NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Processo a clan Patania, condanne per 116 anni

     

     

    Processo a clan Patania, condanne per 116 anni

    12 mar 17 Condanne per complessivi 116 anni di carcere per 9 dei 14 imputati tra presunti componenti e sodali del clan Patania di Stefanaconi. E' questo il verdetto emesso dal Tribunale collegiale di Vibo Valentia a 24 ore dalla scadenza dei termini di custodia cautelare superata la quale sarebbe scattata la rimessione in libertà per tutti quegli imputati non detenuti per altra causa. Ha retto per le posizioni più importanti il castello accusatorio messo in piedi dal pm della Dda Andrea Mancuso. Si chiude, così, il processo nel quale figuravano Giuseppina Iacopetta, vedova del boss Fortunato Patania, i figli della coppia Saverio, Salvatore, Giuseppe, Bruno e Nazzareno, cugini e altri presunti sodali. La sentenza in ordinario, dopo quella in abbreviato, sancisce in via giudiziaria l'esistenza dell'associazione mafiosa denominata "Patania". Il pm Mancuso, al termine della sua requisitoria di due giorni, aveva chiesto la condanna per tutti gli imputati a 192 anni di carcere. La difesa aveva invece tentato di demolire tutte le contestazioni chiedendo l'assoluzione per gli imputati. L'udienza si è tenuta anche di domenica per evitare la scadenza dei termini fissata per la mezzanotte di domani.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore