NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Gemmi e Tutino sorpresi dal clic indiscreto

       

       

      Gemmi e Tutino sorpresi dal clic indiscreto

      17 giu 24 Uno scatto rubato, magari innocuo, una chiacchierata tra buoni amici, che alla luce di quanto è accaduto si presta a molteplici interpretazioni. L'istantanea inviataci da un nostro lettore, datata 28 maggio, ritrae l'ex DS del Cosenza Calcio e il bomber, appena riscattato dai rossoblu, sotto casa. I due discutono, dialogano, magari su scambiano pareri sull'annata appena conclusa, può darsi, oppure guardano oltre. Nel senso che progettano, immaginano e strategicamente disegnano nuovi possibili percorsi. Fa un certo effetto, a distanza di poco tempo, mettere insieme tutti i fatti che si sono succeduti. Bhe, come diceva il buon Andreotti: a pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca. Malignità, letture distorte influenzate dal malumore, non è escluso, ma ci sta. Perchè il calcio non è altro che emozione e sentimenti. Ma lasciamo che i due continuino a chiacchierare mentre noi ci concentraimo su cose più serie: la campagna acquisti.

      Asta per Tutino

      La prima notizia guarda caso è l'interesse manifestato da più squadre per il nostro attaccante. Sono già in coda: Lecce, Empoli (guarda caso), Sampdoria, Salernitana e Sassuolo. Con buona pace del signor Giuffredi, toccherà al presidente Guarascio e al suo staff decidere a chi consegnare il bomber. A proposito di questa storia ci viene in mente un vecchio adagio popolare: non tutte le ciambelle riescono col buco.

      Chi sulla panchina?

      Proseguendo con le notizie sul capitolo allenatore. Chi siederà sulla panchina del Cosenza? Radio mercato al momento riferisce di un testa a testa tra il giovane Bocchetti e il navigato Breda, come anticipato da noi qualche giorno fa. E' probabile che la decisione definitiva verrà assunta tra mercoledì e giovedì. Ci sarà poi da pianificare la stagione con la scelta dei clalciatori che il giovane Del Vecchio e l'esperto Ursino riterranno funzionali per allestire una squadra che sappia interpretare con piglio e detrminazione il campionato che aprirà i battenti il prossimo 17 agosto. Non mezze calzette, c'è sta starne certi.

      Poco rispetto per Cosenza

      Intanto quella di Giuffridi è stata una entrata a piedi uniti a dir poco scomposta e decisamente arrogante che di considerazioni negative ne alimenta tantissime. Dall’offesa alla società per le sue ambizioni a finire alla piazza considerata come un ovile dove crescono pecoroni. Una situazione dettata, sembra, più dalla rabbia di aver perso “l’affare” che da considerazioni valide. Basta guardare lo stesso procuratore a Napoli con il caso Di Lorenzo. Stesso copione, stesso risultato.

      Avevano studiato una scorciatoia?

      Intanto l'ex DS è andato ad Empoli assieme al fido Perna. Lì probabilmente era destinato l’attaccante partenopeo. (al momento i siti specializzati danno Empoli al 28% e Lecce al 30%). La mossa di Guarascio ha sparigliato le carte e i progetti studiati, sembra, da tempo. Tant’è che per Tutino si è avviata un’asta al rialzo e la sua quotazione ora è salita a 4.5/5 milioni di euro.

      Pressing del Lecce

      Cinque sono quelli messi sul piatto da Corvino che vorrebbe portalo a Lecce. Serie A, ovviamente. Alle loro spalle tre club di B che punterebbero a vincere e cioè Sampdoria, Salernitana e Sassuolo. Diciamo che qualcuno ha provato a tracciare furbamente una strada più corta per raggiungere l'obiettivo. Altro che.

      Il caso Viali

      Nel quadro che stiamo dipingendo, però, ci manca un terzo soggetto. Quel Viali che va ad allenare la Reggiana con un contratto annuale con opzione per il rinnovo nell’anno successivo. Ma come? A Cosenza aveva ottenuto un biennale e lascia per un contratto annuale? Qualcosa non torna. Peggio. La pezza a colore messa con la dichiarazione dell'ex tecnico/ballerino tra Cosenza e il resto del mondo non convince.

      Il giallo Meroni

      Di più. Sembra che quel Meroni tenuto da parte per tanto tempo con la scusa del rinnovo sia pronto a partire per seguire, pare, chi lo frenava. Allora il disegno era davvero più grande? E' stato usato come turbativa? I conti anche qui non tornano. O almeno tornano per la società del Cosenza Calcio, non per chi sta provando a delegittimarla e lasciarla con le gomme a terra. Vedremo le mosse dei prossimi giorni. Fare due conti sugli sviluppi, poi, sveleranno piani e comparanze che stanno mettendo a nudo una strategia ben studiata.

      Il ruolo dei procuratori

      Se tanto mi dà tanto bisognerà fare una profonda considerazione sul ruolo dei procuratori che stanno guastando, a nostro modesto avviso, il mondo del calcio. L’ultimo esempio parla della vicenda Ibra/Milan che ha sbattuto in faccia la porta a chi, su un contratto da 40 milioni pretendeva un “appannaggio” di ben 15 milioni. Altro che stagione finita e contratto che scade a febbraio, marzo, aprile, maggio 2026, 2027, 2028, 2039, 2040 ecc ecc ... il giocatore i soldi li vale oggi. Tra due anni chissà.

      ę RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Calcio"

     

     
Pubblicità

Calendario Serie B 2023/2024


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

- Calendario Serie B 2023/2024

 

Copyright © 2003-2024 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito