NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Operazione congiunta CC-PS, sgominata a Cosenza la banda dei furti

     

    Operazione congiunta CC-PS, sgominata a Cosenza la banda dei furti

    05 gen 17 E' in corso dalle prime luci dell'alba un'operazione congiunta tra Carabinieri e Polizia, denominata PREDATOR, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza, nei confronti della banda dedita ai furti in città. Specializzati in colpi nelle scuole, in esercizi commerciali ed esercizi pubblici e privati. Diverse le misure cautelari portate a termine così come le perquisizioni avvenute soprattutto nel centro storico cittadino. Una risposta immediata alla serie di furti e rapine avvenute negli ultimi tempi anche con modalità molto violente. La banda aveva compiuto furti negli ultimi mesi, tra l'altro, nell'Ufficio anagrafe del Comune, in alcune scuole, nelle sedi della Cgil e dell'Azienda sanitaria provinciale, abitazioni private ed esercizi commerciali ed in uno dei teatri cittadini, il "Morelli". Nelle scuole e negli uffici pubblici sono stati rubati, in particolare, computer ed altro materiale informatico.

    --- Video Operazione Predator - arresti dei CC (VIDEO)

    --- Video Operazione Predator - La Conferenza in Procura (VIDEO)

    --- Video Operazione Predator - Tutti gli arresti di PS e CC (VIDEO)

    --- Video Operazione Predator - arresti PS e intercettazioni (VIDEO)

    In manette sono finiti: Mirko Capizzano, 23 anni; Francesco Pace, 35 anni; Francesco Spina, 27 anni; Luca Cristiano, 37 anni; Mario Sacco, 55 anni; Diego Spina, 21 anni.Ai domiciliari: Marco Mauro, 33 anni. I fermati sono tutti di Cosenza.

    In alto: Pace, Sacco, Cristiano, Spina F.; in basso: Capizzano, Spina D., Mauro

    Duro il commento del Procuratore Capo di Cosenza mario Spagnuolo che la definisce criminalità liquida. "Si tratta di una microcriminalità dedita professionalmemte ai reati predatori a danno di strutture pubbliche". Undici gli episodi di furto tutti avvenuti in strutture pubbliche che aveva come oggetto materiale informatico. Le indagini sono state coordinate dal Procuratore Spagnuolo assieme al procuratore aggiunto Marisa Manzini e al sostituto Giuseppe Viscomi. Il materiale trafugato purtroppo non è stato recuperato. "Si pensi -ha poi aggiunto Spagnuolo- al danno creato ad una scuola a cui sono stati sottratti computerì e tablet dove i nostri figli non possono ricevere l'educazione necessaria o l'Asp che viene paralizzata dopo che sono stati sottratti i computer che servono per portare avanti il lavoro. Un danno a tutta la comunità". Agli arrestati non è stato contestato l'articolo 416 (banda o associazione mafiosa) ma era comunque un gruppo che agiva di continuo con le stesse modalità e con violenze inspiegabili. "Così come - ha spiegato la Manzini- furti in auto dove spaccavano il lunotto o lo scippo alla mamma che dava da mangiare alla figlia seduta su di una panchina". Tutti gli arrestati vengono dal centro storico di Cosenza. Un segnale emblematico di un disagio diffuso. Tutti hanno precedenti penali. Unanime il commento del Comandante Provinciale dei Carabinieri, col. Fabio Ottaviani e del Capo della Squadra Mobile, Giuseppe Zanfini i cui uomni durante le perquisizioni hanno trovato anche delle pistole a salve, una grossa tronchese, un caricatore ed un coltello con una grossa lama, utilizzati probabilmente per commettere i reati. "Un lavoro in comune tra polizia e carabinieri che darà sicuramente buoni frutti in futuro" hanno sottolinato i due aggiungendo come il furto nella sede di un sindacato ne abbia compromesso il servizio dato ai cittadini così come quello commesso all'Anagrafe del Comune di Cosenza che ne aveva bloccato l'attività.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore