NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtità . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Il Crotone spreca l'impossibile e si accontenta del pari

     

    Il Crotone spreca l'impossibile e si accontenta del pari

    05 mar 17 Non è annata fortunata per il Crotone fermato da un Sassuolo ordinato e dal palo colpito nel finale di gara da Ferrari ad un metro dalla porta. Così Crotone e Sassuolo si dividono la posta al termine di una gara senza emozioni. Ne escono male i rossoblu che accorciano solo di un punto le distanze dall'Empoli, sprecando un'altra occasione per riaprire il suo campionato. Si comincia in uno stadio Scida silenzioso per la protesta dei tifosi di casa che per i primi dieci minuti tengono ammainate le bandiere e muti i tamburi. Nicola mette in campo a sorpresa Nwankwo Simy per la prima volta dall'inizio. Resta fuori Acosty. Problemi di organico invece per Di Francesco senza Cannavaro, Pellegrini e Defrel; dal primo minuto c'è Mazzitelli al posto dell'annunciato Aquilani. Parte forte il Crotone che nei primi venti minuti domina. Il pressing alto mette in difficoltà gli uomini di Di Francesco che subiscono. La presenza di Simy al centro dell'attacco di casa permette di conquistare ampiezza e aprire spazi nella difesa del Sassuolo. Al 14' ne approfitta Falcinelli che si invola sulla destra e una volta entrato in area fa partire un diagonale che però si spegne sul fondo. Due minuti dopo è Rosi a sbagliare sottoporta un facile pallone spizzato di testa da Simy. La determinazione del Crotone si affievolisce, ma il Sassuolo non riesce a creare pericolo. Ci pensa le difesa di casa a dare a Matri l'opportunità di segnare quando al 21' Ferrari, complice anche il forte vento, lascia scorrere la palla verso Cordaz; Matri si avventa sulla palla ma è bravo l'estremo del Crotone a deviare. La gara è combattuta ma le due squadre non riescono a sfondare. Nel finale di tempo occasione ghiotta per Politano libero di colpire di testa a centro area, ma ancora una volta Cordaz si oppone. Ripresa scialba. Il Sassuolo chiude gli spazi ed il Crotone, nel quale Rodhen e Stoian spariscono dal radar, non riesce a costruire nulla. Il Sassuolo va di rimessa con il solo Politano a svariare e impegnare Martella sulla fascia. Inconsistente nel Sassuolo la prova del calabrese Berardi davanti a tanti suoi concittadini. La squadra di casa deve spingere di più per cercare di vincere ma le sue azioni non impensieriscono Consigli. Al 15' Trotta, da poco entrato al posto di Simy, tira da buona posizione ma debolmente. Le occasioni più ghiotte arrivano intorno alla mezz'ora: al 32' Trotta ci prova ancora e stavolta Consigli deve impegnarsi in tuffo per evitare il gol. Un minuto dopo Ferrari da pochi metri colpisce di testa su angolo e manda la palla a stamparsi sul palo. Finisce senza reti, primo punto dopo cinque sconfitte per il Crotone che lascia amarezza. Per Di Francesco, arrivato con una squadra decimata, invece un punto guadagnato.

    Crotone-Sassuolo 0-0

    Crotone (4-3-2-1): Cordaz 6,5; Rosi 6, Ferrari 6,5, Ceccherini 6,5, Martella 6; Rodhen 6 (26' st Acosty 6), Capezzi 6,5, Crisetig 6; Nwankwo 6 (14' st Trotta 5,5), Stoian 5,5; Falcinelli 6 (5 Festa, 33 Viscovo, 23 Dussenne, 6 Cuomo, 31 Sampirisi, 15 Mesbah, 18 Barberis, 42 Sulijic, 9 Nalini, 20 Kotnik). All. Nicola 6.
    Sassuolo (4-3-3): Consigli 6; Gazzola 5,5, Acerbi 6,5, Peluso 6, Dell'Orco 6,5; Missiroli 6 (19' st Aquilani 6), Mazzitelli 6, Duncan 6; Berardi 5,5 (26' st Ragusa 6) Matri 5,5 (36' st Iemmello 5), Politano 6,5 (79 Pegolo, 1 Pomini, 98 Adiapong, 27 Ricci, 55 Letschert). All. Di Francesco 6 Arbitro: Fabbri 6.
    Angoli: 9 a 8 per il Sassuolo.
    Recupero: 2' e 3'.
    Ammoniti: Rosi, Ceccherini, Martella, Gazzola per gioco falloso.

    "Mi tengo questo punto perché serve a dimostrare la nostra qualità e la voglia di crederci fino all'ultimo". Nel giorno del suo 44esimo compleanno, Davide Nicola esce dagli spogliatoi con l'amaro in bocca per l'ennesima occasione sciupata, ma anche più sorridente del solito visto che dopo cinque sconfitte consecutive è arrivato un punto. "Abbiamo giocato una buona gara, anche stavolta ho sentito critiche positive nei nostri confronti per aver messo in difficoltà pure il Sassuolo. Continuo a non accorgermi della differenza di punti tra noi e le altre squadre. La vittoria ci è sfuggita per una questione di centimetri, per quel palo colpito da Ferrari e per un fuorigioco che per me non c'era, chiamato a Trotta su una ripartenza". Nicola si sofferma poi sulle prove di Simy e Trotta: "Simy in settimana aveva fatto bene ed era molto motivato, so che dal punto di vista tattico può essere utile. Per quanto riguarda i fischi a Trotta, Marcello deve fregarsene. Questo non è un centro sociale, fa parte del nostro lavoro essere contestati, lui deve essere capace di esprimere le proprie capacità e dimostrare che può fare di più". Non è contento della propria squadra Eusebio Di Francesco. "Non era il mio obiettivo - dice - fare solo un punto, ma per come è andata ci lo prendiamo. Abbiamo giocato male, sono più contento della prova nelle gare che abbiamo perso che di quella di oggi. Siamo stati molto penalizzati dal vento nel primo tempo e non abbiamo saputo giocare palla a terra". Il tecnico del Sassuolo parla poi della prova di Berardi: "Domenico ha bisogno di fiducia, veniva da una gara nervosa contro il Milan e poi il vento forte non lo ha aiutato"

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- > Guarda l'indice delle notizie su: "Calcio"

     

     
Pubblicità

 

Video

Foto

 


    Facebook
 Ultime
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtità . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore