NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitā . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Cosenza di misura, ma che fatica. A più cinque sulla terza

    Il gol di Calderini (Foto Shartella)

     

    Cosenza di misura, ma che fatica. A +5 sulla terza

    15 dic 13 Dove non arriva la tattica può il cuore e la determinazione. A fatica il Cosenza, dopo due mesi esatti di digiuno, torna alla vittoria tra le mura amiche. Allora fu uno striminzito uno a zero contro il Melfi, oggi la storia si ripete con il Martina Franca. La gara della vita, per i pugliesi. La squadra di Bocchini si presenta con un abbottonato 3-5-2. Cappellacci mette in campo il suo 4-3-3 e per tutto il primo tempo sembra di assistere ad un allenamento. Sul taccuino registriamo tre tiri in porta, tutti del Cosenza. In mezzo al campo un pessimo direttore di gara che comincia col piede sbagliato lasciando che gli opiti usassero le maniere forti senza sanzionarli. L'occasione più ghitta, dopo un iluro di De Angeli respindo da Modesti, capita a Guidi che si beve il portiere ma per una questione di centimetri prende il palo a porta vuota. Il Cosenza sembra vittima di una macumba. Far gol in casa sembra diventata cosa difficile. il Martina Franca non riesce a superare la difesa alta del Cosenza. Cappelalcci tiene corta la sua squadra e i sui giocatori oltre al poseso lla hanno un'altra grossa occasioen con una botat di Gordano da fuori. Il portire avversario c'è. Due buchi sulla facia concedono due angoli al Martina Franca. ma è sempre il Cosenza ad avere il pallino del gioco. De Angelis viene prima atterrato a centrocapo e poi in piena area suisce un fallaccio da rigore. Il pessimo direttore di gar adeve avere la luna di traverso perchè sanziona l'attaccante con un giallo per simulazione. Al cambio di campo il Cosenza inisiste fin dalle prime battute e chiude i pugliesi nella loro area collezionando dieci angoli, ma il gol non arriva. Qui Cappellacci tira fuori dal cilindo la soluzione, scende Criaco a terzino al posto di Palazzi e schiera la Calderini praticamente quarta punta. Nuove mischie in area e prova di gol che arriva proprio dai piedi del nuovo entrato Elio "bum bum". Un gol capolavoro in diagonale sponda palo-rete che fa esplodere il San Vito. C'è il tempo per vedere una punizione di Criaco sfiorare il raddoppio e la solita amnesia in zona Cesarini. Aperi se ne scappa col pallone e si presenta da solo davanti a Frattali. Fa tutto bene fino al tiro. Gigi gli chiude lo specchio e lui manda il pallone alle stelle. E' l aterza gara di fila che il Cosenza soffre di un calo di tensione che è costato il pari con l'Ichia e la sconfitta con l'Aprilia. Ma questa volta è andata bene. I Lupi tornano solitori in vetta alla classifica e Cappellacci è già in tensione per l'ultima del giorne di andata in quel di Teramo. La sua ex squadra. Un gioco del destino, o meglio del calendario, lo ha meso di fronte i suoi ex proprio nella settimana di Natale. Lui non vede l'ora di scendere in campo. A Teramo il Cosenz asi presenta da capolista con due punti di vantaggio e ben cnque sulle terze. Si allunga anch il distacco dalla zona play off ora lontana ben 11 punti. Ma c'è poco da esaltarsi. Il giorne di ritorno sarà ben altra musica. Tutti a gennaio si attrezzeranno per non perdere il treno della Lega Pro e ci sarà davvero da sudare. Per il Cosenza tanto fieno in cascina che gli permetterà di gestire le restanti 18 partite al meglio. La società sembra orientata ad assecondare le richieste dell'allenatore. Lui però tiene la bocca ben cucita sui probabili arrivi. Intanto De Angelis in sala stampa tiene a precisare che a Cosenza si trova molto bene e non c'è nessuna trattativa che lo interessi. Il bomber rossoblu, ad oggi è il miglior marcatore avendo realizzato 5 delle 21 reti messe a segno dal Cosenza. Vedremo gli sviluppi dopo la gara col Teramo. Cappelalcci non vede l'ora, noi pure. Soddifazione per lui presentarsi a casa sua con la sua formazione prima in classifica. Sono soddisfazioni che saranno più gutose dopo la gara se .....

    Cosenza - Martina Franca 1-0
    Rete: 27’ st Calderini

    Cosenza (4-3-3): Frattali 6, Bigoni 6, Palazzi 6 (17’ st Calderini 7), Meduri 6, Blondett 6, Guidi 6,5, Criaco 6, Giordano 6,5, Mosciaro 6, De Angelis 6 (29’ st Pepe 6), Alessandro 6. A disp: Orlandi, Adamo, Carrieri, Castagnetti, Napolano. All.: Cappellacci 6.5
    Martina Franca (3-5-2): Modesti 6.5, Dispoto 5, Nucera 5 (29’ st Aperi 5), De Lucia 5, Zammuto 5, Salvatori 5, Zampano 5, Bilello 5, Belleri 6, Petrilli 5 (25’ st Ilari 5), Salustri 5 (36’ st Memolla sv). A disp.: Quarto, Belli, Di Lauri, Bozzi. All.: Bocchini 5
    Arbitro: Melidoni di Frattamaggiore 4
    Spettatori 1300 circa.
    Ammoniti: Dispoto, Zampano, Sallustri, Bigoni, De Angelis, Mosciaro.
    Calci d’angolo: 15-5 (5-2)
    Recuperi: 1’ pt – 5’ st

    --- Cosenza-Martina Franca 1-0 (Cronaca e tabellino)

    SecondaDiv/B-16a --- Cosenza +5 sulla terza, Risultati e Classsifica

    --- Video Cosenza-Martina Franca 1-0, De Angelis

    --- Video Cosenza-Martina Franca 1-0, Mister Bocchini

    --- Video Cosenza-Martina Franca 1-0, Mister Cappellacci

    Cosenza, in piedi: Mosciaro, Giordano, Blondett, Palazzi, Frattali, Guidi. Accosciati: Criaco, Bigoni, Alessandro, De Angelis, Meduri.

    La festa a fine gara

    La curva che esplode

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Calcio"

     

     

 

Video

Foto

 


    Facebook
 Ultime Notizie
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitā . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore