NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      A Vibo inziative sulla legalità dei CC nelle scuole

       

       

      A Vibo inziative sulla legalità dei CC nelle scuole

      19 apr 19 La scuola e l'Arma dei Carabinieri camminano a braccetto a Vibo Valentia per diffondere la cultura della legalità laddove il rischio della pervasività criminale è più elevato. Ed ogni occasione diviene spunto per indirizzare gli studenti lungo la retta via. Lungo questo solco, gli allievi dell'Istituto Comprensivo "Don Bosco" di Vibo, guidati dalla dirigente scolastica Domenica Cacciatore, hanno messo in scena una rappresentazione teatrale sul tema della legalità a 360 gradi. Gli studenti hanno portato sulla scena un dialogo tratto da "Pinocchio", che mette in stretta connessione legalità ed educazione al rispetto delle regole sin dall'età preadolescenziale. La rappresentazione è giunta a conclusione di un percorso che ha visto i piccoli impegnati con i carabinieri, di concerto con il comandante della Compagnia Gianfranco Pino. Alla manifestazione hanno preso parte anche il gen. Vincenzo Paticchio, comandante della Legione carabinieri Calabria e il comandante provinciale Gianfilippo Magro. La cerimonia è giunta all'indomani dei funerali del maresciallo Vincenzo Di Gennaro, ucciso da un pregiudicato in Puglia ed ha consentito di omaggiare il lavoro quotidiano dei carabinieri in un territorio difficile come quello vibonese. Un percorso che i militari dell'Arma hanno gradito non poco, considerata la sensibilità verso l'educazione all'etica ed alla legalità nelle scuole. Non a caso sono state più di 50 le conferenze tenute nelle scuole dai carabinieri nella provincia di Vibo. Il generale Paticchio ha tenuto a sottolineare come "la nostra presenza voglia testimoniare il calore e l'affetto che ogni giorno l'Arma riceve dai cittadini. Ma l'aspetto fondamentale - ha precisato - è ricordare a noi adulti che siamo stati bambini e che abbiamo tanto da imparare da loro. La città è sempre stata vicina all'Arma e la rosa ricevuta da un anonimo è stata la manifestazione di questo sentimento. Ringrazio quindi la persona sconosciuta che sicuramente per pudore non ha voluto rivelare la propria identità. Il nostro compito è di vivere il territorio nella sua realtà attraverso le necessità della gente, dando vicinanza e sostegno ai cittadini. E' la semplicità che deve contraddistinguere l'Arma dei Carabinieri, in Calabria impegnata, generosa, fatta di seri professionisti che danno il loro meglio nel quotidiano". Parole toccanti anche quelle della dirigente scolastica che si è soffermata su un caso di cyberbullismo ribattezzato come cyberfaida. Una vicenda brillantemente risolta dalla scuola in sinergia con i carabinieri. "Bisogna instillare negli studenti sin da piccoli - ha concluso la dirigente Cacciatore - i concetti di rispetto e senso del dovere".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito