HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca
dal 10 al 17 aprile

 

Parte lunedì a Dipignano il progetto culturale "Il Filo nel labirinto"

17/04 Parte da Dipignano, nella cornice storica dell'ex Convento dei Cappuccini, il viaggio culturale "Il filo nel labirinto" - percorsi culturali d'uscita - tra letteratura, scienze, diritto, musica, recitazione e varie branche del sapere, organizzato in progetto unico a tappe in alcune località della provincia di Cosenza. L'iniziativa è dell'Assessorato alla Cultura dell'Amministrazione Provinciale di Cosenza che lo realizza da Lunedì 19 Aprile fino al 31 Maggio 2004, in collaborazione con il Centro per l'Arte e la Cultura "A. Capizzano" di Rende. L'idea e' propria dell'assessore Donatella Laudadio che ha voluto mettere insieme alcuni intellettuali della provincia e offrire il loro sapere, nelle diverse discipline, ai cittadini
interessati, ai giovani, alle scolaresche.

Lunedì a Cosenza, Fuoriclasse Cup 2004

17/04 Viene fischiato dopodomani a Cosenza il calcio d' inizio di Fuoriclasse Cup 2004, la partita più entusiasmante dell'anno: quella rivolta a tutti i ragazzi delle scuole italiane e che promuove i valori genuini del calcio. L'evento, promosso da famosa azienda di bevande e da Figc - Settore giovanile e scolastico -, vede coinvolti più di 1.600 istituti italiani tra elementari e medie, inferiori e superiori, impegnando gli studenti non solamente in campo, ma anche in quelle stesse aule che, solitamente, li vedono concentrati sulle tradizionali materie scolastiche. Prima tappa calabrese, cui seguira' Reggio Calabria il 21 e Catanzaro il 22 aprile, vedrà la partecipazione di giovani calciatori ed esordienti giornalisti, tra bambini delle elementari e ragazzi delle medie inferiori, tutti provenienti dalle scuole della provincia. Il progetto, si svolge in 45 citta' italiane e si sviluppa da una parte con la competizione sportiva, organizzata in un torneo di calcio a 5, e dall'altra con una competizione scolastica che stimola le capacità giornalistiche dei ragazzi attraverso la redazione di articoli incentrati su tre percorsi didattici: lo stile di vita attivo, la nuova Europa allargata e gli Europei di calcio 2004. L'affiancamento di attività didattica e disciplina sportiva nasce dalla volontà di trasmettere ai giovani il concetto di stile di vita attivo, un sistema di valori a cui far riferimento per sensibilizzare i ragazzi sull'importanza del benessere psico-fisico. Il torneo, pensato come formula educativa "50% calcio + 50% scuola", si offre come occasione di incontro e di divertimento tra i ragazzi con l'obiettivo di sensibilizzare i giovani sull'importanza e sul ruolo educativo dello sport. La dinamica dell'alternanza tra 'giocare' e 'imparare' non solo stimola la capacita' di riflessione dei ragazzi sulle proprie esperienze - in campo e sui banchi - ma vuole valorizzarne la creatività e la sensibilità espressiva.

Clinicamente morto il portiere Juniores della Vigor

17/04 E' stato dichiarato clinicamente morto, Francesco Minutolo di 17 anni, dai medici dell'Ospedale di Bari dove martedì scorso era stato trasferito dall'Ospedale di Rossano dove era stato ricoverato in un primo tempo. Il ragazzo valido portiere della squadra giovanile juniores della Vigor Lamezia, soprannominato "ragno" dai compagni, era rimasto gravemente ferito in seguito ad una caduta da motorino martedì scorso a Cariati. Francesco si trovava nel suo paese natale per le vacanze pasquali. La società di appartenenza ha chiesto di poter rinviare l'incontro domenica prossima a Favara, ma per il troppo poco tempo la Lega Dilettanti ha soltanto potuto concedere un minuto di raccoglimento prima della gara. Scossi tutti i suoi compagni, domenica giocheranno con il lutto al braccio.

Anziana donna muore in treno a Scalea

17/04 Una donna anziana è stata trovata morta nell'interno di uno scompartimento del treno Intercity 3451 proveniente da Napoli e rimasto fermo, per questo motivo, oltre un ora all'interno della stazione di Scalea. La donna sembra spirata per cause naturali.

Giovane arrestato a Montalto dovrà scontare tre mesi e 20 giorni in prigione

17/04 Il giovane Massimiliano Ioele di 33 anni arrestato dai Carabinieri della stazione di Montalto Uffugo per guida in stato d'ebbrezza, furto aggravato e porto d'oggetti atti ad offendere dovrà scontare tre mesi e venti giorni di reclusione. Il giovane, dopo le formalità du rito è stato trasferito nella casa circondariale di via Popilia Cosenza.

Sequestrato a Spezzano materiale archeologico preistorico

17/04 Eseguito, dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cosenza, nel corso di controlli del territorio, un sequestro preventivo di materiale archeologico risalente al periodo preistorico nel comune di Spezzano della Sila. Le indagini condotte dai militari cercheranno di stabilire la provenienza dei reperti che sono saranno valutati dagli enti preposti.

Incidente mortale sull'A3, Auto contro autobus: 3 morti.

17/04 Mortale incidente sulla autostrada Salerno-Reggio avvenuto nella carregiata nord tra Pizzo e Lamezia terme. Tre persone Elton Aliu, 26 anni, originario di Tirana, alla guida dell'autovettura, Santo Benedetto, 30 anni, e la madre di quest'ultimo Bruna Consolata Borruto, 58 anni residenti a Motta San Giovanni nel reggino, sono deceduti dopo che la loro auto, una Kia, si è scontrata all'altezza dello scambio di carreggiata, con un autobus su cui viaggiavano una cinquantina di studenti di una scuola media di Somma Vesuviana (Napoli) che stavano partecipando a una gita scolastica. Gli occupanti dell'autobus, nessuno dei quali ha riportato ferite, sono stati accompagnati in stato di choc al centro di manutenzione dell'Anas di Lamezia dove vengono assistiti dal personale dell'Anas e da volontari della protezione civile. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Il traffico sul tratto dell'autostrada interessato dall'incidente e' stato ripristinato dopo un breve periodo di
interruzione.

Patenti facili: come funzionava l'illecito

17/04 Era ben congegnato il meccanismo delle patenti facili che ha portato all'arresto, da parte degli agenti della Polizia Stradale di Cosenza, di Renato Zumpano, funzionario della Motorizzazione Civile, Domenico Spina e Francesco D'Elia titolari di due autoscuole e Aldo Iannucci, proprietario di un agenzia disbrigo pratiche automobilistiche. Le indagini hanno appurato che numerose persone, molte delle quali provenienti anche da altre regioni italiane, hanno ottenuto la patente di guida in modo illecito. In media la cifra da sborsare per ottenere la patente variava da uno a due milioni delle vecchie lire. Secondo gli investigatori, il meccanismo scattava nel momento in cui veniva effettuato l'esame per conseguire la patente. Un funzionario della Motorizzazione Civile forniva le indicazioni per compilare le schede. In alcuni casi, addirittura, le schede venivano compilate dal funzionario stesso che apponeva anche la firma dell'esaminando anche se assente alla prova.

Patenti facili: 184 indagati, quattro arresti

17/04 Sono quattro le persone che la Polizia stradale di Cosenza , a seguito delle indagini condotte dopo la denuncia della trasmissione televisiva "Le iene" trasmessa nel marzo 2002, ha tratto agli arresti domiciliari. Si tratta di Renato Zumpano di 58 anni, di Rovito; Francesco D'Elia di 69 anni, di Castrolibero; Aldo Iannucci di 65 anni, di Cosenza, e Domenico Spina di 65 anni, di Cosenza. Enorme il numero degli indagati, 184 persone. Tra questi, oltre ai quattro arrestati, diciotto funzionari della motorizzazione civile, ventisei titolari di autoscuole e centoquaranta candidati agli esami per il conseguimento della patente di guida. Ai quattro e' stata notificata una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Cosenza Giuseppe Ferrucci e richiesta dai sostituti procuratori della Repubblica di Cosenza Roberta Conforti e Francesco Minisci. Le indagini, scatenate dal servizio delle Iene che parlava di patenti "facili facili", sono state prontamente eseguite dalla Procura della Repubblica di Cosenza ed hanno portato al sequestro di tutti i verbali degli esami e dei questionari compilati dai candidati che hanno conseguito la patente di guida di tipo A e di tipo B negli anni dal 2000 al 2001. Le indagini hanno anche appurato che in alcuni casi, addirittura, il candidato non era neanche presente. Per gli esami bastava soltanto pagare. Il sistema funzionava grazie all'intercessione di alcuni funzionari della motorizzazione civile ed ai titolari di alcune scuole guida dislocate in tutta la provincia. La magistratura ha ordinato il sequestro preventivo di sessanta patenti di guida. Per oltre 250 persone è scattata la denuncia a piede libero.

Cosentino arrestato per usura a Pavia

17/04 A seguito di indagini partite dalla Procura di Pavia e su disposizione del Procuratore della Repubblica di Pavia, Maura Ripamonti, i Carabinieri del Nucleo Operativo del Comando Provinciale di Pavia in collaborazione con i militi di Guastalla (RE)hanno tratto in arresto Salvatore Pucci di 37 anni di Aprigliano e domiciliato a Boretto (RE). L'uomo, che è stato trovato in possesso di pistola Beretta semiautomatica calibro 6.35 con matricola abrasa e con colpo in canna, nascosta in mezzo a dei cartoni nel sottotetto della sua abitazione, sarebbe l'autore di un agguato per usura. Gli inquirenti hanno accertato, infatti, che la pistola ritrovata in casa del Pucci è la stessa che avrebbe sparato, l'11 febbraio scorso, dei colpi intimidatori contro l'abitazione di un uomo di 42 anni che aveva ricevuto in prestito dal Pucci una somma di 60.000 euro. La vittima dell'agguato avrebbe dovuto restituire 100.000 euro.

Intimidazione a colpi da fucile a Mendicino

17/04 Sconosciuti nella scorsa notte hanno sparato un colpo di fucile contro l'abitazione di un artigiano di Mendicino. Il colpo ha provocato lievi danni alla porta d'ingresso della sua abitazione. L'uomo ha denunicato l'intimidazione ai Carabinieri che hanno avviato le indagini.

Nuovo quotidiano a Cosenza

17/04 Un nuovo quotidiano si affaccia nell'affollatissimo scenario dell'informazione su carta a Cosenza. Si chiama "Edizione della Sera", avrà sedici pagine, verrà distribuito da strilloni in giro per le strade di Cosenza, Rende e Castrolibero, al prezzo stracciato di 30 centesimi, e si occuperà dell'hinterland cosentino. La presentazione avverrà domani mattina. Il suo debutto previsto è per il 28 aprile. Al direttore responsabile, Donatella Guido, vanno i nostri migliori auguri.

Un arresto per spaccio di eroina, a Mirto Crosia

17/04 Nuovo colpo delle Fiamme Gialle sulla costa ionica che dopo un accurato appostamento, in abiti civili e su di un auto civetta, hanno colto in flagranza di reato e arrestato, Gian Piero Brunetti di 28 anni, per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. L'uomo stava spacciando otto dosi di eroina confezionata in flaconcini di plastica trasparente. La successiva perquisizione domiciliare, compiuta con l'ausilio del cane da fiuto "It", ha portato alla scoperta di altri 180 flaconcini, ben occultati, contenenti un totale di 200 grammi di eroina. Il valore commerciale del sequestro si aggira sui cinquemila euro. Oltre alla droga è sono stati trovati 7.500 euro in contanti, sequestrati perchè ritenuti dalla Guardia di Finanza, proventi dello spaccio.

Scossa di terremoto nel golfo di Squillace

17/04 Ha avuto una magnitudo del quarto grado della scala Mercalli la scossa di terremoto avvertita questa mattina alle 7.15 tra i comuni di Sellia a Borgia, nel catanzarese. La Protezione civile, che ha comunicato i dati dell'evento ha fatto sapere che la scossa ha avuto l'epicentro nel mare del golfo di Squillace e che non si sono registrati danni a persone o cose. L'evento è stato registrato dai rilievi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

A Rossano diciassettenne spinge nelle scale e ferisce una novantaduenne per rapinarla. Arestato

17/04 Un diciassettenne, V.L., di Rossano è stato arrestano dai carabinieri di Rossano nella tarda serata di ieri per rapina aggravata. Le indagini sono partite dopo la denuncia di una anziana donna di 92 anni ricoverata nell'Ospedale di Corigliano per fratture in varie parti del corpo. La donna era stata trovata ai piedi della scala della sua abitazione da un vicino di casa, preoccupato per le grida di dolore che aveva avvertito. L'uomo ha avvertito subito il 118 che in breva ha portato la donna nel vicino Ospedale. L'abitazione della novantaduenne è proprio nei pressi dell'Ospedale di Rossano. Ai Carabinieri l'anziana donna ha subito raccontato la sua disavventura. Il giovane arrestato si era introdotto nell'abitazione della donna e strattonandola violemtemente per rubarle il portafogli, contenente 1.230 euro prelevati nei giorni sorsi, l'ha fatta cadere per le scale. Dopo essere riuscita a fornire le indicazioni ed aver raccontato i fatti, la donna è stata trasferita nel reparto di Ortopedia dell'Ospedale di Corigliano. I Carabinieri hanno così potuto identificare ed arrestare il diciassettenne che è stato accompagnato nel carcere minorile di prima accoglienza di Catanzaro, a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori.

Ponte sullo Stretto: Chiaravalloti, una opportunità per le imprese del Sud

16/04 "Auspico che al bando di gara internazionale per il Ponte sullo Stretto partecipino anche tante imprese del Sud, e in particolare calabresi". Ad affermarlo è stato il presidente della Giunta regionale della Calabria, Giuseppe Chiaravalloti. "Abbiamo dimostrato già in altre occasioni - ha aggiunto Chiaravalloti - il valore e la capacità della nostra imprenditoria e nel settore delle costruzioni risultano impegnati tanti operatori del Sud seri ed esperti". L'invito a partecipare al bando di gara internazionale per la selezione del General Contractor pubblicato nella Gazzetta ufficiale, è stato rivolto dal presidente Chiaravalloti alle "tante imprese che già operano nel Sud". "Entro il 13 luglio prossimo dovranno essere presentate le domande di partecipazione alla gara, che avverrà mediante licitazione privata. L'importo a base di gara è pari a 4,6 miliardi di euro, compresi anche i raccordi stradali e ferroviari su entrambe le coste. Il prossimo 20 aprile lo stesso "bando" sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea". "Stiamo mantenendo fede alla tempistica - ha aggiunto il presidente Chiaravalloti - e l'avvio della gara per l'affidamento al General Contractor rappresenta il primo grande passo nella fase realizzativa dell'opera. Il termine massimo di esecuzione dei lavori previsto nel bando è di sei anni e sei mesi dalla data di inizio delle attività, che non dovrebbero andare oltre la fine del 2005, con l'apertura definitiva dei cantieri sul versante calabrese e su quello siciliano".

Una targa ricordo, al Carabiniere che salvò una donna dalle fiamme, da parte della quarta circoscrizione.

16/04 In una cerimonia breve ma densa di significato il Presidente della Quarta Circoscrizione, Massimo Colla, ha donato questa sera alle 19.30 nei locali della sala consiliare circoscrizionale, una targa ricordo al brigadiere Antonino Perticari, per aver salvato la vita della signora Chiara Salerno dalle fiamme che l'avevano assalita lo scorso 10 aprile, vigilia di Pasqua. Al milite è andata la stima di Colla, e dei cittadini che rappresenta, per aver "fatto sino in fondo il suo dovere - recita la nota della circoscrizione - dimostrando sprezzo del pericolo e sconfinando nell'altruismo più vero e reale".

Case comunali e palazzo Fiordalisi, il comune presenta il conto

16/04 Un canone medio mensile di 1 euro e 764 centesimi (3.415 vecchie lire) al metro quadro: è quanto il Comune chiede agli inquilini degli appartamenti di palazzo Fiordalisi. L’Amministrazione comunale coglie l’occasione della pubblica protesta di un consigliere circoscrizionale, per ribadire alcuni concetti riguardanti la inevitabilità del fatto che chi usufruisce di un servizio debba comunque pagarne il costo, sia pure in misura minima. “Il periodo pre-elettorale – si legge in una nota- fa proliferare i tentativi di strumentalizzazione e speculazione politica, che purtroppo arrivano anche da parte di consiglieri comunali i quali meglio farebbero, invece ,a riflettere sul profilo inequivocabilmente chiaro e corretto che l’Amministrazione comunale intende mantenere, ancor più in questo delicato periodo, chiedendo ai cittadini quanto è giusto e doveroso chiedere, a salvaguardia dei diritti di tutti. Si tratta di ottemperare a principi di equità elementare e di sana finanza locale, prima ancora di tener conto delle pur sensibili restrizioni che tutti i Comuni d’Italia stanno attualmente subendo a seguito dei tagli decisi dal governo. Dunque, per quanto riguarda Palazzo Fiordalisi, dopo oltre vent’anni di locazione gratuita, gli inquilini dovranno regolarizzare la propria posizione, corrispondendo un canone giusto per appartamenti tutt’altro che fatiscenti, che solo in alcuni casi abbisognano di interventi di manutenzione e per i quali il Comune paga a sua volta un cospicuo canone all’ente proprietario, l’ISMA di Roma. A quest’ultimo l’Amministrazione già in febbraio ha chiesto di intervenire per la manutenzione straordinaria. L’ISMA ha risposto positivamente, per ora solo sulla carta, ma un sollecito è in partenza da Palazzo dei Bruzi perché tutte le situazioni di disagio siano affrontate e risolte nel più breve tempo possibile. Intanto, l’affitto va pagato, in base alla tariffa già detta (che tiene conto di una legge che tutela i meno abbienti, la 431/98) e agli spazi occupati. Non saranno, peraltro, solo gli inquilini di viale della Repubblica a dover pagare, ma anche tutti coloro che occupano case di proprietà comunale. Per loro il canone è invariato da almeno cinque anni - da quando cioè si effettuò l’ultimo censimento - e va dai 6 ai 97 euro mensili, secondo l’ampiezza della casa. Sono già partite le lettere agli inquilini per ricordare che l’adempimento va onorato per il presente e per il passato. Sono diverse, infatti, le situazioni di morosità che hanno fatto lievitare gli importi complessivi dovuti al Comune. Ma a questi cittadini l’Amministrazione offre comunque la possibilità di accedere a forme più comode di pagamento. Gli interessati potranno prendere contatti con l’Ufficio Patrimonio per concordare eventuali piani di rateizzazione del dovuto”.

Festa delle ludoteche comunali il 21 aprile

16/04 (Uscc) Festa delle ludoteche comunali mercoledì 21 aprile alle ore 16, nei locali di via Popilia e in quelli di Serra Spiga, dove si svolge il servizio. In una cornice scenografica ideata e realizzata dai piccoli, giochi della tradizione, giochi cooperativi, balli e buffet inaugureranno la riapertura delle strutture, ancora una volta affidate alla Cooperativa delle donne. Sarà presente l’assessore alla Scuola Maria Francesca Corigliano insieme ad operatori e operatrici, ai bambini e alle famiglie. Ma l’invito è esteso a tutti coloro che vorranno intervenire. “Il gioco –dice la Cooperativa delle donne- già sovrano nel tempo dei bambini, ritorna nei quartieri in forma istituzionalizzata a testimonianza di un agire politico volto a garantire e difendere, in ottemperanza all’art.31 della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia, l’inalienabile diritto al gioco di tutte le bambine e i bambini”.

Crollo di via Savelli il comune si fa carico dei lavori di ripristino dell'immobile

16/04 (Uscc) Saranno tempestivamente eseguiti a cura del Comune i lavori di messa in sicurezza e per l’agibilità della scala e del solaio, nell’edificio di via Savelli dove ieri l’altro si è verificato un crollo. I proprietari dei quattro appartamenti non hanno, infatti, ottemperato direttamente, come invece stabiliva l’ordinanza emanata già ieri dal Dirigente del Servizio di Protezione civile, subito dopo il sopralluogo nel fabbricato, che aveva accertato che il crollo era dovuto ad una infiltrazione di acqua ed alla scarsa manutenzione sul vecchio edificio. Stamane, constatato con un nuovo sopralluogo che i lavori ordinati non erano iniziati, su disposizione del sindaco Catizone, il Dirigente del settore Lavori Pubblici ing. Luigi Zinno ha dato incarico ad una ditta affinchè si proceda con la massima urgenza alla messa in sicurezza del vano scala, alla realizzazione di due rampe della stessa scala e al rifacimento di parte del solaio crollato. Alcuni proprietari ed inquilini, attraverso il Presidente della Circoscrizione Umile Trausi, hanno intanto fatto pervenire una lettera di ringraziamento al sindaco per la tempestività con cui la questione è stata affrontata.

Presentato il progetto "Comuni d'Europa"

16/04 (Uscc) Si è svolta questa mattina nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi una riunione dei comuni che hanno aderito al progetto di e-government “Comuni d’Europa”. “In Calabria c’è particolare bisogno di innovazione tecnologica – ha detto il Sindaco Eva Catizone – che ha rappresentato finora un’occasione mancata, un obiettivo ambizioso non raggiunto. Il valore del progetto sta principalmente, attraverso la sua realizzazione, nella possibilità di una cooperazione tra le diverse municipalità. Non accade quasi mai, soprattutto alle nostre latitudini, che ci si prospetti la possibilità di fare rete. Questo progetto consente proprio questo, con varie municipalità che si ritrovano per la prima volta a lavorare insieme per un piccolo grande obiettivo: fare in modo che le nostre città diventino più moderne ed organizzate”. “Questo – ha aggiunto l’Assessore Franco Piperno – è un modo per costruire, mattone per mattone, un federalismo basato sui comuni, come punto di riferimento saldo ed antichissimo, capace di resistere nei secoli alle vicissitudini storiche del nostro Paese. Con questo progetto molti cittadini avranno per la prima volta la possibilità di usufruire di un portale ben organizzato, capace di offrire servizi informatici di buon livello. Un’altra pratica assai importante sarà quella relativa alla firma digitale, che sostituirà le vecchie certificazioni, e l’interazione con il bancomat che consentirà un accesso molto interessante ai servizi di ogni comune”. Il progetto, che è stato illustrato anche dall’ing. Claudiani del Comune di Terni e referente tecnico per il Ministero dell’innovazione e della tecnologia, prevede l’adozione di innovative tecnologie nel campo dei servizi al cittadino. In particolare sarà realizzato un Centro Servizi in grado di interagire con gli utenti finali attraverso un portale, un contact center e un servizio telematico. Numerosi i comuni della Calabria che hanno aderito insieme ai comuni delle regioni Abruzzo, Sicilia, Umbria e delle province di Brescia e Nuoro con un bacino d’utenza di oltre 2 milioni di abitanti. L’ente capofila è il Comune di Terni. Per i comuni Calabresi, quasi tutti ricadenti nella provincia di Cosenza più Crotone e Verzino, una parte del progetto è stata finanziata dalla Regione Calabria nell’ambito del POR. “In questo caso - ha spiegato Leonardo Acri, responsabile URP di Palazzo dei Bruizi – comune capofila è l’Amministrazione comunale di Cosenza”.

Il 21 alle 16.30 al Ridotto del Rendano presentazione della Fondazione Giacomo Mancini. Molte le adesioni.

16/04 Mercoledì 21 aprile, anniversario della nascita di Giacomo Mancini, sarà presentata nel Ridotto del Teatro Rendano di Cosenza la Fondazione a lui dedicata. La Fondazione, costituita nei giorni scorsi su iniziativa del Sindaco di Cosenza, del Presidente della Provincia, del Rettore dell'Università della Calabria e di Pietro e Giacomo Mancini, ha l'obiettivo di catalogare, studiare e divulgare la monumentale documentazione prodotta in più di mezzo secolo di attività politica da Giacomo Mancini, deputato socialista, Ministro della Repubblica, segretario del PSI e Sindaco di Cosenza, approfondendo i molteplici aspetti nei quali si è differenziata. Alla cerimonia di presentazione, fissata alle ore 16.30 presso i saloni del teatro cittadino, presenzieranno Antonio Landolfi, presidente della Fondazione, e Simona Colarizi, presidente del Comitato Scientifico, al quale hanno aderito personalità della politica italiana come i due ex Presidenti del Consiglio Massimo D'Alema e Giuliano Amato, i leader nazionali dei partiti riformisti Piero Fassino, Vannino Chiti, Enrico Boselli e Ugo Intini, uomini che hanno scritto la storia della sinistra come Aldo Aniasi, Rino Formica, Emanuele Macaluso, Giorgio Napolitano, Giorgio Ruffolo, storici illustri come Pietro Craveri, Fabrice D'Almeida, Spencer Di Scala, Roberto Escobar, Nikos Klitsikas, Rosario Villari, uomini di cultura come Vezio De Lucia, Luigi Lombardi Satriani, Marta Petrusewicz, Franco Rosi, e Marcello Vittorini, alcune delle più importanti firme del giornalismo italiano come Giuliano Ferrara, Paolo Franchi, Lino Jannuzzi, Paolo Mieli, alcuni dei quali hanno assicurato la loro presenza.

Eroina: un arresto a Cassano

16/04 Operazione congiunta dei Carabinieri del Nucleo radiomobile di Corigliano e della Guardia di Finanza unità cinofila, di Corigliano che a Cassano allo Jonio hanno arrestato Carmine Napoletano di 34 anni responsabile, secondo i militari, di produzione e traffico di sostanze stupefacenti. Nell'operazione sono anche state segnalate alla Prefettura di Cosenza due persone trovate in possesso di 1,7 grammi di eroina e di un falcone di metadone. Pare che i due siano dei professionisti.

Ricettazione un arresto a Cosenza Nord

16/04 A Cosenza Nord i carabinieri della locale stazione hanno arrestato Gianfranco Sganga di 30 anni, in ottemperanza dell’ordinanza di carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza, poiché lo stesso deve espiare la pena di mesi 11 di reclusione, per il reato di ricettazione

Arresto per sigarette di contrabbando

16/04 Arrestato a Trebisacce dai Carabinieri, Antonio Mitidieri di 65 anni per detenzione di sigarette di contrabbando. L'arresto è avvenuto in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, Il Mitidieri deve scontare un mese di reclusione.

Incidente mortale sulla Silana-Crotonese nei pressi di San Giovanni in Fiore

16/04 Una donna di 62 anni, Giovanna Apa, è morta in un incidente stradale avvenuto ieri sera lungo la statale 107 silana-crotonese, vicino San Giovanni in Fiore. La donno era a bordo di una Opel Vectra e con lei viaggiavano in direzione di Cosenza il marito ed i due figli di 18 e 20 anni. L'auto, mentre viaggiava in direzione di Cosenza, ha sbandato andando a finire contro le barriere di protezione. I Carabinieri di San Giovanni in Fiore hanno eseguito i rilievi per stabilire le cause del sinistro. La donna, una pensionata, è morta sul colpo. Feriti il marito ed i due figli.

I cordoli, punta dell'iceberg "caos traffico"

15/04 Si va allargando di ora in ora la protesta dei commercianti cosentini, che hanno organizzato per sabato prossimo, a meno di provvedimenti, una serrata di tutte le attività commerciali. L'amministrazione comunale sembra sorda alle richieste di commercianti e cittadini e continua nel suo progetto di proseguire ad installare i cordoli spartitraffico, dopo via Panebianco e via Roma, anche in via Caloprese. Sicuramente chi ha detto che ogni novità ha i suoi schieramenti pro e contro, dice bene, ma questa volta sembra che, a dire dei commercianti e dei cittadini del centro, la goccia abbia fatto traboccare il vaso. Ma andiamo ad analizzare gli ultimi interventi atti, a detta dell'assessore Cavalcanti, a favorire il nuovo piano del traffico per una migliore circolazione dei mezzi pubblici. Per quanto ci risulta, dopo gli ultimi interventi, il traffico è peggiorato e di conseguenza i mezzi pubblici continuano a non circolare. I pochi che fanno il loro dovere sono quelli della mattina, carichi di studenti che con la loro giovane agilità riescono a salire sui mastodontici e vecchissimi autobus dotati di scalini a prova di rampling. Come mai invece di trovare nuove vie di fuga non si è investito nell'ammodernamento dei mezzi di trasporto più piccoli e con il vano di carico a livello marciapiede? Poi, nel resto della giornata, i soliti dinosauri viaggiano vuoti o semivuoti sprecando denaro pubblico e non facendo alcun servizio. Ma che forse nella loro razionalizzazione sia il vero problema del loro utilizzo? Ad ogni fermata del centro il tempo di attesa va dai 30 ai 40 minuti, ovviamente bisogna ricordarsi di aver fatto allenamento prima di prenderli. Poi all'uscita delle scuole riavviene il miracolo i pochi mezzi che passano sono carichi di nuovo dei soliti giovani studenti. Però, ci dicono dall'Amministrazione, sono stati piazzati i cordoli che favoriscono il loro deflusso. Ah già i cordoli. Per chi viene da via Roma dopo la villetta Remì (ex campo Morrone), il primo cordolo se lo trova sotto la coppa del motore perchè nel traffico non si vede che inizia la transennatura di gomma della corsia preferenziale e puntualmente con due ruote in un lato e due ruote nell'altro parte la prima inchiodata e si cerca di girare lo sterzo per evitare il bus che sta sopraggiungendo dietro e che puntualmente frena anche lui di colpo con le relative proteste dei pochi passeggeri sballottati. Ora il traffico si fa ancora più caotico, se prima c'erano tre file di auto, ora le file sono due, anzi una, si perchè il parcheggio in doppia fila è sempre puntuale in agguato. Non si trova un parcheggio neanche a pagarlo oro e l'Amministrazione decide addirittura di levare i pochi parcheggi rimasti su via Roma, unica arteria sud-nord centro-cittadina dopo la pedonalizzazione di Corso Mazzini. Non sarebbe stato meglio continuare nella politica della costruzione di altri nuovi parcheggi? Intanto il traffico diventa sempre più caotico e se qualcuno ha pensato che con il caos i cittadini lasciano la macchina per i mezzi pubblici si sbaglia di grosso. Se poi chi è fortunatamente arrivato senza molte arrabiature a via Roma passando da Piazza Riforma allora può essere insignito con medaglia alla pazienza. Si perchè ultimamente con il transennamento e conseguente ingarbugliamento totale del traffico di piazza Riforma, il traffico cittadino sta conoscendo i giorni più bui che gli automobilisti cosentini abbiano mai conosciuto. Tutte le auto provenienti da viale Trieste, viale della Repubblica e la parte sud della città si ritrovano in piazza Riforma imbottigliati e senza potersi muovere. In pratica i tre flussi portanti della città, quello dell'autostrada, quello della zona sud Dipignano-Carolei e quello della presila vengono a chiudersi tutti in una piazza dove un abile inventore ha posto delle transenne a delimitare un giro vorticoso di cui ancora non capiamo il senso. Ma c'è di più. Nella piazza accanto, quella che assorbe la discesa da via della Repubblica e il traffico di viale Trieste è stato posta una ulteriore strettoia. Da circa un mese tre transenne circondano un tombino semisprofondato che ovviamente non regge il peso di tanto traffico e le macchine sono li a inquinare l'aria e la vita dei poveri autisti. E se un'autoambulanza deve prende la corsia d'emergenza per l'ospedale? Apriti cielo. Però non bisogna meravigliarsi se il traffico della provincia che ha sempre gravato sulla città, si sta spostando sulla vicina Rende e nei grossi centri commerciali limitrofi. Lì non c'è traffico, i parcheggi sono a iosa disponibili e gratuiti per tutti. Qui invece, per scelte che ancora cerchiamo di capire, o meglio di interpretare, la città assiste inerme ad una nuova flessione economica dettata dal nuovo piano del traffico basato sui cordoli e sugli autobus mastodontici dalla scalata per atleti. Chi ha sbagliato, per favore, abbia il coraggio di mettersi da parte. Le scelte impopolari alla fine sono quelle di chi dice che bisogna educare i cittadini. Perchè normalmente, chi si ricorda dei disastri lo fa dentro il seggio elettorale. Il consenso, non è l'immagine o le parole, sono i fatti e le realizzazioni che lo portano. E il nostro termometro dice che la febbre adesso è alta e lo scontento si tocca con mano.

Forse risolto il giallo dell'imprenditore calabrese ucciso vicino Bologna

15/04 Ci sono voluti più di venti giorni di indagini ai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Bologna per individuare e fermare il presunto assassino di Rocco Antonio Bellino, l'imprenditore di Roseto capo Spulico, ucciso, in circostanze misteriose, con un colpo di pistola lo scorso 25 marzo a Livergnano vicino Bologna. Con una conferenza stampa svolta questa mattina, i militi dell'Arma hanno spiegato presentato il risultato delle indagini. Il presunto assassino è un bolognese di 34 anni, Claudio Rinaldi, incensurato e proprietario di una impresa di escavazioni assieme al padre ed al fratello. Secondo quanto accertato dai carabinieri del Reparto operativo del Comando provinciale di Bologna che lo hanno fermato per omicidio in attesa della convalida del pm Stefano Orsi, Rinaldi avrebbe maturato l'omicidio di Bellino dopo aver messo in cantiere una truffa da cinquanta mila euro ai suoi danni. Bellino voleva acquistare un terreno edificabile del valore di 1,5 milioni di euro situato a Rastigano, frazione di Pianoro, i cui proprietari sono amici di famiglia di Rinaldi, da anni in rapporti di lavoro con lui. Visto il legame, l'imprenditore chiede al suo presunto carnefice, che accetta, di fare da mediatore. E' a quel punto che il fermato, secondo gli investigatori, avrebbe maturato il raggiro per racimolare soldi e rimettere in sesto la propria drammatica situazione economica rientrando anche dei debiti con alcuni istituti di credito.

Lottomatica "porta" 50.000 euro per la Cappella della Consolazione di S.Agostino

15/04 (Uscc) Un premio di 50.000 euro per il restauro della cappella della Consolazione della Chiesa di S.Agostino è stato assegnato da Lottomatica SpA, nell’ambito del concorso “Il Gioco del Lotto per l’arte e per lo sport”, che, terminato nel novembre scorso, entra ora nella fase finale. Domenica prossima, 18 aprile, il sindaco Eva Catizone consegnerà la prima tranche di 15.000 euro, ricevuta da Lottomatica, al parroco don Salvatore Fuscaldo, al termine della Messa per la Festa della Divina Misericordia, che si svolgerà alle ore 18 nella Chiesa di S.Agostino. Il Comune di Cosenza, nel marzo dello scorso anno, aveva aderito con grande entusiasmo all’iniziativa, varata a livello nazionale e volta alla sponsorizzazione di importanti progetti per la salvaguardia ed il recupero di realtà artistiche o di iniziative sportive. L’Amministrazione comunale ha puntato sulla Cappella della Consolazione di S. Agostino, segnalandola ai giocatori della provincia che potevano indicare la propria scelta compilando un apposito spazio sulle schedine personalizzate. La risposta è stata lusinghiera ed ha visto primeggiare la preferenza al monumento cosentino su quelle verso altri beni culturali calabresi (Piazza De Nava, con la sua ottocentesca fontana, a Reggio Calabria e la Chiesa del Monte dei Morti di Catanzaro). Ma il successo è stato dell’intera iniziativa. In totale sono state circa 60 milioni le schedine con la preferenza. Un risultato ritenuto molto soddisfacente da Lottomatica, che ha visto il gioco trasformarsi in un vero e proprio sondaggio culturale e sportivo tra gli italiani. Lottomatica ha perciò deciso di premiare tutti i 120 obiettivi posti in gara da Comuni e Regioni, indipendentemente dai voti ottenuti e dalla posizione in classifica. Saranno, quindi, devoluti complessivamente 6 milioni di euro (a fronte dei 2 inizialmente previsti) equamente suddivisi tra i 120 progetti.

Il Presidente dell’ARSSA, Antonio Pizzini, incontrerà il 19 le rappresentanze sindacali

15/04 Il Presidente dell’ Agenzia per i Servizi in Agricoltura della Regione Calabria, Antonio Pizzini, ha convocato un incontro urgente, per il prossimo 19 Aprile, alle ore 11,00, presso la sala riunioni dell’ARSSA di Viale Trieste (Cosenza) con le delegazioni sindacali delle segreterie confederali ( regionali e provinciali) di CGIL-CISL e UIL e le segreterie provinciali di categoria delle stesse Organizzazioni, l’UGL e l’USPPI. L’invito di Pizzini è esteso anche alle Segreterie regionali e aziendali di CGIL-CISL-UIL del Pubblico impiego ed alle rappresentanze sindacali di CONFAIL, CONFSAL e CIDA. Il Presidente Pizzini, a nome dell’intero Consiglio d’Amministrazione dell’Agenzia, ha assunto tale iniziativa con l’obiettivo di affrontare, con i responsabili del Sindacato, prioritariamente le problematiche riguardanti il Bilancio dell’ARSSA. “ Assegniamo particolare significato all’incontro con i massimi livelli del Sindacato – ha dichiarato Pizzini – anche perché la particolare circostanza ci consentirà di compiere una puntuale informativa sulle attività condotte dall’Agenzia, in questi ultimi anni, ai vari livelli. Parleremo, anche, - ha informato Pizzini - sul ruolo strategico dell’ARSSA per ammodernare l’agricoltura regionale e sulle prospettive future di un Organismo strumentale pubblico, che occorre sostenere anche per valorizzare la rilevante funzione sociale che l’Agenzia assolve in una regione con un notevole deficit occupazionale”.

Contratto di quartiere di S. Lucia: CNA e Scuola edile nuovi poli vitali nel centro storico

15/04 (Uscc) “Si avviano oggi due fondamentali presìdi per la salvaguardia ed il rilancio del nostro centro storico”.
Con queste parole il sindaco Eva Catizone ha sottolineato, stamane, l’importanza della firma delle due convenzioni tra Amministrazione comunale, Confederazione nazionale Artigiani e Scuola edile, nell’ambito del contratto di quartiere per Santa Lucia, che entra così nella sua fase operativa.
Nell’immobile ristrutturato dal Comune in via S. Tommaso le due istituzioni insedieranno attività volte alla qualificazione professionale nel campo dell’edilizia e laboratori per il recupero di vecchi mestieri artigiani.
Molta attenzione sarà anche riservata alla sicurezza sui luoghi di lavoro, attraverso corsi mirati ad una conoscenza più diffusa di rischi e di modalità di prevenzione.
A firmare sono stati per il Comune la city manager Antonella Molezzi, che ha guidato l’équipe comunale che ha portato avanti il contratto di quartiere; il Presidente della CNA ing. Nicola Chiappetta; il presidente della Scuola edile dr. Franco Cava.
Erano presenti ancora Ninì Venuto quale direttore dell’Ente scuola e del Comitato paritetico tecnico per la sicurezza sui cantieri; il Presidente del CPT Santino Alessio; il vicepresidente della CNA Mauro Zumpano; una delegazione dell’Associazione industriali guidata da Giuseppe Sirangelo; i sindacalisti Franco Carvelli per la Uil, Franco Ventarola e Pasquale Costabile per la Cisl; dirigenti comunali a vario titolo coinvolti nel contratto di quartiere.
Il sindaco Catizone ha evidenziato l’importanza del contratto, che riguarda una delle parti più degradate del centro storico ed ha preannunciato prossime iniziative per proseguire sulla strada della rivitalizzazione favorendo, dopo quelli di Palazzo Caselli-Vaccaro, altri insediamenti di residenze universitarie, con la collaborazione dell’Aterp. “Voi siete i pionieri di questo ritorno al centro storico –ha detto rivolta agli ospiti- ma molti altri si apprestano a seguirvi”.
Antonella Molezzi ha ricordato il percorso iniziato nel 1998 in quella che è stata una delle prime esperienze cosentine di partenariato pubblico-privato “che ha avuto– ha detto- riconoscimenti e riscontri positivi a livello nazionale, anche da parte di chi era molto più avanti di noi in questo tipo di impegno. Abbiamo fatto un buon lavoro di squadra e possiamo essere lieti di questi primi risultati.”
Soddisfazione e compiacimento sono stati espressi dagli altri attori del progetto, il dr. Cava per la Scuola edile, l’ing. Chiappetta e Mauro Zumpano per la CNA, che hanno prospettato il pronto avvio di attività volte a far crescere il tessuto economico e produttivo del centro storico e dell’intera città, valorizzando la formazione dei giovani ed il recupero di antiche e preziose tradizioni artigianali. Ninì Venuto e Santino Alessio hanno sottolineato il non secondario impegno che si dovrà profondere per la formazione alla sicurezza sui cantieri.
“Orgoglioso del risultato”- si è detto l’ing. Capo Luigi Zinno, che pure ha avuto parte attiva nel contratto. “Si aggiunge un altro tassello agli sforzi dell’Amministrazione comunale per il recupero e la rivitalizzazione del centro storico. Interveniamo su uno dei luoghi più trascurati, il quartiere di Santa Lucia a ridosso di vico San Tommaso, quello dei crolli e degli sfratti. Oggi però non ci sono sfratti, bensì ritorni nel centro storico, e, per questo, dobbiamo dire grazie a quanti, insieme all’Amministrazione comunale, hanno creduto fin dall’inizio in questo progetto.”

Un uomo arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti a Cosenza

15/04 Un uomo di 28 anni G.M. è stato arrestato a Cosenza dagli agenti della squadra mobile per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Le accuse scaturite nei confronti di G.M. sono scaturite dopo una serie di intercettazioni disposte dalla Procura della Repubblica di Cosenza. L'arresto è stato disposto dal GIP Loredana de Franco.

Domani parte il progetto di e-governement “Comuni d’Europa”

15/04 (Uscc) Domani alle 11 nel Salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, invitati dal sindaco Eva Catizone, si riuniranno i rappresentanti dei circa cinquanta Comuni della provincia che hanno aderito al progetto di e-governement “Comuni d’Europa”, di cui il capoluogo è coordinatore, mentre il Comune di Terni è capofila. Il progetto è stato ammesso al finanziamento da parte del Ministero dell’Innovazione e della Tecnologia e si propone di investire sull’adozione di innovative tecnologie informatiche di supporto ai processi operativi ed organizzativi connessi all’erogazione dei servizi al cittadino. Nella lettera di invito, il sindaco Catizone informa i colleghi che il Comune di Cosenza e la Regione Calabria hanno sottoscritto la convenzione per il cofinanziamentro e l’attuazione del progetto, che dunque domani potrà avviarsi ufficialmente.

LABORATORIO JAZZ ALLA CASA DELLE CULTURE

15/04 In collaborazione con il Conservatorio di musica “S.Giacomantonio” e con la guida del Maestro Nicola Pisani, figura si spicco del panorama jazzistico italiano, si terrà alla Casa delle Culture un laboratorio jazz “Musica d’insieme per piccoli gruppi jazz” aperto a tutti coloro – anche esterni al Conservatorio- che vogliano formare, o abbiano già formato, piccoli gruppi di musica jazz. Nel corso del laboratorio si tenderà a verificare le esperienze acquisite per poterle ampliare con sperimentazioni sul campo legate alla creazione di un repertorio, alla cura dell’aspetto formale dei brani e al binomio composizione-improvvisazione. Parallelamente sarà in funzione un altro laboratorio d’improvvisazione “OrCheStrana”, aperto a qualsiasi musicista di qualsiasi interesse stilistico e di qualsiasi livello tecnico e artistico e ovviamente di qualsiasi età. Il primo appuntamento è per martedì 20 aprile alle ore 16.00; il laboratorio si terrà ogni martedì pomeriggio dalle ore 15.30 alle ore 21.00. la partecipazione è gratuita.

Un arresto ad Acri per tentato omicidio

15/04 Ad Acri i Militari del Nucleo Operativo radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Rende, coadiuvati dal personale della locale Stazione , in esecuzione ordinanza di ripristino della detenzione domiciliare, emessa dal GIP del Tribunale di Cosenza, hanno tratto in arresto Michele Vaccaro di 26 anni, responsabile di tentato omicidio

A Cosenza un arresto per violazione della misura d'affidamento in prova

15/04 A Cosenza è stato tratto in arresto dai Carabinieri Pasquale De Rose di 53 anni, in ottemperanza ad una ordinanza di carcerazione emesso dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cosenza, perché ha violato gli obblighi imposti dalla misura alternativa dell’affidamento in prova.

Incendiata auto ad agricoltore di Corigliano

15/04 E' stata incendiata nella notte, in quel di Corigliano, un'auto, una Alfa Rome 75, di propietà di un agricoltore della zona. Il mezzo, parcheggiato nei pressi dell'abitazione della vittima, è stata cosparsa di liquido infiammabile e poi incendiato. Ci sono voluti i Vigli del Fuoco per domare le fiamme. I Carabinieri hanno inviato le indagini.

Il 20 nel salone del Pezzullo la Provincia di Cosenza presenta il risultato dell'indagine sulle droghe leggere

15/04 Saranno presentati martedì 20 aprile prossimo, alle ore 10.30, dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura della Provincia di Cosenza ed dal Centro di Salute Mentale di Rogliano - ASL.4 -, presso l’Istituto Tecnico Commerciale “Pezzullo” di Cosenza, i risultati del Progetto “L’ecstasy e le altre droghe. Il fenomeno e le sue dimensioni nella provincia di Cosenza”. Il Progetto, nato dall’esigenza di conoscere la diffusione del fenomeno delle nuove droghe tra gli alunni delle scuole superiori della provincia verificata attraverso un’indagine preliminare, ha consentito una prima lettura dello stesso fenomeno, per dare la possibilità poi di elaborare interventi mirati di prevenzione. “Il progetto da noi elaborato è motivato dalla considerazione -ha detto l’Assessore Provinciale Prof.ssa Donatella Laudadio a proposito dell’iniziativa- che, negli ultimi dieci anni, è mutato il fenomeno delle tossicomanie e la rappresentazione sociale dello stesso poiché sono cambiate le sostanze d’abuso, le sottoculture di riferimento, i contesti di assunzione e il profilo psicologico del nuovo tossicomane. I consumi si sono orientati verso sostanze attivizzanti (ecstasy, cocaina, LSD). L’uso di ecstasy è cresciuto del 70% negli ultimi cinque anni e più di 40 milioni di persone l’hanno consumata negli ultimi 12 mesi. La pervasività di questa nuova droga è legata sia all’atmosfera di normalità che caratterizza la sua vendita e la sua assunzione, sia all’idea di una sua sostanziale innocuità, poiché viene percepita come droga-non droga, non necessitando la sua assunzione di aghi o di siringhe e non procurando dipendenza”. “Partendo dal dato che l’incidenza dell’uso d’ecstasy, nell’esperienza dei servizi pubblici, è passata da meno del 10% del 1992/93 a quasi il 33% nel 1995, se ne deduce che la stima a livello nazionale dei consumatori è di 50.000-85.000 giovani, per lo più adolescenti dai 14 ai 20 anni, per ogni settimana, nei locali da ballo (conferenza nazionale sulle tossicodipendenze, 1997). Tutto questo ci allarma e ci ha indotto a cercare di arginare il fenomeno che, in alcune zone della nostra provincia ha assunto dimensioni preoccupanti, per debellarne -ha detto ancora l’Assessore alla Cultura Donatella Laudadio- il trend in continua espansione. Il contesto di assunzione delle nuove droghe è connotato da scarsa informazione della loro tossicità e dalla diffusa convinzione che si tratti di droghe leggere e pulite e che è possibile conciliarle con uno stile di vita normale e integrato. E’ stato necessario, pertanto, progettare interventi di prevenzione mirati ed efficaci, e tutto questo dopo una valutazione e quantificazione del grado di diffusione e pervasività di questo nuovo mercato nelle realtà territoriali di competenza”. Per queste ragioni nasce, dunque, il progetto reso possibile dalla collaborazione delle Istituzioni scolastiche di pertinenza della Provincia, ha consentito, in prima battuta, il monitoraggio e la somministrazione di un questionario per rendere possibile l’indagine. Detta indagine, condotta dagli esperti del Centro di Salute Mentale di Rogliano, ASL. n. 4 di Cosenza, ha interessato soltanto un campione della popolazione studentesca ed è stato garantito dal più assoluto anonimato.“Come Ente che sovrintende alle scuole medie superiori, ci è sembrato opportuno e necessario, quasi un imperativo categorico, dover affrontare questo problema drammatico che affligge il tessuto sociale e miete vittime tra i giovani studenti, per cui -ha asserito il Presidente della provincia Antonio Acri che concluderà, martedì 20 marzo al “Pezzullo”, i lavori di presentazione dei dati del progetto- abbiamo voluto approfondire, con l’indagine prima e con la prevenzione e l’informazione dopo, un fenomeno di diffusa portata per poterlo arginare almeno in parte limitandone il più possibile i danni”. Le scuole che sono state interessate al progetto sono: il Liceo Classico e il Liceo Scientifico di Cosenza, il Liceo Classico di Rende; per la zona tirrenica: il Liceo Classico, L’Istituto Tecnico Commerciale e l’Istituto Tecnico per Geometri e l’Istituto Professionale di Paola; per la zona ionica: il Liceo Classico e Scientifico sia di Rossano che di Corigliano; per la Sibaritide ed il Pollino: il Liceo Classico e l’Istituto Professionale sia di Cassano allo Ionio che di Castrovillari. Sarà l’Assessore alla Cultura della Provincia di Cosenza, Donatella Laudadio, ad introdurre i lavori di presentazione dei dati dell’indagine effettuata, mentre interverranno il Direttore Generale dell’A.S. n.4, Francesco Buoncristiano, e la responsabile del Centro di Salute Mentale, Maria Francesca Pantusa, parteciperanno il direttore del Dipartimento di Salute Mentale, Luigi Arturo Ambrosio, la Psicologa Carmela Scornajenchi ed il Dirigente Scolastico dell’Istituto Commerciale “Pezzullo” di Cosenza, Aldo Salvatore Di Iuri.

A Cosenza si organizza una manifestazione per la pace sabato alle 17 in piazza XI settembre

15/04 Gli organiozzatori della manifestazione della pace hanno diramato il seguente comunicato per manifestare contro la guerra sabato prossimo a Cosenza. Lo pubblichiamo integralmente: "Se non abbiamo di meglio da fare, perché non ci troviamo sabato 17 nel tardo pomeriggio - diciamo le 18:30 - in piazza XI settembre - piazza della pace - per fare un po' di informazione sull'occupazione americana dell'Iraq e per sensibilizzare i cosentini sulla necessità del ritiro della "missione" italiana? Certo, potrebbero facilmente accusarci di essere "fiancheggiatori" dei terroristi, visti gli ultimi fatti che hanno coinvolto gli italiani in Iraq. Ma il pericolo è proprio questo: un ulteriore restringimento delle libertà di tutti, per cui anche la manifestazione del proprio dissenso diventa "terrorismo". Un meccanismo perverso, per cui o sei con Bush e Berlusconi, o sei con i terroristi. La città di Cosenza sonnecchia mentre la repressione del dissenso è oramai sistematica, a livello globale e locale. Svegliamola un po' questa città... Portiamo volantini, materiale informativo, un po' di musica, le bandiere della pace, qualche striscione, ognuno con il proprio linguaggio... allestiamo una Babele di pace..."

Le ultime parole di Fabrizio Quattrocchi: "Così muore un italiano"

15/04 NuovaCosenza.com è contro la guerra e contro ogni forma di violenza, ma allo stesso tempo, NuovaCosenza.com è contro il terrorismo. Per questo motivo dedichiamo la prima pagina di oggi a Fabrizio Quattrocchi, in Iraq per un servizio di scorta e mai coinvolto nella guerra, ucciso ieri sera da terroristi musulmani. Il Ministro Frattini, autorizzato dai suoi parenti ha poi rivelato le sue ultime parole. ''Quando gli assassini gli stavano puntando la pistola contro, questo ragazzo ha cercato di togliersi il cappuccio e ha gridato: adesso vi faccio vedere come muore un italiano. E lo hanno ucciso. Fabrizio Quattrocchi e' morto cosi''.

Un operaio muore fulminato a contrada Cutura

14/04 E' successo questo pomeriggio sul tardi. Un operaio di una ditta di impianti di condizionamento, è rimasto fulminato mentre con il proprio trabattino montava un impianto di aria condizionata all'esterno dello stabilimento REM di contrada Cutura. Sono in corso gli accertamenti da parte dei Carabinieri del Nucleo Radio Mobile di Rende che sono intervenuti dopo l'accaduto. Pare che, dopo una prima sommaria ricostruzione dei fatti, l'uomo, Cesare Vela di 41 anni, abbia urtato con il suo trabattino ai fili dell'altra tensione. Una scarica da 20.000 Volts lo ha subito colto e per l'uomo, deceduto sul colpo, non c'è stato nulla da fare. Vani i tentativi del 118 intervenuto, di rianimarlo.

Crolla un solaio nel centro storico, due famiglie sgomberate

14/04 E' stato sgomberato un palazzo di via Savelli, nel centro storico di Cosenza, dopo che, per le abbondanti piogge della notte, è crollato il solaio nell'androne del portone. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che hanno ordinato lo sgombero, e un'autoambulanza che è servita a trasportare uno degli abitanti sotto ossigeno. Due le famiglie che occupavano l'immobile e che sono state fatte sgomberare.

Commissario prefettizio al Comune di Terranova da Sibari

14/04 Dopo la dimissione di 11 su 17 consiglieri del comune di Terranova da Sibari, Sindaco escluso, il prefetto di Cosenza, Dr. Diego D'Amico, ha disposto la sospensione del civico consenso avviando la procedura per lo scioglimento del Consiglio Comunale. In attesa del relativo decreto che dovrà prevenire dal Capo dello Stato, il Prefetto D'Amico ha nominato quale commissario prefettizzio pro tempore, Eufemia Tarsia, viceprefetto aggiunto in servizio presso la Prefettura di Cosenza.

Sessantottimla euro per il Museo di Castrovillari

14/04 E' di circa 68.000 euro il finanziamento assegnato al Museo civico archeologico di Castrovillari. L'importo, proveniente dalla misura 2.3 del Por risorse culturali, è stato reso noto dal Sindaco Franco Blaiotta che ha fatto riferimento alla relativa graduatoria pubblicata dal Bollettino ufficiale della Regione Calabria. "La nostra città - ha affermato Blaiotta - porta a casa un altro importante risultato, rafforzando cosi' il suo ruolo di comunità storica e ricca di testimonianze, grazie, soprattutto, alla forte collaborazione che si e' sviluppata tra l'Amministrazione municipale e l'Associazione Gruppo archeologico del Pollino. La richiesta avanzata dal gruppo archeologico castrovillarese è ai primi posti della graduatoria pubblicata sul Burc".

Mancherà l’acqua in alcuni quartieri venerdì 16 aprile, dalle 9 alle 18

14/04 Il Comune di Cosenza rende noto che per lavori di riparazione sull'adduttrice del Merone, in loalità Croce del Comune di Santo Stefano di Rogliano, mancherà l'acqua venerdì 16 dalle 9 alle 18 in via Portapiana, Archi di Ciaccio, via del Liceo, via Gaetano Argento, via Giostra Vecchia, corso Vittorio Emanuele, via Tommaso Arnone, via Sambiase, via Oberdan, contrada Macchia della Tavola, Donnici Inferiore, contrada Ciomma, Fiego, Lucida, S. Elia, Timpone degli Ulivi, contrada Guarassano, contrada Tenimento, Ospedale civile dell’Annunziata e le utenze collegate sul Merone nella località Piano Lago. Una riduzione idrica interesserà anche il centro storico cittadino e la parte centrale della città nuova.

Sequestrata la discarica privata di Bucita.

14/04 Dopo la lunga protesta dei cittadini di Bucita che dal 3 aprile stanno presidiando la zona delle discariche, la Procura della Repubblica del tribunale di Rossano, ha finalmente emesso il provvedimento di sequestro della discarica privata, quella cioè che tratta i rifiuti speciali. Il provvedimento è stato notificato quest'oggi dalle fiamme gialle ai titolari dell'azienda che gestisce la discarica. Secondo alcune indiscrezioni trapelate, la Procura avrebbe accertato il conferimento di rifiuti non autorizzati e la non idoneità del sito dal punto di vista ambientale ed idrogeologico.

Insediata la commissione d'accesso antimafia a Cassano

14/04 Si e' insediata la Commissione d'accesso antimafia disposta dal Prefetto di Cosenza, Diego D'Amico, per la città di Cassano allo Ionio. La Commissione, composta da due funzionari prefettizi e da un esponente delle forze dell'ordine, dovrà verificare la correttezza degli atti amministrativi prodotti prima che il Comune venisse commissariato. La stessa commissione dovrà verificare anche se gli amministratori hanno svolto il proprio mandato in condizione di libertà. Il lavoro di verifica della commissione dovrebbe concludersi entro 20 giorni. Il Comune di Cassano ha un passivo di 21 milioni di euro e da alcuni mesi il comune e' retto dal commissario straordinario Carlo Ponte.

Insediato il direttore generale dell'AS4 di Cosenza

14/04 E' iniziato con un ringraziamento alla Regione, il primo intervent del presidente della AS4 Franco Buoncristiano, insediatosi oggi al suo posto di Direttore Generlae dell'Azienda Sanitaria numero 4 di Cosenza. "La Regione Calabria ci ha mostrato grande attenzione, con un finanziamento complessivo di circa 24 milioni di euro: un segno tangibile considerando la complessità dell'azienda ed il fatto che abbia ancora la dotazione pro-capite più bassa dell'intera Regione" ha detto in neo commissario. Poi proseguendo nella dichiarazione, Buoncristiano ha detto di "voler perseguire obiettivi realizzabili ed importanti, quali quelli dell'assistenza domiciliare integrata alle categorie deboli che consentirà di recuperare importanti risorse". Per il neo direttore generale è necessario "un rapporto sinergico con l'azienda ospedaliera di Cosenza: insieme al dottor Belcastro abbiamo programmato di intervenire su aspetti comuni che interesseranno l'utenza e coinvolgeranno i medici di famiglia". Infine Buoncristiano ha annunciato di voler "puntare sulla riabilitazione e la prevenzione: il piano sanitario della Regione, e lo dico da tecnico, e' estremamente valido e ci consentirà di poter investire su settori e segmenti considerevoli della popolazione amministrata".

Da sette anni in attesa di una visita specialistica in Logopedia all'Annunziata

14/04 Un nuovo episodio di cattiva sanità, segnalato direttamente da un nostro lettore, all'Ospedale civile dell'Annunziata di Cosenza. Il servizio di logopedia è gestito con colpevole ritardo e gli utenti non riescono a usufruire delle prestazioni specialistiche necessarie. Nella missiva, che pubblichiamo integralmente, il testo della denuncia: "Non è possibile che all'ASL n.4 di Cosenza, sezione invalidi, ci sia una lista chilometrica (mio figlio aspetta da 7 anni) per poter usufruire del servizio logopedico. Ci sono 4 logopediste, e sono venuto a sapere che due andranno in pensione entro giugno 2004; una ha chiesto il trasferimento altra sede per incompatibilità di carattere con la Direzione del settore, e intanto mio figlio, M. T., così come tanti altri, che attendono da anni, aspetta. Due anni fà l'ultima speranza -fra poco lo chiameremo- mi dissero, ed ora vengo a sapere queste belle notizie. Ed ancora nessun concorso a rimpiazzo è stato fatto. Che fine farà mio figlio? E tutti quelli che necessitano di linguaggio correttivo, di comunicazione diretta, e di "almeno una" logopedista che succederà?. Lettera firmata".

Sequestrate due cave abusive a Rossano. 14 persone denunciate

14/04 Nel corso di una serie di controlli effettuati dal Corpo Forestale dello Stato eseguiti nella zona di Rossano, quattordici persone sono state denunciate, due cave abusive sono state sequestrate assieme ad un fabbricato, autocarri ed escavatori. I controlli, compiuti di recente, sono finalizzati alla prevenzione e repressione di reati ambientali a al controllo del territorio del litorale ionico. Le cave, e i mezzi utilizzati per l'attività illecita dove venivano estratti degli inerti, sono stati individuati e posti sotto sequestro, quindi, a seguito dell'operazione del personale della Guardia Forestale.

Lettera del Presidente del Consiglio Comunale al Direttore di Scienze Giuridiche dell'Unical

14/04 (Uscc) La decisione si escludere il Consiglio Comunale di Cosenza dal Consiglio di indirizzo e programmazione della ricerca scientifica del dipartimento di scienze giuridiche dell’Università della Calabria, sarà oggetto di valutazione della Conferenza dei Capigruppo di Palazzo dei Bruzi. Lo comunica il Presidente del Consiglio, Saverio Greco, in una lettera indirizzata al Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Unical prof. Enrico Caterini. Questo il testo della lettera:
“Ho ricevuto in data 02.02.04 la Sua nota prot. N. 256 – 16/90 avente ad oggetto la “Composizione del Consiglio di Indirizzo e Programmazione della Ricerca Scientifica del Dipartimento di Scienze Giuridiche – a.a. 2004-2006”.
La notizia dell’istituzione del citato Consiglio giunge particolarmente gradita, giacché il Consiglio Comunale di Cosenza, con sua deliberazione del 31.07.00, ha avuto modo di affermare l’importanza che assume, nell’interesse di ogni studente, la qualità del servizio formativo universitario, di cui componente fondamentale è da considerarsi la capacità d’investimento nelle attività di ricerca scientifica, necessaria per garantire alla popolazione studentesca la trasmissione di contenuti professionali innovativi e capaci di conservare a lungo il carattere d’idoneità alle esigenze anche più impegnative del mondo dell’impresa e delle professioni. Vista dunque l’importanza assegnata dal Consiglio Comunale al tema di che trattasi, mi sono premurato di richiedere maggiori delucidazioni circa le forme di adesione dell’Organo Municipale che rappresento per la composizione del Consiglio in oggetto. Con sorpresa, e contrariamente alle indicazioni contenute nella missiva (che risulta rivolta agli “Ill.mi Consiglieri”), ho appreso che la partecipazione al Consiglio d’Indirizzo e Programmazione della Ricerca Scientifica del Dipartimento di Scienze Giuridiche è riservata agli Assessori della Giunta Municipale, con esclusione dei Consiglieri Comunali. Mi basta qui richiamare il principio già sancito dal Consiglio Comunale secondo cui va rispettata l’autonomia delle scelte delle istituzioni universitarie, che comunque vanno sempre richiamate al più corretto confronto sulle prospettive di sviluppo dell’offerta formativa.
E’ dunque sulla base di tale principio che provvedo a richiedere la produzione della delibera di Giunta del Dipartimento citata nella missiva del 25.03.04, onde verificare quali siano i motivi di una esclusione, quella del Consiglio Comunale, che ritengo poco opportuna, se non addirittura dannosa per la migliore riuscita dell’iniziativa istituzionale assunta.
Mi riservo di valutare, unitamente alla Conferenza dei Capi Gruppo, il contenuto della citata Delibera di Giunta del Dipartimento, al fine di decidere sulle eventuali ulteriori iniziative che dovessero necessitare”.

Contratto di quartiere Santa Lucia: domani la firma delle convenzioni

14/04 (Uscc) Saranno firmate domani alle 11,30 a Palazzo dei Bruzi le convenzioni dell’Amministrazione comunale con la Scuola edile e con la Confederazione nazionale artigianato, nell’ambito del contratto di quartiere per Santa Lucia.
Le due istituzioni avranno in locazione dal Comune alcun locali nell’immobile ristrutturato di via S. Tommaso, dove svolgeranno attività volte alla qualificazione professionale e, quindi, a favorire lo sviluppo dell’occupazione. Si entra così nel vivo del contratto di quartiere, formula prevista per ridare slancio a quartieri degradati, attraverso risanamenti strutturali ed interventi di riqualificazione sociale.
Il Contratto di Santa Lucia, presentato dal Comune di Cosenza e approvato nel 1999 con un finanziamento di oltre 8 miliardi di lire, comprende una serie di accordi con diversi altri soggetti chiamati alla rivitalizzazione e alla riorganizzazione del tessuto economico e sociale.
Sono previsti, tra l’altro, l’attivazione di un cantiere-scuola per la sistemazione degli spazi aperti e la realizzazione di interventi di recupero; la creazione di un borgo dell’artigianato; la creazione di scuole di formazione per artigiani, maestranze e operatori nei settori dei beni culturali, spettacolo, turismo; scuole di apprendistato nel restauro; corsi di formazione per tecnici e operai impiantisti, falegnami e servizi manutentivi; un laboratorio museale territoriale.
L’accordo con la Scuola edile prevede l’attivazione di un corso di formazione professionale che abbia come finalità la creazione di figure professionali ad eseguire lavori di recupero nel rispetto delle peculiarità costruttive locali. L’accordo con la CNA è finalizzato a promuovere la cultura dell’aggiornamento e della qualificazione professionale, in particolare per favorire l’apertura di botteghe artigiane di qualità.

Riapre il 22 il cineclub della Casa delle Culture

14/04 (Uscc) Il 22 aprile riapre il cineclub della Casa delle Culture, ancora una volta a cura dell'associazione "Iride", dopo il successo del ciclo autunnale.
Le proiezioni saranno precedute da una breve presentazione e seguite da un dibattito. Dopo la proiezione di "Vivere" di Akira Kurosawa il ciclo "Proiezioni di Primavera" si concentrerà sull'opera di Francois Truffaut con sette proiezioni, ogni giovedi dal 29 aprile al 10 giugno, inizio alle ore 20.30 presso la sala Ejzenstein. Le proiezioni saranno precedute da una breve presentazione e seguite da dibatito tra gli spettatori.
LE PROIEZIONI DI PRIMAVERA - Grandi film nel cinema di tutti i tempi
Giovedì 22 aprile ore 20,30 VIVERE Akira Kurosawa
Il Cinema di François Truffaut (la vita,l’amore,la morte)
giovedì 29 aprile ore 20,30 I QUATTROCENTO COLPI
giovedì 6 maggio ore 20,30 BACI RUBATI
giovedì 13 maggio ore 20,30 TIRATE SUL PIANISTA
giovedì 20 maggio ore 20,30 LA SPOSA IN NERO
giovedì 27 maggio ore 20,30 JULES E JIM
giovedì 3 giugno ore 20,30 LE DUE INGLESI
giovedì 10 giugno ore 20,30 FAHRENHEIT 451

“Il Barbiere di Siviglia”, rappresentato ga giovani e anziani, alla città dei ragazzi

14/04 Continua la collaborazione tra la Città dei Ragazzi e il Centro Sociale per Anziani di Serra Spiga .Nei giorni 21 - 22 - 23 Aprile alle ore 10,00 al CineTeatro dello Scrigno Giallo, con il programma “Il Teatro Musicale” si potrà assistere allo spettacolo “Il Barbiere di Siviglia” opera buffa di Giacchino Rossini. L’opera, tratta dalla commedia di Beaumarchais, in questa rivisitazione viene portata in scena con marionette in cartapesta realizzate ed animate dagli anziani del Centro in collaborazione con i laboratori di Teatro e di Musica della Città dei Ragazzi. Fa così un altro passo avanti la formula pensata dalle due strutture affinchè il divario generazionale possa trovare modo di colmarsi positivamente, attraverso l’uso e la pratica di linguaggi artistici universali. Lo spettacolo si rivolge al secondo ciclo di scuole elementari e alle scuole medie. I ragazzi potranno assistere allo spettacolo e rendersi conto del percorso didattico musicale, di quello relativo alla costruzione delle marionette fino alla fase finale della messa in scena. La durata complessiva della performance è di 50 minuti.
L’accesso è gratuito ed è possibile prenotare per un numero limitato di ragazzi ai seguenti numeri: tel. 0984 813556 / 0984825282. Gli anziani protagonisti del Barbiere di Siviglia sono Vito Antonio Sangiuliano, Orlando Colucci, Rosa Posterino Rinaldo Venneri, Rachele Santoro , Teresina Arcuri, Maria Guarascio Anna Candida Massaro, Mafalda Fioretti, Sestilia Leo

“Coltiviamo un sogno”, iniziativa di lavoro e solidarietà

14/04 L’Associazione Eureka onlus e la Cooperativa Comunidea in collaborazione con il Centro sociale Gramna, il centro di salute mentale di Cosenza e il Comune di Cosenza, organizzano un’iniziativa dal titolo “Coltiviamo un sogno “, che prevede l’inserimento nel mondo del lavoro e in quello sociale per tutte quelle persone che quotidianamente vivono in una condizione di disagio. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di realizzare una serra floreale presso l’ex Villaggio del Fanciullo, in C.da Caricchio, mentre le piante coltivate verranno successivamente acquistate dall’Amministrazione Comunale che le utilizzerà per gli addobbi urbani. Sabato 17 aprile , alle ore 20,30, al C.S.A Gramna è in programma una serata di autofinanziamento con : Gruppo Cattivo Teatro Gramna, il gruppo teatrale Itinerari Sperimentali, la musica de La Soluzione , Fuocu, StressTown. A seguire, nella stessa serata, recital di poesie con testi di Gisella Florio e il flauto di Teresa Ferraro. La serata sarà replicata al Cinema Italia Sabato 24 Aprile alle ore 20,30.

Viaggio nel mondo della scrittura venerdì 16 al Cinema Italia

14/04 Venerdì 16 aprile 2004 alle ore 17,00 presso il Cinema Teatro Italia il nascituro Circolo Culturale “Lessico Brutio”, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Cosenza, presenta “Lettura e spettacolo tra voci e idee” Viaggio nel mondo della scrittura attraverso il sito genovese www.liberodiscrivere.it .
Interverranno: Maria Francesca Corigliano Assessore alle politiche scolastiche e alla diffusione del libro, Antonello Cassan Editore e ideatore del sito, Anna Maria Fabiano Docente e Scrittrice, Luigi Pingitore Docente e Scrittore.
Nel corso della serata, tra musiche, spazi recitati e sonori, coreografie e performance, verranno presentati autori e libri editi da LdS:
Avere un nome - Antologia poetica con prefazione di Don Ciotti; La guerra dei castori e dei salmoni di Parisi&Cinelli; Album di fotografie di Anna Maria Fabiano e Iole Maletta; Piccione ti voglio parlare di Giovanni Di Muoio; Io Carne di Daniela Barbaro e Gianni Marchione; Le FiumIDee - Compendio narrativo poetico di autori calabresi e non. www.liberodiscrivere.it è una biblioteca on line aperta alle opere d’aspiranti scrittori ed è stata creata nel novembre 2000 dall’editore Antonello Cassan. ANTONELLO CASSAN : nato a Genova nel 1950, laureato in architettura, prima pittore poi fotografo di professione (autore di alcuni libri di fotografia) dal 1984 si occupa professionalmente di grafica abbinata alle tecnologie di stampa digitale.

Tre arresti per un furto in una abitazione.

14/04 I Carabinieri della Stazione di Scalea, unitamente ai militi della stazione di Orsomarso, hanno tratto in arresto tre persone, Angelo Ambrosio di 25 anni, Carmine Manco di 27 anni, Cantino Servidio di 37 anni, tutti pregiudicati, per furto aggravato in abitazione. Il furto è avvenuto il giorno di pasquetta.

Un arresto a Diamante

14/04 Un impiegato di 57 anni, Vincenzo Sirimarco, è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Diamante in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione con relativo decreto di spospensione, per invasione di terreni.

Niente parcheggi su via Roma tra via Cattaneo e via Simonetta

13/04 Ancora una scelta unilaterale che lascia scettici i cittadini che devono sorbirsi una decisone senza essere stati coinvolti. Questa mattina i commercianti di via Roma sono stati ricevuti dall’assessore Cavalcanti per discutere del problema dei nuovi ingombranti spartitraffico di gomma installati sull’importante arteria cittadina che dovrebbero servire a favorire il traffico dei mezzi pubblici. Già nei giorni scorsi, i suddetti spartitraffico sono stati oggetto di eventi di cronaca perché alcuni anziani, inciampati sugli stessi, hanno rischiato seriamente di farsi del male. E' notizia di oggi che altre due persone, un uomo ed una donna sono inciampate negli ingombranti manufatti gialli ed una di loro è stata soccorsa in autoambulanza per la brutta caduta presa. Nella riunione di stamattina, però, è scaturita la novità. Per favorire i commercianti, i presenti alla riunione, il consigliere Ciacco, il consigliere Del Giudice, presente nella doppia veste di politico e di commerciante perché il suo esercizio è ubicato nella zona interessata, e gli altri commercianti della zona interessata, hanno travato una soluzione di comodo, a loro dire, che favorirebbe il deflusso del traffico, di fatto dimezzato dopo l’introduzione degli spartitraffico che delimitano la corsia degli autobus. La soluzione sarebbe quella di eliminare i parcheggi tra via Cattaneo e via Simonetta. Gli unici parcheggi possibili per gli abitanti di questa zona già penalizzati per l’introduzione delle strisce blu. E i cittadini? Non sono stati ne invitati nè sentiti. Già tra gli abitanti della zona si sono levate le prime proteste. Per lunedì prossimo, a detta dell'Ass. Cavalcanti, dovrebbe entrare in vigore la decisione. A tal proposito Cavalcanti ha già dato indicazioni al Comandante della Polizia Municipale per l’ampliamento della percettibilità della strada, attraverso l’utilizzo di quella parte attualmente destinata a parcheggio. Alla faccia dell'amministrazione partecipativa!

I dipendenti della Emiliana Tessile di Cetraro occupano il Comune

13/04 Sono oltre un centinaio di persone, tra i quaranta dipendenti della Emiliana tessile e i loro parenti, coloro che questa sera hanno deciso l'estremo gesto di occupare il Comune di Cetraro per protestare contro la situazione che vede i lavoratori del comparto tessile senza lavoro ed in cassa integrazione da alcuni mesi. L'estrema decisione è stata presa dopo che il proprietario dello stabilimento, Angelo Marani di Reggio Emilia, non si è presentato all'incontro concordato precedentemente con i lavoratori. Gli stessi non sono rimasti soddisfatti allorchè all'incontro hanno trovato il legale in rappresentanza del titolare dello stabilimento. Il Prefetto di Cosenza. Diego D'Amico, messo al corrente dei fatti dagli stessi lavoratori, ha indetto per domani mattina una riunione nella quale sarà fatto il punto della situazione.

Sequestrati 27 videopoker illegali. Otto persone denunciate.

13/04 In una operazione dei Carabinieri della compagnia di Rossano, mirata a reprimere il gioco d’azzardo con apparecchiature elettroniche, sono stati sequestrati 27 apparecchi di videopoker illegali e sono stati denunciate, in stato di libertà, otto persone tra gestori e titolari dei pubblici esercizi e di sale gioco in cui erano poste le macchinette. L’operazione è stata eseguita controllando numerosi locali pubblici e circoli provati di Rossano, Cropalati, Calovero e Cariati.

Un morto in un incidente stradale ad Amantea

13/04 Un uomo di 39 anni, Pietro Ruggiero, oriundo italiano, nato e residente in Belgio, è deceduto in un incidente tra la propria vettura ed un furgone condotto da Giovanni Luca di 32 anni da Cosenza. Il sinistro è avvenuto lungo la statatle 18 tra Campora San Giovanni e Amantea. Il povero Ruggiero, in Calabria per le festività pasquali, è morto sul colpo. Illeso il conducente del furgone. Sull'incidente sono in corso gli accertamenti della Polizia stradale di Scalea.

Cordoglio del Sindaco per la scomparsa dell’artista Mario Mauro

13/04 Cordoglio del Sindaco di Cosenza, Eva Catizone, per la scomparsa dell’artista cosentino Mario Mauro, avvenuta nel pomeriggio di ieri. Mario Mauro – ha detto Eva Catizone – rappresentava sicuramente uno degli avamposti di quel fervore culturale ed artistico che anima la nostra città e che negli ultimi tempi ha trovato un importante ed insostituibile punto di riferimento nella Casa delle culture. Con la sua scomparsa – ha affermato ancora il Sindaco - la città resta orfana di una delle personalità artistiche più effervescenti che aveva saputo apprendere al meglio la lezione di alcuni grandi maestri cui era stato vicino e che aveva avuto la possibilità di frequentare. Occorrerà ora impegnarsi tutti insieme, istituzioni ed i suoi amici più cari che vivono ed operano in questa città, perché la sua opera venga ricordata e valorizzata come merita.”

Il 28 aprile presentazione di Expo 2004 prevista per maggio a Cosenza

13/04 Mercoledì 28 aprile alle 11.00 a Roma nei locali della "Hostaria dell'Orso" verrà presentata 'Expo 2004' Fiera campionaria che si terrà a Cosenza dal 20 al 23 maggio. Alla conferenza di presentazione saranno presenti il ministro Maurizio Gasparri, il Presidente della Regione Chiaravalloti, gli assessori regionali Dima e Gentile, il vicepresidente della S.V.I., Francesco Samengo, il manager bancario Antonio Crusco, il Senatore Antonio Gentile, e gli ambasciatori ed i consoli dei piu' importatati paesi dell'area del Mediterraneo. "Una conferenza - ha detto il Presidente di Protekos, Umberto De Rose - che servirà a presentare all'opinione pubblica nazionale la grande manifestazione fieristica che si terra' a Cosenza dal 20 al 23 maggio. Avremo centinaia di espositori - ha continuato Umberto De Rose - che hanno la capacita' di internazionalizzare, dopo aver saputo creare impresa grazie al sostegno dei patti Territoriali. La manifestazione di maggio - ha aggiunto De Rose - rappresenterà l'avvio operativo di un investimento strutturale e di marketing che Protekos offre alle imprese che ha incubato, come momento di grande sbocco commerciale". Cosenza, ha concluso Umberto De Rose, "dopo tanto tempo vedrà arrivare visitatori qualificati e prestigiosi diplomatici, ministri e rappresentanti dell'alta finanza che ne scopriranno la bellezza storica e la sua vocazione al dinamismo

Iride Risorse Job Tour, unica tappa in Calabria, a Cosenza il 20 aprile

13/04 "Iride Risorse Job Tour'', l'appuntamento annuale organizzato da Manpower per i giovani in cerca di occupazione, fara' tappa, unica in Calabria, a Cosenza il 20 aprile. Il tour si propone di far consocere il mondo del lavoro ai giovani. Per il responsabile dell'orientamento per l'imprenditoria del Comune di Cosenza, Giovanni Cuconato, "Il progetto Iride Job Tour si integra perfettamente con la programmazione dell'Amministrazione comunale a favore dei giovani in cerca di occupazione. Sta ormai tramontando tra i giovani l'idea del posto fisso e si comincia a capire che le opportunità di lavoro vanno ricercate diversamente".

Approvato dalla Regione il PIT delle "Serre cosentine", Principe soddisfatto.

13/04 Nell’ambito delle politiche comunitarie, i PIT rappresentano l’unico e fondamentale strumento di programmazione in grado di favorire la crescita economica e sociale del territorio. Essi, infatti, incarnano l’aspetto più interessante del POR, in quanto prevedono una programmazione dal basso, a medio e lungo termine, che si basa sulla concertazione tra i Comuni di un’area più o meno vasta.
Il PIT N° 8 Serre Cosentine ha riscosso grande apprezzamento e successo perché, oltre a stabilire una serie di interventi pubblici nei vari territori dei 16 Comuni, mette in piedi un vero e proprio progetto di sviluppo in cui, anche le opere pubbliche, sono finalizzate a centrare obiettivi di crescita economica e sociale.
Si è puntato, in particolare, sulla rivalutazione dei Centri Storici, attraverso la realizzazione di opere pubbliche che rientrano, però, in una politica di recupero che mira a creare nuova occupazione e sviluppo, favorendo flussi di turismo culturale.
Il PIT, infatti, prevede sostegni forti alle aziende turistiche, finalizzati ad aumentare la ricettività nei centri storici.
Convinti che una politica di turismo culturale, oltre a favorire il recupero dei beni ambientali e culturali, debba necessariamente favorire lo sviluppo dell’artigianato artistico e dei prodotti tipici, abbiamo studiato un meccanismo che favorisce l’accesso dei giovani all’artigianato, attraverso l’istituzione di corsi di formazione, tenuti direttamente da vecchi artigiani che, per svolgere il ruolo di formatori, riceveranno un compenso adeguato. Anche i giovani che frequenteranno le botteghe artigianali riceveranno un “bonus” biennale.
E’ stata prevista, inoltre, anche l’istituzione di un Centro Servizi, in modo da poter catalogare i prodotti tipici e dare sostegno alle micro-aziende che, spesso, sono carenti di una serie di attrezzature o che, comunque, hanno difficoltà a rapportarsi con il mercato nazionale ed internazionale.
Ciò che, però, rende ancor più interessante il PIT delle Serre Cosentine è la filiera dell’Innovazione, che mira a legare la ricerca, prodotta dalla nostra Università degli Studi della Calabria, con il mondo dell’impresa. Il sostegno, pertanto, sarà indirizzato a favorire l’incubazione di impresa (quindi, anche alle micro-imprese e agli spin-off) e a sostenere tutte quelle aziende che vogliono venire sul territorio per utilizzare la ricerca dell’università, portata avanti come ricerca applicata, con la formazione di laboratori concepiti, come vere e proprie società, in cui è presente non solo l’università ma anche aziende private. Naturalmente anche la Filiera dell’Innovazione sarà supportata dall’Alta Formazione. In questo contesto, è opportuno sottolineare come, in un Paese che non investe più in ricerca e che penalizza il sistema universitario, dove i ricercatori devono andare all’estero per poter proseguire la loro formazione e le loro ricerche, i 16 Comuni del PIT N°8 sono stati così innovativi, da sostituirsi addirittura all’opera dello Stato.
“Il nostro PIT –aveva più volte dichiarato Sandro Principe nei giorni scorsi- ha tenuto conto soprattutto delle peculiarità del territorio, su cui gravitano diversi centri storici (da quì la Filiera della Memoria) e del fatto che esso è sede dell’università della Calabria (da qui la Filiera dell’Innovazione).
Nel Piano Integrato Territoriale, inoltre, abbiamo inserito anche il Patto per il Sociale, attraverso cui effettuare uno screening completo di tutto il disagio presente sul territorio ed il sostegno, attraverso l’erogazione di un buono, alle famiglie bisognose che hanno al loro interno persone colpite da disagio ed alle imprese sociali che vorranno operare in questo settore, con l’ erogazione di contributi a fondo perduto in conto capitale pari al 50% dell’investimento. E’ un Piano che fa onore alla Calabria, così come hanno osservato tutti coloro che lo hanno studiato in diverse parti del Paese, comprese alcune sedi prestigiose della capitale morale ed industriale dell’Italia, che è Milano.
Esso potrà, se attuato, dare risposte concrete alle domande più urgenti che provengono dalle giovani generazioni ed essere un esempio di come questa regione può legarsi al mondo della produzione, attraverso un percorso che non può più essere di tipo tradizionale.
Su questo versante, infatti, le imprese dell’Estremo Oriente e dell’est europeo sono ormai fortemente competitive. Noi dobbiamo puntare, invece, ad un’industrializzazione indirizzata verso i settori ad alto contenuto tecnologico dove il valore aggiunto, rappresentato dalla ricerca e dall’innovazione, renda competitivi i nostri prodotti” .
“Sono assai soddisfatto – ha affermato oggi Sandro Principe, dopo l’approvazione, da parte della Regione Calabria, del PIT “Serre Cosentine” – non tanto e non solo perché il nostro PIT è uno dei 4 approvati a fronte dei 23 presentati, ma soprattutto perché, mi risulta, sia stata enormemente apprezzata la sintesi delle prospettive di sviluppo che in esso abbiamo elaborato ed in cui abbiamo ben coniugato memoria ed innovazione, tenendo soprattutto conto di quella che è la realtà del territorio”. “Da subito – ha concluso il Presidente del PIT – partirà la fase infrastrutturale, legata al recupero dei Centri Storici, in modo tale che si possano creare immediatamente i presupposti essenziali per attuare serie politiche di turismo culturale. Mi auguro, però, che in tempi altrettanto brevi, venga avviata anche tutta la parte che riguarda lo sviluppo vero e proprio e che mira a sostenere, in particolare, l’artigianato artistico e l’innovazione. Quest’ultima ipotesi, che vuole utilizzare appieno la ricerca applicata della nostra università, rappresenta davvero una seria prospettiva di crescita economica e sociale, l’unica in grado di farci stare in campo in un mondo sempre più globalizzato e strettamente collegato alle nuove tecnologie. Essa, infatti, è la proposta più credibile ed affascinante, che realmente potrà offrire ai nostri giovani una speranza ed una certezza per il futuro”.

Asfaltata ex novo via Bruno Amantea

13/04 Non è neanche passata una settimana dalla nostra denuncia fatta per le vergognose condizioni in cui si trovava via Bruno Amantea, con canaloni e buche profonde, che l'Amministrazione comunale ha prontamente raccolto la nostra denuncia ed ha provveduto a rifare ex novo il manto di una delle strade, più frequentate dai mezzi, della nostra città. Come un regalo di Pasqua l'impresa asfaltatrice ha fatto tutto a tempo di record. Questa mattina aveva grattato tutto quello che era rimasto della vecchia superficie asfaltata e nel pomeriggio ha terminato i lavori restituendo a via Bruno Amantea un manto nuovo di zecca. E' lecito dare il giusto risalto non solo alla denuncia delle disfunzioni cittadine ma anche della loro risoluzione definitiva, come in questo caso. Sperando che adesso si continui con le altre strade interessate, ringraziamo da cittadini, l'Amministrazione comunale.

Ricordo dell'artista Mario Mauro alla casa delle Culture

13/04 (Uscc) La scomparsa dell’artista Mario Mauro ha profondamente colpito la città. Dalla Casa delle Culture giunge questo ricordo: “E’ con grande dolore che questa mattina abbiamo appreso la notizia riguardante la scomparsa di Mario Mauro. Uno dei più illustri pittori della nostra terra che, proprio alla Casa delle Culture lo scorso anno, aveva scelto di presentare una splendida raccolta di opere che abbracciavano il lavoro di una vita interamente dedicata all’arte tra enormi sacrifici e sofferenze. Senza retorica, ci sentiamo di dire che Mauro era, ed è ancora, parte di quel genius loci, che ha reso possibile la trasformazione di questa città. Mauro era, ed è, soprattutto un artista che ha contribuito enormemente ad un’evoluzione concreta delle arti figurative nel Mezzogiorno d’Italia.Nel dargli l’ultimo caro saluto, ci piace ricordarlo abbracciato al suo amico Renato Guttuso, mentre sorride, consapevoli di aver perso, oltre ad un amico, un grande artista.”

MusicaInsieme, rassegna regionale alla Città dei ragazzi

13/04 (Uscc) La Città dei Ragazzi e il Comune di Cosenza -Assessorato alle Politiche Scolastiche e del Tempo Libero- indicono e organizzano la rassegna regionale di esecuzione musicale per gruppi di musica d’insieme “MusicaInsieme”.
L’iniziativa nasce con l’intento di creare un evento musicale che favorisca l’incontro delle diverse realtà presenti sul territorio regionale, con l’obiettivo primario di creare uno spazio e un momento di raccordo, di far conoscere e valorizzare il lavoro svolto dalle singole scuole ma, soprattutto, di promuovere momenti di aggregazione, socializzazione, confronto e scambio, attraverso un progetto musicale comune privo di competizione.
La rassegna è aperta ai giovani musicisti delle scuole calabresi – scuole medie ad indirizzo musicale e scuole statali di I° grado in cui siano attivi laboratori di sperimentazione musicale – e si terrà a Cosenza, presso la Città dei Ragazzi, nei giorni 20 e 21 maggio 2004.
- I giornata, giovedì 20 maggio
Performance pubblica Strutturata come evento multimediale, prevede il posizionamento dei gruppi dislocati su varie postazioni della Città dei Ragazzi. L’inizio delle esibizioni sarà scaglionato e introdotto da brevi interventi teatrali. Il pubblico sarà itinerante. Ogni gruppo può partecipare con l’esecuzione di uno o più brani, a scelta dei partecipanti, della durata massima complessiva di 10 minuti. L’esecuzione deve essere delegata esclusivamente ai ragazzi. L’insegnante, e chiunque abbia collaborato alla preparazione dei ragazzi, può dirigere la formazione, e solo se strettamente necessario suonare uno strumento.
Non sono ammesse basi musicali pre-registrate su audiocassetta o CD.
-II giornata, venerdì 21 maggio
- Incontro-dibattito “Musica a scuola, oggi e domani”
Vuole favorire il confronto e lo scambio di informazioni, riflessioni e documentazioni di esperienze, nonché offrire l’occasione per una riflessione sullo stato attuale e sulle prospettive dell’insegnamento musicale in Italia. All’incontro prenderanno parte rappresentanti istituzionali del mondo della scuola, operatori culturali, pedagogisti e quanti, tra docenti e dirigenti scolastici, ne faranno richiesta.
- ”Facciamo Orchestra!”.
Incontro di studio. I ragazzi, sotto la guida di un Direttore d’orchestra, eseguiranno il brano orchestrale di Edward Elgar (1857-1934) “Pomp & Circumstance Marches Op.39” (brano d’obbligo).
Il brano dovrà essere preparato singolarmente da ciascun gruppo, con l’ausilio dei rispettivi insegnanti, durante l’attività scolastica. Le parti del brano d’obbligo saranno fornite nel più breve tempo possibile previa richiesta telefonica ai numeri: 0984.813560 - 8130559 (Scrigno Azzurro). La partecipazione alla rassegna è gratuita. Tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti. Le domande di partecipazione dovranno pervenire, entro e non oltre il 30 Aprile 2004, su apposito modulo, a: CITTA’ DEI RAGAZZI-VIA PANEBIANCO, COSENZA (Oppure via fax al num.0984.825282) unitamente all’elenco dei partecipanti, e relativo strumento, a firma del responsabile.
Sono in corso i seguenti patrocini: MIUR Direzione Scolastica Regionale della Calabria, I.R.R.E. Istituto Regionale Ricerca Educativa, REGIONE CALABRIA Assessorato alla P. I. e Cultura, CSA Ufficio Scolastico Regionale Centro Servizi Amministrativi di Cosenza, UNICAL Dipartimento di Scienze dell’Educazione Per informazioni: sito Internet www.comune.cosenza.it/home.html, (link Città dei ragazzi e Bandi e concorsi). Città dei Ragazzi 0984.813560 (Scrigno Bianco-Segreteria generale), 0984.813559 (Scrigno Azzurro-Laboratori

Incendio doloso all'Istituto Papa Giovanni di Serra d'Aiello.

12/04 E' di natura sicuramente dolosa, secondo quanto emerso dai primi accertamenti, l'incendio che si è sviluppato nella scorsa notte nell'Istituto Papa Giovanni XXIII di Serra d'Aiello. Sicuramente mani vigliacche hanno approfittato della notte per dare il proprio infame segnale ad una struttura martoriata, già al centro dell'attenzione, in questi giorni, per la denuncia del Vescovo Mons. Agostino, che ha voluto portare le coscienze di tutti su di una situazione a dir poco scandalosa. Quattrocento persone ricoverate in condizioni precarie e settecento dipendenti che aspettano da luglio lo stipendio. Struttura da rimettere a posto di sana pianta, e oggi alle molte parole, addirittura la maggior parte solo per scaricarsi le colpe e accusare chi ha avuto il coraggio di denunciare lo stato dei fatti, registriamo anche l'atto doloso. C'è da rimanere più che amareggiati per quanto sta accadendo intorno ad una struttura, nata come istituto di sollievo e fatta diventare un qualcosa di indefinibile. Ora l'incendio di matrice dolosa dà un cupo aspetto all'intera vicenda. Che razza di segnale è mai questo? Intanto i fatti dicono che le fiamme, c'è voluta oltre un ora di lavoro dei vigili del fuoco per domarle, sono partite dal ripostiglio adibito a deposito per indumenti e materassi. I degenti, svegliati dal personale dell'istituto, sono stati portati in un terrazzo e poi riportati in piena notte nelle loro stanze dopo che i vigili hanno avuto ragione dell'incendio. Nessun ferito tra i degenti e tari il personale. Rimane solo la paura di un brutto sogno ed una struttura che ora da pure fastidio. Per adesso registriamo soltanto l'avvio delle indagini da parte dei carabinieri. Avremo preferito, però, raccontarvi di qualcosa dal sapore un pò più pasquale, di una sorpresa per i quattrocento "dimenticati" di Serra d'Aiello. Dobbiamo continuare a registrare però, ancora, soltanto miseria.

Controesodo: primo bilancio positivo. Attenzione a banchi di nebbia a Frascineto e a Lauria

12/04 Positivo primo bilancio del controesodo. Bollettino dell'Anas: "Finora l'autostrada Salerno-Reggio Calabria ha retto all'urto del controesodo, nonostante il maltempo e i pesanti flussi di traffico (fino a 3.600 autovetture all'ora nell'area salernitana). Questa mattina si e' registrato traffico intenso nell'area salernitana e qualche rallentamento nella zona di Pontecagnano e Battipaglia e all'altezza di Contursi. Nel pomeriggio, dopo le ore 15.30, il traffico si e' andato intensificando, in particolare nel tratto campano. Si sono verificati rallentamenti e code a tratti di 1 km, al massimo 2 km, in corrispondenza dei cantieri di lavoro inamovibili presenti tra Pontecagnano e Battipaglia, ma senza particolari criticita'. La circolazione invece e' stata fluida per tutta la giornata nel tratto calabrese e in quello lucano, dove pero' continua tuttora il fenomeno dei banchi di nebbia nei tratti tra Lagonegro e Lauria Sud e tra Frascineto e Mormanno, con visibilita' inferiore ai 100 metri e obbligo di velocita' non superiore ai 50 all'ora. La prima giornata di controesodo ha fatto registrare notevoli flussi di traffico, ma tempi di attesa ridotti, grazie soprattutto al lavoro incessante delle squadre specializzate dell'Anas (in tutto 300 uomini) che hanno aperto a fasi intermittenti un'ulteriore corsia con traffico pilotato nella zona di Pontecagnano, che ha consentito di smaltire rapidamente le code. Nella mattinata di domani e' previsto traffico intenso dalle ore 8 alle ore 13, in particolare nel tratto campano della A3, e in serata dalle ore 18 alle ore 21".

Concesse in Italia 445.520 pensioni di invalidità. Cosenza tra le città con maggior carico di lavoro da definire.

12/04 Sono 445.520 le pensioni di invalidità concesse nel 2003. Ben l'11.6% in più rispetto all'anno precedente. Però analizzando la mole di lavoro svolto e quello da svolgere Cosenza conquista un prima negativo. In fatti è la città con il maggior carico di lavoro da definire. Il capoluogo dei Bruzi ha ben 3.334 giacenze da definire. Un primato negativo che supera addirittura quello di Napoli che, rispetto all'anno precedente, ha quasi dimezzato le sue giacenze passando dalle 5.024 del 2002 alle 2.993 del 2003. Una diminuzione del 40.4%. Bisogna anche dire, però, che Cosenza ha avuto anche lei una flessione nelle giacenze, rispetto all'anno precedente, del 18,3%. Se a Napoli le domande pervenute sono state 14.184, su di una popolazione più vasta, a Cosenza le domande pervenute sono state 10.538.

Insediato il direttore generale dell'AS di Castrovillari, Antonio Crusco

12/04 Si è insediato il neo direttore generale della Azienda Sanitaria di Castrovillari Antonio Crusco, che, appena insediato ha incontrato il Sindaco Blaiotta, presidente della Conferenza dei Sindaci Asl del Pollino. "Castrovillari ha in sè grandi potenzialità che vanno comprese ed indirizzate secondo obiettivi specifici. - Ha dichiarato subito Cursco, affermando che - c'è stata una grande sensibilità da parte di Blaiotta sui bisogni della sanità locale e volontà di instaurare un rapporto di collaborazione che sarà certamente proficuo e che va esteso a tutti i sindaci del territorio. Ho iniziato ad effettuare una seria perlustrazione che per me e' prodromica, nel breve-medio tempo, e sarò in grado, una volta completato il management, di portare avanti un'azione di razionalizzazione. Voglio salutare il direttore generale uscente, Giugni, che si e' speso tanto per l'azienda, lavorando con impegno e sacrificio. Su tante cose in itinere, sapremo dare continuita' alla sua opera".

Un arresto per inosservanza della sorveglianza speciale

12/04 I militari del Nuclo Operativo Radio Mobile di San marco Argentano hanno eseguito, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Cosenza, un arresto a carico di Domenico Spagnuolo di 31 anni per non aver osservato l'obbligo imposto della misura di prevenzione della sorveglianza speciale. Il pregiudicato doveva scontare quattro mesi di reclusione per il suddetto motivo. I carabinieri lo hanno condotto in carcere.

Tre arresti dei CC nella zona Jonica.

11/04 Due arresti sono stati effettuati dai Carbinieri del nucleo radiomobile di Rossano. Si tratta di Antonio Sofforino di 36 anni sorpreso in flagranza di reato mentre stava evadendo e Ottavio Federico di 38 anni per l'esecuzione di un ordine di cattura emesso dalla Procura della Repubblica di Nola. A Cariati, invece, i militi della locale stazione dei carabinieri hanno arrestato Giuseppe Covello di anni 32 per la revoca della misura di affidamento in prova ai servizi sociali.

A Portapiana carabiniere salva una donna dalle fiamme

10/04 Sfiorata la tragedia a Portapiana dove una donna di quarantatré anni, appisolatasi al tepore di una stufetta, si è ritrovata avvolta dalle fiamme. Evidentemente alcune scintille della stufa hanno dato fuoco alla coperta che l'avvolgeva. La donna ha avuto allora un brutto risveglio, ed ha cercato in tutti i modi di spegnere le fiamme che l'avevano avvolta. Non riuscendoci si è affacciata dal balcone di casa gridano aiuto. Il cielo ha voluto che un carabiniere, che stava passando di lì per andare a prendere servizio in caserma, ha udito le grida e si è precipitato, sfondando il portone dell'abitazione, nell'appartamento dove, assieme ad un barista ha spento le fiamme. I due hanno chiamato il 118 che prontamente intervenuto ha trasferito immediatamente la donna in ospedale. La donna, che vive da sola, ha riportato gravi ustioni.

Erogati 134 milioni di euro alle aziende sanitarie e ospedaliere calabresi

10/04 Per sopperire alle carenze di cassa delle aziende sanitarie e ospedaliere calabresi, sono stati erogati oltre 134 milioni di euro con un provvedimento emesso dal Dipartimento Regionale della Sanità. Ne dà notizia l'assessore regionale alla Sanità Giovanni Luzzo che afferma che le somme, pari a circa 270 miliardi di vecchie lire saranno immediatamente disponibili e consentiranno di soddisfare le esigenze dei creditori del servizio sanitario regionale come le farmacie, le case di cura ed i vari fornitori. Le assegnazioni maggiori riguardano le aziende sanitarie di Cosenza (24.542.902 euro), Catanzaro (20.790.597) e Reggio Calabria (11.381.204), mentre per le aziende ospedaliere a quella di Reggio Calabria andranno 4.060.182 euro; a quella di Catanzaro 2.511.377 euro, a quella di Cosenza 1.640.370 euro ed al Policlinico Materdomini di Catanzaro 2.111.287.

Vincenzo Gallo: "Serra d'Aiello, plauso a Mons. Agostino per aver fatto risaltare il problema di tanta gente abbandonata alla solitudine"


Tantissima gente alla Via Crucis

10/04 In una nota inviata dal Comune di Cosenza, l'Assessore ai Diritti del Cittadino, Arch. Vincenzo Gallo, plaude all'iniziativa del Vescovo, la Via Crucis all'interno dell'Istituto Papa Giovanni assieme ai degenti, tendende a risaltare il grave problema di tanta gente abbandonata alla solitudine, persone "dimenticate" da tutti, nell'Istitito Papa Giovanni XXIII. "La partecipazione alla via Crucis - ha dichiarato Gallo - nell’istituto Papa Giovanni di Serra d’Aiello dove sono ricoverate 400 persone, soprattutto disabili gravissimi, è stata una esperienza particolarmente toccante. Va dato atto a Monsignor Agostino di essere riuscito, con molta sensibilità ed efficacia, a richiamare l’attenzione sui problemi della struttura e dei 600 lavoratori, ma soprattutto sulle condizioni di vita e sulla solitudine di persone in stato di disagio estremo, invisibili ai più. Chi ritiene che le persone con disabilità siano una esigua minoranza deve riflettere sul fatto che alle persone ricoverate in istituti come quello di Serra d’Aiello va aggiunto il 5% della popolazione che vive in famiglia. Nelle scuole della sola città di Cosenza vi sono oltre 300 ragazzi con disabilità, quelli che frequentano l’Università della Calabria sono oltre 230 e tantissimi coloro i quali hanno finito gli studi o che non sono mai potuti entrare nel sistema scolastico e formativo. E’ evidente, pertanto, che a migliaia di persone sono negati diritti essenziali e che la classe dirigente, ma anche tutti i cittadini debbono fare maggiori sforzi per garantire il rispetto dei loro diritti e soprattutto condizioni di vita che non offendano la loro dignità. L’Amministrazione di Cosenza è particolarmente impegnata a raggiungere questi obiettivi e a valutare la possibilità di concorrere, per quanto possibile, anche alla soluzione dei problemi delle persone ricoverate a Serra d’Aiello.”

Il Sindaco Catizone esprime solidarietà al Vescovo

10/04 Il sindaco Eva Catizone, assente ieri alla Via Crucis in quanto fuori città, ha telefonato questa mattina a Monsignor Agostino per augurargli la Buona Pasqua ed esprimergli vicinanza e solidarietà da parte dell’intera Amministrazione comunale.

Sussidiarietà e corpi sociali intermedi. Serve ricostruire un sistema sociale pluralistico

10/04 (Savaglio) Del principio di sussidiarietà si è ritornati a parlare da alcuni anni, soprattutto dopo la nascita dell’Unione Europea, con il Trattato di Maastricht, basato proprio su tale principio. Tuttavia la sussidiarietà non è ancora rettamente intesa da parte delle istituzioni pubbliche e da parte delle forze politiche. Quella che viene in genere considerata è solo la sussidiarietà verticale, cioè la distribuzione di competenze tra Stato, Regioni, Province e Comuni. Questa stortura è stata determinata dalla “vittoria” politica di Bossi e della Lega Nord, e di vittoria si tratta, al di là dei numeri della loro rappresentanza parlamentare, intesa come capacità di porre tali temi al centro del dibattito politico ed istituzionale, e soprattutto al centro delle riforme legislative e costituzionali adottate prima dal centrosinistra nel corso della precedente legislatura ed ora dal centrodestra.
Ma c’è un altro significato della sussidiarietà, molto più importante, che è stato finora in Italia censurato dalle istituzioni, dalle forze politiche e dai cosiddetti opinion leader: il tema della sussidiarietà orizzontale, ovvero del principio che lo Stato interviene soltanto quando l’autonomia della società risulti inefficace, promuovendo e valorizzando la genialità creativa del singolo e delle formazioni sociali, riconoscendo la capacità di iniziativa.
Ciò è avvenuto nonostante la tradizione del nostro Paese sia quella di una Welfare Society, ovvero di una costruzione dal basso della società, a partire dai servizi, dalla scuola, dall’università, dai servizi per il lavoro e l’occupazione, che affondano le proprie radici nelle grandi istituzioni caritative, educative e sanitarie sorte fin dal Medioevo. Questa tradizione si è espressa, dalla seconda metà dell’800 in opere sociali, anche di natura economico-finanziaria (basti pensare in Calabria a don Carlo De Cardona), promosse dalle formazioni sociali (società di mutuo soccorso, scuole, casse di risparmio, ecc.). E questo modello italiano di Welfare Society è tuttora invidiato nel resto del mondo, nonostante i continui e spesso riusciti tentativi dello Stato di accentrare e statalizzare tali realizzazioni. La legislazione dovrebbe difendere, attraverso un riconoscimento di metodo e non per concessione, un’esperienza di privato sociale che ha prodotto e produce benessere sociali, rispettando il primato della persona rispetto allo Stato. E’ necessario riconoscere che anche il privato svolge una funzione pubblica rispondendo ai bisogni della società. Invece nel nostro Paese, anche la stessa riforma Bassanini, da molti evocata come grande strumento di riduzione del peso oppressivo dello Stato, con la sua idea di sussidiarietà come ripartizione di competenze tra enti pubblici, ha perpetuato l’equivoco che pubblico coincide con statale e che i servizi, i beni e le attività riferibili alla sfera degli interessi generali, debbano essere gestiti o erogati esclusivamente dalle amministrazioni statali.
La riforma della Costituzione attuata nella precedente legislatura (art. 118 u.c.) parla solo di “favorire” e non di riconoscere le formazioni sociali. La proposta di riforma, approvata in prima lettura dal Senato il 25 marzo 2004, ha inserito formalmente il riconoscimento.
E’ necessario invece che il principio di sussidiarietà diventi un principio sostanziale della nostra società. Sarebbe pertanto auspicabile che il legislatore (anche costituzionale) recepisse i criteri della libertà di associazione, della costruzione dal basso della società, soprattutto per settori fondamentali quali la sanità, la scuola, i servizi pubblici, il non profit, il lavoro e la famiglia. La società italiana deve recuperare il ruolo dei corpi sociali intermedi, cioè di quelle formazioni sociali esempio di libera aggregazione per il soddisfacimento di bisogni comuni. Le libere associazioni di persone e di famiglie, le organizzazioni non profit, il volontariato solidaristico, le associazioni di imprenditori e di artigiani, il movimento cooperativo, gli stessi sindacati, devono poter recuperare il ruolo che hanno storicamente occupato nella società italiana. Oggi invece sono spesso sottovalutati perché ritenuti portatori di interessi parziali ed obiettivi particolari. L’esigenza del riconoscimento del ruolo e della funzione pubblica dei corpi sociali intermedi è determinata dalla necessità della affermazione dell’immagine dell’Italia come quella di un paese segnato dalla sua tradizione di forte solidarietà sociale. Ciò non deve essere confuso con indiscriminati processi di privatizzazione selvaggia, cioè quelli che portano singoli soggetti ad appropriarsi di beni pubblici o della gestione di servizi pubblici contro l’interesse della collettività. E’ invece urgente la (ri)costruzione di un sistema sociale pluralistico dove lo Stato, il privato ed il privato non profit possano concorrere al meglio per dare risposte efficaci ai bisogni di tutti.


Per le notizie dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2005-2011 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti