HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Agenda 
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Spettacoli 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità
 Consumatori
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Innovazione
 Informatica
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità
 Scuola e Giovani
 Docenza
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca
dal 24 al 28 giugno

 

A Cosenza prove di caos

28/06 Una nuova ordinaria mattinata di folle traffico ha accolto i poveri automobilisti che si accingevano ad entrare in città da viale della Repubblica. Caldo sopra i trenta gradi, nervi a fior di pelle, clacson premuti a fondo e acqua nel radiatore che bolle. Un quadretto che avrebbe fatto innervosire anche il più tranquillo dei monaci camaldoelsi. In pratica per fare cinquecento metri, questa mattina, ci sono voluti 45 minuti. Ancora una volta al primo imprevisto, si è crepato un tubo portante dell'acquedotto, viene messo a nudo l'inesistente e rabberciato sistema viario di Cosenza. Ancora una volta la controprova che appena viene chiusa un pezzo di strada la città impazzisce e va in tilt. Fino alle 19 ancora il tratto di via della Repubblica era transennato con i lavori in corso e ancora i poveri automobilisti per arrivare a piazza dei Bruzi vedevano i tempi ridursi a "soli" trenta minuti. Trenta minuti per percorrere seicento metri. E non è solo che l'anticipo. Lunedì prossimo si chiude Piazza Kennedy. Roba da far accapponare la pelle solo al pensiero. Magari potremmo dotare la città, oltre che di un Planentario virtuale, anche di una auto virtuale da installare a casa sui proprio computer così se ci si vuol muovere si può pensare di farsi un giro digitale per le vie di internet. Con la buona pace dei benpensanti, dei commercianti e dei bambini cresciuti nel monossido di carbonio.

Sentenza Cosenza Calcio: Il tifo rossoblù si organizza

28/06 Due importanti appuntamenti quest'oggi tra i tifosi rossoblù. Alle 18 in piazza XI settembre circa duecento tifosi, capeggiati dal Coordinatore dei Club Domma hanno inscenato un sit in di protesta contro la situazione che non vede ancora alcuna soluzione per la vicenda del Cosenza Calcio. All'appuntamento erano presenti l'on. Giacomo Mancini, e Franco Corbelli. I partecipanti la manifestazione hanno infine deciso di ritrovarsi mercoledì mattina alle 9 davanti il Comune per portare la loro protesta in consiglio comunale. Di diverso avviso gli ultrà che si sono ritrovati alle 21 nella villetta di Piazza Zumbini. Oltre duecento i presenti che sono stati riuniti in assemblea per decidere le forme di protesta da prendere per i prossimi giorni. Di sicuro qualcosa faranno giorno 2 luglio. Il tipo di protesta, però, è totalmente top secret.

Ripresa la normalità del traffico ferroviario. Liberata la stazione di Montecorvino

28/06 Un fine blocco incruento, per fortuna. Gli occupanti della stazione di Montercorvino Rovella questa sera hanno tolto il blocco. I manifestanti, verso le 20.30, hanno lasciato la stazione permettendo il ripristino del normale traffico nazionale ferroviario. Un atto di responsabilità, dicono. Altri affermano che sono stati, soprattutto, gli appelli istituzionali, su tutti quello del Presidente Ciampi, che hanno richiamato i cittadini di Montecorvino alla responsabilità. Sta di fatto che la proposta del ministro per l'Ambiente Matteoli sancisce la chiusura definitiva della discarica di Parapoti, ma solo tra otto mesi a partire dal 20 luglio. Una vittoria per chi vuole vederla con gli occhiali della saggezza. Intanto il primo treno che è passato, un Eurostar Roma-Reggio Calabria, ha distribuito gli applausi dei suoi occupanti, diretti soprattutto alla decisone dei cittadini che hanno deciso di rimuovere il blocco e terminare la protesta. Nella stazione si era già schierata una lunga sequenza di carabinieri e celerini pronti ad intervenire. Ma non c'è n'è stato bisogno. La saggezza ha prevalso, ancora una volta, sulla forza.

Nuovo avvertimento mafioso al giornalista Fresca a Vibo

28/06 Nuovo preoccupante messaggio lanciato a Lino Fresca, cronista della 'Gazzetta del Sud' al quale nella notte tra sabato e domenica e' stata data alle fiamme l'autovettura. Nelle prime ore di questa mattina due bottiglie da litro di plastica piene di benzina, sono stata trovate accostate al cancello del Lido Proserpina della frazione Marina, gestito dalla Cooperativa 'Vibonia Turistica' di cui Fresca e' uno dei soci fondatori. A trovare le bottiglie un bagnino che lavora al lido. Probabilmente i malviventi volevano dare fuoco alla struttura. Disturbati da qualcuno non hanno pero' potuto portare a compimento il loro disegno criminoso. Il nuovo attentato sarebbe dovuto servire come continuazione dell'attentato di sabato notte. In quell'occasione da una tanica di un grosso bidone contenente 25 litro di carburante una quindicina furono versate sulla Haxundai Trajet del giornalista che praticamente e' saltata in aria. Si va intanto rafforzando l'ipotesi che i malviventi abbiano compiuto l'intimidazione per gli articoli da lui pubblicati sugli episodi di violenza accaduti negli ultimi due mesi a San Gregorio D'Ippona, sua paese di origine.
Solidarietà è venuta da molte persone della politica e delle istituzioni:
La solidarietà del Ministro Gasparri: "L'atto intimidatorio che si e' verificato a Vibo Valentia contro il giornalista della Gazzetta del Sud Lino Fresca, già oggetto di altri attentati, e' un ennesimo episodio che conferma la preoccupante sequenza di fatti di violenza che si sono verificati nella città calabrese. Atti di questo genere vanno considerati in tutta la loro gravita'. Ci auguriamo che i responsabili di questa azione siano presto individuati e assicurati alla giustizia. A Lino Fresca tutta la nostra solidarieta' e il sostegno per la sua attivita' giornalistica che, siamo certi, proseguira' con lo stesso impegno civile".
La solidarietà dell'assessore regionale ai trasporti Stillitani: "Non si puo' che esprimere tutta la solidarietà umana all'amico Lino Fresca per il vile attentato di cui e' stato vittima. Si tratta di un attentato non senza significato per il ruolo che Fresca svolge al servizio della pubblica opinione. Dinanzi ad episodi cosi dirompenti per la convivenza civile e democratica la Calabria deve saper trovare tutte le ragioni che uniscono l'insieme delle rappresentanze politiche, istituzionali e sociali per respingere intimidazioni ed attacchi lesivi della libertà personale e della libera informazione volta ad affermare l' interesse generale".
La solidarietà del portavoce della presidenza della Regione, Fausto Taverniti "L' informazione, quella che nella nostra visione e' sempre corretta e 'libera' da ogni condizionamento, non puo' accettare tentativi di minaccia rivolti contro chi compie un servizio nei confronti della collettività. Il susseguirsi di tali gesti contro la societa' civile osserva Taverniti - denota in Calabria, semmai, la fragilita' della criminalita' organizzata a seguito della convergente azione di lotta da parte delle istituzioni, della magistratura, delle forze dell'ordine e delle forze sociali. Insieme alla solidarieta' nei confronti del collega, quindi - scrive Taverniti nel messaggio - piu' forte deve essere il sostegno a chi nella prima linea dell' informazione tenta di contribuire con il proprio impegno nella lotta ai disegni criminali, piu' o meno manifesti"
La solidarietà del deputato e vicecoordinatore regionale di Forza Italia, Pittelli "L'atto intimidatorio compiuto a Vibo Valentia ai danni del giornalista Lino Fresca conferma la preoccupante sequenza di atti di violenza che si stanno verificando nella nostra regione. Abbiamo il dovere di dire basta - ha aggiunto Pittelli - alle azioni criminali di chi tenta di ostacolare l' attivita' degli amministratori e basta a chi, con vigliaccheria, vorrebbe fermare il quotidiano impegno degli organi di informazione.A Lino Fresca tutta la solidarieta' per quanto accaduto, ma anche il sostegno per la sua attivita', che sono certo continuera' a svolgere con immutato impegno civile".
La solidarietà di Beniamino Donnici (IDV): "Nell'esprimere i sentimenti della più viva solidarietà' ed amicizia a Lino Fresca, non possiamo non sollecitare istituzioni, forze politiche e sociali di una terra ormai di frontiere qual'è diventata la provincia di Vibo Valentia alla massima vigilanza e mobilitazione democratica. Siamo certi che gli inquirenti, leggendo i tanti coraggiosi resoconti di questi mesi del giornalista, troveranno spunti interessanti per dare una chiave di lettura al gesto criminale ed individuare responsabili e mandanti. Comprendiamo i sentimenti di scoramento e paura che affiorano nelle parole di Fresca. Siamo veramente al punto di non ritorno e bisogna chiarire una volta per tutte se in alcune aree della Calabria esista una sorta di condizione di extraterritorialita' ovvero se sia ancora possibili per giornalisti, politici, imprenditori, amministratori che vogliono fare il proprio dovere ricevere la garanzia della propria incolumita' e di quella dei familiari, altrimenti la barbarie e' dietro l'angolo. In questi anni si e' affievolita fin quasi ad azzerarsi l'azione di contrasto alle organizzazioni criminali ed essa deve riprendere prima che sia troppo tardi, potenziando gli organici di magistratura ed apparati di polizia, realizzando un effettivo coordinamento degli strumenti disponibili, sequestrando i beni delle organizzazioni criminali, rendendo certe e pesanti le pene. Ma tutto questo sarebbe ancora inutile in mancanza di uno scatto di dignita' del popolo calabrese che deve vincere paura e rassegnazione ed avviare la stagione della sua rinascita culturale, sociale, civile ed economica".

Campeggio contro il Ponte sullo stretto dal 2 all'8 agosto

28/06 Si svolgerà' dal 2 all' 8 agosto prossimi il campeggio contro il
Ponte sullo stretto, l' iniziativa promossa annualmente dal Comitato che si oppone alla realizzazione del manufatto. "Il campeggio - e' detto in un comunicato - e' un'iniziativa che nasce dai bisogni delle terre del Sud che da anni vengono sfruttate nelle risorse ambientali ed umane. Oggi la mega-infrastruttura del ponte viene presentata come la soluzione dei problemi del Mezzogiorno. Come se bastasse un ponte a cancellare gli annosi problemi di abbandono delle terre, della disoccupazione, dell' emigrazione, della mafia, e della devastazione ambientale. Le popolazioni locali e i movimenti vedono, invece, in questa 'Grande opera' solo l' ennesima beffa ai danni della gente e di un territorio, ricco di bellezze naturali, parchi marini, montani, specie protette,panorami mozzafiato, gia' duramente provato dall'edilizia selvaggia e dall' abbandono delle zone montane, dai cantieri sempre aperti dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria e dalle mille opere incompiute ed inutili come le cattedrali nel deserto disseminate in tutto il Mezzogiorno". "Il campeggio contro il ponte - affermano i promotori dell'iniziativa in un comunicato - rientra in un ampio percorso di lotte, che gia' da diversi anni ci vede impegnati nelle mille vertenze territoriali del Sud. Il ponte, o meglio il "Mostro sullo Stretto", e' allora il simbolo di uno 'sviluppo' che, dietro il ricatto della disoccupazione e della disperazione legata alla mancanza di lavoro, da decenni continua a imporci ogni genere di opera inutile e dannosa, che non solo non risolve i problemi gia' presenti, ma al contrario contribuisce, in modo decisivo, a peggiorare la nostra qualita' della vita e quella dei nostri figli. Non accetteremo mai che lo Stretto diventi un cumulo di ferraglie e cemento. Ecco perche' chiediamo alla gente, ai movimenti, alle popolazioni calabresi e siciliane ma anche a tutte le altre, di lottare con noi contro questo eco-mostro e avere il coraggio di sognare un altro Sud". Nel corso del campeggio avranno luogo una serie di incontri, dibattiti e spettacoli.

I lavoratori della Smeco, in grave situazione di disagio, incontrano Oliverio.

28/06 Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ha incontrato oggi pomeriggio i lavoratori ed i rappresentanti sindacali della Smeco, la società che gestisce gli impianti di depurazione per conto dell' Ambito territoriale ottimale (Ato). Presente il dirigente dell' Ato, ingegner Francesco Collorafi, i lavoratori, riferisce una nota della Provincia, "hanno prospettato ad Oliverio la grave situazione di disagio in cui versano a causa della mancata corresponsione di sei mensilità, annunciando iniziative di agitazione, compresa quella dello sciopero". Dall'incontro e' emersa "l' inadempienza di molti Comuni che, pur riscuotendo i canoni relativi alla depurazione e che per legge debbono essere versati su apposito capitolo, continuano a registrare gravi ritardi nel pagamento delle somme dovute". Il presidente Oliverio, dal canto suo, ha ribadito la "massima attenzione verso i problemi dell'ambiente ed in particolare verso il sistema di depurazione. Nei prossimi giorni- ha detto Oliverio - assumeremo una forte iniziativa sul problema della depurazione, chiamando i diversi soggetti interessati ad una assunzione di responsabilità. Le problematiche del disinquinamento devono essere al centro di un'azione costante delle istituzioni ed avere una attenzione nuova da parte dei cittadini e del sistema delle imprese. In questo campo - avverte Oliverio - chi sbaglia o non assolve compiutamente le proprie funzioni deve pagare. Il patrimonio ambientale ed in particolare la salubrità del mare e dei fiumi, costituisce una miniera che per essere utilizzata e resa produttiva per la nostra economia deve essere difesa. Lanceremo dalla Provincia la campagna 'Mare da bere' ed entro la prossima settimana terremo due iniziative, una sullo Ionio e l'altra sul Tirreno, coinvolgendo tutti gli amministratori locali, le organizzazioni sindacali, le forze sociali, le forze dell'ordine e le Capitanerie di Porto". Oliverio, al fine di venire incontro alla domanda dei lavoratori Smeco e dei sindacati, ha sollecitato un' assunzione di responsabilità ai diversi soggetti interessati, rivolgendosi in particolare ai Comuni, ai quali ha chiesto "uno sforzo immediato e non procrastinabile circa il versamento all' Ato degli oneri relativi alla depurazione, per consentire il pagamento delle spettanze ai lavoratori". A questi ultimi, il Presidente della Provincia ha chiesto di "garantire la continuità del servizio, pur nella consapevolezza del sacrificio cui sono stati costretti". Avvertendo la grande difficoltà dei lavoratori, il presidente Oliverio ha invitato il dirigente dell'Ato, Collorafi, a "mettere in pratica un altro atto di responsabilità, sostituendosi ai Comuni inadempienti per il tramite di una ulteriore anticipazione di somme che consentiranno il pagamento di alcune mensilita' alle unita' della Smeco".

A Mirto, trovato dai Carabinieri nella sabbia un barattolo contenente cocaina

28/06 I carabinieri hanno trovato nella frazione Mirto di Crosia, in contrada Fiumarella, sotterrato nella sabbia, un barattolo di plastica contenente cinquanta grammi di cocaina pura. Sono stati gli abitanti della zona, che avevano segnalato la presenza continua nella zona di tossicodipendenti, a mettere i carabinieri sulle tracce della sostanza stupefacente. Il valore della cocaina contenuta nel barattolo e' di circa dodicimila euro. I carabinieri hanno avviato le indagini per identificare le persone che avevano nascosto la droga.

Il Presidente Oliverio incontra il vescovo Mons. Agostino

28/06 Mettere al centro della propria azione la persona, il bene comune, condividere uguali valori di riferimento, quali la solidarietà, la giustizia sociale, intervenire contro la disuguaglianza delle opportunità; collaborare, insomma perché una nuova stagione della politica intesa come alto servizio: su questi argomenti hanno discusso stamani il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, e l'arcivescovo, monsignor Giuseppe Agostino. "Sono contento di incontrarla - ha detto monsignor Agostino - in questa nuova veste istituzionale. Conoscendola ho avuto modo di apprezzare le sue qualita' di uomo impegnato in una azione di servizio per la nostra comunita'. Occorre oggi che alla nostra gente vengano date fiducia e prospettive, per riconquistare alla politica la funzione di servizio che le e' propria, superando una stagione negativa segnata da una profonda crisi nel suo rapporto con i cittadini e le istituzioni sociali". Il presidente della Provincia ha evidenziato che "sosterremo ed anzi incentiveremo tutte quelle iniziative, occasioni, azioni che portano ad incidere profondamente e positivamente nel tessuto sociale. Il risultato elettorale ottenuto ci carica di una grande responsabilità. Abbiamo lavorato a lungo e costruito un programma complesso, capace di rispondere a molteplici istanze. Una attenzione particolare abbiamo riservato ai problemi della programmazione, che guardano all'utilizzo dei fondi dell'unione Europea ed alla costruzione di una vasta rete che permetterà di cogliere le esigenze dei cittadini". "In tal senso - ha aggiunto Oliverio - saranno una delle nostre priorita' i servizi sociali. Per questi pensiamo ad avviare rapporti con le organizzazioni sociali e quelle di volontariato riconoscendole come particolarmente efficaci nel ruolo di supplenza molto spesso esercito nei confronti delle istituzioni, capaci di anticipare risposte. Avvieremo al proposito un Forum e creeremo un Osservatorio ad hoc capace di riconoscere e valutare le piaghe di sofferenza sociale. Pensando, contemporaneamente, ad individuare ed offrire occasioni di lavoro. Stiamo gia' valutando un rilancio delle strutture esistenti candidandoci, nel contempo, come interlocutori per la soluzione dell'annoso problema dell'Istituto Giovanni XXXIII di Serra d'Aiello"."Nell' Osservatorio delle Politiche Sociali - ha concluso Oliverio - una nuova attenzione all'immigrazione permettera' di mettere a disposizione di centinaia di persone strumenti efficaci per orientare la propria permanenza in una terra differente dalla propria e si porra' come luogo di interlocuzione con altri soggetti dello Stato, quali Questure, Ministeri ed altro".

Ass. Gallo: "Centro ricerche biomediche, la Regione è latitante"

28/06 Sul sito www.staminali.aduc.it sono riportate notizie di grande interesse per persone con varie disabilità. Tra queste la realizzazione di un centro di ricerche sulle cellule staminali, all’interno del Policlinico S. Orsola-Malpighi e l’avvio dal prossimo anno a Bologna di un Master in ingegneria rigenerativa. Le cellule staminali vengono impiegate con successo nei trapianti corneali e ossei, ma per gli altri settori esistono solo dei test clinici in corso, ma non ancora terapie consolidate disponibili. Nel nuovo laboratorio, pertanto, si effettueranno ricerche per contrastare le patologie del cuore, del fegato e del midollo. Le cellule staminali potrebbero servire, infatti, a curare i danni spinali da trauma, oltre che la sclerosi multipla. E’ da ricordare ancora una volta il contributo che potrebbe dare allo sviluppo di questi studi il progetto del “Centro di ricerche biomediche e servizi integrati sanitari e sociali per persone con lesioni midollari e cerebrali e problemi osteomuscolari”, presentato alla Regione dal Comune di Cosenza, dall’Azienda Ospedaliera e dall’ASL e da un Consorzio di ricerca dell’Università della Calabria. E’ stato ottenuto un finanziamento per l’elaborazione di uno studio di fattibilità dal Cipe già nel 2000, che è stato consegnato in Regione nel 2001. Se finanziato potrebbe porre ancora oggi l’area di Cosenza all’avanguardia nella ricerca biomedica e biotecnologia e contribuire a ridare speranze a milioni di cittadini in grave stato di difficoltà. Sorprende la scarsa attenzione della Regione verso questi tipo di interventi, nonostante si stanzino ogni anno migliaia di miliardi per realizzare opere pubbliche e altre iniziative a volte di dubbia utilità sociale. Lo sviluppo di una regione e di un Paese non andrebbe misurato solo in termini di ricchezza prodotta, ma anche in base al grado di attenzione nei confronti delle persone più deboli. Non a caso l’Onu ha stilato una classifica dei vari paesi in base ad un indice di sviluppo umano, nella quale l’Italia risulta solo al 21° posto.

Ad Amantea salvati due turisti su imbarcazioni andate alla deriva

28/06 Due persone sono state tratte in salvo dal personale della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia mentre erano a bordo di due imbarcazioni alla deriva nel Tirreno a circa sette miglia dalla costa, tra Amantea e Nocera Terinese. Ieri sera i turisti, S.M. e F.B., sono usciti per mare a bordo di due imbarcazioni che, per cause ancora in corso di accertamento, hanno avuto una avaria al motore. Non riuscendo a raggiungere la costa i due, attraverso telefoni cellulari, hanno chiesto l'intervento del personale della Capitaneria di Porto. Dopo aver rintracciato le imbarcazioni, il personale della Capitaneria ha recuperato i due turisti, le cui condizioni di salute sono buone, che sono stati accompagnati a Campora San Giovanni.

Appello della madre del giovane scomparso il 20 maggio a Paola

28/06 La madre di Rolando Siciliano, il giovane scomparso da Paola il 20 maggio scorso, lancia un disperato appello al Procuratore della Repubblica ed al Sindaco della citta', Roberto Perrotta. "E' un mese esatto che io ed i miei figli non abbiamo piu' notizie di Rolando, ne' crediamo allå«ipotesi di un suo allontanamento volontario da casa" dichiara in una lettera aperta la signora Delfa Calvano. "Rolando e' infatti un ragazzo assolutamente normale - evidenzia - che non ha mai creato problemi a nessuno, tantomeno alla sua famiglia, ne' ha mai avuto noie di alcun tipo conla giustizia. E' un incensurato, un bravo ragazzo come tanti altri che ha sempre occupato il suo tempo con piccoli lavori da manovale; cio' per evitare di stare a spasso in un territorio dove i governanti di ogni epoca non ci hanno mai garantito i nostri sacrosanti diritti e dove, pertanto, la forte disoccupazione porta i nostri figli a stare in mezzo alla strada. Mi rivolgo a voi - scrive la donna - perche' sono una madre disperata. Perche', nonostante mio figlio sia scomparso da un mese, e nonostante i giornali parlino di un presunto caso di lupara bianca, io ed i miei figli non vediamo pattuglie per strada, non vediamo posti di blocco, non vediamo uomini in divisa intenti alle ricerche. Eppure Paola e' sede di numerosi presidi di polizia. Eppure, in altre occasioni, sono stati indetti Consigli Comunali straordinari e vertici in Procura". "Mio figlio, Signor Procuratore, Signor Sindaco - evidenzia la signora Calvano - ha avuto la sfortuna di essere nato in una citta' dove tutti sanno sempre tutto di tutti, ma dove in questa occasione ognuno mette la testa sotto la sabbia. Eå« una realta' brutta la nostra, cari Signori, e' una citta' che chiude gli occhi e si tappa le orecchie solo quando non dovrebbe farlo, ed e' grave che lo faccia pure quando in gioco c'e' la vita di un giovane di trent'anni". E ancora: "Io non so mio figlio dove possa essere Rolando, chi possa avermelo portato via e per quale motivo. So solo che voglio conoscere la verità e che voglio essere tutelata assieme alla mia famiglia, cosi' come dovrebbe accadere per ogni cittadino di questa nazione. So solo che rivoglio mio figlio Rolando, in ogni caso". "E' grave, Cari Signori - accusa la mamma del giovane scomparso - che in pieno giorno e nel bel mezzo di una citta' come Paola, un giovane sparisca nel nulla. Se lo Stato non fa sentire la sua presenza, se non reagisce cosi' come ha fatto in passato, anche e soprattutto a seguito di intimidazioni a danno di alcuni suoi servitori, allora questo potra' accadere altre volte e potrà accadere a chiunque. Noi non accettiamo, quindi, che lo Stato ci etichetti come cittadini di serie B, lasciandoci soli. Cosi' come non condividiamo la mobilitazione dei popoli, dei governi, dei partiti politici e delle istituzioni ad ogni livello, e finanche della Chiesa, solo quando in circostanze di difficoltà ci si trovano altri e solo quando tali vicende finiscono sotto i riflettori della stampa nazionale o si verificano in periodi elettorali".

Macabro avvertimento all'ex vicesindaco di Acri

27/06 Una bara avvolta da un drappo nero e con sopra una croce di legno, e' stata rinvenuta ieri sera ad Acri a pochi metri dall'abitazione dell'ex vicesindaco, Ottone Martelli, in via Logana. La bara era appoggiata a dei cassonetti dell'immondizia, ed e' stata subito rimossa dai vigili urbani. A Martelli, che faceva parte della giunta di centro destra, e' stata revocata proprio in questi giorni dal sindaco Tenuta la delega di assessore al bilancio e vicesindaco. Nelle elezioni amministrative del 2000, Martelli, che faceva parte di Forza Italia, aveva appoggiato la candidatura di Tenuta. Prima delle ultime elezioni provinciali ed europee aveva pero' abbandonato Forza Italia aderendo al movimento ''Acri Nostra'', contraria alla giunta Tenuta. Da qui la decisione di revoca delle deleghe. I carabinieri di Acri stanno svolgendo indagini per individuare gli autori del macabro gesto.

Elezioni - Ballottaggi definitivi affluenza domenica 27:
A Montalto ha votato il 59,1% contro il 71,2% del 13/6
A Cassano Ionio ha votato il 70,0% contro il 69,5% del 13/6

Comunali definitivi affluenza domenica 27:
Ad Aprigliano ha votato il 63,2% contro il 61,5 delle prec.
A Bianchi ha votato il 82,4% contro il 77.6 delle prec.
A Fiumefreddo ha votato il 67,3% contro il 68,9 delle prec.
A Lattarico ha votato il 74,9% contro il 75,6 delle prec.
A Parenti ha votato il 80,4% contro il 81,3 delle prec.
A Paterno ha votato il 58,9% contro il 52,2 delle prec.
APiane Crati ha votato il 83,0% contro il 80,3 delle prec.
AS.Stefano di Rogliano ha votato il 82,7% contro il 74,9 delle prec.

Attentato ad un giornalista della Gazzetta del Sud a Vibo Valentia. Incendiata la sua auto.

27/06 L' automobile di un giornalista, Lino Fresca, collaboratore della redazione vibonese della Gazzetta del Sud, e' stata incendiata la notte scorsa nel quartiere marino di Vibo Valentia. In seguito all' incendio si e' anche verificata un' esplosione sentita distintamente dagli abitanti della zona. L' intervento dei vigili del fuoco ha evitato che le fiamme si propagassero ad altre vetture parcheggiate nei pressi. Laureato in Scienze dell' Educazione, Fresca, 48 anni, insegna religione all' Itis ed e' iscritto all' Ordine dei giornalisti nell' elenco pubblicisti dal 1996. Alla squadra mobile, che conduce le indagini, ha dichiarato di non conoscere il movente dell' attentato anche se non ha avuto dubbi nel collegarlo con la sua attivita' giornalistica. ''Sono molto preoccupato per quello che e' successo - ha detto Fresca - che dimostra ancora una volta come sia difficile e ad alto rischio il lavoro di giornalista. Sinceramente adesso temo per la mia incolumita' e capisco ancora di piu' di piu' le difficolta' e le preoccupazioni degli imprenditori e degli amministratori fatti oggetto di episodi simili. Capisco cosa significhi non sapere a chi confidare le proprie paure e convivere con le stesse. Essere soli con se stessi. Subentra una insicurezza anche a livello psicologico. Purtroppo gesti simili sono tra le cause che spiegano perche' la nostra terra non va avanti e non progredisce nello sviluppo sociale ed economico''. Ultimamente Fresca aveva seguito la vicenda degli attentati intimidatori compiuti a a San Gregorio d' Ippona, sua paese di origine, contro il sindaco, amministratori e il comandante della locale caserma dei carabinieri.

NuovaCosenza.com esprima tutta la sua più piena solidarietà al collega Fresca per questo atto ignobile che mira con la violenza a intimidire le libere voci del giornalismo calabrese. Non sarà sicuramente un atto vile come questo che potrà fermare la ricerca della verità e la correttezza verso la libera informazione. Questa gente niente ha a che vedere con la Calabria e con i Calabresi. I vigliacchi si nascondono ed agiscono sempre nell’oscurità e nell’anonimato, mentre gli uomini civili e le persone per bene continuano a lavorare alla luce del giorno all'interno della società civile. A Lino Fresca va oltre alla solidarietà l’invito a continuare sulla strada intrapresa della chiarezza e dell’informazione libera, valori che lo hanno sempre accompagnato e contraddistinto.

La solidarietà a Lino Fresca dal cdr della Gazzetta del Sud

27/06 Solidarieta' al giornalista Lino Fresca, ''preso di mira con una odiosa, gravissima intimidazione'', e' stata espressa dal Comitato di redazione della Gazzetta del Sud. ''Ancora una volta in Calabria - e' scritto nel messaggio, diffuso a Catanzaro, del Cdr del quotidiano - un giornalista viene minacciato in maniera pesante, con il linguaggio oscuro dell' avvertimento mafioso. Nella regione si ripetono segnali assai preoccupanti ai danni di chi lavora nel pieno esercizio di diritti costituzionalmente garantiti: la libera informazione, il governo democratico degli enti locali, la libera impresa. Cio' rende indispensabile un impegno straordinario degli organi per la difesa dell' ordine democratico, cui si rinnova piena fiducia insieme con la richiesta di fare luce sul recente episodio che ha visto preso di mira il collega Lino Fresca, come su precedenti gravi fatti subiti da amministratori locali ed imprenditori. Al collega Fresca - conclude la nota - l' invito a lavorare con la serenita' di sempre''.

La solidarietà del Presidente dell’Ordine della Calabria, Soluri, e dal FNSI Calabrese, Parisi

27/06 ''Dobbiamo purtroppo registrare l' ennesimo episodio di intimidazione ai danni di un giornalista in Calabria''. E' quanto afferma il presidente dell' Ordine dei giornalisti calabresi, Giuseppe Soluri, in merito al danneggiamento di cui e' rimasto vittima il giornalista Lino
Fresca. ''L' intimidazione - sostiene Soluri - e' quasi certamente da collegare ad una serie di servizi che, anche recentemente, Lino Fresca aveva pubblicato e relativi a fatti ed episodi di particolare rilevanza per una zona in cui e' forte il condizionamento della criminalita' organizzata. L' Ordine dei giornalisti della Calabria esprime ovviamente una forte e convinta solidarieta' al collega Fresca ed al suo giornale ribadendo che in nessun caso le proditorie e vigliacche intimidazioni riusciranno a fermare la libera circolazione delle idee e delle notizie; anche di quelle che possono dare fastidio a quanti preferiscono le prevaricazioni al libero confronto''. ''Invitiamo ancora una volta le forze dell' ordine - conclude il presidente dei giornalisti calabresi - ad intensificare il proprio difficile lavoro di controllo del territorio e di prevenzione a salvaguardia di quanti, svolgendo con serenita', obiettivita' e coscienza il compito di informare i cittadini, sono esposti piu' di altri a possibili forme di ritorsione e di rappresaglia''. Solidarieta' a Fresca e' stata espressa anche dal segretario regionale del Sindacato dei Giornalisti della Calabria e consigliere nazionale Fnsi, Carlo Parisi, che richiama l' attenzione su ''un episodio gravissimo che, ancora una volta,testimonia il tentativo della criminalita' organizzata di colpire le istituzioni ed imbavagliare la stampa che coraggiosamente da' spazio a quanti si battono per affermare la democrazia e la legalita' sul territorio''. ''Tentativi - afferma Parisi - messi in atto da chi si affida alla vigliaccheria, all' intimidazione ed al terrore nel
tentativo di ottenere un' informazione piu' disponibile o addirittura omertosa. Anche in questo caso minacce ed intimidazioni, pero', non faranno altro che rafforzare l' impegno dei giornalisti e di tutti i cittadini liberi della Calabria contro la criminalita' ed ogni forma di violenza,per difendere e garantire la liberta' d' informazione''. Parisi, infine, confida nelle forze di polizia e nella magistratura, affinche' ''facciano subito piena luce sull' accaduto ed auspica che tutte le realta' sociali e politiche del territorio facciano fronte comune sotto il vessillo della lotta alla violenza ed alla criminalita'''.

Elezioni - Ballottaggi ore 19 di domenica 27:
A Montalto ha votato il 41,7% contro il 57,0% del 20/6
A Cassano Ionio ha votato il 41.7% contro il 51,9% del 20/6

Comunali ore 19 di domenica 27:
Ad Aprigliano ha votato il 51,4% contro il 61,5 delle prec.
A Bianchi ha votato il 72,4% contro il 77.6 delle prec.
A Fiumefreddo ha votato il 57,0% contro il 68,9 delle prec.
A Lattarico ha votato il 60,0% contro il 75,6 delle prec.
A Parenti ha votato il 73,2% contro il 81,3 delle prec.
A Paterno ha votato il 50,7% contro il 52,2 delle prec.
APiane Crati ha votato il 70,6% contro il 80,3 delle prec.
AS.Stefano di Rogliano ha votato il 70,9% contro il 74,9 delle prec.

Cosenza Calcio: Corbelli chiede l'intervento del Presidente Casini

27/06 Il leader del Movimento Diritti civili, Franco Corbelli, ha reso noto di aver chiesto l'intervento e l'aiuto del Presidente della Camera, Pierferdinando Casini, tramite un suo collaboratore, a favore della "giusta e sacrosanta battaglia per la riammissione del Cosenza Calcio 1914 in serie B". "La battaglia e' difficile - ha sostenuto Corbelli -. E' una corsa contro il tempo e una lotta contro i poteri forti, non solo del mondo del calcio, che hanno cancellato il Cosenza Calcio da tutti i campionati. Possiamo vincerla solo con una forte iniziativa politica e di governo. Per questo mi sto muovendo in questa direzione, con una serie di appelli: dal ministro Gasparri, al presidente della Camera, Casini". "A Casini - ha aggiunto Corbelli - cosi' come a Gasparri, chiedo un intervento presso i vertici della Figc e della Lega prima del 2 luglio, giorno della sentenza del Consiglio di Stato sul caso Cosenza. Non chiediamo nessun favore, ma solo un atto di giustizia, la serie B, che ripari allo scandalo della cancellazione del Cosenza da tutti i campionati". Intanto, domani pomeriggio, secondo quanto riferito da Corbelli, si svolgera' una manifestazione dei tifosi a Cosenza per chiedere il ritorno della squadra rossoblu' in serie B.

Giovane cosentino si butta dal ponte di Mancini e muore

27/06 Un uomo dell’età di 33 anni, F.D., è morto dopo essersi gettato dal ponte di Mancini questa notte. Sul luogo della tragedia sono intervenuti i Carabinieri dietro una segnalazione. Si ignorano i motivi dell’insano gesto. I militi dell'Arma stanno indagando.

Motociclista di Paola muore in un incidente a Rionero in Vulture

27/06 Un uomo di 44 anni di Paola, Gennarino Anastasio, e' morto la scorsa notte in un
incidente stradale a Rionero in Vulture (Potenza). Anastasio intorno all' una era alla guida della sua moto con un altro uomo sul sedile posteriore, quando in via Monticchio e' andato fuori strada ed e' caduto. I due sono stati soccorsi da 118 e carabinieri di Rionero. Anastasio e' morto durante il trasporto in ambulanza. Il passeggero ha riportato diverse fratture ed e' stato ricoverato nel reparto Ortopedia dell' ospedale di Melfi (Potenza).

Elezioni - Ballottaggi ore 12 di domenica 27:
A Montalto ha votato il 24.3% contro il 27.0% del 20/6
A Cassano Ionio ha votato il 26.0% contro il 32.4% del 20/6

Comunali ore 12 di domenica 27:
Ad Aprigliano ha votato il 24,1% contro il 32,6 delle prec.
A Bianchi ha votato il 49,9% contro il 39,9 delle prec.
A Fiumefreddo ha votato il 33,1% contro il 37,9 delle prec.
A Lattarico ha votato il 37,3% contro il 32,3 delle prec.
A Parenti ha votato il 46,4% contro il 48,5 delle prec.
A Paterno ha votato il 30,0% contro il 23,9 delle prec.
APiane Crati ha votato il 45,5% contro il 47,8 delle prec.
AS.Stefano di Rogliano ha votato il 50,7% contro il 41,8 delle prec.

Blocco ferroviario: il Sud continua a rimanere isolato dal Paese

27/06 E’ continuata anche questa notte la protesta degli abitanti di Montecorvino Rovella. Gli abitanti del paese salernitano stanno continuando ininterrottamente da venerdì nella protesta contro la decisione di ripristinare la discarica nel loro paese. In un primo momento i dimostranti avevano detto che appena il Prefetto avrebbe dato indicazioni per bloccare la discarica, avrebbero sciolto ogni forma di protesta. Così non è stato perché il Prefetto Catenacci ha ribadito la necessità di riaprire la discarica per il grave problema dei rifiuti in Campania. Da lì la decisione di continuare nella protesta e nel blocco della strada ferrata che di fatto isola il sud Italia dal resto del Paese. Conseguenze che a dire il vero, oggi, sono letteralmente ridimensionate di gravità. Nessun passeggero è più fermo nelle stazioni dove i treni erano stati fermati grazie alla spoletta di autopullman creata tra Battipaglia e Salerno. In più le FS, dopo aver soppresso 50 treni hanno attivato due convogli, recita una nota di Trenitalia, che da Reggio Calabria raggiungeranno Roma con il sistema degli autopullman che oltrepassano il blocco ferroviario. Si. tratta dell' Intercity 726 e dell' Eurostar 9388 diretti a Roma. Entrambi si fermeranno a Battipaglia dove i passeggeri verranno fatti scendere e accompagnati, a bordo di pullman, alla stazione di Salerno per essere imbarcati su altri convogli. L' Intercity, secondo quanto riferito, dovrebbe partire entro le 14, mentre l' Eurostar si mettera' in viaggio alle 16.40. Trenitalia ha anche reso noto che saranno garantiti tutti i treni interregionali per la Campania previsti in orario. Anche in questo caso i convogli si fermeranno a Battipaglia dove sono pronti i pullman per il trasferimento a Salerno. Intanto una delegazione dei cittadini in protesta ha fatto sapere che in attesa del vertice convocato per domani mattina dal commissario di governo per l' emergenza dei rifiuti in Campania, Corrado Catenacci, loro continueranno il blocco. Questa notte, addirittura, gli stessi hanno trasformato la protesta in una nuova forma di aggregazione organizzando, sul luogo del blocco, una festa e sparando fuochi pirotecnici. Attualmente nessuna ricaduta si è notata nel traffico automobilistico ed autostradale della protesta.

Il comune replica dopo due giorni: nessun licenziamento alle cooperative

27/06 Dopo due giorni arriva la replica di un dirigente del Comune sulla vicenda, tutta cosentina e figlia degli schieramenti, delle epurazioni in seno alle cooperative, che fa passare una ritorsione politica, di appartenenti al gruppo del PSE, per un normale spostamento interno. Questa la nota dell'Amministrazione: L’Arch. Ada Basta, responsabile comunale per le cooperative sociali, replica alle affermazioni riguardanti il presunto licenziamento di alcuni operatori delle cooperative. “Non c’è stato alcun licenziamento – dice l’Arch. Basta – è vero, semmai, che alcuni operatori sono stati dirottati ad altri servizi. Una decisione presa in virtù delle necessità specifiche del momento, visto che in questi giorni si avverte in città la necessità di procedere al taglio dell’erba in tantissime zone. E’ bene precisare – conclude Ada Basta – che l’Amministrazione Comunale non ha intenzione di licenziare nessuno. Piuttosto si tratta di rivedere le precedenti disposizioni di servizio a seconda delle necessità del territorio”.

Elezioni - Ballottaggi ore 22 di sabato 26:
A Montalto ha votato il 14.0% contro il 17.9% del 18
A Cassano Ionio ha votato il 14.9% contro il 15.7%del 18

Comunali ore 22 di sabato 26:
Ad Aprigliano ha votato il 18,3% contro il 10,4 delle prec.
A Bianchi ha votato il 28,8% contro il 10,4 delle prec.
A Fiumefreddo ha votato il 15,0% contro il 10,4 delle prec.
A Lattarico ha votato il 22,5% contro il 11,3 delle prec.
A Parenti ha votato il 29,8% contro il 19,9 delle prec.
A Paterno ha votato il 16,9% contro il 7,6 delle prec.
APiane Crati ha votato il 30,9% contro il 21,7 delle prec.
AS.Stefano di Rogliano ha votato il 34,9% contro il 15,8 delle prec.

Pallanuoto si va a gara tre

26/06 Vittoria della Provincia di Cosenza che nella partita di ritorno, gara due, vince per 17 a 14 contro il SNC Civitavecchia e si aggiudica la possibilità di disputare lo spareggio in gara tre che però si giocherà a Civitavecchia. Gara difficile quella del ritorno per il limite della vasca piccola che è l'arma in più dei laziali. Ma Cosenza andrà a giocarsela lo stesso. Previsto molto pubblico al seguito.

Nominata la giunta di Vaccarizzo Albanese

26/06 Il nuovo sindaco di Vaccarizzo Albanese ha nominato oggi la Giunta. L'esecutivo sara' composto da Rosetta Serra (vicesindaco con delega ai lavori pubblici); Cosmo De Rose (personale e bilancio); Giorgio Sprovieri (territorio e sport); Angelina Tocci Monaco (cultura e affari sociali). La lista capeggiata da Marino e' costituita da una coalizione civica in cui hanno trovato spazio anche due moderati di centrodestra e altrettanti di centrosinistra.

Era stata espulsa ma è rimasta in Italia. Donna russa arrestata

26/06 Una giovane russa, Diana Petrova, di 25 anni, e' stata arrestata dai carabinieri per non avere ottemperato all' obbligo di espulsione del Prefetto di Cosenza. I carabinieri hanno fermato la donna nel corso di un controllo e hanno accertato che nei suoi confronti era stato gia' emesso un provvedimento di espulsione.

Lunedì pomeriggio tutti insieme per il Cosenza Calcio

26/06 Il leader del Movimento Diritti Civili e consigliere provinciale Franco Corbelli invita tutti gli amministratori, i politici e parlamentari cosentini a partecipare lunedì pomeriggio alla manifestazione promossa dal centro coordinamento club. “Io, come al solito, parteciperò alla manifestazione dei tifosi per la riammissione del Cosenza Calcio 1914 in Serie B. Mi auguro che partecipino insieme ai tifosi tutti gli amministratori, i politici e parlamentari cosentini. Anche se le elezioni sono oramai passate auspico che gli stessi politici siano con noi lunedì pomeriggio a combattere questa importante battaglia a favore del nostro Cosenza, afferma Corbelli. Occorre una forte presa di posizione a favore della giusta causa del Cosenza da parte delle istituzioni , dei parlamentari e rappresentanti di governo calabresi e quelli eletti in Calabria. Solo in questo modo possiamo vincere la battaglia e ottenere la riammissione del Cosenza Calcio 1914 in serie B o C1. Dopo la Caporetto della Nazionale di Calcio e la farsa delle dimissioni di Carraro la Figc avrà un momento di sbandamento e si ritroverà, per un certo periodo, senza un potere effettivo e operativo, al di là di quello formale. Per questo occorre una forte azione politica e di governo, prosegue la nota. Cosenza, la città e la provincia si aspettano che i vertici del calcio riparino alla clamorosa ingiustizia dello scorso anno e riammettano il Cosenza Calcio 1914 in serie B. La battaglia è difficile perché contro il Cosenza hanno remato i poteri forti che hanno imposto , lo scorso anno, lo scandaloso ripescaggio della Fiorentina(portata addirittura, con lo spareggio di domenica, in serie A). Per questo occorre una forte presa di posizione politica ai massimi livelli governativi”.

Un arresto per furto aggravato in città

26/06 I carabinieri di Cosenza hanno arrestato un giovane di 35 anni, Giancarlo Zardetto, con l'accusa di furto aggravato. L'uomo e' stato sorpreso, nei pressi della villa nuova, dopo aver rotto il vetro di un'autovettura, mentre si impossessava di alcune cose. Zardetto alla vista dei carabinieri ha tentato la fuga, ma e' stato inseguito ed arrestato e, dopo le formalita' di legge, rinchiuso nel carcere cittadino di via Popilia.

Conflitto a fuoco tra finanzieri e spacciatori a Cassano

26/06 Conflitto a fuoco nella tarda serata di ieri nel Cassanese tra due malviventi a bordo di una motocicletta e una pattuglia dei baschi verdi dellr fiamme gialle di Corigliano, che ha pure sequestrato una valigetta con 8 chili e 200 grammi di eroina. Tre colpi di pistola contro l'auto delle fiamme gialle sono stati esplosi al termine di un inseguimento scattato sulla strada comunale che lega le contrade Garda e Cafasi, quando la moto con a bordo i due spacciatori, alla vista dei finanzieri, ha repentinamente invertito il senso di marcia dandosi alla fuga. Immediato l'inseguimento, proseguito per diversi chilometri sino a una localita' periferica poco distante dal quartiere "Timpone rosso" di Lauropoli. Proprio qui il malvivente che sedeva alle spalle del guidatore ha esploso i colpi di pistola, provocando l'urto dell'auto della gdf contro un muro di contenimento, ma perdendo anche la valigetta con dentro 16 involucri contenenti eroina. I due hanno cercato di recuperare la droga ma sono stati messi in fuga dai finanziari, che tuttavia non hanno potuto proseguire l'inseguimento a causa dell'urto. Vana la caccia all'uomo scattata subito dopo. Specialisti delle forze dell'ordine stanno analizzando la valigetta, la droga e due pallottole ritrovate nei pressi dell'automobile di servizio. I componenti della pattuglia di finanzieri, un ufficiale, un sottufficiale e due finanzieri, a seguito dell'incidente hanno riportato traumi guaribili in poche settimane.

Preoccupa e non poco, non la chiusura dello svincolo a3, ma quella di Piazza Kennedy

26/06 Il ricordo della paralisi di traffico verificatasi il 22 aprile scorso allorquando l’Anas, per un incidente, dovette chiudere lo svincolo Cosenza sud dell’A3 ha fatto venire i sudori freddi a tutti gli Amministratori della città dei Bruzi. Infatti, memori dei precedenti eventi, i componenti la Giunta comunale, riunitasi apposta, hanno invitato tutti gli automobilisti diretti verso Cosenza ad utilizzare lo svincolo di Cosenza Nord. Ma il problema paralisi non lo si pone perché l’autostrada, seppur su di una carreggiata, continua il suo deflusso regolare senza interruzioni. Solo l’eventuale dirottamento su strade statali potrebbe ricreare lo stesso problema. Semmai il caos sarà generato dall’infelice idea di chiudere nuovamente piazza Kennedy al traffico dalle 7 del 5 luglio lunedì, giorno infelice perché è il primo giorno della settimana. E noto infatti, che anche ad agosto il lunedì il traffico cittadino subisce una impennata considerevole, visto che raccoglie tutti i riferimenti della provincia che per un motivo a per un altro gravitano sulla città capoluogo. Chiudere pazza Kennedy significa veicolare tutto il traffico cittadino su via Montesanto che notoriamente non ha sbocchi laterali. Una domanda ci viene spontanea ma perché mai questi benedetti lavori non vengono fatti il sabato e la domenica quando è notorio che il traffico è completamente inesistente per l’esodo dei cosentini a mare?

In aumento il traffico sulla Salerno-Reggio e sulle strade provinciali calabresi

26/06 Si muove mastodonticamente il traffico dei vacanzieri che in queste ore sta circolando sulla nostra autostrada. In mattinata le code a battipaglia-Salerno raggiungevano i venti chilometri. Situazione poi migliorata via via che il traffico defluiva. La mole imponente di viaggiatori, si sta man mano spostando verso sud e di conseguenza l’ondata dei vacanzieri dovrà avaere a che fare con le tante interruzioni disseminate lungo la Calabria. Una di queste, quella di Cosenza sud, ha già prodotto una coda lunga tre chilometri. Per il resto viene segnalato dalla polizia stradale sull'autostrada A3, traffico molto intenso tra gli svincoli di Cosenza e Rogliano. Intenso e' anche il traffico sulle strade statali calabresi, in particolare nei pressi delle principali località turistiche. Da stamane gli agenti della polizia stradale hanno intensificato i controlli sulla Salerno-Reggio Calabria e sulle statali. Code sulla Cosenza Paola in mattinata, nel pomeriggio traffico ritornato normale. Nessun problema viene segnalato, invece, agli imbarchi per i traghetti di Villa San Giovanni.

Oliverio scrive ai vertici del Calcio per il caso Cosenza 1914

26/06 Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ha inviato un telegramma al presidente della Federazione italiana gioco calcio, Carraro, al Presidente della Lega Calcio A e B, Galliani, ed al presidente della Lega di C Macalli per sollecitare una “soluzione positiva della vicenda del Cosenza Calcio 1914”, esclusa lo scorso anno dai campionati professionistici per presunte irregolarità al momento dell' iscrizione. "In qualita' di presidente della Provincia di Cosenza vi chiedo giustizia sportiva per il Cosenza calcio 1914. La città di Cosenza e la sua provincia attendono con fiducia la vostra determinazione per una soluzione positiva del caso".

Ballottaggi: 12 milioni di italiani alle urne.

26/06 Sono 11.914.427 (5.724.833 uomini e 6.189.594 donne, divisi in 14.338 sezioni) gli italiani che – già dalle 15 - sono chiamati al voto di ballottaggio per l'elezione dei presidenti di 22 province e dei sindaci di 101 comuni. Le urne resteranno aperte fino alle 22 di stasera e dalle 7 alle 22 di domani. Le 22 province interessate dal voto sono Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Sondrio, Belluno, Padova, Verona, Piacenza, Macerata, Rieti, Chieti, L'Aquila, Isernia, Brindisi, Catanzaro e Pordenone (per quest'ultima, il procedimento elettorale rientra nella competenza della regione autonoma Friuli-Venezia-Giulia): in 15 delle province l'amministrazione uscente e' di centrodestra, nelle altre 7 di centrosinistra. Dei 101 comuni arrivati al
ballottaggio, 11 hanno una popolazione inferiore ai 15 mila abitanti e 90 superiore, compresi 6 capoluoghi (Vercelli, Biella, Bergamo, Arezzo, Firenze e Foggia). Oggi e domani si svolge anche il primo turno elettorale in altri 10 comuni, di cui uno, Terzigno (in provincia di Napoli) con piu' di 15 mila
abitanti e altri nove con una popolazione inferiore: Fagnano Olona (in provincia di Varese), Aprigliano, Bianchi, Fiumefreddo Bruzio, Lattarico, Parenti, Paterno Calabro, Piane Crati e Santo Stefano di Rogliano (tutti in provincia di Cosenza). Per votare, e' necessario essere in possesso della tessera elettorale (chi ne e' sprovvisto, può chiederne il duplicato ai competenti uffici del comune di residenza, aperti per tutta la durata delle elezioni) e di un documento di identità. Le operazioni di scrutinio avranno inizio gia' domani, subito dopo la chiusura delle votazioni: i risultati elettorali saranno diffusi in tempo reale attraverso il sito internet del ministero dell'Interno (www.interno.it).

Tagliata in due l’Italia dei treni. Funziona solo il traffico locale

26/06 Continua implacabile ed inesorabile la protesta degli abitanti di Montercorvino Rovella, in provincia di Salerno, che per chiedere la chiusura della discarica del loro paese, hanno messo a nudo la criticità del sistema ferroviario nazionale. Difatti, è bastato occupare la stazione di Montecorvino che i treni in transito da sud a nord e da nord a sud sono rimasti paralizzati nelle rispettive metà della penisola. Miglia di persone, dal pomeriggio di ieri sono costrette al bivacco nei vagoni in tutte le stazioni in cui i treni sono stati fermati. Da Napoli a Salerno, da Paola a Lamezia da Reggio a Roma Termini è un unico grido di protesta dei poveri viaggiatori bloccati da oltre 24 ore. E’ di poco fa la decisione, presa con colpevolissimo ritardo, delle Ferrovie dello Stato di trasferire con un servizio sostitutivo di pullman, che salta il blocco, da Napoli a Battipaglia, i passeggeri fermi nelle stazioni prima e dopo del blocco. Ma ci voleva un giorno per prendere questa decisione? Nel frattempo le FS si premurano di avvisare che il traffico ferroviario nazionale rimarrà bloccato a Roma, sia verso sud che verso nord, per almeno altre otto ore. Intanto i viaggiatori inferociti fermi in una inutile attesa nelle stazioni principali fanno la coda ai botteghini per il rimborso dei biglietti. In molti casi sono dovute intervenire le forze dell’ordine per placare gli animi. Nelle stazioni più grandi, Napoli, Lamezia, è dovuta intervenire la Croce Rossa e la protezione civile per assistere gli oltre ventimila passeggeri fermi e costretti al bivacco nei vagoni. Vagoni che oramai sono ai limiti della praticabilità, con bagni intasati e disagi crati da chi ha dovuto incolpevolmente passare la notte in un treno. Il traffico locale, però, continua sulle tratte che non devo attraversare la Campania, con ore di ritardo. I collegamenti da Paola funzionano quindi fino a Sapri e Battipaglia e in direzione sud funzionano il locali verso Catanzaro e Lamezia. La crisi ferroviaria ha però portato ad un aumento di passeggeri nei voli da Lamezia e da Reggio calabria. Aerei tutti pieni con liste di attesa che sfiorano le duecento unità. Sul settore autostradale, che già sta vivendo la sua criticità per l’esodo del week-end, si rileva un ulteriore aumento del traffico peggiorato dai cantieri disseminati lungo tutto la Salerno Reggio. Le code a Cosenza sono sui tre chilometri e dovrebbero migliorare in serata. Infine, le Ferrovie dello Stato raccomandano inoltre di non andare in stazione se si deve intraprendere un viaggio verso il nord, per chi sta a sud di Battipaglia. Lo stesso vale per il percorso inverso.

Il 15 luglio al via i saldi estivi

26/06 In una tabella diramata dalla Confcommercio sono state rese note le date di inizio e fine dei saldi estivi. Per la Calabria la data di inizio dei saldi è stata fissate nel 15 di luglio per poi terminare il 31 si agosto.

Attività estive alle ludoteche comunali

26/06 Partono le attività estive nelle ludoteche comunali “Il Mondo di Oz” di Serra Spiga e di Via Popilia. Le attività, che si svolgeranno nei giorni dal 28 giugno al 2 luglio e dal 19 al 23 luglio, sono finalizzate ad impegnare costruttivamente il tempo libero dei bambini e delle bambine.
Nella prima settimana si svolgeranno i laboratori artistici di pittura che, attraverso la realizzazione di murales e giochi pavimentati, impegneranno i piccoli nella riqualificazione degli spazi esterni delle due strutture.
Contemporaneamente, presso il campo polivalente di Serra Spiga, si svolgeranno le finali del “Quadrangolare di Serra Spiga”, torneo di calcetto nel corso del quale si sfideranno gli utenti delle varie realtà che operano con l’infanzia.
Martedì 29 luglio si svolgerà, invece, una passeggiata ecologica al Parco Nicholas Green nel corso della quale saranno installate sugli alberi delle casette rifugio per uccellini, precedentemente realizzati dagli stessi bambini durante il laboratorio “Una Casa per Tutti”. Tutto proseguirà con una merenda biologica e con divertenti giochi all’aperto. Il secondo periodo, che si svolgerà in seguito all’invasione dei bambini, sarà contraddistinto dalla ultimazione dei laboratori artistici e di tornei di giochi da tavolo come Dammy, Memory, Forza 4, Othello, Abalone, ecc..
Al termine si procederà alla proclamazione e alla premiazione ufficiale dei vincitori a seconda delle diverse classi di età. Per informazioni o iscrizioni ci si può rivolgere ai seguenti numeri: “Il Mondo di Oz” – Luteche Serra Spiga 0984.393360 / Via Popilia 0984.33101

A luglio parte la raccolta differenziata, sperimentale, a Città 2000

26/06 A partire dal mese di luglio, il Comune di Cosenza, in collaborazione con la Valle Crati Spa, avvierà il nuovo servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti, con separazione secco-umido. Il nuovo sistema sarà introdotto, in via sperimentale, nel quartiere di Città 2000 coinvolgendo nella fase iniziale circa 600 famiglie.
A distanza di tre anni dall’avvio della raccolta differenziata in città, pur registrando risultati positivi, non è stato raggiunto l’obiettivo minimo del 35%. Per questo motivo, quindi, l’Amministrazione comunale e la Valle Crati Spa distribuiranno gratuitamente nei prossimi giorni un kit alle famiglie. Si tratta di una ecoborsa, una bio-pattumiera della capacità di 10litri per la frazione organica, uno schiacciabottiglie, una confezione di 20 sacchetti mater-bi e un opuscolo informativo. Le operatrici della Valle Crati, nel consegnare il kit ad ogni nucleo familiare, forniranno le necessarie informazioni sul corretto utilizzo delle attrezzature e sulle modalità di espletamento del servizio. L’obiettivo è quello di ridurre lo smaltimento dei rifiuti in discarica con notevoli risparmi economici; aumentare il quantitativo di rifiuti riciclabili intercettati e, infine, offrire ai cittadini un servizio più rispondente alle loro esigenze. La raccolta riguarderà i seguenti materiali: frazione organica, multimateriale, vetro, carta, R.U.P. (pile, farmaci, prodotti etichettati T/F), imballaggi, rifiuti ingombranti, toner/cartucce e rifiuti urbani non riciclabili. Le piccole attività produttive e commerciali, naturalmente, potranno usufruire di specifiche raccolte.

Approvato il fondo di solidarietà per i dipendenti comunali

26/06 Sono stati approvati i criteri per la costituzione e l’erogazione del fondo di solidarietà per i dipendenti comunali. E’ questa la conclusione di una riunione alla quale hanno partecipato l’Assessore al Personale Maria Lucente, la Dirigente del Settore Rosalia Marasco, il Coordinatore della Rsu e i rappresentanti sindacali di categoria.Il fondo, costituito in parte con contributi comunali e in parte con contributi volontari degli stessi dipendenti comunali, è destinato a supportare ogni dipendente in caso di difficoltà dovute alle particolari condizioni di salute che derivano da gravi patologie.Un comitato interno, costituito da funzionari e rappresentanti sindacali, sarà chiamato a gestire il fondo. Si tratta di un risultato di notevole importanza, che l’Amministrazione Comunale raggiunge in un settore particolare come quello della solidarietà, che ricompatta il personale sul rispetto della persona e lo spirito di corpo.

Arriva il caldo e scoppia il traffico degli esodi. Corbelli “La A3 una vergogna”

25/06 E' bastato il primo caldo e il fine settimana che invita a partire e il traffico dei vacanzieri del week end, che l'autostrada si blocca e diventa un tortura per gli automobilisti che la percorrono. Solo per fare cinque chilometri ci si impiega quasi un ora. La strozzatura dei lavori della galleria vicino l’uscita di Cosenza Sud il principale problema. La nostra esperienza diretta è confortata dalla nota di Franco Corbelli che con la sua solita veemenza denuncia l'accaduto. Questo quanto afferma Corbelli: " Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, denuncia lo scandalo dei lavori infiniti della A3 e i notevoli disagi degli automobilisti che come è accaduto oggi pomeriggio, con il primo flusso dei vacanzieri, per percorrere il tratto tra gli svincoli di Cosenza Nord e Cosenza Sud(pochi chilometri, 3 o 4 al massimo!) impiegano oltre due ore! Corbelli definisce la A3 “una vergogna” e invita i turisti che hanno deciso di recarsi in Calabria, per le vacanze, ad “evitarla, a scegliere il treno, l’aereo o la nave” e polemicamente e provocatoriamente chiede di chiudere la stessa Sa-Rc per il “periodo estivo e sino al completamento dei lavori”. “Per un restringimento di carreggiata, nei pressi della galleria di Cosenza Sud (i cui lavori non si riesce ancora ad ultimare)oggi pomeriggio si è creata una coda di alcuni chilometri ad iniziare dallo svincolo di Cosenza Nord. Per percorrere pochi chilometri tra i due svincoli cittadini abbiamo impiegato oltre due ore. Una vergogna. Meglio chiuderla una autostrada del genere e consigliare ai turisti di scegliere altri mezzi di trasporto per arrivare in Calabria”, ha detto Corbelli."

Dal 28 chiuso per lavori lo svincolo di Cosenza Sud

25/06 Le rampe di accesso dello svincolo Cosenza Sud dell' Autostrada Salerno-Reggio Calabria saranno chiuse al traffico dalla mezzanotte di lunedi' 28 giugno alle 6 di martedì' 29 giugno e dalle 14 alle 24 del primo e del 2 luglio. Lo ha deciso l' Anas per consentire i lavori di demolizione di un cavalcavia che insiste all' altezza dello svincolo e il successivo varo delle travi del nuovo manufatto in sostituzione, che sarà adeguato alle caratteristiche del tratto autostradale ammodernato. Si tratta, e' scritto in un comunicato dell' Anas, di lavori complementari a quelli di realizzazione della nuova galleria di Serra Spiga, che consentiranno di aprire al traffico il nuovo tratto autostradale prima del primo grande esodo di fine luglio. Nei giorni di chiusura, il traffico in ingresso allo svincolo di Cosenza Sud e diretto verso Reggio Calabria sara' deviato sullo svincolo di Cosenza-Rende, mentre il traffico proveniente da Salerno e diretto a Cosenza Sud sara' fatto uscire allo svincolo di Cosenza-Rende. Il calendario dei lavori e gli itinerari alternativi sono stati concordati con il Comune di Cosenza. L'Anas ha disposto che il personale della impresa esecutrice dei lavori dovrà assicurare 24 ore su 24 la vigilanza del cantiere e la gestione di eventuali code per garantire la sicurezza e la fluidita' della circolazione. Gli operatori delle squadre di sorveglianza dell' Anas forniranno agli utenti la necessaria assistenza. L'Anas ha anche invitato gli utenti a seguire le informazioni sulla viabilità' diffuse dal Cciss e dai notiziari radiotelevisivi ed ha ricordato che e' attivo il numero verde.

Proclamati gli eletti alla Provincia. Oliverio al lavoro per il varo della giunta. Primo incontro con i pattisti.

25/06 Il Dott. Biagio Politano, Presidente della Commissione Elettorale Centrale presso il tribunale di Cosenza, ed il Dott. Fernando Bruno, Cancelliere Capo e Segretario della stessa Commissione Elettorale Centrale, hanno ritenuto fare visita di cortesia al neo eletto Presidente della Provincia Gerardo Mario Oliverio, per consegnare personalmente il verbale dei risultati elettorali e della proclamazione dei nuovi consiglieri provinciali eletti. Il Dott. Politano, nell’augurare buon lavoro al neo Presidente, si è congratulato per il successo ottenuto e per l’eccellente ed eccezionale risultato che il corpo elettorale gli ha tributato. ”La responsabilità dell’investitura -ha sottolineato il Dott. Politano- è ulteriormente aumentata per il grande risultato conseguito e l’impegno straordinario richiesto per soddisfare le aspettative del territorio impone un lavoro notevole che auguriamo possa essere ottimo”. Il Presidente Oliverio ha ringraziato il Dott. Politano e il Dott. Bruno per la sensibilità e la cortesia riservatagli ed ha espresso sentimenti di piena e fattiva collaborazione, sua e dell’intera Amministrazione, per iniziative atte a migliorare l’efficienza delle attività degli Uffici Elettorali cui sono preposti e che svolgono un compito così tanto delicato. Sul tardi il Presidente Oliverio ha poi dichiarato: “Nei prossimi giorni ci metteremo all'opera per avviare una vasta consultazione delle forze che ci hanno sostenuto, ma anche delle forze sociali, dell'Universita', del volontariato e dell'associazionismo per dare vita ad una squadra che ci consenta di governare questa grande provincia e realizzare gli obiettivi programmatici che abbiamo posto a base della campagna elettorale''. Oliverio ha ottenuto 260.347 voti e risulta essere il piu' votato, con uno scarto di circa 4.000 voti rispetto alle stesse liste a lui collegate. Un numero di preferenze che, peraltro, e' pressoche' il doppio di quelle realizzate dal candidato Barile e che consente, per effetto del superamento del 60% dei
voti, l'attribuzione di un seggio in piu' alle liste collegate al presidente eletto. ''Con l'avvenuta proclamazione dei consiglieri - ha aggiunto - si conclude formalmente il procedimento che consente l'inizio della legislatura. Al proposito, voglio rivolgere un ringraziamento alle elettrici ed agli elettori che con vasto consenso ci hanno dato la loro fiducia ed affidata la responsabilita' di governare questa grande provincia che ha una storia ricca di presenze e di esperienze politiche ed amministrative di grande prestigio ed autorevolezza. Mi piace ricordare un nome come quello di Antonio Guarasci che e' stato presidente di questa Provincia, inaugurando una stagione innovativa sul piano politico. Voglio anche ricordare altre personalita' illustri come Giacomo Mancini e Fausto Gullo, che hanno dato un contributo autorevole con la loro presenza nel Consiglio provinciale. Uomini come Vincenzo Ziccarelli, Mario Alessio e per ultimo il mio amico Antonio Acri, che ha lasciato il segno di un decennio di buon governo e di stabilita' amministrativa”. “Un augurio di buon lavoro rivolgo - ha proseguito Oliverio - ai consiglieri neoeletti sicuro che insieme a loro faremo un buon cammino nell'interesse delle nostre comunità e per realizzare nuovi traguardi, di crescita e di sviluppo e per creare occasioni di lavoro ed opportunità per i nostri giovani e le nostre ragazze. Priorità sara' data alla valorizzazione ed alla salvaguardia delle nostre risorse, in primo luogo quelle ambientali e naturalistiche che costituiscono un patrimonio peculiare, irripetibile e, per questo, inalienabile. Tutte ragioni che ci hanno fatto lanciare una preoccupazione ed un grido di allarme sui gravi scempi che si stanno consumando sui nostri territori, in particolare sulla costa tirrenica cosentini”. “Per quanto ci riguarda - ha concluso Oliverio - chiederemo al Parlamento di approvare con priorita' la proposta di legge presentata questa mattina per la istituzione del Parco Marino della Riviera dei Cedri. Per raggiungere questo obiettivo, chiederemo anche il sostegno delle forze democratiche locali e delle rappresentanze parlamentari diversamente collocate”.
Nel pomeriggio, poi, il Presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio, ha ricevuto una delegazione ufficiale del Patto Segni, guidata da Tonino Perrelli, di cui facevano parte anche Benito Donato e Dario Ottolenghi. Nel corso dell’incontro, svoltosi in un clima di grande cordialità e amicizia, i rappresentanti del Patto Segni hanno espresso al neo presidente della Provincia di Cosenza i loro auguri più sinceri di buon lavoro ed hanno manifestato vivo apprezzamento per l’impostazione annunciata dallo stesso Presidente di voler fare della Provincia di Cosenza un’istituzione dalla quale sviluppare un’ iniziativa ed un progetto tesi a costruire la nuova Regione.Il presidente Oliverio, dal canto suo, ha ringraziato i dirigenti del Patto Segni ed ha espresso l’auspicio di stabilire con essi, per il futuro, rapporti sempre più positivi, per rendere sempre più ampio e qualificato l’arco delle forze che devono lavorare per creare una svolta definitiva nella vita della Calabria. “Abbiamo bisogno –ha dichiarato il Presidente della Provincia di Cosenza- di costruire uno schieramento sempre più ampio, capace di raccogliere le energie migliori di questa terra, per aprire una stagione nuova nella vita della Regione”. “Dalla Provincia di Cosenza –ha proseguito Oliverio- può certamente giungere un serio impulso in questa direzione e noi, insieme, abbiamo la responsabilità di lavorare in tal senso”. “Le energie che voi esprimete –ha concluso il Presidente della Provincia- trovano una collocazione naturale nel campo delle forze che si battono per lo sviluppo e per la crescita della Calabria e del Mezzogiorno, impegnate a contrastare la deriva negativa determinata da una Giunta regionale incapace e fallita”. Tonino Perrelli, nell’esprimere soddisfazione per le considerazioni espresse dal Presidente Oliverio, ha dichiarato di essere entusiasta di riprendere il cammino interrotto, affinché la Provincia di Cosenza diventi l’area trainante di un nuovo sviluppo della Calabria. “Qui ci sono uomini ed idee –ha dichiarato Perrelli- che possono spalancare nuove prospettive all’intera regione. Noi siamo qui per rendere omaggio ed esprimere ammirazione alla persona del Presidente innanzitutto, che costituisce una garanzia piena per l’apertura di un confronto positivo, al quale, sin da ora esprimiamo grande interesse”. “E’ questo, d’altronde –ha concluso Perrelli- quanto si attendono gli uomini e le donne, i giovani e gli anziani, le comunità tutte della nostra provincia, che vogliono tornare a credere e sperare in un Calabria finalmente migliore, dopo quattro anni di oscurantismo e di inefficienza totale rappresentati dalla Giunta-Chiaravalloti”.

Ennesima morte sul lavoro. A Rossano un operaio sloveno muore all’Acquapark

25/06 Incidente sul lavoro mortale oggi pomeriggio all' Acquapark di Rossano. La vittima e' un giovane di 27 anni, del quale non e' stata resa l' identità, di nazionalità slovena. L' operaio era alle dipendenze dell' impresa che sta installando nell' impianto un nuovo scivolo. L' operaio sloveno, per cause che i carabinieri stanno tentando di accertare, e' precipitato da un' altezza di circa dieci metri ed e' morto pochi minuti prima che arrivasse l' ambulanza del 118. Sull' incidente la Procura della Repubblica di Rossano ha aperto un' inchiesta, condotta dal sostituto Roberto Ranazzi, per accertare eventuali responsabilità.

A Cosenza, secondo l’ASL, a tredici anni consumano cannabis

25/06 Bambini di 13-14 anni che consumano cannabis, con casi di grave stato confusionale; ecstasy pressoché inesistente, stabili invece i dati sui consumi di eroina e cocaina: e' quanto emerso stamani nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella sede del Sert di Cosenza. All'incontro ha partecipato il direttore generale dell' Asl di Cosenza, Francesco Buoncristiano, il direttore del Dipartimento sulle dipendenze, Fernanda Magnelli ed il direttore della Facolta' di Farmacia, Francesco Menichini. Quotidianamente, secondo i dati illustrati dalla direzione dell'Asl, al Sert di Cosenza si rivolgono oltre 300 tossicodipendenti, per un dato annuale di 446 persone di cui 150 alla prima esperienza. 396 di questi consumano eroina primariamente, mentre 45 fanno consumo essenziale di cannabis. “Sono dati devastanti - ha detto il direttore generale, Francesco Buoncristiano - che ci inquietano e preoccupano. Ci inquieta il consumo giovanile ed una certa forma di rilassamento che c'è nell' opinione pubblica, specie per le cosiddette droghe leggere che producono danni gravi”. Nel corso dell'incontro Buoncristiano e Magnelli hanno illustrato il progetto 'Spartacus' che prenderà il via nei prossimi mesi e che consentirà di poter disporre di una vera e propria comunità assistenziale all' interno del nuovo istituto penitenziario.

Rubano fieno da un azienda agricola di Cassano: un arresto ed una denuncia

25/06 I carabinieri della Compagnia di Corigliano hanno arrestato Marco Iannicelli, di 22 anni, ed hanno denunciato in stato di liberta' un quindicenne, dopo averli sorpresi a rubare del fieno in un' azienda agricola. I militari, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno notato i due che in un' azienda situata in contrada Cafase, a Cassano allo Ionio, stavano caricando fieno su una motocarro.

Donna arrestata a Castrovillari. Aveva nascoste in casa una pistola ed eroina.

25/06 Gli agenti del commissariato di Polizia di Castrovillari hanno arrestato Giuseppina Madio, 35 anni. La donna nascondeva in una intercapedine del suo terrazzo sei dosi d'eroina ad alto principio attivo oltre che una pistola Beretta calibro 7,65, in ottimo stato, con matricola abrasa, completa di proiettili. Gli inquirenti sospettano chel'arma possa essere stata usata per compiere alcuni delitti.

La Scuola archeologica italiana di Atene da lunedì a Sibari

25/06 Lunedì cominciano gli scavi archeologici di Sibari da parte della Scuola archeologica italiana di Atene. La Scuola archeologica italiana, che dipende dal ministero per i beni culturali ed opera da anni ad Atene, è impossibilitata a operare nella capitale greca per le Olimpiadi in programma a settembre. Hanno gia' scavato anche a Sibari in passato, e quest'anno i suoi esperti sono tornati grazie a un rapporto di collaborazione con la Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria e la direzionedell'ufficio Scavi di Sibari, diretto dall'archeologa Silvana Luppino

Ass. Laurito: “Necessario un tavolo di concertazione per prevenire gli incendi”

25/06 Un tavolo di concertazione su come prevenire e combattere gli incendi nel Nord Calabria e' stato chiesto dal segretario generale comprensoriale Pollino - Sibari - Tirreno della Flai Cgil, Vincenzo Laurito, all'assessore regionale alla forestazione, ai consorzi di bonifica della zona e all'Afor. “Ancora una volta - ha detto Laurito - chiediamo
l'istituzione, in tempi brevissimi, prima che succede l'irreparabile, di un tavolo di concertazione con gli enti attuatori (Afor e Consorzi di Bonifica), con l'assessorato regionale alla Forestazione e con il Presidente dell'Ente Parco. Pensavamo che con il passare degli anni qualcosa sarebbe cambiata in meglio, ma dobbiamo registrare, nostro malgrado, che la situazione va sempre piu' peggiorando. Il personale adibito alle squadre antincendio si assottiglia sempre di piu', e quest'anno dobbiamo registrare che la situazione diventa veramente drammatica”.
“La Regione Calabria per esigenze di bilancio, con una direttiva inviata agli Enti gestori (Afor e Consorzi di Bonifica), ha disposto che non si provvedera' a sostituire tutto quel personale adibito all'avvistamento e allo spegnimento degli incendi che ha raggiunto l'eta' pensionabile o che e' risultato inidoneo a svolgere tali mansioni. Non ci si riesce a spiegare perche' la Regione Calabria vuole risparmiare mettendo a repentaglio il patrimonio boschivo e non individuare ed eliminare i tantissimi sprechi che contraddistinguono il suo Governo”

Anas: in appalto (445 milioni) l’ammodernamento del tratto A3 Altilia-Falerna

25/06 Altri 18,5 km dell’Autostrada Salerno-Reggio Calabria vanno in appalto. Il Consiglio di Amministrazione dell’Anas S.p.A. ha approvato il progetto definitivo relativo all’ammodernamento del tratto che va dal km 286 al km 304,200, dallo svincolo di Altilia (in provincia di Cosenza) allo svincolo di Falerna (in provincia di Catanzaro). L’Anas procederà alla pubblicazione del bando di gara per Contraente Generale entro il mese di luglio. Il progetto, che rientra nell’ambito di applicazione della Legge Obiettivo n°443/2001 per le infrastrutture strategiche, ha previsto l’unificazione di due precedenti lotti. Il tracciato si sviluppa per 18,5 km e interessa i comuni di Altilia Grimaldi e Aiello Calabro, nella provincia di Cosenza, e di Martirano Lombardo, S.Mango D’Aquino, Nocera Tirinese e Falerna, nella provincia di Catanzaro. I lavori, che prevedono la realizzazione di due corsie di marcia per carreggiata, da 3,75 metri ciascuna, e di una corsia di emergenza di 3 metri, si svolgeranno parte in sede e parte (circa il 20%) in “variante”. Circa il 30% dell’intero tracciato è su viadotti ed in galleria. Le opere d’arte più importanti sono due viadotti (“Savuto”, di 497 metri, e “Fiume Grande”, di 310 metri), cinque gallerie (tra cui quella dell’Ogliastro, di 834 metri e Monaco, di 497 metri), e due svincoli a livelli sfalsati (S.Mango d’Aquino e Falerna). L’importo complessivo dell’opera ammonta a circa 445 milioni di euro, finanziati in parte dai fondi QCS 2000/2006-PON Trasporti e in parte mediante i fondi del Piano Triennale Anas 2002-2004. Il tempo di esecuzione delle opere è stimato in 1.340 giorni, comprensivi di 120 giorni per la redazione della progettazione esecutiva. Intanto oggi l’Anas ha dato inizio alle attività del General Contractor (A.T.I. Impregilo S.p.A. – Società Italiana per Condotte d’Acqua S.p.A.) per la realizzazione del secondo maxilotto da Gioia Tauro a Scilla. Il Contraente Generale dovrà provvedere agli espropri, all’eliminazione delle interferenze e alla progettazione esecutiva, tutte attività propedeutiche all’apertura dei cantieri dei lavori, che è prevista per l’inizio del 2005.

Un appello per aiutare il giovane Hadmol, paralizzato dalle botte

25/06 Riceviamo e pubblichiamo integralmente l’appello di Emilia Corea per Hadmol, cittadino marocchino di 19 anni, paralizzato da una frattura vertebro-midollare, provocata da alcuni sue connazionali nel campo profughi di Lamezia. “Nell'attuale scenario di guerra globale e permanente, in contrapposizione al movimento di soldati, armi, navi, bombe "intelligenti" e capitali, esiste il movimento di migliaia e migliaia di uomini, donne e bambini che fuggono dai paesi in guerra, in cerca di asilo nei paesi del nord del mondo. E' questa la nuova era capitalistica della globalizzazione neoliberista...liberale e liberista, ma carceraria per i migranti. Avete idea di cosa siano i CPT? I cpt sono campi lager per i migranti, luoghi di detenzione e di sospensione dei diritti in cui si viene rinchiusi senza aver commesso alcun reato, in attesa il più delle volte di un'espulsione. Spesso vengono fatti confondere - attraverso i mass media - con i centri di accoglienza, ma non accolgono, non proteggono, non sostengono. E' proprio da uno di questi "non luoghi" che proviene Hadmol, marocchino, 19 anni, operaio al nord e la sfortuna di non avere in tasca quel famoso pezzo di carta chiamato permesso di soggiorno. Hadmol è arrivato in ospedale 80 gg fa, il corpo totalmente paralizzato da una frattura vertebro-midollare, sopravvissuto ad un'aggressione all'interno del campo-lager "Malgrado Tutto" di Lamezia Terme. Scarse le speranze che questo sfortunato immigrato possa tornare a muoversi sulle proprie gambe. I suoi aguzzini possono dormire sonni tranquilli: Hadmol non parla, muove le labbra ma a fatica riesce ad articolare le parole. Due suoi connazionali sono finiti in carcere (tuttora in attesa di giudizio) perchè ritenuti responsabili dell'aggressione. Ma i suoi veri aguzzini, cioè coloro che gestiscono e contribuiscono a mantenere in vita questa ignominia, si assumeranno la responsabilità morale dell'accaduto? E quanti altri Hadmol dovranno essere ridotti in fin di vita prima che la società civile, le istituzioni, i movimenti politici si decidano a dire un fermo "Basta alle galere etniche"? La memoria - scriveva Primo Levi - è un triste privilegio delle vittime. Tra qualche tempo nessuno avrà più memoria di questo infelice ragazzo, paraplegico, condannato (nella migliore delle ipotesi) a trascorrere la propria vita su una sedia a rotelle. Ma, il senso di questa epoca di ingiustizia e repressione sta tutto negli occhi di Hadmol, sofferenti occhi neri nei quali si è spenta, da tempo, la speranza di ricominciare a vivere. Hadmol è stato trasferito qualche settimana fa in un centro specializzato, è vissuto per 70 lunghi giorni in una stanzetta del reparto di neurochirurgia, avvolto in un assordante silenzio...il silenzio dell'indifferenza di coloro che sapevano ma nulla hanno fatto per rendere meno duro il suo calvario. Allora, nessuno si permetta adesso di strumentalizzare la vicenda di questo sfortunato immigrato e prima di arrogarsi il diritto di parlare degli immigrati all'interno degli innumerevoli convegni/dibattiti/tavole rotonde/incontri sull'immigrazione, finalizzati esclusivamente alla propria ascesa professionale oltre che economica, sarebbe opportuno parlare con gli immigrati. Sentire su di sè la rabbia che si prova di fronte a ingiustizie così palesi, lottare, denunciare, consapevoli che l'umanità non si divide tra buoni e cattivi ma tra chi crede nei diritti e chi li calpesta quotidianamente, consapevoli che l'indifferenza è uno dei tanti modi di calpestare i diritti di chi diritti più non ha. Tre giorni fa è arrivata la richiesta, dal centro in cui Hadmol è stato trasferito , dell'acquisto di una carrozzina elettrica il cui prezzo si aggira intorno ai 4000 euro. Il mio appello è rivolto all'associazionismo cattolico e laico, ai partiti politici presenti in questa città, all'amministrazione Comunale e Provinciale: c'è urgente bisogno di raccogliere i fondi necessari all'acquisto della sedia a rotelle. Che Cosenza dimostri, almeno per una volta, nei fatti e non nelle parole, di essere la città dei diritti umani. Il numero di conto corrente sul quale inviare eventuali donazioni è: Credem ABI: 03032 CIN: J CAB: 16201 CC n. 1662/1, Causale: Per Hadmol. Per ulteriori informazioni telefonare al num. 349/6061797. Emilia Corea”

Incendiata l’auto di un carabiniere a San Lucido

25/06 L' automobile di un carabiniere in servizio nella caserma di San Lucido, nella zona
del Tirreno cosentino, e' stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate.
La vettura, una Kia, era parcheggiata nei pressi dell'abitazione del carabiniere. I danni provocati dall' attentato incendiario, secondo quanto si e' appreso, sono rilevanti. Non si conoscono le motivazioni dell' intimidazione, che secondo alcune fonti, sarebbe da collegare ad una vendetta contro il carabiniere in relazione alla sua attivita' di servizio.

A Cariati rubavano la ghiaia dal letto del fiume: arrestati

25/06 Grazie all’incessante opera di controllo sull’ambiente da parte della Guardia di Finanza della Compagnia di Rossano, due persone sono state arrestate ed una e' stata denunciata in stato di liberta' dopo essere state sorprese mentre asportavano materiale inerte dal letto del fiume Nica', nel territorio di Cariati. L' accusa per G.A., di 53 anni, e S.B., di 33, e' furto aggravato in danno del demanio fluviale. I mezzi utilizzati per asportare il materiale inerte, un escavatore ''Caterpillar'' ed un autocarro, sono stati sequestrati. Uno degli arrestati risulta socio di un' azienda del luogo operante nel settore della produzione di calcestruzzo, mentre gli altri due sono dipendenti della stessa azienda, proprietaria dei mezzi sequestrati. “La difesa dell' ambiente - ha detto il comandante della compagnia della finanza di Rossano, cap. Cosmo Virgilio - e' da tempo un aspetto importante dell' attività istituzionale del Corpo. Immaginabili sono le conseguenze, soprattutto in questo periodo in cui più frequenti diventano gli eventi precipitosi di carattere alluvionale, che la sottrazione di materiale inerte dal letto quasi vuoto di un fiume in pianura potrebbero causare, soprattutto se a ridosso di un centro abitato”. Le indagini, coordinate dalla Procura di Rossano, proseguono per risalire a eventuali complici ed a ricostruire il giro d' affari illecito.

Arrestato il marocchino che sfregiò il suo connazionale.

25/06 Un immigrato marocchino, Mourad Gamgami, di 33 anni, e' stato arrestato dai carabinieri a Cosenza con l' accusa di avere ferito al viso, provocandogli uno sfregio, un connazionale. Secondo quanto e' emerso dai primi accertamenti, Gamgami avrebbe tentato di rapinare il connazionale e lo avrebbe ferito quando questi ha reagito. L' arrestato e' stato portato nel carcere di Cosenza

Un ragazzo rapinato in casa a Diamante

25/06 Hanno aspettato in casa non ci fosse nessuno, appostati fuori dalla casa in Contrada Cucco di Diamante, due uomini hanno atteso l’uscita della madre dall’abitazione e forzando una finestra sono entrati. Ma all’interno della casa c’erano il figlio quindicenne e il fratellino, che dormiva. I due malviventi, uno dei quali aveva il volto celato da passamontagna, non si sono persi d’animo e puntandogli una pistola contro al ragazzo si sono fatti consegnare il cellulare e oggetti d’oro. La vittima della rapina ha poi avvertito telefonicamente la madre, che si e' messa in contatto con i carabinieri. Le ricerche dei due rapinatori non hanno dato esito. Secondo quanto e' emerso dai primi accertamenti dei carabinieri della Compagnia di Scalea, a compiere la rapina potrebbero essere stati due extracomunitari.

Oliverio programma la visita dei Vescovi della Provincia

25/06 Prosegue il giro di incontri del neo eletto Presidente Gerardo Mario Oliverio alle autorità civili e religiose del territorio cosentino. Lunedì 28 giugno prossimo, alle ore 11.00, il Presidente andrà a far visita a Mons. Giuseppe Agostino, Vescovo di Cosenza-Bisignano, mentre nel pomeriggio, alle ore 17.30, si recherà a San Marco Argentano per incontrare Mons. Domenico Crusco.

Due anni fa la famiglia Ambrosio periva in un incidente in Francia

25/06 Sono passati due anni da quel tragico 25 giugno del 2002 quando l'intera Famiglia Ambrosio periva tragicamente in un incidente automobilistico avenuto in Francia. Erano in gita e stavano tornando da DisneyWorld. Una gita tanto bramata dalla piccola Martina, che la mamma per farla contenta organizzò la tarsferta a Parigi per tutta la famiglia. Ma poi sull'autostrada la macchina su cui viaggiavano si andò a schiantare contro un TIR su di un pezzo di autostrada a doppia corsia. Oggi , di loro, dei loro sorrisi e della loro voglia di vivere, della loro dolcezza ci rimane solo il ricordo di amici tanto cari, inamorati dei loro figli che oggi non ci sono più. A noi oltre al ricordo ci rimane una foto, questa foto che pubblichiamo, che era nel rullino della macchina ritrovata dai gendarmi francesi. Per chi li ha conosciuti, parenti e amici ne ricordano la memoria in una messa alle ore 17 nella chiesa di piazza Loreto. Roberta invece li vuole ricordare così:

“Ci sono immagini che non si cancellano
Ci sono "perché" che non ci abbandonano
Ci sono i ricordi, di sorrisi e lacrime,
Congelati in un attimo divenuto eterno...
Ci sono cose che si sanno da sempre
E che dobbiamo ancora scoprire
Ci sono parole che non sappiamo dire
Ci sono sogni ancora da fare
C’è l’allegria di un raggio di sole
E il pianto triste di mille fontane
C’è la paura del non sapere
Ed il piacere d’immaginare
Ci sono cose che non sono più
E sono quelle che saranno per sempre….”

Roberta

 

Lite tra due immigrati alla villa nuova. Uno dei due finisce in ospedale

24/06 Due cittadini del Marocco si sono litigati in serata nei pressi della nuova Villa Comunale. I due sono subito passati dalle parole ai fatti. Nel litigio uno dei due ha ferito alla gola, con una bottiglia rotta, il suo connazionale che è stato ricoverato in ospedale. Le sue condizioni non destano preoccupazioni. La vittima ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri che stanno svolgendo indagini. L’aggressore è stato identificato e la sua posizione è al vaglio degli investigatori.

Due arresti per spaccio a Rossano

24/06 Due persone sono state arrestate dai carabinieri a Rossano perche' accusate di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di Giuseppe Diaco, 39 anni, di Rossano e Giuseppe Aggazio, 34 anni, di Pietrapaola. Ai due e' stata notificata una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Rossano, Salvatore Iulia, che ha accolto la richiesta del Procuratore capo, Dario Granieri.

Sequestrata una cava abusiva a Corigliano. Amministratore denunciato.

24/06 Un' area di 25 mila metri quadri, nel Comune di Corigliano, all' interno della quale si trovava una cava per la lavorazione di inerti, e' stata sequestrata dal Nucleo investigativo polizia ambientale e forestale (NIpaf) di Cosenza che ha denunciato l' amministratore della struttura per il reato di sfruttamento di cava abusiva. Gli uomini del Nipaf, in collaborazione con quelli del Corpo forestale dello stato, oltre alla cava senza autorizzazione hanno rilevato l' assenza di concessione edilizia per le infrastrutture dell' impianto di lavorazione inerti ed i manufatti in calcestruzzo esistenti nell' area. Sequestrati anche un escavatore cingolato, una ruspa e un autocarro Fiat.

Comune di Cosenza: Conto consuntivo positivo, ma occorre sapere cosa accadrà in consiglio

24/06 “Il giudizio sul conto consuntivo 2003 dell’Amministrazione comunale è positivo. Chiudiamo con un avanzo di amministrazione e non è poco. Ora però è bene rivolgere un invito al senso di responsabilità perché è importante sapere con chiarezza cosa accadrà se il conto consuntivo non sarà approvato.”
Lo ha affermato il Sindaco Eva Catizone nel corso della riunione della commissione bilancio tenutasi ieri sera a Palazzo dei Bruzi.
“Se non si dovesse arrivare all’approvazione del consuntivo – ha precisato ancora la Catizone – qualcuno dovrà pur assumersi le sue responsabilità di fronte alla città.
L’arrivo del commissario ad acta per l’approvazione del documento va scongiurato perché, oltre a costringere l’Ente a farsi carico della relativa spesa, potrebbe pregiudicare la realizzazione del programma amministrativo.
Si pensi alla mancata corresponsione della terza tranche dei trasferimenti statali che costringerebbe l’Amministrazione a dover scegliere tra i tanti obiettivi che si era prefissa quelli da portare a termine da quelli che non avrà la possibilità di realizzare.
Così come – ha concluso il Sindaco - si troverà a non poter mantenere tutta una serie di impegni, a cominciare da quelli con le cooperative sociali per le quali esiste una copertura finanziaria solo fino a settembre.” La riunione della commissione , alla quale ha preso parte il Sindaco in quanto titolare anche della delega specifica al bilancio, si è chiusa con quattro voti a favore e quattro contrari. Soddisfazione per l’andamento della riunione è stata espressa dal Presidente della stessa commissione Damiano Covelli. “Un confronto di grande civiltà e partecipazione – ha precisato Covelli – quello sviluppatosi nel corso della riunione caratterizzata da un clima di serenità pur nella diversità dell’impostazione delle differenti parti politiche impegnate nella discussione.” Covelli ha avuto parole di plauso e di apprezzamento nei confronti del Sindaco Catizone. “Questo consuntivo – ha sottolineato il Presidente Covelli – dà l’esatta misura di come l’Amministrazione sia stata capace nel 2003 di realizzare il programma del Sindaco ed è questa la migliore risposta a chi demagogicamente, strumentalmente e con irresponsabilità, sta mettendo in pratica tentativi di delegittimazione, alimentando il sospetto che la mancata approvazione del conto consuntivo conduca allo scioglimento del Consiglio comunale. E’ del tutto evidente che così non è, ma ho motivo di ritenere – ha precisato Covelli – che anche l’eventualità dell’arrivo di un commissario ad acta sarà scongiurata, soprattutto se si considera il riverbero negativo che una circostanza del genere potrebbe avere per il prosieguo dell’attività amministrativa della giunta Catizone. Una giunta che ha operato bene assicurando significativi livelli di sostegno al welfare cittadino, tenendo ben presenti le esigenze delle fasce più deboli della popolazione. Un’Amministrazione che ha inoltre ampliato l’offerta dei servizi alle famiglie, con il potenziamento del servizio del pre e post scuola e con il contemporaneo potenziamento dell’asilo nido. Sul fronte delle agevolazioni ai cittadini meno abbienti, l’azione amministrativa nel 2003 si è caratterizzata poi – ha sottolineato ancora Covelli - per una attenta politica di riduzione della pressione fiscale a favore delle famiglie più bisognose che, in termini di cifre ha significato un risparmio complessivo per le famiglie meno abbienti di 779.448, 78 euro. Significativo inoltre il complesso degli investimenti sostenuti dal bilancio comunale nel settore delle opere pubbliche: 2 milioni di euro sono stati spesi per i lavori di pedonalizzazione di Corso Mazzini, un milione e quattrocentomila euro per il rifacimento del manto stradale delle arterie cittadine, un milione e cinquecentomila euro per il secondo stralcio della Villa Vecchia, 300 mila euro per il recupero delle frazioni cittadine di Sant’Iippolito e Donnici. L’elenco potrebbe continuare ancora per molto e ricomprendere inoltre la ristrutturazione, a tempo di record, del Teatro “Rendano” e gli investimenti effettuati nel settore delle politiche culturali con la Festa delle Invasioni, la stagione lirica e quella di prosa ed il Capodanno.
Elementi tutti – ha concluso il Presidente della commissione Damiano Covelli - per confermare il giudizio estremamente positivo sul primo consuntivo del Sindaco Catizone che, ne siamo certi, continuerà sulla strada intrapresa per il completamento del suo programma.”

Difficoltà finanziarie dell'ARSSA, il Presidente Pizzini incontra i dirigenti della Regione

24/06 Dopo le ripetute prese di posizione, da parte sindacale e del Presidente dell’ Agenzia per i Servizi in Agricoltura, Antonio Pizzini, riguardo alle dichiarate difficoltà finanziarie dell’ARSSA, c’è da segnalare la positività di un incontro che s’è tenuto oggi a Catanzaro, tra lo stesso Pizzini ed il responsabile del Dipartimento Bilancio e Sviluppo Economico della Regione Calabria, Mauro Pantaleo. L’incontro - ha riferito il Presidente dell’Agenzia - è stato giudicato decisivo per avviare a soluzione la delicata problematica concernente la “ difficoltà di Cassa” dell’ Ente strumentale agricolo calabrese. Pizzini al suo attento interlocutore, oltre a riferire sulla questione di stringente attualità, ha posto parimenti l’accento sul ruolo strategico dell’ARSSA, per l’ammodernamento del comparto agricolo regionale, sulla progettualità avanzata, ritenuta d’indubbio interesse per il mondo produttivo, e sulla costante azione che l’Agenzia conduce nel settore della valorizzazione e promozione delle eccellenze agroalimentari del made in Calabria, sia in Italia che all’estero, in stretto sinergismo con il maggior Ente locale calabrese. Pantaleo, da parte sua, ha rassicurato il Presidente dell’ARSSA che, celermente, sarà condotta ogni azione utile per restituire serenità operativa all’ Agenzia, con l’accreditamento della 2^ rata dello stanziamento ordinario di Bilancio, per il corrente esercizio finanziario, che consentirà - è stato riferito - di far fronte agli oneri stipendiali, al pagamento dei mutui e d’altre scadenze imminenti, riferite all’intero Comparto dell’Agenzia e di ex Esac Impresa.
Pizzini, nell’accomiatarsi con l’alto Dirigente regionale, ha ringraziato l’interlocutore per l’attenzione riservata alle problematiche generali ARSSA ed auspicato, premurosamente, che la situazione complessiva del Bilancio dell’ Agenzia diventi una priorità in sede del prossimo assestamento del Documento contabile generale dell’istituto Regionale.-

Convegno sull'emergenza ambientale a Plataci il 18 luglio

24/06 L'emergenza ambientale e' il tema del Convegno internazionale che l' istituto Mezzogiorno Mediterraneo (MeMe) terra' nel corso dei tradizionali ''itinerari Gramsciani'' arrivati, quest' anno alla settima edizione. Il convegno si terra' a Plataci, domenica 18 giugno con inizio alle 9,30 e vedra' la presenza, oltre che di importanti forze politiche, sociali, culturali e istituzionali, che hanno gia' dato la loro adesione, di studiosi, esperti della materia, ricercatori impegnati, in Italia e a livello internazionale, ad indagare i vari aspetti di questo tema cosi' impegnativo. Compito fondamentale del Convegno vuole essere quello di partire da uno spaccato specifico del Mezzogiorno - cioe' l'area collocata a cavallo tra l' alta Calabria Jonica e la Basilicata - per analizzare i problemi dell' ambiente ed individuare le comuni emergenze con i Paesi del Mediterrnaeo e dei Balcani.
A cio' si collega un elemento che vede la zona dell' Alto Jonio cosentino punto di registrazione di un alto tasso di malattie tumorali che incomincia a creare grande apprensione nella popolazione. Sicurezza territoriale, desertificazione, acqua, inquinamento, devastazione ambientale sono i temi maggiore riflessione da parte degli studiosi. Il problema diventa ancora piu' pregnante per l' allargarsi del traffico delle scorie nocive che sta suscitando grandi manifestazioni di popolo contro le mega discariche i cui rifiuti si vogliono, ora, smistare in Albania. Al convegno, patrocinato dalle Regioni Calabria e Basilicata, dalla Provincia di Cosenza, dal Parco Nazionale del Pollino e dalle Comunita' montane interessate, oltre che dal Comune di Plataci, parteciperanno, tra gli altri, i Ministri dell' Ambiente e della Cultura d' Albania e studiosi dell' Accademia di scienze di Tirana.

Acri: "Lo statuto regionale ignora il tema della sicurezza degli amministratori"

24/06 "Nella discussione sullo Statuto calabrese prevalgono i temi legati agli organigrammi mentre nemmeno un rigo o un passaggio e' dedicato alla questione relativa alla sicurezza degli amministratori calabresi". Questo è quanto ha affermato Antonio Acri, presidente di LegAutonomie Calabria parlando con i giornalisti a margine della presentazione del primo rapporto sulla finanza locale dei Comuni. "Lo statuto regionale, sulla scorta di quanto e' stato fatto in regioni che peraltro non vivono la nostra emergenza - ha aggiunto Acri - dovrebbe prevedere, ad esempio, la creazione di strumenti finalizzati al monitoraggio dei fenomeni criminali. Si potrebbe dare vita ad un osservatorio permanente". A giudizio di Acri, comunque, "una maggiore consapevolezza della gravita' di questi fenomeni deve comunque riguardare anche gli stessi amministratori che, talvolta, purtroppo, tendono a minimizzare gli episodi salvo poi a doversi ricredere".

Intensificati i controlli sulle strade durante i week end

24/06 Saranno intensificati i controlli e la vigilanza sulle strade in occasione dei prossimi fine settimana e dell'esodo estivo. Saranno inoltre istituite postazioni fisse di soccorso sanitario e meccanico che saranno in contatto con le forze di polizia. E' quanto deciso al termine di una riunione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto di Cosenza, Diego D'Amico, e finalizzato al tranquillo svolgimento delle vacanza estive. All'incontro hanno partecipato tra gli altri, oltre che i vertici delle forze dell' ordine, il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, i rappresentanti dei Comuni di Cosenza, e di altri Comuni tra quelli costituenti meta di vacanzieri, funzionari dell' Anas, dell' Ufficio regionale della Protezione civile, delle Aziende sanitarie locali, del Servizio sanitario 118, della Croce Rossa Italiana e dell' Aci. "Particolare attenzione - e' scritto in una nota della Prefettura - sarà riservata alle misure volte a garantire un ordinato svolgersi della circolazione stradale, alla giornata di ferragosto. E' stato disposto, altresì, l'allertamento generale del personale medico e paramedico presso i presidi ospedalieri per il potenziamento dei turni di servizio". Nel corso della riunione sono stati programmati anche "specifici servizi - conclude la nota - a cura di tutte le forze di polizia e dei corpi dei Vigili urbani per lo svolgimento di una costante ed incisiva azione di repressione delle citate violazioni delle norme sulla circolazione stradale".

La Regione dispone un'indagine conoscitiva sugli "ecomostri" del Tirreno

24/06 Un' indagine conoscitiva e' stata disposta dall'assessore regionale all' Urbanistica, Raffaele Mirigliani, in relazione agli episodi che riguardano la costruzione di una mega-palestra di Cirella di Diamante e di una struttura alberghiera di Praia a Mare. A darne notizia e' un comunicato dell'Assessorato. L' indagine - e' detto nella nota - prevede, all' occorrenza, "verifiche ispettive, anche in loco, in ordine alla regolarità o meno della procedura e ai profili sostanziali e di merito delle pratiche medesime. Ciò all' effetto di valutare se e quali interventi di competenza regionale effettuare". Nel comunicato si riferisce dell' incarico dato alla struttura dell' assessorato ''che provvederà a relazionare nei tempi più rapidi".

Da domani due giorni di iniziative organizzati da Ciroma in piazzetta Toscano

24/06 La Ciroma non ha stagioni, così come non ha luoghi prefissati. La Ciroma vive attraverso le voci che gli danno fiato: è attenzione, comunicazione, discussione, radio. Ma Ciroma è anche festa , ritrovo e, tempo permettendo, anche piazza. Se lo scorso anno è stata Piazza dell'Eresia, quest'anno piazza Toscano, nella città antica, sarà Piazza delle Produzioni Indipendenti, a significare la capacità ed anche l’abilità di chi, con passione e disinteresse, manipola e utilizza tecnologie avanzate e antichi saperi. Comunque sia, Piazza delle Produzioni Indipendenti sarà il luogo di festa comune, dove si manifesta lo spirito creativo di chi si mette all’opera e di chi vuole partecipare.
Il 25 giugno dalle 21,30 in poi sarà “La Notte dei Corti Viventi – Il Ritorno“, rassegna di video e cortometraggi autoprodotti. Insieme alle opere di giovani video makers calabresi vedremo numerose pellicole provenienti da tutta Europa, divise in tre sezioni: fiction, azioni dirette/movimento e animazione. Il 26 dalle ore 19 la serata sarà dedicata alle “Danze di Terra”, un’occasione per rintracciare ritmi e sonorità della tarantella tradizionale calabrese, con suonatori provenienti da Rogliano, Caulonia, Alessandria del Carretto, Isca sullo Ionio, Santa Sofia d’Epiro, Lungro ed altre comunità della Calabria. Danzatrici e sonatori, ciaramelle e tamburelli e tutto quello che volete “portà ppè abballà” ma anche per riscoprire la più autentica ed originale tradizione calabrese.
Cosa accomuna le due serate?
Una scelta di campo, strategica potremmo dire. Creiamo lo spazio dove l’attività diurna si incrocia e si confonde con quella notturna, dove al sollazzo uniamo l’azione: non consumo ma condivisione. Non sponsor ma autoproduzione. Insomma, autarchia mentale e godimento collettivo.
Chissi simu.

Gazebo informativo sulla donazione degli organi in Piazza Duomo venerdì dalle 22 alle 24

24/06 A cura dell'Azienda Sanitaria di Cosenza, domani sera, venerdi' 25 giugno, dalle ore 22 alle ore 24 , funzionerà un gazebo informativo in Piazza Duomo, sul valore della donazione degli organi. I cittadini - si legge in un comunicato - potranno anche esprimere il loro consenso informato. Si tratta di un'iniziativa importante- ha detto la dott.ssa Isabella Polillo, direttore dell'URP - che serve a coinvolgere la popolazione ed i giovani. Il direttore Buoncristiano- ha detto ancora la dott.ssa Polillo- ha voluto far diventare concreta la politica sulla donazione , decidendo di consegnare ai dipendenti , insieme al cedolino di pagamento per il mese di luglio, il modello sul consenso. Nel prossimo futuro - ha concluso la dott.ssa Isabella Polillo - cercheremo di coinvolgere anche altri enti istituzionali e privati su questa iniziativa ed organizzeremo un convegno insieme all'Universita' degli Studi della Calabria.

Parte la disinfestazione contro gli insetti alati

24/06 L’Assessorato alla salute del cittadino comunica che l’Azienda Sanitaria nr.4 di Cosenza inizierà lunedì prossimo, 28 giugno 2004, la prima fase della lotta agli insetti alati. A causa dell’utilizzo di apparecchiature termonebbiogene gli interventi saranno compiuti esclusivamente nelle ore notturne.
Questo il calendario previsto:
Lunedì 28 giugno
dalle ore 24 Zona Cosenza Nord: (Bosco de Nicola, Torre Alta, Via Popilia, Via Panebianco, S. Vito, Via degli Stadi, Piazza Zumbini, Piazza Europa, ecc.);
Martedì 29 giugno
dalle ore 24,00 Zona Cosenza Centro: (Via Caloprese, Piazza Loreto, Piazza Fera, Corso d’Italia, Corso Mazzini, Via XXIV Maggio, Viale degli Alimena, Viale Trieste, Via Montesanto, ecc.);
Mercoledì 30 giugno
dalle ore 24,00 Zona Cosenza Sud: (Via Tancredi, Viale della Repubblica, Corso Umberto, Piazza Cappello, Centro Storico, Casale, ecc.);
Giovedì 1 luglio
dalle ore 24,00 Zone Periferiche e Frazioni: (Donnici inf. E Sup., S. Ippolito, Borgo Partenope, ecc.)

Si invitano i cittadini a collaborare con gli operatori dell’igiene pubblica, con la raccomandazione di tenere chiusi i balconi e le finestre delle abitazioni per tutta la durata dell’intervento.

Dimessa l'assessore allo sport e Turismo di Castrovillari "Dimissioni per riflettere"

24/06 Il rimettere le mie deleghe nelle mani del Sindaco non e' da considerare una voglia di dimissioni fine a se stesse ma alla luce del risultato elettorale che ha visto la casa delle liberta' nella sua interezza subire un ridimensionamento dei consensi, mi sembra opportuno quanto doveroso favorire una seria riflessione di carattere politico - amministrativo nella nostra Citta'''. E' quanto sostiene in una nota Anna De Gaio circa le sue dimissioni da assessore allo sport, turismo e tempo libero del Comune di Castrovillari. "Il mio personale parere - ha aggiunto - e' che l'elettorato, facendo diminuire il consenso alle forze di questa maggioranza, non ha valutato l'enorme lavoro che l'Amministrazione ha sviluppato in questi due anni, affrontando la difficile eredita' del passato, fronteggiando le emergenze, impostando un nuovo lavoro, programmando una nuova azione amministrativa che gia' sta dando visibili frutti. Uno dei motivi della mancata visibilita' amministrativa e' sicuramente da ricercare nei continui veleni sparsi in nome di logiche non chiare e non definite, nel prevalere di personalismi ,nelle divisioni interne dei partiti che spesso non hanno saputo essere adeguato riferimento dell'impegno amministrativo portato avanti in questi anni la simpatia degli elettori''. "La mia speranza - ha concluso De Gaio - e' che il mio atto non resti isolato e che tutti dimostrino alla citta', ai loro partiti di appartenenza, al Sindaco la sensibilita' di cui sono portatori, sgombrando il campo da ogni pregiudiziale nell'affrontare un'analisi che porti ad una conseguente azione amministrativa - politica rinnovata".

Firmata la negoziazione del Programma di sviluppo Cosenza Rende

24/06 Firmato stamane il verbale di negoziazione del PSU Cosenza- Rende, l’ultimo atto tecnico amministrativo prima della firma del protocollo d’intesa con la Regione, che dovrebbe avvenire entro metà luglio. Il verbale è stato firmato dai responsabili della struttura tecnica di progetto: per il Comune di Cosenza l’arch. Alessandro Adriano, dirigente dell’Ufficio del Piano; l’ing. Sole per il Comune di Rende; il responsabile di misura dr. Gareri per la Regione. Il protocollo, invece, verrà firmato dai vertici istituzionali. Il sindaco Eva Catizone, nell’esprimere soddisfazione per essere arrivati a questo importante passo, non manca di inviare un pensiero al collega Sandro Principe. “Siamo finalmente alla vigilia dell’attuazione di uno dei più importanti programmi, cui è realisticamente affidata l’ambizione di un nuovo sviluppo per la città e per l’area urbana. La gioia del momento è attenuata solo dalla impossibilità di condividerla appieno con il sindaco di Rende. Sono certa, però, che apprendere questa bella notizia, che gli invio con tanto affetto, non potrà che contribuire ad accelerare la sua guarigione.” Il Programma di sviluppo urbano, predisposto dai due Comuni in coerenza con le indicazioni del POR Calabria e del Complemento di Programmazione, guarda all’insieme dell’area urbana ed è orientato ad avere impatti positivi su un raggio territoriale ampio. Il PSU intende anche conseguire la massima integrazione con gli altri strumenti di sviluppo urbano e territoriale comunitari, nazionali e regionali, a partire dal PIT "Serre Cosentine". E’ prevista una spesa complessiva, finanziata quasi interamente attraverso il POR, di circa 35.000 euro, dei quali circa 15.000 per la prosecuzione del Viale G. Mancini in territorio rendese ed il resto per varie opere nel Comune di Cosenza. Nel PSU sono previsti progetti importanti come la costruzione del Planetario; la riqualificazione dei fiumi cittadini; la riqualificazione dell’ex Caserma Fratelli Bandiera, del quartiere di San Gaetano, dell’Arenella; parte del restauro del Castello svevo; il progetto per il sistema integrato di gestione e monitoraggio del trasporto pubblico e quello per la sicurezza nei quartieri; un sistema di collegamento stradale con raccordi ad est tra il Viale e il ponte sul Crati; il potenziamento del progetto “In giro per la città” (servizio taxi accessibile a tutti) e degli impianti per il nuoto e le attività sportive dei disabili; la realizzazione di un Centro per la mobilità delle persone con disabilità; un programma integrato di servizi per la qualità della salute dei cittadini con particolare riferimento a quelli in età pediatrico-adolescenziale; il potenziamento di strutture per l’infanzia; la realizzazione del Parco fluviale del Lungo Crati con annesso Centro sportivo per l’equitazione.

Turni di notte per finire i lavori su corso Mazzini

24/06 Accelerazione per i lavori di riqualificazione su corso Mazzini e le traverse. Il direttore dei lavori arch. Luvio Pucci dà notizia che da domani, su disposizione dell’Amministrazione comunale, saranno effettuati anche turni notturni di lavoro, a partire dalle ore 20. Potranno quindi rapidamente essere completati i tratti di pavimentazione prospicienti gli ingressi delle attività commerciali, il cui svolgimento non subirà così intralci.

Festa della Musica: rinviate le due serate previste all'Arenella

24/06 Per cause tecniche le due serate previste in Piazza Arenella nell'ambito della festa della musica 2004 sono rinviate alla prossima settimana. Appuntamento quindi sabato al castello alle ore 0.00 per la seconda edizione di Electrozone e mercoledi 30 al Cinemateatro Italia alle ore 21.30 per l'omaggio a Gaber a cura dell'associazione Tolda '86.


Per le notizie dal 20 al 23 giugno premi qui, dal 11 al 19 giugno premi qui, dal 6 al 10 giugno premi qui, dal 1 al 5 giugno premi qui, dal 28 al 31 maggio premi qui, dal 23 al 27 maggio premi qui, dal 18 al 22 maggio premi qui, dal 13 al 17 maggio premi qui, dal 8 al 13 maggio premi qui, dal 3 al 7 maggio premi qui, dal 28 aprile al 2 maggio premi qui, dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2004 NuovaCosenza.com Testata Giornalistica online
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti