NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Usb "A San Ferdinanso inutile show di propaganda salviniana"

       

       

      Usb "A San Ferdinanso inutile show di propaganda salviniana"

      06 mar 19 "Il gran giorno dello sgombero della baraccopoli di San Ferdinando è arrivato. Presto sarà un giorno come tanti altri: non avrà prodotto soluzioni credibili né stabili, però sarà servito ad allestire il grande circo con centinaia di agenti, ruspe, vigili del fuoco, decine e decine di operatori, fotografi e giornalisti, utile soltanto per le esigenze della propaganda salviniana". Lo affermano, in una nota, il Coordinamento Lavoro Agricolo Usb e la federazione calabrese Usb. "Tra qualche giorno - prosegue la nota - ogni cosa sarà dimenticata, le baracche potrebbero tornare a sorgere sui resti della vecchia tendopoli o nei dintorni mentre i braccianti riprenderanno la loro battaglia quotidiana nell'indifferenza generale. L'Usb si batte da anni insieme ai lavoratori agricoli della Piana di Gioia Tauro affinché venga intrapresa la strada dell'inserimento abitativo diffuso, con il riutilizzo del cospicuo patrimonio di case vuote e/o abbandonate. Una soluzione sulla quale era stato trovato un punto d'incontro e di trattativa con le istituzioni locali, ma che Salvini ha deciso di spazzare via a colpi di ruspa. Usb ribadisce il no a situazioni che nulla hanno di umano ma si oppone a operazioni che non risolvono i problemi e li spostano nello spazio e nel tempo. Oggi a San Ferdinando non è stato posto un rimedio allo sfruttamento dei lavoratori, molti dei quali non se ne vogliono andare perché attendono ancora di essere pagati, non c'è stata nessuna risposta alla richiesta di diritti e dignità, ma solo un'inutile esibizione muscolare". "Usb - conclude la nota - non accetta la negazione dello status di lavoratori ai braccianti, costretti a subire l'ennesima scelta emergenziale, mandati in strutture d'accoglienza come se fossero profughi e non lavoratori che hanno contribuito e contribuiscono all'economia agricola. Usb non accetta di veder continuare a spendere soldi pubblici per 'non soluzioni' e ribadisce il proprio impegno per la prosecuzione sull'unica strada percorribile: l'inserimento abitativo diffuso. A tale scopo a breve torneremo a incontrare il presidente della Regione Calabria, insieme al Comitato per il riutilizzo delle case vuote nella Piana di Gioia Tauro".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Politica"

     

     
Pubblicità


Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito