NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Vivevano in Argentina ma incassavano pensione in Italia

     

    Vivevano in Argentina ma incassavano pensione in Italia, truffa da 140mila euro scoperta da Gdf

    08 feb 17 Erano titolari di assegni sociali dell'Inps ma, pur risultando all’anagrafe tutti residenti in Italia, ma di fatto emigrati nei Paesi dell'America Latina, ove hanno la fissa dimora, rientravano in Italia al compimento del 65 anno di etą per il tempo strettamente necessario per adempiere alle previste formalitą per l’ottenimento del beneficio in parola. Così quattro persone sono state denunciate dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria con l'accusa di indebita percezione delle indennità per centoquarantamila euro. Nel periodo di permanenza in Italia le persone indagate hanno acceso un conto corrente o libretto bancario o postale su cui far confluire le somme indebitamente spettanti e gestiti da persone compiacenti e appositamente delegate. Per comprovare l'effettiva assenza dall'Italia dei percettori delle indennità, sono stati effettuati i dovuti riscontri. L'Inps ha sospeso i pagamenti e avviato la procedura per il recupero degli importi indebitamente ottenuti.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore