, si preannuncia spettacolare. A tal riguardo è stata coniata una medaglia bronzea commemorativa, opera dello scultore Carmine Cianci, che raffigura il Santo con la mano destra benedicente, mentre nella sinistra tiene il suo bastone, in cima al quale è raffigurato lo stemma charitas. Da domenica continua, ininterrotto, il pellegrinaggio verso la reliquia dell’osso parietale del cranio del Santo, uscita per la prima volta dal Santuario di Paola, ove è custodita sotto l’altare della nuova aula liturgica.

Cinquanta anni della Rai a Cosenza

05/06 Era il 1954 quando la televisione di Stato trasmetteva i suoi primi programmi per tutta la penisola. Due anni dopo, nel 1956, veniva inaugurato il ripetitore di Montescuro in Sila. Erano anni di progressi tecnologici durante i quali Cosenza, e con essa l’intera Calabria, si arricchiva di una sede regionale della Rai.
I cinquant’anni di storia della televisione italiana sono stati festeggiati questa mattina dinanzi a tante personalità. A fare da padrone di casa il Sindaco della città, Eva Catizone, nel lussuoso salone del ridotto del Rendano.
Alla manifestazione erano presenti i vertici aziendali e redazionali della sede Calabrese, rappresentati dal direttore Bianchini e dal Capo Redattore Nano. Tra gli altri hanno partecipato anche il Ministro per le telecomunicazioni Maurizio Gasparri, i presidenti della Giunta e del Consiglio regionale, Chiaravalloti e Fedele, oltre ad una larga rappresentanza di parlamentari e politici calabresi.
Il Sindaco Catizone, nel formulare i propri auguri per il cinquantesimo anno di vita della Rai ha sottolineato come la televisione pubblica sia stata “una presenza costante nella crescita di ognuno di noi. Questo giorno di festa – ha proseguito Eva Catizone – deve portarci anche ad una riflessione sul mondo dell’informazione. Questa città è un pullulare di emittenti private e anche l’Amministrazione comunale si è dotata di una propria televisione civica. Noi crediamo, infatti, che per gli enti locali l’informazione sia un modo efficace ed importante per comunicare e dialogare con i cittadini.
In questa città c’è anche molta carta stampata – ha detto ancora il Sindaco Catizone – che a volte preferisce portare avanti principalmente pettegolezzi, che, per la verità, non fanno onore a chi li fa.
L’informazione è innanzitutto verità – ha concluso Eva Catizone – ed ha il dovere di essere seria, libera e liberata”.
La cerimonia di festa per i cinquant’anni della sede Rai sta proseguendo con gli interventi delle altre personalità presenti. Al termine sarà possibile visitare la mostra fotografica allestita dalla Rai con la collaborazione dei Fratelli Alinari, presso la sede della Fondazione Carical in Corso Telesio.

Due lutti a Cosenza. Sono scomparsi Lucio Mirabelli ed Edoardo Caligiuri

05/06 Si e' spento ieri a Rende, l'on. Lucio Mirabelli. 82 anni, consigliere regionale della Calabria dal 1979 al 1985, Mirabelli fu segretario provinciale della DC a Cosenza. Dal 1980 al 1990 fu capogruppo della Dc al Consiglio Comunale di Rende. Lascia due figli, Carmela e Rosaio, quest'ultimo impegnato in politica e primo dei non eletti di An alla Regione nel 2000.
E', invece, deceduto stanotte, a Cosenza, Edoardo Caligiuri, fratello del coordinatore regionale di Forza Italia, on. Giovanbattista. Caligiuri, 55 anni. Edorado Caligiuri è venuto a mancare improvvisamente in seguito ad un improvviso attacco cardiaco.Edorado lascia la moglie Maria e la piccola Amelia. I funerali si terranno domani mattina alle ore 10,30, presso la Chiesa di San Gaetano, a Cosenza. Alla famiglia di Edorado Caligiuri va il commosso ricordo del Direttore del nostro giornale, Pippo Gatto, il quale ha dichiarato il suo sconforto per la perdita di un caro ed insostituibile amico.

Cordoglio del Sindaco per Edoardo Caligiuri

Il Sindaco Eva Catizone ha espresso il suo più profondo cordoglio, unitamente alla Giunta municipale, per l’improvvisa scomparsa di Edoardo Caligiuri, fratello del parlamentare di Forza Italia Giovambattista Caligiuri e consulente assicurativo molto conosciuto in città. “La notizia della morte di Edoardo Caligiuri – ha scritto il Sindaco in un messaggio indirizzato alla famiglia ed al deputato forzista – ci ha colti di sorpresa ed ha velato di tristezza questa giornata. I miei sentimenti di profonda condivisione del dolore che ha colpito la famiglia e l’On.Giovambattista Caligiuri vanno al di là del rapporto istituzionale, coinvolgendo quelli di amicizia e di stima personale. In questo difficile momento sono affettuosamente vicina alla moglie di Edoardo Caligiuri, signora Maria Talarico, ed alla piccola Amelia alle quali va il mio commosso pensiero.”

Rapporti con Donna Vittoria: Precisazioni del Sindaco Catizone

05/06 (Uscc) “Mi vedo costretta ancora una volta a prendere la penna, per far fronte ad un’esigenza di verità e di chiarezza, rispetto ad un episodio, completamente inventato, riportato questa mattina da un quotidiano locale.”
Lo ha affermato il Sindaco in replica ad un articolo pubblicato oggi da un organo di stampa locale e che riferisce di un episodio che si sarebbe verificato ieri a Palazzo Arnone durante la conferenza riguardante la donazione alla città di Cosenza di una delle due statue in bronzo provenienti dalla collezione privata di Carlo Bilotti.
“Prima ancora che un Sindaco – precisa la Catizone – mi ritengo una persona perbene che ha ricevuto dalla sua famiglia una buona educazione. Mai mi sarei sognata di non salutare o di salutare freddamente la signora Vittoria Vocaturo Mancini alla quale mi legano rapporti di grande stima ed affetto.
Ciò che un giornale locale oggi riferisce è, pertanto, quanto di più fantasioso si possa scrivere.
Con la signora Vocaturo Mancini – sottolinea ancora il Sindaco Catizone - ho conversato amabilmente sia prima che dopo la conferenza di Palazzo Arnone, a testimonianza degli ottimi rapporti che esistono tra di noi e che oggi ribadisco con forza, smentendo quanti, con accanimento e gratuita superficialità, vorrebbero far passare a tutti i costi la linea delle cattive relazioni con la famiglia Mancini.
Il problema serio, che non va sottovalutato, né sottaciuto, è che certa stampa locale anziché dedicarsi, con l’obiettività che deve contraddistinguere l’esercizio della professione giornalistica, al racconto dei fatti e della verità, preferisce, invece, forse per far vendere qualche copia in più, concentrare le proprie energie sul pettegolezzo e sul gossip. Nel caso specifico, poi, quel che è più grave è che si tratta di pettegolezzi completamente inventati e destituiti di ogni fondamento.
Non ci sembra questo – prosegue il Sindaco – un modo corretto di fare giornalismo.
Meglio avrebbe fatto l’articolista a valutare bene i fatti prima di scrivere delle palesi inesattezze. In questo modo si sarebbe informato anche dell’identità della signora in prima fila che altri non era se non la signora Tina Bilotti, moglie di Carlo Bilotti, il nostro concittadino, amante dell’arte, che vive negli Stati Uniti e che, donando alla città di Cosenza due statue di particolare pregio e consentendo in settembre una straordinaria mostra dei massimi esponenti della pittura novecentesca, che attinge esclusivamente alla sua collezione privata, ha compiuto un gesto senza precedenti e mai verificatosi prima d’ora.
Forse di questo si sarebbe dovuta occupare certa stampa, anziché esercitarsi nel pettegolezzo privo di fondamento e di bassa scuola.
Ma c’è sempre tempo per rimediare e frequentare lezioni di bon ton e gossip a denominazione d’origine controllata alla scuola di Lina Sotis. Provare per credere.”

Festa di fine anno scolastico della Cooperativa Demetra

05/06 (Uscc) Si è svolta questa mattina nella Villa Comunale la festa di fine anno scolastico organizzata dalla cooperativa Demetra., che durante l’anno gestisce il servizio comunale di intrattenimento pre e post scuola a favore delle famiglie e, in particolare, delle donne che lavorano.
Per l’Amministrazione Comunale era presente il Sindaco Eva Catizone e il Vice Sindaco Maria Francesca Corigliano.
“Esprimiamo un pubblico apprezzamento – ha detto il Vice Sindaco Corigliano – per il servizio svolto dalla Cooperativa Demetra. Quest’anno con la conclusione delle lezioni scolastiche non si fermerà il servizio della cooperativa. Oltre al servizio di pre e post scuola, infatti, abbiamo previsto anche un servizio di intrattenimento estivo presso la Città dei ragazzi”.
Il servizio di intrattenimento estivo, in una struttura attrezzata come la Città dei Ragazzi, offrirà ai genitori che lavorano una soluzione alla domanda di contenuti per il tempo libero dei propri figli. I bambini verranno impegnati con attività di animazione, ludico-ricrative, e nella realizzazione di progetti che hanno come obiettivo quello di accrescere e sviluppare. Sempre attraverso il gioco, le capacità cognitive e creative. Il servizio sarà rivolto a bambini dai 3 ai 10 anni a partire dal 14 Giugno 2004 e sarà attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8,00 alle ore 14,00. Il Servizio funzionerà fino alla riapertura del anno scolastico 2004/2005 con chiusura durante il mese di agosto.

I volontari della Lav collaborano al canile di Donnici

05/06 L’Ufficio diritti degli animali del Comune di Cosenza, presso il canile comunale di Donnici, avrà per un anno la collaborazione di volontari della LAV, Lega antivivisezione. La Giunta municipale ha approvato ieri una richiesta in tal senso della Lav. I volontari offriranno supporto per tutte le attività dell’ufficio e del canile con particolare riferimento a quelle di rilevanza socio-educativa con la divulgazione al rispetto degli animali e dell’ambiente e a quelle finalizzate al miglioramento delle condizioni di vita degli animali. Il servizio sarà prestato a titolo gratuito.

A Cosenza due nuovi vigili part time

05/06 Sempre ieri la Giunta ha deciso di assumere a part time due vigili urbani, attingendo alla graduatoria dell’ultimo concorso. La decisione fa seguito al pensionamento di un vigile urbano. L’Amministrazione ha inteso così potenziare il servizio, viste le molteplici attività cui sono chiamati i componenti della polizia municipale. Le due assunzioni costituiscono allo stesso tempo un altro contributo volto ad alleviare i problemi occupazionali in città.

Comune di Cosenza: Conto consuntivo in attivo di 340.000,00 euro

05/06 Le assunzioni part time sono state rese possibili anche dalla circostanza che il Comune di Cosenza, raro caso in Italia, è riuscito a rispettare il patto di stabilità.
Il dirigente del Settore ha ieri relazionato in Giunta sul conto consuntivo evidenziando questa positività, insieme all’altra costituita da un avanzo di amministrazione di circa 340.000,00 euro. Il conto consuntivo verrà ora portato all’esame delle Commissioni e, quindi, del Consiglio comunale.

Su "Specchio" il viaggio Telecom a Cosenza

05/06 Non si è ancora spenta l’eco del Viaggio Telecom che ha fatto tappa a Cosenza la fine del mese di maggio; anzi continuano gli articoli della stampa nazionale che ne esaltano la positività e con essa il ruolo che ha avuto la città di Cosenza nell’ospitare l’importanza iniziativa e soprattutto il Festival di Filosofia sul tema “Utopia ed eresia” che ha visto arrivare in città oltre trenta pensatori di fama internazionale.
Del Viaggio Telecom a Cosenza parla oggi, nel numero uscito stamane in edicola, “Specchio”, il supplemento settimanale del quotidiano torinese “La Stampa”.
“Specchio” dedica a Cosenza ed al Viaggio Telecom ospitato nella nostra città, due intere pagine corredate da una suggestiva fotografia che riprende una delle scene più significative dello spettacolo “Stupor Mundi”, andato in scena nel centro storico la sera del 27 maggio scorso.
L’articolo di “Specchio”, dal titolo “Poeti e filosofi conquistano le città d’arte”, è a firma della giornalista Sara Ricotta Voza che dopo aver illustrato a grandi linee il progetto voluto da Telecom, si addentra nello specifico della tappa cosentina del Viaggio, con particolare riferimento al Festival della Filosofia su “Utopia ed Eresia”.
“Tre cittadini come Bernardino Telesio, Tommaso Campanella e Gioacchino da Fiore – scrive Sara Ricotta Voza – hanno fatto di Cosenza la sede naturale per un festival di filosofia dedicato ad “Utopia ed eresia”. Cosenza – aggiunge la giornalista di “Specchio” - è stata invasa da filosofi, storici, sociologi. Qui, studenti, professori e gente comune hanno ricevuto un depliant dove scegliere come e con chi passare una mattina, un pomeriggio, una sera.”
La giornalista a questo punto ricorda alcuni dei nomi più importanti passati da Cosenza e che hanno tenuto all’interno del Teatro “Rendano” delle vere e proprie lezioni magistrali : Emanuele Severino, Marc Augè, Giulio Giorello, Pedrag Matvejevic, Tzvetan Todorov, Zygmunt Bauman e gli altri.
Come per uno spettacolo – prosegue l’articolo di Sara Ricotta Voza – la gente si è sistemata nei palchi o in platea. In sala non si sono viste epidemie di sbadigli. Nemmeno alle tre e mezza del pomeriggio, quando in molti hanno rinunciato a una siesta o allo shopping, oppure hanno chiesto un permesso per ascoltare la lectio magistralis di Emanuele Severino, uno dei massimi filosofi viventi. La sera? – si è chiesta la giornalista di “Specchio”. Vicoli e piazze trasformati in teatri all’aperto. La gente a sentire gli aneddoti su Federico II e Alarico raccontati da Philippe Daverio, oppure a seguire la visita sentimentale della città con l’architetto Marco Romano. Tutti, ospiti e cosentini, hanno partecipato in massa allo “Stupor Mundi”, il grande spettacolo di Valerio Festi che è stato un racconto popolare ed insieme un omaggio estetico alla città e alla sua nobile storia che comprende anche Federico II.”
Interessanti le parole di chiusura dell’articolo : “se uno solo, venuto per la filosofia, ha scoperto anche quanto è bella Cosenza, la missione è compiuta.”

Presentati al Sindaco i nuovi mezzi della Valle Crati Spa

05/06 Sono stati presentati questa mattina i nuovi mezzi della Valle Crati spa che potenzieranno i servizi della società di raccolta dei rifiuti. In seguito alla presentazione, avvenuta in Piazza dei Bruzi, si è svolto un incontro nel Salone di Rappresentanza di Palazzo dei Bruzi. Erano presenti il Sindaco, Eva Catizone, l’Assessore Giovanna Tartoni, il Presidente del Consorzio Valle Crati Mario De Rose, l’Amministratore Delegato della Valle Crati Spa Crescenzo Pellegrino, il prof. Piero Fantozzi presidente dell’Associazione San Pancrazio. In Piazza dei Bruzi è stata presentata una nuova spazzatrice automatica, di grandi dimensioni, che già sta operando a Cosenza da dieci giorni. Ma la vera novità è composta dagli otto mezzi a trazione elettrica che saranno a breve a disposizione dell’azienda. I mezzi elettrici, privi di inquinamento e senza emissione di rumori, saranno utilizzati nel centro storico. L’azienda utilizzerà, inoltre, altri 21 mezzi dotati di telecamere e dei più moderni meccanismi di svuotamento dei cassonetti, con un sistema di pesatura all’interno e con la possibilità specifica di monitorare ogni singolo cassonetto.
La città sarà dotata, inoltre, di cento nuovi cassonetti per la raccolta differenziata, che andranno ad aggiungersi ai 125 già esistenti. Nel corso dell’incontro è stato presentato anche il servizio “Porta a Porta”. Ogni famiglia sarà equipaggiata con un Kit ecologico per la raccolta e di sacchetti biodegradabili che si scaricheranno in una apposita biopattumiera di cui saranno dotati i diversi palazzi. Il Servizio avrà inizio, in via sperimentale, nella zona di Città 2000. Per questo servizio è stata presentata una convenzione con la Cooperativa “Le Serre”- Associazione San Pancrazio.
I volontari dell’Arcipesca, inoltre, daranno una mano nel controllo del territorio per invogliare i cittadini a mettere in campo buone abitudini ambientali, separare correttamente i rifiuti e collocarli nei rispettivi cassonetti, “I cosentini – ha detto l’Amministratore Delegato della Valle Crati Spa – riescono già a differenziare il 20% dei rifiuti prodotti in città. L’obiettivo è quello di raggiungere il 30% entro la fine del 2004”.

Rapina a via Panebianco

04/06 Verso le 18.30 due ragazzi con il volto coperto e pistola alle amani hanno compiutop una rapina ai danni di un negozio elettronica sulla fine di via Panebianco. I due malviventi dopo aver immobilizzato con una corda il proprietario ed una commessa si sono impossessati di materiale elettronico per il valore di circa mille euro. Inoltre i due hanno preseo il denaro contenate che era custodito nella cassa, circa mille euro in contanti. Dopo la rapina i due hanno fatto perdere le loro tracce fuggendo attarverso viuzzze parallele all'arteria. Scattato l'allarme sul posto sono hiunti gli uomini del 113 e una pattuglia dei Carabinieri che hanno avviato le indagini.

Giovane di Firmo arrestato dai Carabinieri per droga

04/06 Un giovane di Firmo è stato arrestato dai carabinieri di Castrovillari nel corso di un'operazione di controllo del territorio. Il giovane I.L. di 24 anni è stato trovano in possesso di sei grammi di cocaina e di tre dosi di hascisc pronte alla vendita. Nella sua abitazione i militari hanno poi sequestrato un bilancino e alcuni coltelli usati per confezionare le dosi.

Scoperto un arsenale in un casolare della "Crocetta"

04/06 Si tratta di un vero e proprio arsenale di armi quello scoperto dai Carabinieri della compagnia di Rende nel corso di una vasta battuta nel territorio appeninico rendese ai confini con quello paolano. Gli uomini del comandante Feroce hanno ritrovato in un casolare abbandonato un revolver calibro 32 del 1931 con matricola abrasa e in ottimo stato di conservazione e un fucile "Franchi" calibro 12 con canne mozzate, rubato nel 2001 a Napoli. Le armi, nascoste in un baule, perfettamente funzionati ed oleate, erano avvolte in un lenzuolo. Inoltre nel baule c'era pure un marsupio in cui c'erano celate un centinaio di cartucce cal. 12, cal. 32 e alcune caricate a pallettoni. Nel casolare, inoltre, gli uomini della Benemerita hanno trovato due giubbotti antischeggie, in dotazione all'esercito tedesco e due calzamaglie di colore nero.

Comune di Cosenza: defenestrato l'ing. Capo Luigi Zinno

04/06 Continua lo smantellamento del vecchio staff che fece le fortune dell'ex Sindaco Mancini al Comune di Cosenza. Dopo i movimenti interni dei dirigenti, è stato defenestrato quest'oggi anche l'attuale ing. Capo Luigi Zinno. Nella comunicazione del comune si fa riferimento ad una decisione analoga a quella dei giorni scorsi relativa alla "rotazione degli incarichi". Nella nota del comune non appare nessun ringraziamento all'operato di Zinno e anzi si sottolinea come la decisone sia stata presa in considerazione degli impegnativi appuntamenti che attendono la città.... Una caduta di stile davvero eclatante. Questo il comunicato originale dell'amministrazione con il relativo curriculum del nuovo Ingegnere Capo:
Il sindaco Eva Catizone ha revocato oggi l’incarico di dirigente del Settore Lavori Pubblici all’ing. Luigi Zinno, che ricopriva il ruolo da quando il suo predecessore, ing. Francesco Collorafi, era passato al vertice dell’A.T.O.
La decisione, che fa seguito a quelle analoghe dei giorni scorsi relative alla rotazione degli incarichi dirigenziali, è stata adottata in considerazione degli impegnativi appuntamenti che attendono la città e che riguardano soprattutto l’attuazione di programmi importanti quali il Psu (Programma di sviluppo urbano), il Pru (Programma di recupero urbano), il Pit (Progetto Integrato Territoriale).
A sostituire Luigi Zinno è stato chiamato un cosentino da molti anni fuori regione, l’ing. Natalino Corbo, detto Tullio, 44 anni, attualmente Vice Questore aggiunto alla Direzione generale del Corpo forestale dello Stato a Roma.
Alla vigilia dell’attuazione di progetti dai quali ci si attende un ulteriore salto di qualità - strutturale, economico e sociale - per Cosenza, il livello di competenza dell’ing. Corbo viene ritenuto indispensabile dall’Amministrazione comunale per gestire con la dovuta qualificazione e trasparenza la fase che si sta aprendo nel settore dei lavori pubblici.
Viene, inoltre, così promosso un percorso inverso a quello della tristemente nota fuga di cervelli dalla nostra regione e, in genere, dal Sud. La professionalità dell’ing. Corbo tornerà ad essere utile alla sua terra d’origine, con piena soddisfazione – questo è l’augurio dell’Amministrazione- sia del professionista che del Comune e, soprattutto, della cittadinanza, in favore della quale la decisione del sindaco è stata adottata.
All’ing. Luigi Zinno è stato conferito l’incarico dirigenziale di coordinamento e promozione di strategie d’intervento sul territorio per l’attuazione del Piano generale del traffico.

Curriculum
L’ing. Tullio Corbo, che si è laureato all’Unical, è stato direttore dei lavori all’Università della Calabria, quindi è entrato nel Corpo forestale dello Stato nel 1994.
E’ stato componente della Commissione nazionale per le valutazioni d’impatto ambientale (Commissione VIA) dal 1997 al 2002, con funzioni di dirigente generale di prima fascia. Quindi, è stato coordinatore dei progetti ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità compresi tra le opere strategiche di cui alla legge obiettivo (443/2001) per conto di Italferr SpA (Gruppo Ferrovie dello Stato SpA) dal dicembre 2002 al gennaio 2004. E’ stato anche vincitore, nel 2001, del bando di concorso pubblico per esperti nelle iniziative per lo sviluppo sostenibile nell’ambito del Quadro comunitario di sostegno 2000-2006 per le aree Obiettivo 1; componente di commissioni tecniche di livello nazionale e regionale; professore a contratto persso l’Università della Basilicata nel corso di “Tutela ambientale e controllo dell’inquinamento” nell’anno accademico 2002-2003. Ancora, ha svolto attività di docenza sulle risorse idriche e in materie di carattere ambientale; consulente tecnico di enti pubblici e aziende private; consulente di Tribunali civili e Procure della Repubblica. Tra le attività di direzione cantiere rientra quella per la realizzazione della diga sul torrente Laurenzana e delle opere connesse
.

Acquafestival domani ad Acquappesa. Il programma

04/06 Si terrà domani, sabato 05 giugno 2004, alle ore 11.30, all’interno del Parco delle Terme di Acquappesa, presso il cinema “La Sirenetta”, la conferenza stampa di presentazione della IV^ edizione dell’ACQUAFESTIVAL, la più importante rassegna a tema sul mondo del doppiaggio cinematografico, che quest’anno si concluderà nelle due serate del 25 e 26 giugno, con una manifestazione di gala.
Il programma sarà illustrato ai media da Giancarlo Tripicchio, Presidente dell’ACQUAFESTIVAL.
Tema di questo anno “La cultura dell’Estremo Oriente”, che vedrà premiati il giornalista Vincenzo Mollica e la regista Lina Wertmuller, come voci prestate al doppiaggio per il film “Mulan”, i doppiatori Tonino Accolla, Oreste Rizzini e Yamanouchi Haruhiko, che insieme al direttore di doppiaggio Marco Mete hanno preso parte al film di successo “L’ultimo samurai”. Ospiti e premiate anche le voci del film “La Tigre e il Dragone”, Roberta Greganti e Valentina Mari, nonché il direttore di doppiaggio della pellicola, Mario Maldesi.
Il Festival Nazionale sul Doppiaggio nel cinema sta riscuotendo sempre maggiore successo tra gli addetti ai lavori.
Per questa IV edizione la direzione artistica e il comitato scientifico hanno inteso dare alla manifestazione un fondo tematico molto particolare, che sarà presentato ai giornalisti in occasione dell’appuntamento di domani.
Alla conferenza stampa, infatti, sarà presente una delle maggiori esperte del costume e delle usanze del mondo orientale e nipponico in particolare, Fortunata Marando dell’Associazione Italia-Giappone.

La Trasversale delle Serre entro il 2008

04/06 “La Calabria è al centro di un vasto programma di investimenti, soprattutto in chiave europea”. È quanto è stato affermato oggi, al Convegno sulla Trasversale delle Serre che si è tenuto a Serra San Bruno, dai dirigenti del Compartimento Anas della Calabria. “Nell’ambito del potenziamento delle infrastrutture viarie della Regione, riveste un ruolo di primaria importanza il progetto di realizzazione della Statale 182 Trasversale delle Serre, sia perché reticolo viario fondamentale per migliorare gli interscambi connessi con le attività dell’area montana, sia perché asse di congiungimento Est-Ovest tra i due corridoi chiave del sistema europeo – il n° 1 Berlino-Palermo e il n° 8 Bari-Mar Nero – integrandosi perfettamente con i piani di sviluppo della Rete Trasportistica Intermodale Europea”, hanno sostenuto i Dirigenti dell’Anas. Il tratto in progetto si sviluppa per circa 22 km ed è suddiviso in tre “tronchi”: il tronco IV (dal Bivio di Montecucco a Chiaravalle Centrale), il tronco IV bis (asta per Serra San Bruno) e il tronco V lotto 3 bis (bretella per Pedrizzi). I territori interessati dallo sviluppo dell’intero tracciato ricadono nei Comuni di Simbario, Cardinale, Torre di Ruggiero e Chiaravalle, Spadola e Serra San Bruno.
I lavori prevedono la realizzazione degli svincoli di Serra San Bruno, di Torre di Ruggiero–Cardinale, di Chiaravalle Centrale e di Spadola–Simbario–Brognaturo; la costruzione di 3 gallerie naturali di lunghezza complessiva pari a circa 1.242 metri, di 7 gallerie artificiali di lunghezza complessiva pari a circa 1.273 metri e di 20 viadotti di lunghezza complessiva pari a circa 3376 metri, il cui design è stato studiato con estrema attenzione per generare un gradevole effetto estetico che non contrasti con l’ambiente circostante. Il Tronco IV bis avrà la funzione di collegamento rapido tra tutti i centri abitati situati a ridosso dell’attuale S.S. 110/182 (con particolare riferimento proprio al paese di Serra San Bruno, che rappresenta la più importante realtà della zona), riallacciandosi poi al Tronco IV, ossia alla direttrice Est-Ovest, che costituirà la dorsale degli spostamenti di tutto il territorio. Quest’opera è un esempio della nuova generazione di infrastrutture che propone l’Anas: infrastrutture integrate con il territorio e con l’ambiente, concordate con gli Enti Locali e anche architettonicamente belle. Infatti, durante la redazione del progetto si è avuta una particolare cura nell’adottare tutti gli accorgimenti possibili per mitigare gli impatti propri di un’infrastruttura del genere. Inoltre si è provveduto alla ricerca delle soluzioni più rispettose dei vincoli ambientali e paesaggistici recependo le indicazioni e i suggerimenti di tutti gli Enti interessati e, in particolare, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Calabria. Il Consiglio di Amministrazione dell’Anas ha già approvato i progetti esecutivi relativi agli oltre 22 Km del nuovo collegamento, che avrà un costo complessivo di oltre 215 milioni di euro, e in tempi brevi si procederà all’appalto delle opere mediante licitazione privata con procedura d’urgenza, essendo stato già pubblicato il bando di gara. È stato approvato anche il progetto relativo alla realizzazione della “Bretella di Pedrizzi” (tronco V lotto 3 bis), la quale avrà un costo complessivo di 13,6 milioni di euro. Anche per quest’opera è prossima la gara d’appalto in pubblicazione presso il Compartimento di Catanzaro. I primi cantieri della Trasversale si apriranno nel 2005 e l’infrastruttura sarà interamente aperta al traffico nel 2008.

Migliorano le condizioni di Sandro Principe

04/06 "Sono lievemente migliorate le condizioni di salute di Sandro Principe", vittima di un attentato lo scorso sabato durante l'inaugurazione della Basilica dedicata a San Carlo Borromeo (anche lui vittima di un attentato). Questo è quanto afferma l'ultimo bollettino medico diramato dalla Direzione Sanitaria dell'Azienda Ospedaliera di Cosenza.Ad affermarlo è stato il Dott. Vincenzo Risoli che ha anche annunciato la fine dei comunicati "per il rispetto della privacy del paziente". Lo stato di coscienza di Sandro Principe è integro e le condizioni cardiocircolatorie sono stabili. La respirazioni spontanea è possibile però ad intervalli. La prognosi rimane riservata. Questo il testo dell'ultimo bollettino. Graduali e piccoli miglioramenti che di giorno in giorno volgono verso il meglio. Molto probabilmente, appena sarà possibile, Principe verrà trasferito in un centro specializzato dove verrà sottoposto alle cure relative alla sua patologia. Il colpo di pistola è stato una mazzata tremenda per il suo fisico che però ha retto molto bene. Parlare di futuro ancora è impossibile. Molte altre verifiche e accertamenti dovranno essere fatti. Sta di fatto che però il Sindaco di Rende è vigilie ed è cosciente. Risponde alle stimolazioni nervose e pare che abbia intrapreso piccoli cicli di fisioterapie per cominciare a muovere qualche arto. Altro la privacy non ci consente di dire. Dal profondo del nostro cuore però speriamo in questo secondo miracolo che è quello di una repentina guarigione che lo porti al più presto tra la sua gente. Forza Sandro, tutti, ti stiamo aspettando.

Il mecenate Carlo Bilotti dona una scultura bronzea di Emilio Greco alla Galleria Nazionale di Cosenza

04/06 Si arricchisce di una preziosissima opera il patrimonio culturale della Galleria Nazionale di Cosenza e della città dei Bruzi. Aumenta così l'offerta culturale di quel patrimonio storico artistico che la nostra città offre al turismo colto che continua ad apprezzare, con le sue numerose visite, le tante iniziative intraprese nel campo dell'arte. Un altra delle scommesse su cui il Sindaco Giacomo Mancini puntò nel vedere presto realizzata ed aperta la Galleria Nazionale all'interno di Palazzo Arnone. E grazie, soprattutto, alle amorevoli cure di questa irrefrenabile e bravissima Sovrintentedente, la dott.ssa Rossella Vodret, un nuovo tassello si incastra nella preziosa offerta che la Galleria Nazionale pone ai cittadini ed ai visitatori ed eleva ulteriormente lo spessore culturale delle sue opere. Dopo il Gregorio Preti ecco la grande scultura bronzea di Emilio Greco denominata "La bagnante" realizzata nel 1959. Alla presentazione, a cui ha risposto come di consueto un grande pubblico, variegato per età e cultura, erano presenti , oltre alla Dott.ssa Vodret, il mecenate dott. Carlo Bilotti, presente con il fratello Enzo con la moglie e la figlia giunti di proposito dagli Stati Uniti, donatore dell'opera, il Governatore della Calabria Giuseppe Chiaravalloti, il Sindaco di Cosenza, il Direttore del Patrimonio Artistico Mario Serio, la figlia di Emilio Greco autore della scultura Donatella Greco. Ineccepibile, come sempre, l'organizzazione della manifestazione curata dalla dott.ssa Rosanna Caputo. Qualche simpatica preoccupazione l'ha avuta Carlo Bilotti, che introducendo la sua relazione ha ironizzando sul suo accento. Bilotti, che ha evidenziato una piccola flessione americana nel suo parlare, ha detto che negli States gli dicono che ha una cadenza italiana, a Milano gli dicono che ha una cadenza calabrese, a Cosenza gli dicono che ha la cadenza americana. Un buon inizio per rompere il ghiaccio nel suo primo discorso tutto in italiano, lui cosentino di Cosenza che torna nella sua città dopo tanti anni di vita vissuta negli Stati Uniti. Per Bilotti la gioia più grande, ha confessato, è stata quella di sapere che una delle due opere che ha regalato alla sua città natale, (la seconda opera giungerà in città a settembre e verrà collocata nella congiunzione tra via Arabia e Corso Mazzini, la piazzetta che si forma verrà intitolata a Lisa Bilotti, figlia di Carlo e scomparsa recentemente per leucemia, ha detto il Sindaco Catizone), rimarrà in una piazza, a ricordo per il futuro e come tutte le donazioni che si fanno, le si fanno per il bene della gente. "Si dona per fare del bene", ha detto il mecenate, "così come ho lasciato donazioni alla fondazione per la ricerca sulla leucemia così ho donato queste opere per le generazioni del futuro". Il porre una statua in una piazza, ha un significato importante, ha detto Donatella Greco figlia dell'autore delle due opere donate da Bilotti, ha il significato di voler restituire alla vita un opera nata per essere vista. "Sono contenta che l'opera di mio padre sia prima stata in America, ma molto più contenta ora che è tornata in Italia". Alla cerimonia oltre alle tante autorità presenti, ai componenti della giunta della città, c'era Donna Vittoria Vocaturo Mancini e il candidato del centrodestra alla Provincia Mimmo Barile, unico politico a ricordare che comunque siamo in periodo di elezioni. Il Presidente della Giunta Chiaravalloti, giunto in ritardo per impegni precedenti, si è detto soddisfatto di questa nuova iniziativa culturale di Cosenza "che si conferma l'orgoglio degli eventi culturali della Calabria". La manifestazione si è conclusa con scoperta della statua donata alla Galleria e posta nello stesso piano dove sono esposti i Mattia e Gregorio Preti. Grande emozione quando il panno che celava l'opera del maestro Greco è venuto giù tirato dalla piccola Megan Bilotti. La "bagnante" ha mostrato tutto il suo splendore bronzeo illuminata sapientemente da due faretti messi ad esaltare i riflessi della scultura. Un delicato applauso ha suggellato il momento che documentiamo per intero nel filmato. Video Il filmato della scopertura della statua

"Fatti di amore non farti di droga", progetto regionale con Don Gelmini

04/06 Oltre mille studenti di tutta la Calabria hanno vissuto oggi a Zervò, nella sede della Comunità Incontro di Don Gelmini, una giornata densa di significato, di suggestioni e di festa. Proprio a Zervò si è concluso, infatti, il Progetto Prevenzione dallo slogan “Fatti di amore e non farti di droga”, che il Consiglio regionale della Calabria, insieme all’Ufficio Scolastico regionale, ha promosso, aderendo alla proposta di Don Gelmini.
Lo stesso fondatore della Comunità ha porto ai ragazzi e agli studenti calabresi il suo forte, commosso messaggio di vita contro la droga che, così facilmente, diventa occasione di distruzione e di morte. Alla presenza di Don Gelmini, del direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Ugo Panetta, e del coordinatore provinciale politiche giovanili del CSA, Guido Leone, il Presidente Luigi Fedele (nella foto) ha sottolineato la riuscita della manifestazione, ripercorrendo il progetto che, dalla sede del Consiglio regionale, si è sviluppato su tutte le province calabresi, con testimonianze dello stesso Fedele, di rappresentanti della Comunità che hanno vissuto una dura battaglia con la droga, di esperti nel settore della prevenzione e degli studenti calabresi.
Fedele, nel ringraziare Don Gelmini, ha sottolineato “l’importanza di questo segnale forte che il mondo delle istituzioni ha inteso dare agli studenti calabresi, impegnati a studiare ma anche a vincere la tentazione della droga. L’impegno di tutti i soggetti interessati e il senso di responsabilità dimostrato dai ragazzi e dagli educatori hanno permesso di raggiungere le finalità del progetto”.
“E’ stato gettato un seme - ha concluso Fedele - per prevenire con la cultura del fare quella che è oggi una autentica piaga sociale: la droga”.
Da parte sua, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Ugo Panetta ha ribadito: “L’iniziativa è stata recepita in pieno dal mondo scolastico, per cui mi sento di ringraziare il Presidente Fedele e Don Gelmini per questo tipo di promozione che ha visto, in questa primavera, protagonisti i nostri ragazzi di cui una bella rappresentanza è qui a Zervò”.
E proprio a questi ragazzi è giunta, possente e maestosa, la voce di “un vecchio ottantenne” (così si è definito Don Gelmini) che ha colpito nel cuore di questi ragazzi che, alla fine, commossi, hanno abbracciato il sacerdote della solidarietà. Don Gelmini, raccontando una serie di episodi vissuti direttamente nelle sue 245 Comunità sparse per tutto il mondo, di cui solo 160 in Italia, ha lanciato il suo messaggio di vita e di speranza, invitando i giovani a sconfiggere il flagello della droga: “Io mi sento un padre di tutti quei bambini e giovani che non hanno famiglia e rimangono vittima della droga - ha detto il sacerdote -. Non esistono droghe leggere; le droghe fanno tutte male, annientano, distruggono la vita, sono il simbolo della morte. Un giovane a venti anni non può lasciarsi andare, cercando l’elemosina o dormendo, come un randagio, sotto una stazione qualsiasi. Un giovane a venti anni deve mangiarsi il mondo e conquistarsi la vita”. La festa è proseguita nel pomeriggio con un concerto di Aleandro Baldi, che già, durante l’incontro istituzionale, aveva contribuito a rendere l’atmosfera coinvolgente e familiare, attraverso due significative canzoni, proposte da Don Gelmini: “Piume al Vento” e “Inno alla Primavera”.

L'AO inaugura il centro informativo e presenta il "polo pediatrico"

04/06 E' stata inaugurata stamani il punto dove è alloggiato il centro di informazioni per utenti e familiari dell'ospedale civile dell'Annunziata di Cosenza. "Una iniziativa - ha detto il direttore generale dell'Azienda Ospedaliera, Antonio Belcastro - che va a recepire i bisogni di chiarezza dei cittadini evitando che i pazienti debbano effettuare percorsi contorti all'interno del nosocomio. Ognuno di essi riceverà informazioni appropriate per orientarsi mentre ai familiari saranno fornite le indicazioni per i servizi complementari, gli orari delle visite e di ricevimento da parte dei medici, gli adempimenti amministrativi". Nel corso della manifestazione il direttore sanitario, Gianfranco Scarpelli, ha illustrato il progetto per la costruzione del nuovo Polo pediatrico. "Siamo un centro di eccellenza ed il migliore del centrosud - ha detto Scarpelli - secondo quanto ha stabilito il Ministero, nell' ambito del materno infantile. Adesso abbiamo bisogno di spazi adeguati Logisticamente". L'ospedale ha predisposto un accordo con l'associazione "Gian Marco De Maria" che ha già contattato diversi sponsor disponibili ad effettuare donazioni. I Pooh e Mino Reitano i primi artisti ad essere stati sensibilizzati per la ricerca dei fondi.

Consulta regionale sull'Emigrazione a isola Capo Rizzuto

04/06 “Sono lieto di accogliervi nella Casa dei calabresi. Il Consiglio regionale è, infatti, la Casa di tutti i calabresi, di quelli che vivono in Calabria e di quelli che, dappertutto, con amore, sudore e fantasia, hanno ricreato le tante “Calabrie” sparse per il mondo”.
Ha accolto cosi il Presidente del Consiglio regionale i tantissimi esponenti della Calabria in tutti i continenti impegnati in questi giorni ad Isola Capo Rizzato ai lavori della Consulta regionale dell’Emigrazione.
Giunti a Reggio ieri sera, dopo una visita al Museo, hanno varcato la soglia del Palazzo dell’Assemblea regionale e sono stati ricevuti nell’Aula consiliare. “Qui si svolgono le sedute consiliari - ha detto Fedele -, questo è il luogo dove pluralisticamente sono rappresentate tutte le anime politiche, economiche, sociali e culturali della nostra regione. Perciò ho inteso che l’incontro con voi, che siete i più efficaci ambasciatori della nostra regione dappertutto nel mondo, si tenesse nell’Aula del Palazzo più prestigiosa e rappresentativa”.
Il Presidente del Consiglio ha subito toccato uno dei punti di più stringente attualità in questo frangente: “La legge sull’emigrazione è alla nostra attenzione. Prestissimo, dopo la campagna elettorale, la Commissione competente l’esaminerà in ogni dettaglio, valutando ogni vostra sollecitazione e badando essenzialmente a dotare la Regione di uno strumento legislativo moderno che ci consenta di iniziare a valutare l’emigrazione come una formidabile risorsa a nostra disposizione e non più come un problema. L’Aula, proprio quest’Aula - ha aggiunto Fedele - subito dopo il parere della Commissione l’approverà. Io sono del parere che nell’economia globalizzata voi costituite i nostri occhi e le nostre orecchie, i tanti cuori di una terra che grazie a voi potrà introdursi nei processi economici europei e mondiali con più facilità e vincere le sfide che ci attendono . La nuova legge, quindi - ha concluso il Presidente del Consiglio - dovrà avere come mira l’internazionalizzazione della Calabria e la salvaguardia del nostro patrimonio culturale sparso per il mondo. Su questi aspetti il mio impegno sarà massimo, sicuro d’altronde di trovare in tutti i consiglieri regionali e nelle forze politiche che sono presenti in Consiglio una grande attenzione verso le varie problematiche da voi segnalate”.

Il Transito di Venere diventa spettacolo. Il programma delle iniziative al castello e all'unical

04/06 (Uscc) Sarà uno spettacolo da non perdere, il transito di Venere davanti al sole, che si potrà vedere intorno alle 7,30 del mattino dell’8 giugno.
Ma per chi mattiniero non è e non vuole rischiare di perdere l’evento, l’Assessorato al Planetario, retto da Franco Piperno, ha preparato una notte di veglia al Castello svevo.
Dalle 22 in poi sarà disponibile un servizio di bus navetta in piazza Valdesi. Il servizio funzionerà fino alle 23. Poi, riprenderà al mattino alle 8 per il tragitto contrario.
Gli studenti dell’Unical potranno prendere il bus dalle 21 presso le pensiline dlel’Università per arrivare a piazza Valdesi.
Nel frattempo, al Castello, alle 22,30, offerto dalla Terza Circoscrizione, ci sarà un concerto del chitarrista Antonello Dieni e del quartetto d’archi “Musicainsieme”, con musiche di Vivaldi e Boccherini. A mezzanotte il Parco Letterario Tommaso Campanella organizza, dal piazzale del Castello svevo, un viaggio sentimentale intitolato “Il transito di Venere nella città del sole”.
Alle 1,30 osservazione del cielo stellato con Franco Piperno, che oltre che assessore è docente di Fisica. Ci saranno telescopi per guardare le stelle e –piuttosto raro da vedere- le quattordici lune di Giove. Alle 3 degustazione di ghiottonerie varie. Già nel pomeriggio del 7 giugno, alle 18, ci sarà un prologo con il Corteo degli sbandieratori del “Palio del Principe di Bisignano”, a piazza 11 settembre. Ma cos’è il transito di Venere, al quale in tutto il mondo si sta preparando per assicurarsi la migliore osservazione possibile? Lo ha spiegato, stamane a Palazzo dei Bruzi, l’astrofisico dottor Alessandro Ippolito, dlel’Unical, che ha anche preparato un interessante opuscolo sull’argomento. Venere è l’oggetto più brillante visibile nel cielo, dopo il sole. La sua orbita, la più circolare di tutti i pianeti, la porta periodicamente tra il nostro pianeta e il sole. La possibilità di osservare questo transito avviene con varia periodicità ed è caratterizzato da un ciclo stabile di 243 anni. Un evento che in passato ha svolto un ruolo fondamentale nella misura delle distanze planetarie. Keplero, usando la sua teoria sul moto dei pianeti, fu il primo a predire i transiti di Mercurio e di Venere. Il passaggio del 1874 fu seguito con un grande sforzo internazionale, che vide l’impiego anche della fotografia. Il prossimo passaggio di Venere, quello dell’8 giugno 2004, si verifica a distanza di 121,5 anni. L’evento sarà interamente visibile in Europa, Medio oriente e buona parte dell’Africa e dell’Asia. Nella zona di Cosenza il passaggio avverrà dalle ore 7,20’15” alle ore 13,23’47”. Dopo il dottor Ippolito, l’assessore Piperno ha invitato studenti e cittadini a non mancare all’appuntamento notturno del 7 giugno, “un evento molto importante al quale non a caso in tutto il mondo guardano con enorme interesse sia gli esperti che semplici cittadini e organi d’informazione”. Dalle ore 9,00 alle 14,00 ci si trasferirà su ponte Bucci dell’Unical per continuare a guardare il transito di Venere.

Museo Archeologico lungo l'autostrada Salerno Reggio

04/06 Il Presidente dell’Anas Spa, Ing. Vincenzo Pozzi, e il Sovrintendente della Soprintendenza Archeologica per le province di Salerno, Avellino e Benevento, Dott.ssa Giuliana Tocco, hanno sottoscritto oggi presso la sede della Sovrintendenza, una Convenzione per l’esplorazione delle preesistenze archeologiche presenti lungo l’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, nel tratto interessato dai lavori di ammodernamento compreso tra lo svincolo di Pontecagnano e lo svincolo di Battipaglia, più precisamente tra il km 13,833 e il km 15,368. L’Anas provvederà a finanziare l’importo necessario al completamento degli scavi archeologici iniziati nel 2001, per un importo di 3,7 milioni di euro. I reperti, risalenti all’Età del Ferro, saranno esposti in un Museo Archeologico che sarà realizzato dall’Anas lungo l’autostrada con un concorso di progettazione internazionale il cui bando sarà pubblicato entro l’estate.
”E’ con profonda soddisfazione che saluto la firma di questa importante Convenzione che costituisce un esempio emblematico del fatto che le infrastrutture non siano più nemiche della cultura - ha dichiarato il Presidente dell’Anas Vincenzo Pozzi -. Infatti, siglando questa Convenzione, l’Anas e la Soprintendenza Archeologica di Salerno, Avellino e Benevento sottolineano come sia possibile creare una stretta, solida e fruttuosa alleanza fra due ambiti così importanti per il Paese”.
L’Autostrada Salerno-Reggio Calabria attraversa, nel tratto compreso tra lo svincolo di Pontecagnano e lo svincolo di Battipaglia, un sito di rilevantissimo interesse archeologico che ha già restituito un patrimonio ingente e pressoché unico nel panorama archeologico italiano. La vasta area pianeggiante situata sulla sinistra del fiume Picentino conserva, infatti, uno degli insediamenti più importanti della Campania antica, fondato nella prima Età del Ferro (fine X secolo a.C.) da genti di cultura villanoviana provenienti dall’Etruria meridionale, oggi riconosciuta come la più antica fase della civiltà etrusca.
Al fine di finanziare il progetto elaborato dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici, l’Anas ha approvato una perizia di variante tecnica con aumento di spesa e riduzione di intervento, che ha per oggetto, tra l’altro, lo stralcio delle opere ricomprese nel tratto vincolato, e il relativo finanziamento dell’importo necessario alla realizzazione del progetto stesso. La Soprintendenza provvederà ad eseguire le indagini delle preesistenze archeologiche presenti lungo il lotto; le indagini avranno come effetto anche la liberazione delle aree, ricadenti nel lotto in oggetto, dal vincolo archeologico, consentendo all’Anas di eseguire i lavori di ammodernamento. I reperti già ritrovati e quelli che eventualmente saranno rinvenuti nel corso dei prossimi scavi, saranno esposti in un Museo Archeologico che sorgerà accanto all’autostrada. “Entro l’estate – ha affermato Pozzi - pubblicheremo il bando del Concorso Internazionale di Progettazione per la rinaturalizzazione del paesaggio su di un tratto della Salerno-Reggio Calabria, all’altezza di Campagna, con la creazione di un’area di servizio integrata ad un museo archeologico dei reperti dell’età del ferro rinvenuti in quella zona nei nostri cantieri”.

Inaugurato il progetto “Vivi il Fiume”

04/06 (Uscc) Vivi il Fiume, la manifestazione promossa ed organizzata dalla cooperativa Delfino Lavoro, è stata inaugurata questa mattina alla confluenza dei fiumi Crati e Busento. Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte per l’Amministrazione Comunale il Sindaco Eva Catizone, il Vice Sindaco Maria Francesca Corigliano e l’Assessore Giovanni Serra. Con la Presidente di Delfino Lavoro, Annamaria Odoardi, era presente l’Assessore Regionale all’Ambiente Domenico Basile. “Il nostro obiettivo è quello di recuperare e rendere fruibile uno scorcio della città - ha detto Annamaria Odoardi – consentendo nuove possibilità d’incontro, di svago e di sviluppo della cultura ambientalista. Tutto ciò, tenendo presente una delle nostre finalità più importanti, cioè il recupero di giovani svantaggiati”. “Il recupero di alcuni di noi, unito al recupero della memoria di una città che è anche città d’acqua, è uno dei punti di forza di un dialogo piacevolissimo tra l’Amministrazione comunale e Delfino Lavoro che è sempre andato avanti in questi anni e che intendiamo potenziare”. Così ha detto il Sindaco Eva Catizone nel suo intervento. “Abbiamo intenzione di bonificare anche altre parti del fiume, oltre a quella particolarmente significativa delle confluenza. Per questo contiamo di rendere stabile questa iniziativa sperando che tutti comincino a considerare i fiumi non come posti dove gettare rifiuti ma come luoghi importanti per il proprio tempo libero”.
Il Vice Sindaco, Maria Francesca Corigliano, ha ringraziato le insegnanti presenti. “Le scuole non mancano mai ad iniziative come questa – ha aggiunto – con grande vantaggio per i bambini, ma anche per i genitori ai quali oggi andranno a raccontare la bellezza di luoghi poco noti della città”.
“Questo progetto raggiunge diversi obiettivi importanti – ha commentato da parte sua l’Assessore regionale Domenico Basile – innanzitutto ricerca sinergie importanti fra soggetti istituzionali, e poi coinvolge più progetti di interesse. E’ un intervento di recupero ambientale, di educazione rivolta ai ragazzi, e di recupero sociale per soggetti svantaggiati. Questo progetto dimostra come le tematiche ambientali possano coinvolgere tutte le attività umane. Quello che manca, in genere, è la presenza di soggetti economicamente forti, imprenditori capaci di avviare iniziative economiche in grado di assicurare un futuro. Il nostro impegno – ha concluso Basile – è quello di operare per colmare questa lacuna e interessare tutti i soggetti”. Al termine della cerimonia una ragazza della scuola “Giovanni e Francesca Falcone” ha fatto dono al Sindaco Catizone di un progetto sulla cultura d’impresa su iniziative ecologiche. L’Assessore Giovanni Serra ha ricordato che la manifestazione “Vivi il Fiume” continua per l’intera giornata. I tanti stands presenti saranno attivi fino a sera, dalle 16.00 in poi, invece, avranno inizio le attività sportive e la sera grande concerto sul palco posizionato alla confluenza tra i due fiumi.

Il Comune anticipa la ricezione dei presidenti di seggio a venerdì 11 ore 18.30

04/06 In vista delle prossime elezioni del 12 e 13 giugno 2004, il Comune di Cosenza ha anticipato la ricezione dei Presidenti di seggio, fissandola al venerdì 11 giugno dalle 18,30 alle 20,30. In ogni caso la ricezione dei Presidenti sarà effettuata anche sabato mattina, dalle ore 6,00 alle 7,30 e cioé prima della costituzione degli uffici elettorali di sezione prevista per le ore 9.00 di sabato 12 giugno.
Nel tardo pomeriggio di venerdì, quindi, o nelle prime ore di sabato, i presidenti di seggio dovranno recarsi all’Ufficio elettorale comunale di Via Bengasi, i cui ingresso è dal lato della palestra della scuola elementare di Via Milelli.
Venerdì 11 giugno, sempre dalle ore 18.30 alle 20.30, sarà anche anticipato il sorteggio fra gli elettori che si presenteranno all’Ufficio comunale per la costituzione di eventuali presidenti che non dovessero presentarsi all’atto della costituzione del seggio. La stessa procedura sarà osservata in occasione di un eventuale turno di ballottaggio.

Comune di Cosenza: Sempre attivi i servizi per il rilascio di carte d’identità

04/06 Con l’approssimarsi dei giorni 12 e 13 giugno, in cui i cittadini di Cosenza saranno chiamati a votare per il rinnovo del Parlamento Europeo e del Consiglio provinciale, gli Uffici dell’Anagrafe comunale rimarranno aperti per il rilascio delle carte d’identità. Il servizio sarà assicurato venerdì 11 giugno dalle ore 16,00 alle 19,00; sabato 12 giugno, dalle ore 8,00 alle 22,00 e domenica 13 giugno dalle ore 7,00 alle 22,00 .

Piccoli lenti miglioramenti per Sandro Principe

03/06 Non sarebbe più tenuto in coma farmacologico il Sindaco di Rende Sandro Principe, ricoverato dopo il gravissimo attentato di sabato scorso, presso l'unità di rianimazione dell'Ospedale Civile dell'Annunziata di Cosenza. Principe, tenuto costantemente sotto controllo delle macchine e dai medici, però, non è ancora uscito dalla prognosi riservata perchè le sue condizioni vengono ancora definite gravi. Ma i segnali positivi ci sono, anche se piccoli e sono tanti. Dal riconoscimento della moglie e del vicesindaco Chiappetta alla capacità di ventilare autonomamente, dimostrata prima dell'intervento di tracheotomia, allorquando, dopo che gli è stato momentaneamente tolto il tubo che portava aria forzata, ha ventilato per un pò di tempo da solo senza problemi. Sono piccole gocce di un mare di speranze e di certezze che si sta componendo. Questo però non significa che le condizioni di gravità siano state superate. Permane sempre il problema dell'edema e di tutto il quadro clinico che anche se grave si avvia verso piccole conquiste positive. Principe è dunque vigile e i medici esprimo un cauto ottimismo. Le nostre rimangono sempre indiscrezioni raccolte in Ospedale dai parenti più vicini. Domani ne sapremo di più con le notizie ufficiali.

Staino rimane in carcere perchè potrebbe riprovarci

03/06 Staino potrebbe provarci ancora. Queste in sostanza la motivazione che è stata depositata questa mattina dal GIP Loredana De Franco sulla convalida dell'arresto dell'attentatore che ha sparato in faccia a Sandro Principe. Alla base della decisone ci sta la pericolosità del soggetto e la possibilità che lo stesso possa reiterare il crimine. Il Gip ha così accolto tutti i rilievi avanzati dal PM Curreli e dal procuratore aggiunto di Cosenza Franco Giacomantonio. Smentita dai legali della difesa la richiesta di una perizia psichiatrica dell'imputato. Per Staino, comunque. che ha reso completa confessione, gli avvocati difensori, Carbone e Perugini, invieranno nei prossimi giorni istanza al tribunale della libertà di Catanzaro. Nessuna novità sulle indagini dei carabinieri del RIS di Messina in riguardo all'arma utilizzata nell'attentato. Entro domani, molto probabilmente dovrebbe arrivare qualche responso. La pistola, che a tutt'oggi non risulta registrata nella banca dati delle armi ricordiamo essere stata fabbricata negli anni 70. Sul fronte delle indagini altri particolari sarebbero emersi sugli spostamenti di Staino, precedenti all'attentato, che dipingono ulteriormente di giallo tutta la vicenda che riguarda l'ex bancario. Da indiscrezioni non confermate, e quindi tutte da accertare, non sarebbe vero che l'ex sindacalista sarebbe rimasto chiuso in casa per un lungo periodo, ma che invece avrebbe effettuato molti spostamenti nei giorni prima l'incredibile gesto compiuto ai danni del Sindaco di Rende durante l'inaugurazione della Chiesa di San Carlo Borromeo.

Sabato si inaugurano i lavori di riqualificazione di Borgo Partenope

03/06 Saranno inaugurati sabato prossimo, 5 giugno 2004 alle ore 18.00, i lavori di riqualificazione completati nella frazione di Borgo Partenope. Alla cerimonia sarà presente il Sindaco Eva Catizone, il Consigliere Damiano Covelli, il Presidente della Circoscrizione Mario Romano. I lavori hanno portato al pieno rifacimento dei sottoservizi, a partire dalla rete idrica e dalla rete di raccolta delle acque. Ogni vicolo della frazione è stato ripavimentato con l’uso di pietra lavica. E’ stata recuperata, infine, l’antica croce realizzata dal padri passionisti all’inizio degli anni ’30. La croce è stata posizionata nella piazza principale recuperando la memoria storia di Borgo Partenope.

Varato l’Osservatorio sul Commercio e sul Turismo

03/06 L’Amministrazione comunale, proseguendo nella politica di recupero e valorizzazione del commercio in città, ha varato nei giorni scorsi l’Osservatorio sul Commercio e sul Turismo, al fine di incrementare la produttività e la competitività delle imprese commerciali cosentine, creando così una concertazione permanente con i commercianti, i lavoratori e i cittadini consumatori. La Giunta Comunale ha deciso, contestualmente, di istituire i parcheggi a spina di pesce su Corso d’Italia, nel tratto di strada compreso tra Piazza Fera e Piazza Loreto. Ai commercianti della zona sarà consentito di parcheggiare la propria auto nel parcheggio Amaco a ridosso di Piazza Autolinee. Il costo del parcheggio sarà concordato con l’Amministrazione Comunale.

Da domani l'Azienda Ospedaliera potrebbe interrompere i bollettini su Principe

03/06 Come anticipato nel bollettino di martedì, domani mattina alle 10.30 l'Azienda Ospedaliera emetterà un nuovo bollettino sulla condizioni di salute di Sandro Principe. Ma in una nota diffusa questa mattina la stessa azienda ospedaliera sta valutando la possibilità di interrompere da domani la divulgazione di notizie sulle condizioni di salute del Sindaco di Rende. le motivazioni addotte si fermano ad uno striminzito "a tutela dei diritti del paziente e della riservatezza". Nulla da obiettare alla eventuale decisone dell'Azienda ospedaliera però è strano che dopo le polemiche sorte nelle ultime ore in cui si accusava l'Azienda di ermetismo ora si paventa addirittura il più classico dei "no comment". La tutela della privacy è un sacrosanto diritto del cittadino ma il diritto di fare informazione lo è ancora di più da parte della stampa.

Abbandona l’auto rubata sparando contro i Carabinieri

03/06 E’ accaduto questa notte a Rossano. Durante un normale controllo sul territorio, ad opera dei Carabinieri che operavano lungo la statale 106, uno sconosciuto a bordo di un auto, poi risultata rubata poco prima a Cariati, ha abbandonato la vettura prima del posto di blocco ed è fuggito a piedi per le campagne. I militi insospettiti dalla fuga si sono messi al suo inseguimento. Nella fuga l’uomo ha sparato alcuni colpi di arma da fuoco all’insegna dei carabinieri che lo inseguivano. Per fortuna nessun ferito, ma grazie alle tenebre della notte l’uomo è riuscito a far perdere le sue tracce. I militari dell’Arma hanno avviato indagini per identificare il fuggitivo.

Chiamate anonime al 112 di Rossano, sedici denunciati

03/06 Troppe, davvero, le chiamate anonime al servizio pubblico d’emergenza dei Carabinieri. Quel 112 che molte volte è servito a salvare la vita qualcuno era diventato l’obiettivo di mitomani e .giocherelloni. Le indagini e le relative denunce le hanno fatte i Carabinieri della Centrale di Rossano che esausti dei continui scherzi telefonici, a volte anche a sfondo sessuale, hanno preso in mano i tabulati telefonici ed hanno identificato ben 16 persone che sono state denunciate. Molte le donne in elenco, con un età che varia dai 19 ai 67 anni. Ora chi è aduso a questo genere di “trovate” sappia che interrompere un servizio pubblico di emergenza è sempre un reato anche se fino ad oggi non è stato mai punito.

Seminario sul volontariato nei piani di zona alla Provincia di Reggio il 5 giugno

03/06 La Federazione Regionale Calabrese del MoVI – Movimento di Volontariato Italiano e la FACITE – Fondazione di Culto e Religione promuovono un seminario di studi sul tema “Il ruolo del volontariato nella realizzazione dei piani di zona alla luce della Legge regionale 23/2003”.
Il seminario, che si svolgerà sabato 5 giugno dalle 9,30 alle 13 presso la Sala del Consiglio Provinciale di Reggio Calabria in Via Spirito Santo, vuole essere un momento di riflessione, aperto a tutte le Associazioni di Volontariato della regione, sul nuovo strumento rappresentato dai cosiddetti Piani di Zona, introdotto dalla legge di riforma dei servizi sociali n.328/00 e recentemente regolato dalla legge regionale attuativa n.23/03 per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali nel territorio calabrese. La nuova legge, infatti, pone anche il Volontariato, insieme agli altri organismi del Terzo Settore, tra i soggetti chiamati alla “programmazione, progettazione e realizzazione del sistema integrato”, e dunque ad un’effettiva e responsabile partecipazione dell’Associazionismo alle scelte di politica sociale dei prossimi anni.
Alla luce di queste premesse, l’obiettivo che con il seminario del 5 giugno si intende perseguire è duplice: da un lato fornire informazioni utili ai partecipanti, molti dei quali saranno probabilmente coinvolti nel proprio territorio nell’elaborazione dei piani di zona; dall’altro confrontarsi su quale ruolo il Volontariato è chiamato a ricoprire nell’elaborazione progettuale del sistema integrato.
Il seminario, che sarà presieduto da Giovanni Serra – Presidente Regionale del MoVI e assessore al Welfare del Comune di Cosenza, prevede tre relazioni sul tema rispettivamente a cura di Don Giacomo Panizza, Ufficio di Presidenza Fondazione FACITE, Luciano Squillaci, Presidente provinciale MoVI Reggio Calabria e Renato Gaspari, Dirigente Settore Politiche sociali e comunitarie dell’Amministrazione Provinciale di Cosenza. Interverranno inoltre: Egidio Chiarella, Presidente Prima Commissione Consiglio Regionale; Pietro Fuda, Presidente Provincia di Reggio Calabria; Tilde Minasi, Assessore ai Servizi Sociali Comune di Reggio Calabria; Giuseppe Marino, Centro comunitario Agape di Reggio Calabria; Vincenzo Linarello, Comunità di Liberazione di Locri, Mario Cortese, Associazioni Amiche di Catanzaro; Giorgio Marcello, Associazione San Pancrazio di Cosenza. Seguiranno infine il dibattito e le conclusioni, che saranno tratte da Emanuele Alecci, Presidente nazionale MoVI.

Le iniziative del Centro Anziani di Serra Spiga

03/06 A conclusione del corso di ginnastica svolto nei mesi precedenti, gli ospiti del Centro Anziani comunale di Serra Spiga si apprestano a partecipare alle olimpiadi dell’anziano, che si svolgeranno sulla pista del Campo Scuola Coni venerdì 4 giugno alle ore 17,30. Le gare si svolgeranno sotto la supervisione del prof. Vincenzo Caira, docente del corso di ginnastica. Sabato 5 giugno, invece, gli anziani del Centro ospiteranno i pari età di Matera, che arriveranno in città la mattina. Dopo un giro turistico nel centro storico cosentino, gli ospiti materani saranno accompagnati a pranzo.Nel pomeriggio, con inizio alle ore 17.00, si svolgerà la cerimonia di gemellaggio nei locali del Centro Anziani di Serra Spiga. Sarà presente il Commissario Straordinario della VI Circoscrizione.

Le Seduzioni di Cesare Lanza al Rendano

03/06 Incontro con Cesare Lanza ed il suo “Seduzioni”, lunedì 7 giugno alle ore 18 al Ridotto del Rendano. E’ un nuovo appuntamento organizzato dall’Assessorato alla diffusione del libro in collaborazione con la Libreria LUIM. Intervengono il sindaco Eva Catizone, il vicesindaco Maria Francesca corigliano, Rosanna Lambertucci, Domenico Mazzullo, Lucio Presta. Modera il dibattito il giornalista Pino Nano.

“Incomincio a costruire la mia bussola”, progetto per neodiplomati alla Città dei Ragazzi

03/06 Nell’ambito delle attività sociali che si svolgono presso lo scrigno bianco della Città dei Ragazzi di Cosenza, e’ stato avviato, a partire dal mese di giugno un percorso di orientamento la cui finalità è quella di supportare i ragazzi nel momento del passaggio dalla Scuola Media Superiore all’Università e/o contesto lavorativo.
Il progetto si articola in due fasi aventi come focus lo sviluppo delle competenze trasversali: diagnosticare le risorse personali, le proprie competenze, le proprie attitudini, i propri valori e interessi professionali, e affrontare e risolvere i problemi, prendere decisioni, gestire le proprie emozioni. Il lavoro sarà sviluppato nell’arco di dieci incontri, della durata di due ore ciascuno, condotti dalla Psicologa Dott.ssa Antonella Ferrise (Associazione Argo).
I destinatari del progetto sono le ragazze e i ragazzi dell’ultimo triennio della Scuola Media Superiore frequentanti la Città dei Ragazzi ed interessati ad un confronto sul loro percorso di scelta.
Gli obiettivi sono promuovere la capacità di autovalutazione delle proprie potenzialità e risorse, sviluppare la capacità di porsi degli obiettivi, sviluppare abilità decisionali e formulare un progetto personale di scelta, acquisire una metodologia per la ricerca attiva delle informazioni sul mondo del lavoro e sull’offerta formativa post-diploma.
Verrà utilizzata una metodologia di tipo attivo ed esperienziale, grazie alla quale i ragazzi si metteranno in gioco in prima persona; verranno incoraggiati i momenti di messa in comune delle esperienze e di confronto nel gruppo dei pari, con il fine ultimo di facilitare la sperimentazione di sé e delle proprie competenze sociali.
E’ possibile inoltre effettuare un percorso individualizzato con l’esperto per un massimo di tre incontri. Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare presso lo Scrigno Bianco al numero 0984 813560.

Estorce il padre: arrestato

03/06 E' accaduto a Spezzano Albanese. I Carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Radio Operativo di San Marco Argentano hanno tratto in arresto Francesco Domenico Mustaro, di 28 anni, operaio, perchè dopo appostamenti è stato colto in flagranza di estorsione continuata aggravata ai danni del proprio genitore.

Un arresto dei Carabinieri a Rocca Imperiale

03/06 A Rocca Imperiale il personale della locale Stazione dei Carabinieri ha tratto in arresto Emanuele Travascia di 27 anni, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza di Cosenza

Seminario di "Emily" sui "tempi e identità delle donne" il 4 giugno ’04

03/06 Continua l’attività del Laboratorio di Formazione Politica organizzato dall’associazione Emily di Cosenza. Il prossimo seminario è dedicato al tema “Tempi e identità delle donne” e affronterà le problematiche che le donne vivono nel loro quotidiano: a partire dal lavoro di cura, dalla costruzione di relazioni, alle molteplici difficoltà che esse vivono per conciliare il lavoro di cura con quello professionale. Attraverso il metodo autobiografico tanto caro alle donne, cioè del partire dal sé e dalla propria storia, ci si interrogherà sul lavoro cosiddetto “produttivo”, per capire se ancora questo coincide con la possibilità di emanciparsi e di realizzare la propria identità sociale, anche se il lavoro esistente è sempre più precario e con meno diritti e l’accesso al lavoro per le donne della nostra regione è troppo spesso negato.
Il problema più importante che deve affrontare oggi una donna è come conciliare il lavoro di cura e il lavoro professionale oppure sono le tante complicazioni legate al lavoro di cura che non consentono alla donna di realizzare pienamente la propria identità?
Le riflessioni che avranno luogo nel corso del seminario, diventeranno una base di partenza per una proposta politica che l’Associazione Emily porterà avanti in sintonia con i bisogni delle donne per una nuova idea di città, con politiche per il welfare che si preoccupano sul come sostenere concretamente le responsabilità del lavoro di cura e le libertà delle donne.
Nel corso del seminario Donatella Barazzetti, docente Unical, presenterà i risultati di una indagine condotta a Cosenza sulla conciliazione dei tempi e le attività della vita quotidiana; mentre saranno testimoni eccellenti Monica Veneziani, Woman Studies- Unical e Felicita Cinnante, assessore Pari Opportunità del Comune di Cosenza. Le attività avranno luogo venerdì 4 giugno, dalle ore 15 alle ore 20 e sabato 5 giugno dalle ore 9 alle ore 12,30 presso la sede di Emily – Via Spirito Santo, 58 Cosenza ( tel. 347-5991702).

Sandro Principe dà segni di ripresa

02/06 C'era decisamente un'aria più distesa nella sala d'aspetto del Reparto di rianimazione, quest'oggi, dove normalmente i parenti dell'On. Prncipe attendono notizie del loro congiunto. Pare, infatti, che oggi il Sindaco di Rende, dopo l'attenuazione dei farmaci che lo tengono in coma farmacologico, abbia reagito con lo sguardo a quanti sono stati con lui. Infatti, pur rimanendo in un quadro clinico serio, che comunque non mette a repentaglio la sua vita, Principe reagisce con gli occhi alle persone che gli stanno vicino. I medici non vogliono lasciare alcuna dichiarazione in merito e le notizie vengono raccolte dai suoi più stretti parenti e collaboratori. Sta di fatto che questa mattina, racconta una nota del Comune di Rende, il vice sindaco Chiappetta abbia raccontato della fiaccolata di ieri sera a Principe e il Sindaco gli abbia risposto con diversi sguardi e con un accenno di sorriso. Un primo fatto importante che giustifica l'ottimismo dei parenti ma che comunque attende l'imprimatur ufficiale dei medici, i quali solo venerdì , a meno di improvvisi cambiamenti, comunicheranno la nuova situazione clinica del paziente. Sul piano giuridico alter indiscrezioni sono trapelate sull'attentatore che in questi giorni aveva nel mirino addirittura altri obiettivi politici. Nell'interrogatorio del Gip De Franco, Staino, avrebbe confessato che l'attentato verso Principe sarebbe scaturito all'ultimo momento, dopo che per due volte avrebbe provato ad uccidere per strada l'on. Giuseppe Pierino e l'ex consigliere dc Gino Pagliuso. Una mente sicuramente contorta la sua che, a nostro avviso, ancora cela la verità sul suo gesto. Una verità che potrebbe anche essere una non verità e cioè che tutte queste affermazioni possano essere soltanto frutto della sua menta malata. La pistola prima ritrovate sotto il ponte e poi invece rubata sul treno, il pedinamento degli obiettivi politici, i troppi cambiamenti di versione denotano i suoi limiti di soggetto senza una stabilità psichica. Da contrasto a queste considerazioni lo fanno, però, i comportamenti da professionista avuti nella spietata esecuzione dell'attentato in piazza davanti a tutta quella gente. La freddezza con cui ha scaricato il colpo di quella calibro 45 in faccia a Principe e la conseguente scelta di gettare subito la pistola per potersi immedesimare subito tra la folla per dileguarsi, non sembra essere molto compatibile con il quadro psichico alterato che sta dimostrando di avere. Le nostre, comunque, rimangono solo supposizioni. I fatti ci dicono che nelle munizioni ritrovate in macchina e in quelle messe nel caricatore anche la scelta dei proiettili, oltre quella della pistola a tamburo, non è stata casuale. Pare che infatti 30 di quei circa novanta proiettili siano del tipo "full metal jacket" cioè proiettili incamiciati da una patina metallica che serve a tenere il proiettile compatto nello sparo. Tutte nozioni che non si insegnano in una scuola normale ma che si imparano o durante la vita militare, ma Staino non aveva ne porto d'armi ne aveva fatto il servizio militare, o in un campo paramilitare, come si usava negli anni settanta, epoca in cui quel tipo di pistola è stata prodotta, ed epoca in cui un certo ambiente eversivo della destra organizzava per addestrare i propri simpatizzanti. Queste comunque sono, e rimangono, solamente mere ipotesi che hanno bisogno di indagini accurate e riscontri oggettivi per poter essere verificate e non vogliono per nulla avallare alcun discorso politico, troppi ne sono stati fatti in questi giorni, ognuno per il suo tornaconto. Sull'arma, poi, il RIS di Messina non ha ancora appurato nulla. Le ricerche avranno bisogno ancora di qualche tempo prima di dare i loro frutti.

Sabato 5 presentazione della quarta edizione dell'Acquafestival

02/06 Si terrà sabato 05 giugno 2004, alle ore 11.30, presso il cinema “La Sirenetta” di Acquappesa, sito all’interno del Parco delle Terme di Acquappesa, la conferenza di presentazione della IV^ edizione dell’ACQUAFESTIVAL, importante rassegna a tema sul mondo del doppiaggio cinematografico, che quest’anno si terrà dal 22 al 26 giugno. Dopo l’incredibile successo ottenuto nella precedente edizione, la direzione artistica e il comitato scientifico hanno inteso dare alla manifestazione di quest’anno un fondo tematico molto particolare, che sarà presentato ai giornalisti in occasione della conferenza di presentazione. All’importante manifestazione sarà presente una delle maggiori esperte del settore di riferimento del tema che caratterizzerà il Festival di questa IV edizione.

Rapinato il bar San Francesco

02/06 E' successo ieri pomeriggio, ma la notizia è stata diffusa solo oggi. Due giovani, che hanno agito a volto scoperto, hanno rapinato il Bar San Francesco in Piazza Europa. I due malviventi si sono introdotti nel bar con fare furtivo. Uno dei due teneva una mano intasca come se avesse una pistola celata ed ha minacciato la cassiera facendosi consegnare l'incasso. Il bottino si aggirava sui 1.300 euro. Dopo la rapina i due giovani hanno fatto perdere le loro tracce. Sulla rapina indagano gli uomini della Squadra mobile.

Il 2 giugno alla Biblioteca Nazionale

02/06 Si è svolta questa mattina alla presenza del Prefetto Diego D'Amico e delle autorità civili, religiose e militari la festa della Repubblica. La solenne celebrazione civile è stata tenuta presso la Biblioteca Civica Nazionale di Piazzetta Toscano, dove sua Eccellenza il Prefetto Diego D?amico ha consegnato 14 attestazioni di merito ad altrettante persone che si sono distinte nel campo civile e militare. Al termine della manifestazione, è stato tenuto un concerto ad opera degli studenti del Conservatorio di Cosenza che hanno eseguito, tra gli altri, l'Inno Nazionale.

 

Tre arresti in provincia

02/06 A Lungro militari della locale Stazione dei Carabinieri hanno tratto in arresto Cosino Donato, di 27 anni, già agli arresti domiciliari, in esecuzione di una ordinanza di detenzione in carcere per cumolo dovendo lo stesso espiare una pena di due anni un mese 14 giorni di reclusione per reati contro la persona ed il patrimonio
A Cassano I Carabinieri hanno tratto in arresto Bouabid Ghazi, di 43 anni, cittadino marocchino su ordine di carcerazione del tribunale di Rossano per furto aggravato in concorso
A Paola i Carabinieri della Stazione di Amantea, hanno notificato a Ivan Fylypchuk, di 30 anni, cittadino ucraino una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catanzaro per concorso in rapina aggravata e omicidio.

Rubavano arance: arrestati

02/06 A Francavilla Marittima, in un operazione dei Militari dell'Arma sono stati arrestati Damiano Praino, di 32 anni e Giuseppe Praino di 42 anni, per furto aggravato in concorso di kg.100 di arance

La fiaccolata dell'amore.

01/06 C'era tantissima, gente, commossa e solidale. Facce di tutti giorni, operai, politici, bambini e madri di famiglia, amici e conoscenti nella piazza davanti la nuova Basilica di San Carlo Borromeo. Tanta gente venuta a dimostrare il suo affetto ad un uomo che ha fatto tanto per la sua terra, per il suo paese, per la sua gente. Una serata unica, indimenticabile svolta in un silenzio surreale. Tanti applausi per il leader socialista che sta combattendo la sua battaglia più importante, quella con la vita. Quel Sandro Principe che appena quattro giorni fa, nella stessa piazza, stringeva le mani di tutti i presenti. Felice di vedere un'altra sua importante opera realizzata. Quella Basilica vanto del suo fare, fiore all'occhiello del suo lavoro di Sindaco che ha sempre scelto il meglio per la sua gente. Costruita nel nuovo stile architettonico con quella vela aperta al cielo, quasi a raccogliere le preghiere dei fedeli per spedirle dritte in cielo. E le preghiere di tutti i presenti questa sera si sono levate al cielo più forti che mai. Preghiere di tanta gente semplice che aspetta un secondo miracolo, quello di vedere il suo Sindaco di nuovo in mezzo alla gente a stringere mani ed a creare nuove opere per il bene comune. La commozione non la si riusciva a nascondere. Gli applausi e il grido di tutti, erano volti ad incoraggiare questa tua ulteriore battaglia. Tutti aspettiamo il tuo ritorno, caro Sandro, e preghiamo Iddio che ti dia la forza e il coraggio di resistere e superare questi terribili momenti. Tutti insieme, compagni di partito, parenti, amici, conoscenti e avversari politici. Tutti aggrappati alla speranza di rivederti più forte e presente che mai. Forza Sandro dimostra a tutti, ed anche a chi non ti ha voluto bene, che il tuo coraggio da vero socialista va oltre ogni limite. Noi siamo qui con le nostre preghiere a darti l'unico aiuto che possiamo, quello della fede e della speranza in un Dio che ti ha sempre voluto bene e che anche questa volta ti darà una mano a farti tornare quello di sempre. Sandro Principe, il Sindaco di tutti.

Principe sottoposto a tracheotomia.

01/06 Questo pomeriggio, Sandro Principe, è stato sottoposto ad un intervento di tracheotomia. L'intervento che consiste nel praticare un piccolo foro nella trachea, serve a sistemare meglio la cannula per la ventilazione forzata. L'intervento, che viene praticato normalmente per i pazienti in rianimazione che sono sottoposti a ventilazione forzata per più giorni, serve ad evitare eventuali problemi che la cannula posta nella gola potrebbe creare. Difatti, il sistema di ventilazione forzata attraverso la cannula che passa per la gola è utilizzato soltanto per brevi periodi. L'intervento, durato circa venti minuti, è stato realizzato dal primario del reparto di Chirurgia Falcone, prof. Aldo Scarpelli e dal primario di neurochirurgia prof. Giovanni Corriero.

Convalidato l'arresto di Staino. I difensori avevano chiesto i domiciliari.

01/06 E' iniziata tenuta questa mattina l'udienza di convalida dell'arresto di Sergio Staino, l'uomo che sabato pomeriggio ha sparato in faccia al sindaco di Rende, Sandro Principe, durante l'inaugurazione della Basilica dedicata a San Carlo Borromeo. I difensori di Staino, gli avvocati Pietro Perugini e Domenico Carbone, avevano chiesto per il loro assistito gli arresti domiciliari. All'interrogatorio, tenuto dal Gip Loredana de Franco, ha assistito anche il sostituto procuratore della Repubblica di Cosenza, Franco Giacomantonio, che ha chiesto la convalida dell'arresto e l'emissione della misura cautelare. La decisone del Gip De Franco è arrivata intorno alle 20 a conclusione dell'interrogatorio di garanzia cui è stato sottoposto Staino. Il gip ha anche emesso nei confronti dell'indagato un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I reati contestati all'ex bancario sono tentato omicidio aggravato, detenzione e porto abusivi di arma e munizioni e spari in luogo pubblico. Sergio Staino, durante l'interrogatorio, si sarebbe reso conto della gravità del gesto ed ha chiesto perdono per il gesto compiuto. "Sono pentito. Se potessi tornare indietro non rifarei piu' quello che ho fatto", poi ha chiesto notizie sulle condizioni di salute del sindaco di Rende affermando "Spero che possa rimettersi presto. Sarebbe terribile se morisse". Per quanto riguarda la pistola utilizzata per l'attentato, Staino avrebbe raccontato, una prima volta, di averla trovata in un borsone sotto un ponte, poi in un treno "La valigia era di uno che stava nello scompartimento insieme a me. Quando si e' alzato per andare in bagno l'ho presa e sono scappato. Dentro - ha dichiarato Staino al - ho trovato pistola e proiettili". I proiettili in questione, circa un centinaio, sono stati trovati dai Carabinieri in una valiggetta custodita nella sua autovettura, durante la perquisizione avvenuta dopo l'attentato. Sull'arma nessuna notizia. La pistola è attualmente al vaglio del Ris di Messina che sta verificando se abbia già sparato in precedenza. Staino ha detto al magistrato d'essere vittima d'un complotto. "Da anni - ha detto - mi seguono, hanno la mia foto e cercano d'avvelenarmi quando vado al bar o al ristorante". Sulla vittima dell'attentato, Staino ha affermano che s'è trattato d'un caso. "Volevo fare un gesto eclatante. Avevo in mente d'uccidere un politico o di uccidermi. Passando da Rende ho visto il manifesto di Principe e dell'inaugurazione e quindi... Forse avrei fatto bene a uccidermi".

Principe: Solidarietà dell'Anci

01/06 "Profonda solidarietà" al Sindaco di Rende (Cosenza), Sandro Principe, e' stata espressa da tutto il Consiglio Nazionale dell'Associazione dei Comuni italiani (ANCI), riunito a Roma. Nell'affermare l'auspicio che "sull'episodio che lo ha visto drammaticamente coinvolto venga fatta al piu' presto chiarezza", il Consiglio Nazionale ANCI ha quindi rivolto a Sandro Principe "gli auguri di una veloce e completa guarigione".

Rapina ad un supermarket di Fuscaldo. Bottino: quattromila euro

01/06 Una rapina è avvenuta questa sera ai danni del supermercato "Zicarelli" di Marina di Fuscaldo. Due banditi armati, giunti sul posto a bordo di una moto, hanno fatto irruzione nel supermercato durante la chiusura della giornata, facendosi consegnare l'incasso dai dipendenti. Quattromila euro il bottino. Con il denaro si sono poi dileguati. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri.

Vicenda Polti, il comunicato della Prefettura

01/06 "A seguito dell'intervento del prefetto, dott. Diego D'Amico, è cessata l'occupazione della sede autostradale ad opera delle maestranze della "Polti sud" di Figline Vegliaturo. Il prefetto ha avuto diretti contatti con la titolare dell'azienda e con la task force della presidenza del consiglio dei ministri, ottenendo la fissazione di un incontro tra le parti per giovedi' prossimo. L'incontro si terra' presso l'amministrazione provinciale e verrà presieduto dall'assessore provinciale al lavoro".

Venerdì alle 12 a Palazzo Arnone la donazione della scultura di Emilio Greco

01/06 A testimonianza del profondo legame che lo unisce alla terra di Calabria, il Dott. Carlo F. Bilotti ha voluto donare alla propria città natale la prestigiosa e monumentale Bagnante, grande scultura in bronzo realizzata da Emilio Greco nel 1959. Il Dott. Bilotti - collezionista di importanti opere d’arte, da tempo residente negli Stati Uniti - ha generosamente offerto in dono la Bagnante a dimostrazione del profondo affetto che ancora lo lega alla propria città d’origine, promuovendo un evento di straordinaria importanza per Cosenza e per tutti i cittadini. L’imponente scultura bronzea verrà presentata alla stampa e al pubblico in anteprima assoluta nella Sala delle Udienze di Palazzo Arnone alle ore 12 del giorno 4 Giugno 2004 – una data di grande significato, poichè coincide con il secondo anniversario della nascita della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico per la Calabria guidata da Rossella Vodret. Alla celebrazione dell’evento, promosso dalla Dott.ssa Rossella Vodret e curato dalla Dott.ssa Rosanna Caputo, saranno inoltre presenti, oltre al Dott. Carlo Bilotti accompagnato dalla moglie Tina, il Presidente della Regione Calabria Dott. Giuseppe Chiaravallotti e il Direttore Generale per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico, prof. Mario Serio. Parteciperanno alla celebrazione dello straordinario avvenimento il Sindaco Eva Catizone e Antonella Greco, figlia dell’artista. La Bagnante di Emilio Greco, già proveniente dalla Dominion Gallery di Montreal e passata poi alla Collection Louis Marron di Palm Beach, fu acquistata da Carlo F. Bilotti alla casa d’asta Sotheby’s di New York nel maggio del 2000. L’impianto grandioso della scultura, datata 1959, unitamente alla monumentalità e all’equilibrio, rinvia ad uno dei migliori momenti creativi dello scultore, durante il quale Emilio Greco si orienterà verso la tradizione e la ritrattistica antica filtrata attraverso la conoscenza delle opere del ‘moderno’. Nella rappresentazione dell’eterno femminino, la Bagnante fissa eternamente nella materia il momento incantevole della giovinezza, esprimendo le emozioni sottili e persuasive della sensualità e della nostalgia, della voluttà e della malinconia. “…forse non fu vano amarci se la tua immagine eternamente vivrà nel bronzo… Emilio Greco. "

Aperti i nuovi uffici ARSSA a Diamante

01/06 L’ Agenzia Regionale per lo Sviluppo e per i Servizi in Agricoltura ha ufficialmente aperto nuovi uffici operativi a Diamante (CS), organizzando, per la particolare circostanza, un riuscito incontro pubblico del quale s’è fatto carico il Vice presidente dell’ Agenzia, Ettore Vaccaro, che è stato uno dei principali artefici della realizzazione ARSSA in questione, per aver operato su specifico mandato del Presidente del CdA dell’ Organismo strumentale pubblico, Antonio Pizzini.
Presso la nuova sede dell’ARSSA del Tirreno Cosentino ( Diamante - Via Benedetto Croce n.34), saranno operative le Strutture dell’ Agenzia denominate Ce.S.A. ( Centro di Sviluppo Agricolo) N.1 - Ce.D.A. ( Centro di Divulgazione Agricola) N. 24 “Alto Tirreno Cosentino”, con l’annessa Sezione Operativa del Centro Sperimentale Dimostrativo di Paola. Sono elememti operativi – ha commentato Pizzini con gli intervenuti - prioritariamente preposti a svolgere, con il personale tecnico impegnato (Divulgatori agricoli), compiti d’istituto e attività di servizio, rivolte al mondo agricolo e zootecnico che opera nel vasto comprensorio di competenza.
Alla cerimonia d‘inaugurazione, con il tradizionale taglio del nastro e successiva benedizione dei locali, eseguita da Don Leonardo Aloise, parroco di Diamante, oltre al Presidente dell’ ARSSA, Antonio Pizzini, ha partecipato il Sen.Gino Trematerra. Presenti pubblici amministratori tecnici, funzionari e dirigenti dell’ ARSSA, esponenti di altri Organismi, lo stesso Ettore Vaccaro, che ha in seguito introdotto i lavori della manifestazione.
Vaccaro ha illustrato i prioritari obiettivi della nuova Struttura ARSSA che costituisce – ha detto - un sicuro punto di riferimento per le imprese agro-zootecniche della zona. Anche l’On.le Maria Grazia Caporale, Consigliere d’amministrazione dell’Agenzia, che, nel corso del suo intervento, ha porto il saluto e la vicinanza all’iniziativa dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Calabria, On.le Giovanni Dima, ha voluto esprimere piena soddisfazione per questo nuovo traguardo ARSSA.
Il Presidente dell’ARSSA, Antonio Pizzini, ha tracciato le tappe salienti del lavoro svolto dal CdA dell’ Agenzia che – ha ricordato – s’è principalmente impegnato ad assicurare una migliore visibilità dell’Organismo strumentale su tutto il territorio calabrese e non solo, puntando a consolidare e rafforzare le proprie strutture operative, tra queste i CSD, i CeSA ed i CeDA, che sono dislocati nelle diverse realtà territoriali regionali, grazie al patrimonio professionale ed umano di cui l’ARSSA dispone.
L’azione dell’ARSSA sul Tirreno – ha aggiunto Pizzini – sarà sempre più orientata a conferire un particolare impulso alle attività di ricerca, sperimentazione e divulgazione nei comparti produttivi storici ed anche in quelli considerati di nicchia, essendo questo comprensorio un ricco bacino di risorse agro-ambientali anche uniche ( cedro, peperoncino, fico, piante aromatiche, etc.) che ben si legano con le emergenze turistiche e storiche, che occorre valorizzare attraverso un consapevole intervento organico di sviluppo sostenibile delle risorse endogene calabresi.
Alla cerimonia d’inaugurazione, hanno partecipato, tra gli altri, esponenti politici del comprensorio, amministratori locali ( il Sindaco di Maierà, Giacomo De Marco) ed alcuni consiglieri comunali delle vicine comunità, esponenti dell’ASL competente, del Patto Territoriale (con il Vice presidente, Paolo Arcuri); l’Istituto Tecnico Commerciale per Geometri e l’Istituto Professionale per l’Agricoltura di Cirella – Diamante ( con il Preside, Clemente Raffo).
Altre qualificate presenze: il Consorzio e l’Accademia del Cedro ( di S.Maria del Cedro), rappresentati, rispettivamente, da Angelo Adduci e Franco Galiano. Assente la locale Amministrazione comunale.
L’iniziativa ARSSA ha fatto registrare altre importanti testimonianze, tra dirigenti delle strutture operative regionali e dello Stato, esponenti delle categorie professionali, del mondo accademico e associazionistico e delle realtà imprenditoriali, quale espressione dell’area tirrenica.
A conclusione della manifestazione ARSSA, il Sen. Gino Trematerra ha voluto esprimere parole di apprezzamento per l’operato del Presidente Pizzini e del CdA dell’Agenzia. Trematerra, inoltre, ha ricordato l’impegnativo e storico ruolo dell’O.V.S. (Opera Valorizzazione Sila) e, poi, dell’Esac, in difesa del territorio per aver realizzato, nel corso degli anni, numerosi e fondamentali interventi idraulico-forestali ed insostituibili opere d’ingegneria civile, soprattutto nelle zone rurali svantaggiate.
Tutto questo – ha rilevato il Sen. Trematerra – per confermare la valenza e l’azione dell’attuale Agenzia per i Servizi che, forte di un patrimonio di consolidate esperienze – ha posto l’accento il Parlamentare – si sta caratterizzando, con i nuovi compiti, ad incidere concretamente quale Strumento al servizio delle diverse categorie produttive, impegnate nei comparti dell’economia agricola e zootecnica calabrese. L’ ARSSA – ha concluso il Sen.Trematerra – in questi ultimi anni sta realizzando interventi innovativi, in sinergismo con diversi Soggetti, finalizzati all’ammodernamento delle imprese.

Manifestazione di protesta per i trasporti a Falconara Albanese

01/06 A capo dei suoi concittadini, questa mattina alle sei, il sindaco di Falconara Albanese, Ennio Abonante, ha bloccato e occupato i pullman da e per Falconara. Una protesta mirata contro il piano dei trasporti regionale che di fatto penalizzerebbe il simpatico centro arbresh sull'Appennino tirrenico. Il Sindaco è stato seguito da un centinaio di falconaresi. Comunciazioni interrotte con il paese e alla fine la buona notizia. La Regione ha assicurato la modifica del piano regionale per i trasporti da e per Falconara. A quel punto è terminata la protesta con sommo sollievo da parte di tutti.

Un cosentino console onorario in Honduras

01/06 E' un cosentino di Verbicaro, il Console Onorario d'Italia in Honduras, Giuseppe Voto, che sarà insignito del titolo onorifico di Cavaliere della Repubblica nel corso delle celebrazioni del 58°¡ anniversario della Fondazione della Repubblica, domani, 2 giugno. L'onorificenza, che gli sarà consegnata mercoledì all'ambasciata italiana a Tegucigalpa dalle mani dell'Ambasciatore Stefano Cacciaguerra a nome del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, "e' il meritato riconoscimento per i venti anni di attività consolare svolti con grande impegno nell'interesse degli italiani residenti nei Dipartimento del Nord dell'Honduras e nella città di San Pedro Sulo. E' proprio qui infatti che Giuseppe Voto Rinaldi, nato a Verbicaro (Cosenza), pose la sua residenza nel 1963 quando decise di trasferirsi nel centro-america". Nominato Console Onorario della Repubblica Italiana nel 1984 da Sandro Pertini, Voto ha sempre mantenuto viva la relazione con la sua terra natale e si e' distinto soprattutto nella tutela degli interessi e nell'assistenza degli immigrati italiani più anziani e bisognosi di orientamento. Con la sua attività ha favorito altresì la creazione di ottime relazioni commerciali tra l'Italia e l'Honduras e la diffusione della cultura italiana, soprattutto la ricca tradizione culturale calabrese.

Sequestrate due discariche a Scalea

01/06 Sono stati sequestrate, su disposizione della Procura di Paola, la discarica comunale di Scalea e quella abusiva della zona "Piano dell'Acqua" in agro al Comune di Scalea. Il sequestro è avvenuto nell'ambito dell'inchiesta Nettuno, finalizzata al contrasto dell'inquinamento dell'ecosistema marino e delle falde acquifere. L'impianto di depurazione è stato posto sotto sequestro perchè presenta numerose anomalie, anche strutturali"

Nuovo polo pediatrico all'Ospedale Civile di Cosenza

01/06 Un polo pediatrico, come quello del Bambin Gesù di Roma, dotato di ulteriori strumenti tecnologici per la cura di gravi malattie infantili nascerà presto a Cosenza con il contributo, oltre che dei fondi aziendali, di privati che aderiranno alla campagna di raccolta fondi, gestita dall'associazione " Gian Marco De Maria", intitolata ad un bambino cosentino deceduto ad appena 4 anni, a causa di una forma di leucemia. L'iniziativa sarà presentata venerdì 4 giugno, nella biblioteca dell'ospedale civile dell'Annunziata. Nella stessa giornata verrà anche inaugurato il centro di informazione sui servizi e le prestazioni destinato agli utenti ed ai familiari dell'Ospedale Civile.

“La raccolta differenziata: Storie e percorsi di comunicazione” convegno a San Fili, venerdì 4 giugno 2004 alle 10

01/06 Venerdì 4 giugno in occasione del convegno “LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: Storie e percorsi di comunicazione” che si terrà presso la Palestra Area Attrezzata di San Fili, in provincia di Cosenza, CiAL, Consorzio Imballaggi Alluminio, presenterà il Progetto “Raccolta Solidale®” “Raccolta Solidale®” è un progetto ideato e realizzato da CiAl, consorzio che riunisce le aziende della filiera: produttori di alluminio, trasformatori e utilizzatori di imballaggi in alluminio, intorno all’obiettivo comune del riutilizzo di questo metallo, che già oggi copre oltre la metà degli imballaggi immessi al consumo.
L’intento del progetto “Raccolta Solidale®”, nato nel giugno del 2003, è quello di coinvolgere il mondo del non profit nella raccolta differenziata dell’alluminio, aggiungendo la dimensione sociale a quella di tutela ambientale. Fin dalla sua costituzione, CiAl svolge l’attività di recupero degli imballaggi attraverso una rete di operatori convenzionati, che si occupano della raccolta in 4.080 Comuni italiani.
A questi si sono affiancate, attraverso “Raccolta Solidale®”, molte Associazioni non profit che raccolgono il materiale e alle quali viene riconosciuto un compenso superiore a quello normalmente previsto dalle convenzioni (57 centesimi di euro al Kg contro 36), mettendo a loro disposizione una serie di attrezzature tecniche, come sacchi e contenitori per la raccolta, e promozionali, ad esempio il kit per le scuole, lo spazio sul sito web del Consorzio, il supporto dell’ufficio stampa in occasione di eventi speciali, oltre a pieghevoli, cartoline e manifesti. Nel primo anno di avvio del progetto “Raccolta Solidale®”, CiAl ha recuperato 35.000 kg di imballaggi in alluminio e ha raccolto adesioni all’iniziativa da parte di: oltre 100 tra associazioni e cooperative sociali.

Sandro Principe: Permane la gravità della situazione

01/06 "Permangono estremamente gravi e precarie le condizioni generali di Sandro Principe". Questo è tutto quello che recita lo scarno bollettino medico diramato quest'oggi verso le 12.25 e previsto invece per le 11. "La prognosi rimane sempre riservata - conclude il bollettino - ed il prossimo bollettino verrà emesso venerdì 4 alle 10.30". Insomma una sorta di silenzio stampa a cui si appellano i familiari e i dirigenti dell'Ospedale. Troppa la gente che tiene sotto pressione la famiglia, troppe le persone che rimangono all'interno del nosocomio cosentino ad ostruire un punto molto delicato della struttura. Difatti, la zona della rianimazione, è già di per se stessa una zona importante e lì vicino c'è anche la sede della Tac, onde per cui la gente che continua a sostare nel corridoio, da quattro giorni, pone seri problemi alla conduzione dell'ospedale e soprattutto alla gestione delle grandi emergenze. Nessuna altra indicazione è emersa quindi dai medici che hanno categoricamente escluso alcuna altra situazione di miglioria o addirittura, come si dice in giro, la possibilità che Principe venga risvegliato per fargli eseguire movimenti agli arti. Un paziente ricoverato con prognosi riservata è comunque un paziente che non è in una condizione ottimale. Nessuno sbilanciamento dunque, ne da parte dei medici ne da parte dei parenti. Sandro Principe è tenuto in coma farmacologico ed è assistito dalle macchine che gli permettono di respirare. Nonostante le famose 72 ore, tempo necessario per verificare il quadro clinico e mettere alla prova le funzioni vitali, siano passate, non è possibile, a detta dei medici, stabilire alcunché. Il paziente ha subito un trauma notevole e troppe sono ancora le complicanze che non permettono di agire. Tra le prime e la più importante e la formazione di questo edema che crea non pochi problemi al decorso verso uno stato che tutti si attendono migliore. Intanto per evitare altre pressioni si preferisce allentare la pressione che quotidianamente si sta subendo da parte di tutti i familiari ed i medici. Sulla sponda delle indagini, intanto, si sono sparse alcune indiscrezioni che segnalavano il fermo di una persona, amico dello Staino, che sarebbe stato trovato in possesso di proiettili compatibili con quelli che l'attentatore avrebbe utilizzato. Niente di vero in questa notizia che è stata smentita categoricamente dalle autorità inquirenti. Le indagini sono in corso e l'uomo arrestato viene sottoposto ad interrogatorio in carcere. Per bocca del suo difensore, che lo vede quotidianamente, anzi, Staino ha chiesto perdono per il suo gesto, dimostrandosi pentito di quanto fatto. Già dopo la fredda esecuzione dell'attentato, Staino, aveva chiesto perdono a quanti lo stavano linciando. Pare inoltre, che il legale della famiglia, avvocato Franco Sammarco, abbia chiesto tutte le registrazioni delle dichiarazioni fatte da politici e non per tutelare gli interessi di Principe e della sua famiglia. Sotto accusa le gravi affermazioni fatte che starebbero turbando il clima tranquillo che il caso richiede.

Gli operai della Polti bloccano l'A3

01/06 E' terminata verso le 11.30 la protesta degli operai della Polti che avevavo bloccato l'Autostrada Salerno Reggio all'altezza dello svincolo di Rogliano. Gli operai, che da sabato sono entrati in lotta per protestare contro tre licenziamenti e la dure condizioni di lavoro a cui sarebbero sottoposti, hanno dunque deciso di passare alle maniere eclatanti. Lo sblocco dell'autostrada, che ha causato rallentamenti e lunghe code alle auto in transito, è sto attuato dopo che è stata decisa la convocazione di un tavolo di concertazione con l'azienda presso l'Ufficio del Lavoro di Cosenza. La situazione del traffico va normalizzandosi.

Ancora senz'acqua, ancora una rottura idrica

01/06 Ancora una mancanza d'acqua ma questa volta le istituzioni non c'entrano. Oggi l'ennesima rottura è avvenuta sulla condotta di adduzione al Timpafusa. Pare che però il guasto sia dovuto, dice un comunicato del Comune di Cosenza, a dei lavori di sbancamento di una ditta privata. L'Amministrazione comunale ha denunciato il fatto ai Carabinieri di Mendicino che hanno contattato i titolari dei lavori a riparare ai danni. Intanto da stamattina i rubinetti sono di nuovo a secco.

Grossa operazione antidroga tra Calabria e Sicilia

01/06 Si sta svolgendo in queste ore una grossa operazione condotta dal comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria per l'ordinanza di 42 custodie cautelari con l'accusa di rapine e spaccio di sostaneze stupefacenti. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Palmi e le indagini sono condotte dai Carabinieri di Taurianova. L'operazione denominata "Platoon" vederbbe coinvolti anche degli studenti universitari messinesi e calabresi accusati di aver spacciato droga nell'Università di Messina. Le indagini condotte dal PM Mafia sono partite nel settembre del 2001 e vedono, al momento, l'arresto di 35 persone su 42.

Lavori di bitumazione in via Monte San Michele

01/06 Dopo l'ennesimo disagio creato al traffico dalla non comunicazione di chiusura di strade (sabato mattina città in caos per una corsa di bici non comunicata, ieri problemi su corso Mazzini per la chiusura di via Isono non comunicata) avvenuta in questi giorni, l'Amministrazione comunale si fa viva per comunicare, la chiusura per bitumazione di via Monte San Michele. I lavori inizieranno giovedì 3 giugno alle ore e sarà interessato il tratto tra corso Umberto e via Adige, dove, sarà vietata la sosta delle auto.

Conferenza sui fiumi giovedì 3 alle 11,30 al Comune

01/06 Il prossimo 4 giugno, venerdì, Comune e “Delfino Lavoro” saranno impegnati insieme nella giornata di animazione alla cultura ambientale prevista alla confluenza dei fiumi. Sarà l’occasione per riavviare il progetto “Cosenza ama i fiumi” con il coinvolgimento di scolaresche, associazioni giovanili, anziani ed associazioni ambientaliste. Di questa iniziativa, ma anche di altre, si parlerà giovedì 3 giugno alle ore 11,30 nel corso della conferenza stampa cui interverranno il sindaco Eva Catizone, il vicesindaco Maria Francesca Corigliano l’assessore al Welfare Giovanni Serra, l’assessore al Verde Giovanna Tartoni e la Presidente del Delfino Lavoro Anna Maria Odoardi.

Alla Città dei Ragazzi il 3 giugno l apremizaione de "La più bella fiaba del nuovo millennio"

01/06 La Città dei Ragazzi di Cosenza ospiterà giovedì 3 Giugno 2004 alle ore 17.30, la cerimonia di premiazione della V edizione del concorso “La più bella fiaba del nuovo millennio”. L’iniziativa, organizzata dal club di Cosenza Soroptimist insieme al XV Distretto Scolastico, ha coinvolto, nelle edizioni passate, numerosi alunni provenienti da diverse scuole elementari e materne della provincia. Il bando di concorso prevedeva la raccolta di lavori originali sotto forma di fiaba (anche illustrata) e l’inserimento all’interno delle attività scolastiche di un laboratorio di scrittura con una evidente ricaduta didattica. Quest’anno il concorso è stato esteso anche agli alunni delle scuole medie ed al biennio delle scuole superiori. Il tema di riferimento proposto a livello nazionale, che ha ispirato i ragazzi nell’attività creativa, riguarda i “Diritti umani senza frontiere”. Alcune tra le scuole che hanno aderito sono le Scuole Medie di Mendicino, Carolei e Dipingano e, inoltre, il Liceo Classico B. Telesio di Cosenza e il Liceo della Comunicazione M. T. De Vincenti di Rende. La cerimonia conclusiva si svolgerà presso il CineTeatro – Scrigno Giallo.

Entra in vigore, dal 15 giugno, l'orario estivo dei negozi

01/06 Dal 15 giugno al 15 settembre verrà effettuata al sabato pomeriggio la mezza giornata di chiusura infrasettimanale degli esercizi commerciali del settore non alimentare, esclusi i beni strumentali.Il sindaco ha emanato un’ordinanza in proposito, specificando che si tornerà automaticamente alla chiusura infrasettimanale del lunedì mattina, dal 16 settembre in poi.


Per le notizie dal 28 al 31 maggio premi qui, dal 23 al 27 maggio premi qui, dal 18 al 22 maggio premi qui, dal 13 al 17 maggio premi qui, dal 8 al 13 maggio premi qui, dal 3 al 7 maggio premi qui, dal 28 aprile al 2 maggio premi qui, dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2005-2011 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti