NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Risolto il giallo della donna uccisa a Cirò, per investigatori è il vicino di casa. Prove schiaccianti

     

    Risolto il giallo della donna uccisa a Cirò, per investigatori è il vicino di casa. Prove schiaccianti

    17 mar 17 Ha rischiato il linciaggio da parte di una folla inferocita che si era radunata davanti la caserma dei carabinieri di Cirò Marina, risucita anche a sfondare il lunotto dell'auto che lo trasportava, l'uomo che questa notte si è visto notificare un provvedimento di fermo per l'omicidio di Antonella Lettieri. Salvatore Fuscaldo, bracciante agricolo 50enne, adesso è rinchiuso nel carcere di Crotone con l'accusa di omicidio volontario pluriaggravato. Per il pm della Procura di Crotone e per i carabinieri della Compagnia di Cirò Marina e del Comando provinciale di Crotone non ci sono dubbi: è lui l'assassino della commessa di 42 anni uccisa in modo efferato la sera della festa della donna non appena rientrata in casa. Assassinata con diverse coltellate e numerosi colpi sferrati alla testa ed al volto con un oggetto. E proprio l'efferatezza del delitto sarebbe uno degli elementi che hanno portato gli investigatori a risalire a Fuscaldo. Sulla sua auto, controllata e sequestrata già nelle ore immediatamente successive al delitto, sono state trovate tracce ematiche. Sangue che secondo la comparazione del dna fatta dai tecnici del Ris di Messina apparteneva ad Antonella. Quando, nel tardo pomeriggio di ieri, il risultato degli esami - per effettuare i quali Fuscaldo era stato indagato, come atto dovuto, insieme alla moglie e ad un corteggiatore della vittima - è giunto a Crotone, i carabinieri della Compagnia di Cirò diretti dal capitano Alessandro Epifanio e guidati dal comandante provinciale Salvatore Gagliano, con molta cautela sono andati a prenderlo a casa per portarlo in caserma. Gli indizi scientifici ed il pericolo di fuga hanno indotto gli investigatori a sottoporlo a fermo. La scena, però, nonostante le cautele dei familiari, non deve essere sfuggita ai vicini. Il passaparola ha fatto il resto ed in pochi minuti davanti alla caserma si è radunata una folla inferocita che prima ha urlato tutta la sua rabbia all'indirizzo di Fuscaldo e poi si è sfogata sull'auto dei carabinieri a bordo della quale l'uomo è stato trasferito nel carcere di Crotone. Il lunotto posteriore è andato in frantumi, ma il militare alla guida, con l'aiuto dell'auto di scorta e dei militari presenti, è riuscito comunque ad allontanarsi prima che la situazione degenerasse ulteriormente. "All'uscita - è stato il commento del col. Gagliano - abbiamo trovato centinaia di persone. Invece per l'omicidio ancora nessuno è venuto spontaneamente a collaborare. Sappiamo che il nostro operato è stato apprezzato, e speriamo adesso di avere un riscontro dai cittadini". Le indagini, infatti, non si fermano. Anzi. I carabinieri vogliono chiarire ogni aspetto della vicenda, individuare il movente, che resta ancora misterioso, trovare l'arma usata per il delitto. Sembra comunque destinato ad uscire dall'indagine Francesco Manfredi, l'uomo che corteggiava Antonella negli ultimi tempi. "La sentivo solo al telefono. Rarissime volte quando usciva con le amiche la corteggiavo. Ma lei - ha detto oggi - si manteneva sui suoi passi. Io le dicevo 'ti do tutto il tempo che vuoi, ti aspetterò sempre'. Sono ancora scioccato". Le quattro nipoti di Antonella, dal canto loro, hanno spiegato oggi di non volere vendetta ma giustizia: "Deve scontare la sua pena tutti i giorni. Chi uccide non merita di stare nella civiltà, deve stare in carcere, a vita".

    Link correlati:

    -- Donna uccisa a Cirò: corteggiatore sotto choc, nipote "Non vendetta ma carcere a vita"

    -- Omicidio di Cirò, c'era sangue della vittima nell'auto del fermato

    -- Omicidio a Cirò, arrestato il vicino di casa che ha rischiato linciaggio, decisivi esami Ris

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore