NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . AreaUrbana . Video . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

      Aste giudiziarie truccate, 12 arresti della Gdf di Lamezia

       

       

      Aste giudiziarie truccate, 12 arresti della Gdf di Lamezia

      06 apr 19 E' in corso un'operazione della Guardia di finanza di Lamezia Terme diretta dalla Procura della Repubblica che ha consentito di smantellare un presunto sistema di condizionamento delle aste giudiziarie. Sono stati eseguiti 12 arresti e nove misure interdittive. Dall'inchiesta coordinata dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio, sarebbe emersa una serie di turbata libertà degli incanti al fine di condizionare l'esito delle aste giudiziarie. Tra le persone nei confronti delle quali sono state eseguite le misure cautelari ci sono, secondo quanto si é appreso, avvocati, commercialisti, pubblici dipendenti, curatori fallimentari e custodi giudiziari. Alle persone coinvolte nell'operazione sarebbe contestata l'associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro la pubblica amministrazione ed il patrimonio.

      Sono trenta le aste giudiziarie per le quali la Procura della Repubblica di Lamezia Terme ha rilevato anomalie emerse dall'inchiesta che ha portato all'operazione della Guardia di Finanza nell'ambito della quale sono stati eseguiti 12 arresti e notificate quattro misure interdittive. Artefice del sistema illecito sarebbe stato, secondo l'accusa, Raffaele Calidonna, di 56 anni, titolare di fatto di un'agenzia di affari e servizi, che é l'unico tra gli arrestati per il quale é stata disposta la custodia cautelare in carcere. Tra gli arrestati c'é anche la figlia di Calidonna, Sara, di 30 anni, titolare di diritto della stessa agenzia, finita ai domiciliari. Nell'elenco degli arrestati, destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare emesse dal Gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura della Repubblica, ci sono due ufficiali giudiziari, Pantaleo Ruocco, di 63 anni, ed Antonio Stigliano, di 68, in servizio entrambi nell'Ufficio notifiche, esecuzioni e protesti (Unep) del Tribunale di Lamezia Terme, posti entrambi ai domiciliari. Gli arresti domiciliari sono stati disposti anche per tre avvocati, Bruno Famularo, di 42 anni, Emanuela Vitalone, di 43, e Giuseppe Benincasa, di 57. Domiciliari anche per tre commercialisti, Massimo Durante, di 51 anni, Aldo Larizza, di 52, e Francesca Misuraca, di 57, per un ragioniere, Eugenio Travaglio, di 65, e per un imprenditore, Carlo Caporale, di 56. Misure interdittive, infine, sono state eseguite nei confronti di due funzionari di cancelleria del Tribunale di Lamezia Terme, Michele Albanese, di 62 anni, e Sabrina Marasco, di 50, e di altri due avvocati, Oriana Travaglio, di 37 anni, e Massimo Sereno, di 52. Le indagini hanno consentito di accertare, secondo la Procura di Lamezia Terme, l'esistenza di un sistema fraudolento che ha condizionato, di fatto, per oltre un decennio le vendite giudiziarie nel comprensorio di Lamezia Terme. Raffaele Calidonna, stando sempre a quanto é emerso dall'inchiesta, avrebbe anche avvicinato in alcuni casi altre persone intenzionate a presentare offerte in occasione delle aste giudiziarie, intimando loro di desistere e vantando appartenenze e vicinanze alla criminalità organizzata.

      L'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme che ha portato agli arresti di stamani per le aste giudiziarie truccate ha riguardato, complessivamente, 86 persone, con la contestazione di oltre cento capi di imputazione. Il valore dei beni oggetto delle presunte vendite illecite all'asta ammonta ad otto milioni di euro. Nel corso dell'inchiesta, inoltre, ci sono state fughe di notizie sulle quali sono in corso ulteriori indagini. "E questo - ha detto, in conferenza stampa, il sostituto procuratore della Repubblica Maria Giulia Scavello - malgrado l'invio degli atti dell'inchiesta tra i diversi uffici del Tribunale avvenisse con plichi sigillati".

      © RIPRODUZIONE RISERVATA

      Cerca con Google nell'intero giornale:

      -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione.
Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso non e' consentito