NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Avvocati arrestati a Catanzaro, gip dispone i domiciliari per entrambi

       

       

      Avvocati arrestati a Catanzaro, gip dispone i domiciliari per entrambi

      21 ott 23 Il gip di Catanzaro Chiara Esposito ha disposto la scarcerazione dell'avvocato Pierpaolo Greco disponendo i domiciliari, stessa misura adottata per l'avvocato Pasquale Barbieri - che già era sottoposto alla stessa misura - entrambi arrestati in flagranza di reato giovedì scorso dalla Guardia di finanza per concussione. Si è così conclusa l'udienza di convalida nel corso della quale i due legali hanno risposto al gip. Greco, in particolare, ha proclamato la sua innocenza dicendosi estraneo ai fatti contestati.

      La decisione dopo che i due avvocati hanno risposto all'interrogatorio di garanzia davanti al gip di Catanzaro Chiara Esposito. Sia l'avvocato Pierpaolo Greco, di 48 anni, curatore fallimentare della fondazione Betania di Catanzaro, difeso dall'avvocato Francesco Iacopino, che l'avvocato Pasquale Barbieri (66), difeso dall'avvocato Valerio Murgano, hanno fornito la propria versione dei fatti. Gli stessi avevano avuto modo di parlare con il magistrato titolare delle indagini subito dopo l'arresto da parte della Guardia di finanza che ha condotto Greco in carcere e Barbieri ai domiciliari. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, viene addebitata ai due indagati l'illecita richiesta della cifra di 50mila euro al presidente della società palermitana Karol spa, l'avvocato Marco Zummo, per "fluidificare" un accordo che consentisse a Karol di continuare a gestire gli asset di Betania per i quali esisteva già un accordo che era in corso di rinegoziazione a seguito del fallimento della fondazione catanzarese. In particolare, secondo l'accusa, Barbieri avrebbe avanzato la proposta a Zummo per conto di Greco. Le indagini sono scattate nel momento in cui Zummo ha denunciato il fatto alla Guardia di finanza di Catanzaro che ha monitorato i movimenti dei due avvocati. Gli investigatori avrebbero monitorato Barbieri mentre riceveva una prima tranche di 25mila euro. L'arresto, invece, è scattato nel momento in cui Barbieri consegnava parte del denaro, 10mila euro, a Greco. Infine, nello studio dell'avvocato Barbieri è stata trovata la rimanente somma di 15mila euro. Il gip si è riservato 48 ore di tempo per valutare le ipotesi accusatorie e difensive e decidere sulla convalida e su eventuali provvedimenti.

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito