HOME, Torna alla pagina Indice
Citta' di Cosenza , Torna alla pagina Indice
Dir.resp. Pippo Gatto
Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .
Hinterland
 Rende
 Castrolibero
 Castiglione
 Servizi on Line
 Segnala i problemi 
 Famacie di Turno 
 Gare e Appalti 
 Bandi e Concorsi 
 Cinema 
 Scrivi alla Redazione 


 
 Turismo
 I Monumenti
 Mappa dell'Hinterland
 Centro Storico
 Notizie per i visitatori
 Rubriche
 Alimentazione
 Ambiente
 Attualità/Cronaca
 Consumatori
 Cronaca Rosa e Gossip
 Cultura
 Diritti del Cittadino
 Economia e Finanza
 Innovazione e Tecnologia
 Politica e Sociale
 Servizi Speciali e Dossier
 Sindacati
 Spettacoli
 Sport
 Partecipativi
 Chat
 Forum
 Scienza
 Informatica
 Innovazione
 Scienza
 Associazioni
 Salute
 Prevenzione
 Sanità e Salute
 Scuola e Giovani
 Scuola
 Musica
 Università




Previsioni: Epson Meteo


Ospedale Cetraro: Chiesto il ritiro della delibera dell'ASP

 

I medici dell’ospedale di Cetraro sul piede di guerra: no ad ipotesi di accorpamento

02 ago 08 Le organizzazioni sindacali mediche Anaao, Smi e Aaroi del presidio ospedaliero di Cetraro hanno chiesto il ritiro della delibera dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza riguardante l'accorpamento di alcuni reparti dello stesso ospedale. "Se è vero - scrivono i sindacati in una nota - che il punto qualificante di questo atto è l'accorpamento immediato di alcune unità operative, allora dobbiamo dire che pur riconoscendo la necessità e l'utilità di una gestione manageriale improntata alla rapidità delle decisioni, in questo caso specifico non riusciamo neanche per un momento a ravvisare i caratteri dell'urgenza". "Basti pensare - prosegue la nota - con quanta lentezza e incertezza si procede all'attivazione della mobilità del personale, al trasferimento delle tecnologie, alla riorganizzazione degli spazi e dei posti letto, per comprendere che misure di questo genere necessitano di tempi lunghi, ovvero dei tempi richiesti dalla programmazione generale che dovrebbe essere alla base del nuovo atto aziendale ancora tutto da scrivere. L'urgenza poteva essere gestita come si fa ovunque nel caso ci si trovi di fronte ad una momentanea carenza di risorse di personale o di altra natura, disattivando l'unità operativa o ridimensionando i posti letto per un tempo limitato, non trasferendo intere Uo che implicano cambiamenti strutturali. Al momento questa iniziativa ha prodotto soltanto disagi per i pazienti e i cittadini e non sembrano, almeno così restando le cose, intravedersi quei risparmi di gestione tanto attesi". Le organizzazione sindacali mediche dell'ospedale di Cetraro chiedono "pertanto il ritiro della delibera e invitano la direzione generale dell'Asp a soprassedere a qualsiasi modifica strutturale fintantoché non si disporrà delle linee di indirizzo regionale per la redazione del nuovo atto aziendale. Nel frattempo - prosegue la nota - si adopereranno a sostegno di un piano di riordino della rete ospedaliera che vede nell'ospedale di Cetraro, già sede del Dea di primo livello (rianimazione e terapia intensiva), il presidio di riferimento per la gestione dell'urgenza-emergenza e che allo stesso tempo salvaguarda tutti i presidi ospedalieri pubblici in un contesto di riconversione e riqualificazione che mantenendo la funzione per acuti ne specializzi la vocazione".

 

Home . Cronaca . Università . Sport . Politica . Link . Cultura . Spettacoli . Calcio . Forum . Meteo .

Copyright © dal 2004 Nuova Cosenza. Quotidiano di informazione. Reg. Trib. CS n.713 del 28/01/2004
Tutti i dati e le immagini presenti sul sito sono tutelati dalla legge sul copyright
Il loro uso e' consentito soltanto previa autorizzazione scritta dell'editore

Per una migliore visualizzazione del portale si consiglia uan risoluzione di 800x600 punti