NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Oliverio traccia il bilancio di 2 anni: abbiamo lavorato sodo

     

     

    Oliverio traccia il bilancio di 2 anni: abbiamo lavorato sodo

    30 gen 17 "In questi due anni ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo lavorato sodo. La Calabria ha oggi sul tavolo dello sviluppo oltre 9 miliardi di euro, frutto di una rigorosa programmazione e di una serrata contrattazione con il Governo nazionale e gli enti di Stato come Anas e Rfi". Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, che a Catanzaro, nella Cittadella degli Uffici, ha presentato il report di due anni di lavoro nel corso della manifestazione "Calabria in corso". Davanti ad un'ampia platea, il Governatore calabrese ha illustrato le attività realizzate a poco più di due anni dall' insediamento. "Abbiamo dovuto avviare un processo di profondo risanamento - ha sostenuto - di una struttura concepita ed organizzata per rispondere ad interessi clientelari e che negli anni ha prodotto sprechi, debiti fino al punto di compromettere la stessa governabilità della Regione: una disordinata proliferazione di strutture ed enti dediti a spese fuori controllo, all'accumulazione di debiti e alla creazione di sacche di precariato. Una caduta generale di professionalità accompagnata da confusione gestionale e una decadenza del senso del dovere nell'esercizio delle funzioni pubbliche". "Sono stati due anni di duro lavoro - ha detto ancora Oliverio - nel corso dei quali abbiamo dovuto perseguire tre obiettivi: recuperare credibilità e reputazione in ambito europeo e nazionale, acquisire risorse necessarie allo sviluppo e riformare la macchina burocratica per garantire una spesa trasparente e produttiva". "'Calabria in corso' - ha proseguito il Governatore - è un cantiere aperto i cui lavori sono finalizzati a fare affermare la Calabria positiva, altra e diversa dagli stereotipi negativi: il pregiudizio dovrà lasciare il posto al post-giudizio. Vogliamo che a parlare siano i fatti. Lavoriamo per ridare credibilità e restituire dignità ad una Regione e ad una Calabria di cui i calabresi dovranno sentirsi orgogliosi".

    Calabria risorsa del Paese. "E' ormai diffusa la consapevolezza che "se riparte il Sud, riparte l'Italia. In questo contesto la Calabria si pone come risorsa per il Paese". Lo ha detto il Governatore della Calabria Mario Oliverio, illustrando i primi 24 mesi di attività del suo esecutivo. Secondo Oliverio, "fa ben sperare la ricostituzione del Ministero del Mezzogiorno affidato a Claudio De Vincenti che ha impreso una forte dose di concretezza ed operatività a partire dalla recente verifica a Reggio Calabria sulle procedure di spesa dei finanziamenti del Patto Calabria". "Questi due anni di lavoro - ha aggiunto Oliverio - coincidono anche con una ripresa di attenzione verso il Mezzogiorno, dopo anni di oscuramento. Due anni fa, alla luce di un rapporto Svimez particolarmente negativo, il Governo di Matteo Renzi ha riacceso i fari sul Mezzogiorno avviando la stagione dei Patti per le Regioni e le città metropolitane del Sud ed ha impostato, dopo anni di confusione e disattenzione, una programmazione di lungo periodo delle risorse necessarie allo sviluppo".

    Mediterraneo orizzonte strategico. "Il Mediterraneo è, come Calabria, il nostro orizzonte strategico e la condizione per esercitare una funzione utile per l'Italia e per l'Europa. Oggi è un'area di tensioni internazionali, di tragedie umanitarie; ma è anche una grande opportunità, il luogo dove si svolgono i maggiori scambi commerciali in particolare dopo il raddoppio del canale di Suez". Lo ha detto il presidente della Regione, Mario Oliverio. "L'iniziativa del Ministro dell'Interno, Marco Minniti, illustrata anche nella recente riunione della Conferenza Stato-Regioni, per coniugare accoglienza e sicurezza e la ripresa del dialogo con i paesi del versante africano - ha aggiunto Oliverio - vanno nella direzione giusta e pongono la Calabria nella condizione oggettiva di esercitare un ruolo di respiro nazionale ed europeo".

    Timida crescita. "In questi anni il Sud e la Calabria sono tornati, sia pure timidamente, a crescere. La Calabria, dopo una caduta di ben 14 punti del Pil in 7 anni, lo ha aumentato di 1,1 con significativi risultati nell'agricoltura e nel turismo. Si tratta di due settori strategici per la nostra economia". Lo ha detto Mario Oliverio a Catanzaro. "Abbiamo ben presente - ha aggiunto Oliverio - la crisi economica e sociale della nostra regione. Conosciamo le sofferenze e le paure del popolo calabrese. L'angoscia delle ragazze e dei ragazzi che abbandonano la Calabria o quelli che restano perché privi delle risorse necessarie per continuare gli studi. Ma nello stesso tempo occorre vedere le potenzialità, i segnali di dinamismo, stare accanto a quelli che si battono quotidianamente per rinnovare la nostra terra". "Nel momento del nostro insediamento - ha sostenuto ancora il Governatore - la nostra terra veniva raccontata come 'regione canaglia'. Non c'erano gli articoli del New York Times che oggi parlano di una meta privilegiata del turismo internazionale; non c'erano gli articoli del 'Sole 24 ore' o le dichiarazione del Presidente di Confindustria che sottolineano le potenzialità positive per gli investimenti programmati per il Porto di Gioia Tauro; non c'erano gli articoli di quotidiani nazionali che parlano di giovani start up o di buone pratiche, come quella del Comune di Zagarise; non c'erano i riconoscimenti dell'amministratore delegato di Google Italia sulle iniziative della Regione nel campo dell'innovazione tecnologica". E proprio in apertura della manifestazione,dopo la proiezione di un video che racchiude il bilancio delle attività, si sono alternate in tribuna sei testimonianze di altrettante iniziative "positive" realizzate nella regione. Il sindaco di Zagarise Domenico Gallelli ha illustrato l'esperienza del piccolo comune presilano che ha attuato un modello "da esportazione" in materia di raccolta dei rifiuti a impatto ambientale zero. Sono seguiti poi i contributi di Rocco Colacchio presidente della rete "Calabria di gusto" che associa imprenditori dell'agroalimentare; Concetta Greco, di Assapori (ristorazione e ospitalità); Domenico Talia, della spin-off Dtok specializzata nell'Ict; Roberto Fazzari, tra gli ideatori del Frantoio Revolution un robot in grado di produrre olio di oliva in casa, e don Pino De Masi, di Libera, in rappresentanza della cooperativa Valle del Marro che lavora nei terreni confiscati alle cosche della Piana di Gioia Tauro.

    Sanità un buco nero. "C'è un settore che costituisce un buco nero della situazione calabrese: il sistema sanitario". Così Mario Oliverio, a Catanzaro, illustrando il report di due anni di lavoro durante la manifestazione "Calabria in corso". "Siamo in presenza - ha aggiunto il Governatore - di una situazione paradossale; e cioè che le scelte fondamentali sono in mano alla struttura commissariale, mentre il terminale delle richieste e delle istanze dei cittadini è rivolto a chi governa la Regione. E' in virtù di questa contraddizione che il Parlamento ha legiferato per rendere possibile il superamento di questa contraddizione. Ora tocca al Governo applicare e rendere operativa la norma". "Il dato essenziale - ha sostenuto ancora Oliverio - è che oltre sei anni di piano di rientro e di commissariamento non hanno migliorato la situazione dell'offerta sanitaria in Calabria. Anzi in molti casi l'hanno peggiorata: i centri hub sono in crisi perché gli ospedali spoke non funzionano e non esiste una adeguata rete di servizi sanitari nel territorio. Tuttavia, abbiamo assunto con determinazione iniziative che hanno prodotto importanti realizzazioni utili per qualificare l'offerta sanitaria regionale: dal Centro Cuore di Reggio Calabria con all'interno la cardiochirurgia, alle Pet a Reggio e Cosenza, il Trattamento intensivo neonatale a Crotone, il reparto Dialisi a Lamezia, il rafforzamento del polo oncologico a Catanzaro".

    Su occupazione superata logica precariato. "Abbiamo affrontato le politiche per il lavoro, rompendo la logica del precariato come merce di scambio politico ed aprendo la stagione delle regole e dei diritti". Lo ha detto il governatore Mario Oliverio in tema di occupazione. "E' sulla base di quest'impostazione che a 5 mila Lsu-lpu, dal momento del mio insediamento - ha aggiunto - è stato trasformato il sussidio in contratto di lavoro. E, nei prossimi giorni saranno emanati i primi bandi per garantire il Reddito d'Inclusione. Non ci siamo accodati alla tendenza ad incrementare in modo indiscriminato il lavoro precario presso gli enti sub regionali o le partecipate regionali. Abbiamo avviato una bonifica, con scelte anche dolorose, per costruire una grande e necessaria operazione d'inclusione sociale che si fonda su due programmi, un Piano regionale di contrasto alla povertà e la programmazione di un Piano d'inclusione sociale. Programmi dotati di consistenti impegni di spesa e per i quali sono in corso di espletamento bandi che impegneranno 2.200 tirocinanti nell'amministrazione della giustizia, nei beni culturali e nella scuola e sono in corso di emanazione ulteriori procedere". "Nell'ambito del Piano d'inclusione - ha detto ancora Oliverio - un'attenzione particolare è rivolta ai ragazzi bisognosi di sostegno negli studi e nei trasporti. La possibilità di andare oltre il lavoro precario sta, tuttavia, nello sviluppo stabile e nell'innovazione produttiva nell'industria, nell'agricoltura, nel commercio, nell'alta formazione".

    Oltre 1.2 mld per difesa del suolo. "'Calabria Sicura' è un programma con un investimento importante, oltre 1,2 miliardi di euro, nel settore del rischio sismico, del rischio idrogeologico, del sistema idrico, del piano regionale per la depurazione, del piano regionale rifiuti, del piano regionale per le bonifiche". Così Mario Oliverio a Catanzaro. "Si tratta di circa 762 interventi - ha aggiunto il Governatore - che danno una diffusa risposta al territorio, che aumenta la sicurezza valorizzando l'ambiente. Nella programmazione degli interventi del Patto Calabria, tra chi ci suggeriva di individuare grandi e puntuali opere e la necessità di dare risposte diffuse ai territori, non abbiamo avuto esitazione. Abbiamo scelto la linea, più difficile da gestire, di finanziare i bisogni dei Comuni calabresi".

    Presto protocollo per legalità. "E' mia intenzione, esaminata anche con il Ministro degli Interni Marco Minniti, di proporre un protocollo di legalità da sottoscrivere con l'Anac, i Prefetti e la Magistratura per rendere impermeabile l'attività della Giunta e delle stazioni appaltanti in riferimento alla spesa delle risorse programmate". Lo ha detto Mario Oliverio. "La mia presenza alla guida della Regione - ha aggiunto Oliverio - è incompatibile con interessi di affaristi e mafiosi. E' questa un'affermazione mi sento di fare con grande fermezza. La 'ndrangheta non è più solo un'organizzazione criminale, ma una minaccia per la vita democratica per l'intero paese. Vinceremo la lotta contro la 'ndrangheta se accanto alla repressione coltiveremo una speranza per il futuro". "La Calabria che noi vogliamo - ha detto ancora Oliverio - è una regione dove arretratezza e mancato sviluppo dei decenni passati possono diventare oggi, paradossalmente, fattori di crescita, di innovazione e di uno sviluppo sostenibile"

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità
Elezioni

VotoElezioni 2014: -- Regionali - dati definitivi --- Preferenze definitive Cosenza --- i Consiglieri regionali eletti

Elezioni 2013: --- Camera gli eletti in Calabria --- Senato gli eletti in Calabria --- Dati definitivi Senato --- Dati definitivi Camera --- Proiezioni e Affluenze

Elezioni 2012: --- Cassano Ionio (sindaco e seggi), Castrovillari (sidnaco e seggi), Paola (sindaco e seggi) -- Catanzaro (89 su 90) -- Palmi (sindaco e seggi) --- (CS) Eletti sindaci in provincia di Cosenza --- (CZ) provincia Catanzaro --- (KR) Cirò e Roccabernarda--- (RC) provincia di Reggio Calabria --- (VV) provincia di Vibo Valentia

Elezioni 2011: Tutti i dati di tutte le elezioni comunali, provinciali di tutti i comuni della Calabria e dei Referendum

Elezioni 2010: Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore