NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Anziano scomparso da Lappano, vittima di giro di prostitute, arrestata donna a Cosenza

       

       

      Anziano scomparso da Lappano, vittima di giro di prostitute, arrestata donna a Cosenza

      09 ott 20 Questa mattina all'alba, la Squadra Mobile della Questura di Cosenza ha arrestato Angelica Melania Serban, di 33 anni, pregiudicata di nazionalità romena, accusata di avere prima rapinato e poi ucciso un uomo, Damiano Oriolo. Le indagini della magistratura e della Polizia di Stato, infatti, hanno fatto luce sull'omicidio del pensionato, sparito misteriosamente. L'uomo, di Lappano, dove viveva con la moglie, era scomparso misteriosamente il 6 aprile 2017 allorquando, verso le 13 di quel giorno erra uscito da casa con la propria auto, una Opel Astra Station Wagon grigia. Alla moglie disse che usciva per fare degli acquisti. Ma dopo numerose chiamate al cellulare della consorte nessuna risposta. Verso le 19:30 dello stesso giorno, però, ha risposto alla nuora, con cui aveva un appuntamento, dicendo che non conosceva il posto in cui si trovasse per poi interrompere bruscamente la telefonata. Da quel momento si sono perse le sue tracce. Tre giorni dopo, il 9 aprile, la sua auto fu ritrovata vicino San Fili lungo la strada vecchia della crocetta ma di lui nessuna traccia. Solo alcuni effetti personali. Da allora il corpo del pensionato non è stato mai trovato. Oggi, dopo le indagini della Squadra Mobile, è venuta a galla la verità.

      Attratto in una trappola dalla donna

      Il pensionato fu attirato in una trappola dalla Serban, che si sarebbe avvalsa della collaborazione di alcuni complici, e l'auto di Oriolo fu trovata con ancora le chiavi inserite nel quadro. Nell'abitacolo c'erano la dentiera, una scarpa, un paio di pantaloni, gli occhiali da vista e una scheda sim appartenenti ad Oriolo. A darne noptizia in conferenza stampa Marialuigia d'Andrea, il pm della Procura di Cosenza titolare dell'inchiesta sulla scomparsa del pensionato - fu narcotizzato mentre si trovava ancora nella sua auto. Infatti abbiamo trovato tracce biologiche sulla sua dentiera. Presumibilmente fu rapinato ed ucciso, oltre che dalla Serban, da altre persone non ancora identificate". Non é escluso che il corpo di Oriolo sia stato divorato da animali selvatici. La zona in cui é avvenuto il fatto ne é infestata.

      Un giro di prostituzione

      L'ipotesi che viene fatta da magistrati ed investigatori é che il pensionato sia stato adescato da un gruppo criminale che avvicinava anziani con la promessa di prestazioni sessuali per poi derubarli. "La struttura associativa che potrebbe celarsi dietro questa triste vicenda - ha spiegato il Procuratore della Repubblica, Mario Spagnuolo - ha sede a Cosenza, ma temiamo sia ramificata su un territorio ben più vasto di quello cittadino perché c'è una domanda di persone anziane e sole immalinconite dall'età e che vogliono lenire la propria solitudine con questi rapporti di mercimonio". Angelica Melania Serban è stata fermata la scorsa notte dopo che era appena uscita dal carcere di Reggio Calabria, dove era detenuta per furto. Secondo gli investigatori era pronta a scappare in Romania. Le indagini che hanno portato al fermo della donna si fondano su svariate intercettazioni sia telefoniche che ambientali, alcune delle quali effettuate in Romania. "Quello che abbiamo accertato - ha detto il dirigente della Squadra mobile di Cosenza, Fabio Catalano - è anche una situazione di estremo degrado sociale. Le prostitute circuiscono persone fragili, le ingannano e poi le depredano. Riteniamo che quello che riguarda Oriolo non sia l'unico episodio di questo tipo. Per questo continuiamo ad indagare".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito