NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtità . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Cosenza cinico porta a casa tre punti

    Il primo gol di Baclet

     

    Cosenza cinico porta a casa tre punti

    28 gen 17 Il Melfi non meritava la sconfitta ma come dice il detto, la fortuna aiuta gli audaci. Cosenza che fa le scarpe a Bitetto grazie ad una doppietta di Baclet. Raggiunge di nuovo il Francavilla e si risiede sulla quinta poltrona del campionato. Tutto facile? Niente affatto. Così come largamente previsto prima della gara l’undici lucano da filo da torcere al Cosenza. Si presenta con i tre pezzi importanti presi nel mercato di riparazione a rinforzare la squadra: De Angelis, Marano e Romeo Il gialloverdi dal canto loro si fermano sulla traversa presa dal sempreverde ex attaccante rossoblu. Il Cosenza, invece, era partito benissimo con un Cavallaro sempre in splendida forma che nei primi giri di lancette si vede parare da Gragnaniello un colpo ad effetto, di quelli speciali, del suo repertorio. Poi un paio di errori lasciano strada libera ai lucani che s’infilano tre volte in area con Perina pronto a blindare la sua porta ma con Obeng che si mangia un gol fatto. Insomma del Cosenza visto al Marulla sabato scorso, qui, nel primo tempo neanche l’ombra. Quasi una catarsi. Sembrava di assistere al Cosenza timoroso del girone d’andata che andava in bambola dopo un paio di affondi avversari. Addirittura una serie di palle lunghe sembravano far temere il peggio. Hai voglia De Angelis a sbracciarsi dalla panchina. In un sol colpo tra distrazioni di mercato che colpiscono tre elementi importanti, Blondet, Caccetta e Statella, e l’imbrigliatura preparata a dovere da Bitetto il Cosenza fa un brutto primo tempo che scatena le ire del tecnico nello spogliatoio. Pare che la signora della casa di fianco all’ Arturo Valerio sia sobbalzate mentre stava godendosi la pennichella pomeridiana. Una strigliata che fa bene alla squadra che si presenta al rientro con Letizia al posto di Mungo e soprattutto con quella voglia di tenere alta la squadra pressando l’avversario. il Melfi ci mette un po a regire alla metamorfosi del Cosenza. Si perché con Letizia i Lupi schieravano 'quattro punte quattro' che hanno messo in crisi gli avversari. E se premuta a dovere la difesa del Melfi evidenzia, con i suoi 46 gol presi, che tutti i suoi problemi, nonostante l’arrivo di Romeo, stanno proprio lì. Gragnaniello ci mette del suo e per due volte dice di no a Blondett e Baclet. Il Melfi si mangia un gol con De Vena, provvidenziale Blondet che cade a terra e si frappone fra il pallone e la porta, ma a sinistra il Cosenza con D’Orazio al posto di D’Anna continua a fare il bello e cattivo tempo. Anche Letizia si trova un buon pallone che indirizzato in porta viene deviato sul fondo dalla schiena di un compagno. Ma il gol è nell’aria. Con la complicità della difesa lucana che sbaglia ad applicare il fuorigioco Baclet mette dentro il preciso assist di Ranieri. C’è il tempo di assistere ad uno scontro in area su cui il Melfi chiede il penalty, che non c’è, ed è il Cosenza che mette in ghiaccio il risultato con un gol da Gialappa’s. Sulla rimessa lunga di Perina la palla arriva nell’area lucana e rimbalza, sul pallone vanno Gragnaniello e Laezza che si scontrano mentre Baclet, che li a due passi ed aveva sentito il portiere ordinare al suo compagni di attendere il rimbalzo, batte tranquillamente a rete. Insomma un Cosenza cinico e spregiudicato sfrutta al massimo i due errori dei padroni di casa e porta via i tre punti che cancellano la sconfitta in casa con il Matera. Per De Angelis pacche sulle spalle così come a Valoti. Letizia ha mostrato di che pasta è fatto. Proprio lui ha cambiato il volto della squadra alzandola ancor di più. “Non ci sveneremo per trovare chissà chi” ha poi sottolineato Valoti a fine gara “ma staremo con gli occhi ben aperti e con i parametri che ci ha fatto la società daremo quei giocatori che De Angelis ha chiesto”. Il tecnico romano dal canto suo parla di “preparare al meglio i play off. Il vero Cosenza lo vedrete tra un mese”. Che il ballo abbia inizio. Ora c’è la Vibonese. A domicilio.

    Melfi-Cosenza 0-2 (0-0)
    Reti: 79' e 90' Baclet

    MELFI (4-3-1-2): Gragnaniello; Grea, Romeo, Laezza, Bruno; Marano, Vicente (69′ Esposito), Obeng; Foggia; De Angelis, De Vena. A disp.: Gava, De Giosa, Lodesani, Ferraro, Sciretta, Gammone, De Montis, Mangiacasale. All.: Bitetto
    COSENZA (4-3-3): Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, D’Anna (62′ D’Orazio); Mungo (50′ Letizia), Ranieri, Caccetta; Statella, Baclet, Cavallaro (88′ Meorni). A disp.: Saracco, Madrigali, Bilotta, Capece, Criaco. All.: De Angelis
    ARBITRO: Mastrodonato di Molfetta
    Spettatori 800 con 50 tifosi ospiti.
    Ammoniti: Vicente
    Angoli: 4-5 (1-1)
    Recupero: 0′ pt – 5′ st

    -- Melfi-Cosenza, le pagelle

    -- Mefi-Cosenza 0-2 (cronaca gara)

    -- Lega PRO/C 23a, risultati e classifica

    -- Valoti "Bravi tutti. Mercato? Occhi aperti fino all'ultimo"

    -- Baclet "Vittoria dedicata al Mister"

    -- De Angelis "Bene il secondo tempo, male il primo"

    Bari Cosenza

    --- Video Melfi-Cosenza 0-2, I gol TGR (VIDEO)

    Palladino

    --- Melfi-Cosenza, tutte le foto

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Calcio"

     

     
Pubblicità

 

Video

Foto

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtità . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore