NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Sorical: Diga del Menta ha ottenuto collaudo finale

       

       

      Sorical: Diga del Menta ha ottenuto collaudo finale

      20 apr 21 La diga del Menta ha superato tutte le verifiche tecniche-funzionali disposte dalla Commissione di collaudo e ha ottenuto il collaudo finale dal Ministero delle Infrastrutture, della Mobilità Sostenibili. Lo rende noto la Sorical. "L'importante traguardo - è scritto in una nota - è stato celebrato oggi dai commissari della Sorical, Mario Ferri e Cataldo Calabretta, con un evento web organizzato da Sorical, la Regione, rappresentata dall'assessore all'Ambiente Sergio De Caprio, dal Ministero delle Infrastrutture Mobilità Sostenibili". "La gestione della diga del Menta - ha sottolineato la dirigente del ministero, Angela Catalano, di recente nominata dal Governo Draghi commissario di tutti gli interventi sulle Infrastrutture idriche - è il classico esempio di come le cose debbano funzionare, gestore, ministero e mondo accademico. Bisogna raccontare quello che facciamo nel controllo delle infrastrutture". La diga del Menta, costruita in materiali sciolti, lunga 450 metri, alta 90 metri con volume di invaso di 19 milioni di metri cubi d'acqua, prosegue la nota, "rientra tra le grandi opere idropotabili della Calabria, costruita nel cuore dell'Aspromonte, in un'area incontaminata e interessata da abbondanti piogge è nata per soddisfare il fabbisogno idrico della città di Reggio Calabria. Inserito nel piano di sviluppo infrastrutturale delle Cassa per il Mezzogiorno, l'iter per la progettazione risale al 1968, solo nel 1978 è stato presentato il progetto di massima e nel 1985 sono iniziati aperti i cantieri. Dopo 15 anni, nel 2000, lo sbarramento è stato completato, il cantiere per 4 mesi ogni anno è stato fermato per le impervie condizioni meteo. Nel 2006 Sorical subentra alla Regione per il completamento delle opere di derivazione, condotte e impianto di potabilizzazione". "Di questa diga sapevamo poco - ha detto Sergio De Marco - Sorical ha raccolto e riordinato criticamente le informazioni e implementato la rete di controllo, creando le condizioni affinché ci fosse il riempimento del lago, prime che venissero realizzate le opere a valle, sull'utilizzo ai fini idropotabili". Solo con la costruzione della galleria di derivazione e delle opere di presa è stato possibile invasare il lago e procedere all'avvio della fase sperimentale. Nel 2017 il completamento dell'opera. A novembre 2018 l'inizio dell'utilizzo idropotabile per la città di Reggio Calabria. "La fase degli invasi sperimentali, che comunque non preclude in alcun modo la possibilità di poter utilizzare la risorsa idrica - ha ricordato Andrea Fiorino, Responsabile del Settore Dighe della Sorical - prevede il riempimento dell'invaso per step successivi autorizzati man mano dal Ministero a seguito della verifica di regolare comportamento dell'opera di sbarramento e, ovviamente, influenzato dalla quantità di piogge". Per giungere al collaudo finale, le attività di monitoraggio sono iniziate nel 2010 con l'avvio del riempimento parziale dell'invaso. "Il comportamento della diga - ha spiegato Fiorino - viene effettuato attraverso un costante monitoraggio del sistema di controllo: 65 strumenti di misura, manuali e automatici, convogliati da centraline elettroniche le cui informazioni confluiscono ad un server centrale. I dati vengono elaborati ed analizzati dai tecnici della Sorical e mensilmente trasmessi al ministero delle Infrastrutture". Per il commissario della Sorical Cataldo Calabretta, "la diga del Menta è un patrimonio infrastrutturale che Sorical consegna alle future generazioni. Con il collaudo finale le competenze acquisite da Sorical nel campo della gestione delle dighe sono comprovate. Delle 24 dighe calabresi, tante aspettano ancora di essere collaudate. La Regione deve impegnarsi al riordino del settore idrico sia idropotabile che agricolo e per farlo Sorical mette a disposizione le professionalità che in questi anni si sono formate sul campo. Questa azienda nei prossimi anni dovrà essere una palestra per formare nuovi ingegneri, geometri ed esperti del servizio idrico. Una nuova generazione di tecnici per valorizzare il patrimonio infrastrutturale della Calabria".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Giovanni Folino
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito