NuovaCosenza.com
Google
su tutto il Web su NuovaCosenza
mail: info@nuovacosenza.com
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .
 

      Condividi su Facebook

    Mega truffa alla UE blitz della Finanza in Italia, Spagna Germania e Romania

     

     

    Mega truffa alla UE blitz della Finanza di Cosenza in Italia, Spagna Germania e Romania. 13 arresti, 50 indagati. Sequestrati beni per 100 mln di euro

    15 giu 10 E' in corso dalla prime luci dell'alba una grossa operazione della Guardia di Finanza di Cosenza in tutta Italia tesa a smantellare una grossa truffa ai danni dello stato e della Comunità Europea. Numerosì gli arresti in atto. Sequestrato un capannone industriale a San Marco Argentano. L'operazione è al livello internazionale che ha ripercussioni anche in Spagna, Germania e Romania.

    In manette sono finiti Franco Vecchio, imprenditore, 61 anni di Vaccarizzo ma residente a Corigliano, titolare di fatto della Imcos Spa- Imac Spa - Franco Vecchio Holding spa - nonchè delle consorziate Sictec srl e Systec srl; Massimo Tunnera 36 anni di Cosenza legale rappresentante della Imcos Spa; Francesco De Filippis 53 anni residente a Castrolibero e legale rappresentante della Formatec srl; Antonio Mazzei, 62 anni, di San Marco Argentano, residente a Rende, legale rappresentante della e Systec srl e socio della Formatec srl, già vice presidente della Procal; S. J. A., legale rappresentante della Sokotec srl e Sobatec srl. Agli arresti domiciliari sonp finiti Giuseppe Costero di Carignano (TO) 64 anni, resp. commercial epr l'italia della società spagnola "Maquinaria CMS SA"; Luigino Balaudo 64 anni di Torino colaboratore comemrciale della "Maquinaria CME SA"; Vito D'Alessandro 58 anni di Bari, consulente; Luigi De Filippis 51 anni di Marano Marchesato e residente a Cosenza; Francesco Grispino 48 anni, di Corigliano Calabro, rappresentante legale della Consultec srl; Antonio Leonardo Alice 63 anni di Corigliano, rappresentante legale della Sictec srl; E. P., 37 anni; Maurizio Ardito 56 anni di Alessandria legale reappresentante della TEC Service srl. Obbligo di presentazione e firma presso la polizia giudiziaria per Laura Albonico 46 anni, di Milano, funzionaria di banca e per Paolo Anzalotta 36 anni di Milano, funzionario di banca.

    Sette aziende sequestrate. Sono sette gli stabilimenti sequestrati nell’ambito dell’operazione "Senza Frontiere". I finanzieri hanno sequestrato anche attrezzature, impianti e quote societarie nonchè numerosi rapporti bancari di cui al momento non si conosce l’entità. Grazie allo "schermo" societario e ai numerosi rapporti bancari, ingenti quantitativi di denaro, accumulati inizialmente attraverso cessioni di crediti inesistenti a imprese di factoring, prendevano la via dell’estero e, dopo una girandola di operazioni "estero su estero", rientravano nelle casse delle imprese aderenti ai programmi di finanza agevolata sotto forma di apporti fittizi di capitale da parte dei soci esteri.

    Smantellata dalla Guardia di Finanza di Cosenza un’associazione per delinquere finalizzata all’illecito conseguimento di cospicui finanziamenti pubblici concessi per la realizzazione di programmi di investimento in Calabria del valore complessivo di circa 80 milioni di Euro, caratterizzati da un alto grado di innovazione tecnologica e prospettive occupazionali per oltre 500 unità lavorative. Le Fiamme Gialle, sin dalle prime ore di questa mattina, sono impegnate in Calabria, Lazio, Piemonte, Puglia, Veneto, Lombardia e Toscana per l’esecuzione di rilevanti sequestri patrimoniali e misure cautelari nei confronti di nr. 24 indagati, di cui otto - stranieri - ricercati in Spagna, Germania e Romania. Si avvia così a conclusione una complessa attività investigativa che, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cosenza, è stata condotta negli ultimi tre anni dalle Fiamme Gialle nei confronti di un’organizzazione criminale operante su vasta scala internazionale. Obiettivo dell’organizzazione, facente capo a spregiudicati imprenditori tedeschi e faccendieri dell’area cosentina, era quello di percepire indebitamente sovvenzioni pubbliche concesse per un importo complessivo di circa 25.000.000,00 Euro. Altamente sofisticato il sistema truffaldino adottato dal sodalizio criminale per dare parvenza di effettività alle transazioni finanziarie ed economiche realizzate dai responsabili sotto forma di apporti di capitale proprio (richiesti dalla legge per la realizzazione dei programmi agevolati) e, in vista dell’erogazione dei finanziamenti concessi, attraverso la regolarizzazione di costi inesistenti. Per garantire la dovuta copertura, gli artefici dell’inganno hanno creato ben undici società cartiere operanti in Italia, Panama, Spagna, Germania, Romania ed Emirati Arabi Uniti e accesi circa un centinaia di conti correnti bancari, anche on-line, presso svariati istituti di credito europei, oltre che a Dubai. Grazie a quello “schermo” societario e ai numerosi rapporti bancari, ingenti quantitativi di denaro - accumulati inizialmente attraverso cessioni di crediti inesistenti a imprese di factoring - prendevano la via dell’estero e, dopo una girandola di operazioni “estero su estero”, rientravano nelle casse delle imprese aderenti ai programmi di finanza agevolata sotto forma di fittizi apporti di capitale da parte dei soci esteri. A garanzia delle pretese erariali, il G.I.P. del Tribunale di Cosenza, accogliendo le richieste formulate dagli inquirenti, ha disposto anche il sequestro di nr. 07 opifici industriali, attrezzature, impianti e quote societarie per un valore complessivo di oltre 35 milioni di euro, nonché numerosi rapporti bancari di cui non si conosce al momento l’entità delle rispettive provviste. Nr. 50 soggetti, tra imprenditori, consulenti e funzionari di banca, implicati a vario titolo nell’inchiesta, dovranno rispondere dei reati di associazione a delinquere, truffa aggravata, frode ed evasione fiscale, falso in scrittura privata e millantato credito. Indagata anche una cittadina brasiliana, abitualmente domiciliata in Spagna, che risulta coinvolta in un’inchiesta in materia di riciclaggio internazionale condotta dall’F.B.I. statunitense.

    Brasiliana ricercata. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi, oltre a "colletti bianchi" (imprenditori, consulenti e funzionari di banca) anche una cittadina brasiliana di fatto domiciliata in Palma de Mallorca (Spagna), responsabile della cartolare costituzione in territorio estero delle società cartiere: tra esse la società off-shore panamense "Acorn Financial Service SA" costituita con il compito di fornire un supporto finanziario cartolare ad alcuni soci esteri delle società consorziate. La brasiliana risulta, fra l’altro, , coinvolta in un’inchiesta in materia di riciclaggio internazionale condotta dall’F.B.I. statunitense. L'attività condotta dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Rossano e Sibari, ambito territorio nazionale (Calabria, Puglia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Toscana e Veneto) ed internazionale (Spagna, Germania, Romania, Svizzera, Panama e Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti), ha permesso così di delineare un quadro probatorio certo riferito a tutte le persone fisiche o giuridiche che, rivestendo ruoli specifici, hanno contribuito alla realizzazione del disegno criminoso . Il Giudice per le Indagini preliminari di Cosenza ha disposto il sequestro di 7 opifici industriali, macchinari industriali e impianti fotovoltaici, quote societarie e 99 conti correnti bancari, per un valore complessivo di oltre 35 milioni, al netto dei saldi bancari in corso di quantificazione. Il programma di intervento pubblico, che prevedeva un investimento complessivo di circa ottanta milioni di euro, avrebbe dovuto consentire la nascita di realtà imprenditoriali nel territorio calabrese, caratterizzate da un alto grado di innovazione tecnologica, nonchè garantire l’occupazione di oltre 500 unità lavorative. La truffa ammonterebbe pertanto a circa 40 milioni di euro e tra le persone coinvolte nell'operazione, ci sarebbe anche un noto imprenditore coriglianese e l'attuale caposettore all'Urbanistica del Comune di Corigliano.

     

    Cerca con nell'intero giornale:

    -- >Guarda l'indice delle notizie su: "Cronaca e Attualità "

     

     

Elezioni 28/29 marzo

Elezioni

Regionali - Comunali - Ballottaggi- Affluenza

Video

Video, Fondi UE

Foto

La conferenza stampa


    Facebook
 Ultime Notizie
 

Multimedia


 

Web TV -  Video

 

 
Home . Cronaca . Politica . Area Urbana . Speciali . Video . Innovazione . Universtitą . Spettacoli . Sport . Calcio . Meteo .

Copyright © dal 2004 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Registrazione Tribunale Cosenza n.713 del 28/01/2004 - Direttore Responsabile: Pippo Gatto
Dati e immagini presenti sul giornale sono tutelati dalla legge sul copyright. Il loro uso e' consentito solo previa autorizzazione scritta dell'editore