NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Ferro "Governo tuteli magistrati onorari"

     

     

    Ferro "Governo tuteli magistrati onorari"

    22 feb 17 "É paradossale che proprio coloro che ricoprono una funzione fondamentale nella tutela dei diritti dei cittadini debbano scendere in piazza per vedersi riconosciuti i diritti più elementari legati al loro impegno professionale e lavorativo". Lo sostiene, in una dichiarazione, la consigliera regionale Wanda Ferro (Gruppo Misto). "I magistrati onorari - aggiunge - non hanno tutele, non hanno diritti di tipo assistenziale o previdenziale, non hanno alcuna garanzia di stabilità lavorativa, sebbene, come ha rimarcato lo stesso vice presidente del Csm Giovanni Legnini, costituiscano una componente non solo preziosa, ma essenziale per l'efficienza del sistema giudiziario italiano. La riforma paventata dal Governo, anziché andare nella direzione di una maggiore stabilità e di un rafforzamento della magistratura onoraria, punta a ridurre il contributo offerto da migliaia di professionisti che sono impegnati anche da 15 anni, e che quindi non possono più essere considerati temporanei, con incarichi di Giudice di pace, di Giudice onorario di tribunale, di vice Procuratore onorario e così via. Tutto ciò avviene nonostante sia diventato assolutamente cruciale il ruolo della categoria, soprattutto a fronte della cronica carenza di organici della magistratura ordinaria e della mole enorme di processi arretrati e pendenti. Si rischia, in sostanza, la paralisi dell'intero sistema giudiziario italiano". "Il Governo - dice ancora Wanda Ferro - non può predicare legalità ed efficienza e allo stesso tempo tollerare all'interno del sistema giudiziario un vero e proprio fenomeno di 'caporalato', con professionisti impegnati per ore in importanti attività processuali, in molti casi in sostituzione dei magistrati togati, però retribuiti con compensi miseri e senza diritto a ferie, previdenza, maternità. Una situazione caratterizzata da precarietà e dall'assoluta mancanza di serenità lavorativa e personale, che potrebbe portare persino all'avvio di una procedura di infrazione da parte dell'Unione europea nei confronti dell'Italia". "Esprimendo la mia solidarietà - conclude il consigliere regionale - nei confronti dei giudici onorari, che vivono un periodo di grande incertezza per il loro futuro, auspico che il Governo riveda la sua proposta, lavorando piuttosto nella direzione delle tutele e della stabilizzazione dei professionisti in servizio".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità
Elezioni

VotoElezioni 2014: -- Regionali - dati definitivi --- Preferenze definitive Cosenza --- i Consiglieri regionali eletti

Elezioni 2013: --- Camera gli eletti in Calabria --- Senato gli eletti in Calabria --- Dati definitivi Senato --- Dati definitivi Camera --- Proiezioni e Affluenze

Elezioni 2012: --- Cassano Ionio (sindaco e seggi), Castrovillari (sidnaco e seggi), Paola (sindaco e seggi) -- Catanzaro (89 su 90) -- Palmi (sindaco e seggi) --- (CS) Eletti sindaci in provincia di Cosenza --- (CZ) provincia Catanzaro --- (KR) Cirò e Roccabernarda--- (RC) provincia di Reggio Calabria --- (VV) provincia di Vibo Valentia

Elezioni 2011: Tutti i dati di tutte le elezioni comunali, provinciali di tutti i comuni della Calabria e dei Referendum

Elezioni 2010: Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore