NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Banda dedita allo spaccio sgominata dalla PS tra Catanzaro, Isola e Crotone

     

    Banda dedita allo spaccio sgominata dalla PS tra Catanzaro, Isola e Crotone

    20 apr 17 Operazione della polizia di Stato, a Crotone, per smantellare un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti operativa tra i comuni di Crotone, Catanzaro ed Isola Capo Rizzuto. Personale della Squadra mobile di Crotone, dall' alba, ha notificato 17 misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Crotone su richiesta della locale Procura della Repubblica ad altrettanti destinatari. I provvedimenti restrittivi, eseguiti nell'ambito dell'operazione denominata "Black Island", scaturiscono da un'attività investigativa che ha consentito di effettuare ingenti sequestri di sostanze stupefacenti. Durante le indagini è stato sequestrato anche un fucile mitragliatore tipo modello M70 - Zastava, con relativo munizionamento detenuto illegalmente da uno delle persone interessate dai provvedimenti.

    Nascondevano la droga in zone isolate di campagna provvedendo di volta in volta a recuperarla per soddisfare, attraverso la loro rete di spaccio, le esigenze dei clienti. E' quanto emerge dall'operazione "Black Island" condotta dalla polizia di Stato di Crotone che ha portato all'esecuzione di 17 misure cautelari (14 in carcere, una donna agli arresti domiciliari, altre due persone sottoposte a misure interdittive) e allo smantellamento di una banda che operava tra Crotone, Isola Capo Rizzuto e Catanzaro. Fulcro dell'attività era un cittadino albanese Betim Xeka di 34 anni che si occupava di smistare lo stupefacente. Nel corso dell'indagine sono stati trovati e sequestrati oltre 3 chilogrammi di eroina e un kalasnhikov di fabbricazione serba. La droga di cui l'albanese disponeva gli aveva consentito di allacciare rapporti illeciti anche con personaggi di Catanzaro che gestivano alcune piazze dello spaccio cittadino e che a lui si rivolgevano per acquistare partite di eroina. In un caso di mancato pagamento Xeka avrebbe anche disposto come ritorsione l'incendio di un'autovettura. "Una bella operazione - ha detto il procuratore della Repubblica di Crotone, Giuseppe Capoccia nel corso della conferenza stampa per illustrare gli esiti dell'operazione - condotta della Squadra Mobile che denota un modello sinergico tra Procura, ufficio Gip e polizia giudiziaria. Un'operazione che non ha interferito con indagini della Dda che anzi era a conoscenza di questa attività. E' stato importante essere presenti per esprimere la nostra soddisfazione per il lavoro svolto dalla Polizia di Stato di Crotone che continua ad ottenere ottimi risultati". Alla conferenza stampa hanno preso parte il sostituto procuratore Alessandro Riello, che ha coordinato le indagini, il questore Claudio Sanfilippo ed il capo della Squadra mobile Fabio Zampaglione.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore