NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Tantissimi in visita alla Mostra dell'Ansa a Catanzaro su Falcone e Borsellino

     

     

    Tantissimi in visita alla Mostra dell'Ansa a Catanzaro su Falcone e Borsellino

    24 feb 17 Studenti, docenti ma anche tanti cittadini: sono stati migliaia i visitatori della mostra fotografica "L'eredità di Falcone e Borsellino", curata dall'Agenzia ANSA e realizzata per il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca che ha fatto tappa fino a ieri, a Catanzaro, nelle aule dell'Istituto tecnico industriale "Ercolino Scalfaro". Frammenti di vita pubblici e privati, alcuni entrati nella storia civile del Paese, che raccontano la vita e il lavoro di due magistrati in trincea nel contrasto alla criminalità organizzata in Sicilia. Immagini diventate momento collettivo di conoscenza, confronto e condivisione in un percorso che ha coinvolto tutte le classi e i mille allievi dell'istituto catanzarese, assieme a centinaia e centinaia di altri studenti di tante scuole cittadine di ogni ordine e grado. Un successo reso ancora più significativo e palpabile dal fatto che la totalità dei giovanissimi che hanno condiviso il percorso iconografico messo assieme grazie all'archivio fotografico dell'ANSA, non erano nemmeno nati quando si è consumata la stagione delle stragi di Palermo. Ma anche un lavoro reso possibile, nell'arco di una settimana di permanenza della mostra, per la disponibilità della dirigente scolastica dell'Itis "Scalfaro", Teresa Romano, della docente referente Giovanna Gigliotti e delle altre insegnanti Clara Trovato, Lucia Nocera, Maria Caterina Gariano ed Eleonora Benedetti. "Siamo orgogliosi - ha detto la dirigente Romano - di avere ospitato questa mostra, che arricchisce e completa l'attività di educazione alla legalità che portiamo avanti da tempo. Non a caso la nostra una scuola polo su bullismo e cyberbullismo e proprio in materia di educazione alla legalità ha realizzato altre iniziative con la presenza del testimone di giustizia Pino Masciari, che qui ha presentato il suo libro e alcune drammatizzazioni di processi interpretate dai nostri alunni. In questo contesto la mostra rappresenta un anello importante che consolida il lavoro di affermazione di cittadinanza attiva e partecipazione responsabile che stiamo portando avanti a beneficio dei nostri studenti anche nel campo dell'accoglienza e dell'integrazione, come dimostra la presenza di 14 studenti egiziani, o con la didattica orientata all'alternanza scuola-lavoro e le altre attività che fanno del nostro istituto una scuola aperta territorio". "L'interesse e le attenzioni riscontrate in un lasso seppure breve - ha detto la docente referente d'istituto, Giovanna Gigliotti - ci hanno ripagato del grande lavoro fatto. La mostra, comunque, non rappresenta un semplice momento di passaggio all'interno dell'anno scolastico, ma l'avvio di tutta un'altra serie di attività inserite nel filone dell'educazione alla legalità. E' stato bello e gratificante vedere i ragazzi che abbiamo accolto e accompagnato senza tuttavia intralciare le attività didattiche, attenti a seguire il percorso fotografico e il video realizzato dall'ANSA dedicato a Falcone e Borsellino, due magistrati che credevano in quello che facevano".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore