NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Aveva trasferito vigile al cimitero, Cassazione conferma condanna Comune Bagnara

     

     

    Aveva trasferito vigile al cimitero, Cassazione conferma condanna Comune Bagnara

    27 gen 17 E' stata confermata dalla Cassazione la condanna al risarcimento dei danni biologici e morali a carico del Comune calabrese di Bagnara Calabra colpevole di aver mobbizzato un vigile urbano 'scomodo' il quale, dopo essere stato privato di ogni mansione, era stato anche accompagnato all'ingresso del cimitero davanti al quale era stato lasciato da un funzionario che gli aveva detto che quella era la sua nuova sede di lavoro, nonostante gli addetti alle pratiche cimiteriali avessero gli uffici in un normale palazzo, in altra sede. Al povero vigile, il signor R.B. di 54 anni, "vittima di vessazioni sistematiche" - dal 2004 al 2006 - per ufficio gli era stata assegnata la camera mortuaria, senza scrivania nè sedia. Un luogo definito dai giudici di merito, con giudizio condiviso dalla Suprema Corte, come "igienicamente non adeguato, non conforme alle più elementari norme di sicurezza, oltre che lesivo della stessa dignità umana". R.B. era costretto a passare le ore di servizio in piedi nel corridoio. La sentenza di condanna al risarcimento danni emessa dalla Corte di Appello di Reggio Calabria nel 2011, per alcune migliaia di euro relative a più voci di danno (anche quello professionale, per lesione dell'immagine e della vita di relazione) e confermata integralmente dai supremi giudici, rileva inoltre come "appare del tutto ovvio che, in primo luogo fosse impossibile rendere la prestazione lavorativa in quel luogo, oltre che appare evidente che tale locale avesse una funzione al tempo stessa punitiva e 'rappresentativa', essendo volto a veicolare un messaggio chiaramente mobbizzante di cui era destinatario direttamente il lavoratore ed indirettamente anche gli altri, messaggio che nè lui, nè gli altri colleghi o meno, avrebbero dovuto fraintendere". In proposito, la Cassazione ricorda che in questa vicenda di mobbing, indizio rilevante dell'isolamento cui conduce questa 'pratica' è il vuoto fatto attorno a R.B. dai suoi colleghi che si tenevano ben lontani dal soggetto "scomodo" temendo "a loro volta di essere oggetto di condotte ritorsive" e per questa ragione avevano scelto il "silenzio" quando nel processo sono stati sentiti come testi. Così è stato respinto il ricorso presentato dal Comune di Bagnara contro la condanna al risarcimento.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore