NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Il S.Anna Hospital tra i migliori centri d'Italia

     

     

    Il S.Anna Hospital tra i migliori centri d'Italia

    24 feb 17 Dopo il Programma nazionale esiti di "Agenas", l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, anche "Doveecomemicuro.it", il primo portale italiano di public reporting in ambito sanitario, promuove a pieni voti il S. Anna Hospital. Lo rende noto la stessa struttura sanitaria. "L'indagine, svolta su un campione complessivo di oltre duemila tra strutture ospedaliere pubbliche e private accreditate in Italia presso il SSN e afferenti alle varie branche mediche - è scritto in una nota - colloca infatti il Centro regionale di alta specialità del cuore in cima alle classifiche che riguardano i volumi di prestazioni e gli esiti per i pazienti trattati in ambito cardiochirurgico. In particolare è emerso che nel campione in studio il S.Anna occupa il terzo posto per numero di interventi di by-pass aortocoronarico e il quarto per basso indice di mortalità a trenta giorni. I dati, che confermano sostanzialmente quelli di Agenas ma anche quelli del Report di autovalutazione elaborato dallo stesso S. Anna, appaiono ancora più significativi alla luce di quanto emerge complessivamente dall'indagine. Gli analisti di 'Doveecomemicuro.it', infatti, hanno appurato che il 76% delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate non rispetta i volumi minimi (200 by-pass all'anno per struttura). Dunque solo il 24% è virtuoso ed è distribuito sul territorio nazionale senza differenze geografiche significative. Si tratta di un dato allarmante e non soltanto in termini di riorganizzazione della rete ospedaliera. La letteratura scientifica, infatti, è pressoché concorde nel ritenere che i volumi di prestazione abbiano un impatto rilevante, perché dove si fanno più interventi è più probabile che gli esiti siano migliori". A confermarlo, prosegue la nota, sono le parole di Elena Azzolini dell'Università Cattolica di Roma e componente del comitato scientifico del portale che ha condotto la ricerca. "Ormai - spiega Azzolini - sono numerose le prove in letteratura che confermano che per molte condizioni cliniche e interventi esiste un'associazione tra il volume di attività e l'esito delle cure, in particolar modo in termini di mortalità intra-ospedaliera o a 30 giorni dal ricovero/intervento. Per tali situazioni è possibile affermare che la mortalità a 30 giorni si riduce all'aumentare dei volumi di attività ovvero, nell'ambito cardiovascolare, che maggiore è il numero di ricoveri per infarto miocardico acuto o di interventi di bypass aorto-coronarico che una struttura esegue, più alto è il grado di esperienza e la qualità dell'assistenza offerta. Sulla base di questi presupposti, oltre che dei decreti legislativi attualmente vigenti, è possibile fornire valutazioni assolutamente oggettive e scientificamente affidabili, da cui tutti possono trarre benefici".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore