HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Agenda 
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Spettacoli 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità
 Consumatori
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Innovazione
 Informatica
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità
 Scuola e Giovani
 Docenza
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Notizie di Cronaca
dal 28 aprile al 2 maggio

 

Lunedì la processione del "Crocifisso"

02/05 Si conclude domani pomeriggio alle 18.00 con la tradizionale processione del Crocifisso, che i padri Cappuccini porteranno in giro per la città, la rituale festa del Santissimo Crocifisso della Riforma. Già questa sera cantanti e bancarelle l'hanno fatta da padrone in tutta la zona della Riforma, con la conseguente folla cittadina che ha riempito ogni dove. Invece per domani, 3 maggio, ultima giornata della festa, la tradizionale processione che muoverà dalle 18.00 da Piazza Riforma che attraverserà la città passando per via V. Veneto, via Roma, Piazza Loreto, via Nitti, Corso d'Italia, Piazza Fera, via Alimena, Piazza Scura, via Monte Santo, Via Isonzo, Corso Mazzini, Piazza dei Bruzi, Corso Umberto, Piazza Riforma e chiesa del Crocifisso. Al termine della processione Panegirico e Benedizione Eucaristica. La festa che culminerà con una spettacolare manifestazione pirotecnica e la famosa estrazione della Lotteria. Le messe domani verranno celebrate alle 7 - 8 - 9 - 11.30 - 17,30 -19. Durante la processione i padri Cappuccini tengono a precisare che non si raccolgono offerte. Un ultimo consiglio per domani pomeriggio: evitate di prendere le auto.

Morto a Paola uno studente di Rende

01/05 Era partito insieme ai suoi amici, tutti studenti, per andare al concerto del primo maggio a Roma, ma, per cause ancora sconosciute, Andrea Le Fosse di 23 anni di Rende, è stato travolto da un treno merci in transito sul secondo binario della stazione di Paola dove, assieme alla sua compagnia, aspettava il treno per raggiungere la capitale. I suoi amici si sono subito prodigati per soccorrerlo ed insieme ai medici del 118 lo hanno portato nell'ospedale di Paola, ma, poco dopo, Andrea è morto per le gravi ferite riportate. La Polizia sta svolgendo le indagini per capire le cause della tragedia.

Un arresto per rapina a Cosenza

01/05 I Carabinieri di Cosenza hanno tratto in arresto Costanzo Marotta di 36 anni in esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura delle Repubblica di Catanzao perchè riconosciuto colpevole di concorso in rapina.

Pregiudicato arrestato a Cassano

01/05 Un pregiudicato di 21 anni, Aldo Caruso, è stato arrestato dai carabinieri di Cassano allo Jonio, in esecuzione ad una ordinanza di aggravamento della misura cautelare del Tribunale di Castrovillari, per vari reati commessi nel 2003.

Non per tutti è il primo maggio

30/04 "L’uomo non è né un osservatore distratto né uno spettatore disinteressato della realtà sociale e dei problemi ad essa connessi. È cittadino di un mondo le cui contraddizioni e le cui sfide richiedono una presenza costantemente attenta, attiva, cosciente, responsabile e solidale. La partecipazione ai processi sociali, pertanto, non è, né deve essere determinata da particolari e utilitaristici interessi o da motivi gratulatori o compensatori, ma è vocazione, compito, testimonianza. Soprattutto per il cristiano, inserirsi nei solchi della storia lasciandosi guidare dalla luce evangelica dell’amore, è il segno distintivo del seguace di Cristo che si fa compagno solidale di viaggio dell’uomo.
Il primo maggio, festa del lavoro e dei lavoratori, fra le tante voci che invitano alla riflessione e all’impegno per assicurare a tutti condizioni di vita dignitose attraverso il lavoro, non può mancare quella della Chiesa. L’Ufficio della Pastorale sociale dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano, unitamente alle Acli, all’Azione Cattolica, al Terz’Ordine dei Minimi, al Centro Italiano Femminile, al Movimento Lavoratori dei Azione Cattolica, , al Movimento Focolari, intende essere presente con il suo contributo, esprimere la sua vicinanza a quanti vivono in situazioni di ingiustizia nella consapevolezza che per molte persone il primo maggio non è un’occasione di festa, e pertanto incoraggia quanti impegnano il loro tempo e le loro energie per rimuovere tali ingiustizie.
Di passi in avanti nell’acquisizione della coscienza dei diritti civili, grazie anche all’impegno delle associazioni sindacali, di categoria e di tutte le persone di buona volontà, ne sono stati fatti tanti. Permangono, tuttavia, situazioni di povertà e di disagio che non è esagerato definire drammatiche: mali antichi ma anche nuovi che impediscono il processo di crescita sociale ed economica e condannano il nostro territorio a un degradante e offensivo sottosviluppo, nonostante la ricchezza ricco di risorse umane, ambientali e paesaggistiche. In particolare: la cronica mancanza di lavoro che interessa, nella nostra Regione, ventiquattro persone su cento; la piaga del lavoro sommerso; lo sfruttamento del lavoro minorile e la difficoltà di accesso al credito che favorisce in taluni casi il ricorso all’usura, costituiscono purtroppo, ancora oggi, realtà che imprigionano e mortificano le capacità dei singoli ne spengono le speranze ne frenano lo sviluppo e suggeriscono l’abbandono della nostra terra. Questi mali si possono sconfiggere se ognuno fa la sua parte con onestà, con competenza, con serietà e spirito di servizio.
Di conseguenza, si rende necessario, però, il recupero di una forte tensione etica quale orientamento capace di indirizzare le coscienze al rispetto delle persone e al raggiungimento del bene comune e di rifondare i valori-guida di ogni attività: la solidarietà nella giustizia e nell’amore. Tuttavia un’azione isolata, pur lodevole nel suo impegno, avrebbe limitata efficacia nelle sue conseguenze, se non fosse inserita in una progettualità che tenga conto delle esigenze e delle necessità della collettività. Pur nella legittima e doverosa diversità dei ruoli, la convergenza delle varie forze politiche, istituzionali, sindacali e imprenditoriali, da attivare con il metodo del confronto e del dialogo, è garanzia di soluzioni più eque ricercate e individuate alla luce del bene comune, anche se più faticose. In conclusione, è bene ricordare quanto ha detto il Santo Padre Giovanni Paolo II in una delle sue catechesi: «L’uomo senza lavoro, è privo delle condizioni sufficienti per lo sviluppo della sua dimensione personale e sociale» Nota diffusa In occasione della festa dei lavoratori, memoria liturgica di San Giuseppe artigiano, dall’Ufficio pastorale per i problemi sociali e del lavoro dell’Arcidiocesi di Cosenza-Bisignano.

Regione: Commissione autoriforma, manca il numero legale e si aggiorna al 4 maggio

30/04 (Uscr) Si sono aperti nel primo pomeriggio i lavori della Commissione Autoriforma presieduta da Paolo Naccarato. All’inizio della seduta i rappresentanti in Commissione del gruppo Udc hanno presentato un emendamento (a firma dei consiglieri Roberto Occhiuto e Mario Albino Gagliardi) interamente sostitutivo di un altro precedentemente proposto dallo stesso gruppo consiliare. Con la nuova formulazione - relativa all’articolo 16 del testo in esame (“attribuzione del Consiglio regionale”) - si stabilisce che “Il Consiglio (...) nelle forme e nei modi stabiliti dal Regolamento, approva le dichiarazioni programmatiche per la legislatura rese dal Presidente eletto ed i relativi aggiornamenti”. Come si ricorderà, l’emendamento proposto nei giorni scorsi dall’Udc assegnava al Consiglio, nella sua prima seduta, il compito di eleggere tra i suoi componenti il Presidente della Giunta. La seduta della Commissione Autoriforma si è poi conclusa dopo un dibattito nel quale hanno preso la parola i consiglieri Roberto Occhiuto (UDC), Gianfranco Leone (FI), Domenico Rizza (AN), Mario Albino Gagliardi (UDC) ed Ennio Morrone (Alleanza Popolare). In particolare da parte dei consiglieri Occhiuto e Gagliardi è stata rilevata l’assenza in Aula Commissioni dei rappresentanti dei gruppi d’opposizione, che pure erano presenti all’avvio della seduta. Nel corso del dibattito è emerso, tra l’altro, l’orientamento a discutere direttamente lo Statuto in Consiglio, ai sensi dell’art. 67 del Regolamento, ma anche quello di chiedere un ulteriore rinvio dei lavori della Commissione per martedì prossimo, 4 maggio (Morrone, a nome del Centrosinistra). La seduta è stata infine conclusa dal presidente Naccarato il quale, non essendoci più iscritti a parlare, e dovendosi procedere alle votazioni, ha rilevato che non vi fosse il numero legale per procedere al voto. Al termine dei lavori,
il Presidente della Commissione Autoriforma, Paolo Naccarato, ha rilasciato la seguente dichiarazione:
“Dispiace che sia andata così ma da giorni andavo ricordando che stavano scadendo anche i tempi supplementari e che fosse arrivata l’ora di assumerci le responsabilità di una decisione. Ora ancor di più auspico fortemente che nella seduta del Consiglio regionale prevista per la prossima settimana nessuno si tiri indietro - memori tutti dello straordinario lavoro che tutti insieme abbiamo fatto in questi anni - e si concorra invece, nel modo che si ritiene, alla formazione di una decisione davvero non più rinviabile se si vuole essere classe dirigente avveduta che tiene a cuore gli interessi superiori dei cittadini calabresi”;
il capogruppo di Forza Italia, Gianfranco Leone, dopo la conclusione della seduta della Commissione Autoriforma, interviene con la dichiarazione che si riporta integralmente:
“Strappo istituzionale in Commissione Riforme per l’assenza dei gruppi del Centrosinistra che, nella seduta odierna, giornata decisiva per la formalizzazione, della rivisitazione normativa, a seguito della sentenza della Consulta, hanno fatto mancare sia la presenza fisica che il numero legale. La Commissione, convocata dal Presidente Naccarato per le 13.00 odierne, dopo aver iniziato una discussione preliminare ha dovuto, purtroppo, registrare l’assenza di tutti i componenti del Centro Sinistra dovuta, probabilmente, alla incapacità di questi ultimi di trovare una posizione comune sul tema centrale della “formula di Governo”, per la quale la consulta aveva mosso le proprie obiezioni. Al contrario, la maggioranza di Governo, tutta presente in aula, è riuscita ad individuare dopo le prese di posizioni di alcuni esponenti di governo nei giorni scorsi, un percorso unitario che non solo rinsalda il valore dell’appartenenza della coalizione stessa, ma consente alla stessa ed al Consiglio tutto, nei termini fissati, l’approvazione della Carta Costituzionale Calabrese, evitando, così, di rendere questa legislatura priva della riforma Costituente da troppo tempo annunciata. Infatti, eventuali ulteriori slittamenti di decisioni normative, per la tempistica tecnica che spetta ai passaggi istituzionali dell’approvazione, avrebbero prodotto, come risultato, la non approvazione tra la prima e la seconda lettura dello Statuto e delle nuove regole scritte a trent’anni di distanza dalla stesura della Carta Costituzionale. Insieme al collega Domenico Rizza di Alleanza Nazionale, constatata l’impossibilità di proseguire i lavori, prima della chiusura della Commissione da parte del Presidente Naccarato, abbiamo ribadito quanto detto nella seduta precedente circa la formalizzazione della richiesta ex art. 67 della convocazione di un Consiglio per la discussione dello Statuto. Alla firma di tale documento consegnato al Presidente Fedele si è aggiunta oltre la firma del collega Gagliardi dell’UDC, le firme dei colleghi Pisano del PRI e Pezzimenti di Liberal Sgarbi.”

Lunedì 3 maggio all'ITIS di via Monaco, convegno su "Azione 21 della Provincia di Cosenza: un processo sostenibile"

30/04 Si terrà lunedì 3 maggio prossimo, alle ore 9.30, presso la sala conferenze dell’Istituto Tecnico Industriale “A. Monaco” in Via Giulia n. 9, a Cosenza, il convegno su “Azione 21 della Provincia di Cosenza: un processo sostenibile”. L’appuntamento, che ha lo scopo di far conoscere e diffondere l’azione programmatica della Provincia verso lo sviluppo partecipato e sostenibile, è organizzato dall’Assessorato Provinciale all’Ambiente e patrocinato dal Coordinamento Nazionale Agende 21 Locali Italiane. Nel corso del convegno si parlerà di “infopoint” di Agenda 21 e del Piano di azione dell’ONU per lo sviluppo sostenibile, di “web site” per nuovi sistemi telematici, a cui fanno riferimento i dispositivi dell’Unione Europea, che prevedono norme chiare sull’accessibilità e l’usualità dei dati pubblicati telepaticamente, e di Azione 21 della Provincia di Cosenza al fine di inserire lo sviluppo sostenibile tra le esperienze presenti nel panorama generale. Al convegno prenderanno parte il Presidente della Provincia di Cosenza, Antonio Acri, il Dirigente Scolastico Regionale, Ugo Panetta, l’Assessore Provinciale all’Ambiente, Aurelio Morrone, che presenterà lo sportello di Agenda 21, Claudio Pedone, del Consiglio Nazionale di Agende 21 Locali Italiane che parlerà dello sviluppo sostenibile attraverso l’istituzione di Agenda 21, Giordano Cuoghi, progettista multimediale, che relazionerà su “Comunicare la sostenibilità”, Filippo Lenzerini, responsabile della società “Punto 3”, che relazionerà su “Sportello Ecoidea della Provincia di Ferrara: un anno di attività”, Vittoria Carnevale, Responsabile regionale del programma “Ecoschool” del Centro di Educazione e Documentazione Ambientale di Agenda 21 a scuola. I lavori saranno coordinati dal presidente della Commissione Provinciale all’Ambiente Luigi Marrello. Al convegno parteciperanno gli attori sociali di Agenda 21, le scuole, le associazioni e gli enti preposti all’attuazione dei progetti di Agenda 21 Locale.“Sarà un’occasione utile per approfondire, con un approccio integrato, i problemi dello sviluppo partendo dai cinque settori chiave individuati -ha detto l’Assessore Aurelio Morrone a proposito delle tematiche che verranno affrontate in sede di convegno- che sono industria, trasporti, agricoltura, energia, turismo, per poter identificare, quindi, i percorsi ed i target da raggiungere”.“I nuovi strumenti operativi e valutativi per rendere i cittadini europei partecipi delle decisioni della Comunità devono rivestire -ha ribadito l’Assessore- un ruolo strategico per le Regioni e gli Enti Locali, richiamando il principio della sussidiarietà che deve poter fare la differenza, a livello di dialogo costruttivo e di comunicazione efficace, tra cittadini e realtà locali”.

Pizzini: "L'Arssa non è in una situazione drammatica"

30/04 Il presidente dell'Arssa, Antonio Pizzini, in merito al disagio finanziario dell'Agenzia regionale per lo Sviluppo e per i Servizi in Agricoltura della Regione Calabria e le difficoltà operative delle strutture Arssa presenti sul territorio regionale, ha fornito, con un comunicato, "elementi rassicuranti, circa l'evoluzione positiva, relativa alla imminente disponibilità del primo trimestre del finanziamento ordinario, pari a circa sette milioni e seicento mila euro, del bilancio Arssa per l'anno 2004". "L'atto di disponibilità amministrativo dell'istituto regionale - ha detto Pizzini - sta seguendo il suo normale percorso bancario. Esso sarà operativo nei primi giorni della prossima settimana e si provvederà ad onorare gli impegni con tutto il personale del comparto, con il pagamento delle competenze stipendiali e salariali maturate. A questo risultato si è giunti dopo attente riflessioni maturate in seno al cda dell'Agenzia, che s'è fatto subito carico del particolare momento di difficoltà. Ma tali difficoltà, in ogni modo - fa sapere il presidente Pizzini - in piu' occasioni, e nei modi dovuti, erano state puntualmente segnalate agli organismi regionali competenti". Il presidente dell’Arssa, con l'occasione, "oltre a fornire ampia rassicurazione, per il ritorno alla normalità, per quanto è stato oggetto di riflessione del sindacato, si propone, nello spirito di chiarezza che la circostanza impone, e per il doveroso rispetto verso i lettori della stampa calabrese e degli operatori interessati all'attività dell'Agenzia, di ricondurre la questione nella sua naturale dimensione, in altre parole di difficoltà contingente di cassa, in via di superamento".

Foto Notizia

30/04 Principio d'incendio in una vecchia casa diroccata di via Caloprese. Nella foto l'opera dei Vigili del Fuoco che hanno spento il piccolo incendio. (Foto Krigil)

Il Presidente Acri incontra tutte le Amministrazioni Pubbliche il 7 maggio

30/04 Tutti i 155 Sindaci ed i Presidenti delle Comunità Montane della provincia di Cosenza sono stati invitati, con una lettera, dal Presidente della Provincia Antonio Acri a ritrovarsi venerdì prossimo 7 maggio, alle ore 11.00, presso il Ridotto del Teatro Rendano. “L’approssimarsi della scadenza legislativa mi suggerisce l’opportunità, sostanziale e per nulla formale, -dice il Presidente Antonio Acri nella lettera-invito- di incontraVi personalmente, per effettuare, insieme a Voi, una valutazione complessiva dell’esperienza amministrativa che sta per concludersi e per scambiare, con ognuno di Voi, un sincero e affettuoso saluto di commiato”.“Gli anni vissuti alla Presidenza della Provincia di Cosenza, mi hanno confermato sul campo -dice ancora la lettera del Presidente Antonio Acri- il significato vero e profondo di espressioni come solidarietà istituzionale, governo dal basso, politica dell’ascolto, Provincia dei cittadini”. “Insieme abbiamo percorso un pezzo di strada importante che, certamente, farà parte del bagaglio umano, politico ed amministrativo di ognuno di noi. Attraverso di Voi, vorrei salutare -conclude il Presidente Antonio Acri- la parte più significativa, onesta e laboriosa di questa provincia, troppe volte mortificata e dimenticata”. Come gesto di amicizia e di ringraziamento per l’impegno manifestato e per il rapporto di grande collaborazione instauratosi, in questi anni, tra la Provincia di Cosenza ed i Comuni e le Comunità Montane, il Presidente Antonio Acri, offrirà un segno tangibile di riconoscimento alle autorità territoriali convenute che ne testimoni l’affetto e la stima. All’appuntamento di venerdì 7 maggio parteciperanno il Presidente del Consiglio della Provincia di Cosenza, On. Francesco Principe, i dodici Assessori Provinciali e tutti i Consiglieri Provinciali.

Ritrovata l'anziana donna dispersa a Longobucco. Caduta in un burrone, è grave

30/04 E' stata ritrovata questa mattina dopo le 11 in un burrone la donna dispersa da due giorni nelle montagne di Longobucco. Maria Vincenti, questo il suo nome, ha 74 anni e si era persa ieri pomeriggio mentre, assieme alla sorella Rosina, era in cerca di cipolle selvatiche. Le ricerche sono cominciate ieri, ma nella notte sono state sospese. Stamattina invece il ritrovamento da parte di due operai della Forestale che fin dalle prime luci dell'alba avevano iniziato le ricerche assieme ai Carabinieri e al Corpo Forestale dello Stato. Le manovre di recupero si sono rese difficili per la nebbia, in quanto i due elicotteri allertati, quello del 118 e quello della Forestale, non sono potuti intervenire fino ad oltre le 12. Alla fine un'autoambulanza è riuscita ad arrivare sul posto, che presenta notevoli difficoltà per l'asperità del terreno, e prelevare la malcapitata. La donna è ora ricoverata presso l'Ospedale di Cosenza. Le sue condizioni sono state giudicate gravi dai medici a causa delle numerose ferite riportate nella caduta.

Quattro arresti in provincia ad opera dei Carabinieri

30/04 Serie di arresti in provincia ad opera dei carabinieri:
- A Cassano allo Ionio i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto Vincenzo Forastefano, 31 anni, pluripregiudicato, in esecuzione di una ordinanza di espiazione di pena residua agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Catanzaro;
- A San Marco Argentano personale del locale Nucleo operativo radiomobile ha tratto in arresto, Kas Selimovic, 53 anni, cittadino serbo per non aver ottemperato all’ ordine di espulsione emesso dalla questura di L’Aquila;
- A Santa Maria del Cedro militari della locale stazione hanno tratto in arresto Robertino Presta , di 34 anni, pregiudicato, in esecuzione dell’ ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari emessa dal tribunale di sorveglianza di Catanzaro.
- A Scalea Carabinieri della locale stazione hanno tratto in arresto in flagranza Hamid Elomari di 30 anni, cittadino algerino, per non aver ottemperato al decreto di espulsione emesso da UTG di Cosenza. Nell’ ambito dello stesso contesto, è stata denunciata a piede libero. una persona per favoreggiamento della permanenza di straniero su territorio nazionale.

Servizio informativo del Comune per l’inserimento lavorativo di persone con disabilità

30/04 (Uscc) L’Amministrazione Comunale di Cosenza fornirà un servizio informativo e di orientamento per favorire l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità. Da sottolineare al riguardo che il 29 aprile è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria, nel supplemento straordinario n. 6, un bando per accedere a finanziamenti, che prevede che le domande debbano essere presentate entro 45 giorni. Gli incentivi sono finalizzati alla promozione di nuove iniziative imprenditoriali, attività professionali o altre attività di lavoro autonomo, nel settore della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio. I beneficiari delle agevolazioni sono soggetti con disabilità fisiche e maggiorenni, privi di occupazione e residenti in Calabria alla data di presentazione della richiesta di ammissione. Sono agevolabili programmi di investimento di importo non superiore a 50.000 Euro, al netto dell’Iva. Sono previsti contributi a fondo perduto pari al 60% degli investimenti ammissibili, oltre a contributi in conto interesse e servizi di assistenza. “L’Amministrazione comunale di Cosenza – ha dichiarato l’assessore ai diritti del cittadino Vincenzo Gallo – è impegnata a favorire l’inclusione sociale delle persone in stato di disagio sociale, con disabilità fisica, mentale e sensoriale. Da quest’anno metterà a disposizione anche personale qualificato per coloro i quali sono interessati ad ottenere maggiori informazioni su questa ed altre opportunità di finanziamento”.
Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Assessorato ai diritti del cittadino, Piazza dei Bruzi, tel. 0984/813251. Copia del bando è disponibile anche presso l’Ufficio Pubbliche Relazioni del Comune, in piazza dei Bruzi.

Bioarchitettura, dopo il convegno la Provincia fornirà maggiori informazioni ai Comuni che ne faranno richiesta

30/04 Presieduta dall'Assessore provinciale Luigi Ladaga si è svolta nella Sala Gullo della Casa delle Culture, l'annunciata riunione dei Comuni e delle Comunità Montane che hanno seguito, con i dirigenti dei rispettivi Uffici tecnici, il Corso di Bioarchitettura promosso dall'Assessorato ai rapporti istituzionali. L'Architetto Patrizia Mazzoni dell'Istituto Nazionale di Bioarchitettura di Firenze ha illustrato i vari tipi di incentivi attraverso i quali i singoli Comuni possono favorire la diffusione dell'edilizia sostenibile secondo i criteri dettati dalla Bioarchitettura. Questi incentivi possono essere costituiti: 1) da sconti sull'ICI; 2) da sconti sugli oneri di urbanizzazione; 3) da aumento delle volumetrie; 4) da priorità nella assegnazione di aree edificabili e di immobili da ristrutturare. Al termine dell'incontro l'Assessore Ladaga ha informato i presenti che ai Comuni saranno forniti schemi di deliberazioni già assunte da altre istituzioni e l'elenco dei professionisti che hanno frequentato il corso di Bioarchitettura promosso e organizzato dalla Provincia.

Calabria e fondi strutturali: ecco come migliorare i risultati

30/04 (Uscc) Qualificato dibattito a più voci, ieri sera alla Casa delle Culture, alla presenza di un folto pubblico, sui fondi strutturali 2000-2006 e sulle modalità di gestione e di spesa di questa importante risorsa comunitaria. Si è partiti dal libro che all’argomento ha dedicato Ernesto Funaro, che, introdotto dalla moderatrice Elena Scrivano, ha tenuto la relazione di base, aggiornando le proprie considerazioni alla luce del recente rapporto di valutazione intermedia operato dal Comitato di Sorveglianza della Commissione europea, con esiti poco lusinghieri per le capacità di spesa della Regione Calabria, attestatasi all’ultimo posto fra le regioni in Obiettivo 1. Funaro, che è stato assessore regionale al Bilancio e Affari Cee nei primi anni ’90 ed ha sempre avuto grande passione per le problematiche comunitarie, ha ricordato gli incerti inizi del cammino regionale verso le opportunità europee, evidenziando luci ed ombre della situazione attuale. “Le cose oggi vanno meglio e ci sono casi di eccellenza come quello testimoniato da Cosenza con il programma Urban. Bisogna però semplificare le procedure ed evitare la polverizzazione dei progetti e delle risorse. Va rivista la scrittura della programmazione e si deve puntare ad un maggiore coinvolgimento degli enti locali.” Chiamata in causa dallo stesso Funaro come “caso d’eccellenza”, l’esperienza cosentina è stata illustrata dal sindaco Eva Catizone che ha ricordato i molteplici successi conseguiti con Urban, anche in termini di fondi aggiuntivi “soffiati” con pieno merito a città come Venezia e Roma. “Urban era una iniziativa comunitaria che Cosenza trattò direttamente con Bruxelles. Oggi, invece, con i fondi strutturali, scontiamo la necessità di passare attraverso il filtro della Regione, il che provoca ritardi francamente inammissibili in una Calabria che ha bisogno estremo di cogliere queste opportunità con maggiore tempismo”. Il dibattito si è quindi arricchito dei punti di vista dei Presidenti degli Ordini professionali, Mario Occhiuto per gli architetti, Giovanni Perri per gli agronomi, Giuseppe Caterini per i Geometri e Menotti Imbrogno per gli Ingegneri. Tutti hanno offerto interessanti spunti con notazioni anche autocritiche poiché lo sviluppo della regione deve coinvolgere attivamente tutti i soggetti che ad esso sono deputati a concorrere. Le conclusioni sono state affidate ad Enzo Falcone, Segretario generale del Comitato delle Regioni, organismo consultivo dell’Unione europea. Enzo Falcone, dall’alto della sua esperienza ormai decennale a Bruxelles, ha sostenuto la necessità di “un adeguamento delle politiche comunitarie settoriali per dotarle di una dimensione territoriale”. Anche per Falcone è poi essenziale una maggiore flessibilità e semplicità nell’erogazione dei fondi così come una più puntuale comunicazione tra istituzioni e cittadino. “Ma c’è pure bisogno –ha concluso- di una diversa capacità di proposta, che parta da una Calabria consapevole di dover essere protagonista del proprio sviluppo. Non prendiamocela sempre con la Regione. Convinciamoci che la Regione siamo noi.”

Nuove assunzioni in cooperative l'Amministrazione comunale nega decisamente

30/04 L’Amministrazione Comunale smentisce le promesse, che qualche forza politica sta facendo in questi giorni, di nuove assunzioni nelle cooperative. “Critichiamo fortemente – si legge in una nota dell’Amministrazione – un metodo che non fa onore a chi, per ottenere qualche voto in più, si nasconde dietro l’immagine dell’Amministrazione e promette cose irrealizzabili. Avvertiamo i malcapitati, ma anche gli sprovveduti che dovessero dar credito a queste false promesse, che si tratta di impegni in malafede e non realizzabili”.

Cartelloni pubblicitari su Viale Mancini, la replica del Comune

30/04 Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota del Comune sui cartelloni pubblicitari di Viale Mancini: L’Amministrazione comunale replica alla denuncia di un gruppo di residenti ripresa sulla stampa locale e riguardante la situazione dei cartelloni pubblicitari in Viale Giacomo Mancini. “Vorremmo mostrarvi lo stato di degrado in cui versava la rotatoria in esame, - scrive l’Amministrazione comunale - prima dell’inizio dei lavori, e non per mancanze da parte dell’Amministrazione, ma per un atteggiamento vandalico ripetutamente perpetrato. Incentivando il rapporto pubblico-privato, se il privato, come nel caso in esame, rispetta le regole non può che trarne vantaggio l’intera collettività. In questo modo l’Amministrazione comunale di Cosenza realizza opere ad uso pubblico, su suolo pubblico, con manutenzione e gestione a carico del privato. Per quanto riguarda la visibilità, la rotatoria si trova ad una quota più alta rispetto alla strada e per questo motivo permette la visione di ciò che è presente oltre gli spazi pubblicitari, sia verso nord che verso sud; anche gli spazi pubblicitari stessi, sono pensati e conformati allo stesso scopo. Per agevolare la sosta, durante l’estate e non, è previsto un marciapiede aggiuntivo, perpendicolare rispetto a quello già presente, e altre due panchine; tutto ciò per evitare che il pedone, da e per via Popilia, attraversi il prato e lo deturpi. Stesso discorso, vale per l’estetica e la funzionalità del viale Giacomo Mancini, le quali non sono assolutamente rovinate ma, anzi, ne vengono ulteriormente valorizzate. Ci auguriamo che, una volta ultimato l’intervento, lo spazio urbano in oggetto venga effettivamente fruito (come già accade tutte le mattine grazie alla presenza degli studenti delle scuole medie secondarie), seppur trattasi di una semplice rotatoria stradale. Il nostro intento – conclude la nota dell’Amministrazione comunale - è esattamente questo, e meriteremmo le accuse mosseci, qualora non lo fosse; chiediamo, pertanto, una minima dose di pazienza affinché i lavori possano essere ultimati … dopo di che accetteremo eventuali critiche”.

Settimana della cultura scientifica alla Città dei Ragazzi

30/04 Esperimenti e giochi scientifici a iosa durante la Settimana della cultura scientifica della Città dei Ragazzi che si svolgerà dal 4 all’8 maggio nello Scrigno Azzurro – Spazio Rodariano. Il titolo, molto esemplificativo, “Le energie del quotidiano – percorsi scientifici interattivi” introduce la tipologia di esperimenti che hanno a che fare con tutte le fonti di energie, con le quali siamo in contatto ogni giorno non conoscendone, tuttavia, i meccanismi che le fanno scaturire. Ogni esperimento è concepito in modo da dimostrare come una forma di energia si trasformi in un’altra attraverso l’uso di strumenti semplici e trasparenti. Un esempio? Corrente calda (come ci scaldiamo con l’elettricità), bolle di energia dell’elettrolisi dell’acqua (come idrogeno ed ossigeno sono ottenute dalla scissione dell’acqua) e, ancora, la forza solare, elettricità e movimento. L’idea della mostra interattiva è nata dalla collaborazione con la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali – i Dipartimenti di Fisica ed Ecologia - dell’Unical e con l’impresa spin-off DeltaE che ha progettato e prodotto i kit sperimentali didattici che verranno utilizzati. L’obiettivo fondamentale che sostiene il percorso è quello di interfacciare, in via sperimentale, la ricerca adottata dall’Università con la didattica applicata nei laboratori con i bambini. Un modo nuovo e significativo per avvicinare i bambini alla conoscenza degli strumenti che possono aiutarci nel complesso lavoro di interpretazione del reale. Tutte le trasformazioni, a cui è possibile assistere, non avvengono in maniera automatica e presuppongono l’intervento attivo dei visitatori. Proprio per questo motivo la Città dei Ragazzi invita le scuole, bambini, ragazzi e adulti ad interagire con gli esperimenti e vivere l’avventura dell’indagine scientifica. La settimana della cultura scientifica della Città dei Ragazzi di Cosenza sarà presentata con una conferenza il 4 maggio alle ore 11.00 nella Sala CineTeatro dello Scrigno Giallo. In quella occasione si spiegheranno i metodi e le motivazioni di un “viaggio” così articolato e ci si immergerà nel mondo della fisica, della scienza e delle nuove tecnologie. Parteciperanno: Il Sindaco di Cosenza Eva Catizone, Roberto Bartolino Preside della Facoltà S.M.F.N., Maria Francesca Corigliano Assessore alle Politiche scolastiche e del Tempo Libero, Franco Piperno Assessore alla scienza, conoscenza, identità e comunicazione, PierLuigi Veltri Direttore Dip. Fisica Unical, Beatrice Bisonti Direttore Dip. Ecologia Unical, Silvia Mazzuca Docente Unical consulente Laboratori scientifici Città dei Ragazzi, Raffaele Agostino DeltaE Impresa spin-off dellUnical. Le visite guidate per le scuole si effettueranno dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30. E’ richiesta la prenotazione telefonando al n° 0984 825282.

Presentato in Comune l'Odin Week a Cosenza

30/04 (Uscc) “Il progetto “Odin Teatret”, del Centro Rat, rappresenta un momento assai rappresentativo e importante per la presenza in città di autorevoli rappresentanti del mondo teatrale internazionale”. E’ quanto ha detto oggi il Sindaco Eva Catizone nel corso della conferenza di presentazione dell’ultima parte del progetto. “L’Oidin Week, che rappresenta la terza parte di questo progetto, non sarà la fine ma, ne sono sicura, l’inizio di tante altre iniziative. Questo, infatti, non è solo un evento come altri. Rappresenta, invece, un momento di crescita per il suo alto valore aggiunto rappresentato dalla formazione. Sarà un’importante occasione di crescita per tanti giovani. L’iniziativa – ha proseguito il Sindaco – si inserisce perfettamente nelle politiche culturali dell’Amministrazione di Cosenza, che porta avanti politiche culturali di formazione non solo in ambito teatrale. La città ha acquisito ormai una esperienza unica in Calabria, nonostante il mancato riconoscimento da parte della Regione Calabria”. Soddisfazione, per aver avuto la possibilità di portare a compimento il progetto, è stata espressa da Antonello Antonante che ha presentato l’evento che si svolgerà a Cosenza dal 7 al 15 maggio 2004. “Sarà un corso d’esperienza teatrale pratica e teorica, che l’Odin Teatret organizza per la prima volta al di fuori dai confini danesi. Siamo orgogliosi di un evento che si svolgerà in una città come Cosenza dove, la presenza di tanti teatri costituisce, di fatto, un vero e proprio sistema teatrale unico al Sud. Ora non ci resta che vivere questa esperienza e continuare a puntare sulla produzione come elemento caratterizzante”. Ecco il programma delle attività previste in occasione dell’Odin Week

PROGRAMMA ODIN WEEK A COSENZA
7 – 15 MAGGIO 2004

Venerdí 7/5

Arrivo dei parrtecipanti nel corso della giornata
18.00 GIUFÀ E IL MARE – spettacolo del CentroR.A.T.
-Teatro dell’Acquario
19.00 Incontro con Antonello Antonante al Teatro dell’Acquario
20.00 Cena
21.00 MYTHOS – spettacolo per la città di Cosenza – Teatro Rendano

Sabato 8/5

10.30 – 13.00 Visita giudata alla Casa delle Culture, il C.I.F.A. Il Teatro Rendano, la Città dei Ragazzi
13.30 Pranzo
15.30 – 16.30 In cammino attraverso il teatro – video – C.I.F.A.
16.30 – 17.00 Pausa
17.00 – 19.00 Incontro con Antonello Antonante ed Eugenio Barba – C.I.F.A
19.30 Cena
21.00 MYTHOS – spettacolo per i partecipanti – Teatro Rendano

Domenica 9/5

9.00 – 11.00 Training con Roberta Carreri e Torgeir Wethal – Teatro Rendano e C.I.F.A.
11.00 – 11.30 Pausa
11.30 – 13.00 La Tradizione dell’Odin– Iben Nagel Rasmussen – Teatro Rendano
13.15 Pranzo
15.00 – 16.30 L’eco del silenzio – dimostrazione di lavoro – Teatro Rendano
16.30 – 16.45 Pausa
16.45 – 17.45 La tradizione dell’Odin – Torgeir Wethal– Teatro Rendano
17.45 – 18.00 Pausa
18.00 – 19.00 BIANCA COME IL GELSOMINO - spettacolo – Teatro Rendano
19.30 Cena
21.00 JUDITH – spettacolo – Teatro dell’Acquario

Lunedí 10/5

9.00 – 11.00 Training con Roberta Carreri e Torgeir Wethal - Teatro Rendano e C.I.F.A.
11.00 – 11.30 Pausa
11.30 – 13.30 Orme sulla neve – dimostrazione di lavoro – Teatro Rendano
13.45 Pranzo
15.00 – 16.15 La tradizione dell’Odin – Frans Winther – C.I.F.A.
16.15 – 16.45 Pausa
16.45 – 17.45 Il training fisico all’Odin Teatret – video – C.I.F.A.
17.45 – 18.00 Pausa
18.00 – 19.00 Incontro con Eugenio Barba – C.I.F.A.
19.30 Cena
21.00 IL CASTELLO DI HOLSTEBRO – spettacolo – Teatro dell’Acquario

Martedí 11/5

9.00 – 11.00 Training con Tage Larsen e Augusto Omolú - Teatro Rendano e C.I.F.A.
11.00 – 11.30 Pausa
11.30 – 13.00 I sentieri del pensiero – dimostrazione di lavoro – Tearto Rendano
13.30 Pranzo
15.00 – 16.00 La tradizione dell’Odin – Roberta Carrreri – Teatro Rendano
16.00 – 16.30 Pausa
16.30 – 17.30 Il fratello morto – dimostrazione di lavoro – Teatro Rendano
17.30 – 18.00 Pausa
18.00 – 19.00 Incontro con Eugenio Barba – C.I.F.A.
19.30 Cena
21.00 ITSI-BITSI –spettacolo – Teatro dell’Acquario


Mercoledí 12/5

9.00 – 11.00 Training con Tage Larsen e Augusto Omolú - Teatro Rendano e C.I.F.A.
11.00 – 11.30 Pausa
11.30 – 13.00 Dialogo fra due attori – dimostrazione di lavoro – Teatro Rendano
13.30 Pranzo
15.00 – 16.30 La tradizione dell’Odin – Jan Ferslev – Teatro Rendano
16.30 – 17.00 Pausa
17.00 – 17.20 Odin Teatret a Cuba – 2000 – video – C.I.F.A.
17.30 – 19.00 La tradizione dell’Odin - Kai Bredholt – C.I.F.A.
19.30 Cena
21.00 LE FARFALLE DI DOÑA MUSICA – spettacolo – Teatro dell’Acquario

Giovedí 13/5

9.00 – 10.30 La Tradizione dell’Odin – Julia Varley – Teatro Rendano
10.30 – 11.30 Pausa per recarsi alla Cittá dei Ragazzi
11.30 – 13.00 Van Gakk e amici – spettacolo di clown e baratto –
La Città dei Ragazzi
13.30 Pranzo
15.00 – 16.30 Testo azione relazione – dimostrazione di lavoro – Teatro Rendano
16.30 –17.00 Pausa
17.00 – 17.45 Il Training vocale all’Odin Teatret – video – C.I.F.A.
17.45 – 18.00 Pausa
18.00 – 19.00 Incontro con Eugenio Barba – C.I.F.A.
19.30 Cena
21.00 SALE –spettacolo – Teatro dell’Acquario


Venerdì 14/5

10.00 – 12.00 I venti che sussurrano nel teatro e nella danza -
dimostrazione di lavoro – Teatro dell’Acquario
12.00 – 12.15 Pausa
12.15 – 13.00 Incontro con l’Odin Teatret – Teatro dell’Acquario
13.30 Pranzo
15.00 – 16.15 In principio era l’Idea – video – C.I.F.A.
16.15 – 17.00 Pausa
17.00 – 19.00 Incontro con Eugenio Barba e Augusto Omolú (ORÔ DE OTELO) – Teatro dell’Acquario
19.30 Cena
21.00 NELLO SCHELETRO DELLA BALENA –spettacolo
Teatro Rendano

Sabato 15/5

9.00 – 10.30 La tradizione dell’Odin - Augusto Omolú – Teatro Rendano
10.30 – 11.00 Pausa
11.00 – 12.30 La tradizione dell’Odin - Tage Larsen – Teatro Rendano
13.00 Pranzo
15.00 – 16.00 Sulle due sponde del fiume – video – C.I.FA.

17.00 ODE AL PROGRESSO –SPETTACOLO E BARATTO
19.30 Cena

Lunedì 3 maggio l'inaugurazione di Piazza Florindo Antoniozzi

30/04 Lunedì 3 maggio, alle ore 17.30 si svolgerà la cerimonia di intitolazione di Piazza Florindo Antoniozzi nel Centro Storico. La nuova intitolazione si sostituirà a quella precedente che ricordava il poeta tedesco Von Platen. Alla cerimonia parteciperà il Sindaco Eva Catizone che, dopo la scopertura della targa con il nome di Florindo Antoniozzi, si sposterà nei locali della Fondazione Carical in Corso Telesio. “Ricordiamo la figura di un uomo importante nella vita cittadina – ha commentato il Sindaco Catizone – che ha avuto un ruolo importante soprattutto in relazione alla storia di quella che fu la Cassa di Risparmio. Non a caso è stata scelta piazza Von Platen per ricordarlo. Per quanto mi riguarda, poi – conclude Eva Catizone – questa era una promessa fatta a Marisa Antoniozzi prima che morisse. Mantengo, dunque, un impegno morale”. La cittadinanza è invitata a partecipare.

La musica nel teatro si Shakespeare, conferenza al Rendano

30/04 (Uscc) Il ruolo della musica nel teatro di Shakespeare è stato il tema della conferenza che si è tenuta ieri nel ridotto del Teatro Rendano, organizzato dall’Assessorato alle Politiche Scolastiche e del Tempo Libero in collaborazione con il Conservatorio di musica “S. Giacomantonio” di Cosenza. La manifestazione si inquadrava nell’obiettivo che l’Amministrazione Comunale persegue già da tempo e cioè quello di evidenziare l’opera dei nostri conterranei che si sono distinti in ambito professionale e culturale al di la dei confini regionali. E’ questo il caso del prof. Nicola Ceramella relatore della conferenza, nativo di Santa Sofia d’Epiro ma residente a Roma da diversi anni dove insegna Translation Studies presso il Dipartimento di Anglistica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Il prof. Ceramella è inoltre docente presso la Facoltà di lingue dell’Università degli Studi di Napoli presso la S.I.S. dell’Università di Roma 3. Ma è anche autore di saggi su poeti inglesi oltre che direttore di collane sulla letteratura anglo-americana e collaboratore di riviste accademiche italiane e straniere.“In Italia – ha affermato Ceramella – è quasi ignorato l’aspetto della musica nel teatro di Shakespeare, mentre la sua influenza è stata e rimane ancora molto forte”. Attraverso letture di poesie, brani e citazioni, il prof. Ceramella è riuscito a catalizzare l’interesse del folto e attento pubblico del ridotto del Rendano creando una magica atmosfera con tanto di sottofondo di musiche rinascimentali, tracciando un vero e proprio excursus nel teatro elisabettiano e nella musica epocale giungendo fino ai giorni nostri dove ancora le contaminazioni scespiriane incontrano la musica pop-rock del panorama internazionale.
Alla manifestazione era pure presente il direttore del Conservatorio di Cosenza, Giorgio Reda, che ha contribuito, attraverso le sue addottrinate conoscenze, alla buona riuscita dell’evento.

Il Sindaco incontra gli operai della Valle Crati

29/04 Come aveva preannunciato ieri, il Sindaco Catizone è andato questa mattina, accompagnato dall'assessore Cavalcanti, dal capo Ufficio Stampa del Comune Scrivano e dal dirigente del settore ambiente Bartucci, ad incontrare gli operai della Valle Crati S.p.a. nella loro sede per spiegare i motivi che hanno indotto l'Amministrazione a ripristinare il rapporto con la società. Incontro abbastanza sereno e disteso con gli operai che hanno accolto con uno striscione con su scritto "Grazie Eva, una di noi" che la diceva lunga sul nuovo clima che si è instaurato tra l'Amministrazione e l'azienda di via Romualdo Montagna. Il clima sereno lo ha poi sottolineato il segretario aziendale della Uil, Giovanni Cipparrone, nel suo intervento introduttivo in cui ha ringraziato il Sindaco per la promessa mantenuta e per essere venuta lei stessa direttamente nell'azienda in mezzo agli operai. Lo stesso Cipparrone ha poi chiesto al primo cittadino che i problemi della composizione del nuovo CDA vengano subito appianati prima che il tempo possa cerare ulteriori incomprensioni. Il Sindaco ha salutato gli operai ed ha replicato che la scelta del rientro e stata dettata soprattutto per la salvaguardia dei livelli occupazionali perchè l'obiettivo principale sono i lavoratori e il mantenimento del loro posto di lavoro..

Borsa scambio di modellismo il 1° maggio al Lucrezia della Valle

29/04 Borsa scambio di modellismo il primo maggio 2004 nella scuola Lucrezia della Valle di Cosenza. Organizzata dal Ferrari Club di Cosenza, la mostra che vede esposti tutti i settori del modellismo, aereo, ferroviario, automobilistico e navale, e aperta al pubblico ed a tutti gli hobbisti del modellismo.

 

 

Tre arresti in provincia

29/04 Tre arresti eseguiti dai Carabinieri nella provincia di Cosenza. Il primo arresto è di un uomo di 41 anni di Cassano allo Jonio, Aldo Caruso, che è stato arrestato per essere stato sorpreso in una azienda agricola mentre rubava tre quintali di arance. Il secondo arresto è stato operato nei confronti di un uomo di trentuno anni che doveva scontare una pena residua di 5 mesi per tentativo di furto. Il terzo arresto è avvenuto a Villapiana di Sibari nei confronti di un uomo di 34 anni che deve scontare una pena di un anno e due mesi per traffico di sostanze stupefacenti. All'uomo sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Arrestato mentre tentava di rubare una 500

29/04 Appena vista la polizia, Carmine Curcio pregiudicato di 37 anni, ha tentato di scappare, ma gli agenti lo hanno subito bloccato. Stava forzando il cruscotto di una Fiat 500 vecchio modello, vettura molto ambita perchè ormai è divenuta modello da collezione, per portarsela via. Invece gli agenti si sono portati via lui. Con l'accusa di tentato furto aggravato, l'uomo è stato accompagnato nel carcere di via Popilia.

Truffatore sfila trecento euro ad un anziano

29/04 Un uomo anziano, G.G., è stato raggirato da un abile truffatore che con la tecnica dei ricordi e delle amicizie comuni è riuscito a farsi consegnare trecento euro dal malcapitato. La tecnica, è sempre la stessa. Il truffatore avvicina la vittima per strada raccontandogli di essere figlio di un amico o di un ex collega di lavoro, poi raccontando frasi di circostanze comunemente vissute si fa accogliere in casa dove con astuzia racconta di problemi e chiede soldi. La vittima credendo nella buona fede del truffatore e pensando di aiutare un amico o il figlio di un amico, pensa di fare un'opera buona. La polizia ha avviato indagini.

E' morto l'operaio schiacciato dal cartellone

29/04 Non ce l'ha fatta Luigi Toscano. Ricoverato ieri sera nel reparto di rianimazione dell'Annunziata, l'operaio trentunenne, dipendente comunale, sposato da alcuni mesi, è deceduto in serata. Nel primo pomeriggio i medici avevano annunciato una situazione grave del paziente tenuto in vita dalle macchine, ma poi l'uomo non ce l'ha fatta ed è spirato. Sul caso la magistratura ha aperto subito un inchiesta. Sono state avviate le indagini ed è stata posta sotto sequestro l'area dove è avvenuto l'incidente. I magistrati voglio accertare se vi siano responsabilità e se sono state osservate tutte le misure di sicurezza in materia di lavoro. L'intera zona, posta ora sotto sequestro, è stata transennata dai Carabinieri e dai funzionari dell'Ispettorato del lavoro che dovranno fare i dovuti accertamenti.

Protocollo d'intesa tra Prefettura e Anas per reprimere l'infiltrazione mafiosa negli appalti

29/04 E´ stato sottoscritto stamani, presso la Prefettura di Cosenza, un protocollo d´intesa tra il Prefetto Diego D´Amico e il Capo del Compartimento dell´Anas Calabria Michele Adiletta, avente per oggetto il monitoraggio degli appalti affidati alla stessa Anas, e finalizzato alla prevenzione ed alla repressione di eventuali tentativi di infiltrazione mafiosa e di messa in sicurezza della rete viaria statale della provincia di Cosenza.La sottoscrizione dell´importante documento è stata preceduta da una serie di incontri tra i responsabili degli uffici compartimentali dell´Anas e lo stesso Prefetto, nell´ottica di attivare una griglia di controlli suppletivi in grado di rendere più incisiva l´azione di contrasto alla criminalità organizzata. Secondo quanto previsto dal protocollo, gli uffici dell´Anas impegnati nelle procedure di affidamento dei lavori trasmetteranno in modo costante alla Prefettura tutte le informazioni relative alla pubblicazione dei bandi di gara, alle imprese partecipanti nonché all´aggiudicazione dei lavori, ai subappalti, ai noli, ai fornitori impiegati nella realizzazione delle opere. Di contro la Prefettura di Cosenza si è impegnata a definire entro breve termine gli accertamenti preliminari sulle imprese partecipanti alle gare. L´attività di monitoraggio sarà coordinata dal Gruppo Interforze appositamente costituito presso la Prefettura - di cui fanno parte rappresentanti della Prefettura, delle Forze di Polizia, del Nucleo Operativo Statale alle Opere Pubbliche nonché della Direzione Provinciale del Lavoro - che, nel disporre i relativi accertamenti sulla scorta delle informazioni che perverranno dalla stazione appaltante, potrà anche effettuare accessi mirati ai cantieri.E´ il quarto protocollo d´intesa siglato dall´Anas in Calabria, dopo quelli di contenuto analogo con le Prefetture di Crotone, di Vibo Valentia e di Reggio Calabria. L´obiettivo dell´Anas, come indicato dal Presidente della Società Vincenzo Pozzi, è quello di giungere a protocolli d´intesa con tutte le sedi degli Uffici Territoriali di Governo della Regione al fine di realizzare una rete di di prevenzione

De Rose: Gasparri si sta occupando del Cosenza Calcio

29/04 Il ministro Gasparri è un uomo sensibile e lo ha dimostrato venendo alla conferenza stampa di Protekos nonostante il Senato discutesse e votasse la legge che porta il suo nome : l'ho ringraziato con grande senso di riconoscenza. E' quanto afferma in una nota il Presidente di Protekos Export e di Confindustria, Umberto De Rose, che ieri a Roma ha presentato, insieme al Ministro delle Comunicazioni, la grande rassegna sull'expo' che si terrà a Cosenza dal 20 al 23 maggio. De Rose ha anche rivelato che, a margine della conferenza stampa , il Ministro gli ha parlato della questione del Cosenza Calcio : " Mi ha rivelato che se ne sta occupando sin dal giorno in cui il Tar del Lazio ha statuito la liceità della riabilitazione al calcio professionistico. L'ho trovato molto preparato sull'argomento e mi ha detto esplicitamente che impegnerà anche il Governo su una vicenda che, sono parole sue, " è di diritto e non di favori ". Gasparri- ha concluso De Rose- inaugurerà personalmente , insieme al presidente Chiaravalloti , la fiera , il prossimo 20 maggio, a Cosenza.

Buoncristiano: Si costituisca una consulta regionale sull'alcolismo

29/04 L'istituzione di una consulta regionale sul fenomeno alcool, a costo zero, con la presenza di tutte le istituzioni, per fare in modo che si possano progettare interventi continuativi di prevenzione.L'ha lanciata oggi il direttore generale dell'azienda sanitaria di Cosenza, dott. Francesco Buoncristiano, al termine del convegno svoltosi presso la Casa delle culture, organizzato dall'unità operativa di alcologia .La Consulta- ha detto il direttore generale- ci consentirebbe di none ssere estemporanei, ma di porre l'attenzione dell'opinione pubblica su questa piaga. il convegno è stato aperto da una relazione della dr.ssa Maria Francesca Amendola, responsabile dell'unità operativa di alcologia. Sono intervenuti, il comandante della polizia stradale, dott. Giovanni Nigro, il capitano dei carabinieri di Cosenza, Ercole Bramato, Mons. Alfredo Luberto, l'on. Sandro Principe, Sindaco di Rende, il dott. Francesco Brancati, della Regione Calabria. L'alcolismo è una piaga sociale- è stato detto- che causa decine di migliaia di morti l'anno solo in Italia e per la quale servono prevenzione e repressione. La repressione serve nei casi di incidenti sulla strada- hanno detto i rappresentanti istituzionali- con le famiglie che devono esercitare un serio controllo sugli usi e sui costumi deleteri dei propri figli.

Approvato dalla Giunta regionale il piano agrumi della Calabria

29/04 La Giunta regionale, nella sua ultima seduta, ha approvato il piano agrumi regionale, il bando di apertura dei termini per la presentazione delle domande e le procedure generali di attuazione del piano stesso. A dare notizia dell'avvenuta approvazione di questo importante provvedimento amministrativo è stato l'Assessore all'Agricoltura, Giovanni Dima, che ha rilevato come, ancora una volta, sia stato messo a disposizione dei produttori un altro necessario ed indispensabile strumento di sviluppo e di rilancio dell'agricoltura in una regione come la Calabria che è la seconda regione agrumicola d'Italia e la prima, con circa il 60% della produzione nazionale, per quanto riguarda le clementine. Più precisamente in base alla legge n° 423/98 che prevede interventi strutturali ed urgenti per il settore agricolo e più precisamente per quello agrumicolo, sono stati destinati alla Calabria 12.324.239,80 euro, a cui sarà aggiunta un'ulteriore dotazione finanziaria rinveniente dal riparto relativo all'annualità 2004, che potranno essere utilizzati, con l'approvazione del nuovo piano agrumi regionale, per interventi diretti a rendere la produzione agrumaria attuale più orientata al mercato, migliorandone di conseguenza la competitività, ed alla qualità attraverso la realizzazione di interventi mirati alla riconversione varietale. "Con questa iniziativa, ha affermato Dima, poniamo all'attenzione dei produttori calabresi un ulteriore provvedimento che rientra pienamente in un'azione politico-amministrativa finalizzata alla valorizzazione ed alla promozione di prodotti agrumicoli che possono trovare così altri e diversi sbocchi di mercato soprattutto tenendo presente, ed è questo il dato più evidente ed importante, che l'ultimo piano in materia è stato approvato nel 1987". Nella fattispecie, il nuovo piano agrumi regionale prevede la riqualificazione dell'agrumicoltura nelle aree vocate per il mercato, la riqualificazione degli operatori in ambito commerciale, il potenziamento delle produzioni tipiche, lo sviluppo di politiche di promozione a sostegno delle strategie di penetrazione di nuovi mercati, la tutela dell'ambiente e dello spazio naturale attraverso il ricorso a misure d'incentivazione alla diversificazione produttiva con riferimento particolare alle produzioni di arance pigmentate, clementine, mandarino tardivo, limoni e produzioni biologiche. "E' evidente, ha aggiunto l'Assessore Dima, che l'impatto del nuovo piano agrumi, in una realtà, come quella calabrese, vocata alle produzioni agrumicole di qualità ed eccellenza, sarà notevole soprattutto perchè sarà permesso ai produttori calabresi di accedere a contributi da destinare non solo alla riconversione varietale ma anche alla ristrutturazione degli impianti, opere occasionate come frangivento, strade, recinzioni, acquisto attrezzature ed adeguamento tecnologico e strutturale". "L'approvazione del Piano di Sviluppo Rurale, l'impegno della spesa dei fondi comunitari legati al Por Calabria e, da ultimo, questo provvedimento, ha concluso Dima, dimostrano, con evidenza, come abbiamo avviato concretamente un processo virtuoso di sviluppo dell'agricoltura calabrese che, pertanto, potrà guardare con fiducia ad un futuro caratterizzato da modernizzazione nelle tecniche di produzione e da valorizzazione delle produzioni di qualità".

Svincolo a sud dell'autostrada, dopo il caos del 22 aprile, lettera "allarmata" del Sindaco all'Anas

29/04 L’episodio di intasamento stradale all’interno della città verificatosi il 22 aprile scorso quale diretta conseguenza di un incidente verificatosi sul vicino tratto autostradale, viene preso a motivo dal sindaco Eva Catizone per un ennesimo sollecito, anzi per un “grido d’allarme”, rivolto al Presidente dell’Anas, affinchè si metta finalmente mano alla questione della realizzazione dello svincolo a sud. Questo il testo della lettera: “I fatti accaduti in Cosenza il 22 aprile manifestano ancora una volta, e con drammatica attualità, l’assoluta inadeguatezza di uno svincolo autostradale (quello di Cosenza dell’A3 Salerno – Reggio Calabria) per le enormi, negative ripercussioni che determina sulla circolazione di un’intera Città capoluogo di Provincia.- E’, infatti, accaduto che nella giornata del 22 un autocarro che transitava sull’autostrada in direzione nord si è ribaltato, determinando la chiusura dell’autostrada, meglio della corsia nord, immediatamente dopo il suddetto svincolo.- La misura, ovviamente necessaria, ha comportato che tutto il traffico autostradale è stato deviato, in attesa della definizione delle operazioni di sgombero e di ripristino.- Tutto ciò sarebbe inquadrabile nell’amministrazione di situazioni eccezionali, se non fosse che detto svincolo sbocca praticamente nella città di Cosenza ed è facile immaginare cosa si sia determinato nel pomeriggio di quel giorno, in un contesto di mobilità già di per sé difficile.- Mezzi pesanti e di dimensioni insopportabili per una viabilità cittadina, un numero enorme di autovetture si sono letteralmente rovesciate su strade e sistemi viari assolutamente inadeguati, creando una vera e propria situazione di caos ingestibile.- Si potrebbe dire che si tratti di avvenimento eccezionale e, come tale, non valutabile per la definizione del migliore assetto autostradale; non è così e per più ordini di ragioni.- In primo luogo, perché l’esistenza dei lavori per l’ammodernamento dell’autostrada presumibilmente porterà a breve l’esigenza di una chiusura prolungata delle corsie seppure alternativamente.- Allo stesso modo, nei periodi di maggiore traffico (esodi, ponti festivi ed altro) la medesima misura potrebbe rendersi necessaria (in più occasioni ed in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica si sono dovuti predisporre piani che prevedevano la chiusura dell’autostrada). Ma, quel che più rileva soprattutto sotto il profilo della programmazione degli interventi strutturali, anche il traffico ordinario di ingresso e di uscita dall’autostrada, a causa dell’attuale impostazione dello svincolo, determina conseguenze ormai non più sopportabili.- Basterà per tutte rilevare – come è stato fatto in altre note – che tutto il traffico da e per un’area di diecine di comuni contermini a Cosenza è costretto ad attraversare l’intera città per raggiungere lo svincolo autostradale ovvero per portarsi dallo svincolo ai luoghi di arrivo.- Per verità, a seguito delle nostre segnalazioni, abbiamo trovato grande disponibilità e condivisione del problema da parte degli Uffici ANAS; in particolare, vorrei segnalare lo stile istituzionale e la partecipazione al problema da parte dell’Ing. Nobili, responsabile della progettazione.- Questo intervento vuol essere qualcosa di più dell’ulteriore sollecitazione; vuol essere, infatti, un vero e proprio grido d’allarme di una Città, alla quale si ritiene doveroso prestare la necessaria attenzione.- Il Comune di Cosenza si è fatto carico di predisporre uno studio di fattibilità che prevede la realizzazione di uno svincolo a sud e sta lavorando per proporre una soluzione adeguata dell’attuale svincolo di Cosenza Centro, che quantomeno crei due percorsi, uno dei quali diretto verso la parte ovest della città – oggi letteralmente irraggiungibile se non attraversando gran parte della città – ove esiste un sistema viario assai adeguato sia per dimensioni sia come collegamento “esterno” al tessuto urbano e di congiunzione con i comuni dell’hinterland.- L’oggettività delle problematiche e l’attenzione sinora dimostrata portano ad escludere che, in un contesto di ammodernamento dell’intera autostrada A3, l’ANAS non si faccia carico delle tematiche illustrate; tuttavia, al Sindaco della Città resta l’esigenza di dare tranquillità alla popolazione ovvero di adottare le misure conseguenti.- Su tali premesse, e ricordando che sinora nessun riscontro è stato fornito alle numerose lettere inviate sulla questione, restiamo in attesa di una risposta che possa dare serenità adeguata e consentire, così, di sopportare ulteriormente i disagi attuali e quelli che presumibilmente determineranno i lavori autostradali.- L’Assessore alla mobilità del Comune, Avv. Vittorio Cavalcanti, chiederà nei prossimi giorni un incontro con l’Ing. Nobili; è auspicabile che in quella sede, ovvero con Vostre note di riscontro, saranno date le risposte che attende la Città.”

Un arresto ad opera della PS a Cosenza

29/04 Un uomo di 37 anni, Vincenzo Foggetti, con precedenti per cari reati, è stato arrestato dagli agenti della Questura di Cosenza. Per lui l'accusa di violazione delle norme sui rifiuti speciali e pericolosi. Su disposizione dell'ordinanza del tribunale di sorveglianza di Catanzaro l'uomo è stato posto agli arresti domiciliari. Foggetti deve scontare una condanna a due mesi per una condanna inflittagli dal Tribunale di Cosenza.

Corso di sicurezza sul lavoro indetto dall'AS3 di Rossano

29/04 Avrà inizio il 10 maggio prossimo un corso di formazione promosso dal Dipartimento di prevenzione dell'Azienda Sanitaria numero tre di Rossano, sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Il corso è diretto ai datori di lavoro ed è finalizzato ad assicurare loro quelle informazioni e quelle conoscenze necessarie per applicare correttamente la normativa in vigore. "Le finalità del corso, ha dichiarato il dirigente dell'AS Martino Rizzo, è quella di cercare di diffondere la cultura della prevenzione, principale mezzo di lotta anche contro gli infortuni sul lavoro".

Peggiorate le condizioni dell'operaio caduto dal cartellone pubblicitario

29/04 E' stato trasferito ieri sera nel nosocomio cosentino Lugi Toscano, l'operaio di 31 anni vittima dell'ennesimo incidente sul lavoro avvenuto ieri mattina ad Acri. L'operaio, lo ricordiamo, stava smontando un cartellone pubblicitario, posto su alcuni pannelli prefabbricati di cemento all'interno del campo sportivo di Acri. Quando era sulla scala per compiere il lavoro, l'uomo ha perso l'equilibrio ed è precipitato a terra. Addosso a lui sono caduti il cartellone, che aveva quasi terminato di smontare, e due pannelli di cemento. Ricoverato d'urgenza, in un primo momento, nell'ospedale di Acri l'uomo è stato poi trasferito ieri sera sul tardi nell'ospedale di Cosenza dove i medici si sono riservati la prognosi.

Dal 7 maggio una bella mostra fotografica di Ciccio Arena alla Casa delle Culture

29/04 Una mostra fotografica lunga ventitré anni sarà esposta alla Casa delle Culture a partire dal 7 maggio alle ore 18 fino al 19 maggio 2004. Autore della mostra, intitolata "da Cetraro a Scanzano, 23 anni di fotocronaca" è Francesco Arena, fotoreporter dell'Ansa e della Gazzetta del Sud. Nella mostra saranno esposti ventitré anni di fatti di cronaca immortalata dai suoi magici obiettivi in bellissime immagini, tutte da vedere una per una, legate ai fatti da ripercorrere con la memoria. Impressi i più importanti avvenimenti di quasi un quarto di secolo.

Convocato per il 4 maggio il Consiglio comunale

29/04 (Uscc) Il Presidente Saverio Greco ha convocato il Consiglio comunale per martedì 4 maggio alle ore 8,30. All’ordine del giorno: definizione indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende e istituzioni.

Dalla riunione del Comune con i commercianti nasce l'Osservatorio consulta su commercio e turismo

29/04 Già instaurati proficuamente da qualche tempo, i rapporti di collaborazione istituzionale tra Comune e associazioni di categoria dei commercianti hanno compiuto oggi un ulteriore passo in avanti. Al termine della riunione tenutasi stamane a Palazzo dei Bruzi, si è convenuto –ed il sindaco ha preannunciato tempi brevi di realizzazione- la istituzione di un tavolo di lavoro permanente, un Osservatorio/Consulta comunale sul commercio e sul turismo, dove portare proposte, dibattere problemi, affrontare insieme le tematiche che riguardano uno dei comparti più importanti per l’economia cittadina. All’incontro erano presenti: oltre al sindaco Catizone, gli assessori Giancarlo Morrone (Risorse Produttive) e Vittorio Cavalcanti (Mobilità), i Presidenti di Commissioni consiliari Antonio Ciacco e Carmensita Furlano, dirigenti comunali dei settori interessati; delegazioni di Confesercenti, con il Presidente Domenico Bilotta, Armando Forgione e Massimo Esaltato; Confcommercio, con Francesco Iazzolino e Francesco Brescia; Associazione Brutia con Enrico Morrone; Associazione “Il corso e dintorni” con Fabrizio Quintieri. Il sindaco Catizone ha spiegato di aver voluto l’incontro nell’ambito di quella politica dell’ascolto che l’Amministrazione persegue da sempre e “per ristabilire un clima di serenità a fronte di una eccessiva strumentalizzazione cui assistiamo in questi giorni e che non aiuta il commercio”.
Il sindaco ha ribadito che dal Comune continueranno ad essere attuate tutte le possibili politiche di sostegno, considerato anche il momento non favorevole che vive il commercio, problema però che è di livello nazionale e non solo locale.
“Apriamo, dunque, un dibattito, ma è bene chiarire che su alcuni provvedimenti non torniamo indietro, poiché non è autorizzando il parcheggio in doppia fila che aiuteremo il commercio.” Della qual cosa si sono detti convinti anche i rappresentanti di Confesercenti e Confcommercio e dell’Associazione del corso.
Sono di ben altra portata i problemi da risolvere, secondo queste associazioni che hanno quindi presentato ufficialmente la proposta di un Osservatorio, che, con l’ausilio attivo del Comune, dovrebbe occuparsi di temi come: “rimodulazione del regime di aliquote fiscali comunali; rilancio dell’attività di programmazione del commercio cittadino; modifiche ed integrazioni del piano urbano del traffico in occasione della prevista rimodulazione di fine anno; costante monitoraggio dei cantieri aperti, segnatamente quelli relativi all’isola pedonale, al fine di favorire il completamento delle opere nel più breve tempo possibile.” Diverso il parere dell’Associazione Bruzia, che vede nel provvedimento dei cordoli un ulteriore ostacolo alla ripresa del commercio cittadino e, per attrarre clientela, chiede invece più parcheggi, eventualmente anche sul Viale Giacomo Mancini, migliore illuminazione delle strade, maggiore pulizia. “Non si esce dalla crisi togliendo i cordoli” secondo Fabrizio Quintieri e Armando Forgione, che hanno fatto anche notare come la città in realtà abbia moltissimi parcheggi, come quelli di piazza Matteotti, Tribunale, Ospedale, che però restano in gran parte vuoti. C’è, dunque, piuttosto un problema culturale da risolvere a Cosenza, come già si è fatto con successo in altre città: i cittadini devono abituarsi a lasciare le auto fuori dal centro e prendere il mezzo pubblico. E’ intervenuto nel dibattito anche l’ingegnere capo Luigi Zinno per ricordare i molti investimenti effettuati dall’Amministrazione comunale negli ultimi anni per rivitalizzare la città e che, pur accolti inizialmente con diffidenza, hanno avuto ricadute positive sull’economia cosentina. I cantieri aperti significano inizialmente disagio, ma poi diventano nuovi poli d’attrazione. Ha concluso il sindaco Eva Catizone per sposare appieno l’idea dell’Osservatorio e non solo. “Sono lieta innanzitutto di questo clima di ritrovata serenità con il quale potremo lavorare tutti meglio, consapevoli che abbiamo lo stesso obiettivo: migliorare la vita della città e dei cittadini.” Senz’altro sì, dunque, all’Osservatorio, ma anche, ove possibile più parcheggi. “Certamente non trasformerò in parcheggio Viale Mancini, per come pure è stato chiesto, ma nelle zone dove possibile ripristineremo le soste-auto a spina di pesce per aumentare i posti disponibili.” E, infine, il sindaco ha introdotto il problema di una maggiore sicurezza. “L’episodio di aggressione ad un giovane, verificatosi ieri, così come altri episodi simili accaduti negli ultimi tempi in pieno centro ci allarmano non poco. Aumenteremo la nostra vigilanza anche a supporto di quella dei poliziotti di quartiere, che evidentemente non bastano.”

Presentazione del libro "Nelle altre Americhe" il 3 maggio nel convento di San Bernardino a Morano Calabro

29/04 Il libro di Vittorio Cappelli, docente di Storia Contemporanea presso l'Università della Calabria, "Nelle altre Americhe" , pubblicato dall'editore "La Mongolfiera", sarà presentato lunedì 3 maggio, alle ore 18,00, nella sala convegni del convento di San Bernardino di Morano Calabro. La manifestazione, introdotta dal sindaco di Morano Calabro, Pio Paternostro, prevede gli interventi dell'Assessore alla Cultura della Provincia di Cosenza, Donatella Laudadio, nonché del direttore dell'Istituto Calabrese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea, Giuseppe Masi. Saranno presenti l'autore, Vittorio Cappelli, e l'editore, Giovanni Spedicati. Il libro di Cappelli "Nelle altre Americhe" non è altro che un viaggio tra i calabresi in Colombia, Panamà, Costa Rica e Guatemala.

Conferenza su "Arte e fede nella devozione popolare" il 30 alla Biblioteca Nazionale di Cosenza.

29/04 Il dott. Giorgio Leone, storico d'arte presso il Ministero dei Beni Culturali, terrà domani, venerdì 30 aprile, alle ore 17,30, nella sala congressi della Biblioteca Nazionale di Cosenza - Piazzetta Toscano - una conferenza sul tema: "Arte e fede nella devozione popolare". La conferenza è stata organizzata dal convegno di cultura "Maria Cristina di Savoia" di Cosenza in collaborazione con la Biblioteca Nazionale e l'adesione dell'ufficio stampa dell'Università della Calabria. L'evento costituisce ancora un motivo in più per rafforzare delle significative iniziative culturali che l'Associazione Maria Cristina di Savoia ha promosso in campo nazionale con il XX° Premio Letterario: "Un romanzo che nella piena libertà di espressione artistica, si dimostri sensibile ai valori umani e cristiani", che ha individuato, attraverso una giuria composta da docenti universitari, giornalisti e uomini di cultura, cinque volumi, i quali sono oggetto di studio nelle diverse sedi periferiche dell'Associazione, sparse in ogni parte d'Italia. Si tratta dei libri di: Sergio Artini "L'ultimo nemico"; Luca Desiato "Dal giardino murato"; Alberto Garlini "Una timida santità"; Roberto Pazzi "L'erede"; Roberto Piumini "Gli eredi della terra". Un lavoro di studio e analisi che si chiuderà il prossimo 28 maggio a Roma, con lo spoglio delle schede inviate dalle varie giurie di base e la manifestazione di premiazione.

Il 30 aprile termina il ciclo di film alla città di ragazzi

29/04 Si concluderà domani 30 aprile il ciclo di film per ragazzi “Storia e preistoria” promosso dall’A.T.I. “cidierre” e dall’Amministrazione Comunale di Cosenza. L’ultimo spettacolo della rassegna, previsto per venerdì alle ore 16,30 presso lo Scrigno Giallo della Città dei Ragazzi, prevede la proiezione del film “Asterix e Obelix: Missione Cleopatra” di Alain Chabat con Gerard Depardieu e Monica Bellucci. A partire dal 7 maggio, inoltre, prenderà il suo avvio un’ulteriore rassegna a tema dal titolo “Miti e leggende”. Numerosi i film in cartellone: da “Principessa Mononoke” a “La strada per Eldorado”, per concludere con “La città incantata” e “Hercules”. Contemporaneamente alla rassegna dedicata ai più piccoli, per tutti gli adolescenti, avrà inizio un’ulteriore ciclo di film, “cineparlando”, organizzato dal gruppo di ragazzi e ragazze impegnato nel laboratorio di supporto alla pari “Amici della città”. In questo caso, i film previsti, ogni martedì dalle ore 16,30, saranno “Ovosodo” e “Il ritorno”.

Dal 7 maggio l'Odin Teatret a Cosenza

29/04 Si svolgerà a Cosenza-Italia, dal 7 al 15 maggio 2004, una sessione eccezionale della Odin Week, prima assoluta per un evento conosciuto e frequentato a livello internazionale. L’Odin Week è promosso, sostenuto e organizzato dall’Amministrazione Comunale di Cosenza e dal Centro R.A.T./Teatro dell’Acquario Teatro Stabile di Innovazione della Calabria. Si tratta di un corso d’esperienza teatrale pratica e teorica, che l’Odin Teatret organizza periodicamente da più di dieci anni con un’ampia partecipazione internazionale. Un tuffo in apnea che, in una settimana intensa, porta i partecipanti ad assistere a tutti gli spettacoli che compongono il repertorio dell’Odin Teatret, a tutte le dimostrazioni di lavoro, a sperimentare il training di ciascun attore, esaminare i documenti filmati sulla precedente attività dell’Odin Teatret e riflettore, in quotidiani incontri con Eugenio Barba, sul valore e sul senso della pratica teatrale dal punto di vista di un teatro-laboratorio che compie nel 2004 quarant’anni di vita. Fino ad ora l’Odin Week si è sempre tenuto nella sede del teatro, ad Holstebro, in Danimarca e la lingua ufficiale del corso è stata l’inglese. Per la sessione di Cosenza, la lingua ufficiale sarà invece l’italiano. L’Odin Week nasce dall’esigenza di dare risposta alle numerose richieste di conoscere dall’interno la vita del teatro-laboratorio Odin Teatret. Sono richieste provenienti da attori, danzatori, registi, drammaturghi, studiosi, studenti e appassionati di teatro di differenti parti del mondo. Nascono da motivi eterogenei, ma convergono sull’utilità di un periodo di lavoro che permetta l’unità fra esperienza pratica e riflessione storica e teorica. A partire dal 1989, una o due sessioni della Odin Week sono state organizzate ad Holstebro ogni anno, ciascuna per 50 partecipanti. Malgrado tale frequenza, rimane un lunga lista d’attesa di domande inevase. La sessione di Cosenza del maggio 2004 privilegia i partecipanti italiani pur restando aperta ad una partecipazione internazionale. La collaborazione attraverso la differenza è considerata dall’Odin Teatret un valore culturale e una fonte di sapere. In tutte le sue attività, l’Odin Teatret preserva l’intreccio fra persone di differenti paesi, lingue e mestieri. Anche al suo interno, ogni attore ha un suo metodo di lavoro distinto da quello dei compagni: per questo può integrarsi in maniera organica a quello degli altri, senza uniformarsi. Diverse generazioni di spettatori italiani conoscono i risultati raggiunti dall’Odin Teatret. L’Odin Week, che si terrà a Cosenza nel maggio prossimo, permetterà di confrontarsi con questi risultati in una doppia prospettiva, vedendoli contemporaneamente dall’esterno e dall’interno, partecipando al lavoro quotidiano del teatro-laboratorio e sommando l’esperienza pratica a quella di spettatore. La doppia prospettiva, che coniuga l’occhio dello spettatore con il corpo-mente dell’attore, è ciò che determina la densità, la complessità ed il valore della cultura teatrale. L’Odin Week si propone di metterla in pratica.
Le informazioni sull’Odin Week, le modalità di iscrizione ed il programma dettagliato sono reperibili nel sito internet dell’Odin Teatret www.odinteatret.dk e in quello del Teatro dell’Acquario di Cosenza www.teatrodell'acquario.com.
L’evento sarà presentato dal Sindaco Eva Catizone e dal Direttore del Teatro dell’Acquario Antonello Antonante, nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà venerdì 30 aprile 2004 alle ore 12.00 nel salone di rappresentanza di palazzo dei Bruzi.


Per le notizie dal 24 al 28 aprile premi qui, dal 18 al 23 aprile premi qui, dal 10 al 17 aprile premi qui, dal 5 al 9 aprile premi qui, dal 31 marzo al 4 aprile premi qui, dal 24 al 30 marzo premi qui, dal 19 al 23 marzo premi qui, dal 12 al 18 marzo premi qui, dal 8 al 11 marzo premi qui, dal 1 al 7 marzo premi qui

Per le notizie di febbraio premi qui

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © 2004 NuovaCosenza.com Testata Giornalistica online
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta

ShinyStat

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti