NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    M5S: 28.600 tonnellate di rifiuti partiti da Gioia spariti nel Mediterraneo

     

     

    M5S: 28.600 tonnellate di rifiuti partiti da Gioia spariti nel Mediterraneo

    16 mar 17 "All'insaputa di tutti nel corso del 2016 uno spaventoso traffico di rifiuti ha coinvolto il nostro Paese, l'Albania e la Macedonia per una totale di 28.600 tonnellate di rifiuti, molto probabilmente anche pericolosi, che ora nessuno sa che fine abbiano fatto". È l'allarme lanciato dal deputato Riccardo Nuti, che, è scritto in una nota, ha presentato un'interrogazione parlamentare chiedendo spiegazioni al Governo, in primis al presidente del Consiglio. "I 1.300 container pieni di rifiuti provenienti dalla Campania, dal Barese e finanche da Imperia - afferma Nuti - sono partiti dal porto di Gioia Tauro e sarebbero dovuti arrivare a Skopje, ma le autorità macedoni hanno negato che abbiano mai varcato il confine dall'Albania. C'è il concreto rischio, dunque, che siano stati interrati prima dell'arrivo alla discarica, come sospetta la Procura Antimafia che insieme ai colleghi albanesi sta da tempo conducendo le indagini". Il parlamentare ha inviato missive anche alle Ambasciate dell'Albania e della Macedonia in Italia per chieder conto di quanto accaduto e quali sono le ditte coinvolte nel trasporto dei rifiuti. "Abbiamo inviato - continua il parlamentare - una lettera anche al prefetto di Frosinone, dato che ad aggiudicarsi sia il trasporto dei rifiuti sia la gestione della discarica a Skopje, sarebbe una società italiana, nonostante in un rapporto investigativo balcanico si dica che la suddetta società non abbia alcuna esperienza nel settore". "È necessario - conclude Nuti - che il Governo, anche nei suoi rapporti istituzionali e con le Ambasciate, si adoperi per fare luce su una vicenda torbida e dai contorni chiaro-scurali, che non a caso ha portato anche alle dimissioni del ministro dell'Interno albanese, responsabile dei dovuti controlli. Se fosse appurato quanto denunciato, si aprirebbe uno squarcio incredibile su una criminalità internazionale paurosa, con inquietanti collusioni con le autorità politico-istituzionali, italiane e balcaniche, che deve essere immediatamente fermata".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità

VotoElezioni 2014: -- Regionali - dati definitivi --- Preferenze definitive Cosenza --- i Consiglieri regionali eletti

Elezioni 2013: --- Camera gli eletti in Calabria --- Senato gli eletti in Calabria --- Dati definitivi Senato --- Dati definitivi Camera --- Proiezioni e Affluenze

Elezioni 2012: --- Cassano Ionio (sindaco e seggi), Castrovillari (sidnaco e seggi), Paola (sindaco e seggi) -- Catanzaro (89 su 90) -- Palmi (sindaco e seggi) --- (CS) Eletti sindaci in provincia di Cosenza --- (CZ) provincia Catanzaro --- (KR) Cirò e Roccabernarda--- (RC) provincia di Reggio Calabria --- (VV) provincia di Vibo Valentia

Elezioni 2011: Tutti i dati di tutte le elezioni comunali, provinciali di tutti i comuni della Calabria e dei Referendum

Elezioni 2010: Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

 


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore