NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Operazione Gdf/Dia Reggio: 12 arresti, sequestri, coinvolto ex calciatore

       

       

      Operazione Gdf/Dia Reggio: 12 arresti, sequestri, coinvolto ex calciatore

      26 lug 22 Dodici persone, tra cui presunti affiliati alla 'ndrangheta ed imprenditori collusi, sono state arrestate a Reggio Calabria nel corso di un'operazione condotta dalla Dia e dalla Guardia di Finanza su direttive della Direzione distrettuale antimafia, diretta da Giovanni Bombardieri. L'operazione, denominata "Planning", ha consentito di sgominare un'associazione criminale che avrebbe visto alleati imprenditori e famiglie di 'ndrangheta finalizzata all'infiltrazione di alcune cosche nel settore edile e nella grande distribuzione alimentare. Arresti e perquisizioni, nell'ambito dell'operazione, anche in Lombardia, Abruzzo e Lazio. L'infiltrazione delle cosche nel settore edile e nella grande distribuzione alimentare sarebbe avvenuta, secondo quanto è emerso dalle indagini, attraverso la compartecipazione occulta di loro esponenti alle iniziative economiche gestite ed organizzate tramite imprese fittiziamente intestate a terzi, ma anche attraverso l'affidamento di servizi e forniture ad imprenditori espressione dell'associazione criminale. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip distrettuale su richiesta della Dda. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa e concorso esterno nello stesso reato, oltre che di associazione per delinquere, impiego di denaro di provenienza illecita, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di valori, reati tutti aggravati dalle modalità mafiose. Al centro dell'inchiesta la cosca di 'ndrangheta dei De Stefano ed i suoi rapporti e cointeressenze economiche con alcuni imprenditori di Reggio Calabria. Otto delle 12 persone coinvolte nell'operazione sono finite in carcere, mentre per le restanti quattro sono stati disposti gli arresti domiciliari.

      Sequestrati beni per 32 milioni di euro

      Beni mobili ed immobili per un valore di oltre 32 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Dia e dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria nell'ambito dell'operazione "Planning" che ha portato all'arresto di 12 persone tra presunti affiliati alla 'ndrangheta ed imprenditori, che avrebbero stretto un'alleanza tra loro per gestire "affari", in particolare nei settori dell'edilizia e della grande distribuzione alimentare. I beni sequestrati consistono, in particolare, in 27 imprese, di cui una con sede in Slovenia e un'altra in Romania, 31 unità immobiliari e varie quote societarie e disponibilità finanziarie. L'Inchiesta che ha portato ai 12 arresti ed al sequestro dei beni è stata condotta dai sostituti procuratori della Dda di Reggio Calabria Stefano Musolino e Walter Ignazitto.

      Tra gli indagati l'ex calciatore Cozza

      Tra gli indagati dell'operazione "Planning", condotta dalla Dia e dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria, c'è anche l'ex calciatore della Reggina Francesco Cozza, di 48 anni. La Dda di Reggio Calabria ipotizza a suo carico il reato di associazione per delinquere, aggravata dal favoreggiamento alla criminalità organizzata. Secondo il Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri e i sostituti della Dda Stefano Musolino e Walter Ignazitto, Cozza sarebbe stato uno dei partecipi al sodalizio criminale finalizzato "alla commissione di una pluralità di delitti di trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e autoriciclaggio". L'ex calciatore, attraverso la società "Business Group", sarebbe coinvolto, in particolare, negli illeciti che avrebbero riguardato la realizzazione di alcuni centri commerciali in Abruzzo. Tra le 12 persone arrestate nell'ambito dell'operazione c'è anche l'ex consigliere comunale di Reggio Calabria Domenico Giovanni Suraci, di 54 anni, detto "Dominique". A suo carico il gip Antonino Foti ha disposto la custodia cautelare in carcere, così come per gli imprenditori Francesco Armeni, di 68 anni, Andrea Chilà, di 57, Domenico Gallo, di 66, Giampiero Gangemi, di 53, Sergio Gangemi, di 48, Fortunato Martino, di 59, e Antonino Mordà, di 53. Gli arresti domiciliari sono stati disposti, invece, per gli imprenditori Gaetano Coppola, di 83 anni, Roberto Di Giambattista, di 65, Vincenzo Lo Giudice, di 60, e Giuseppe Antonio Milasi, di 53.

      Tra arrestati anche ex consigliere comun ale

      Tra gli indagati dell'operazione "Planning", condotta dalla Dia e dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria, c'è anche l'ex calciatore della Reggina Francesco Cozza, di 48 anni. La Dda di Reggio Calabria ipotizza a suo carico il reato di associazione per delinquere, aggravata dal favoreggiamento alla criminalità organizzata. Secondo il Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri e i sostituti della Dda Stefano Musolino e Walter Ignazitto, Cozza sarebbe stato uno dei partecipi al sodalizio criminale finalizzato "alla commissione di una pluralità di delitti di trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e autoriciclaggio". L'ex calciatore, attraverso la società "Business Group", sarebbe coinvolto, in particolare, negli illeciti che avrebbero riguardato la realizzazione di alcuni centri commerciali in Abruzzo. Tra le 12 persone arrestate nell'ambito dell'operazione c'è anche l'ex consigliere comunale di Reggio Calabria Domenico Giovanni Suraci, di 54 anni, detto "Dominique". A suo carico il gip Antonino Foti ha disposto la custodia cautelare in carcere, così come per gli imprenditori Francesco Armeni, di 68 anni, Andrea Chilà, di 57, Domenico Gallo, di 66, Giampiero Gangemi, di 53, Sergio Gangemi, di 48, Fortunato Martino, di 59, e Antonino Mordà, di 53. Gli arresti domiciliari sono stati disposti, invece, per gli imprenditori Gaetano Coppola, di 83 anni, Roberto Di Giambattista, di 65, Vincenzo Lo Giudice, di 60, e Giuseppe Antonio Milasi, di 53.

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Giovanni Folino
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito