NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Uil: Enti garantiscano continuità territoriale scalo di Reggio

     

     

    Uil: Enti garantiscano continuità territoriale scalo di Reggio

    10 mar 17 "Le contraddizioni romane tarpano le ali alla Calabria. Mentre Alitalia decide di cancellare il 'Tito Minniti' dalle rotte dei suoi radar questo territorio è vittima, ancora una volta, di troppe distrazioni fatali". Lo afferma in una nota il segretario generale della Uil Calabria Santo Biondo. "Ci stupisce - prosegue - la facilità con la quale è stato consentito ad Alitalia di operare un ragionamento di carattere squisitamente gestionale, una scelta che, se il management del vettore aereo non dovesse cambiare idea, assesterebbe un colpo mortale allo sviluppo economico e sociale di una intera regione. Nessuno, infatti, deve dimenticare quanto sia difficile muoversi dalla Calabria verso qualsiasi destinazione. Nessuno, poi, deve scordarsi che spesso i calabresi sono chiamati a spostarsi dalla propria città di residenza non solo per questioni professionali o di svago ma, soprattutto, per necessità, per emigrazione sanitaria, per imbarcarsi nei cosiddetti 'viaggi della speranza' che li portano lontani da una regione che, in ultimo, stenta a liberarsi dal giogo della criminalità organizzata. In questa fase, è impensabile che si possa pensare a patti per lo sviluppo del territorio senza prendere in considerazione la necessità di dare corso a quella continuità territoriale che consentirebbe ad Alitalia di non lasciare per sempre le piste di atterraggio degli aeroporti di Reggio Calabria e Crotone. Queste due città non possono essere lasciate sole davanti al loro destino. E' inammissibile che quanto sta accadendo avvenga anche nei confronti di un centro come Crotone, che rischia di diventare un'isola dentro un territorio che stenta ad uscire dalla crisi, e della Città metropolitana reggina, l'unica città metropolitana in Italia che rischia di non avere un aeroporto. Rispetto al futuro di Reggio, poi, non si comprende quale possa essere il progetto di sviluppo di quello che sembra destinato a diventare solo un contenitore di enti. Qualsiasi progetto di sviluppo senza la presenza del vettore nazionale sarebbe zoppo. A poco, poi, possono servire gli interventi delle compagnie low cost. Senza l'intervento economico pubblico, senza una partecipazione diretta della Regione e dello Stato, infatti, queste società non investiranno mai sul territorio calabrese. Anche alla luce di questo, quindi, riteniamo fondamentale che la politica nazionale e regionale metta in atto un'azione forte e concreta al fine di prevedere il finanziamento della continuità territoriale, l'unico strumento che potrebbe scongiurare l'abbandono definitivo di Alitalia dalle rotte calabresi". "Il Governo regionale, il sindaco della Città metropolitana, la deputazione parlamentare, gli illustri rappresentanti governativi, senza perdere altro tempo - afferma Biondo - devono mettere in campo le azioni necessarie per garantire la continuità territoriale che, innegabilmente, è l'elemento fondamentale per sviluppare il progetto di un trasporto aereo moderno ed efficace per lo sviluppo economico e sociale della regione. Un servizio questo che può essere garantito solo da un vettore importante qual è Alitalia. In questa fase storica delicata, poi, non avrebbe senso parlare di un quarto aeroporto in Calabria, invece, non ottenere il potenziamento degli assetti viari di un'area strategica per lo sviluppo turistico e culturale di questa regione. Solo la concretizzazione di questa azione può dare senso all'importante risultato raggiunto con il passaggio al gestore unico dei tre aeroporti calabresi. L'amministrazione regionale, adesso, deve mettere concretamente mano alla vita del gestore unico, è necessario capire quale sia il piano industriale e quali possano essere i riflessi occupazionali di un'operazione attesa ma ancora avvolta nel buio. E' arrivato il momento di aprire il confronto con la società e gli interlocutori istituzionali interessati. Noi siamo pronti, la Calabria non può più aspettare"

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità
Elezioni

VotoElezioni 2014: -- Regionali - dati definitivi --- Preferenze definitive Cosenza --- i Consiglieri regionali eletti

Elezioni 2013: --- Camera gli eletti in Calabria --- Senato gli eletti in Calabria --- Dati definitivi Senato --- Dati definitivi Camera --- Proiezioni e Affluenze

Elezioni 2012: --- Cassano Ionio (sindaco e seggi), Castrovillari (sidnaco e seggi), Paola (sindaco e seggi) -- Catanzaro (89 su 90) -- Palmi (sindaco e seggi) --- (CS) Eletti sindaci in provincia di Cosenza --- (CZ) provincia Catanzaro --- (KR) Cirò e Roccabernarda--- (RC) provincia di Reggio Calabria --- (VV) provincia di Vibo Valentia

Elezioni 2011: Tutti i dati di tutte le elezioni comunali, provinciali di tutti i comuni della Calabria e dei Referendum

Elezioni 2010: Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore