NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Nessuna carenza di grano per la pasta, in Italia si fa col grano duro

       

       

      Nessuna carenza di grano per la pasta, in Italia si fa col grano duro

      19 mar 22 La guerra in Ucraina non avrà effetti sulla produzione di pasta. A metterlo in chiaro è Filippo De Cecco, a capo di una delle più grandi aziende alimentari italiane. Intervistato da 'Il Sole 24 Ore' dichiara che, "no", non ci sarà un problema di carenza di materie prime per il settore. "Si è fatta un po' di confusione", dice l'imprenditore. "Russia e Ucraina sono grandi produttori di grano tenero, che è la materia prima di pane, biscotti e prodotti da forno. Per la pasta - spiega De Cecco - serve obbligatoriamente il grano duro che rappresenterà il 10 forse il 20% massimo del raccolto di Russia e Ucraina". L'industria italiana della pasta non si troverà di fronte ad una carenza di grano dato che "ha bisogno in media di 60 milioni di quintali l'anno. Ne produciamo in media 40 milioni. Un terzo lo compriamo all'estero", spiega l'imprenditore. "Le fake news hanno fatto ripartire gli aumenti di prezzo", denuncia il produttore. L'attuale spirale di rialzi, in realtà, "dura dalla scorsa estate" ed cominciata con la carenza del raccolto canadese "per difficoltà climatiche", spiega De Cecco. Così "si è innescata una spirale di aumenti dei listini che ha portato il prezzo del grano duro dai 30 euro al quintale fino a oltre la soglia dei 50 euro".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito