NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Resti ossa sono di Lea Garofalo. Cosco "Non volevo uccidere, preda di un raptus"

     

    Lìultima foto di Lea Garofalo con la figlia

     

    Resti ossa sono di Lea Garofalo. Cosco "Non volevo uccidere, preda di un raptus"

    16 apr 13 - I 2.812 resti, in particolare frammenti ossei, ritrovati all'interno di un tombino "sono da identificare in Lea Garofalo". Lo ha spiegato in aula l'antropologa e patologa forense Cristina Cattaneo, consulente della procura nel processo d'appello sull'omicidio della testimone di giustizia, sequestrata e uccisa nel novembre del 2009. Secondo la consulente, le condizioni dei resti ossei ritrovati "sono perfettamente coerenti" con il racconto reso dal pentito Carmine Venturino. Stamani davanti ai giudici sono stati ascoltati l'antropologa Cattaneo e un archeologo che hanno firmato una consulenza tecnica per il pm Marcello Tatangelo dalla quale risulta la compatibilità dei resti ritrovati in un magazzino a Monza con Lea Garofalo. In sostanza, Cattaneo ha spiegato che le condizioni dei resti rintracciati coincidono con la testimonianza del pentito Carmine Venturino, il quale ha raccontato ai magistrati che il corpo della donna venne bruciato e che le ossa vennero spezzate, mentre il cadavere era in fiamme, con una pala. "C'é l'indicazione certa - ha spiegato l'antropologa - che le ossa sono state frammentate durante le combustione". Il consulente ha anche escluso che la donna sia stata sciolta nell' acido, come si era pensato fino alla sentenza di primo grado e prima che il pentito lo scorso luglio facesse nuove rivelazioni sulle modalità dell'omicidio. Il processo dovrebbe proseguire con l'interrogatorio in aula di Carlo Cosco, l'ex compagno di Lea, che nelle scorse udienze ha reso una confessione choc, attribuendosi la responsabilità dell'omicidio dopo oltre tre anni dai fatti.

    Cosco "Preda di un raptus. "E' stato un raptus, io non volevo uccidere la madre di mia figlia, mi è scattato qualcosa quando lei mi ha detto 'non ti faccio piu' vedere Denise". Così si é difeso in aula Carlo Cosco, l'ex compagno di Lea Garofalo, provando a 'smontare' l'ipotesi di un omicidio premeditato di 'ndrangheta da lui organizzato. arlo Cosco, condannato all' ergastolo in primo grado per l'omicidio della testimone di giustizia, aveva confessato di aver ucciso la sua ex compagna nelle scorse udienze del processo d'appello e oggi si è fatto interrogare in aula per spiegare, in sostanza, di aver ucciso la donna per un "raptus" e non per motivi di 'ndrangheta, cioe' perché lei stava collaborando. Cosco ha negato di appartenere alla mafia calabrese, come invece aveva sostenuto il pentito Carmine Venturino, uno degli imputati del processo. "Io non avevo intenzione di uccidere la madre di mia figlia, questo lo ripeto per cento anni", ha detto Carlo Cosco, spiegando tra l'altro che dall'estate del 2009 (la donna venne uccisa il 24 novembre del 2009) "mi stavo riappacificando con Lea, avevamo rapporti intimi e ci volevamo rimettere insieme anche per il bene di nostra figlia". La sera del 24 novembre, secondo il racconto di Cosco, lui e Lea si trovavano a Milano in un appartamento di un amico e la donna "mi ha detto brutte parole, mi ha detto 'non ti faccio piu' vedere Denisé". A quel punto "gli ho tirato un paio di pugni e le ho sbattuto la testa per terra". Poi, sempre stando alla versione dell'uomo, avrebbe detto a Carmine Venturino e Rosario Curcio, di "aiutarmi" a far sparire il cadavere. L'uomo ha scagionato nel suo racconto i suoi due fratelli Vito e Giuseppe Cosco. "Io non mi sono consegnato - ha aggiunto Carlo Cosco - per paura di perdere mia figlia, perché se non si trovava il corpo non perdevo mia figlia".

    La figlia non ci crede. Denise Garofalo, la figlia della testimone di giustizia Lea uccisa nel novembre 2009, non crede alla versione del padre Carlo Cosco, che stamani in aula ha raccontato di avere ucciso l'ex compagna per un "raptus" e non per motivi legati alla 'ndrangheta. La ragazza, cha ha assistito all'udienza sotto protezione in un corridoio a fianco dell'aula, ha spiegato a chi le sta vicino che lei vuole la verità e che il racconto del padre "é senza logica".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     

 


    Facebook
 Ultime Notizie
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © 2017 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore