NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Confindustria Vibo "Utilizzare fondi Ue contro erosione costiera"

     

     

    Confindustria Vibo "Utilizzare fondi Ue contro erosione costiera"

    05 feb 17 "Le ultime mareggiate hanno dimostrato tutta la fragilità della nostra costa e l'inadeguatezza delle misure poste a salvaguardia del patrimonio paesaggistico. D'altronde, la piena fruizione delle nostre coste, l'erosione costiera e più in generale la tutela del territorio rappresentano oggi come ieri, il punto nodale su cui ruota l'intera capacità di attrarre i potenziali visitatori (italiani e stranieri) su questo meraviglioso fazzoletto di terrà che rappresenta un inimitabile patrimonio naturalistico e paesaggistico". E' quanto affermano Gaetano Macrì, presidente di Confindustria Vibo e Giovanni Imparato, a capo della Sezione turismo, a seguito dei danni provocati dal maltempo sulle coste calabresi. Macrì e Imparato, nella nota, invitano "gli enti locali a porre in essere comportamenti virtuosi e mettere a frutto i Fondi comunitari utili a fortificare le barriere, a porre in sicurezza le aree interessate dal dissesto idrogeologico ed a ripristinare, ove necessario, condizioni di difesa del suolo e di argine al verificarsi degli eventi naturali. La nostra è una regione che vanta 800 chilometri di coste che potrebbero rappresentare sempre più una fonte primaria di lavoro, economia sostenibile e benessere, eppure stentiamo a difendere adeguatamente queste risorse e lasciamo che incuria e negligenza le trasformino in macerie e in diseconomie. Serve una efficace e tempestiva azione di coordinamento e di programmazione che sia vicina alle esigenze dei cittadini e delle imprese". Per Macrì e Imparato "è necessario ripensare il corretto utilizzo del suolo, investire in sicurezza e salvaguardia dall'erosione, definire piani pluriennali di intervento volti a mitigare gli effetti devastanti della natura sono solo le basi per poter poi affrontare successivamente il nodo dell'impiego della risorsa mare e delle coste come asset fondamentali della nostra offerta turistica. C'è la necessità di intervenire su urgenze che rischiano di compromettere la prossima stagione estiva, facendo perdere ulteriore attrattiva e competitività al turismo calabrese. Anche in Calabria stiamo ancora pagando duramente il pasticcio di una riforma monca che ha generato enti locali incapaci di governare il territorio e che si muovono (poco) nella inqualificabile confusione e rassegnazione della loro stessa inutilità. In questo senso è utile ripristinare un luogo di confronto ed un dialogo interistituzionale che metta nella giusta priorità azioni e programmi".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore