NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    E' catanzarese il ladro seriale arrestato dai CC che agiva nelle piscine a Bologna

     

    E' catanzarese il ladro seriale arrestato dai CC che agiva nelle piscine a Bologna

    06 apr 17 E' considerato un ladro 'seriale', specializzato nel ripulire gli armadietti negli spogliatoi di piscine e impianti sportivi, il 36enne Cristian Cristofaro, catanzarese che da tempo gravita a Bologna, fermato dai Carabinieri che gli attribuiscono almeno 11 furti compiuti fra novembre e marzo, tutti negli spogliatoi delle due piscine dello stadio Dall'Ara. Con addosso un accappatoio, per fingere di essere un normale utente, avrebbe rotto i lucchetti e portato via soldi, telefonini, vestiti firmati, ma anche gioielli come un Rolex e chiavi di auto e moto. Oltre agli episodi che gli vengono contestati, è sospettato di 'colpi' analoghi in altre piscine del Bolognese e in una palestra di Rimini, oltre che di un furto in un hotel vicino alla stazione di Bologna. A 'incastrarlo' sono state anche le riprese delle telecamere di videosorveglianza, installate un paio di mesi fa dai gestori delle piscine dello stadio, proprio in seguito alle numerose denunce di furti negli spogliatoi maschili. Carabinieri della stazione Bologna erano già sulle tracce del calabrese, anche dopo avere incrociato le indagini con quelle della Polfer, al lavoro sul furto nell'albergo. Il 36enne è stato bloccato nella notte tra venerdì e sabato scorsi in zona universitaria, in sella a uno scooter rubato nei pressi dello stadio. Secondo gli investigatori, coordinati dalla pm Gabriella Tavano, c'era il pericolo che stesse per fuggire dall'Italia: aveva infatti già acquistato un biglietto aereo che il 5 aprile lo avrebbe dovuto portare a Londra. Tra la merce che aveva trafugato c'è anche un orologio Rolex da 7.000 euro (sottratto lo scorso novembre), che i carabinieri hanno recuperato in un compro-oro a Catanzaro. All'uomo viene contestato il reato di furto, aggravato e continuato, in abitazione: sulla base di diverse sentenze, gli armadietti delle strutture sportive sono infatti assimilabili alla 'privata dimora'.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     
Pubblicità


    Facebook
 Ultimi Video

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2010 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore