NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Confapi Aniem: Con stop a superbonus in Calabria rischio default imprese

       

       

      Confapi Aniem: Con stop a superbonus in Calabria rischio default imprese

      18 giu 22 "In Calabria, a fine 2021, il settore edile è cresciuto fino a toccare quasi quota 20 mila aziende, in aumento sia sul 2020 (+3,2%), sia rispetto all'ultimo anno pre-Covid, il 2019 (+4,4%) e posizionandosi al terzo posto in Italia per tasso di crescita. Nonostante questi dati c'è un rischio default. Potrà sembrare un paradosso e forse lo è, ma mentre un tempo si falliva per debiti, oggi si fallisce per 'crediti'. Abbiamo i cassetti fiscali pieni di crediti, che nessuno acquista. È come avere in mano assegni a firma della Repubblica Italiana ma che di fatto sono assegni a vuoto". E' quanto afferma, in una nota, Antonio Falbo, presidente regionale di Confapi Aniem che associa piccole e medie imprese edili. "Il 3 maggio scorso a Bruxelles, Mario Draghi a proposito del Superbonus (non presente in Spagna, Francia, Germania) ha parlato - aggiunge Falbo - di 'prezzi triplicati per l'inesistenza della contrattazione in virtù di un lavoro che non viene di fatto pagato'. In realtà esistono alcuni aspetti che determinano l'inefficienza del provvedimento: il prezziario regionale che viene applicato non è fatto dalle imprese; i prezzi sono aumentati in tutta Europa per i costi delle materie prime, la crisi energetica causata dalla guerra in Ucraina e le conseguenze economiche causate deal lockdown e dalla post pandemia. Se oggi non si trovano più ponteggi è perché tutte le imprese edili li richiedono contemporaneamente per ultimare i lavori secondo rigide scadenze e questo comporta un aumento di richieste e di prezzi".. "In meno di due anni - prosegue il presidente di Confapi Aniem - sono state sedici le modifiche mentre le regole sulla cessione dei crediti dei bonus edilizi sono cambiate quattro volte da novembre. Un caos normativo che ha messo in ginocchio tutto il settore delle costruzioni. Da novembre, infatti, è stata limitata la circolazione delle agevolazioni fiscali concesse attraverso il bonus e gli altri incentivi all'edilizia"- ha dichiarato, Francesco Napoli, presidente regionale Confapi Calabria. Le nostre propoets sono: ripristino immediato del principio della non retroattività delle norme: se quando si iniziano i lavori vigeva la norma per cui i crediti potevo cederli a chiunque e più volte, così dovrà continuare ad essere; eliminazione di tutte le scadenze e obbligo per gli enti pubblici, quali Poste Italiane, Cassa depositi e prestiti, di pagare immediatamente i crediti presenti nei cassetti fiscali delle imprese edili".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito