NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    A 4 anni dall'alluvione riapre il Parco archeologico di Sibari

     

    A 4 anni dall'alluvione riapre il Parco archeologico di Sibari

    11 feb 17 A 4 anni dall'alluvione che sommerse l'area, il Parco archeologico di Sibari riapre in tutto il suo splendore. L'inaugurazione avvenuta questa mattina dopo una serie di lavori, costati 18 mln di fondi POin, per pulire, riqualificare e valorizzare l'intera area. Al suo interno reperti di età romana e magnogreca e il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide. "Sono molto orgogliosa - ha detto il sottosegretario al Mibact Dorina Bianchi - della restituzione di questo importantissimo sito. E' un sito unico di cui usufruiranno turisti non solo calabresi ma provenienti dall'Italia e dal mondo. La cultura, insieme al turismo, può creare un solido sviluppo non solo culturale ma soprattutto economico. Ed è questo quello su cui il Mibac sta puntando". "Qui - ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio - c'è un patrimonio culturale che merita di essere valorizzato perché la nostra terra, attraverso realtà che hanno una proiezione internazionale, può diventare più attrattiva". "In due anni - ha detto Dorina Bianchi . siamo riusciti a spendere 18 milioni di euro nel miglior modo possibile. Oggi è una giornata importante non soltanto per la cultura in Calabria ma per tutto un itinerario che può nascere partendo da Sibari fino a Siracusa sulla strada della Magna Grecia". Per Oliverio quella di oggi "è una bella giornata per Sibari e per la Calabria. Sicuramente - ha aggiunto - la valorizzazione di questo patrimonio è un atto di grandissima civiltà. Io ricordo le giornate buie dopo l'esondazione quando il fango aveva coperto l'intera area archeologica. Da lì è ripartito un cammino che oggi ci ha portato a questa bellissima giornata. Noi vogliamo e dobbiamo fare molto per valorizzare il nostro patrimonio culturale. Io credo che il percorso della Magna Grecia, partendo da Sibari e passando per Crotone e arrivare a Locri e a Reggio, deve essere valorizzato perché i nostri giovani possano riconquistare l'orgoglio di appartenere alla terra della Magna Grecia, una terra che ha un patrimonio culturale inestimabile e che non è delocalizzabile". "E' un patrimonio - ha concluso Oliverio - che solo in Calabria può essere vissuto e può essere incontrato. Ecco perché è importante la giornata di oggi e credo che Sibari potrà e dovrà diventare il punto di riferimento di un percorso importante che dovrà aiutare la Calabria a uscire dalle difficoltà e a recuperare i ritardi per costruire una condizione di crescita e di sviluppo sostenibile".

    Scheda:
    L'area archeologica di Sibari torna agli antichi splendori. Lo scenario apocalittico del 18 gennaio del 2013, quando l'intera area fu completamente sommersa da ben 200 mila metri cubi di acqua e fango del fiume Crati, è solo un brutto ricordo. Un'esondazione che fece pensare a quanto era avvenuto 2.500 anni prima, quando i Crotoniani, per motivi bellici, deviarono il corso del fiume e sommersero Sybaris. Oggi, con una manifestazione pubblica, l'intera Area archeologica sibarita, interdetta da quel 18 gennaio, torna ad essere fruibile in ogni suo splendore e in ogni suo tesoro. Nel sito, tuttora oggetto di ricerca, sono presenti i resti di tre città, realizzate una sopra l'altra. Ciò che è visibile risale alla città romana di Copiae, che fu presto cambiato in Thurii, nome della città greca sulle cui rovine fu fondata. Nello strato ancora inferiore, invece, si trovano le rovine di Sybaris, città magno-greca. Di quest'ultimo insediamento sono venuti alla luce - proprio durante le operazioni di ripristino del sito - due reperti del VI secolo avanti Cristo andati ad arricchire la collezione di reperti presenti nel museo. Diciotto i milioni di euro, provenienti dai Fondi Pon, spesi in questo periodo per pulire, riqualificare e valorizzare l'intera area e il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide che sono stati interessati da sette interventi. Sono state realizzate le trincee drenanti, il recupero e la risistemazione del "Parco del Cavallo", il Centro di Accoglienza per i visitatori, nuovi depositi per i reperti, l'ampliamento del Museo con la realizzazione di sale multimediali, il modello Ippodameo e alcuni interventi a "Casa Bianca". Da oggi è possibile ammirare un'area archeologica rimessa a nuovo e arricchita da nuovi tesori venuti alla luce durante l'esecuzione degli interventi, quali i resti di un edificio sacro, alcune colonne, e, soprattutto, i reperti di un monumento sacro risalenti a Sybaris. L'esondazione del 2013 fece subito registrare l'interessamento e la mobilitazione, non solo di intellettuali, storici e studiosi di fama internazionale, ma anche quella di associazioni, movimenti e di semplici cittadini, che offrirono la loro solidarietà e la loro collaborazione. Tanti furono gli appelli lanciati per invitare al proprio dovere le autorità preposte su quanto successo e, soprattutto, per invitarle ad adoperarsi per la salvezza del sito sibarita. Per molto tempo, giorno e notte, fu pompata l'acqua che aveva invaso il sito. Il sindaco di Cassano, Gianni Papasso, lanciò un appello all'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiedendogli di adoperarsi "per risolvere la situazione di emergenza". Un appello che non cadde nel vuoto. Diversi ministri visitarono l'area. E su quanto accaduto nel 2013 la Procura della Repubblica di Castrovillari aprì un fascicolo per indagare sulle eventuali responsabilità connesse all'esondazione. Indagine che è ancora aperta. (

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore