NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Cartelloni a soggetti vicino cosca Muto: 12 indagati, anche 2 sindaci

     

    Cartelloni a soggetti vicino cosca Muto: 12 indagati, anche 2 sindaci

    18 mar 17 Dodici persone, tra le quali i sindaci di Acquappesa, Giorgio Maritano, e di Guardia Piemontese, Vincenzo Rocchetti, assessori e funzionari dei 2 comuni, sono indagate in un'inchiesta della Procura di Paola che ha portato al sequestro preventivo di 12 maxi pannelli pubblicitari con contestuale notifica di avviso di garanzia. I reati ipotizzati sono turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, depistaggio, abuso d'ufficio, rifiuto di atti d'ufficio, falsità ideologica. Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri di Guardia Piemontese e della Compagnia di Paola, la gestione del servizio pubblicitario sarebbe stata affidata in violazione del Codice degli appalti pubblici. In particolare sarebbero state favorite, con affidamenti diretti, società prive dei requisiti e riconducibili a soggetti pregiudicati e/o sorvegliati speciali legati alla cosca Muto. I comuni, inoltre, non percepivano canone e non avrebbero abbattuto i cartelloni nonostante un provvedimento dell'Anas. Dall'inchiesta, coordinata dal pm Anna Chiara Fasano, sarebbe emerso che le società cui venivano affidati i servizi pubblicitari, sono state nominate dai due Comuni addirittura versando in situazioni di confisca e/o cessazione dell'attività oltre che essere utilizzati dagli indagati attraverso una sorta di "passaggio di consegne" dei servizi da una società a un'altra. Le indagini avrebbero anche evidenziato il mancato pagamento del canone da parte della società nonostante il regolamento per la disciplina pubblicitaria comunale preveda un guadagno attraverso affidamenti onerosi. Per tre indagati, i due sindaci ed un funzionario comunale, è stato ipotizzato anche il reato di depistaggio: al fine di ostacolare, sviare e comunque impedire attività d'indagine dei carabinieri, uno ha negato di conoscere l'attività d'installazione e gestione delle pubbliche affissioni, mentre gli altri due avrebbero prodotto alcune autorizzazioni ed atti ambigui dai quali non emergevano gli introiti del loro comune al fine di ostacolare la reale conoscenza del servizio di installazione e gestione economica dei predetti pannelli pubblicitari.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore