NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Omicidio Spadola, arrestato conferma confessione al Gip

     

     

    Omicidio Spadola, arrestato conferma confessione al Gip

    02 mar 17 Il gip di Vibo Valentia, Lorenzo Barracco, non ha convalidato, per insussistenza del pericolo di fuga, il fermo di Giuseppe Zangari, il commerciante di 46 anni di Spadola (Vibo Valentia) che ha confessato l'omicidio di Bruno Lacaria, commercialista di 52 anni. Il giudice ha però contestualmente emesso un'ordinanza di custodia cautelare a carico di Zangari. Lacaria era scomparso da Spadola l'8 febbraio scorso e il suo corpo è stato ritrovato in una zona di campagna poco distante dal paese 19 giorni dopo. Zangari, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, ha confermato la confessione resa già davanti al pm Filomena Aliberti, assumendosi la responsabilità del delitto e riferendo del movente, sul quale vige ancora il massimo riserbo da parte degli investigatori. L'autopsia di Lacaria ha stabilito che il commercialista è stato ucciso con un corpo contundente sferrato a più riprese alla testa, molto probabilmente il bastone del quale ha parlato lo stesso Zangari. L'esame autoptico ha anche escluso ferite per colpi d'arma da fuoco.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore