NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Fatta luce su duplice omicidio, 5 arresti della PS nella cosca Giampà Torcasio

     

    Fatta luce su duplice omicidio, 5 arresti della PS nella cosca Giampà Torcasio

    19 dic 16 La Polizia di Stato di Catanzaro ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di cinque esponenti delle cosche Giampà, Torcasio e Cerra, per il duplice omicidio di Pasquale Izzo e Giovanni Molinaro, uccisi nel 2000. Le vittime, al momento dell'agguato, si trovavano all'interno di un affollato bar di Lamezia Terme, e vennero uccise con numerosi colpi di pistola da un sicario poi fuggito su un'auto guidata da un complice. Dalle indagini condotte dalla squadra mobile di Catanzaro e dal Commissariato di Polizia di Lamezia Terme coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia, sarebbe emerso che il delitto venne deciso e programmato dai vertici della 'ndrangheta lametina, all'epoca composta da una sola cosca che riuniva le famiglie Giampà, Cerra e Torcasio per vendetta in quanto Izzo, appartenente alla contrapposta famiglia Cannizzaro della frazione Sambiase, era ritenuta coinvolta nel precedente omicidio di Giovanni Torcasio, già capo della omonima famiglia.

    Gli arrestati sono Aldo Notarianni, di 51 anni; Giovanni Notarianni detto "Gianluca" (45); Antonio Villella detto "Crozza" (40); Vincenzo Torcasio (36); Pasquale Gullo (45). Quest'ultimo è stato bloccato nella sua abitazione, mentre gli altri 4 erano già detenuti per associazione mafiosa e, Aldo Notarianni, anche per un altro omicidio.

    Fu deciso al termine di una serie di incontri tra gli affiliati più influenti della cosca Cerra-Torcasio-Giampà di Lamezia Terme - unita prima della scissione fra Torcasio e Giampà - l'omicidio di Pasquale Izzo, assassinato nel dicembre 2000 in un agguato nel quale morì anche Giovanni Molinaro che si trovava con lui. E' quanto emerso dalle indagini della polizia che stamani hanno portato all'arresto di cinque affiliati alla cosca con l'accusa di duplice omicidio aggravato dalle modalità e dalle finalità mafiose.

    Le indagini della squadra mobile di Catanzaro e del Commissariato di Lamezia Terme, coordinate dalla Dda diretta da Nicola Gratteri e dal procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri e dal pm Elio Romano, si sono avvalse delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Giuseppe Giampà, Angelo Torcasio, Pasquale Giampà, Pasquale Catroppa e Gioacchino Marco Macrina che sono state riscontrate, delineando la ricostruzione di quanto accaduto 16 anni fa. Secondo l'accusa, Nino Torcasio e Pasquale Giampà "Boccaccio", capi della cosca Cerra-Torcasio-Giampà prima della scissione, per vendicare l'assassinio del boss Giovanni Torcasio, ucciso nello scontro passato alle cronache come prima guerra di mafia di Lamezia Terme, dopo aver effettuato vari incontri con gli affiliati più rappresentativi della cosca, tra i quali Aldo Notarianni, Giuseppe Giampà, Giovanni Notarianni, Antonio Villella, Pasquale Gullo e Vincenzo Torcasio, decisero l'omicidio di Izzo, ritenuto affiliato all'avversa cosca Iannazzo, dando mandato per l'esecuzione a Aldo Notarianni, Maurizio Giampà, Giuseppe Giampà, Antonio Villella e Giovanni Notarianni detto "Gianluca". Aldo Notarianni, ritenuto l'esecutore materiale, e il defunto Maurizio Giampà, che avrebbe guidato l'auto usata per la fuga, il 6 dicembre 2000, dopo aver ricevuto l'arma da Giuseppe Giampà e l'auto da Antonio Villella, andarono nel bar dove era stata segnalata la presenza di Izzo. Notarianni, una volta dentro, sparò 4 colpi di revolver cal. 380 contro la vittima designata ed uno contro Molinaro che in si trovava insieme a Izzo, uccidendo entrambi. I sicari, subito dopo, raggiunsero il luogo designato per lo "scambio di macchina" dove sarebbero stati prelevati da Giovanni Notarianni, che dopo aver incendiato il veicolo utilizzato, li condusse lontano dal luogo del delitto.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità
Elezioni


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore