NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Loizzo: Creare opportunità per donne lavoratrici, no a parate

       

       

      Loizzo: Creare opportunità per donne lavoratrici, no a parate

      07 mar 22 “Il tasso di occupazione delle donne in Italia è in diminuzione e ancora di più nel mezzogiorno”. Lo afferma Simona Loizzo, capogruppo della Lega in consiglio regionale. “Bassa è la percentuale di donne dirigenti sia nella pubblica amministrazione - continua Loizzo - e nelle imprese private, a conferma che i percorsi di valorizzazione del merito hanno subito una contrazione ulteriore negli ultimi anni. Non vogliamo celebrazioni di parata - continua Loizzo - né rivendicazioni di un neo femminismo ma solo riflettere sulle differenze esistenti. È aumentata la presenza femminile nelle assemblee regionali e locali - dice l'esponente leghista - ma solo per effetto di specifiche leggi. La realtà che proviene anche dal mondo accademico parla di una politica di genere che non ha sortito effetti. Sono donne che lavorano, e molto, anche le casalinghe, spesso facenti parte di nuclei monoreddito, senza alcuna protezione sociale. Mi pare di poter dire che non bastano osservatori e comitati paritetici-continua la capogruppo della Lega - ma serve una svolta culturale, oltre a un'attenzione legislativa che guardi, per esempio, alle madri, ai bisogni di nuovi asili nido. La meritocrazia-conclude Loizzo - è l'unica arma possibile per ridurre le disuguaglianze e creare una società dinamica che offra a tutti gli stessi diritti”.

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito