NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Mons. Bregantini "La festa di Libera premia tutte le coop della Locride"

     

     

    Mons. Bregantini "La festa di Libera premia tutte le coop della Locride"

    18 mar 17 "La festa di Libera, il 21 marzo, profumo di primavera, premia tutte le realtà cooperativistiche della Locride. Anzi, lodano quella linfa nata ben oltre le attuali cooperative, perché sono state esse ad aver creato un contesto di speranza. Quella cioè di restare per cambiare". Lo afferma l'arcivescovo di Campobasso, monsignor Giancarlo Maria Bregantini, in un messaggio in occasione della Giornata della memoria e dell'impegno di Libera del 21 marzo. Mons. Bregantini è stato vescovo di Locri per quasi 14 anni, sino al 2008 ed è stato l'artefice della nascita di una cooperativa sociale. "Cambiare si può. Cambiare - prosegue il presule - si deve. E non solo sulle colline della Locride, ma in trentino ed in ogni luogo. In ogni cuore. Perché l'economia non sia più un'economia che uccide. E non vi siano più imprenditori che fuggono e lasciano aziende per motivi speculativi, compiendo un peccato gravissimo, come ha detto ieri papa Bergoglio. Cadono allora certe facili reciproche accuse. Perché i pionieri vanno capiti ed accompagnati, poiché facilmente incorrono in errori. Reciproci. E perciò, compresi nel gesto della reciproca misericordia. Dal singolo alle istituzioni. Ed anche, ovviamente, dalle istituzioni giudiziarie alle singole coscienze. E torna nel cuore anche il gesto estremo della scomunica, che ho lanciato nel marzo del 2006, davanti alla distruzione delle serre in fiore, per un veleno di morte. Gesto estremo, ma necessario. Eloquente, che ha reso quasi 'maledetti' quei mafiosi che osano, ieri ed oggi, violare la vita nelle strade, nei campi, nelle case! Ovunque! Sempre la vita va amata e difesa. Come ha fatto san Giuseppe, davanti alla violenza di Erode, immagine eloquentissima di mafia". "Il 21 marzo - conclude mons. Bregantini - è la festa di san Giuseppe, un papà che è stato un grande lavoratore e perciò sicura difesa del figlio Gesù. Perché dove c'è lavoro, ivi si respira un autentico e diffusivo profumo di speranza e di coraggio! Cioè di bellezza, poiché la bellezza è la miglior forma di antimafia, come mille volte abbiamo ripetuto in ogni angolo d'Italia, eco del cammino luminoso della Locride".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore