NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Gli asintomaci diffondono il coronavirus, a Vò Euganeo la prova

       

       

      Gli asintomaci diffondono il coronavirus, a Vò Euganeo la prova

      22 giu 20 Che gli asintomatici diffondano il coronavirus è provato da studi scientifici condotti a Vo' Euganeo e, d'altronde, "in moltissime malattie sono più infettivi dei sintomatici", come per morbillo e tubercolosi. A fare chiarezza su un tema che vede prese di posizioni diverse anche tra gli esperti, è Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina molecolare e virologica dell'Università di Padova, intervenuto durante la trasmissione Agorà, su Rai 3. "Dall'indagine sierologica condotta a Vo' Euganeo, si è visto che c'erano 150 persone infette al 22 febbraio. Se è vero che il virus vi è entrato nella terza settimana di gennaio, come è possibile che nessuno sia andato in ospedale fino al 20 febbraio? Come è stato trasmesso se non da chi non aveva sintomi?". D'altronde, "per morbillo e varicella, gli asintomatici sono molto più infettivi dei sintomatici. E anche la trasmissione della tubercolosi nell'80% dei casi è fatta da asintomatici. Anche perché, se una persona sta male e sta a letto, ha meno possibilità di incontrare altri e trasmettere la malattia".

      ę RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca"

     

     
Pubblicità


news Oggi in Italia e nel mondo

news Oggi in Calabria

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito