NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Sala conferenze del Musmi dedicata a Giuditta Levato

     

     

    Sala conferenze del Musmi dedicata a Giuditta Levato

    08 mar 17 "Giuditta Levato non era soltanto una semplice bracciante. Era la sposa e la sorella di tutti i contadini combattenti, era la madre dei bimbi mal vestiti; era una donna che aveva nobilmente intuito e voleva che i lavoratori del suo paese, avessero insieme agli uomini di tutta l'umanità, la libertà dal bisogno e la fine delle guerre". Lo ha detto il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, intervenendo alla cerimonia d'intitolazione della Sala conferenze del Museo Musmi, nel giorno della Festa della donna, a Giuditta Levato, prima vittima della lotta al latifondo in Calabria. Alla cerimonia ha presenziato il prefetto di Catanzaro, Luisa Latella, insieme a numerose autorità militari e civili. Accanto al presidente Bruno erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Sellia Marina, Francesco Mauro, il Comune che ha dato i natali a Giuditta, la direttrice del Musmi, la dirigente Rosetta Alberto ed il presidente della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio regionale, Arturo Bova. "Giuditta Levato é morta - ha aggiunto il presidente Bruno - rivendicando il diritto al lavoro, per la sua famiglia, per i suoi figli, per una comunità che tentava una rivoluzione di civiltà e per se stessa. Ma La figura di Giuditta Levato è quella di una donna consapevole della sua forza interiore, presente al suo tempo, sostenuta da valori e sentimenti di amore, gioia, dolore, dignità, libertà che attraversano la sua vita, pertanto il suo esempio, deve rappresentare un patrimonio comune anche in un tempo come il nostro in cui la violenza di ogni tipo e la corruzione rendono complicata la vita del cittadino. Ed il suo sacrificio è di grande attualità, basti pensare a quanto avvenuto, non più tardi di un mese fa, nelle campagne di Andria: il sacrificio di un'altra donna, un'altra bracciante agricola morta dalla fatica, Paola Clemente. Paola e Giuditta sono la faccia di una stessa medaglia, ieri come oggi, dove il diritto al lavoro, sembra ancora un privilegio per pochi. Le ultime parole pronunciate da Giuditta Levato sono state quelle di non arrendersi agli eventi ma di combattere per un mondo migliore, dove ogni cittadino possa essere libero dalle frustrazioni e dalla miseria". "Qual è dunque il messaggio - ha concluso Bruno - che Giuditta Levato comunica ad ogni cittadino, alle Istituzioni, alla comunità? Quello di non lasciarsi vincere dall'ingiustizia, per paura o viltà ma lottare per la libertà perché la giustizia e l'equità sociale prevalgano sempre".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità
Elezioni

VotoElezioni 2014: -- Regionali - dati definitivi --- Preferenze definitive Cosenza --- i Consiglieri regionali eletti

Elezioni 2013: --- Camera gli eletti in Calabria --- Senato gli eletti in Calabria --- Dati definitivi Senato --- Dati definitivi Camera --- Proiezioni e Affluenze

Elezioni 2012: --- Cassano Ionio (sindaco e seggi), Castrovillari (sidnaco e seggi), Paola (sindaco e seggi) -- Catanzaro (89 su 90) -- Palmi (sindaco e seggi) --- (CS) Eletti sindaci in provincia di Cosenza --- (CZ) provincia Catanzaro --- (KR) Cirò e Roccabernarda--- (RC) provincia di Reggio Calabria --- (VV) provincia di Vibo Valentia

Elezioni 2011: Tutti i dati di tutte le elezioni comunali, provinciali di tutti i comuni della Calabria e dei Referendum

Elezioni 2010: Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore