NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Beni per 2.5 mln sequestrati dalla Gdf a imprenditore vicino alle ndrine

     

     

    Beni per 2.5 mln sequestrati dalla Gdf a imprenditore vicino alle ndrine

    27 feb 17 I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno sequestrato una ditta individuale, 6 immobili, 3 auto e rapporti finanziari - per un valore di 2,5 milioni di euro - riconducibili all'imprenditore edile Giuseppe Stefano Tito Liuzzo e al suo nucleo familiare. Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale su richiesta della Procura. Liuzzo è detenuto per associazione mafiosa nell'ambito dell'operazione "Araba fenice", condotta dalla finanza nel 2013. Secondo l'accusa, Liuzzo è legato alla cosca Rosmini, per conto della quale avrebbe curato gli interessi economici illeciti, soprattutto nel settore dell'edilizia privata. I finanzieri, inoltre, avevano accertato la riconducibilità di fatto a Liuzzo di diversi beni formalmente intestati a soggetti terzi e, in particolare, alla compagna Serena Assumma ed al fratello di questa, Natale, anch'egli arrestato. Il sequestro rappresenta l'epilogo di ulteriori indagini del Gico del Nucleo di Polizia tributaria.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore